Al via l’Assemblea Generale Onu, la sfida è sui migranti

Pubblicato il 19 settembre 2016 da ansa

Al via l'Assemblea Generale Onu, la sfida è sui migranti

Al via l’Assemblea Generale Onu, la sfida è sui migranti

NEW YORK. – L’emergenza migranti e rifugiati, la guerra in Siria e la crisi in Libia: su questi dossier sono puntati i riflettori della 71/ma Assemblea Generale Onu, che prende il via oggi a New York. Circa 135 leader del mondo sono attesi al Palazzo di Vetro questa settimana – l’ultima volta per il presidente Barack Obama e per il segretario generale Ban Ki-moon – e dovranno far fronte ad un’ampia serie di crisi, molte delle quali interconnesse e giudicate senza precedenti.

A dare il via ai lavori sarà il tema della crisi migratoria, al centro del vertice organizzato da Ban Ki-moon, al termine del quale gli Stati membri adotteranno una Dichiarazione che contiene una serie di principi e impegni e che costituirà la base per arrivare alla firma di un Global Compact entro il 2018. Domani prenderà il via il dibattito generale, aperto come di consueto dal Brasile, con il neo presidente Michel Temer, seguito dal collega americano, Barack Obama. Quindi, nel pomeriggio della giornata inaugurale, pronuncerà il suo intervento il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Nella delegazione italiana ci saranno anche il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e dell’Interno Angelino Alfano.

Sempre martedì, Obama ospiterà il Summit dei leader sui rifugiati, invitando i governi di tutto il mondo a impegnarsi significativamente nell’assistenza. Grande attenzione sarà dedicata anche alla lotta al terrorismo, e ai dossier di Siria e Libia, questi ultimi al centro di due incontri ad hoc a margine del dibattito in Assemblea Generale: per mercoledì 21 settembre è in agenda una riunione del Consiglio di Sicurezza Onu sulla Siria, mentre i leader discuteranno della situazione in Libia il giorno successivo, nel corso di un incontro all’esterno del Palazzo di Vetro.

Nei tanti eventi di alto livello organizzati nel corso della settimana si parlerà anche di clima, con Ban Ki-moon che preme per far entrare in vigore l’accordo di Parigi entro fine anno. Ancora, in agenda ci sarà la situazione umanitaria in Iraq, la riforma del Consiglio di Sicurezza, la pena di morte, la protezione del patrimonio culturale e il ruolo delle donne nella mediazione dei conflitti.

Oltre a 1.100 bilaterali tra i leader del mondo. E ci sarà anche la candidata democratica alla Casa Bianca Hillary Clinton, che tra gli altri incontrerà il presidente egiziano Al Sisi e l’ucraino Petro Poroshenko. Sullo sfondo, in diversi incontri e riunioni si discuterà anche della situazione in Corea del Nord, che verrà affrontata pure nel tradizionale pranzo di Ban Ki-moon con i rappresentanti dei membri permanenti del Consiglio di Sicurezza (Usa, Russia, Cina, Francia e Gran Bretagna).

Infine il tema della successione a Ban, che verrà finalizzata nel giro di poche settimane, e per ora vede in pole tra i candidati l’ex Alto Commissario per i diritti umani Antonio Guterres.

(di Valeria Robecco/ANSA)

Ultima ora

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

04:06Afghanistan: talebani uccidono 18 soldati in Kandahar

KABUL - Un folto gruppo di talebani ha attaccato nella notte fra mercoledì e giovedi' una base dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 18 soldati e ferendone altri 16. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pajhwok. Un ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha indicato che l'attacco e' avvenuto nell'area di Zangitan del distretto di Shah Walikot provocando uno scontro a fuoco durato tre ore.

Archivio Ultima ora