Orgoglio Inter, Icardi e Perisic stendono la Juve

Pubblicato il 18 settembre 2016 da ansa

Inter Milan's players celebrate at the end of the Serie A soccer match between Inter Milan and Juventus at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 18 September 2016. Ansa/Daniel Dal Zennaro

Inter Milan’s players celebrate at the end of the Serie A soccer match between Inter Milan and Juventus at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 18 September 2016. Ansa/Daniel Dal Zennaro

MILANO. – Sembrava una squadra agonizzante, invece è resuscitata: l’Inter batte la Juventus per 2-1 con i gol di Icardi e Perisic, dopo il momentaneo vantaggio di Lichtsteiner. L’Hapoel è solo un ricordo. Senza paura, i nerazzurri hanno affrontato la Juventus a viso aperto, ritrovando quell’orgoglio che li ha resi grandi.

San Siro è gremito, in tribuna Moratti convive con i nuovi proprietari del Suning, in campo c’è un’altra squadra che mostra cuore, muscoli e tecnica. Anche De Boer sembra attraversato da un’inedita vivacità. Una trasformazione camaleontica per i nerazzurri che hanno fame di riscatto davanti agli ottantamila tifosi corsi a sostenerli.

Frank de Boer è un uomo coraggioso, ha accettato di guidare l’Inter in corsa, ha sofferto, si è preso critiche impietose e ha risposto con decisione. Icardi unica punta, dietro Candreva, Eder e Banega, a centrocampo Joao Mario e Medel. In difesa D’Ambrosio, Miranda, Murillo e Santon.

Allegri sa che non sarà facile avere ragione di un gruppo ferito, offeso nella propria dignità, voglioso di cancellare il suo ‘giovedì nero’. Eppure, a sorpresa, lascia in panchina Higuain preferendogli Mandzukic. Benatia vince il ballottaggio con Barzagli.

La sfida è avvincente, dura, tesa ma affascinante come non si vedeva da tempo. Banega e Joao Mario danno qualità e profondità a un’Inter che pressa alto e che quasi spiazza la Juventus piuttosto in difficoltà: Pjanic fatica a entrare in partita e Khedira non riesce a trovare il giusto passo. Ancora una volta è Dybala a mettere tutta la sua classe al servizio dei compagni.

Al 14′ si propone Banega in ripartenza, l’argentino rimedia solo un corner; subito dopo Medel prova a piazzare una gran botta da fuori area. Al 20′ Dybala tenta la giocata, tiro a volo ma nulla di fatto. Risponde Icardi con Bonucci bravo ad anticiparlo. Al 23′ gran destro di Eder, di poco a lato. Poi la prima vera occasione per i bianconeri: magnifica apertura di Dybala per Alex Sandro, preciso nel servire Khedira che, tutto solo in area, schiaccia di testa per la comoda presa di Handanovic. Risponde Icardi che colpisce il palo con Buffon battuto. Dybala cerca Pjanic che manda fuori.

La partita è aggressiva, veloce, a tratti ruvida ma prevale un’Inter con le idee chiare. La svolta nel secondo tempo che si apre con un inesauribile Dybala alla ricerca del gol. I nerazzurri vanno vicini al vantaggio al 10′ con Eder, reattivo Chiellini che ci mette una pezza. Soffrono i bianconeri. Icardi cambia gioco per Candreva che calcia al volo senza centrare la porta.

L’Inter dà il massimo, spinge e combatte ma al 21′ passa la Juventus con Lichtsteiner che spinge in rete un cross basso di Alex Sandro. Sembra una beffa ma i nerazzurri non si fanno sorprendere. Immediatamente reagiscono e trovano il pari grazie alla testa di Icardi che sfrutta al meglio l’assist di Candreva. De Boer non sbaglia, gioca la carta Perisic che entra al posto di Eder, mentre Allegri finalmente manda in campo Higuain per Mandzukic.

Medel stremato è in preda ai crampi e lascia spazio a Melo. Tutto perfetto perché al 33′ è proprio Perisic a regalare la vittoria alla sua squadra grazie ad un perentorio stacco di testa su cross di un tarantolato Icardi. La partita è praticamente finita. Gli ultimi brividi arrivano da una occasione di Higuain, dall’espulsione di Banega e da una mischia in area nerazzurra con Handanovic e Khedira che si scontrano.

Vince l’Inter, parte la festa e questa volta ci sono applausi scroscianti. Banega e Joao Mario fanno la differenza, un Icardi ispirato e in costante crescita segna e sforna assist, la squadra vince e convince. Allegri forse sbaglia formazione, tiene fuori Higuain e ne paga il prezzo. De Boer è ampiamente fuori pericolo, piano piano impone il suo gioco e la sua filosofia. Chiedeva tempo ed evidentemente bisogna accordarglielo: chi vince ha sempre ragione e questa volta sembra un po’ meno olandese e un po’ più italiano.

Ultima ora

14:34Terremoto: allarme per allevatori Arquata, 12 ritrovati

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 18 GEN - Allarme dopo le forti scosse di stamani per 15 allevatori della zona di Arquata del Tronto, con cui i familiari non erano riusciti a mettersi in contatto. Dodici sono stati ritrovati sani e salvi, mentre 3 mancano ancora all'appello. Vigili del fuoco e agenti del Corpo forestale dello Stato stanno cercando di raggiungerli, anche se la gran quantità di neve caduta e il pericolo di slavine complicano le ricerche. Si tratta di persone che tengono i loro animali a Spelonga e Colle di Arquata, e vivono nei container.

