Referendum, con D’Alema scendono in campo i dem per il No

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi risponde a Massimo D'Alema che si schiera con il NO: sono pronta a fargli cambiare idea, dice e poi annuncia: Il referendum costituzionale potrebbe svolgersi tra la fine di novembre e i primi di dicembre. Nelle prossime settimane il Consiglio dei ministri stabilirà la data in base ai termini di legge. ANSA / MATTEO BAZZI

Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi risponde a Massimo D’Alema che si schiera con il NO: sono pronta a fargli cambiare idea, dice e poi annuncia: Il referendum costituzionale potrebbe svolgersi tra la fine di novembre e i primi di dicembre. Nelle prossime settimane il Consiglio dei ministri stabilirà la data in base ai termini di legge.
ANSA / MATTEO BAZZI

ROMA. – “Le prossime settimane saranno importanti e l’impegno dovrà aumentare”, chiamava alle armi il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi, che di nuovo si schiera per il SI al referendum: “Se vogliamo avere l’occasione di fare un passo in avanti, lo possiamo fare con questa riforma, che garantisce la stabilità. Poi può darsi che nel tempo alcune cose si possano rivedere”.

Boschi risponde anche a Massimo D’Alema che si schiera con il NO: sono pronta a fargli cambiare idea, dice e poi annuncia: “Il referendum costituzionale potrebbe svolgersi tra la fine di novembre e i primi di dicembre. Nelle prossime settimane il Consiglio dei ministri stabilirà la data in base ai termini di legge – ha detto – . C’è tempo per indirlo fino al 13 settembre, poi in base alla legge il voto si svolgerà in una data compresa tra 50 e 70 giorni. E’ quindi probabile che si svolga tra la fine di novembre e i primi di dicembre”.

Sottoscrive le parole del suo ministro sull’importanza del sì il premier Matteo Renzi: “La vittoria del sì vuol dire che l’Italia avrà stabilità” per pensare ad altre questioni importanti, ed “è importante che sulle riforme strutturali alcuni paesi, tra cui gli Stati Uniti, abbiano espresso apprezzamento, valorizzando il nostro lavoro”, dice parlando dal G20 in Cina.

Il gioco si fa duro e ci si schiera in campo. In sostegno del Si arriva la lettera appello della “Sinistra per il sì”, che il 2 ottobre farà la sua assemblea a Milano. Personalità della politica e della società civile, che dichiarano di “avere a cuore prima di tutto democrazia, lavoro, welfare, solidarietà, equità, partecipazione. Per una democrazia inclusiva e decidente”.

Tra i primi a firmare Luigi Berlinguer, Cassano, Chiti, Damiano, De Micheli, Fassino, Finocchiaro, Gualtieri, Kustermann, Marini, Martina, Mauri, Orfini, Orlando, Pittella, Pizzetti, Ronchi, Staino, Tronti, Veca, Verducci, Zavoli ed il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

Ma poichè – come dice il leader della sinistra Pd Roberto Speranza invocando il dialogo, “Il Pd non può trasformarsi in un mega comitato elettorale per il sì o in una caserma in cui si ha cittadinanza solo se si vota sì” – ecco che scendono in campo anche i dem per il No, con un capitano di peso: Massimo D’Alema.

Al Cinema Farnese, teatro di storiche battaglie politiche, i comitati unitari di centrosinistra per il No iniziano ad organizzarsi, certi che il Pd “grazie al carattere liberale dello suo statuto” non ostacolerà i parlamentari democratici che non la vedono come Renzi.

E anzi accusano il premier di avere “snaturato il confronto referendario”, volendo dar vita ad “una sorta di partito unico di governo, posizionato al centro, che si concepisce come alternativo alla destra e alla sinistra”, alterando così “il profilo costitutivo del PD quale partito di centrosinistra”.

Il fronte dem per il No spiega – in un documento firmato tra gli altri da Corsini, Dirindin, Manconi, Micheloni, Mucchetti, Ricchiutti, Tocci, Bossa, Capodicasa, Monaco – che in caso di bocciatura della riforma “la circostanza che anche elettori e militanti del PD possano avere contribuito al no non autorizzerebbe a stabilire l’improprio automatismo: no alla riforma=crisi di governo”. Loro stessi, dunque, salverebbero Renzi dal cul de sac di un automatismo in cui, “sbagliando”, si era cacciato.

Ma per il leghista Roberto Calderoli la battaglia ha un esito scritto e “ormai sono milioni i cittadini che, a prescindere dallo schieramento politico di appartenenza, si stanno mobilitando per difendere la sovranità popolare e far vincere il NO al pasticcio centralista e liberticida”.

