Referendum: Renzi punta sugli indecisi. Il No è come Brexit

Pubblicato il 09 settembre 2016 da ansa

Referendum: Renzi punta sugli indecisi.

Referendum: Renzi punta sugli indecisi.

ROMA. – C’è una montagna da scalare per Matteo Renzi da qui al referendum costituzionale: è la montagna dei “non so”, di quel 50% di elettori che, secondo i sondaggi, non ha ancora deciso se e come votare. Ecco perché, ancor prima di fissare la data della consultazione (si oscilla tra 27 novembre e 4 dicembre), il presidente del Consiglio ha già impresso un ritmo intenso alla sua campagna, che in serata lo vede impegnato a Lecce:

“Se vince il “No” – avverte – non si torna indietro, è come Brexit”. Ma i leader del “No” non stanno a guardare: Beppe Grillo da un lato, Silvio Berlusconi dall’altro tornano ad attaccare, a colpi di accuse di “regime” e di “mancette preferendarie”.

“Basta guerra. La riforma non è né di Renzi né mia ma della maggioranza del Parlamento”, dice Giorgio Napolitano in un’intervista a Repubblica. “Molti fingono di non ricordare – aveva detto il premier – il legame tra questa legislatura e le riforme nasce dall’impegno di Napolitano”.

Intanto anche la legge elettorale torna sul banco degli imputati: il tribunale di Perugia presenta una nuova istanza alla Consulta, dopo quelle di Messina e Torino che saranno esaminate dal 4 ottobre. “Siamo pronti a cambiare l’Italicum – ribadisce Renzi alla Gazzetta del Mezzogiorno – se in Parlamento ci sono i numeri. Non c’è bisogno di aspettare la sentenza”.

E’ l’ennesimo segnale alla minoranza Pd, che però non si accontenta e minaccia di votare “No” al referendum se il leader Dem non prenderà una “iniziativa” per cambiare quella legge. Ma i renziani continuano a difenderla, tanto che un ‘pasdaran’ come Roberto Giachetti fa una minaccia uguale e contraria a quella della sinistra: se l’Italicum cambia, dirò “No” al referendum.

Per vincere il referendum il premier deve guardare oltre il Parlamento e anche oltre il Pd: la sua base può valere circa 10 milioni di voti, ma rischiano di non essere abbastanza. Di qui la decisione di intensificare da subito la campagna per il “Sì”. Anche perché la vicenda di Roma può aprire uno spazio nell’elettorato M5s: fonti Cinque stelle ammettono che potrebbe esserci un effetto di disaffezione che potrebbe spingere alcuni militanti a non andare alle urne e non portare voti al “No”.

“Più giro l’Italia più sono ottimista”, dice il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. “Se vince il “No” torniamo alle bicamerali D’Alema-Berlusconi e ci teniamo il Parlamento più costoso e numeroso del mondo”, avverte il premier, convinto che spiegare in maniera semplice le ragioni del “Sì” sia l’arma vincente.

Ma il fronte del “No” è numeroso e agguerrito: “La Cgil che si schiera contro è una svolta importante”, esulta il presidente dell’Anpi Carlo Smuraglia, che il 15 si confronterà con Renzi. E fin d’ora avverte: “Se ci saranno soprusi ci alziamo e ce ne andiamo”.

Guardando al fronte opposto, a destra, il presidente del Consiglio risponde così a una domanda su un eventuale Nazareno bis con Berlusconi: “Spetterà al centrodestra decidere cosa fare da grande. Stanno perdendo un’occasione, è una scelta incomprensibile fare campagna per il No, dopo aver sostenuto quelle stesse riforme”.

Ma il Cavaliere replica a distanza: “Ci eravamo illusi, ma quelle riforme sono pericolose e possono dare il via a un altro regime. Chiediamo con forza agli italiani di votare “No””. E anche Grillo, provando a uscire dall’angolo della bufera romana, rilancia sul fronte referendario: “Renzi si preoccupa di salvare la poltrona in vista della consultazione, ma qui c’è un Paese da salvare. Le mancette pre referendarie non sono la risposta”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

08:46Mafia: Gabrielli, reato da cambiare

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Dobbiamo convincerci tutti che la corruzione è l'incubatrice delle mafie. E invece vedo un atteggiamento da scampato pericolo nei confronti della sentenza sul Mondo di Mezzo". Il capo della polizia Franco Gabrielli interviene a sostegno della tesi della procura di Roma sull'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. "Il procuratore capo Giuseppe Pignatone - dice - ha fornito un'interpretazione avanzata del reato. Non credo che in questo processo sia stato sconfitto". Probabilmente, osserva "bisogna rimodellare la formulazione del reato 416 bis".

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

Archivio Ultima ora