L’Italia di Ventura soffre ma vince, 3-1 a Israele

Pubblicato il 05 settembre 2016 da ansa

Antonio Candreva  (R) of  Italy scores the 2-0 against  Israel during the FIFA World Cup 2018 qualification match between Israel and Italy at the Sami Ofer stadium, Haifa, Israel, 05 September 2016.  EPA/ABIR SULTAN

Antonio Candreva (R) of Italy scores the 2-0 against Israel during the FIFA World Cup 2018 qualification match between Israel and Italy at the Sami Ofer stadium, Haifa, Israel, 05 September 2016. EPA/ABIR SULTAN

HAIFA (ISRAELE). – Comincia con una vittoria il cammino dell’Italia di Giampiero Ventura nelle qualificazioni ai Mondiali 2018: gli azzurri si aggiudicano il match d’esordio contro Israele ma non senza sofferenza. La serata di Haifa finisce 3-1 grazie ai gol del solito Pellè (che raggiunge quota nove reti in azzurro), di Candreva (su rigore) e di Ciro Immobile che nel finale mette al sicuro il risultato.

Non è la serata di Chiellini: uno dei suoi errori propizia il gol di Israele (un bel pallonetto di Bel Haim) che riapre la partita e poi si fa espellere (per doppia ammonizione) a inizio ripresa lasciando gli azzurri in inferiorità numerica.

Gli azzurri soffrono ma nel finale trovano con il neo entrato Immobile il gol del 3-1.

L’Italia mantiene l’imbattibiltà che dura da 51 gare nelle gare di qualificazione tra mondiali ed europei e Ventura, dopo il ko all’esordio nell’amichevole con la Francia, incassa la prima vittoria da commissario tecnico. Rispetto alla squadra schierata contro la Francia, Ventura conferma il 3-5-2 ma recupera Bonucci, che va a formare la linea di difesa con Barzagli e Chiellini. Assenti De Rossi e Belotti, infortunati, il ct si affida a Verratti, schierato a centrocampo davanti alla difesa, mentre sugli esterni ci sono Candreva e Antonelli preferito a De Sciglio.

Il ct israeliano Levy invece opta per il 4-3-3 con in attacco tridente composto da Ben Haim, Hemed e Zahavi. Partenza lanciata di Israele che fa dell’aggressività la sua caratteristica. I padroni di casa provano a rendersi pericolosi ma al 14′ l’Italia, trova il gol del vantaggio: Verratti intercetta un pallone dai 25 metri e serve Antonelli sulla sinistra: il suo cross è un invito a nozze per Pellè che da due passi batte Goresh.

Israele accusa il colpo e fa fatica a reimpostare il gioco con l’aggressività dei primi minuti. L’Italia è padrona del centrocampo e sfrutta nel migliore dei modi la fascia sinistra grazie alle incursioni di Antonelli e Bonaventura.

Gli azzurri alla mezz’ora trovano il raddoppio su rigore: Bonaventura s’invola sulla sinistra ma viene atterrato in area da Ben Bitton: per l’arbitro russo Korasev è rigore. Perfetta l’esecuzione di Candreva dagli 11 metri che spiazza Goresh.

Sotto di due gol Israele però non si arrende e al 35′ accorcia le distanze approfittando dell’ennesimo pallone perso da Chiellini: Ben Chaim lascia partire un pallonetto che batte Buffon. La partita è vivace e l’Italia sfiora il terzo gol nel finale della prima frazione di gioco: Goresh riesce a deviare in angolo un colpo di testa di Pellè da distanza ravvicinata.

La ripresa comincia subito in salita con l’Italia che si ritrova in inferiorità numerica dopo appena nove minuti per l’espulsione di Chiellini per doppia ammonizione. Una serata storta quella del difensore della Juve, prima protagonista dell’errore che ha consentito all’Israele di riaprire la partita e poi del doppio giallo che ha costretto gli azzurri a giocare in inferiorità numerica praticamente per tutta la ripresa.

Israele prende coraggio e prova ad approfittare della superiorità numerica. Ventura cerca rimedi e prima manda in campo Ogbonna per Bonaventura, poi Florenzi per Candreva e Immobile per Eder. Zahavi e compagni si rendono pericolosi: al 21′ con Davidzada il cui cross non viene sfruttato da nessuno. Due minuti dopo (23′) è provvidenziale Buffon che prima respinge una conclusione dalla distanza di Kehat e poi devia in angolo la ribattuta di Zahavi.

L’Italia soffre ma nel finale, al 38′ trova il gol della tranquillità: il 3-1 porta la firma di Ciro Immobile. Tra un mese, il 6 ottobre a Torino, l’Italia affronterà la Spagna che ha battuto 8-0 il Liechtenstein.

Il cammino verso Russia 2018 è iniziato.

Ultima ora

11:31Ciclismo: Vuelta di San Juan, i convocati di Cassani

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Dal 21 al 28 gennaio, in Argentina, è in programma la 36/a Vuelta di San Juan. Per questa gara a tappe, il coordinatore delle squadre nazionali, Davide Cassani, su indicazione del ct Marino Amadori, ha convocato i seguenti corridori: Mattia Bais, Federico Burchio, Filippo Calderaro, Leonardo Fedrigo, Filippo Rocchetti, Attilio Viviani. Alla corsa argentina parteciperanno 26 team, sette dei quali fanno parte del World tour, cinque sono Uci Professional, sette Continental, oltre ad altrettante rappresentative nazionali. Al via anche Vincenzo Nibali.

