Isis in ginocchio a Sirte, città stremata dagli scontri

Pubblicato il 06 settembre 2016 da ansa

Isis in ginocchio a Sirte, città stremata da scontri

Isis in ginocchio a Sirte, città stremata da scontri

IL CAIRO. – L’Isis è in ginocchio a Sirte, la città libica stremata da mesi di assedio. Nuovi scontri hanno interessato gli ultimi assi viari ancora in mano ai jihadisti con le milizie libiche che avanzano, mentre a Tunisi si è tenuta una nuova riunione del dialogo interlibico con il premier Fayez al Sarraj e l’inviato dell’Onu Martin Kobler.

Le ultime foto pubblicate su Facebook dalle forze al Bunyan al Marsous mostrano una Sirte devastata: un tank che avanza per strada, miliziani nascosti nei palazzi che imbracciano fucili mentre prendono la mira, il porto semi abbandonato, edifici distrutti. La battaglia è intensa.

Le forze lealiste vogliono chiudere al più presto questo capitolo iniziato a maggio, che ha subito una accelerazione ad agosto grazie ai raid americani contro i seguaci del Califfo che nel mese scorso – stando alla loro propaganda su Amaq – hanno condotto “12 operazioni suicide con autobomba”. La maggior parte della popolazione ha abbandonato la città, le principali infrastrutture sono al collasso, mentre aumenta il numero dei combattimenti uccisi.

Parallelamente prosegue il lavoro di ‘ripulitura’ dei quartieri sottratti ai jihadisti da mine, bombe e ordigni, mentre sono stati rinvenuti nuovi documenti sui movimenti finanziari dell’Isis. Una troupe di Russia Today ha pubblicato un video in cui mostra il suo reporter in mezzo ai combattimenti, sfuggito per caso all’esplosione di un’autobomba. Nelle stesse ore a Tunisi si è tenuta una nuova riunione riunione della commissione del dialogo inter-libico.

All’incontro dedicato in gran parte all’applicazione dell’accordo siglato in Marocco nel dicembre 2015, si è discusso – riferisce Libya’s Channel – anche di riequilibrare il dialogo con l’adesione di personalità del sud e dell’est del Paese, della prossima riunione del Parlamento di Tobruk, che ancora non ha dato la sua fiducia all’esecutivo di Tripoli e della riduzione dei membri del Consiglio presidenziale di Sarraj. Un “incontro franco e costruttivo”, ha commentato Kobler ricordando che “la Libia ha bisogno di soluzioni immediate”.

Intanto ci si interroga sul futuro della Libia dopo la caduta di Sirte. Il ministro francese della Difesa, Jean-Yves Le Drian, teme che i jihadisti possano rientrare in Tunisia o cercare riparo in Egitto. Secondo il sito algerino ‘Tout sur l’Algérie’ dopo avere cacciato lo Stato islamico bisognerà lavorare sul campo politico e sull’unità per riprendere il dialogo fra le due realtà istituzionali risolvendo la questione del generale Khalifa Haftar a capo delle forze armate.

Un altro punto di disaccordo tra i governi di Tripoli e Tobruk riguarda il ruolo delle brigate di Misurata impegnate a Sirte. “Non crediamo che si possano controllare queste forze – ha detto Ahmed al Mesmari, portavoce dell’esercito di Haftar al New York Times -. Sono anarchici ed estremisti e sono più vicini ad al Qaida di chiunque altro”. Riuscire a controllarli – conclude ‘Tsa’ – sarà la prossima sfida di Sarraj.

(di Giuseppe Maria Laudani/ANSAmed)

Ultima ora

17:06Maltempo: Protezione civile, in arrivo temporali al nord

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Un avviso di avverse condizioni meteo è stato emesso dal Dipartimento della Protezione civile, che prevede dal pomeriggio di oggi temporali al nord, in particolare su Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, provincia di Bolzano e Veneto. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Per oggi e domani è stata valutata allerta gialla su alcuni settori di Veneto e Piemonte, sulla provincia di Bolzano e su buona parte della Lombardia, e solo per oggi su gran parte della Valle d'Aosta. (ANSA).

