Brasile: cade l’autore dell’impeachment Dilma, è la sua vendetta

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

L'ex-presidente della Camera brasiliana, Eduardo Cunha,

L’ex-presidente della Camera brasiliana, Eduardo Cunha,

RIO DE JANEIRO. – Da grande accusatore a principale accusato: ha perso il proprio mandato parlamentare l’ex presidente della Camera brasiliana, Eduardo Cunha, arcirivale dell’ex capo di Stato, Dilma Rousseff, di cui a suo tempo aveva autorizzato il procedimento di impeachment, considerandola responsabile di pratiche contabili illegali. E lui adesso si dichiara vittima di una “vendetta politica” trasversale, motivata a suo dire proprio dalla messa in stato di accusa sofferta dall’ex guerrigliera marxista.

La maggioranza assoluta dei deputati (450 voti a favore su 470 presenti, ma ne sarebbero bastati 257) la notte scorsa in sessione plenaria ha deciso di destituire l’ex collega, il quale ora, come previsto dalla legge ‘Ficha Limpa’ (‘pagina pulita’, che dal 2010 impedisce la candidatura di politici condannati in qualsiasi grado di giudizio), si vede anche interdetto dai pubblici uffici per i prossimi otto anni.

Cunha, accusato di aver mentito alla Commissione parlamentare d’inchiesta sullo scandalo dei fondi neri Petrobras, affermando di non possedere conti bancari all’estero, ormai quasi un anno fa era stato sottoposto a procedimento disciplinare dal Consiglio etico della Camera.

Ufficialmente, è stato punito per “comportamento incompatibile con la condotta parlamentare”, ma i suoi guai giudiziari potrebbero essere solo all’inizio. Cunha è infatti anche indagato su due fronti dell’operazione ‘Lava-Jato’, la Mani pulite brasiliana, sospettato di aver ricevuto tangenti milionarie provenienti dal vasto schema di corruzione interno al colosso petrolifero statale.

Avendo perso l’immunità parlamentare, in teoria potrebbe subito finire nelle mani del giudice Sergio Moro e magari essere pure arrestato. Se così fosse, è probabile che da lui arrivino nuove scottanti rivelazioni, dando un ulteriore scossone alla già traballante classe politica e imprenditoriale brasiliana.

Cunha stesso lo ha in parte anticipato: “Sto pagando il prezzo di aver guidato l’impeachment e di aver liberato il Brasile dal Partito dei lavoratori” di Dilma e Lula, ha tuonato. “Racconterò tutti i retroscena dell’impeachment, tutti i dialoghi saranno pubblicati”, ha poi detto ai microfoni dei giornalisti, subito dopo la votazione alla Camera, annunciando di voler scrivere un libro sull’argomento.

Tra i nomi che potrebbero emergere non è da escludere quello dell’attuale capo di Stato, Michel Temer, subentrato a Rousseff lo scorso 31 agosto. Temer appartiene allo stesso partito (Pmdb, di centro) di Cunha, di cui finora era ritenuto uno stretto alleato. L’ex speaker della Camera incolpa Temer per averlo abbandonato al proprio destino e potrebbe quindi essere tentato di aprire il ‘vaso di Pandora’ tirando in ballo altre figure eccellenti dell’establishment verde-oro che, come lui, credevano di poter continuare ad essere per sempre degli intoccabili.

(di Leonardo Cioni/ANSA)

Ultima ora

15:30Marra:riserva tribunale su questioni preliminari,rinvio 30/5

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Udienza dedicata alla questioni preliminari, con riserva di pronunciamento da parte del tribunale, quella di oggi al processo che vede imputati l'ex capo di Gabinetto del Campidoglio Raffaele Marra e l' immobiliarista Sergio Scarpellini per corruzione. Il collegio della II sezione penale non ha autorizzato riprese tv e audio, previo parere negativo espresso dagli avvocati di Marra e Scarpellini, ritenendo che non sussista un rilevante interesse sociale. La riserva dei giudici sulle questioni preliminari sarà sciolta nell'udienza del 30 maggio e in quell'occasione ci sarà anche l'esame delle liste testi. In quella di Marra compare anche il nome della sindaca di Roma Virginia Raggi. Marra e Scarpellini, ai domiciliari, devono rispondere di corruzione per la vicenda dei 370mila euro dati, nel 2013, dall'immobiliarista al dirigente comunale per l'acquisto di un appartamento. Secondo la procura la dazione di Scarpellini era finalizzata a ottenere favori alla luce della posizione occupata in Campidoglio da Marra.