11:27Maltempo: Livorno, vento forte,interrotti collegamenti isole

(ANSA) - LIVORNO, 17 GEN - Interrotti i collegamenti con le isole minori a causa del forte vento di Libeccio che sferza la costa Livornese, e numerosi interventi dei vigili del fuoco in città e all'isola D'Elba. A causa del forte vento in nottata lo Star Kinn, un cargo porta cellulosa ormeggiato all'alto fondale ha rotto gli ormeggi danneggiando nell'urto la banchina e lo scafo. La punta massima registrata a Livorno è stata di 65 nodi, circa 120 km/h alle 6.10 di stamani. Sospeso anche il collegamento con Capraia e alle 5.00, come confermano dalla capitaneria di Portoferraio, sono stati interrotti i collegamenti dei traghetti anche con l'isola d'Elba. Gli interventi dei vigili del fuoco al momento sono concentrati nel centro di Livorno, anche con disagi alla circolazione per la chiusura al traffico di un tratto del viale Italia, e sull'Isola d'Elba.

11:21Uccisa in parco Milano, c’è video e foto sospetto assassino

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Le telecamere hanno filmato il sospetto assassino di Marilena Negri, la donna di 67 anni uccisa con una coltellata al collo all'interno del parco Villa Litta di Milano la mattina del 23 novembre scorso. Quella che sembrava solo un'ipotesi è ora confermata dalla decisione della Squadra mobile di diffondere il video e la foto che immortalano il killer. Un tentativo degli investigatori e della procura per accelerare le indagini con la speranza che qualcuno lo riconosca. Sarà fornita, inoltre, la foto della collanina strappata alla donna e che, secondo la ricostruzione, avrebbe spinto l'uomo ad aggredirla. L'autopsia sulla Negri ha decretato che l'assassino ha colpito una sola volta e di punta la carotide ma il medico legale si è riservato di spiegare nella relazione (da consegnerà entro 60 giorni) se la morte è avvenuta per dissanguamento, per soffocamento (il sangue avrebbe riempito i polmoni della vedova) o per infarto.

11:16Maltempo:pioggia e forti raffiche vento, disagi a Catanzaro

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Forti raffiche di vento e pioggia a tratti intensa stanno creando numerosi disagi a Catanzaro e in provincia. Tante le richieste di intervento giunte già dalla tarda serata di ieri alla sala operativa del comando provinciale dei vigili del fuoco del capoluogo. In particolare le squadre sono impegnate per alberi abbattuti e finiti su auto in sosta, rimozione di ostacoli, cartelloni e pannelli pubblicitari divelti. Due squadre sono impegnate per la messa in sicurezza di alcune lamiere divelte sulla facciata del teatro Politeama. Sono segnalate anche delle mareggiate sulle coste. Precipitazioni si registrano un po' in tutta la regione anche se al momento, fa sapere la Protezione civile regionale, non si registrano criticità.(ANSA).

10:56Tennis: Australia, Seppi passa al terzo turno

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Passa al terzo turno Andreas Seppi agli Australian Open. Il 33enne altoatesino, numero 76 della classifica mondiale e fresco reduce dal successo nel challenger di Canberra, ha superato oggi in tre set il giapponese Yoshihito Nishioka, con il punteggio di 6-1 6-3 6-4 in poco meno di due ore di gioco. Un match sempre dominato in cui Andreas ha sempre tenuto a distanza il 22enne rivale, numero 168 del ranking. Nel terzo parziale Seppi ha annullato una pericolosa palla break sul 4-4, quindi sul 5-4 ha strappato il servizio al rivale chiudendo la pratica. Una buona notizia anche in chiave Davis visto che Nishioka potrebbe essere avversario dell'Italia nella sfida con il Giappone in programma nel primo week end di febbraio a Morioka.

10:51Mafia: sequestrate 5 aziende a Gela, per oltre 1 mln euro

(ANSA) - GELA (CALTANISSETTA), 17 GEN - La direzione investigativa antimafia di Caltanissetta sta eseguendo a Gela il sequestro di cinque aziende riconducibili, secondo l'accusa, alla famiglia mafiosa dei Rinzivillo. Il provvedimento, emesso dal gip del tribunale nisseno su richiesta della procura. Indagini su operazioni bancarie e accertamenti patrimoniali hanno permesso, secondo i magistrati, di scoprire i prestanome e i ruoli svolti nelle cinque società che operavano "nella fornitura di manodopera altamente specializzata nel settore degli impianti petroliferi in tutta Italia e all'estero".

10:48Basket: Nba, inatteso stop di Boston, fermata da New Orleans

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'inaspettato capitombolo casalingo dei Boston Celtics è il risultato più significativo del turno Nba che si è giocato questa notte. I primi della classe hanno dovuto arrendersi sul terreno amico agli scatenati New Orleans Pelicans, guidati da un Anthony Davis in serata di grazia, tanto da mettere a segno ben 45 punti (dopo i 48 rifilati nell'altro turno a New York). La gara è finita ai supplementari, ma per i Celtics si è capito fin dall'inizio che la serata non sarebbe stata delle migliori. Il trio d'attacco dei Pelicans ha messo a dura prova la difesa rivale e alla fine ha prevalso: Jrue Holiday ha firmato 23 e DeMarcus Cousins 19. Migliore del Celtics Kyrie Irving, per lui 27 punti. Nella notte si sono giocate altre tre partite: : orlando Magic ha vinto in casa contro i Timberwolves per 108-102, Successo casalingo anche per i Denver Nuggets sui Dallas Mavericks per 105-102, e infine Portland ha avuto la meglio sui Phoenix Suns per 118-111. (ANSA).

Archivio Ultima ora