Referendum: Renzi punta sugli indecisi. Il No è come Brexit

Pubblicato il 09 settembre 2016 da ansa

Referendum: Renzi punta sugli indecisi.

Referendum: Renzi punta sugli indecisi.

ROMA. – C’è una montagna da scalare per Matteo Renzi da qui al referendum costituzionale: è la montagna dei “non so”, di quel 50% di elettori che, secondo i sondaggi, non ha ancora deciso se e come votare. Ecco perché, ancor prima di fissare la data della consultazione (si oscilla tra 27 novembre e 4 dicembre), il presidente del Consiglio ha già impresso un ritmo intenso alla sua campagna, che in serata lo vede impegnato a Lecce:

“Se vince il “No” – avverte – non si torna indietro, è come Brexit”. Ma i leader del “No” non stanno a guardare: Beppe Grillo da un lato, Silvio Berlusconi dall’altro tornano ad attaccare, a colpi di accuse di “regime” e di “mancette preferendarie”.

“Basta guerra. La riforma non è né di Renzi né mia ma della maggioranza del Parlamento”, dice Giorgio Napolitano in un’intervista a Repubblica. “Molti fingono di non ricordare – aveva detto il premier – il legame tra questa legislatura e le riforme nasce dall’impegno di Napolitano”.

Intanto anche la legge elettorale torna sul banco degli imputati: il tribunale di Perugia presenta una nuova istanza alla Consulta, dopo quelle di Messina e Torino che saranno esaminate dal 4 ottobre. “Siamo pronti a cambiare l’Italicum – ribadisce Renzi alla Gazzetta del Mezzogiorno – se in Parlamento ci sono i numeri. Non c’è bisogno di aspettare la sentenza”.

E’ l’ennesimo segnale alla minoranza Pd, che però non si accontenta e minaccia di votare “No” al referendum se il leader Dem non prenderà una “iniziativa” per cambiare quella legge. Ma i renziani continuano a difenderla, tanto che un ‘pasdaran’ come Roberto Giachetti fa una minaccia uguale e contraria a quella della sinistra: se l’Italicum cambia, dirò “No” al referendum.

Per vincere il referendum il premier deve guardare oltre il Parlamento e anche oltre il Pd: la sua base può valere circa 10 milioni di voti, ma rischiano di non essere abbastanza. Di qui la decisione di intensificare da subito la campagna per il “Sì”. Anche perché la vicenda di Roma può aprire uno spazio nell’elettorato M5s: fonti Cinque stelle ammettono che potrebbe esserci un effetto di disaffezione che potrebbe spingere alcuni militanti a non andare alle urne e non portare voti al “No”.

“Più giro l’Italia più sono ottimista”, dice il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. “Se vince il “No” torniamo alle bicamerali D’Alema-Berlusconi e ci teniamo il Parlamento più costoso e numeroso del mondo”, avverte il premier, convinto che spiegare in maniera semplice le ragioni del “Sì” sia l’arma vincente.

Ma il fronte del “No” è numeroso e agguerrito: “La Cgil che si schiera contro è una svolta importante”, esulta il presidente dell’Anpi Carlo Smuraglia, che il 15 si confronterà con Renzi. E fin d’ora avverte: “Se ci saranno soprusi ci alziamo e ce ne andiamo”.

Guardando al fronte opposto, a destra, il presidente del Consiglio risponde così a una domanda su un eventuale Nazareno bis con Berlusconi: “Spetterà al centrodestra decidere cosa fare da grande. Stanno perdendo un’occasione, è una scelta incomprensibile fare campagna per il No, dopo aver sostenuto quelle stesse riforme”.

Ma il Cavaliere replica a distanza: “Ci eravamo illusi, ma quelle riforme sono pericolose e possono dare il via a un altro regime. Chiediamo con forza agli italiani di votare “No””. E anche Grillo, provando a uscire dall’angolo della bufera romana, rilancia sul fronte referendario: “Renzi si preoccupa di salvare la poltrona in vista della consultazione, ma qui c’è un Paese da salvare. Le mancette pre referendarie non sono la risposta”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

06:15Manchester: media Gb, ancora liberi alcuni complici

LONDRA - Gli arresti delle scorse ore, pur definiti ''importanti'' dalla polizia nelle indagini sull'attacco kamikaze di lunedi' alla Manchester Arena, non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito l'attentatore Salman Abedi sia stata sgominata. Lo scrive il Guardian citando fonti investigative e svelando che alcuni complici ''sono ancora a piede libero''. Mentre il Telegraph riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani gia' pronti per ''una seconda bomba''.

06:12Manchester: Times, attentatore si preparava da un anno

LONDRA - Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno ''un anno''. Lo scrive oggi il Times, sulla base di notizie investigative stando alle quali il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage.

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

Archivio Ultima ora