15:24Sisma: lunedì visita Presidente Mattarella in Emilia

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAG - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sarà in Emilia lunedì 29 maggio, a cinque anni dalla seconda scossa che inferse un ennesimo, duro colpo a un territorio già ferito dal sisma del 20 maggio. Lo ricorda un comunicato della Regione Emilia-Romagna. Il filo rosso della visita del capo dello Stato sarà la ricostruzione dei luoghi del sapere e toccherà Mirandola nel modenese e Pieve di Cento nel bolognese, due luoghi fortemente colpiti dalla devastazione del sisma, ma anche simbolo della ricostruzione e della rinascita. Nella stessa giornata sarà in Emilia anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che visiterà la "Casa della salute Terre d'Acqua Barberini" a Crevalcore (Bologna), anch'essa ricostruita dopo il terremoto del 2012. (ANSA).

15:16Bullismo: estorcono soldi a compagno scuola, 5 indagati

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 26 MAG - All'inizio la cifra 'pattuita' settimanalmente era di 20 euro ma poi con il trascorrere del tempo le richieste sono aumentate, passando a 40, 50 e fino ad arrivare a 500 euro. Vittima delle richieste estorsive uno studente, minorenne, di un istituto superiore di Empoli che in cinque mesi è stato costretto a versare 1300 euro ai suoi 'aguzzini', cinque ragazzi, anche loro minori, che frequentano il suo stesso istituto e che ora risultano indagati. L'ultima richiesta è stata di 500 euro. La banconota è stata notata da un suo compagno di scuola che insospettito si è rivolto ad un professore che a sua volta ha ascoltato la vittima che, in lacrime, ha raccontato quello che stava accadendo. L'insegnante ha allertato la polizia che ha iniziato le indagini. Gli agenti del commissariato di Empoli, diretti dal Francesco Zunino e coordinati dalla Procura della Repubblica, Tribunale per i minorenni, sono riusciti a risalire ai cinque ora indagati per estorsione continuata aggravata in concorso tra loro.

15:08Calcio: Agnelli-ultras, al via il processo in Figc

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Al via in Figc il processo sportivo alla Juventus e al suo presidente Andrea Agnelli per il caso dei rapporti con gli ultrà. Agnelli è giunto al Tribunale federale nazionale alle 13:30 per il procedimento di fronte alla Sezione disciplinare presieduta da Cesare Mastrocola. Agnelli è stato deferito dalla Procura federale per la presunta violazione degli articoli 1 bis (lealtà sportiva) e 12 (rapporti con i tifosi); la Juventus per responsabilità diretta. Secondo il procuratore Giuseppe Pecoraro, il presidente della Juventus avrebbe autorizzato la fornitura di abbonamenti e biglietti in numero superiore al consentito, favorendo così il bagarinaggio, e partecipato ad incontri con ultras, tra cui Rocco Dominello, imputato al processo "Alto Piemonte" per legami con la criminalità organizzata. Con il n.1 bianconero sono a processo Francesco Calvo, all'epoca direttore commerciale della Juventus, Alessandro Nicola D'Angelo, security manager bianconero, e Stefano Merulla, responsabile del ticket office del club.

15:05Kushner e Ivanka non sono al G7

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - Ivanka Trump con il marito Jared Kushner non sono a Taormina ma sono già rientrati a Washington. Lo riferiscono fonti della Casa Bianca, spiegando come genero e figlia del presidente hanno lasciato la delegazione Usa subito dopo la visita a Roma. Su Kushner nelle ultime ore si è abbattuta la tempesta del Russiagate.

15:00G7: centri sociali da Napoli verso Taormina

(ANSA) - NAPOLI, 26 MAG - Partiranno questa sera per Catania circa 150 appartenenti a Centri sociali di Napoli per unirsi a Taormina alle manifestazioni contro il G7. Si tratta degli appartenenti al Centro sociale Insurgencia, che saranno accompagnati dai consiglieri comunali Eleonora di Majo e Rosario Andreozzi, del Movimento Dema del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che stamattina ha salutato i manifestanti in partenza. L'imbarco per Catania è previsto per le ore 21.

14:56Moto: Valentino Rossi, meno dolore al petto e all’addome

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Secondo il comunicato sulle condizioni di salute del pilota di Tavullia pubblicato sul proprio sito dalla scuderia Yamaha, Valentino Rossi "ha passato serenamente la notte all'ospedale Infermi di Rimini ed è stato visitato questa mattina dai dottori. Valentino ha spiegato di sentire minore dolore sia al petto, sia all'addome rispetto alla scorsa notte. Il dolore è il risultato di lievi lesioni al fegato e al rene che non si sono sviluppate in ulteriori complicazioni". Sempre secondo il comunicato emesso dal team per cui corre in MotoGp, "Valentino continuerà a ricevere il sostegno per il dolore per le prossime 12 ore e, nel corso della giornata, sosterrà test diagnostici di routine. Se i risultati saranno positivi - conclude il comunicato - potrebbe essere dimesso dall'ospedale entro la giornata".

Archivio Ultima ora