Ankara nega la tregua con i curdi in Siria

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

 Turkish soldiers passing Syrian border with tanks as they prepare for a military operation at the Syrian border as part of their offensive against the Islamic State (IS) militant group in Syria, Karkamis district of Gaziantep, Turkey, 25 August 2016. EPA/SEDAT SUNA

Turkish soldiers passing Syrian border with tanks as they prepare for a military operation at the Syrian border as part of their offensive against the Islamic State (IS) militant group in Syria, Karkamis district of Gaziantep, Turkey, 25 August 2016. EPA/SEDAT SUNA

ISTANBUL – La Turchia nega una tregua con i curdi in Siria e assicura che il suo intervento militare oltre confine “continuerà finché tutte le minacce non saranno completamente eliminate”. Il fragile cessate il fuoco, annunciato dagli Stati Uniti, si sgretola sotto i colpi dell’intransigenza di Ankara, che definisce “fuori discussione” qualsiasi accordo con “i terroristi”. Una situazione che, temono in molti, rischia di ridare fiato all’Isis dopo la ritirata di una settimana fa da Jarablus, all’inizio dell’operazione “Scudo dell’Eufrate”.

Dopo gli Stati Uniti, anche Russia e Iran – sostenitori del regime di Bashar al Assad – hanno espresso “preoccupazione” per le azioni delle forze armate turche. Teheran definisce “inaccettabile” la violazione della sovranità siriana, lanciando anche l’allarme sul rischio di nuove vittime civili. Mentre sul terreno continuano gli scontri e i raid aerei, la Turchia non molla la sua offensiva diplomatica contro la legittimazione delle milizie curdo-siriane del Pyd, sostenute dalla Coalizione a guida Usa nella guerra all’Isis.

L’ambasciatore americano ad Ankara, John Bass, è stato convocato al ministero degli Esteri e gli è stato riferito che “dichiarazioni di questo tipo non sono in alcun modo accettabili e non sono adatte a una relazione di alleanza”. La Turchia continua anzi a chiedere “l’immediata realizzazione dell’impegno preso dagli Usa che non ci sarà alcun elemento del Pyd/Ypg a ovest dell’Eufrate dopo l’operazione di Manbij”, strappata al Califfato due settimane fa.

Le notizie dal fronte parlano comunque di un allentamento nelle ultime ore degli scontri con i curdi. I ribelli dell’Esercito siriano libero, appoggiati da Ankara, si starebbero dirigendo a ovest verso al-Bab, altro fortino dell’Isis.

Ma a nord di Manbij non si ferma l’avanzata dei carri armati turchi, pronte a entrare in rotta di collisione con la coalizione delle Forze democratiche siriane (Sdf), guidata dai curdi. Intanto, i jihadisti del Califfato, secondo quanto riferiscono la loro agenzia Amaq e l’Osservatorio siriano per i diritti umani, hanno compiuto a ovest di Jarablus un attacco kamikaze contro i ribelli filo-Ankara, il primo dall’inizio dell’operazione militare. Non si hanno comunque notizie certe di vittime.

Sul piano diplomatico, cresce l’attesa per i colloqui tra i leader mondiali, previsti nel fine settimana a margine del G20 cinese. Sulla “crisi siriana”, riferisce il Cremlino, ci sarà un faccia a faccia tra Barack Obama e Vladimir Putin.

In agenda diversi incontri anche per il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Che intanto, assicura il suo portavoce, sta già lavorando per cercare di far tacere le armi almeno durante l’importante festività islamica del Sacrificio di settembre.

(Cristoforo Spinella/ANSAmed)

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora