Orgoglio Inter, Icardi e Perisic stendono la Juve

Pubblicato il 18 settembre 2016 da ansa

Inter Milan's players celebrate at the end of the Serie A soccer match between Inter Milan and Juventus at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 18 September 2016. Ansa/Daniel Dal Zennaro

Inter Milan’s players celebrate at the end of the Serie A soccer match between Inter Milan and Juventus at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 18 September 2016. Ansa/Daniel Dal Zennaro

MILANO. – Sembrava una squadra agonizzante, invece è resuscitata: l’Inter batte la Juventus per 2-1 con i gol di Icardi e Perisic, dopo il momentaneo vantaggio di Lichtsteiner. L’Hapoel è solo un ricordo. Senza paura, i nerazzurri hanno affrontato la Juventus a viso aperto, ritrovando quell’orgoglio che li ha resi grandi.

San Siro è gremito, in tribuna Moratti convive con i nuovi proprietari del Suning, in campo c’è un’altra squadra che mostra cuore, muscoli e tecnica. Anche De Boer sembra attraversato da un’inedita vivacità. Una trasformazione camaleontica per i nerazzurri che hanno fame di riscatto davanti agli ottantamila tifosi corsi a sostenerli.

Frank de Boer è un uomo coraggioso, ha accettato di guidare l’Inter in corsa, ha sofferto, si è preso critiche impietose e ha risposto con decisione. Icardi unica punta, dietro Candreva, Eder e Banega, a centrocampo Joao Mario e Medel. In difesa D’Ambrosio, Miranda, Murillo e Santon.

Allegri sa che non sarà facile avere ragione di un gruppo ferito, offeso nella propria dignità, voglioso di cancellare il suo ‘giovedì nero’. Eppure, a sorpresa, lascia in panchina Higuain preferendogli Mandzukic. Benatia vince il ballottaggio con Barzagli.

La sfida è avvincente, dura, tesa ma affascinante come non si vedeva da tempo. Banega e Joao Mario danno qualità e profondità a un’Inter che pressa alto e che quasi spiazza la Juventus piuttosto in difficoltà: Pjanic fatica a entrare in partita e Khedira non riesce a trovare il giusto passo. Ancora una volta è Dybala a mettere tutta la sua classe al servizio dei compagni.

Al 14′ si propone Banega in ripartenza, l’argentino rimedia solo un corner; subito dopo Medel prova a piazzare una gran botta da fuori area. Al 20′ Dybala tenta la giocata, tiro a volo ma nulla di fatto. Risponde Icardi con Bonucci bravo ad anticiparlo. Al 23′ gran destro di Eder, di poco a lato. Poi la prima vera occasione per i bianconeri: magnifica apertura di Dybala per Alex Sandro, preciso nel servire Khedira che, tutto solo in area, schiaccia di testa per la comoda presa di Handanovic. Risponde Icardi che colpisce il palo con Buffon battuto. Dybala cerca Pjanic che manda fuori.

La partita è aggressiva, veloce, a tratti ruvida ma prevale un’Inter con le idee chiare. La svolta nel secondo tempo che si apre con un inesauribile Dybala alla ricerca del gol. I nerazzurri vanno vicini al vantaggio al 10′ con Eder, reattivo Chiellini che ci mette una pezza. Soffrono i bianconeri. Icardi cambia gioco per Candreva che calcia al volo senza centrare la porta.

L’Inter dà il massimo, spinge e combatte ma al 21′ passa la Juventus con Lichtsteiner che spinge in rete un cross basso di Alex Sandro. Sembra una beffa ma i nerazzurri non si fanno sorprendere. Immediatamente reagiscono e trovano il pari grazie alla testa di Icardi che sfrutta al meglio l’assist di Candreva. De Boer non sbaglia, gioca la carta Perisic che entra al posto di Eder, mentre Allegri finalmente manda in campo Higuain per Mandzukic.

Medel stremato è in preda ai crampi e lascia spazio a Melo. Tutto perfetto perché al 33′ è proprio Perisic a regalare la vittoria alla sua squadra grazie ad un perentorio stacco di testa su cross di un tarantolato Icardi. La partita è praticamente finita. Gli ultimi brividi arrivano da una occasione di Higuain, dall’espulsione di Banega e da una mischia in area nerazzurra con Handanovic e Khedira che si scontrano.

Vince l’Inter, parte la festa e questa volta ci sono applausi scroscianti. Banega e Joao Mario fanno la differenza, un Icardi ispirato e in costante crescita segna e sforna assist, la squadra vince e convince. Allegri forse sbaglia formazione, tiene fuori Higuain e ne paga il prezzo. De Boer è ampiamente fuori pericolo, piano piano impone il suo gioco e la sua filosofia. Chiedeva tempo ed evidentemente bisogna accordarglielo: chi vince ha sempre ragione e questa volta sembra un po’ meno olandese e un po’ più italiano.