Una tesi avvalorata dal sondaggista Nicola Piepoli, per il quale “la netta vittoria iniziale del sì è piuttosto appassita e oggi il no sembra essere in lieve prevalenza nei sondaggi”: 51% al NO contro 49% al SI, con un ruolo degli elettori del centrodestra decisivo sull’esito finale.

Così, anche se a Cernobbio il 75% dei partecipanti si è detto favorevole al SI, il capogruppo Fi Renato Brunetta esulta: “Noi lo avevamo detto in tempi non sospetti. Ormai tutti i sondaggi fotografano questa situazione. Il ‘sì’ perde nettamente, il ‘no’ vince! Siamo sempre maggioranza del Paese, contro Renzi e la sua ‘schiforma’”.

(di Milena Di Mauro/ANSA)

Ultima ora

01:34Calcio: Chelsea assalto a Dzeko, pronti 50 milioni

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il Chelsea tenta l'assalto a Edin Dzeko. Lo si apprende da fonti vicine al club londinese, secondo cui i Blues sarebbero pronti a offrire 50-55 milioni di euro alla Roma per il bosniaco ed Emerson Palmieri. Se la trattativa andasse in porto, a Trigoria prenderebbero in esame la candidatura di Sturridge, già offerto in passato, e anche del viola Babacar, che piace al tecnico dei giallorossi Eusebio Di Francesco. Ma in un primo colloquio con il Chelsea si sarebbe parlato anche di un eventuale prestito dell'attaccante belga Michy Batshuayi, riserva di Morata.

01:25Calcio: Coppa del Re, Real Madrid vince in trasferta

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Con nove rincalzi in campo dall'inizio, il Real Madrid ha interrotto la striscia di tre partite senza successi andando a vincere per 1-0 sul campo del Leganes nella partita d'andata della sfida dei quarti di finale della Coppa del Re. Dal punto di vista del gioco, la crisi della squadra di Zidane continua ad essere tale ma le rete di Asensio all'89' da' un poco di serenità all'ambiente. "Intanto mi prendo il risultato - ha commentato Zidane -, che mi dà buone sensazioni. Arriverà il momento che giocheremo meglio, ne sono certo".

00:24Calcio: Mancini, mi piacerebbe allenare il Paris SG

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Seguo la Ligue 1, e il Psg è la squadra migliore. È ovvio che qualsiasi tecnico vorrebbe guidare questa squadra, è una delle migliori al mondo e con gli arrivi di Neymar e Mbappé ha buone possibilità di vincere la Champions. Mi piacerebbe allenare il Psg, perché no... Oggi c'è Emery che sta facendo bene ma nel calcio tutto può cambiare". Parole di Roberto Mancini, attuale allenatore dello Zenit, al quotidiano sportivo francese 'L'Equipe', che ha fornito un'anticipazione dell'intervista che verrà pubblicata domani. Mancini dice la sua anche sul big-match degli ottavi di Champions, in cui la squadra parigina se la vedrà con il Real Madrid. "Affrontare il Real è sempre difficile - dice -, ma penso che il Paris SG abbia buone possibilità di qualificarsi".

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

23:13Dakar: auto, Al-Attiyah vince dodicesima tappa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nasser Al-Attiyah al volante della Toyota ha vinto la dodicesima tappa della Dakar, la Chilecito-San Juan, in Argentina, di 793 chilometri, 523 dei quali di speciale. Il pilota qatariota ha preceduto la Peugeot del francese Stephane Peterhansel di 2'03" e la Toyota del sudafricano Giniel De Villiers di 4'33". Nella classifica generale delle auto resta al comando lo spagnolo Carlos Sainz (oggi nono), con 44'41 di vantaggio su Peterhansel e 1h05'55" sullo stesso Al-Attiyah. Tappa cancellata per moto e quad per problemi di sicurezza del percorso.

22:47Calcio: Napoli, preso l’esterno sinistro Bangoura

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Il Napoli rimpolpa la rosa con l'acquisto di Ismael Bangoura, 23 enne guineano cresciuto nelle giovanili dell'Inter prima di fare esperienza in giro per l'Italia con le maglie di Cesena, San Marino, Fidelis Andria e Maceratese, ultima squadra nella quale ha militato. L'acquisto dell'esterno sinistro - si apprende dal sito della Lega Calcio - è a titolo definitivo.

Archivio Ultima ora