Brasile: cade l’autore dell’impeachment Dilma, è la sua vendetta

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

L'ex-presidente della Camera brasiliana, Eduardo Cunha,

L’ex-presidente della Camera brasiliana, Eduardo Cunha,

RIO DE JANEIRO. – Da grande accusatore a principale accusato: ha perso il proprio mandato parlamentare l’ex presidente della Camera brasiliana, Eduardo Cunha, arcirivale dell’ex capo di Stato, Dilma Rousseff, di cui a suo tempo aveva autorizzato il procedimento di impeachment, considerandola responsabile di pratiche contabili illegali. E lui adesso si dichiara vittima di una “vendetta politica” trasversale, motivata a suo dire proprio dalla messa in stato di accusa sofferta dall’ex guerrigliera marxista.

La maggioranza assoluta dei deputati (450 voti a favore su 470 presenti, ma ne sarebbero bastati 257) la notte scorsa in sessione plenaria ha deciso di destituire l’ex collega, il quale ora, come previsto dalla legge ‘Ficha Limpa’ (‘pagina pulita’, che dal 2010 impedisce la candidatura di politici condannati in qualsiasi grado di giudizio), si vede anche interdetto dai pubblici uffici per i prossimi otto anni.

Cunha, accusato di aver mentito alla Commissione parlamentare d’inchiesta sullo scandalo dei fondi neri Petrobras, affermando di non possedere conti bancari all’estero, ormai quasi un anno fa era stato sottoposto a procedimento disciplinare dal Consiglio etico della Camera.

Ufficialmente, è stato punito per “comportamento incompatibile con la condotta parlamentare”, ma i suoi guai giudiziari potrebbero essere solo all’inizio. Cunha è infatti anche indagato su due fronti dell’operazione ‘Lava-Jato’, la Mani pulite brasiliana, sospettato di aver ricevuto tangenti milionarie provenienti dal vasto schema di corruzione interno al colosso petrolifero statale.

Avendo perso l’immunità parlamentare, in teoria potrebbe subito finire nelle mani del giudice Sergio Moro e magari essere pure arrestato. Se così fosse, è probabile che da lui arrivino nuove scottanti rivelazioni, dando un ulteriore scossone alla già traballante classe politica e imprenditoriale brasiliana.

Cunha stesso lo ha in parte anticipato: “Sto pagando il prezzo di aver guidato l’impeachment e di aver liberato il Brasile dal Partito dei lavoratori” di Dilma e Lula, ha tuonato. “Racconterò tutti i retroscena dell’impeachment, tutti i dialoghi saranno pubblicati”, ha poi detto ai microfoni dei giornalisti, subito dopo la votazione alla Camera, annunciando di voler scrivere un libro sull’argomento.

Tra i nomi che potrebbero emergere non è da escludere quello dell’attuale capo di Stato, Michel Temer, subentrato a Rousseff lo scorso 31 agosto. Temer appartiene allo stesso partito (Pmdb, di centro) di Cunha, di cui finora era ritenuto uno stretto alleato. L’ex speaker della Camera incolpa Temer per averlo abbandonato al proprio destino e potrebbe quindi essere tentato di aprire il ‘vaso di Pandora’ tirando in ballo altre figure eccellenti dell’establishment verde-oro che, come lui, credevano di poter continuare ad essere per sempre degli intoccabili.

(di Leonardo Cioni/ANSA)

Ultima ora

17:44Tennis: Wta Finals, vincono Halep e Wozniacki

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - La seconda giornata delle Wta Finals di tennis ha visto impegnate a Singapore le protagoniste del Gruppo Rosso. La numero uno del mondo, la romena Simona Halep, ha sconfitto per 6-4 6-2 la francese Caroline Garcia. Ancora meglio ha fatto la danese Caroline Wozniacki che ha liquidato per 6-2 6-0 l'ucraina Elina Svitolina. Domani toccherà di nuovo al Gruppo Bianco con la sfida tra le due giocatrici uscite sconfitte dai match di domenica, Venus Williams e Jelena Ostapenko, e quella tra le due leader del girone, Karolina Pliskova e Garbine Muguruza.

17:27Kenya: ministro dell’Interno, non tollereremo disordini

(ANSA) - IL CAIRO, 23 OTT - Il ministro dell'Interno keniano ha rivolto un monito all'opposizione affermando che non verrà tollerato il "caos" durante la ripetizione delle elezioni presidenziali, giovedì prossimo. Lo riferisce il sito del quotidiano keniano The Star. Fred Matinag'i durante un incontro con i capi della sicurezza ha assicurato che essi resisteranno a qualsiasi tentativo di creare disordini in Kenya. "Coloro che stanno cercando di sovvertire la costituzione, devono conoscere il codice penale - ha detto il ministro - c'è differenza fra rivoltosi e dimostranti. Non siamo stupidi" e "abbiamo l'opportunità di garantire che il Paese venga governato nel modo giusto". Nei tre giorni di disordini che seguirono le elezioni dell'8 agosto poi annullate morirono 37 persone secondo un bilancio fornito due settimane fa da una ong sostenuta dal governo. Secondo Amnesty International e Human Right Watch gli oppositori uccisi sono stati invece di più, almeno 67.

