Morto Ciampi: banchiere e politico, aveva 95 anni

Pubblicato il 16 settembre 2016 da ansa

Carlo Azeglio Ciampi in un'immagine d'archivio del 25 aprile 2005.   ARCHIVIO  -  MATTEO BAZZI-ARCHIVIO / ANSA / CD

Carlo Azeglio Ciampi in un’immagine d’archivio del 25 aprile 2005. ARCHIVIO – MATTEO BAZZI-ARCHIVIO / ANSA / CD

ROMA.- Presidente della Repubblica, Banchiere centrale e uomo politico, nato a Livorno il 9 dicembre 1920. Ha conseguito la laurea in Lettere e il diploma della Scuola Normale di Pisa nel 1941, e la laurea in Giurisprudenza presso l’Università di Pisa nel 1946. In questo ultimo anno è stato assunto alla Banca d’Italia, dove ha inizialmente prestato servizio presso alcune filiali, svolgendo attività amministrativa e di ispezione ad aziende di credito.

Nel 1960 è stato chiamato all’amministrazione centrale della Banca d’Italia, presso il Servizio Studi, di cui ha assunto la direzione nel luglio 1970. Segretario generale della Banca d’Italia nel 1973, vice direttore generale nel 1976, direttore generale nel 1978, nell’ottobre 1979 è stato nominato Governatore della Banca d’Italia e presidente dell’Ufficio Italiano Cambi, funzioni che ha assolto fino al 28 aprile 1993. Dall’aprile 1993 al maggio 1994 è stato Presidente del Consiglio, presiedendo un governo chiamato a svolgere un compito di transizione.

Durante la XIII legislatura è stato Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica, nel governo Prodi (dall’aprile 1996 all’ottobre 1998) e nel governo D’Alema (dall’ottobre 1998 al maggio 1999). Dal 1993 Governatore onorario della Banca d’Italia e dal 1996 membro del consiglio di amministrazione dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana.

Ha ricoperto numerosi incarichi di rilevanza internazionale, tra cui quelli di: presidente del Comitato dei governatori della Comunità europea e del Fondo europeo di cooperazione monetaria (nel 1982 e nel 1987); vice presidente della Banca dei regolamenti internazionali (dal 1994 al 1996); presidente del Gruppo Consultivo per la competitività in seno alla Commissione europea (dal 1995 al 1996); Presidente del comitato interinale del Fondo Monetario Internazionale (dall’ottobre 1998 al maggio 1999).

Dall’aprile 1993 al maggio 1994, Ciampi ha governato durante una fase di difficile transizione istituzionale ed economica. Il referendum elettorale e la congiuntura sfavorevole caratterizzata da un rallentamento della crescita economica richiedevano immediate risposte. Il governo Ciampi ha garantito l’applicazione della nuova legge elettorale approvata dal Parlamento, attraverso il complesso lavoro per la determinazione dei collegi e delle circoscrizioni elettorali, e il passaggio da un Parlamento profondamente rinnovatosi tra la XI e la XII legislatura.

Sul piano economico gli interventi più significativi sono stati rivolti a costituire il quadro istituzionale per la lotta all’inflazione, attraverso l’accordo governo-parti sociali del luglio del 1993, che segnatamente ha posto fine ad ogni meccanismo di indicizzazione ed ha individuato nel tasso di inflazione programmata il parametro di riferimento per i rinnovi contrattuali.

Inoltre il governo Ciampi ha dato avvio alla privatizzazione di numerose imprese pubbliche, ampliando e puntualizzando il quadro di riferimento normativo e realizzando le prime operazioni di dismissione (tra cui quelle, nel settore bancario, del Credito italiano, della Banca commerciale italiana, dell’IMI).

Come Ministro del Tesoro e del Bilancio del governo Prodi e del governo D’Alema Ciampi ha dato un contributo determinante al raggiungimento dei parametri previsti dal Trattato di Maastricht, permettendo così la partecipazione dell’Italia alla moneta unica europea, sin dalla sua creazione.

Tra i provvedimenti più significativi di questo periodo si ricorda la manovra correttiva della politica di bilancio varata nel settembre del 1996 dal governo Prodi, che ha consentito un abbattimento di oltre 4 punti percentuali del rapporto indebitamento netto delle pubbliche amministrazioni rispetto al prodotto interno lordo, il parametro di Maastricht di più arduo conseguimento per il nostro Paese.

Il 13 maggio del 1999 è stato eletto, in prima votazione, decimo Presidente della Repubblica Italiana.

Ultima ora

15:17Incidenti stradali: scontro mezzi pesanti su A1, un morto

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Una persona è morta in un incidente stradale accaduto sull'autostrada A1 Milano-Napoli nel tratto tra Modena Nord e Modena Sud in direzione di Bologna. Intorno alle 12:10 all'altezza del km 169 sono stati coinvolti nell'incidente due mezzi pesanti, con perdita di carico da parte di entrambi - spiega una nota delle Autostrade -, costituito da latte e da fusti con liquido catramoso. Sono intervenuti sul luogo dell'evento, oltre al personale della Direzione 3/o Tronco di Bologna, le pattuglie della Polizia Stradale, i Vigili del fuoco e i soccorsi meccanici e sanitari. Si circola su una sola corsia e si registrano 4 km di coda in direzione di Bologna. Per gli automobilisti che da Milano sono diretti verso Bologna, consigliato di uscire a Modena Nord e rientrare in A1 a Modena Sud, dopo aver percorso la SS9 Via Emilia. (ANSA).

