Mattarella, richiamo alla coesione necessaria per il nostro Paese

Pubblicato il 06 settembre 2016 da ansa

Mattarella,ora coesione Paese ma Lega diserta incontro

Mattarella,ora coesione Paese ma Lega diserta incontro

BRESCIA. – Il richiamo alla “coesione necessaria” per il nostro Paese è scandito dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel Teatro Grande di Brescia, dove il capo dello Stato ha voluto ricordare la figura di un amico come Mino Martinazzoli, ultimo segretario della Dc, fondatore del Partito popolare, parlamentare, Ministro della Giustizia e sindaco della città lombarda, scomparso il 4 settembre di cinque anni fa.

Ma i sindaci leghisti del bresciano non colgono l’invito presidenziale e attuano una clamorosa protesta, ai limiti dello sgarbo istituzionale, disertando in massa l’incontro.

La coesione, spiega il Presidente ricordando anche quanto accaduto dopo il sisma, è “decisiva per il nostro Paese nell’affrontare i problemi e le difficoltà che si profilano”, ha spiegato, invitando i sindaci a “cercare in ogni Paese ciò che unisce”, perché proprio i Comuni “sono l’ossatura” dell’Italia e “il loro stato di salute rappresenta quello della Repubblica”.

A sentire quelle parole non c’erano però – e la loro assenza era annunciata – i sindaci leghisti del Bresciano che hanno scelto di non partecipèare per via dell’atteggiamento della politica italiana sui migranti e anche perché in dissenso sulle riforme costituzionali. Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, invece, c’era, nella sua veste istituzionale, e ha ringraziato Mattarella “per la sua visita in questa città e nella nostra regione, così ricche di eccellenze, di luoghi di cultura, di luoghi di storia e così ricche di solidarietà”.

Per Maroni, Martinazzoli fu “uno dei grandi galantuomini della politica italiana del Novecento” e “oggi più che mai si sente il bisogno di una politica alta, concreta e nobile, che sia onorevole di nome e di fatto, che riesca a ispirare il rispetto dei cittadini proprio perché rispettabile nei suoi comportamenti”.

Divisi, e non è un mistero, Mattarella e Maroni sulla questione immigrazione: uniti, però su Martinazzoli, la cui politica, per il capo dello Stato fu sempre “mite”, e questo non significa “politica debole: al contrario è propria di chi è convinto della forza e del valore delle proprie opinioni e non pretende di imporle”.

“Un atteggiamento – ha ribadito Mattarella – che induce alla coesione e invita a cercare ancora una volta le ragioni che uniscono piuttosto che quelle che separano”. Tornare a Brescia per ricordare Martinazzoli, ha avuto anche “il significato di un omaggio a questa città, alla sua tradizione di buongoverno, al suo tessuto sociale che anche davanti alla crisi si dimostra solido e capace di grande ripresa”.

Brescia “che funziona”, conferma il sindaco della città lombarda, Emilio Del Bono, che, però, non nasconde le difficoltà casusate anche dalla crisi e racconta di una “città che ha dimostrato di saper accogliere” ed è “tra le prime nel rapporto tra residenti ed immigrati in Italia. Una città, però, che “oggi ha una fisiologica necessità di tempi più lunghi per una serena integrazione”. Questi necessari tempi più lunghi non sono però “garantiti dalla crepa che si è aperta nella storia” e sono “aggravati da una non sempre adeguata risposta”.

La giornata di Mattarella era cominciata con la deposizione di una corona di fiori ai piedi della stele che ricorda le vittime della strage del 28 maggio del 1974 e che una recente sentenza ha attribuito in modo inequivocabile al neofascismo dell’epoca e si è conclusa con la visita alla casa natale di Paolo VI a Concesio. Nel pomeriggio il presidente ha voluto vedere alcuni di luoghi simbolo della città: il complesso museale di Santa Giulia e l’ospedale Fatebenefratelli.

(dell’inviato Stefano Rottigni/ANSA)

Ultima ora

03:40Unicef: emergenza fuga bimbi in Birmania

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - Ogni settimana fino a 12 mila bambini della minoranza musulmana Rohingya scappano in Bangladesh dalla Birmania per sfuggire alle violenze. Lo afferma l'Unicef. Secondo l'agenzia dell'Onu per i minori, le condizioni di vita disperate e le malattie minacciano oltre 320 mila piccoli rifugiati Rohingya che sono scappati nel sud del Bangladesh a partire da fine agosto (circa 10 mila hanno attraversato la frontiera negli ultimi giorni). "Molti piccoli rifugiati Rohingya hanno assistito ad atrocità in Birmania che nessun bambino dovrebbe vedere, e tutti hanno subito tremende perdite", ha spiegato il direttore esecutivo di Unicef, Anthony Lake. "Questi bambini hanno urgentemente bisogno di cibo, acqua potabile, igiene e vaccinazioni per essere protetti dalle malattie che prosperano in situazioni di emergenza", ha continuato il direttore dell'agenzia Onu per i minori.

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

00:14Calcio: Europa League, Milan pari e vittoria dell’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Milan-Aek Atene 0-0 e Atalanta-Apollon Limassol 3-1 in due gare della 3/a giornata di Europa League. I rossoneri, nonostante le occasioni sprecate soprattutto nella ripresa, non abbattono il muro greco e chiudono tra i fischi. Nell'altra partita del girone D, Austria Vienna-Rijeka 1-3. Classifica: Milan 7; Aek 5; Rijeka 3; Austria V. 1. A Reggio Emilia, invece, vittoria dell'Atalanta sui ciprioti. Primo gol all'11': Spinazzola scende da sinistra e pesca l'indisturbato Ilicic che insacca da due passi. Nella ripresa, l'Apollon pareggia al 59': cross da destra di Jakolis e Schembri, tutto solo, insacca di testa. Ma dura poco: dopo una traversa di Gomez, sul successivo corner al 64', Petagna salta sull'uscita a vuoto di Bruno Vale e riporta i suoi avanti. E due minuti dopo arriva il 3-1: sull'apertura di Gomez, Ilicic fa sponda di petto per Freuler che fa secco il portiere con un diagonale da dentro l'area. Sull'altro campo del girone E, Everton-Lione 1-2. Classifica: Atalanta 7; Lione 5; Apollon 2; Everton 1.

Archivio Ultima ora