Non allineati, cala il sipario “sin pena ni gloria”. Referendum, la Mud attende

Pubblicato il 19 settembre 2016 da redazione

Non allineati, cala il sipario “sin pena ni gloria”.

Non allineati, cala il sipario “sin pena ni gloria”.

Mauro Bafile

Nel 2012, a Teheran, parteciparono 27 capi di Stato, due re, sette premier e oltre 50 ministri degli Esteri. In quell’occasione si contò anche sull’assistenza di Ban Ki-moon, Segretario Generale dell’Onu, nonostante le speculazioni e critiche circa l’opportunità della sua presenza in un vertice ospitato da un paese condannato all’isolamento dalla comunità internazionale. Stati Uniti e Israele cercarono con ogni mezzo di dissuadere Ban Ki-moon, ma il Segretario Generale dell’Onu non se la sentì di disertare l’appuntamento dei “non allineati”.

Al vertice conclusosi ieri hanno partecipato appena 19 ministri degli Esteri in rappresentanza di Corea del Nord, India, Burundi, Eritrea, Zimbabwe, Serbia, Qatar, Siria, Repubblica Dominicana, Bolivia, Ecuador, Algeria, Pakistan, Mauritania, Palestina, Kuwait, Iran e Cuba. E, tra i capi di Stato, hanno assistito Castro, Hassan Rohani e Correa. Insomma, ben poco per un Vertice di un organismo al quale aderiscono ben 120 paesi.

Certo, al sentir parlare dei “non allineati”, vengono subito alla mente tutt’altri personaggi della storia. Ad esempio, Tito e Nehru. Vengono anche in mente la “guerra fredda” e il tentativo di molte nazioni di spezzare le catene del bipolarismo, di mantenere una propria indipendenza al di fuori dei blocchi dominanti Usa-Urss, e di imporre un confronto diverso.

L’equazione Nord-Sud, oggi, è cambiata. L’Unione Sovietica è implosa frantumandosi in piccoli stati, la “guerra fredda” si è conclusa un quarto di secolo fa con la caduta del “Muro di Berlino”, e i Bric’s si propongono come le nuove potenze economiche internazionali capaci di erodere il potere di quelle tradizionali – leggasi Europa e Stati Uniti -. I “Paesi non allineati”, comunque, continuano a riunirsi e a presentare proposte per dare nuova linfa all’organismo che altrimenti sarebbe condannato a scomparire.

E’ indubbio che, piaccia o no, l’organizzazione di un evento come il “Vertice dei Non Allineati” abbia riportato benefici enormi al governo al quale ha offerto la possibilità di proiettare l’immagine del Paese a livello internazionale. E’ comprensibile anche la militarizzazione dell’isola, trasformata in bunker per la sicurezza degli ospiti illustri. Discutibili, invece, le manifestazioni parallele organizzate dal governo in un momento in cui l’austerity dovrebbe essere la parola d’ordine.

La propaganda ufficiale ha voluto mostrare un Paese che non esiste con un governo saldamente al potere. Ma non c’è nazione che non conosca la realtà venezuelana. Festival, vertici o “cumbres” non riusciranno mai a nascondere la crisi economica agli occhi esperti dei diplomatici e degli analisti.

Sceso il sipario sui “non allineati”, i venezuelani si ritrovano con gli stessi problemi della quotidianità: insicurezza, alto costo della vita, mancanza di generi alimentari e medicine e via di seguito. In questo contesto, il Tavolo dell’Unità continua a esigere al Consiglio Nazionale Elettorale celerità nelle decisioni. Insomma, nello stabilire una data per la raccolta del 20 per cento delle fime e regole definitive per la realizzazione del Referendum.

Tra l’incudine e il martello. Gli esponenti dell’eterogenea alleanza dell’Opposizione, oggi, si trovano a fare i conti con un organismo elettorale che temporeggia, un’opposizione radicale che esige azione – troppe volte dalla comodità del sofà e dalla tranquillità di una vita comoda all’estero, spera in un’insurrezione o in un bagno di sangue -, ed una maggioranza silenziosa pronta a firmare per deporre pacificamente, e percorrendo la via costituzionale, il presidente della Repubblica.

