Itinerari dello spirito: Il “Cammino della domenica”

Pubblicato il 14 settembre 2016 da redazione

itinerario1

In Alto Adige, come altrove, si trovano sentieri attrezzati per passeggiate tematiche. Nelle valli, lungo il corso dei fiumi, o in montagna attraverso boschi, prati, e radure. Generalmente con punto si arrivo in qualche chiesetta, dove si raccoglie la memoria di secoli di vita spirituale e di storia delle comunità locali.

Uno dei tanti itinerari spirituali di questi percorsi attrezzati – ma meglio diremmo “illustrati” – è il sentiero campestre di recente (estate 2013) allestimento a Velturno: il “Cammino della domenica” (Sonntagsweg). Inizia nei pressi del Castello di Velturno, nel punto dove confluiscono le due strade principali, salendo l’una da Bressanone e l’altra da Chiusa in direzione opposta, le quali confluendo danno origine a quella che prosegue, sempre in salita, fino a Snodres e oltre.

itinerario3

Dopo appena una cinquantina di metri dal castello, su questa terza strada, comincia il cammino tematico, deviando sul lato destro della carreggiata, per una mulattiera che attraversa i campi; e che asseconda il bosco e lo delimita dai prati in pendenza sulla vallata del fiume Isarco. Superata la prima stazione e la seconda, si arrampica, poi, nella sua parte terminale, attraverso stretti tornanti, e sbuca finalmente sulla strada che porta alla chiesetta di S. Giorgio a Snodres, sempre in salita.

Il nome assegnato al nuovo sentiero tematico, paesaggistico, e spirituale insieme, “la domenica”, è lo spunto, il tema della meditazione: il soggetto della problematica esistenziale, tra il sociale, il filosofico e il religioso. E’ l’argomento della riflessione che si vuole proporre a quanti decidono di inoltrarsi tra le bellezze della natura e la profondità dello spirito. La domenica è assunta, infatti, come emblema e simbolo della vita personale, un percorso spirituale verso l’alto: tra terra e cielo.

La partenza del tracciato topografico o, se volete, turistico (per quella parte di bellezze paesaggistiche o varietà naturalistiche che presenta, nonché per il benessere fisico che procura), prende il via dalla fontana fiorita, nei pressi dell’antico Castello (già esso stesso interessante centro museale, in quanto antica residenza estiva dei Principi-Vescovi di Bressanone), sulla strada che porta a Snodres.

itinerario2

La porta d’accesso è contrassegnata da una placca di ferro con incise, citazioni letterarie d’autore. È il luogo della partenza: una prima stazione e una prima sosta di riflessione e di preghiera. Pietra e ferro sono i materiali utilizzati per il supporto artistico e culturale, la parte materiale della decorazione; quella concettuale sono le idee che i manufatti suscitano. Da lì ha inizio il percorso di meditazione che, dopo quattro fermate, termina con l’altra “porta” allo sbocco sulla strada per Snodres, ugualmente evidenziata da iscrizioni su lamine di ferro; quando il sentiero, tracciato un ampio arco sul fianco della montagna, dirige il suo corso verso ovest.

I quattro punti-sosta sono le stazioni tematiche adornate da cippi di pietra artisticamente elaborati, messi lì a richiamare alla mente idee, simboli, valori ideali, pertinenti al tema della domenica: la sosta, il riposo, la preghiera, la santificazione del lavoro, lo stare insieme, la ripartenza del cammino comunitario, il guardare avanti con fiducia. Ogni fermata è un invito alla meditazione.

Prima sosta, primo pensiero: Determinare il dove. “Adamo, dove sei?” (Gen. 3,9).
Seconda sosta: Riposiamo! “Venite in disparte in un luogo solitario e riposatevi un poco.” (Mc. 6,31).
Terza: Incontriamoci! “Caino, dov’è tuo fratello Abele?” (Gen. 4,9).
Quarta: Riprendere il cammino con fiducia. “ Va’ via, verso la terra che io ti mostrerò.” (Gen. 12,1).

itinerario4

Su questi punti, lungo il cammino della domenica, si articola la meditazione che ogni viandante potrà sviluppare con opportuni approfondimenti sulla situazione della propria vita. Aiutato da tutte le citazioni incise sulle targhette di metallo, favorito dalla luminosità di un cielo aperto sulla conca di Bressanone, verdeggiante nella bella stagione, candida di neve in quella invernale.

Un utile sussidio potrà essere il libretto preparato dall’Ufficio parrocchiale cittadino, reperibile nelle chiese di Velturno.

Luigi Casale

Ultima ora

13:13Calcio: Bayern, Alaba a disposizione per la sfida con il Psg

(ANSA) - ROMA, 23 SET - All'indomani del mezzo passo falso in Bundesliga (con il pareggio interno subìto dal Wolfsburg da 2-0 a 2-2 nell'anticipo della sesta giornata), in casa Bayern Monaco arriva la buona notizia del pieno recupero di David Alaba, il quale potrebbe essere disponibile sin dal prossimo, delicato impegno della squadra di Carlo Ancelotti, mercoledì a Parigi contro il Psg in Champions League. Stamani l'esterno austriaco, infortunatosi ad una caviglia in Nazionale (nella gara del 5 settembre scorso contro la Georgia, qualificazioni mondiali), ha svolto la seduta d'allenamento con i compagni tornando anche colpire il pallone per la prima volta dall'incidente.