17:05Calcio: Caf studia riforma, Coppa d’Africa a giugno-luglio

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Addio Coppa d'inverno, con tutte le problematiche che si portava dietro. La Coppa d'Africa 2019 non si giocherà più a gennaio-febbraio ma, quasi sicuramente, nei mesi estivi, come accade per le altre 'consorelle' continentali. Lo ha stabilito l'Esecutivo della Federcalcio africana (Caf) che ha dato mandato a un gruppo di lavoro di studiare la riforma, decidendo anche di innalzare il numero dei Paesi partecipanti da 16 a 24 e questo già dalla prossima edizione che si disputerà in Camerun nel 2019. La novità stagionale soprattutto rappresenta una grande vittoria per i club europei, costretti a rinunciare a tanti giocatori (e diverse 'stelle') in una fase cruciale della stagione. La prossime edizioni della Coppa d'Africa si disputeranno in Camerun (2019), Costa d'Avorio (2021) e Guinea (2023).

17:00Putin, non ho ancora deciso se mi candiderò nel 2018

(ANSA) - MOSCA, 21 LUG - "Non ho ancora deciso se devo continuare ad espletare le mie funzioni da presidente. Sapete che ci saranno le elezioni nel 2018, prima del voto c'è ancora tempo". Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin in un incontro con i giovanissimi allievi del centro di istruzione 'Syrius' di Sochi trasmesso in diretta dal canale televisivo Ntv.

16:55Migranti: giunti 111mila, l’85% in Italia

(ANSA) - GINEVRA, 21 LUG - Un totale di 111.514 migranti e rifugiati sono giunti in Europa via mare dall'inizio dell'anno e 2.360 sono morti mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo. Lo riferisce l'Oim (Organizzazione internazionale delle migrazioni). L'agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni precisa che circa l'85% arrivi sono stati registrati in Italia.

16:53Appalto truccato in cambio di assunzione figlio, 5 condanne

(ANSA) - SAVONA, 21 LUG - Si è concluso con 5 condanne il processo per l'inchiesta "Trash", riguardante irregolarità nell'assegnazione dell'appalto per la gestione dei rifiuti a Pietra Ligure Savona. Il tribunale di Savona ha condannato l'allora responsabile del settore servizi tecnici specializzati Fabio Basso (4 anni e 10 mesi di reclusione) ed i funzionari di Ata Spa Roberto Balbis (3 anni) e Mario Cena (2 anni e 8 mesi). Condannati anche due dipendenti del Comune, Vincenzo Trevisano ed Andrea Nencioni (per entrambi 8 mesi con la sospensione condizionale). Trevisano e Basso sono stati inoltre assolti da due dei capi d'accusa. Le indagini erano iniziate nel marzo 2013: l'accusa della Procura era che i cinque avessero "truccato" la gara per l' assegnazione del servizio di raccolta differenziata favorendo Ata Spa, società partecipata del Comune di Savona. Un "favore" ricambiato dalla promessa di assumere in azienda il figlio di Basso.(ANSA).

16:47Orban a Gentiloni, Italia chiuda i porti

(ANSA) - BUDAPEST, 21 LUG - L'Italia dovrebbe "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori dal Mediterraneo. Lo sostiene il premier ungherese Viktor Orban, annunciando che i quattro leader del gruppo di Visegrad (oltre all'Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia) hanno scritto una lettera in questo senso al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Secondo Orban, che non esclude l'opzione militare, il problema deve essere risolto in Libia.

16:43Incendi in Toscana: Rossi, dichiarato stato emergenza

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - Stato di emergenza regionale per gli incendi in Toscana. "A fronte della situazione in atto in Toscana da maggio ad oggi, e dell'intensificarsi del numero e della gravità degli incendi nell'ultimo periodo ho ritenuto indispensabile procedere alla dichiarazione di stato d'emergenza regionale che permetterà alla giunta, nell'immediato, di valutare le prime azioni necessarie da intraprendere per mitigare le criticità e i presupposti per richiedere l'eventuale dichiarazione dello stato d'emergenza nazionale", ha detto il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. "Abbiamo rafforzato l'attività di tutto il sistema antincendi e in particolare dell'attività della Sala operativa regionale che ormai costantemente, da maggio, gestisce l'emergenza 24ore su 24", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora