Usa2016: al via il voto anticipato. E Hillary si confessa

Pubblicato il 09 settembre 2016 da ansa

 Democratic presidential candidate Hillary Clinton speaks during an election campaign rally at the University of South Florida in Tampa, Florida, USA, 06 September 2016.  EPA/CRISTOBAL HERRERA

Democratic presidential candidate Hillary Clinton speaks during an election campaign rally at the University of South Florida in Tampa, Florida, USA, 06 September 2016. EPA/CRISTOBAL HERRERA

WASHINGTON. – “So che posso essere vista come distaccata o fredda o impassibile. Ma ho dovuto imparare già da giovane donna a controllare le mie emozioni”: Hillary Clinton si confessa in un’intervista al popolare blog Humans of New York, difendendosi da una delle accuse più frequenti che le vengono mosse.

Per mostrare il suo lato umano e fare breccia tra gli indecisi, la candidata democratica sceglie il giorno in cui di fatto partono le elezioni, con il voto anticipato in Nord Carolina, primo dei 37 Stati (su 50) a prevedere questa possibilità.

La posta in gioco è alta: secondo l’Ap, la quota di quanti esprimeranno la loro preferenza in anticipo sarà tra il 50% e il 75% in stati cruciali come Nord Carolina, Colorado, Florida, Nevada, Arizona e Georgia. Nel 2012 circa 45,5 milioni di persone, pari al 35% dell’elettorato, votarono prima dell’election day e quest’anno si attende un aumento del loro numero.

Per Hillary è un potenziale vantaggio visto che nelle ultime due elezioni i Democratici sono stati più abili dei repubblicani a portare ai seggi i loro elettori prima dell’8 novembre. La Clinton spiega la sua “corazza” e come sia duro per una donna proteggersi dal sessismo dilagante. Racconta delle derisioni e provocazioni maschili subite da lei e da altre studentesse prima del test di ammissione ad Harvard:

“Erano forti, erano molto personali ma non potevo rispondere, non potevo permettermi di distrarmi perché non volevo sbagliare il test. Così ho continuato a guardare basso, sperando che il supervisore entrasse nella stanza” Da allora ha imparato a controllare le proprie emozioni, perché “devi proteggere te stessa, restare salda, ma nello stesso tempo non vuoi sembrare isolata”. Se quindi suscita la percezione di essere fredda, se ne assume la responsabilità. Ma lei, assicura, non si vede così né la vedono in questo modo gli amici e la sua famiglia.

Poi mette in discussione l’immagine della spontaneità accattivante del presidente e del marito: “non sono Barack Obama. Non sono Bill Clinton. Entrambi si comportano con una naturalezza che piace alla gente. Ma ho sposato l’uno e ho lavorato per l’altro, quindi so quanto lavorano sodo per essere naturali”. Nel senso che “lavorano e provano quello che diranno”. Ma per una donna “può essere più difficile” perchè “gran parte dei modelli sono uomini e ciò che va bene per loro non andrà bene per te”.

Lei comunque ha imparato che non può essere “troppo appassionata” nella propria presentazione: “mi piace agitare le braccia, ma apparentemente spaventa un po’ la gente. E non posso gridare troppo, viene percepito come ‘troppo forte’ o ‘troppo stridulo'”. L’ultimo a rimproverarle l’espressione sempre seria è stato nei giorni scorsi il presidente del partito repubblicano, “Reince” Priebus: “io non sorrido quando parlo di cose serie”, ha replicato Hillary.

L’ex first lady sta comunque insistendo sul versante privato, per illuminare il suo volto nascosto. Ad esempio promettendo di voler continuare a frequentare gli amici di lunga data e di portarli alla Casa Bianca se verrà eletta. O svelando di immergersi nelle pause dalla campagna elettorale in qualche buon libro, come quelli “ipnotici” di Elena Ferrante (molto in voga in Usa) che sta leggendo ora, centellinando le pagine per farli durare di più.

Qualche critico ha provato anche a spiegare questa attrazione per la scrittrice italiana, sostenendo che Hillary è come il narratore della Ferrante (Elena, non Lila): diligente, analitica, studiosa, che si è fatta da sola, una femminista che combatte costantemente con i limiti del patriarcato. Trump, naturalmente, è Don Achille, il terribile orco con legami fascisti.

Ma Hillary non dimentica di coltivare anche l’immagine pubblica di commander in chief: infatti incontra un panel bipartisan di esperti di sicurezza nazionale, dopo aver incassato l’endorsement di 110 tra ex generali e ammiragli, 12 più di Trump.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

10:23G7: Donald Trump arriva con oltre mezz’ora di ritardo

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha raggiunto i colleghi del G7 e dei paesi africani al San Domenico Palace di Taormina con oltre mezz'ora di ritardo, nella seconda giornata di lavori. Gli altri leader erano già nella sala pronti a cominciare le discussioni.

10:19Truffavano antiquari e collezionisti, venti denunce

(ANSA) - TORINO, 27 MAG - Murate all'interno di una villa, nel Vercellese, c'erano opere pittoriche attribuite a Van Dyck e Guido Reni. A scoprirle sono stati i carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Torino, che hanno denunciato per truffa aggravata 20 persone. L'organizzazione criminale è stata sgominata nell'ambito delle attività che i militari del nucleo hanno effettuato nel 2016. E che hanno portato alla denuncia di 77 persone (+97,4% rispetto al 2015) e al sequestro di 3.470 beni antiquari, archivistici e librari (+28%). Tra questi ultimi anche un antico libro di preghiere, 'Modus Orandi Deum', acquistato via web da un professore di storia dell'arte dell'università svedese di Lunds. Il docente si è accorto che il libro aveva il timbro della Biblioteca Reale di Torino, da dove era stato rubato nel 2012. Le investigazioni hanno consentito di scoprire la filiera della provenienza del libro fino ad arrivare ad un noto antiquario di Torino. Nel suo magazzino sono stati trovati molti documenti provento di furto.(ANSA).

