Brasile: cade l’autore dell’impeachment Dilma, è la sua vendetta

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

L'ex-presidente della Camera brasiliana, Eduardo Cunha,

L’ex-presidente della Camera brasiliana, Eduardo Cunha,

RIO DE JANEIRO. – Da grande accusatore a principale accusato: ha perso il proprio mandato parlamentare l’ex presidente della Camera brasiliana, Eduardo Cunha, arcirivale dell’ex capo di Stato, Dilma Rousseff, di cui a suo tempo aveva autorizzato il procedimento di impeachment, considerandola responsabile di pratiche contabili illegali. E lui adesso si dichiara vittima di una “vendetta politica” trasversale, motivata a suo dire proprio dalla messa in stato di accusa sofferta dall’ex guerrigliera marxista.

La maggioranza assoluta dei deputati (450 voti a favore su 470 presenti, ma ne sarebbero bastati 257) la notte scorsa in sessione plenaria ha deciso di destituire l’ex collega, il quale ora, come previsto dalla legge ‘Ficha Limpa’ (‘pagina pulita’, che dal 2010 impedisce la candidatura di politici condannati in qualsiasi grado di giudizio), si vede anche interdetto dai pubblici uffici per i prossimi otto anni.

Cunha, accusato di aver mentito alla Commissione parlamentare d’inchiesta sullo scandalo dei fondi neri Petrobras, affermando di non possedere conti bancari all’estero, ormai quasi un anno fa era stato sottoposto a procedimento disciplinare dal Consiglio etico della Camera.

Ufficialmente, è stato punito per “comportamento incompatibile con la condotta parlamentare”, ma i suoi guai giudiziari potrebbero essere solo all’inizio. Cunha è infatti anche indagato su due fronti dell’operazione ‘Lava-Jato’, la Mani pulite brasiliana, sospettato di aver ricevuto tangenti milionarie provenienti dal vasto schema di corruzione interno al colosso petrolifero statale.

Avendo perso l’immunità parlamentare, in teoria potrebbe subito finire nelle mani del giudice Sergio Moro e magari essere pure arrestato. Se così fosse, è probabile che da lui arrivino nuove scottanti rivelazioni, dando un ulteriore scossone alla già traballante classe politica e imprenditoriale brasiliana.

Cunha stesso lo ha in parte anticipato: “Sto pagando il prezzo di aver guidato l’impeachment e di aver liberato il Brasile dal Partito dei lavoratori” di Dilma e Lula, ha tuonato. “Racconterò tutti i retroscena dell’impeachment, tutti i dialoghi saranno pubblicati”, ha poi detto ai microfoni dei giornalisti, subito dopo la votazione alla Camera, annunciando di voler scrivere un libro sull’argomento.

Tra i nomi che potrebbero emergere non è da escludere quello dell’attuale capo di Stato, Michel Temer, subentrato a Rousseff lo scorso 31 agosto. Temer appartiene allo stesso partito (Pmdb, di centro) di Cunha, di cui finora era ritenuto uno stretto alleato. L’ex speaker della Camera incolpa Temer per averlo abbandonato al proprio destino e potrebbe quindi essere tentato di aprire il ‘vaso di Pandora’ tirando in ballo altre figure eccellenti dell’establishment verde-oro che, come lui, credevano di poter continuare ad essere per sempre degli intoccabili.

(di Leonardo Cioni/ANSA)

Ultima ora

11:02Calcio: Juve, Rincon ‘con Psg una buona partita’

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - "Abbiamo disputato una buona gara: fisicamente stavamo meglio rispetto alla sfida col Barcellona". Questo il bilancio di Tomas Rincon, centrocampista venezuelano della Juventus, dopo la vittoria a Miami contro il Paris Saint-Germain. "È stato un buon allenamento - prosegue Rincon sul sito della società bianconera -, utile per mettere minuti nelle gambe, nonostante il caldo e l'umidità". Una partita speciale per il portiere Carlo Pinsoglio, entrato in campo per sostituire Buffon a partita in corso e autore di interventi decisivi. "Un onore tornare alla Juve e avere avuto la possibilità di esordire in amichevole - sono le parole del numero uno, cresciuto nelle giovanili bianconere e lo scorso anno in prestito al Latina -. Le parate su Jesé e Lo Celso? La prima è stata più istintiva, diciamo che è andata bene. Lavorando con Buffon e Szczesny non si può che migliorare".

