Generazione Neet. Calano i giovani, ma non le mamme

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Una immagine della social room della Rai, con i giovani redattori al lavoro, per le Olimpiadi di Rio 2016, Roma, 18 agosto 2016. ANSA/ GIORGIO ONORATI

Una immagine della social room della Rai, con i giovani redattori al lavoro, per le Olimpiadi di Rio 2016, Roma, 18 agosto 2016. ANSA/ GIORGIO ONORATI

ROMA. – Non chiamateli “fannulloni”. La riabilitazione ufficiale dei ragazzi che non studiano e non lavorano arriva da un’analisi dell’Istat che racconta chi sono i 2 milioni e 35 mila giovani Neet (Not in education, employment or training), ora che il fenomeno si sta pian piano riducendo.

Nel secondo trimestre del 2016, infatti, c’è stata una diminuzione di 252 mila Neet rispetto all’anno precedente e la loro incidenza è scesa dal 25% dei 15-29enni, toccato in piena crisi nel secondo trimestre del 2013, al 22,3%. Nonostante questo calo, i ragazzi sospesi tra scuola e lavoro sono ancora tanti, oltre uno su cinque, e la quota tocca il 24,4% tra le donne, sale al 31,5% nel Mezzogiorno e raggiunge il 64% nel caso delle giovani mamme.

La scelta di avere un figlio prima dei trenta anni si accompagna, per la maggior parte delle ragazze, alla rinuncia al lavoro o alla fine degli studi. Troppo difficile trovare un posto di lavoro, troppo difficile conciliare gli impegni lavorativi o scolastici con la cura dei bambini, così le giovani che hanno avuto presto dei figli – una scelta sotto i riflettori dopo la campagna del ministero della Salute per il fertility day – si trovano volenti o nolenti a casa.

I giovani papà non sembrano incontrare le stesse difficoltà sul lavoro: la quota di Neet tra neo-padri è del 14%, molto inferiore alla media. Mamme a parte, la maggior dei Neet sono ragazzi disoccupati che cercano attivamente un lavoro (rappresentano il 43,8%), o forze lavoro potenziali, cioè persone che non cercano un impiego ma sono immediatamente disponibili a lavorare o che lo cercano ma non sono immediatamente disponibili (il 30,6%).

“Questi costituiscono la componente più numerosa e più variabile dei Neet, smentendo il luogo comune che li etichetta come ‘fannulloni'”, afferma l’Istat. Gli inattivi che non cercano lavoro e non sono disponibili sono solo il 25,6% dei Neet, 521 mila persone, e in più di metà dei casi si tratta di mamme.

Per tracciare l’identikit di un Neet bisogna quindi immaginare una ragazza, spesso con figli, residente al Sud e di 25-29 anni. Inoltre, si deve guardare a chi sono i suoi genitori, visto che il rischio di rimanere tagliati fuori da scuola e lavoro dipende molto dal background familiare: tra i figli di laureati i Neet sono solo il 9,5% mentre salgono al 41,1% tra chi ha genitori con al massimo la licenza elementare.

Questo, spiega l’Istat, è dovuto in parte al fatto che nelle famiglie più istruite la quota di studenti – che per definizione non sono Neet – è quasi tripla rispetto a quelle poco istruite (72,5% contro 25,2%). Pesa poi sui ragazzi che vengono dai contesti meno favorevoli, il meccanismo con cui in Italia si cerca lavoro: l’85% delle persone si rivolge infatti a parenti e amici. Così è la rete di relazioni familiari, spesso, a fare la differenza tra occupazione e disoccupazione.

(Di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

19:05Calcio: vento forte a Cagliari, ma gara col Milan si gioca

(ANSA) - CAGLIARI, 21 GEN - Fortissime raffiche di maestrale a Cagliari, ma la partita tra rossoblù e Milan si gioca lo stesso. Il primo ok è arrivato dopo il sopralluogo della questura per verificare la sussistenza delle condizioni di sicurezza per il pubblico della Sardegna Arena. Pochi minuti fa è arrivato anche il benestare tecnico della terna arbitrale. Anche perché il vento, che stamattina ha spazzato la città buttando giù anche diversi alberi, sta diminuendo di intensità.

