Referendum: Renzi punta sugli indecisi. Il No è come Brexit

Pubblicato il 09 settembre 2016 da ansa

Referendum: Renzi punta sugli indecisi.

Referendum: Renzi punta sugli indecisi.

ROMA. – C’è una montagna da scalare per Matteo Renzi da qui al referendum costituzionale: è la montagna dei “non so”, di quel 50% di elettori che, secondo i sondaggi, non ha ancora deciso se e come votare. Ecco perché, ancor prima di fissare la data della consultazione (si oscilla tra 27 novembre e 4 dicembre), il presidente del Consiglio ha già impresso un ritmo intenso alla sua campagna, che in serata lo vede impegnato a Lecce:

“Se vince il “No” – avverte – non si torna indietro, è come Brexit”. Ma i leader del “No” non stanno a guardare: Beppe Grillo da un lato, Silvio Berlusconi dall’altro tornano ad attaccare, a colpi di accuse di “regime” e di “mancette preferendarie”.

“Basta guerra. La riforma non è né di Renzi né mia ma della maggioranza del Parlamento”, dice Giorgio Napolitano in un’intervista a Repubblica. “Molti fingono di non ricordare – aveva detto il premier – il legame tra questa legislatura e le riforme nasce dall’impegno di Napolitano”.

Intanto anche la legge elettorale torna sul banco degli imputati: il tribunale di Perugia presenta una nuova istanza alla Consulta, dopo quelle di Messina e Torino che saranno esaminate dal 4 ottobre. “Siamo pronti a cambiare l’Italicum – ribadisce Renzi alla Gazzetta del Mezzogiorno – se in Parlamento ci sono i numeri. Non c’è bisogno di aspettare la sentenza”.

E’ l’ennesimo segnale alla minoranza Pd, che però non si accontenta e minaccia di votare “No” al referendum se il leader Dem non prenderà una “iniziativa” per cambiare quella legge. Ma i renziani continuano a difenderla, tanto che un ‘pasdaran’ come Roberto Giachetti fa una minaccia uguale e contraria a quella della sinistra: se l’Italicum cambia, dirò “No” al referendum.

Per vincere il referendum il premier deve guardare oltre il Parlamento e anche oltre il Pd: la sua base può valere circa 10 milioni di voti, ma rischiano di non essere abbastanza. Di qui la decisione di intensificare da subito la campagna per il “Sì”. Anche perché la vicenda di Roma può aprire uno spazio nell’elettorato M5s: fonti Cinque stelle ammettono che potrebbe esserci un effetto di disaffezione che potrebbe spingere alcuni militanti a non andare alle urne e non portare voti al “No”.

“Più giro l’Italia più sono ottimista”, dice il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. “Se vince il “No” torniamo alle bicamerali D’Alema-Berlusconi e ci teniamo il Parlamento più costoso e numeroso del mondo”, avverte il premier, convinto che spiegare in maniera semplice le ragioni del “Sì” sia l’arma vincente.

Ma il fronte del “No” è numeroso e agguerrito: “La Cgil che si schiera contro è una svolta importante”, esulta il presidente dell’Anpi Carlo Smuraglia, che il 15 si confronterà con Renzi. E fin d’ora avverte: “Se ci saranno soprusi ci alziamo e ce ne andiamo”.

Guardando al fronte opposto, a destra, il presidente del Consiglio risponde così a una domanda su un eventuale Nazareno bis con Berlusconi: “Spetterà al centrodestra decidere cosa fare da grande. Stanno perdendo un’occasione, è una scelta incomprensibile fare campagna per il No, dopo aver sostenuto quelle stesse riforme”.

Ma il Cavaliere replica a distanza: “Ci eravamo illusi, ma quelle riforme sono pericolose e possono dare il via a un altro regime. Chiediamo con forza agli italiani di votare “No””. E anche Grillo, provando a uscire dall’angolo della bufera romana, rilancia sul fronte referendario: “Renzi si preoccupa di salvare la poltrona in vista della consultazione, ma qui c’è un Paese da salvare. Le mancette pre referendarie non sono la risposta”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

15:19Violenza sessuale: aggrediva minorenni, va ai domiciliari

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Un uomo di 50 anni, con una vecchia condanna per reati sessuali, è stato arrestato dai carabinieri di Milano con l'accusa di violenza e atti sessuali su minori nei confronti di tre ragazzine di 7, 12 e 13 anni. L'uomo, secondo quanto spiegato, le individuava a caso, per strada, e le seguiva negli androni quando rientravano a casa da scuola. Le avvicinava fulmineamente, le palpeggiava e scappava. I carabinieri lo hanno individuato dopo sei mesi di indagine dal primo caso, avvenuto ad aprile (gli altri due a maggio e ad agosto) e dopo altri sei mesi l'autorità giudiziaria ha emesso un'ordinanza che ha posto l'uomo, impiegato amministrativo, sposato e con figli, ai domiciliari. Al vaglio degli investigatori dell'Arma, però, ci sarebbero in totale una ventina di episodi. A indagare sui casi sono stati i carabinieri della stazione San Cristoforo, che incrociando telecamere e tabulati sono arrivati a uno scooter, guidato dall'uomo poi raggiunto dall'ordinanza mentre si trovava a lavoro.

15:17Maltempo: Umbria, tanti interventi per problemi vento

(ANSA) - PERUGIA, 11 DIC - Sono oltre un centinaio gli interventi nei quali sono impegnati i vigili del fuoco in quasi tutta l'Umbria a causa dei danni provocati dal forte vento. Al momento non vengono comunque segnalati problemi particolari. In provincia di Perugia gli interventi, più di un centinaio, riguardano rami e alberi caduti, danni ai tetti, ai cartelloni pubblicitari divelti dal vento ma anche a pali della luce. I vigili del fuoco del comando provinciale sono impegnati con tutte le squadre disponibili. Situazione analoga in provincia di Terni dove sono decine gli interventi, soprattutto a Terni e in periferia. (ANSA).

Archivio Ultima ora