Pensioni in Venezuela: si discute in Commissione Lavoro una interrogazione di Fabio Porta

Pubblicato il 13 settembre 2016 da redazione

Pensionati in Venezuela durante una riunione in cui l'Ambasciatore e funzionari dei Patronati hanno spiegato i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni e quale potrebbe essere la situazione nel 2016.

Pensionati in Venezuela durante una riunione in cui l’Ambasciatore e funzionari dei Patronati hanno spiegato i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni e quale potrebbe essere la situazione nel 2016.

ROMA – Ancora una volta Fabio Porta, deputato del Pd eletto in America meridionale, insieme a Marialuisa Gnecchi, sta cercando di sensibilizzare Governo e Parlamento e di sbloccare finalmente lo stallo delle autorità competenti italiane (ministero del Lavoro, ministero degli Affari Esteri e soprattutto ministero dell’Economia e delle Finanze) nel trovare una rapida soluzione ad un problema urgente e drammatico.

Come Porta ha più volte denunciato da più di un anno l’Inps ha sospeso l’erogazione delle prestazioni assistenziali ai pensionati italiani residenti in Venezuela riducendo il pro-rata ad un importo irrisorio (poche decine di euro) e privando così i nostri connazionali di un reddito pensionistico sul quale essi facevano affidamento per la mera sopravvivenza vista la grave crisi economica che attanaglia il Paese latinoamericano.

Recentemente, su iniziativa dei Patronati che operano in Venezuela, è stata consegnata al Governo italiano una petizione firmata da più di 3.000 pensionati chiedendo l’adeguamento del cambio al valore Dicom (circa 650,00 Bs. per dollaro), lo stesso che tra l’altro utilizza il Consolato per far pagare i servizi consolari.

Il paradosso è dovuto al fatto che mentre i redditi dei nostri connazionali sono aumentati nominalmente, in realtà il potere d’acquisto degli stessi è diminuito vertiginosamente a causa dell’iperinflazione che ormai ha toccato il 700% e nonostante ciò, per un perverso meccanismo del cambio valuta ancorato al valore Dicom (10,00 Bs. per dollaro), l’Inps ha revocato le prestazioni assistenziali che come è noto sono legate ai limiti di reddito.

Il 15 settembre alla XI Commissione permanente Lavoro della Camera dei deputati si discuterà l’interrogazione di Fabio Porta, presidente del Comitato degli italiani nel mondo, sulle ipotesi di soluzione del dramma che stanno vivendo i nostri pensionati in Venezuela a causa della incongruenza del tasso di cambio utilizzato dall’Inps per la determinazione del reddito degli stessi pensionati ai fini dell’erogazione delle prestazioni non contributive come l’integrazione al minimo, le maggiorazioni sociali e gli assegni familiari.

Fabio Porta, che continua a ricevere le testimonianze di centinaia di pensionati italiani che denunciano le loro difficoltà umane ed economiche e come denunciato sulle pagine della Voce, si è attivato da subito ed ha contattato ministeri ed enti competenti segnalando il problema e chiedendo l’immediato intervento del Governo per porre rimedio ad una situazione che può essere sanata con un minimo sforzo finanziario da parte dell’Italia ma che richiede – oltre alla consapevolezza del dramma – dinamismo, volontà politica e capacità attuative.

L’auspicio è che l’interrogazione in Commissione Lavoro rappresenti un importante e determinante tassello verso la soluzione del problema.

Ultima ora

16:32Intercettazioni: Orlando, entro fine mese pronto decreto

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "Entro fine mese credo che lo consegnerò a Palazzo Chigi" per un'approvazione che potrebbe avvenire entro Natale. E' la tempistica del ministro della Giustizia Andrea Orlando sul decreto intercettazioni. "Non ci sarà il riassunto - dice il ministro a Corriere.it - per una ragione diversa da quanto detto con una campagna discutibile, il riassunto ci è stato contestato non dai giornalisti perché la Fnsi non si è presentata ma dai penalisti" sul diritto di difesa e "terremo in considerazione".

16:30Yoko Ono contro limonata ‘John Lemon’, bloccata vendita

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La vedova di John Lennon, Yoko Ono, ha bloccato la vendita della limonata 'John Lemon', accusando una startup polacca di volere trarre profitto dalla memoria del suo consorte assassinato nel 1980. Secondo quanto riporta la Cnn, Ono, che aveva sposato l'ex Beatles nel 1969, ha fatto causa all'azienda polacca lo scorso aprile presso un Tribunale dell'Aja. La società ha reso noto questa settimana che il caso e' stato risolto in sede stragiudiziale e che sostituirà il nome 'John Lemon' con 'On Lemon'. La startup ha sottolineato che respinge l'accusa di Yoko Ono, motivando la sua decisone di chiudere il caso per "evitare i costi estremamente alti del procedimento giudiziario".

