Pensioni in Venezuela: si discute in Commissione Lavoro una interrogazione di Fabio Porta

Pubblicato il 13 settembre 2016 da redazione

Pensionati in Venezuela durante una riunione in cui l'Ambasciatore e funzionari dei Patronati hanno spiegato i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni e quale potrebbe essere la situazione nel 2016.

Pensionati in Venezuela durante una riunione in cui l’Ambasciatore e funzionari dei Patronati hanno spiegato i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni e quale potrebbe essere la situazione nel 2016.

ROMA – Ancora una volta Fabio Porta, deputato del Pd eletto in America meridionale, insieme a Marialuisa Gnecchi, sta cercando di sensibilizzare Governo e Parlamento e di sbloccare finalmente lo stallo delle autorità competenti italiane (ministero del Lavoro, ministero degli Affari Esteri e soprattutto ministero dell’Economia e delle Finanze) nel trovare una rapida soluzione ad un problema urgente e drammatico.

Come Porta ha più volte denunciato da più di un anno l’Inps ha sospeso l’erogazione delle prestazioni assistenziali ai pensionati italiani residenti in Venezuela riducendo il pro-rata ad un importo irrisorio (poche decine di euro) e privando così i nostri connazionali di un reddito pensionistico sul quale essi facevano affidamento per la mera sopravvivenza vista la grave crisi economica che attanaglia il Paese latinoamericano.

Recentemente, su iniziativa dei Patronati che operano in Venezuela, è stata consegnata al Governo italiano una petizione firmata da più di 3.000 pensionati chiedendo l’adeguamento del cambio al valore Dicom (circa 650,00 Bs. per dollaro), lo stesso che tra l’altro utilizza il Consolato per far pagare i servizi consolari.

Il paradosso è dovuto al fatto che mentre i redditi dei nostri connazionali sono aumentati nominalmente, in realtà il potere d’acquisto degli stessi è diminuito vertiginosamente a causa dell’iperinflazione che ormai ha toccato il 700% e nonostante ciò, per un perverso meccanismo del cambio valuta ancorato al valore Dicom (10,00 Bs. per dollaro), l’Inps ha revocato le prestazioni assistenziali che come è noto sono legate ai limiti di reddito.

Il 15 settembre alla XI Commissione permanente Lavoro della Camera dei deputati si discuterà l’interrogazione di Fabio Porta, presidente del Comitato degli italiani nel mondo, sulle ipotesi di soluzione del dramma che stanno vivendo i nostri pensionati in Venezuela a causa della incongruenza del tasso di cambio utilizzato dall’Inps per la determinazione del reddito degli stessi pensionati ai fini dell’erogazione delle prestazioni non contributive come l’integrazione al minimo, le maggiorazioni sociali e gli assegni familiari.

Fabio Porta, che continua a ricevere le testimonianze di centinaia di pensionati italiani che denunciano le loro difficoltà umane ed economiche e come denunciato sulle pagine della Voce, si è attivato da subito ed ha contattato ministeri ed enti competenti segnalando il problema e chiedendo l’immediato intervento del Governo per porre rimedio ad una situazione che può essere sanata con un minimo sforzo finanziario da parte dell’Italia ma che richiede – oltre alla consapevolezza del dramma – dinamismo, volontà politica e capacità attuative.

L’auspicio è che l’interrogazione in Commissione Lavoro rappresenti un importante e determinante tassello verso la soluzione del problema.

Ultima ora

18:33Province: niente risorse Sardegna,Regione annuncia battaglia

(ANSA) - CAGLIARI, 20 GEN - Le Province sarde rimangono a secco di risorse. "Gli enti locali dell'Isola - denuncia l'assessore regionale Cristiano Erriu - sono stati esclusi dalla ripartizione nazionale di circa un miliardo di euro per sostenere i conti: 650 milioni alle Province e 250 alle Città Metropolitane per sterilizzare i tagli aggiuntivi della manovra di due anni fa". E ora la Sardegna minaccia di far mancare la propria intesa in sede di Conferenza Unificata, il 31 gennaio prossimo, quando verrà esaminato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri per l'individuazione dei beneficiari e la decisione sui criteri di riparto. Senza queste risorse, ribadisce l'esponente della Giunta Pigliaru, "gli enti locali sardi verrebbero messi nell'impossibilità di funzionare" e si profila "una grave lesione del principio di leale collaborazione tra i livelli istituzionali". Non solo. "Si arriverebbe al paradosso - spiega Erriu - che le uniche Province chiamate a contribuire al risanamento del debito pubblico dello Stato siano quelle siciliane e sarde. Quest'ultime dovrebbero gestire le funzioni fondamentali (istruzione, viabilità e ambiente) in una fase di riorganizzazione che ha portato a una riduzione degli enti da otto a quattro. Non è pensabile - attacca l'assessore - che la Sardegna venga lasciata sola a finanziare gli enti di area vasta, che sono ormai pressoché sprovvisti di entrate proprie, dunque non in grado di gestire l'esercizio delle loro funzioni, per garantire alla cittadinanza un livello di servizi adeguato ai bisogni dei territori e delle collettività amministrate". (ANSA).

