Isis in ginocchio a Sirte, città stremata dagli scontri

Pubblicato il 06 settembre 2016 da ansa

Isis in ginocchio a Sirte, città stremata da scontri

Isis in ginocchio a Sirte, città stremata da scontri

IL CAIRO. – L’Isis è in ginocchio a Sirte, la città libica stremata da mesi di assedio. Nuovi scontri hanno interessato gli ultimi assi viari ancora in mano ai jihadisti con le milizie libiche che avanzano, mentre a Tunisi si è tenuta una nuova riunione del dialogo interlibico con il premier Fayez al Sarraj e l’inviato dell’Onu Martin Kobler.

Le ultime foto pubblicate su Facebook dalle forze al Bunyan al Marsous mostrano una Sirte devastata: un tank che avanza per strada, miliziani nascosti nei palazzi che imbracciano fucili mentre prendono la mira, il porto semi abbandonato, edifici distrutti. La battaglia è intensa.

Le forze lealiste vogliono chiudere al più presto questo capitolo iniziato a maggio, che ha subito una accelerazione ad agosto grazie ai raid americani contro i seguaci del Califfo che nel mese scorso – stando alla loro propaganda su Amaq – hanno condotto “12 operazioni suicide con autobomba”. La maggior parte della popolazione ha abbandonato la città, le principali infrastrutture sono al collasso, mentre aumenta il numero dei combattimenti uccisi.

Parallelamente prosegue il lavoro di ‘ripulitura’ dei quartieri sottratti ai jihadisti da mine, bombe e ordigni, mentre sono stati rinvenuti nuovi documenti sui movimenti finanziari dell’Isis. Una troupe di Russia Today ha pubblicato un video in cui mostra il suo reporter in mezzo ai combattimenti, sfuggito per caso all’esplosione di un’autobomba. Nelle stesse ore a Tunisi si è tenuta una nuova riunione riunione della commissione del dialogo inter-libico.

All’incontro dedicato in gran parte all’applicazione dell’accordo siglato in Marocco nel dicembre 2015, si è discusso – riferisce Libya’s Channel – anche di riequilibrare il dialogo con l’adesione di personalità del sud e dell’est del Paese, della prossima riunione del Parlamento di Tobruk, che ancora non ha dato la sua fiducia all’esecutivo di Tripoli e della riduzione dei membri del Consiglio presidenziale di Sarraj. Un “incontro franco e costruttivo”, ha commentato Kobler ricordando che “la Libia ha bisogno di soluzioni immediate”.

Intanto ci si interroga sul futuro della Libia dopo la caduta di Sirte. Il ministro francese della Difesa, Jean-Yves Le Drian, teme che i jihadisti possano rientrare in Tunisia o cercare riparo in Egitto. Secondo il sito algerino ‘Tout sur l’Algérie’ dopo avere cacciato lo Stato islamico bisognerà lavorare sul campo politico e sull’unità per riprendere il dialogo fra le due realtà istituzionali risolvendo la questione del generale Khalifa Haftar a capo delle forze armate.

Un altro punto di disaccordo tra i governi di Tripoli e Tobruk riguarda il ruolo delle brigate di Misurata impegnate a Sirte. “Non crediamo che si possano controllare queste forze – ha detto Ahmed al Mesmari, portavoce dell’esercito di Haftar al New York Times -. Sono anarchici ed estremisti e sono più vicini ad al Qaida di chiunque altro”. Riuscire a controllarli – conclude ‘Tsa’ – sarà la prossima sfida di Sarraj.

(di Giuseppe Maria Laudani/ANSAmed)

Ultima ora

15:47Brexit: governo Gb, verdetto non blocca uscita da Ue

(ANSA) - LONDRA, 24 GEN - Il governo May rispetta il verdetto della Corte Suprema, ma conferma l'impegno a portare a termine il divorzio dall'Ue nel rispetto del referendum. L'ha detto oggi ai Comuni il ministro per la Brexit, David Davis, precisando che una legge "la più inequivocabile possibile" per permettere all'esecutivo ad avviare i negoziati con Bruxelles sarà presentata "a giorni" e aggiungendo che al Parlamento spetta ora autorizzare il governo, non mettere in discussione la Brexit.

