Calcio Femminile: Verónica Herrera, voglio vincere la Coppa del Mondo

Pubblicato il 09 settembre 2016 da redazione

Calcio Femminile – Verónica Herrera: “Voglio vincere la Coppa del Mondo”

Calcio Femminile – Verónica Herrera: “Voglio vincere la Coppa del Mondo”

CARACAS – L’ultimo grande appuntamento con il calcio in rosa risale all’estate 2015, quando i Mondiali Femminili si disputarono in Canadà, allora la nazionale statunitense guidata delle ruba cuori Alex Morgan e Hope Solo alzarono la coppa al cielo. Quest’anno è il turno delle nazionali giovanili, infatti il 30 settembre in Giordania inizierà il Mondiale di Calcio Femminile under17 e si estenderà fino al 21 di ottobre. Le nazionali partecipanti saranno 16, tra cui il Venezuela, e sono state suddivise in quattro gironi da quattro squadre. La vinotinto è stata inserita nel Girone B insieme a Germania, Camerun e Canada.

Questa nazionale è allenata da Kenneth Zsemereta, un tecnico panameño che sin dal suo arrivo in Venezuela ha iniziato ad elaborare un capolavoro con la vinotinto femminile under 17: nazionale che sotto la sua gestione si é qualificata per tre volte consecutive al mondiale ed ha vinto in un paio di occasioni il campionato sudamericano di categoria.

Una delle protagoniste di questa vinotinto è Veronica Herrera, che si è appesa al collo in un paio di occasioni la medaglia d’oro del sudamericano. La Herrera nel campionato locale gioca nelle giovanili del Deportivo La Guaira e in un comunicato stampa ha parlato della sua preparazione per il mondiale che inizierà a fine mese.

“Sono fiera di tornare ad indossare la maglia della nazionale, nel gruppo si vede la voglia di fare bene per puntare a grandi cose. La nostra prima gara sarà nientemeno che contro la Germania, una delle big del torneo, noi stiamo lavorando per disputare una gara all’altezza contro di loro”.

Durante otto anni alla guida della nazionale Kenneth Zsemereta ha disegnato diversi capolavori: tre qualificazioni per i mondiali U17 (2010, 2013 e 2016): nelle qualificazioni per il torneo iridato ha vinto un bronzo e poi due ori consecutivi; ha vinto i Juegos Centroamericanos y del Caribe nel 2010 ed il secondo posto nei Juegos Bolivarianos (2009).

Da ricordare che nel torneo iridato del 2013, per noi italo-venezuelani ci fu una sorte di derby del cuore: nella finalina per il terzo posto azzurre e vinotinto si sono affrontate e, per la cronaca, le italiche si sono imposte 2-0 dopo i calci di rigore, ma i tempi regolamentari si erano conclusi con uno spettacolare 4-4.

Da segnalare che quando Zsemereta prese le redini della nazionale, trovò uno scenario poco incoraggiante: la vinotinto era una squadra che per ogni gol che segnava, minimo ne subiva cinque. Se prendiamo in considerazione il periodo di tempo tra il 1991 e 2006 la nazionale aveva vinto solo una gara.

Per questo motivo, Verónica Herrera non può fare altro che puntare in alto con la sua Vinotinto. “Abbiamo vinto due volte il campionato sudamericano e siamo arrivate quarte nel mondiale scorso. Queste cose non fanno altro che stimolarti a puntare sempre più in alto e farti sognare di essere tra le 22 protagoniste della gara decisiva, e perché no?, di vincere la coppa. Questa è la meta che noi ci siamo prefisse. La gara contro la Germania ci dirà di che pasta siamo fatte” ha confessato la giocatrice vinotinto.

La Herrera dice che il calcio femminile sta lasciando un’impronta importante nella storia della palla a chiazze e spera di continuare a portare in alto il nome del Venezuela. “Le nazionali U17 ed U20 hanno lasciato un segno importante qualificandosi per i rispettivi mondiali. Credo che le giocatrici debbano continuare ad afferrarsi alla nazionale e continuare la loro ascesa nelle diverse categorie fino ad arrivare a quella maggiore. Io mi vedo disputando un mondiale ad alto livello e vincendo la coppa del mondo.”