Il Tavolo dell’Unità non ha le armi per intraprendere un’insurrezione, le cui conseguenze sarebbero devastanti per il Paese, ma ha la forza del voto e la consapevolezza che ormai il governo del presidente Maduro è sostenuto da una minoranza.

Non sorprende che Opposizione e Governo cerchino la via del dialogo per una soluzione pacifica alla crisi istituzionale. Stupisce, semmai, la notizia di incontri clandestini e carbonari che danno la sensazione che si voglia nascondere qualcosa o che, col dialogo, si vogliano inseguire obiettivi inconfessabili, estranei a nuove elezioni presidenziali, al ritorno all’istituzionalità e all’equilibrio tra poteri.

In queste prove di dialogo, che alcuni hanno erroneamente interpretato come una manifestazione di debolezza del Tavolo dell’Unità, dovrebbe essere sempre presente la necessità di assicurare la sopravvivenza del “chavismo” come forza politica. Questa, infatti, assicurerebbe non solo l’alternabilità al potere ma anche, soprattutto, quell’equilibrio istituzionale che oggi manca al Paese e che giustifica l’esistenza del Tavolo dell’Unità, la sua lotta e la richiesta della realizzazione del Referendum revocatorio.

Ultima ora

12:50Nuoto: Settecolli, Pellegrini in finale 200 sl

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Federica Pellegrini si qualifica alla finale dei 200 sl del torneo internazionale Settecolli con il tempo di 1:57.89, miglior risultato di giornata sulla distanza. Tra le prime otto che si sfideranno nella finale A del pomeriggio figura anche l'altra azzurra Alice Mizzau, giunta terza nella stessa batteria della veneta con il tempo di 1:59.11. "L'ho sentita parecchio la gara - le parole di Pellegrini a fine gara - sarà bello competere nel pomeriggio con tante campionesse. La tensione c'è sempre, di solito al Settecolli ci arrivavo piano piano e invece oggi ho iniziato subito con i 200: così è pronti via senza parametri ma sono contenta". Dopo il Settecolli, la partenza per l'allenamento di altura prima dei Mondiali di Budapest: "Stavolta parto dopo per farla più a ridosso possibile del Mondiale. Vediamo se questa scommessa sarà una buona scommessa oppure no", ha aggiunto Federica.

12:39Carabinieri: Del Sette, presenza Arma è presenza Stato

(ANSA) - PORDENONE, 23 GIU - "La presenza dell'Arma è la presenza dello Stato": lo ha affermato il comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, in occasione dell'inaugurazione del nuovo Comando provinciale dei Carabinieri di Pordenone. "In tutta Italia stiamo lavorando per continuare ad ammodernare le nostre strutture - ha aggiunto - realizzandone anche di nuove, per essere sempre più vicini alla gente. Il passaggio fondamentale sarà far riconquistare fiducia ai cittadini: il nostro operare quotidiano deve essere orientato sia alla fattiva tutela della legalità, sia all'aumento della percezione della sicurezza, oggi non ancora allineata ai dati che riferiscono di reati in calo", ha concluso Del Sette.

12:34Calcio: minacce via Fb a speaker Bari, lui lascia e denuncia

(ANSA) - BARI, 23 GIU - Lo speaker del Bari Max Boccasile ha deciso di abbandonare l'incarico dopo che la sua fidanzata ha ricevuto, via Facebook, una minaccia da un account poi rimosso: "Ascolta un consiglio spassionato. Se non vuoi finire con la faccia bella che tieni nell'acido, dì all'amore tuo di lasciare il posto di speaker. E stai muta". "Ho avviato le pratiche per la denuncia alla Polizia postale - spiega Boccasile - dopo aver ricevuto, insieme alla mia compagna, minacce e insulti affinché abbandonassi l'incarico di speaker del Bari. Lo farò, dunque, lascio il microfono allo stadio, ma andrò fino in fondo sul piano legale. Voglio che si sappia chi c'è dietro i profili e account social responsabili delle intimidazioni. Non ho tolto il posto a nessuno, ma ricoperto una posizione che era rimasta scoperta nel club". Boccasile spiega di aver iniziato con i suoi legali una battaglia "a tutela della sicurezza e dell'incolumità" sua e di suoi cari. "Sono dei miserabili e in questo momento ringrazio chi mi ha sostenuto".