15:36M5S: indagato candidato a sindaco di Palermo

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - Un altro candidato sindaco di Palermo è indagato. Per Ugo Forello del Movimento Cinque Stelle, accusato di "induzione a rendere dichiarazioni mendaci", è un atto dovuto dopo la denuncia dei deputati nazionali grillini travolti dal caso firme false. Secondo Riccardo Nuti, Claudia Mannino e Giulia Di Vita, che hanno presentato un esposto circa un mese fa, l'inchiesta della Procura di Palermo sarebbe stata in qualche modo ispirata da Forello. Forello - secondo chi ha denunciato - avrebbe imbeccato i "pentiti" dell'indagine, come la parlamentare regionale Claudia La Rocca, vantando anche rapporti con i pm che indagano. La Procura ha chiesto l'archiviazione dell'indagine sull'induzione a rendere dichiarazioni mendaci e le persone offese si sono opposte, da qui la fissazione dell'udienza in cui le parti discuteranno. "Il gip non si pronuncia sulla fondatezza della questione - ha spiegato Forello - E' una cosa normale, sono molto sereno. Del resto la stessa Procura ha chiesto di archiviare il caso".

15:32M5s: Di Battista, non siamo filo-Russia né filo-Usa

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Il M5S non è filo-russo ne filo-americano. Il premio Nobel per la pace Obama è stato un presidente guerrafondaio, punto. Basta informarsi". Così il deputato M5s Alessandro Di Battista in un lungo post su Fb "dedicato agli ipocriti". "Non se ne può più della manipolazione mediatica e dell'ipocrisia galoppante" afferma il deputato che a proposito della vittoria di Trump e delle accuse di populisimo aggiunge: "Ecco questo atteggiamento ipocrita e profondamente anti-democratico mi fa vomitare!".

15:29Straniero uccide volontaria in comunità nel Bresciano

(ANSA) - BRESCIA, 24 GEN - Omicidio ad Iseo, in provincia di Brescia. Un marocchino regolare in Italia e affetto da problemi psichiatrici avrebbe ucciso per futili motivi a coltellate una volontaria di 25 anni all'interno della struttura protetta, la Cascina Clarabella, dove la donna lavorava e dove l'uomo è in cura. Indagano i carabinieri.

15:28Coniugi quasi ottantenni litigano per gelosia, lui le spara

(ANSA) - FRANCAVILLA FONTANA (BRINDISI), 24 GEN - Un uomo di 79 anni, Rocco Bellanova, ha ferito gravemente al volto con un colpo d'arma da fuoco sua moglie 78enne, durante una lite scoppiata nella casa dei coniugi a Francavilla Fontana, pare per motivi di gelosia. Secondo i primi accertamenti, l'arma usata sarebbe un fucile. Sull'accaduto indagano i carabinieri che ora stanno interrogando l'uomo che è stato portato in caserma. La donna è ricoverata in ospedale con riserva di prognosi.

15:27Morì in ospedale a Bologna, confermata assoluzione 3 medici

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Confermata in secondo grado l'assoluzione per i medici imputati a Bologna per la morte di Loredana Mainetti, deceduta a 59 anni il 25 settembre 2010 al reparto di Gastroenterologia dell'ospedale Maggiore, dopo un intervento endoscopico per l'asportazione di un polipo al duodeno. La Procura, con il Pm Rossella Poggioli, aveva impugnato la sentenza per tre dei quattro medici accusati di omicidio colposo e assolti dal tribunale: l'ex primario di Gastroenterologia Nicola D'Imperio (difeso dall'avvocato Nicola Mazzacuva), il medico che fece l'intervento Paola Billi (avv.Giuseppe Coliva), e un'altra dottoressa, Angela Alberani (avv.Sabrina Di Giampietro e Giovanni Sacchi Morsiani). Nei giorni scorsi l'udienza davanti alla prima sezione penale della Corte di Appello e la conferma della decisione del primo giudice. (ANSA).

15:23Sport: Lotti,maturi tempi riforma mandati Coni e federazioni

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Credo siano maturi i tempi per portare a conclusione l'iter della proposta di legge" in materia di limiti al rinnovo dei mandati degli organi del Coni e delle federazioni sportive nazionali. Così il ministro dello Sport, Luca Lotti, ascoltato in audizione davanti alla commissioni congiunte Cultura e Istruzione di Camera e Senato.

Archivio Ultima ora