Fioravante De Simone

Ultima ora

09:44Calcio: Juventus, Allegri ‘Vittoria voluta e meritata’

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - "I ragazzi hanno voluto e meritato questa vittoria". I complimenti alla Juventus firmati Massimiliano Allegri dopo la vittoria in rimonta per 2-1 con lo Sporting Lisbona: "Il carattere non deve mai mancare" ha concluso l'allenatore bianconero nel suo consueto tweet post partita, rincuorato dall'ottima prestazione dei suoi. Dopo essere passati in svantaggio per 0-1 con una sfortunata autorete di Alex Sandro, è arrivata la risposta dei bianconeri, che hanno ribaltato il match ottenendo una vittoria fondamentale per il passaggio del turno.

09:44Migranti: da Pe primo via libera a riforma Dublino

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - La commissione libertà civili del Parlamento europeo ha dato il primo via libera alla modifica del regolamento di Dublino firmata dalla relatrice svedese Cecilia Wikstrom. Il testo è passato con 43 sì e 16 no. Novità principale della misura è l'abolizione del principio del Paese di primo ingresso e l'introduzione di un sistema automatico e permanente di ricollocamenti in tutti i Paesi dell'Ue. La posizione del Parlamento andrà tuttavia negoziata con il Consiglio, che ancora non ha una posizione comune.

09:43Catalogna: Amnesty chiede immediata liberazione ‘due Jordi’

(ANSA) - BARCELLONA, 19 OTT - Amnesty International (AI) ha chiesto la liberazione "immediata" dei due leader indipendentisti catalani Jordi Sanchez e Jordi Cuixart arrestati lunedì a Madrid per ordine di un giudice spagnolo per presunta 'sedizione'. Per AI la misura di detenzione contro i leader di Anc e Omnium è "sproporzionata" e l'incriminazione per sedizione "eccessiva". Amnesty ha chiesto "la fine immediata della loro detenzione provvisoria".

09:35Afghanistan: attacco talebani, uccisi 40 soldati

(ANSA) - KABUL, 19 OTT - I talebani hanno attaccato ieri sera una base dell'esercito nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 40 soldati afghani. Lo riferisce oggi la tv Tolo di Kabul. Secondo fonti ufficiali citate dall'emittente l'offensiva è cominciata con l'intervento di due kamikaze che hanno fatto esplodere altrettante autobomba nel distretto di Maiwand, causando, oltre le vittime fatali, anche 24 feriti.

09:33Puigdemont, indipendenza se Rajoy sospende autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il presidente catalano Carles Puigdemont attiverà la dichiarazione di indipendenza se il premier Mariano Rajoy respingerà la sua offerta di dialogo e applicherà l'articolo 155 della Costituzione per il commissariamento della regione: lo scrive stamani il quotidiano La Vanguardia. Come è noto, Puigdemont dovrà chiarire con un 'sì' o con un 'no' entro le 10:00 se ha dichiarato l'indipendenza il 10 ottobre.

09:24Truffe anziani: 15 arresti a Milano e Novara

(ANSA) - MILANO, 19 OTT - Sono in corso gli arresti tra Milano e Novara di 15 persone, 10 italiani e 5 polacchi di origine rom lovari, con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Procura milanese con al centro "numerosissime truffe tentate o consumate" agli anziani che venivano contattati telefonicamente da un finto parente in difficoltà e venivano convinti a dare cifre fino a 8000 euro e, in alcuni casi, anche gioielli. Una parte delle persone arrestate risiedevano in Polonia e avevano organizzato un vero e proprio call center e, come è stato riferito, individuavano in massa le persone anziane da contattare. Al telefono spiegavano alle vittime, in gran parte milanesi e alcune anche in Svizzera, che un loro stretto parente era in difficoltà, in genere per un incidente, e invitavano quindi l'anziano a dare tutto quanto avevano immediatamente disponibile a un uomo che si sarebbe presentato a breve in casa o in un luogo prestabilito.

07:29Ucraina:ancora scontri polizia-dimostranti vicino Parlamento

MOSCA - Ancora scontri tra la polizia e i manifestanti accampati con le loro tende davanti al Parlamento ucraino. Ieri sera - stando a quanto riporta il Kyiv Post - si sono verificati nuovi scontri e la polizia ha bloccato momentaneamente l'accesso alla zona dove sorgono le tende. In una seconda ondata di tafferugli, gli agenti hanno fermato 11 persone per essersi rifiutate di restituire alla polizia una trentina di scudi antisommossa di cui si erano impossessate durante gli scontri del 17 ottobre.

Archivio Ultima ora