Aumenti statali legati al merito, in ballo anche gli orari

Pubblicato il 07 settembre 2016 da ansa

Aumenti statali legati al merito, in ballo anche gli orari

Aumenti statali legati al merito, in ballo anche gli orari

ROMA. – Sbloccare i contratti degli statali sarà una delle priorità della prossima manovra. I sindacati puntano a un rialzo in linea con quelli del settore privato e la Confsal Unsa stima uno stanziamento di 3,2 miliardi solo per la P.a centrale.

Di certo l’intenzione del Governo è dare spazio al merito. E ciò significa cambiare le regole: d’altra parte le trattative, seppure a livello informale, sono in corso e in ballo c’è anche l’orario di lavoro, con la possibilità di trasferire dalla legge agli accordi tra le parti le scelte in materia di turni. Corrono poi voci di un aumento del tetto, oggi fermo a 36 ore settimanali contro le 40 del privato. Ma l’Aran, che rappresenta il Governo nei negoziati, nega che il tema sia mai entrato in discussione.

Per ora i sindacati incassano l’apertura arrivata dal premier, Matteo Renzi, sullo scongelamento degli stipendi dopo sette anni. Sia la Cisl che la Uil parlano di un fatto “positivo” ma oltre che sulle risorse puntano l’attenzione sulla normativa e su tempi.

Il segretario confederale della Cisl, Maurizio Bernava, indica come soluzione “un accordo all’Aran sui temi cardine” del pubblico impiego, “da recepire poi nel Testo unico sul pubblico impiego”, atteso per febbraio in attuazione della riforma Madia. L’intesa dovrebbe dare “spazio alla contrattazione su materie come la flessibilità, gli orari di lavoro, l’organizzazione, la mobilità”, spiega. Si tratterebbe quindi di una sorta patto ‘ponte’.

La Uil, con il segretario confederale Antonio Foccilo, invece propone un altro percorso: “intervenire subito”, con un “provvedimento ad hoc” o “direttamente in legge di Bilancio”. Insomma la questione è che per far arrivare i soldi nelle tasche degli statali oltre che del finanziamento in manovra c’è bisogno di una cornice normativa, che superi la legge Brunetta. Se sul punto non si vuole aspettare la riforma Madia allora si può immaginare un’azione in due tempi: prima le norme urgenti poi il resto.

Il Governo vuole valorizzare il raggiungimento dei risultati, come è già avvenuto con il riordino della dirigenza, dove si è dato più peso al salario accessorio. Un modello che potrebbe anche essere ripreso per il complesso del pubblico impiego. L’obiettivo è premiare chi lavoro meglio e di più. A tal proposito, spunta anche l’idea di innalzare l’orario settimanale, magari con apposite clausole, ma all’Aran, la faccia dell’esecutivo nei tavoli, l’idea non sarebbe arrivata e anzi i tecnici considerano l’operazione a dir poco complicata.

L’orientamento che si starebbe consolidando sta invece nel ridare alle parti libertà sull’organizzazione del lavoro, anche con il ricorso a forme flessibili con conseguenti impatti anche sull’orario. Il rebus sui fondi dal destinare al capitolo rinnovi ancora non è stato risolto, ma per dare circa 100 euro a ogni statale servirebbero “3,2 miliardi di euro”, calcola la Confsal Unsa, una delle sigle autrici del ricorso alla Consulta, che più di un anno fa decretò illegittimo proseguire con il blocco. Se si considera tutta la P.a, stima sempre il segretario generale Massimo Battaglia, il totale sarebbe “di 6,2 miliardi” nel triennio 2016-2018.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

21:44Terremoto: Salvini, ho riportato voci sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:41Terremoto: crolla tetto Chiesa San Francesco a Borgo Arquata

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 19 GEN - Il terremoto e la neve caduta in quantità straordinaria hanno causato il crollo del tetto della chiesa di San Francesco a Borgo d'Arquata (Ascoli Piceno), pericolante e già a rischio crollo. Le operazioni di messa in sicurezza erano iniziate nei giorni scorsi, ma non s'è fatto in tempo a portarle a termine a causa del maltempo. Il tetto è quindi venuto giù sotto le sollecitazioni delle ultime violente scosse di terremoto e il peso della neve. A settembre, dopo la scossa del 24 agosto, i vigili del fuoco avevano recuperato dalla chiesa la copia della Sindone che vi era custodita e venerata, inserendola in un'altra teca con adeguate misure di protezione. La reliquia è una delle quattro copie "di contatto" esistenti nel mondo, in cui viene riconosciuta una sovrapposizione con la Sacra Sindone custodita a Torino. La reliquia si trova ora nella Cattedrale di Sant'Emidio, ad Ascoli Piceno.

21:36M5s: Grillo, bene parlare di lavoro, giovani, invecchiamento

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "De Masi è una persona straordinaria e il convegno che abbiamo fatto sul lavoro nel futuro mi è piaciuto tantissimo. Finalmente una discussione su cose reali, una discussione che ci ha elevati senza parlare del solito populismo, di destra e di sinistra: finalmente si parla di lavoro di giovani e di invecchiamento della popolazione". Così il leader M5s Beppe Grillo lasciando Montecitorio dove si è conclusa oggi la due giorni di studio e confronto sul rapporto curato dal sociologo Domenico De Masi sulle prospettive future del lavoro. "Ne faremo altre di queste giornate di studio, anche sulla cultura" ha promesso Grillo.

21:28Calcio: Cagliari, ecco Faragò “Nainggolan mio modello”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 GEN - Paolo Faragò, nuovo acquisto del Cagliari, è pronto all'esordio in Serie A con la maglia rossoblù. Trattativa sprint con il Novara e domenica all'Olimpico contro la Roma potrebbe vedersela con uno dei suoi modelli, Radja Nainggolan. Il Cagliari era stato molto vicino all'ex Novara già dalla scorsa estate. "Quando ho saputo dell'interessamento della società rossoblu' - ha rivelato - ho declinato qualsiasi altra offerta". E ora ecco il grande salto: "So che c'è una bella differenza, sino a pochi giorni fa stavo preparando la partita con il Trapani e improvvisamente mi trovo proiettato verso un altro match, quello con la Roma. Pronto? Sì, con tanta voglia di fare questa esperienza".

21:27Bbc, le truppe del Senegal entrano in Gambia

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Truppe senegalesi, che sostengono il presidente eletto del Gambia Adama Barrow, hanno attraversato il confine con il Gambia e si stanno dirigendo verso la capitale Banjul, dove risiede il presidente uscente Yahia Jammeh, che si rifiuta di lasciare il potere nonostante abbia perso le elezioni. Lo riporta la Bbc online.

21:24Maltempo: salvati con verricello due allevatori di Urzulei

(ANSA) - NUORO, 19 GEN - Sono in salvo anche i due allevatori di Urzulei isolati da giorni nei loro ovili. I due sono stati recuperati dal Soccorso Alpino (Cnsas), nelle località di Gosolloei e Cuccuttos, grazie all'impiego di un elicottero dell'Aeronautica Militare di Decimomannu. Il velivolo decollato con gli specialisti e due tecnici di elisoccorso del Cnsas ha raggiunto la zona montana particolarmente innevata e non raggiungibile dai mezzi a terra. Il delicato intervento di soccorso ha consentito il recupero dei due allevatori tramite il verricello. Sono stati caricati a bordo e trasportati nel campo sportivo del paese dove sono stati visitati e rifocillati.

Archivio Ultima ora