Ankara nega la tregua con i curdi in Siria

Pubblicato il 31 agosto 2016 da ansa

 Turkish soldiers passing Syrian border with tanks as they prepare for a military operation at the Syrian border as part of their offensive against the Islamic State (IS) militant group in Syria, Karkamis district of Gaziantep, Turkey, 25 August 2016. EPA/SEDAT SUNA

Turkish soldiers passing Syrian border with tanks as they prepare for a military operation at the Syrian border as part of their offensive against the Islamic State (IS) militant group in Syria, Karkamis district of Gaziantep, Turkey, 25 August 2016. EPA/SEDAT SUNA

ISTANBUL – La Turchia nega una tregua con i curdi in Siria e assicura che il suo intervento militare oltre confine “continuerà finché tutte le minacce non saranno completamente eliminate”. Il fragile cessate il fuoco, annunciato dagli Stati Uniti, si sgretola sotto i colpi dell’intransigenza di Ankara, che definisce “fuori discussione” qualsiasi accordo con “i terroristi”. Una situazione che, temono in molti, rischia di ridare fiato all’Isis dopo la ritirata di una settimana fa da Jarablus, all’inizio dell’operazione “Scudo dell’Eufrate”.

Dopo gli Stati Uniti, anche Russia e Iran – sostenitori del regime di Bashar al Assad – hanno espresso “preoccupazione” per le azioni delle forze armate turche. Teheran definisce “inaccettabile” la violazione della sovranità siriana, lanciando anche l’allarme sul rischio di nuove vittime civili. Mentre sul terreno continuano gli scontri e i raid aerei, la Turchia non molla la sua offensiva diplomatica contro la legittimazione delle milizie curdo-siriane del Pyd, sostenute dalla Coalizione a guida Usa nella guerra all’Isis.

L’ambasciatore americano ad Ankara, John Bass, è stato convocato al ministero degli Esteri e gli è stato riferito che “dichiarazioni di questo tipo non sono in alcun modo accettabili e non sono adatte a una relazione di alleanza”. La Turchia continua anzi a chiedere “l’immediata realizzazione dell’impegno preso dagli Usa che non ci sarà alcun elemento del Pyd/Ypg a ovest dell’Eufrate dopo l’operazione di Manbij”, strappata al Califfato due settimane fa.

Le notizie dal fronte parlano comunque di un allentamento nelle ultime ore degli scontri con i curdi. I ribelli dell’Esercito siriano libero, appoggiati da Ankara, si starebbero dirigendo a ovest verso al-Bab, altro fortino dell’Isis.

Ma a nord di Manbij non si ferma l’avanzata dei carri armati turchi, pronte a entrare in rotta di collisione con la coalizione delle Forze democratiche siriane (Sdf), guidata dai curdi. Intanto, i jihadisti del Califfato, secondo quanto riferiscono la loro agenzia Amaq e l’Osservatorio siriano per i diritti umani, hanno compiuto a ovest di Jarablus un attacco kamikaze contro i ribelli filo-Ankara, il primo dall’inizio dell’operazione militare. Non si hanno comunque notizie certe di vittime.

Sul piano diplomatico, cresce l’attesa per i colloqui tra i leader mondiali, previsti nel fine settimana a margine del G20 cinese. Sulla “crisi siriana”, riferisce il Cremlino, ci sarà un faccia a faccia tra Barack Obama e Vladimir Putin.

In agenda diversi incontri anche per il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Che intanto, assicura il suo portavoce, sta già lavorando per cercare di far tacere le armi almeno durante l’importante festività islamica del Sacrificio di settembre.

(Cristoforo Spinella/ANSAmed)

Ultima ora

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

Archivio Ultima ora