Abbassare le tasse, priorità per l’Italia

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, ospite a ''Porta a Porta'' di Bruno Vespa, negli studi di via Teulada a Roma, 12 settembre 2016. ANSA/ GIORGIO ONORATI

Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ospite a ”Porta a Porta” di Bruno Vespa, negli studi di via Teulada a Roma, 12 settembre 2016. ANSA/ GIORGIO ONORATI

ROMA.- Il governo potrebbe trovare nuove frecce al suo arco in vista della manovra 2017. Risorse importanti potrebbero arrivare dalla nuova operazione di rientro dei capitali dall’estero, la cosiddetta voluntary disclosure 2. La prima edizione ha fruttato alle casse dello Stato 4 miliardi di euro. La riedizione non raggiungerà con ogni probabilità gli stessi incassi, nettamente superiori alle aspettative iniziali, ma il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan spera comunque di potersi avvicinare il più possibile a quel traguardo.

“Molti capitali sono già rientrati”, ha sottolineato il ministro, confidando a Bruno Vespa nel corso di Porta a Porta di potersi “accontentare anche di una frazione della cifra recuperata”. “Spero – ha quindi risposto all’insistenza del conduttore – di poter recuperare un po’ meno di 4 miliardi”.

Se così fosse la cifra sarebbe tutt’altro che indifferente, anche se le risorse potrebbero essere usate solo per misure una tantum e non strutturali come il taglio dell’Ires. La riduzione dell’imposta societaria ci sarà, come già previsto dalla stabilità dello scorso anno, ha ribadito Padoan. Il taglio dell’Irpef non sarà invece anticipato già all’anno prossimo, come ventilato da più parti nei mesi scorsi, ma il governo rispetterà il cronoprogramma previsto, puntando alla riduzione della tassa sulle persone fisiche nel 2018.

Quello che il ministro ha invece anticipato come quasi certo nella prossima legge di bilancio è la conferma dei superammortamenti “che hanno funzionato”. Sostegni arriveranno inoltre per “gli investimenti, la produttività e la competitività”. L’idea è quella di favorire ulteriormente i premi di risultato, sulla falsariga di quanto già fatto quest’anno, ma con un probabile ampliamento.

“I contratti a livello aziendale – ha aggiunto – devono essere sostenuti, sono fonte di crescita della produttività, della competitività e del reddito dei lavoratori”. Padoan affida infine ad una battuta sul suo rapporto con Matteo Renzi le garanzie sulla discesa del deficit anche il prossimo anno. “La giacca non gliela tiro mai perché spesso quando ci vediamo non ce l’ha, ma posso citare lo stesso presidente del consiglio. Alla domanda se qualcuno gli ha fatto mai cambiare idea, ha detto che io l’ho convinto a far scendere il deficit anziché a farlo salire”.

Cercare di capire ora quale potrà essere il livello di indebitamento 2017 è ancora prematuro. Molto dipenderà dai conti che si rifaranno nella Nota di aggiornamento del Def anche per quest’anno e, sicuramente, dalla trattativa con l’Ue sul miglioramento dei saldi di bilancio italiani.

Ultima ora

05:58Trump: Melania padrona di casa a cena con senatori

WASHINGTON - Rara apparizione della first lady Melania Trump in una occasione ufficiale alla Casa Bianca ospitando da padrona di casa una cena con i senatori, sia repubblicani sia democratici. ''E' stato un grande piacere aprire le porte della Casa Bianca agli stImati membri del Senato degli Stati Uniti, insieme con consorti e ospiti'', ha detto intervenendo in apertura dell'evento.

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

05:49Trump a senatori a Casa Bianca, ‘spero in lavoro bipartisan’

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump riceve i senatori per una cena alla Casa Bianca e sembra lanciare un appello per un ''lavoro bipartisan'', su diversi temi, a partire dalla legge sulla Sanita'. ''So che troveremo presto un accordo sulla Sanita''', ha detto. ''Faremo un ottimo lavoro e speriamo comincera' ad essere anche bipartisan visto che vogliamo tutti la stessa cosa''.

05:28Trump, “perche’ fake news non su legami Podesta con Russia?”

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump torna su Twitter e, in quella che appare come una reazione agli sviluppi circa il 'Russiagate', scrive: ''Perche' le Fake News non parlano dei legami di Podesta con la Russia come riferito da @FoxNews o del denaro dalla Russia a Clinton - vendita di uranio?''.

05:22Iraq: comandante Usa, ‘probabile ruolo’ in vittime Mosul

WASHINGTON - In quella che emerge come la prima possibile ammissione di responsabilita' da parte delle forze Usa circa le numerose vittime civili a Mosul, obiettivo di raid della coalizione anti Isis, il generale Stephen J. Townsend, comandante delle forze americane in Iraq ha affermato che un raid americano potrebbe aver provocato il crollo di un edificio a Mosul in cui oltre 100 civili sono rimasti uccisi.

05:17Brexit: May ha firmato lettera notifica articolo 50

LONDRA - La premier britannica Theresa May ha firmato la lettera per la notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona che, nel momento della consegna al presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, segnerà l'avvio formale dell'iter della Brexit, il divorzio di Londra dall'Ue sancito dal referendum del 23 giugno scorso. Lo riporta la Bbc. La lettera - poche cartelle - sarà consegnata oggi alle 13,30 a Tusk dall'ambasciatore del Regno Unito a Bruxelles.

05:08Venezuela: duro scontro al consiglio permanente dell’Osa

WASHINGTON - Duro scontro oggi sull'impasse politica e la crisi economica del Venezuela al Consiglio permanente dell'Organizzazione degli stati americani (Osa), dove il governo di Nicolas Maduro ha respinto qualsiasi iniziativa di mediazione da parte dell'organizzazione, dopo essere stato messo in minoranza durante il dibattito. Dall'apertura della sessione, infatti, il rappresentante venezuelano - con l'assistenza dei colleghi di Nicaragua e Bolivia, gli unici ad assumere la difesa di Caracas nella discussione - ha cercato prima di annullare o sospendere la riunione, e successivamente di dichiararla illegale e senza valore, denunciandone l'''inaccettabile aspetto interventista''.

Archivio Ultima ora