17:26Calcio: tifosi Lazio, adesivi antisemiti in Curva Sud

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Adesivi con l'immagine di Anna Frank con la maglia della Roma e scritte antisemite di ogni tipo: questo il lascito dei tifosi laziali alla Curva Sud dello stadio Olimpico (la Nord, quella tradizionale dei sostenitori biancocelesti, è squalificata per razzismo) dopo la partita col Cagliari di ieri sera. Gli adesivi e i volantini offensivi sono stati rimossi in mattinata dagli addetti alle pulizie dello stadio in vista della gara di mercoledì della Roma con il Crotone. Immediata la protesta della comunità ebraica romana.

17:25Calcio: Milan, parla il motivatore di Bonucci

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Bonucci è un soldato non nato campione e questo bagno di umiltà gli farà bene": così Alberto Ferrarini, il 'motivatore' dell'ex bianconero oggi al Milan e finito al centro delle critiche e delle polemiche dopo tante prestazioni opache e il 'rosso' rimediato ieri contro il Genoa a San Siro. Intervenuto a 'Tutti Convocati' su Radio 24, Ferrarini ha parlato della sua esperienza professionale "nei confronti di questo ragazzo che conosco da quando era in tribuna a Treviso, parliamo del 2008. Per me è sempre stato il 'soldato' in primis di Antonio Conte, e poi è stato un soldato comunque della Juventus, un soldato, un uomo della triade Buffon, Barzagli e Chiellini. Quindi - aggiunge - con tutto il rispetto io penso che se dovesse fare questo passo indietro (rinunciare alla fascia di capitano, ndr) e tornare nel suo ruolo, riuscirebbe a dare il meglio dov'è più accentratore. Quindi magari meno responsabilità, perchè lui deve focalizzarsi totalmente su sè stesso".

17:22Smog: proseguono misure emergenza in Emilia Romagna

(ANSA) - BOLOGNA, 23 OTT - E' ancora allarme smog in Emilia-Romagna: prorogate fino a giovedì le misure di emergenza. In particolare misure di primo livello sono state decise per Bologna, Imola e per i Comuni dell'agglomerato (Argelato, Calderara, Casalecchio, Castel Maggiore, Castenaso, Granarolo dell'Emilia, Ozzano dell'Emilia, San Lazzaro di Savena e Zola Predosa) dove l'Arpae ha rilevato sforamenti dei livelli di PM10 per 10 giorni consecutivi. In queste aree rimangono in vigore le misure emergenziali: nella fascia oraria 8,30-18,30 il blocco della circolazione è esteso a tutti i veicoli diesel fino a euro 4 e benzina euro 0-1, insieme all'obbligo di riduzione della temperatura negli ambienti, al divieto di uso di generatori di calore a biomassa legnosa, di combustione all'aperto e la sosta di veicoli col motore acceso. L'allerta smog di secondo livello riguarda i Comuni di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Carpi (Modena), Castelfranco Emilia (Modena), Formigine (Modena), Sassuolo (Modena) e Cento (Ferrara). (ANSA).

17:11Russia: in coma indotto reporter accoltellata

(ANSA) - MOSCA, 23 OTT - La giornalista di Radio Eco di Mosca Tatiana Felghengauer, accoltellata oggi in redazione, si trova in coma indotto farmacologicamente dopo essere stata operata: lo riferisce il direttore dell'emittente, Alexiei Venediktov. Precedentemente, era stato riferito che la reporter versa "in condizioni generalmente gravi" ma non è in pericolo di vita.

17:10Auto in canale, ha solo la testa fuori dall’acqua e si salva

(ANSA) - COLLESALVETTI (LIVORNO), 23 OTT - Un automobilista ottantenne è andato fuori strada nel Livornese con la sua auto, ribaltandosi e finendo in un corso d'acqua dove ha rischiato di morire annegato nell'auto capovolta. Si è salvato solo perché la testa è rimasta sopra il livello dell'acqua e lui ha potuto respirare fino all'arrivo dei soccorsi. I carabinieri lo hanno sorretto - per farlo respirare - poi i vigili del fuoco calandosi parzialmente in acqua hanno provveduto a liberarlo e a portarlo in salvo. L'incidente è avvenuto a Stagno di Collesalvetti. L'automobilista è uscito di strada mentre si immetteva su un ponte e l'auto è finita nel canale sottostante.

Archivio Ultima ora