Arabia primo produttore mondiale di petrolio. Superati gli Usa

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

Arabia primo produttore mondiale di petrolio. Superati gli Usa

Arabia primo produttore mondiale di petrolio. Superati gli Usa

ROMA. – L’Arabia Saudita supera gli Stati Uniti e, dopo oltre due anni, riconquista lo scettro di primo produttore di petrolio al mondo. A certificare il sorpasso, avvenuto anche grazie alla politica di prezzi bassi che ha messo fuori gioco tanti produttori americani di shale oil, è stata l’Agenzia internazionale per l’energia, diffondendo i dati relativi ad agosto.

Il mese scorso, dice il report dell’agenzia, l’Arabia ha prodotto 12,58 milioni di barili di greggio e condensati al giorno, contro i 12,2 milioni degli americani: gli Stati Uniti perdono così quel primo posto conquistato ad aprile 2014 grazie al boom dello shale oil.

Mentre gli sceicchi hanno aumentato di 400mila barili al giorno la produzione dai propri giacimenti a basso costo a partire da maggio, circa 460mila barili americani ‘ad alto costo’ sono usciti dalla produzione nel giro di un’estate.

I prezzi bassi, come noto, hanno messo in forte difficoltà diverse società americane che avevano puntato sullo shale, i cui costi di estrazione sono molto più ingenti di quelli della produzione tradizionale e si giustificano solo con prezzi al di sopra di una certa soglia (secondo alcuni esperti, almeno 60 dollari al barile): le perforazioni negli Stati Uniti, infatti, sono scese al record di 404 a maggio scorso, per poi recuperare parzialmente a 508 a settembre.

La politica decisa dall’Opec di non mettere mano alle quote di produzione, da molti interpretata proprio come il tentativo di ridimensionare la produzione nordamericana, ha quindi sortito l’effetto sperato. Il mercato, tuttavia, stenta a riprendere vigore. L’Agenzia ha infatti evidenziato anche che l’attuale eccesso di offerta durerà più a lungo del previsto, proseguendo anche nel 2017, che sarà quindi il quarto anno consecutivo di surplus.

Per questo l’Agenzia ha tagliato le previsioni di domanda di 200mila barili al giorno per il 2017 e di 100mila per quest’anno citando “una drammatica decelerazione in Cina e India” e una “crescita evanescente” nelle economie sviluppate. Il petrolio viaggia così in calo del 2,7% intorno a 45 dollari sulla piazza di New York.

(di Francesca Paggio/ANSA)

Ultima ora

06:53Usa: morto Brezinski, consigliere sicurezza di Jimmy Carter

WASHINGTON - E' morto Zbigniew Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti durante la presidenza di Jimmy Carter. La notizia e' stata data dalla figlia Mika, conduttrice televisiva nel programma mattutino 'Morning Joe' dell'emittente MsNbc. Brzezinski aveva 89 anni.

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

Archivio Ultima ora