16:28Trump, in arrivo nuove sanzioni contro Corea del Nord

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - "Imporremo nuove sanzioni alla Corea del Nord": lo ha detto il presidente americano, Donald Trump a margine dell'Assemblea generale dell'Onu, dove oggi si riunisce il Consiglio di sicurezza. Anche un funzionario dell'amministrazione Usa - come riportano i media - conferma la decisione di nuove sanzioni nella giornata di oggi.

16:26Messico:Frida tra macerie scuola muove dita,simbolo speranza

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 21 SET - I soccorritori sono ormai da ore vicini a Frida, una bambina intrappolate nella scuola 'Enrique Rebsamen' di Città del Messico dopo il sisma, che ieri è riuscita a muovere le dita, mostrando di essere ancora viva. Un particolare che è divenuto simbolo della speranza per tutto il Messico dopo la tragedia del terremoto. Frida si trova sotto il tavolo di marmo dell'aula di inglese della prima elementare della scuola, precisano i media locali, sottolineando i rischi di crolli provocati dai movimenti tra le macerie che potrebbero così compromettere le operazioni di soccorso. Dall'interno della scuola, sottolineano i media, è stato estratto il corpo di una maestra di 58 anni.

16:23Brexit: Barnier, su negoziato restano molte incertezze

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Sul negoziato sulla Brexit "restano molte incertezze". Lo ha detto il capo negoziatore Ue per la Brexit, Michel Barnier, alle commissioni riunite Esteri e Politiche dell'Unione europea al Senato. "Ascolteremo con grande attenzione e spirito costruttivo il discorso che domani la premier britannica Theresa May farà a Firenze". "Bisogna trovare un accordo corretto con il Regno Unito ma bisogna essere intransigenti sulle regole". "Le regole devono essere rispettate. Dobbiamo trovare un accordo con i britannici, ma non ci siamo ancora", ha aggiunto Barnier. "Spero entro la fine dell'anno di constatare progressi sufficienti per poi avviare la seconda parte del negoziato. Noi - ha concluso - siamo fermi sui principi, è il Regno Unito che lascia la Ue e non noi. L'uscita di Londra non può farsi a danno del mercato unico"

16:15Morta a 12 anni dopo intervento femore: indagati 2 medici

(ANSA) - BARI, 21 SET - La Procura di Bari ha indagato due medici dell'ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari, un chirurgo e un anestesista, per la morte di una 12enne di origini colombiane deceduta probabilmente a causa di una ipertermia maligna subito dopo un intervento di riduzione di una frattura al femore. Sul decesso il pm Bruna Manganelli ha aperto un' indagine per omicidio colposo disponendo l'acquisizione delle cartelle cliniche e l'autopsia. Stando a quanto ricostruito fino a questo momento, la 12enne - adottata da una coppia italiana all'età di sei anni - sarebbe arrivata all'ospedale pediatrico con una frattura al femore nel pomeriggio di martedì e sarebbe stata subito sottoposta ad intervento chirurgico. Subito dopo avrebbe avuto un improvviso innalzamento della temperatura corporea, fino a 44 gradi, e non si sarebbe più risvegliata. L'autopsia dovrà accertare se quella febbre riconducibile ad una ipertermia maligna, che è una patologia congenita che si manifesta soprattutto con l'anestesia.

16:11Stage in Hera a figlio ispettore Anac, due a giudizio

(ANSA) - BOLOGNA, 21 SET - Il Gup del tribunale di Bologna Francesca Zavaglia ha rinviato a giudizio due persone per il reato di induzione indebita a dare o promettere utilità: un funzionario Hera e un ispettore Anac oltre alle società Hera e Herambiente per la responsabilità amministrativa. I fatti risalgono al 2015 e secondo l'accusa, coordinata dal Pm Morena Plazzi, l'ispettore si sarebbe prodigato con il funzionario, un quadro intermedio, affinché il figlio venisse preso per uno stage di sette mesi nell'azienda, proprio mentre era in corso una verifica dell'Anticorruzione sulla regolarità di un bando per la raccolta dei rifiuti della multiutility. Un tirocinio a cui, peraltro, non seguì l'avvio di un rapporto di lavoro. La prima udienza per i due imputati, difesi dagli avvocati Vittorio Manes e Guido Camera, le società dall'avvocato Filippo Sgubbi, è fissata per il 19 dicembre.(ANSA).

Archivio Ultima ora