14:29Maltempo: Sardegna, arriva l’esercito a Fonni e Desulo

(ANSA) - NUORO, 18 GEN - Un battaglione dell'esercito e i mezzi pesanti dei vigili del fuoco, allertati dalla Prefettura di Nuoro, sono in arrivo da Cagliari a Fonni e Desulo, i due paesi più alti del Nuorese isolati da ieri per le abbondanti nevicate. I mezzi dell'Anas e della Provincia non riescono a sfondare i muri di neve e ghiaccio depositati sulle strade. "Mi è stata appena comunicata la notizia dell'arrivo dell'esercito chiamato dalla Prefettura - conferma all'ANSA il sindaco di Desulo Gigi Littarru - Il loro aiuto serve principalmente per liberare la Desulo-Fonni che ci impedisce di uscire dal pese, poi una volta qui spero ci diano una mano per sfondare i muri di neve sia in paese che in campagna dove sono ancora tanti i pastori isolati". La situazione è "drammatica" soprattutto nelle campagne, scrive su Facebook la sindaca di Fonni Daniela Falconi. "L'emergenza da noi c'è ancora tutta. Siamo praticamente isolati: la Fonni-Desulo, il passo Caravai e la statale 389 da Jenna Erru a Fonni sono intransitabili e i mezzi della Provincia e dell'Anas non riescono a fare breccia. Da Cagliari stanno arrivando i vigili del fuoco con i mezzi pesanti e una squadra farà base in Comune per coordinare la macchina dei soccorsi e provare a raggiungere gli ovili. Il vero disastro - ribadisce la prima cittadina - è nelle campagne, gli ovili sono inaccessibili e quasi tutti irraggiungibili. Le persone stanno bene ma la situazione è davvero drammatica". Quanto all'abitato di Fonni, la sindaca scrive: "In paese operano quattro ruspe di privati ma molti punti rimangono inaccessibili. Ci sono circa 30 persone tra volontari e operai dell'Agenzia Forestas che stanno liberando manualmente i viottoli con pale e turbine del Comune. La Pro Vita sta aiutando le assistenti sociali e le ragazze dell'assistenza domiciliari a gestire tutte le persone che sono in difficoltà". (ANSA).

14:27Giorno memoria: Fedeli ad Auschwitz, da qui si torna diversi

(ANSA) - CRACOVIA, 18 GEN - "Un viaggio della memoria nei luoghi dove si è consumata la più grande tragedia del 900. Da lì si torna diversi, anche nei comportamenti quotidiani, nei valori, nel senso di responsabilità". La ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli saluta così i circa cento studenti che partecipano con lei al Viaggio della Memoria organizzato insieme all'Ucei, l'Unione delle comunità ebraiche italiane. Prima tappa Cracovia, domani Auschwitz: è "contenta e orgogliosa", la neo ministra, che il suo primo viaggio all'estero sia nei luoghi della Shoah. "Ciascuno di noi - ha detto agli studenti- dovrà misurarsi con quello che ha letto, studiato, visto nei film. Ma non sarà la stessa cosa. Andare nei luoghi dello sterminio è un'esperienza che segna ciascuno di noi e che ti fa tornare diverso. Questo viaggio ci fa diventare tutti testimoni e protagonisti attivi di una diversa cultura e di una diversa conoscenza della storia".

14:22Gentiloni a Berlino

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni è appena giunto a Berlino nella sede della Cancelleria dove lo ha accolto Angela Merkel. Il premier, in costante contatto con l'Italia per seguire l'evoluzione delle forti scosse di terremoto che hanno colpito l'Italia centrale, avrà ora un bilaterale con la cancelliera, al termine del quale è prevista una conferenza stampa.

14:22Pd: Rossi, io mai in staff Renzi, vincerò corsa congressuale

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Faccio il presidente della Regione Toscana, mi candido per fare il segretario nazionale del Pd e vincerò pure la corsa congressuale", e "quindi non entrerò mai nello staff di Renzi". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, e candidato alla segreteria nazionale del partito, Enrico Rossi, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle ipotesi di composizione della nuova segreteria del Pd guidato da Matteo Renzi. Per Rossi "il partito ha bisogno di essere profondamente ricostruito, però bisogna partire anche da un'autocritica sugli errori fatti sia come segretario sia come premier". "Siamo nello stesso partito, non c'è storia, non c'è prospettiva fuori dal Pd - ha aggiunto -. Voglio costruire all'interno del Pd un'area che si ispiri e che si richiami alle idee di fondo del socialismo, dell'eguaglianza, della redistribuzione della ricchezza. Insomma, occorre spostare l'asse del Pd a sinistra".

14:21Terremoto: Gentiloni, rafforzare impegno esercito

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in contatto continuo con la Protezione Civile e il Commissario Errani, ha chiesto al Ministro Pinotti un ulteriore, rafforzato impegno dell'esercito - assieme alla strutture operative già presenti - per garantire la massima presenza e prossimità dello Stato nei luoghi già colpiti dal sisma e oggi interessati dalle nuove scosse.

14:19Esercito Iraq, abbiamo preso pieno controllo Mosul est

(ANSA) - BAGHDAD, 18 GEN - Le forze militari irachene hanno annunciato di avere preso "il pieno controllo" della parte orientale della città di Mosul, dopo averne scacciato i militanti del cosiddetto Stato islamico (Isis).

Archivio Ultima ora