18:24Maltempo: trovati morti padre e figlio dispersi a Crognaleto

(ANSA) - CROGNALETO (TERAMO), 20 GEN - Sono stati trovati morti padre e figlio dispersi da ieri nel comune montano di Crognaleto, nel teramano. A ritrovarli una delle squadre dei Vigili del Fuoco impegnate nelle ricerche da ieri sera. Mattia Marinelli, 23 anni, e il padre cinquantenne Claudio erano usciti di casa per andare a comprare delle pizze. La loro auto è stata individuata lungo la strada comunale nella frazione di Poggio Umbricchio; potrebbero averla lasciata lì perché in panne. Il paese è da giorni sotto una fitta coltre di neve e molte abitazioni sono senza energia elettrica a causa del maltempo. Recuperato in mattinata il corpo di Mattia, nel primo pomeriggio è stato ritrovato, poco distante, il padre, in fondo a una piccola scarpata piena di neve ghiacciata. Le salme sono state composte all'obitorio dell'ospedale Mazzini di Teramo, in attesa di una decisione della magistratura.

18:21Mamma modello in tv condannata per maltrattamenti ai figli

(ANSA) - TORINO, 20 GEN - È stata condannata a 1 anni e 10 mesi per maltrattamenti nei confronti dei sette figli, la donna che, qualche anno fa, era stata presentata in tv come una madre modello. Il giudice monocratico Diamante Minucci ha accolto la pena chiesta dal pm Marco Sanini, mentre l'ha assolta dall'accusa di maltrattamenti al consorte. A denunciare la donna è stato proprio il marito, parte civile nel processo e rappresentato dall'avvocato Anna Ronfani. Secondo la denuncia dell'uomo, che ha presentato anche alcuni video delle violenze, i problemi sarebbero iniziati nel 2013, dopo la nascita dell'ultimo bambino. "Un momento di particolare stress per la mia cliente", ha detto in aula l'avvocato difensore della donna, Elena Negri. "Questi episodi - ha aggiunto - sono stati il frutto di un comportamento provocatorio del marito". Secondo il legale, l'uomo, "invece di preoccuparsi di fornire sostegno adeguato alla moglie, ha pensato di scaricare ogni difficoltà e responsabilità su di lei, arrivando a sostenere, anche in presenza dei figli, che era affetta da disturbi psichiatrici risultati invece insussistenti". Il tribunale infatti ha respinto la richiesta di decadenza dalla responsabilità genitoriale", conclude il legale affermando che "la vicenda penale è una coincidenza strumentale a quella della separazione". (ANSA).

18:18L’Isis decapita un maestro sufi nel Sinai

(ANSA) - IL CAIRO, 20 GEN - L'Isis continua ad intimidire le popolazioni del nord-est del Sinai per scoraggiare una loro collaborazione con le autorità egiziane: un prelato sufi è stato rinvenuto decapitato stamattina nella penisola. Lo riferiscono fonti della sicurezza citando la famiglia del "maestro" (Shaikh) di dottrine islamiche Saleh Greir. L'uomo era stato sequestrato ieri davanti alla propria abitazione ad Al Arish dal braccio egiziano dell'Isis, gli ex "Ansar Beit el-Maqdis", precisano le fonti. Sempre ieri un professore di 38 anni è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre camminava per strada nella stessa Arish, aggiungono le fonti ricordando che gli Ansar uccidono le persone sospettate di aver collaborato con l'esercito. Come noto i metodi e dottrine del sufismo tendono a preservare la comunità islamica da un irrigidimento della fede e da un letteralismo arido e legalistico.

18:18Calcio: Cataldi, a Genova per 6 mesi ma voglio vincere

(ANSA) - GENOVA, 20 GEN - "Sono qua per vincere più partite possibili e per dare delle gioie ai nostri tifosi". Non si nasconde Danilo Cataldi nel giorno della presentazione ufficiale al Genoa, dove è arrivato in prestito dalla Lazio. "So che tra sei mesi tornerò alla Lazio ma non sono una persona che viene qua a fare sei mesi, tanto tra poco me ne vado - ha spiegato -. Sono un professionista e vengo a fare il massimo. Sono uno che si arrabbia quando perde la partitella in allenamento, potete immaginare in campionato, di certo non sono un burattino". Schierato subito a Cagliari, ma non contro la sua ex squadra in Coppa Italia, Cataldi domenica troverà il Crotone. "Li ho affrontati qualche settimana fa e mi aspetto un Crotone tosto come è stato in tutte le partite. Non ricordo ad esempio un Crotone che ha subito goleade. Sono una squadra dura con due attaccanti importanti che possono tenere su la palla e molto fastidiosi da marcare - ha aggiunto -. Ma noi in questo momento dobbiamo pensare a fare risultato e basta".

18:17Trump: Bill e Hillary Clinton a Capitol Hill per giuramento

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - Hillary e Bill Clinton arrivano a Capitol Hill per il giuramento di Donald Trump. Hillary è tutta vestita in bianco, con completo pantalone e cappotto.

18:16Truffa assicurazioni con falsi incidenti, 55 denunciati

(ANSA) - PLATI' (REGGIO CALABRIA), 20 GEN - Una truffa ai danni di compagnie assicurative è stata scoperta dai carabinieri di Platì che hanno denunciato 55 persone residenti nella Locride, perché ritenute responsabili, a vario titolo, di truffa, fraudolento danneggiamento dei beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona. L'indagine è partita nell'ottobre 2015 dopo alcuni indennizzi derivanti da infortuni stradali ritenuti sospetti ed è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Locri. L'inchiesta avrebbe evidenziato che 19 incidenti stradali denunciati tra il 2014 e il 2016 in realtà non erano mai avvenuti. Secondo i carabinieri, gli indagati, chi come conducente di veicoli, chi come trasportato, chi come testimone, avrebbero percepito complessivamente circa 200 mila euro. Dalle indagini è emerso anche che alcuni mezzi sarebbero stati coinvolti in più incidenti nello stesso giorno e che diversi incidenti si sarebbero verificati tra familiari conviventi. (ANSA).

Archivio Ultima ora