10:19G7: Gentiloni, serve una partnership forte con Africa

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - "Già Taormina e la Sicilia già dice quanto è importante per noi il rapporto con l'Africa, ci troviamo nel cuore del Mediterraneo e oggi la discussione con l'Africa si concentra sull'esigenza di partnership a tutto campo tra G7, organismi internazionali e paesi africani con l'obiettivo d'innovazione e sviluppo del capitale umano". Così il premier Paolo Gentiloni aprendo la sessione outreach con i paesi africani ospiti al vertice.

10:18Attentato incendiario contro sindaco sardo, bruciata auto

(ANSA) - CAGLIARI, 27 MAG - Ancora attentati e intimidazioni ai danni dei sindaci della Sardegna. Dopo la busta con quattro cartucce inviata ieri al primo cittadino di Siniscola (Nuoro), Gian Luigi Farris, durante la notte è stata presa di mira la sindaca di Villacidro, Marta Cabriolu, comune del Campidano. E' stata incendiata la sua auto, una Ford Fiesta, che era parcheggiata poco distante dall'abitazione. Il fatto alle 2:30 in via della Libertà. Le fiamme hanno avvolto il cofano e il vano motore. Alcuni vicini si sono accorti dell'incendio e hanno fatto scattare l'allarme e sono anche intervenuti per domare le fiamme. Sul posto sono giunti i carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Villacidro e i vigili del fuoco di Sanluri. L'auto è stata gravemente danneggiata. I pompieri, a quanto pare, non avrebbero trovato evidenti tracce di acceleranti ma il rogo dell'auto, che è nuova, è di natura dolosa. I carabinieri, coordinati dal cap. Valerio Cadeddu,hanno avviato le indagini non semplici, nel paese non ci sono telecamere. (ANSA).

10:17G7: Gurria, Pil Italia accelera, fiduciosi su banche

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - "C'è ripresa, c'è crescita positiva con un 2017 meglio del 2016, credo l'accordo con l'Ue su Mps sia vicino a conclusione e ora tocca alle venete". Lo dice in un'intervista all'ANSA Angel Gurrìa, segretario generale dell'Ocse, a margine del G7. "Credo che l'Italia vada nella giusta direzione, naturalmente c'è una questione politica sul quando avremo le prossime elezioni e naturalmente il risultato. Ma questa è una cosa che avviene in tutti i Paesi, non solo in Italia", aggiunge Gurria.(ANSA).

10:12Giro: 20/a tappa, da Pordenone a Asiago, 190 km

(ANSA) - PORDENONE, 26 MAG - La 20/a e penultima tappa del 100/o Giro d'Italia, in programma oggi, si disputa tra il Friuli Venezia Giulia e il Veneto, dalla provincia di Pordenone, a quelle di Treviso, Belluno e Vicenza, su un percorso di 190 km. E sarà molto probabilmente la gara decisiva di questo Giro, che da ieri vede al comando della classifica generale il colombiano Nairo Quintana. Ma Dumoulin, Nibali e Pinot sono a una manciata di secondi. Il via da Pordenone; l'arrivo ad Asiago. Percorso in pianura per un centinaio di km. Poi la salita del Montegrappa, lunga 24,2 km, con un dislivello di 1.287 metri, una pendenza media del 5,3 %, massima dell'11. La discesa è molto lunga e impegnativa (26 km), con numerosi tornanti su strada di media larghezza. Si affronterà quindi l'ultima salita a Foza dove. E' una salita lunga 14 km, con un dislivello di 937 metri, una pendenza media del 6,7 %, massima dell'11. I corridori arriveranno a quota 1.086, prima della discesa con diversi tornanti.

09:55Basket: playoff, Venezia-Avellino 73-80

(ANSA) - VENEZIA, 26 MAG - Reyer Venezia sconfitta in casa da Avellino 73-80 (21-21, 32-32, 49-55) in gara-1 delle semifinali scudetto della serie A di basket. Il segreto della squadra di Sacripanti sono le individualità, con Ragland (miglior realizzatore con 20 punti) ben affiancato da Randolph, 13 punti, buona parte dei quali nel terzo quarto, in cui Avellino ha incanalato il match dopo un primo tempo in sostanziale equilibrio, con nessuna delle due squadre capace di scavare un solco maggiore ai quattro punti. Ma anche i lunghi hanno fatto sentire il loro peso: Avellino ha dominato a rimbalzo (33 a 24). E vanno segnalati anche i sei recuperi di Green, importantissimo nella fase in cui, in avvio di ultimo periodo, Avellino ha portato il vantaggio in doppia cifra. L'unico di Venezia ad esprimersi sui suoi livelli è stato Peric (18 punti), con qualche fiammata di Tonut. McGee e Bramos, mentre sono mancati i punti di Haynes (fermo ad 8). Si torna in campo domenica, di nuovo al Taliercio.

Archivio Ultima ora