Generazione Neet. Calano i giovani, ma non le mamme

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Una immagine della social room della Rai, con i giovani redattori al lavoro, per le Olimpiadi di Rio 2016, Roma, 18 agosto 2016. ANSA/ GIORGIO ONORATI

Una immagine della social room della Rai, con i giovani redattori al lavoro, per le Olimpiadi di Rio 2016, Roma, 18 agosto 2016. ANSA/ GIORGIO ONORATI

ROMA. – Non chiamateli “fannulloni”. La riabilitazione ufficiale dei ragazzi che non studiano e non lavorano arriva da un’analisi dell’Istat che racconta chi sono i 2 milioni e 35 mila giovani Neet (Not in education, employment or training), ora che il fenomeno si sta pian piano riducendo.

Nel secondo trimestre del 2016, infatti, c’è stata una diminuzione di 252 mila Neet rispetto all’anno precedente e la loro incidenza è scesa dal 25% dei 15-29enni, toccato in piena crisi nel secondo trimestre del 2013, al 22,3%. Nonostante questo calo, i ragazzi sospesi tra scuola e lavoro sono ancora tanti, oltre uno su cinque, e la quota tocca il 24,4% tra le donne, sale al 31,5% nel Mezzogiorno e raggiunge il 64% nel caso delle giovani mamme.

La scelta di avere un figlio prima dei trenta anni si accompagna, per la maggior parte delle ragazze, alla rinuncia al lavoro o alla fine degli studi. Troppo difficile trovare un posto di lavoro, troppo difficile conciliare gli impegni lavorativi o scolastici con la cura dei bambini, così le giovani che hanno avuto presto dei figli – una scelta sotto i riflettori dopo la campagna del ministero della Salute per il fertility day – si trovano volenti o nolenti a casa.

I giovani papà non sembrano incontrare le stesse difficoltà sul lavoro: la quota di Neet tra neo-padri è del 14%, molto inferiore alla media. Mamme a parte, la maggior dei Neet sono ragazzi disoccupati che cercano attivamente un lavoro (rappresentano il 43,8%), o forze lavoro potenziali, cioè persone che non cercano un impiego ma sono immediatamente disponibili a lavorare o che lo cercano ma non sono immediatamente disponibili (il 30,6%).

“Questi costituiscono la componente più numerosa e più variabile dei Neet, smentendo il luogo comune che li etichetta come ‘fannulloni'”, afferma l’Istat. Gli inattivi che non cercano lavoro e non sono disponibili sono solo il 25,6% dei Neet, 521 mila persone, e in più di metà dei casi si tratta di mamme.

Per tracciare l’identikit di un Neet bisogna quindi immaginare una ragazza, spesso con figli, residente al Sud e di 25-29 anni. Inoltre, si deve guardare a chi sono i suoi genitori, visto che il rischio di rimanere tagliati fuori da scuola e lavoro dipende molto dal background familiare: tra i figli di laureati i Neet sono solo il 9,5% mentre salgono al 41,1% tra chi ha genitori con al massimo la licenza elementare.

Questo, spiega l’Istat, è dovuto in parte al fatto che nelle famiglie più istruite la quota di studenti – che per definizione non sono Neet – è quasi tripla rispetto a quelle poco istruite (72,5% contro 25,2%). Pesa poi sui ragazzi che vengono dai contesti meno favorevoli, il meccanismo con cui in Italia si cerca lavoro: l’85% delle persone si rivolge infatti a parenti e amici. Così è la rete di relazioni familiari, spesso, a fare la differenza tra occupazione e disoccupazione.