12:31MotoGp: Olanda, Petrucci il migliore nelle prime libere

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - E' di Danilo Petrucci il miglior tempo della prima sessione di prove libere del Gp d'Olanda, classe MotoGp, in programma domenica sul circuito di Assen. Il pilota ternano della Ducati Pramac ha fatto segnare 1'34"680 precedendo di 106 millesimi il francese Yohann Zarco (Yamaha Tech 3) e di 142 millesimi il britannico Cal Crutchlow (LCR Honda). Quarto tempo in 1'34"829 per Andrea Dovizioso (Ducati), vincitore delle ultime due gare del Motomondiale al Mugello e a Barcellona. Quinta la prima Yamaha ufficiale, quella di Valentino Rossi, che accusa un ritardo di 161 millesimi da Petrucci. Sesta la Suzuki di Andrea Iannone, settima la Honda di Dani Pedrosa, nona la Ducati di Jorge Lorenzo, dodicesima la Yamaha di Maverick Vinales e tredicesima la Honda di Marc Marquez.

12:07Basket: Nba, la prima scelta del draft è Markelle Fultz

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - E' Markelle Fultz, playmaker di Washington, la prima scelta del Draft Nba, tenutosi nella notte al Barclays Center di New York, casa dei Brooklyn Nets. Fultz andrà ai Philadelphia 76ers dopo che la franchigia si era appropriata nei giorni scorsi del turno dei Boston Celtics in cima al tabellone. La seconda scelta è Lonzo Ball, playmaker di UCLA che approda ai Los Angeles Lakers. Terzo è Jayson Tatum, ala di Duke, che andrà a rinforzare i Boston Celtics. Per quanto riguarda il mercato i Chicago Bulls scambiano con i Minnesota Timberwolves Jimmy Butler in cambio di Zach Lavine, Kris Dunne e la settima scelta del draft, commutata poi a stretto giro dalla dirigenza dei Bulls in Lauri Markkanen, promettente lungo finlandese.

12:02Stalking: sms osceni a figlia minorenne, arrestato

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 23 GIU - Ha pedinato e controllato la ex compagna e la loro figlia minorenne, ha minacciato la donna ed ha inviato alla ragazza messaggi erotici sul telefonino. Per questi motivi, i carabinieri della Compagnia di Locri, in esecuzione di un'ordinanza del Gip, hanno arrestato e posto ai domiciliari un 39enne accusato di stalking. Le molestie, secondo l'accusa, sono andate avanti dal marzo 2016 al maggio 2017 perché l'uomo non accettava la fine della relazione. Una situazione che ha creato alla donna ed alla figlia un perdurante e grave stato di paura, tanto da costringerle ad alterare le proprie abitudini di vita. Le indagini sono iniziate nel gennaio scorso dopo la segnalazione di una psicologa in servizio all'Asp di Reggio Calabria che ha segnalato l'invio di messaggi "osceni" sul cellulare della minore. I riscontri dei carabinieri hanno consentito di accertare le responsabilità dell'uomo che è stato quindi arrestato su richiesta della Procura della Repubblica. (ANSA).

11:54Siria: Mosca, missili da navi russe contro Isis

(ANSA) - MOSCA, 23 GIU - Missili lanciati da navi militari russe schierate nel Mediterraneo orientale hanno distrutto postazioni di comando e depositi di armi e munizioni dell'Isis vicino ad Akerbat, nella provincia siriana di Hama: lo riferisce il ministero della Difesa russo. "I lanci di sei missili da crociera Kalibr - sostiene Mosca - sono stati effettuati dalla parte orientale del Mediterraneo dalle fregate 'Ammiraglio Essen' e 'Ammiraglio Grigorovich' e dal sottomarino 'Krasnodar' su obiettivi del gruppo terroristico Isis in Siria".

Archivio Ultima ora