Referendum, con D’Alema scendono in campo i dem per il No

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi risponde a Massimo D'Alema che si schiera con il NO: sono pronta a fargli cambiare idea, dice e poi annuncia: Il referendum costituzionale potrebbe svolgersi tra la fine di novembre e i primi di dicembre. Nelle prossime settimane il Consiglio dei ministri stabilirà la data in base ai termini di legge. ANSA / MATTEO BAZZI

Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi risponde a Massimo D’Alema che si schiera con il NO: sono pronta a fargli cambiare idea, dice e poi annuncia: Il referendum costituzionale potrebbe svolgersi tra la fine di novembre e i primi di dicembre. Nelle prossime settimane il Consiglio dei ministri stabilirà la data in base ai termini di legge.
ANSA / MATTEO BAZZI

ROMA. – “Le prossime settimane saranno importanti e l’impegno dovrà aumentare”, chiamava alle armi il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi, che di nuovo si schiera per il SI al referendum: “Se vogliamo avere l’occasione di fare un passo in avanti, lo possiamo fare con questa riforma, che garantisce la stabilità. Poi può darsi che nel tempo alcune cose si possano rivedere”.

Boschi risponde anche a Massimo D’Alema che si schiera con il NO: sono pronta a fargli cambiare idea, dice e poi annuncia: “Il referendum costituzionale potrebbe svolgersi tra la fine di novembre e i primi di dicembre. Nelle prossime settimane il Consiglio dei ministri stabilirà la data in base ai termini di legge – ha detto – . C’è tempo per indirlo fino al 13 settembre, poi in base alla legge il voto si svolgerà in una data compresa tra 50 e 70 giorni. E’ quindi probabile che si svolga tra la fine di novembre e i primi di dicembre”.

Sottoscrive le parole del suo ministro sull’importanza del sì il premier Matteo Renzi: “La vittoria del sì vuol dire che l’Italia avrà stabilità” per pensare ad altre questioni importanti, ed “è importante che sulle riforme strutturali alcuni paesi, tra cui gli Stati Uniti, abbiano espresso apprezzamento, valorizzando il nostro lavoro”, dice parlando dal G20 in Cina.

Il gioco si fa duro e ci si schiera in campo. In sostegno del Si arriva la lettera appello della “Sinistra per il sì”, che il 2 ottobre farà la sua assemblea a Milano. Personalità della politica e della società civile, che dichiarano di “avere a cuore prima di tutto democrazia, lavoro, welfare, solidarietà, equità, partecipazione. Per una democrazia inclusiva e decidente”.

Tra i primi a firmare Luigi Berlinguer, Cassano, Chiti, Damiano, De Micheli, Fassino, Finocchiaro, Gualtieri, Kustermann, Marini, Martina, Mauri, Orfini, Orlando, Pittella, Pizzetti, Ronchi, Staino, Tronti, Veca, Verducci, Zavoli ed il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

Ma poichè – come dice il leader della sinistra Pd Roberto Speranza invocando il dialogo, “Il Pd non può trasformarsi in un mega comitato elettorale per il sì o in una caserma in cui si ha cittadinanza solo se si vota sì” – ecco che scendono in campo anche i dem per il No, con un capitano di peso: Massimo D’Alema.

Al Cinema Farnese, teatro di storiche battaglie politiche, i comitati unitari di centrosinistra per il No iniziano ad organizzarsi, certi che il Pd “grazie al carattere liberale dello suo statuto” non ostacolerà i parlamentari democratici che non la vedono come Renzi.

E anzi accusano il premier di avere “snaturato il confronto referendario”, volendo dar vita ad “una sorta di partito unico di governo, posizionato al centro, che si concepisce come alternativo alla destra e alla sinistra”, alterando così “il profilo costitutivo del PD quale partito di centrosinistra”.