(Di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

21:42In sala con i propri cani, iniziativa del Museo del Cinema

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - Una cinquantina di cani sono andati oggi...al cinema, con i loro padroni, per partecipare ad un evento speciale promosso dal Museo del Cinema di Torino in occasione della mostra in corso alla Mole Antonelliana 'Bestiale! Animal Film Stars' dedicata agli animali sul grande schermo, a cura di Davide Ferrario e Donata Pesenti Campagnoni. In sala, al Cinema Massimo, c'era anche Randy Haberkamp, dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences venuto appositamente da Los Angeles. Dopo un suo saluto padroni e animali hanno assistito alla proiezione di 'Clash of the Wolves' di Noel Mason Smith, del 1925, nella versione restaurata dalla Library of Congress di Washington, accompagnato al pianoforte dal maestro Stefano Maccagno. Il film racconta di Lobo, il famosissimo Rin Tin Tin, leader di un branco di lupi su cui è stata messa una taglia. Grazie alle sue amicizie e alla sua furbizie, il gruppo si salverà.(ANSA).

21:41Aborto: comune del Varesotto, area cimitero per feti

(ANSA) - SARONNO (VARESE), 17 OTT - Un'area del cimitero di Saronno (Varese) sarà destinata ai feti abortivi, spontanei o volontari, a seguito di un accordo stipulato all'amministrazione comunale del Comune con l'associazione "Difendere la vita con Maria". Lo rende noto l'ente locale. Ogni mese l'amministrazione organizzerà una cerimonia, alla presenza di un sacerdote, al termine della quale saranno interrati i feti raccolti in apposite scatole di colore bianco. Ci sarà anche un cippo dove sarà indicata la data della sepoltura.

21:27Di Francesco, a Stamford Bridge la Roma vuole 3 punti

(ANSA) - LONDRA, 17 OTT - Il Chelsea è "forte, anzi fortissimo", ma la Roma a Stamford bridge giocherà per i tre punti. Questa la promessa di Eusebio Di Francesco, alla vigilia della sfida contro i 'Blues'. "Avrò la possibilità di cambiare qualcosa rispetto alla partita con il Napoli, qualcosa farò ma sono decisioni che prenderò domani. La cosa più importante in questo momento, comunque, è preparare la partita per conquistare i tre punti. Il Chelsea è una squadra forte, anzi fortissima. Ma per crescere bisogna puntare sempre al massimo".

21:20Champions:Di Francesco, con Chelsea voglio approccio diverso

(ANSA) - LONDRA, 17 OTT - Eusebio Di Francesco promette contro il Chelsea un approccio differente rispetto a quello, troppo morbido, che ha condizionato l'ultima uscita contro il Napoli. "Sicuramente voglio un approccio differente - le parole dell'allenatore della Roma -. E i ragazzi lo sanno benissimo. Ma dall'altra parte ci sarà una squadra che ha una faccia feroce, perché ha appena perso contro l'ultima in classifica (il Crystal Palace, nell'ultimo turno di Premier League). Nonostante l'approccio sbagliato, comunque, nel complesso generale sabato la squadra ha reagito alla grande, e non c'è un grande divario con il Napoli. Questa consapevolezza ci deve dare forza".

21:03Calcio: Zaccheroni negli Emirati, mi chiedono i risultati

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Il presidente e la Federazione mi hanno chiesto di ottenere dei risultati e io farò il possibile, anzi l'impossibile, per centrare questi obiettivi. La Coppa d'Asia verrà organizzata qui, negli Emirati arabi, e noi dovremo assolutamente essere i protagonisti di questa competizione fra due anni. Può rappresentare un trampolino di lancio per successive competizioni che affronteremo". Così Alberto Zaccheroni nella conferenza stampa di presentazione, a Dubai, da nuovo ct della Nazionale. Gli emiri hanno scelto 'Zac' dopo avere incassato l'eliminazione dalla fase finale dei Mondiali 2018 e avere sollevato dall'incarico di ct l'argentino Edgardo Bauza. Zaccheroni ha già vinto la Coppa d'Asia alla guida del Giappone, nel 2011. Sull'account Twitter della Federcalcio di Abu Dhabi c'è un messaggio dedicato al tecnico italiano, che recita: "Benvenuto Capitano". Anche l'ambasciata italiana degli Emirati ha voluto accogliere il tecnico: "Benvenuto Zaccheroni, ti auguriamo il meglio in questo meraviglioso Paese".

Archivio Ultima ora