Usa2016: al via il voto anticipato. E Hillary si confessa

Pubblicato il 09 settembre 2016 da ansa

 Democratic presidential candidate Hillary Clinton speaks during an election campaign rally at the University of South Florida in Tampa, Florida, USA, 06 September 2016.  EPA/CRISTOBAL HERRERA

Democratic presidential candidate Hillary Clinton speaks during an election campaign rally at the University of South Florida in Tampa, Florida, USA, 06 September 2016. EPA/CRISTOBAL HERRERA

WASHINGTON. – “So che posso essere vista come distaccata o fredda o impassibile. Ma ho dovuto imparare già da giovane donna a controllare le mie emozioni”: Hillary Clinton si confessa in un’intervista al popolare blog Humans of New York, difendendosi da una delle accuse più frequenti che le vengono mosse.

Per mostrare il suo lato umano e fare breccia tra gli indecisi, la candidata democratica sceglie il giorno in cui di fatto partono le elezioni, con il voto anticipato in Nord Carolina, primo dei 37 Stati (su 50) a prevedere questa possibilità.

La posta in gioco è alta: secondo l’Ap, la quota di quanti esprimeranno la loro preferenza in anticipo sarà tra il 50% e il 75% in stati cruciali come Nord Carolina, Colorado, Florida, Nevada, Arizona e Georgia. Nel 2012 circa 45,5 milioni di persone, pari al 35% dell’elettorato, votarono prima dell’election day e quest’anno si attende un aumento del loro numero.

Per Hillary è un potenziale vantaggio visto che nelle ultime due elezioni i Democratici sono stati più abili dei repubblicani a portare ai seggi i loro elettori prima dell’8 novembre. La Clinton spiega la sua “corazza” e come sia duro per una donna proteggersi dal sessismo dilagante. Racconta delle derisioni e provocazioni maschili subite da lei e da altre studentesse prima del test di ammissione ad Harvard:

“Erano forti, erano molto personali ma non potevo rispondere, non potevo permettermi di distrarmi perché non volevo sbagliare il test. Così ho continuato a guardare basso, sperando che il supervisore entrasse nella stanza” Da allora ha imparato a controllare le proprie emozioni, perché “devi proteggere te stessa, restare salda, ma nello stesso tempo non vuoi sembrare isolata”. Se quindi suscita la percezione di essere fredda, se ne assume la responsabilità. Ma lei, assicura, non si vede così né la vedono in questo modo gli amici e la sua famiglia.

Poi mette in discussione l’immagine della spontaneità accattivante del presidente e del marito: “non sono Barack Obama. Non sono Bill Clinton. Entrambi si comportano con una naturalezza che piace alla gente. Ma ho sposato l’uno e ho lavorato per l’altro, quindi so quanto lavorano sodo per essere naturali”. Nel senso che “lavorano e provano quello che diranno”. Ma per una donna “può essere più difficile” perchè “gran parte dei modelli sono uomini e ciò che va bene per loro non andrà bene per te”.

Lei comunque ha imparato che non può essere “troppo appassionata” nella propria presentazione: “mi piace agitare le braccia, ma apparentemente spaventa un po’ la gente. E non posso gridare troppo, viene percepito come ‘troppo forte’ o ‘troppo stridulo'”. L’ultimo a rimproverarle l’espressione sempre seria è stato nei giorni scorsi il presidente del partito repubblicano, “Reince” Priebus: “io non sorrido quando parlo di cose serie”, ha replicato Hillary.

L’ex first lady sta comunque insistendo sul versante privato, per illuminare il suo volto nascosto. Ad esempio promettendo di voler continuare a frequentare gli amici di lunga data e di portarli alla Casa Bianca se verrà eletta. O svelando di immergersi nelle pause dalla campagna elettorale in qualche buon libro, come quelli “ipnotici” di Elena Ferrante (molto in voga in Usa) che sta leggendo ora, centellinando le pagine per farli durare di più.

Qualche critico ha provato anche a spiegare questa attrazione per la scrittrice italiana, sostenendo che Hillary è come il narratore della Ferrante (Elena, non Lila): diligente, analitica, studiosa, che si è fatta da sola, una femminista che combatte costantemente con i limiti del patriarcato. Trump, naturalmente, è Don Achille, il terribile orco con legami fascisti.

Ma Hillary non dimentica di coltivare anche l’immagine pubblica di commander in chief: infatti incontra un panel bipartisan di esperti di sicurezza nazionale, dopo aver incassato l’endorsement di 110 tra ex generali e ammiragli, 12 più di Trump.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:24Calcio: Barcellona, Piquè, ‘Neymar rimane’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Se queda", ovvero "Rimane". Con questo tweet, che contiene una sua foto assieme a Neymar, il difensore del Barcellona Gerard Piquè annuncia che il compagno ha deciso di rimanere in maglia blaugrana, respingendo le proposte del Paris SG, che sarebbe disposto a pagare l'altissima clausola rescissoria, di 222 milioni, del contratto del brasiliano. Per ora non ci sono conferme ufficiali da parte di O Ney, o di suo padre Neymar senior, che ne cura gli interessi. Piquè è comunque, visto il suo carisma, un autentico leader del Barca, e spesso in passato ha parlato anche a nome degli altri giocatori della squadra che adesso è allenata da Ernesto Valverde.

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

Archivio Ultima ora