Mattarella, richiamo alla coesione necessaria per il nostro Paese

Pubblicato il 06 settembre 2016 da ansa

Mattarella,ora coesione Paese ma Lega diserta incontro

Mattarella,ora coesione Paese ma Lega diserta incontro

BRESCIA. – Il richiamo alla “coesione necessaria” per il nostro Paese è scandito dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel Teatro Grande di Brescia, dove il capo dello Stato ha voluto ricordare la figura di un amico come Mino Martinazzoli, ultimo segretario della Dc, fondatore del Partito popolare, parlamentare, Ministro della Giustizia e sindaco della città lombarda, scomparso il 4 settembre di cinque anni fa.

Ma i sindaci leghisti del bresciano non colgono l’invito presidenziale e attuano una clamorosa protesta, ai limiti dello sgarbo istituzionale, disertando in massa l’incontro.

La coesione, spiega il Presidente ricordando anche quanto accaduto dopo il sisma, è “decisiva per il nostro Paese nell’affrontare i problemi e le difficoltà che si profilano”, ha spiegato, invitando i sindaci a “cercare in ogni Paese ciò che unisce”, perché proprio i Comuni “sono l’ossatura” dell’Italia e “il loro stato di salute rappresenta quello della Repubblica”.

A sentire quelle parole non c’erano però – e la loro assenza era annunciata – i sindaci leghisti del Bresciano che hanno scelto di non partecipèare per via dell’atteggiamento della politica italiana sui migranti e anche perché in dissenso sulle riforme costituzionali. Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, invece, c’era, nella sua veste istituzionale, e ha ringraziato Mattarella “per la sua visita in questa città e nella nostra regione, così ricche di eccellenze, di luoghi di cultura, di luoghi di storia e così ricche di solidarietà”.

Per Maroni, Martinazzoli fu “uno dei grandi galantuomini della politica italiana del Novecento” e “oggi più che mai si sente il bisogno di una politica alta, concreta e nobile, che sia onorevole di nome e di fatto, che riesca a ispirare il rispetto dei cittadini proprio perché rispettabile nei suoi comportamenti”.

Divisi, e non è un mistero, Mattarella e Maroni sulla questione immigrazione: uniti, però su Martinazzoli, la cui politica, per il capo dello Stato fu sempre “mite”, e questo non significa “politica debole: al contrario è propria di chi è convinto della forza e del valore delle proprie opinioni e non pretende di imporle”.

“Un atteggiamento – ha ribadito Mattarella – che induce alla coesione e invita a cercare ancora una volta le ragioni che uniscono piuttosto che quelle che separano”. Tornare a Brescia per ricordare Martinazzoli, ha avuto anche “il significato di un omaggio a questa città, alla sua tradizione di buongoverno, al suo tessuto sociale che anche davanti alla crisi si dimostra solido e capace di grande ripresa”.

Brescia “che funziona”, conferma il sindaco della città lombarda, Emilio Del Bono, che, però, non nasconde le difficoltà casusate anche dalla crisi e racconta di una “città che ha dimostrato di saper accogliere” ed è “tra le prime nel rapporto tra residenti ed immigrati in Italia. Una città, però, che “oggi ha una fisiologica necessità di tempi più lunghi per una serena integrazione”. Questi necessari tempi più lunghi non sono però “garantiti dalla crepa che si è aperta nella storia” e sono “aggravati da una non sempre adeguata risposta”.

La giornata di Mattarella era cominciata con la deposizione di una corona di fiori ai piedi della stele che ricorda le vittime della strage del 28 maggio del 1974 e che una recente sentenza ha attribuito in modo inequivocabile al neofascismo dell’epoca e si è conclusa con la visita alla casa natale di Paolo VI a Concesio. Nel pomeriggio il presidente ha voluto vedere alcuni di luoghi simbolo della città: il complesso museale di Santa Giulia e l’ospedale Fatebenefratelli.

(dell’inviato Stefano Rottigni/ANSA)

Ultima ora

09:05Istanbul: cominciato interrogatorio killer Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 17 GEN - La polizia turca ha cominciato a Istanbul l'interrogatorio di Abdulgadir Masharipov, il sospetto militante dell'Isis accusato dell'attentato di Capodanno nel nightclub 'Reina' della capitale turca che ha causato 39 morti. Lo riferiscono i media turchi. Masharipov e' stato arrestato ieri nel corso di un'operazione di polizia nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul.

09:02Aereo scomparso: interrotte ricerche volo 370

(ANSA) - SYDNEY, 17 GEN - Dopo quasi tre anni di infruttuose ricerche, e' stata interrotta la caccia all'aereo Malaysia Airlines scomparso l'8 marzo 2014 con 239 persone a bordo: lo ha reso noto il Joint Agency Coordination Center in Australia.

08:00India: si fanno selfie sui binari a Delhi, uccisi da treno

NEW DELHI - Due giovani indiani sono stati uccisi da un treno in corsa a New Delhi dopo aver scattato un selfie che volevano inserire in un portfolio da presentare ad un corso di fotografia. Lo riferisce oggi il quotidiano The Times of India. L'incidente e' avvenuto sabato pomeriggio quando i due, insieme ad altri cinque amici, dopo aver affittato una macchina fotografica professionale, si sono recati sui binari della ferrovia a Anand Vihar, nella zona orientale della capitale.

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

Archivio Ultima ora