Ultima ora

11:39Insulti antisemiti: Fedeli, segno degrado culturale

(ANSA) - ROMA, 24 OTT - Quella dei tifosi della Lazio è stata un'azione "molto violenta, negativa e inaccettabile, perché usare in modo dispregiativo un'esperienza come quella di Anna Frank è veramente un segno di degrado culturale". Lo ha detto la ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, in merito all'uso di immagini di Anna Frank come insulto durante la partita Lazio-Cagliari di domenica scorsa.

11:36Calcio: Agnelli, plauso a Tavecchio commissario Lega

(ANSA) - TORINO, 24 OTT - Faccio un plauso al presidente della Federcalcio Tavecchio nella sua veste di commissario di Lega e ai sub commissari Uva e Nicoletti. Con estrema difficoltà abbiamo approvato un nuovo statuto che consente una governance più snella". Lo ha detto il presidente della Juventus Andrea Agnelli all'assemblea degli azionisti della società bianconera. "Ieri - ha aggiunto - (in Lega, ndr) c'è stato un incontro positivo, sono stati formati due gruppi lavoro e verosimilmente verrà affidata a una società di cacciatori di teste l'incarico di individuare il profilo privato dell'amministratore delegato. L'auspicio -ha aggiunto Agnelli- è quello di sviluppare il prodotto calcio".

11:34Austria: Kurz invita Fpoe a consultazioni per governo

(ANSA) - BERLINO, 24 OTT - Il cancelliere austriaco in pectore Sebastian Kurz ha invitato alle consultazioni la destra oltranzista del Fpoe, per costituire il nuovo governo. L'Oevp, il partito popolare di Kurz, si è affermato in modo nettissimo alle elezioni del 15 ottobre, mentre l'Fpoe è arrivato al terzo posto.

11:31Calcio: Agnelli, 1/o obiettivo Juve vincere in Italia

(ANSA) - TORINO, 24 OTT - "Il primo obiettivo della Juventus deve essere quello di vincere in Italia, riconfermarsi conquistando il settimo scudetto". Così il presidente della Andrea Agnelli, all'assemblea degli azionisti. "Come definiremmo i giocatori con 7 scudetti consecutivi, è un tema che auspichiamo di potere discutere più avanti...".

11:15‘Smart city’, Milano città più avanzata d’Italia

(ANSA) - MILANO, 24 OTT - Milano è la 'smart City' più avanzata in Italia: si conferma al primo posto in Italia per il quarto anno consecutivo, staccando le altre città per crescita economica, mobilità sostenibile, ricerca/innovazione, trasformazione digitale, con ottimi risultati anche nella partecipazione dei cittadini. La conferma del primato arriva da 'ICity Rate 2017', il rapporto annuale realizzato da FPA per fotografare la situazione delle città italiane nel percorso per diventare 'smart', ovvero più vivibili e più vicine ai bisogni dei cittadini. Ma in questa edizione il distacco del capoluogo lombardo è quasi azzerato, per l'introduzione di variabili ambientali come il consumo di suolo (Milano è 97/a posto) e qualità dell'aria (98/a). Al secondo posto la tallona Bologna, che ha solo due punti di distanza dal vertice (erano oltre 50 del 2016), potendo vantare il primato nell'energia e nella governance. Firenze si riprende il terzo posto che aveva perso lo scorso anno.

11:05Calcio: Agnelli “per conti Juve utile storico 42,6 mln”

(ANSA) - TORINO, 24 OTT - "Dobbiamo essere estremamente orgogliosi anche dell'attività fuori dal campo: il fatturato di quest'anno, escludendo i trasferimenti, ha visto un ulteriore +20%, arrivando a 411 milioni; abbiamo segnato un utile storico, 42,6 milioni". Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, aprendo l'assemblea degli azionisti del club bianconero. "Il focus per la Juventus è sempre stato, è e resterà il calcio giocato, ma per sviluppare la parte sportiva - ha spiegato Agnelli - è altrettanto importante quello che avviene fuori dal campo".

11:05Yemen: Bahai denunciano attacco da parte Houthi

(ANSAmed) - BEIRUT, 24 OTT - La comunità internazionale dei Bahai ha denunciato un attacco compiuto dai miliziani sciiti Houthi, alleati di Teheran, contro una riunione a Sanaa di seguaci di questa religione, nata da una riforma dell'Islam e messa al bando in Iran perché giudicata eretica. "Il 22 ottobre i miliziani hanno fatto irruzione in un incontro Bahai a Sanaa, aprendo il fuoco sul piccolo gruppo di persone riunite per commemorare il bicentenario della nascita di Bahaullah", ha detto la comunità Bahai, riferendosi al fondatore di questa confessione. L'attacco è avvenuto nella casa di un capo tribale, Walid Ayyash, che è stato rapito nel mese di aprile e di cui non si sa più nulla. Gli aggressori hanno arrestato il fratello di Ayyash, Akram. La comunità denuncia anche arresti di 19 propri membri avvenuti in Iran durante la festività del bicentenerio tra il 18 e il 21 ottobre a Teheran, Kermanshah e Birjand.

Archivio Ultima ora