10:50Calcio: Dybala, felice alla Juventus darò il massimo

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - "Sono felice alla Juventus, mi trovo bene e mi allenerò al massimo per disputare una grande stagione". L'entusiasmo di Paulo Dybala al termine dell'amichevole vinta dalla Juventus sul Paris Saint-Germain spazza via le voci di mercato che lo coinvolgono. "È stata una bella partita, utile per allenarci fisicamente e per conoscere i compagni nuovi - spiega la 'Joya' sul sito della società bianconera -. Sono appena arrivati, ma il mister riuscirà a farli integrare nel gruppo".

10:47Capo polizia municipale spara a figlio e si uccide

(ANSA) - GROSSETO, 27 LUG - Il comandante della polizia municipale di Monte Argentario, Loredana Busonero, ha sparato al figlio di 17 anni e poi si è tolta la vita. Anche il ragazzo è morto per le gravi ferite riportate. È accaduto stamani a Porto Santo Stefano. Sul posto i carabinieri della compagnia di Orbetello.

10:45Nuoto: Mondiali, Pellegrini in semifinale

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Dopo il fantastico oro di ieri nei 200 sl, Federica Pellegrini è tornata in vasca stamattina ai Mondiali di nuoto di Budapest per le batterie dei 100 sl. La campionessa veneta ha ottenuto il nono tempo in 53"92 qualificandosi per le semifinali, in programma nel pomeriggio. Eliminata Silvia Di Pietro, 19/a in 54"74. Miglior tempo per la svedese Sarah Sjostrom in 53"01.

10:28Giappone: si dimette Renho, leader partito opposizione

(ANSA) - TOKYO, 27 LUG - La leader del partito democratico giapponese, la 49enne Renho, ha annunciato le proprie dimissioni. Conosciuta col solo nome di battesimo Renho, di padre taiwanese, è stata la prima donna eletta alla carica di presidente della principale forza all'opposizione nel settembre dello scorso anno, e la prima con doppia cittadinanza. Dopo l'abbandono nei giorni scorsi del segretario generale del partito, l'ex premier Yoshihiko Noda, a ridosso del deludente risultato delle elezioni a Tokyo, negli ambienti del partito già circolavano voci su un possibile cambio al vertice. La stessa Renho aveva espresso il desiderio di rinnovare la leadership del partito e creare una nuova generazione di politici all'interno dell'opposizione.

10:27Truffe: incassavano pensioni parenti defunti, 11 indagati

(ANSA) - COSENZA, 27 LUG - I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Cosenza hanno denunciato 11 persone per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato per aver illecitamente percepito le pensioni di dieci anziani deceduti da tempo. Tra gli indagati vi sono due parenti che, cointestatari del conto corrente con il defunto, morto nel 2012, hanno continuato a ricevere la pensione per un totale di 62 mila euro. L'importo più alto l'ha raggiunto una 55enne che ha incassato 77.075 euro di pensione della congiunta morta nel 2012. L'indagine, denominata Highlanders, coordinata dal procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla e dal pm Angela Continisio, è iniziata da un'anomalia riscontrata su pensionati del Pollino. I finanzieri hanno scoperto che diversi anziani erano morti e i familiari non avevano comunicato il decesso all'Inps. Alcuni indagati usavano l'accredito come un vero e proprio salvadanaio, e avevano accumulato cospicue somme di denaro. Le fiamme gialle hanno recuperato 452.540 euro dal sequestro dei conti.

10:26A 15 anni minaccia fidanzatina di mettere su web foto osé

(ANSA) - IMPERIA, 27 LUG - Un ragazzino imperiese di 15 anni che ha minacciato l'ex fidanzata, sua coetanea, di divulgare una sua foto intima, è stato 'ammonito' a eliminare l' immagine da qualsiasi supporto informatico e non diffonderla dalla polizia che ha applicato la legge 71/2017 sul cyberbullismo, a poco più di un mese dall' entrata in vigore. In caso contrario l' adolescente rischia un procedimento penale per divulgazione di materiale pedopornografico, minacce e violenza privata. Il provvedimento nasce dall'istanza presentata alla Polizia Postale dal padre della quindicenne. Quest'ultima, dopo la fine della relazione con il fidanzatino, aveva ricevuto da lui su whatsApp una foto, scattata tempo addietro in un momento di intimità, con la minaccia di divulgarla ad amici e conoscenti. I timori sulla possibilità che quella foto potesse essere diffusa e la paura di essere derisa o presa in giro dagli amici dell'ex fidanzato, le hanno causato uno stato di agitazione e ansia tale da indurla a confidarsi con i propri genitori.

Archivio Ultima ora