19:05Di Maio, intercettazioni informatiche contro corruzione

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Riformiamo la prescrizione, con la sospensione dal primo grado di giudizio o dal rinvio a giudizio. Istituiamo il Daspo per corrotti: se sei corrotto non devi più avere a che fare con la Pubblica Amministrazione" e il M5S vuole inserire "agenti sotto copertura per i reati di corruzione e le intercettazioni informatiche con i virus trojan nei Pc e negli smartphone sempre per i reati di corruzione". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio parlando del programma di governo del movimento a Pescara.

18:58Di Maio, via Irap per Pmi, calo Irpef per ceto medio

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Eliminiamo i finanziamenti a pioggia alle Pmi che vanno sempre agli stessi e aboliamo l'Irap per loro". Lo afferma Luigi Di Maio presentando il punto sul fisco del programma del M5S. "Riduzione aliquote Irpef per ceto medio, no tax area fino a 10mila, manovra choc per Pmi con la riduzione del cuneo fiscale", sono altre priorità rimarcate da Di Maio che spiega: "il Made in Italy non potrà mai robotizzare i suoi artigiani. Se vogliamo salvare il Made in Italy va reso competitivo".

18:58Gentiloni, sì Spd per governo è passo avanti per futuro Ue

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Passa a maggioranza la proposta di Martin Schulz per concludere un accordo di grande coalizione. Un passo avanti per il futuro dell'Europa". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni commentando il sì della Spd alla grande coalizione con la Merkel.

18:56Calcio: serie B, Brescia Avellino 2-3

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Gran colpo dell'Avellino che nel posticipo della 22/a giornata di serie B espugna il campo di Brescia al termine di una gara con cinque gol e continui cambi di scenario: finisce 3-2 per la squadra di Novellino. L'Avellino passa in vantaggio al 16': cross da sinistra di Bidaoui sul secondo palo dove è appostato Molina che non sbaglia. Il Brescia ribalta però la partita in un minuto: tra il 27' e il 28' ecco la doppietta di Torregrossa con il primo gol di testa, il secondo di destro potente. Non è tutto perchè nella ripresa c'è un altro colpo di scena: l'Avellino prima fa il 2-2 (all'8') con Castaldo e poi trova il vantaggio al 15' con Bidaoui. In entrambe le circostanze, pasticci della difesa di casa. L'Avellino sale a quota 28 punti, il Brescia resta a 23.

18:51Shutdown, Trump suggerisce cambio regole voto Senato

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump suggerisce che si cambino le regole di voto al Senato per superare l'impasse che ha portato allo shutdown dell'amministrazione federale. "Se l'impasse continua i repubblicani dovrebbero puntare al 51% (Opzione Nucleare) e votare per un vero e duraturo testo sul bilancio", ha scritto il presidente in un tweet. Le regole in vigore prevedono una 'supermaggioranza' di 60 voti su 100 al Senato per l'approvazione del provvedimento che finanzia il governo.

18:47Calcio: Spalletti, dispiace se Nainggolan va in Cina

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Il calcio è fatto così. A Roma sanno cosa fare, negli ultimi anni sono sempre stati in alta classifica. Ora hanno passato il turno di Champions, hanno giocatori di altissimo livello, Di Francesco ha ottenuto ottimi risultati. Bisogna essere pronti a gestire queste situazioni". Dai microfoni di Premium Sport Luciano Spalletti, tecnico dell'Inter, commenta così, a poche ore dalla partita contro la Roma, l'eventuale cessione di Dzeko e Nainggolan da parte del club giallorosso. "Mi dispiacerebbe - dice - se Nainggolan finisse in Cina, è un alieno e per questo a volte fa anche delle cavolate ma è un giocatore fantastico".

Archivio Ultima ora