Il fronte dem per il No spiega – in un documento firmato tra gli altri da Corsini, Dirindin, Manconi, Micheloni, Mucchetti, Ricchiutti, Tocci, Bossa, Capodicasa, Monaco – che in caso di bocciatura della riforma “la circostanza che anche elettori e militanti del PD possano avere contribuito al no non autorizzerebbe a stabilire l’improprio automatismo: no alla riforma=crisi di governo”. Loro stessi, dunque, salverebbero Renzi dal cul de sac di un automatismo in cui, “sbagliando”, si era cacciato.

Ma per il leghista Roberto Calderoli la battaglia ha un esito scritto e “ormai sono milioni i cittadini che, a prescindere dallo schieramento politico di appartenenza, si stanno mobilitando per difendere la sovranità popolare e far vincere il NO al pasticcio centralista e liberticida”.

Una tesi avvalorata dal sondaggista Nicola Piepoli, per il quale “la netta vittoria iniziale del sì è piuttosto appassita e oggi il no sembra essere in lieve prevalenza nei sondaggi”: 51% al NO contro 49% al SI, con un ruolo degli elettori del centrodestra decisivo sull’esito finale.

Così, anche se a Cernobbio il 75% dei partecipanti si è detto favorevole al SI, il capogruppo Fi Renato Brunetta esulta: “Noi lo avevamo detto in tempi non sospetti. Ormai tutti i sondaggi fotografano questa situazione. Il ‘sì’ perde nettamente, il ‘no’ vince! Siamo sempre maggioranza del Paese, contro Renzi e la sua ‘schiforma’”.

(di Milena Di Mauro/ANSA)

Ultima ora

20:53Referendum: Veneto, 50,1%, superato quorum alle 19

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Con il 50,1% dell'affluenza alle ore 19 il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto ha superato la soglia del quorum previsto. In Veneto gli elettori sono 4.068.577 e la metà più uno è pari a 2.034.280. Il dato emerge dall'affluenza ai seggi nei 575 comuni della regione secondo quanto riferito dall'osservatorio del consiglio regionale del Veneto. I seggi saranno aperti fino alle 23. In provincia di Belluno l'affluenza fino alle 19 è stata del 45% degli elettori, a Padova del 52,1%, a Rovigo del 41,9%, a Treviso del 51,6%, a Venezia del 47,1%, a Verona del 47,2% e a Vicenza del 55,9%.

20:48Ippica:a Full Drago Jockey Club ma infortunio costa carriera

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Vince e si procura un infortunio che ne chiude la carriera a 4 anni. È la storia di Full Drago che ha dominato l'edizione 2017 del Gran Premio Jockey Club nella giornata clou della stagione del galoppo a Milano, ma negli ultimi metri della corsa di Gruppo 2 da oltre 250 mila euro di montepremi il guaio a una gamba ha trasformato la festa in un dramma. Davanti a oltre cinquemila spettatori, come da previsioni il portacolori della scuderia Dioscuri ha dettato legge dal primo all'ultimo metro e non ha mai concesso speranze ai rivali, mantenuti sempre a distanza di sicurezza (secondo il tedesco Savoir Vivre, terzo il rivale di sempre Way To Paris). Peccato che la splendida galoppata sia anche l'ultima in corsa per Full Drago, applaudito a maggior ragione dal pubblico dell'ippodromo Snai San Siro: ora il cavallo di Alduino e Botti dovrà dimostrare di essere un campione anche nella veste di stallone. L'altra prova di cartello, il Gran Criterium-Gruppo 2 per i 2 anni, è stata vinta dal tedesco Royal Youmzain.