13:05Corea Nord: Nuova Cina, terremoto di magnitudo 3.4

(ANSA) - SEUL, 23 SET - Un terremoto di 3.4 gradi di magnitudo è stato rilevato in Corea del Nord. Lo riferisce l'agenzia Nuova Cina. Il sisma rilevato in Corea del nord ha cause naturali, secondo l'agenzia meteorologica sudcoreana. Un funzionario ha precisato che il sisma, di magnitudo 3, è stato individuato nella stessa regione in cui di recente è stato compiuto un test nucleare, ma ha detto che certamente non è stato causato da un'esplosione artificiale. Esperti cinesi, citati da media internazionali, hanno invece affermato che potrebbe trattarsi del risultato di un'esplosione.

12:35Inchiesta a Napoli su test medicina ‘venduti’ a candidati

(ANSA) - NAPOLI, 23 SET - L'ipotesi è che qualcuno abbia 'venduto' i risultati del test per l'accesso alla facoltà di medicina ai figli di due esponenti delle forze dell'ordine: per questo la Procura di Napoli ha aperto una inchiesta. Quattro gli indagati, accusati di corruzione: un'assistente bibliotecaria che il 5 settembre scorso, giorno dei test, faceva parte della squadra di 300 impiegati con compiti di vigilanza; il marito, ex dipendete dell'Università e i due appartenenti alle forze dell'ordine. Sarebbe iniziato tutto da una intercettazione telefonica, da lì su disposizione del pm Ida Frongillo la mattina del 5, tra gli oltre 4mila studenti sarebbero scattate anche le perquisizioni. Quelle sugli indagati hanno dato esito negativo; saranno esaminate le memorie di computer e cellulari. In un solo caso, tra i candidati, è stato rinvenuto un algoritmo sul quale sono in corso accertamenti per verificare la compatibilità con la risoluzione del quiz.

12:35Omicidio stradale, un arresto a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 23 SET - Il conducente di un'automobile, che guidava sotto l'effetto dell'alcool e che è risultato positivo anche all'assunzione di sostanze stupefacenti, è stato arrestato per omicidio stradale dopo che la vettura che guidava, una Renault Megane, è uscita di strada, ribaltandosi, provocando la morte di un 24enne di Carosino (Taranto), Andrea Attanasio. Nell'incidente - avvenuto la notte scorsa sulla statale 7 Appia, nel tratto che collega Taranto a San Giorgio Jonico, nei pressi di un ristorante - è rimasto ferito lo stesso conducente dell'automobile, un 39enne, ed altre tre persone. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118, vigili del fuoco e Polizia stradale. L'arrestato ha riportato solo contusioni. Altri tre giovani, trasportati in ospedale, hanno riportato ferite giudicate guaribili tra i 7 e i 30 giorni.

12:17Germania: a vigilia voto si riduce distanza Merkel-Schulz

(ANSA) - BERLINO, 23 SET - Alla vigilia del voto tedesco, si riduce la distanza fra i due candidati cancellieri: stando al sondaggio Emnid di Bild am Sonntag, anticipato oggi, in una elezione diretta Angela Merkel avrebbe il 45% dei consensi e Martin Schulz il 32%. Nelle ultime settimane lo scarto si è ridotto da 29 a 13 punti: quattro settimane fa, infatti, i due candidati erano premiati rispettivamente dal 51 e dal 22% dei consensi.

12:07Calcio: Rizzoli, la Var migliori nel tempismo

(ANSA) - ROMA, 23 SET - La Var è un aiuto "per eliminare gli errori determinanti". Non se ne può abusare perché il gioco deve rimanere "spettacolare, dinamico e veloce". È "in fase di rodaggio" e c'è stato "qualche problema tecnico di comunicazione tra l'arbitro in campo e quello dietro al monitor. Speriamo che il tempismo migliori, che gli interventi siano sempre più veloci". Questo il parere del designatore arbitrale Nicola Rizzoli sulla tecnologia che ha fatto il suo esordio nel campionato di Serie A. Ospite della trasmissione "Extratime" su Rai Radio 1, Rizzoli ha parlato della sua carriera, che lo ha portato a diventare tra i migliori arbitri al mondo. Sul fatto, poi, che gli arbitri siano sempre sotto esame, ha spiegato: "Essere sempre nel mirino aiuta gli arbitri. A livello internazionale, la pressione è minore e non a caso gli italiani sono sempre stati i migliori: sono abituati alla gestione della pressione, alle polemiche. Tutta questa tensione crea una concentrazione e un'esperienza maggiore per poterla sopportare".

11:54Prostituzione: primo ricorso a Tar contro ordinanza Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 23 SET - Via al primo ricorso al Tar contro l'ordinanza antiprostituzione del sindaco di Firenze che prevede sanzioni salatissime, fino a tre mesi di arresto, se viene violato il divieto di chiedere o accettare prestazioni sessuali a pagamento. Il ricorso contro l'ordinanza è stato presentato da un legale fiorentino, l'avvocato Francesco Bertini. "Non è l'atto di un cliente indispettito", spiega al quotidiano La Nazione che oggi pubblica la notizia del ricorso, facendo capire che si tratta dell'iniziativa di un uomo di legge, che ha titolo per ricorrere al Tar in quanto residente a Firenze contro "un'ordinanza incostituzionale e contraria anche al decreto Minniti al quale dice di ispirarsi". Secondo l'avvocato Bertini, infatti, l'ordinanza del sindaco Dario Nardella violerebbe le leggi dello Stato al quale la Costituzione riserva le questioni di sicurezza e ordine pubblico, determinando a Firenze una situazione diversa da quella del resto del Paese. Fino ad ora sono stati due i clienti di 'lucciole' incappati nell'ordinanza fiorentina entrata in vigore il 15 settembre. Per loro prevista anche la denuncia sulla base dell'articolo 650 del codice penale per violazione di una ordinanza delle autorità. (ANSA).

Archivio Ultima ora