15:16Calcio: Malagò “Ko Juventus riapre campionato”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Con la sconfitta della Juventus "il campionato sicuramente è diventato aperto". Ne è sicuro il presidente del Coni, Giovanni Malagò, alla luce del ko della Juve ieri a Firenze. Una sconfitta che porta la Roma a -1 e il Napoli a -4 dai bianconeri sebbene la squadra di Allegri debba ancora recuperare un match: "Ora al vertice c'è un campionato nel campionato - ha aggiunto il presidente del Coni - Mi dispiace non succeda lo stesso in basso. Tra l'altro molte squadre di vertice stanno facendo un record di punti perché le formazioni che lottano per la retrocessione fanno fatica". Malagò ha poi commentato le 'nozze d'argento' di Totti con la Serie A e la maglia della Roma, festeggiate ieri a Udine: "Totti in Serie A per 25 anni consecutivi è una cosa spaventosa. Lui è uno spot per il calcio in assoluto, un eroe positivo come sono tutti questi ragazzi che stanno emergendo. Ho visto che quando è entrato ieri il pubblico di Udine lo ha applaudito, penso che il nostro calcio ha bisogno di eroi positivi".

15:07Calcio: de Magistris, genio Maradona è bene comune

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - "Per quanto riguarda il genio calcistico, Diego è un bene comune e quindi ci vuole un grande evento popolare". Lo ha detto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, parlando di Maradona, in città per lo spettacolo di Alessandro Siani, in programma stasera al Teatro San Carlo. "Penso allo stadio San Paolo o a piazza del Plebiscito - ha affermato - Spero a maggio che è il mese migliore considerando i trent'anni dal primo scudetto. Maradona è di fatto un cittadino di Napoli e a breve lo sarà ufficialmente. Ci vuole un grande evento popolare per lui".

15:05Roma: Dezko, 3 punti importanti a Udine, il resto non conta

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - I complimenti ai compagni, una sorta di mea culpa per gli errori commessi davanti alla porta. Così Edin Dzeko, all'indomani del successo della Roma sul campo dell'Udinese, commenta via social la prestazione dei giallorossi alla Dacia Arena. "Buon lavoro da parte della squadra ieri, altri tre punti importanti lontano da casa" scrive l'attaccante bosniaco su Instagram aggiungendo che "tutto il resto non importa", con tanto di scherzosa emoticon a coprirsi gli occhi in riferimento ai suoi numerosi errori, a cominciare da quello in occasione del rigore tirato alto. A completare il post di Dzeko poi, pubblicato con una foto in cui c'è la squadra che si abbraccia, un chiaro messaggio: "Non mollare e crederci sempre. Forza Roma".

15:03Violenza sessuale su allieva 13enne, 7 anni a prof di musica

(ANSA) - CAGLIARI, 16 GEN - Condannato a sette anni di carcere per abusi sessuali con una sua alunna e sospetti di adescamento verso una seconda: una sentenza più pesante di quella chiesta dall'accusa è stata inflitta dal Gup del Tribunale di Cagliari, Roberto Cau, al professore Paolo Sorrentino, 64 anni. Il pm Liliana Ledda aveva sollecitato la condanna a sei anni e otto mesi per il docente difeso dall'avvocato Antonella Piredda. Secondo l'accusa avrebbe avuto rapporti sessuali con una sua allieva di soli 13 anni quando insegnava musica in una scuola del Cagliaritano. Era stato prima indagato e poi arrestato con l'accusa di atti sessuali con minori. Per il sostituto procuratore, il prof avrebbe approfittato della posizione di docente per abusare della ragazzina dopo aver instaurato con lei un forte legame di complicità. I fatti contestati risalgono all'estate 2014. A far scattare le indagini è stata la segnalazione della madre della 13enne. La donna aveva notato comportamenti strani della figlia, sempre più introversa e taciturna, riuscendo alla fine a scoprire la verità. Oltre alla condanna a sette anni il Gup ha disposto per il docente anche un anno di divieto di avvicinamento a luoghi con bambini. Stabilito poi un risarcimento provvisionale di 80 mila euro nei confronti delle parti civili assistite dall'avvocato Gigi Porcella. (ANSA).

15:00Donna morta a Milano: uccisa con 23 coltellate

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Dopo aver ucciso la moglie, Luigi Messina ha trascorso le successive tre ore (prima di chiamare il 118) facendo la spesa, comprando pasticcini e giocando alle slot machine. È stato il suo tentativo di crearsi un alibi. La donna - ha riferito la Squadra Mobile - è stata uccisa con 23 coltellate.

14:54Gentiloni a Berlino mercoledì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 16 GEN - Angela Merkel riceverà il premier italiano Paolo Gentiloni Berlino, mercoledì prossimo alle 12 con gli onori militari. Lo ha annunciato oggi in conferenza stampa il portavoce della cancelliera, Steffen Seibert. Una conferenza stampa sarà tenuta intorno alle 13.15. Subito dopo Merkel e Gentiloni presenzieranno a una vertice economico italo-tedesco in programma nella sede del ministero dell'Economia, dove terranno entrambi un discorso.

Archivio Ultima ora