20:46Incendi: interventi aerei per roghi in Piemonte e Calabria

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Nonostante il maltempo, gli equipaggi di Canadair ed elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile, hanno operato oggi su quattro incendi a supporto delle operazioni svolte dalle squadre di terra e dei mezzi aerei regionali. In particolare, in Piemonte, già da stamattina un elicottero S64 del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ha operato su un incendio nel cuneese, riprendendo le operazioni di spegnimento avviate già ieri. Nel corso della giornata, inoltre, 3 Canadair dei Vigili del Fuoco hanno operato sul vasto incendio divampato a Bussoleno, in Val di Susa, mentre altri 2 Canadair hanno lavorato su due incendi in Calabria, rispettivamente nel cosentino e nel reggino. L'intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei ha permesso di mettere sotto controllo i due roghi in Calabria, mentre alle 18.30, orario limite oltre il quale le condizioni di luce non consentono di operare in sicurezza, risultavano ancora attivi i due incendi piemontesi.

20:46Gb: bowling, liberati gli ostaggi

(ANSA) - LONDRA, 22 OTT - E' stato arrestato il sequestratore della sala da bowling e liberati i due ostaggi in Inghilterra. Lo riferisce SkyNews citando fonti di polizia.

20:45Calcio: Semplici, inutile disperarsi Spal continui percorso

(ANSA) - FERRARA, 22 OTT - La sconfitta casalinga con il Sassuolo che relega la Spal al penultimo posto in classifica non deve far disperare i biancazzurri "perchè sapevamo che sarebbe potuta essere una stagione così". A indicare la strada da percorrere al club ferrarese è il suo allenatore, Leonardo Semplici, al termine della gara persa con i neroverdi modenesi. "Abbiamo bisogno di un risultato positivo - osserva - ma è inutile disperarsi: dobbiamo continuare a fare il nostro percorso, perché sapevamo che sarebbe potuta essere una stagione così". Difficile, come per tutte le neopromosse. E se Semplici invita a guardare avanti, il tecnico del Sassuolo, Christian Bucchi incassa con tranquillità la vittoria. "Non saprei dire - argomenta - se sia stato il Sassuolo più bello dell'anno, sicuramente è stato il più continuo, perché abbiamo giocato da squadra per 90 minuti". Soddisfatto anche il match-winner Matteo Politano, autore del gol vittoria al primo minuto: "abbiamo fatto una grande partita. Il nostro campionato deve iniziare da qui".

20:42Calcio: Khedira, giorno speciale per me, ora voglio scudetto

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Per me è una giornata speciale perché non avevo mai fatto una tripletta in carriera, ma lo è soprattutto per la squadra e per come ha reagito dopo essere rimasta in dieci". E' un Sami Khedira visibilmente contento quello che, intervistato 'a caldo' da Premium Sport, commenta il netto successo della Juve sul campo dell'Udinese, partita in cui il campione del mondo tedesco ha segnato tre reti. "Sono tre punti importanti, ora affronteremo le prossime partite con un altro spirito - dice ancora Khedira -: puntiamo a vincere ancora lo scudetto, ma la stagione è lunga e dobbiamo essere sempre molto concentrati".

20:35Italia Team: tiro con l’arco, azzurri campioni del mondo

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 22 OTT - É un'Italia d'oro. Marco Galiazzo, Mauro Nespoli e David Pasqualucci hanno vinto la prova a squadre dei Mondiali di Tiro con l'Arco a Città del Messico. In finale gli azzurri hanno prevalso per 6-0 sulla Francia di Thomas Chirault, Jean-Charles Valladont e Pierre Plihon. Quella dell'Italarco è stata una marcia trionfale in un pomeriggio a senso unico che ha legittimato il grande spessore tecnico del movimento azzurro. Il cammino di Galiazzo-Nespoli-Pasqualucci era partito dalla vittoria agli ottavi di finale contro Taipei (Deng, Lee, Wei) per 5-3, mentre ai quarti erano gli Stati Uniti di Brady Ellison, Jake Kaminski e Thomas Stanwood a inchinarsi al trio tricolore, sempre per 5-3. In semifinale era invece arrivata, con il punteggio di 5-4, la rivincita della finale iridata 2015 contro la Corea del Sud, di Im Dong Hyun, Oh Jin Hyek e del primatista del mondo Kim Woo-jine.

Archivio Ultima ora