Calcio Femminile: Verónica Herrera, voglio vincere la Coppa del Mondo

Pubblicato il 09 settembre 2016 da redazione

Calcio Femminile – Verónica Herrera: “Voglio vincere la Coppa del Mondo”

Calcio Femminile – Verónica Herrera: “Voglio vincere la Coppa del Mondo”

CARACAS – L’ultimo grande appuntamento con il calcio in rosa risale all’estate 2015, quando i Mondiali Femminili si disputarono in Canadà, allora la nazionale statunitense guidata delle ruba cuori Alex Morgan e Hope Solo alzarono la coppa al cielo. Quest’anno è il turno delle nazionali giovanili, infatti il 30 settembre in Giordania inizierà il Mondiale di Calcio Femminile under17 e si estenderà fino al 21 di ottobre. Le nazionali partecipanti saranno 16, tra cui il Venezuela, e sono state suddivise in quattro gironi da quattro squadre. La vinotinto è stata inserita nel Girone B insieme a Germania, Camerun e Canada.

Questa nazionale è allenata da Kenneth Zsemereta, un tecnico panameño che sin dal suo arrivo in Venezuela ha iniziato ad elaborare un capolavoro con la vinotinto femminile under 17: nazionale che sotto la sua gestione si é qualificata per tre volte consecutive al mondiale ed ha vinto in un paio di occasioni il campionato sudamericano di categoria.

Una delle protagoniste di questa vinotinto è Veronica Herrera, che si è appesa al collo in un paio di occasioni la medaglia d’oro del sudamericano. La Herrera nel campionato locale gioca nelle giovanili del Deportivo La Guaira e in un comunicato stampa ha parlato della sua preparazione per il mondiale che inizierà a fine mese.

“Sono fiera di tornare ad indossare la maglia della nazionale, nel gruppo si vede la voglia di fare bene per puntare a grandi cose. La nostra prima gara sarà nientemeno che contro la Germania, una delle big del torneo, noi stiamo lavorando per disputare una gara all’altezza contro di loro”.

Durante otto anni alla guida della nazionale Kenneth Zsemereta ha disegnato diversi capolavori: tre qualificazioni per i mondiali U17 (2010, 2013 e 2016): nelle qualificazioni per il torneo iridato ha vinto un bronzo e poi due ori consecutivi; ha vinto i Juegos Centroamericanos y del Caribe nel 2010 ed il secondo posto nei Juegos Bolivarianos (2009).

Da ricordare che nel torneo iridato del 2013, per noi italo-venezuelani ci fu una sorte di derby del cuore: nella finalina per il terzo posto azzurre e vinotinto si sono affrontate e, per la cronaca, le italiche si sono imposte 2-0 dopo i calci di rigore, ma i tempi regolamentari si erano conclusi con uno spettacolare 4-4.

Da segnalare che quando Zsemereta prese le redini della nazionale, trovò uno scenario poco incoraggiante: la vinotinto era una squadra che per ogni gol che segnava, minimo ne subiva cinque. Se prendiamo in considerazione il periodo di tempo tra il 1991 e 2006 la nazionale aveva vinto solo una gara.

Per questo motivo, Verónica Herrera non può fare altro che puntare in alto con la sua Vinotinto. “Abbiamo vinto due volte il campionato sudamericano e siamo arrivate quarte nel mondiale scorso. Queste cose non fanno altro che stimolarti a puntare sempre più in alto e farti sognare di essere tra le 22 protagoniste della gara decisiva, e perché no?, di vincere la coppa. Questa è la meta che noi ci siamo prefisse. La gara contro la Germania ci dirà di che pasta siamo fatte” ha confessato la giocatrice vinotinto.

La Herrera dice che il calcio femminile sta lasciando un’impronta importante nella storia della palla a chiazze e spera di continuare a portare in alto il nome del Venezuela. “Le nazionali U17 ed U20 hanno lasciato un segno importante qualificandosi per i rispettivi mondiali. Credo che le giocatrici debbano continuare ad afferrarsi alla nazionale e continuare la loro ascesa nelle diverse categorie fino ad arrivare a quella maggiore. Io mi vedo disputando un mondiale ad alto livello e vincendo la coppa del mondo.”

Fioravante De Simone

Ultima ora

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

Archivio Ultima ora