Merlo (Maie): “Dovere morale dell’Italia aiutare i nostri connazionali in Venezuela”

In una nota il presidente del Maie Ricardo Merlo esprime la preoccupazione del suo movimento politico per la critica situazione in cui vivono i nostri connazionali in Venezuela.
In una nota il presidente del Maie Ricardo Merlo esprime la preoccupazione del suo movimento politico per la critica situazione in cui vivono i nostri connazionali in Venezuela.
In una nota il presidente del Maie Ricardo Merlo esprime la preoccupazione del suo movimento politico per la critica situazione in cui vivono i nostri connazionali in Venezuela.

ROMA – In una nota il presidente del Maie Ricardo Merlo esprime la preoccupazione del suo movimento politico per la critica situazione in cui vivono i nostri connazionali in Venezuela.

“Il paese è allo sbando. Manca di tutto. Ci arrivano notizie dai nostri connazionali ogni volta più drammatiche – afferma Merlo che ricorda come da mesi il Maie chieda al Governo italiano, senza avere risposta, di intervenire in maniera urgente e straordinaria, almeno per venire incontro alle situazioni più difficili.

“La proposta Maie, – spiega Merlo – già esposta in interrogazioni e lettere al premier Renzi, è quella di destinare fondi straordinari per affrontare l’emergenza Venezuela e mandare euro da distribuire direttamente, attraverso la nostra rete diplomatica. Questo, sì, sarebbe utile per aiutare gli italo venezuelani.

Dobbiamo fare arrivare nelle tasche dei nostri connazionali più bisognosi (e non solo pensionati), – prosegue Merlo dopo aver segnalato le difficoltà connesse all’ingresso dei medicinali in Venezuela – denaro contante, ‘cash’, (euro), per consentire loro di accedere, è brutto dirlo, ma è la realtà, al mercato nero, dove ancora si possono reperire generi di prima necessità.

E’ un dovere morale dell’Italia aiutare i nostri connazionali che vivono in Venezuela e che, anche volendo, in queste condizioni economiche, non possono andar via da quel paese”.

 

Ci rallegriamo per l’intervento dell’On. Merlo a favore della nostra comunità. Va comunque sottolineato che tanti nostri connazionali sono oggi in difficoltà proprio perché la loro pensione è stata drammaticamente decurtata dai calcoli che l’Inps realizza basandosi su un tasso di cambio esistente solo nei documenti ufficiali ma assai lontano da quello reale.

L’on Merlo forse non è stato sufficientemente informato della gravità della situazione dai rappresentanti del Maie in Venezuela. Ci auguriamo che possa archiviare per un momento le polemiche politiche e sostenere le iniziative che, in questo senso, portano avanti da mesi l’on. Fabio Porta e il Senatore Claudio Micheloni.

Condividi: