Non allineati, cala il sipario “sin pena ni gloria”. Referendum, la Mud attende

Pubblicato il 19 settembre 2016 da redazione

Non allineati, cala il sipario “sin pena ni gloria”.

Non allineati, cala il sipario “sin pena ni gloria”.

Mauro Bafile

Nel 2012, a Teheran, parteciparono 27 capi di Stato, due re, sette premier e oltre 50 ministri degli Esteri. In quell’occasione si contò anche sull’assistenza di Ban Ki-moon, Segretario Generale dell’Onu, nonostante le speculazioni e critiche circa l’opportunità della sua presenza in un vertice ospitato da un paese condannato all’isolamento dalla comunità internazionale. Stati Uniti e Israele cercarono con ogni mezzo di dissuadere Ban Ki-moon, ma il Segretario Generale dell’Onu non se la sentì di disertare l’appuntamento dei “non allineati”.

Al vertice conclusosi ieri hanno partecipato appena 19 ministri degli Esteri in rappresentanza di Corea del Nord, India, Burundi, Eritrea, Zimbabwe, Serbia, Qatar, Siria, Repubblica Dominicana, Bolivia, Ecuador, Algeria, Pakistan, Mauritania, Palestina, Kuwait, Iran e Cuba. E, tra i capi di Stato, hanno assistito Castro, Hassan Rohani e Correa. Insomma, ben poco per un Vertice di un organismo al quale aderiscono ben 120 paesi.

Certo, al sentir parlare dei “non allineati”, vengono subito alla mente tutt’altri personaggi della storia. Ad esempio, Tito e Nehru. Vengono anche in mente la “guerra fredda” e il tentativo di molte nazioni di spezzare le catene del bipolarismo, di mantenere una propria indipendenza al di fuori dei blocchi dominanti Usa-Urss, e di imporre un confronto diverso.

L’equazione Nord-Sud, oggi, è cambiata. L’Unione Sovietica è implosa frantumandosi in piccoli stati, la “guerra fredda” si è conclusa un quarto di secolo fa con la caduta del “Muro di Berlino”, e i Bric’s si propongono come le nuove potenze economiche internazionali capaci di erodere il potere di quelle tradizionali – leggasi Europa e Stati Uniti -. I “Paesi non allineati”, comunque, continuano a riunirsi e a presentare proposte per dare nuova linfa all’organismo che altrimenti sarebbe condannato a scomparire.

E’ indubbio che, piaccia o no, l’organizzazione di un evento come il “Vertice dei Non Allineati” abbia riportato benefici enormi al governo al quale ha offerto la possibilità di proiettare l’immagine del Paese a livello internazionale. E’ comprensibile anche la militarizzazione dell’isola, trasformata in bunker per la sicurezza degli ospiti illustri. Discutibili, invece, le manifestazioni parallele organizzate dal governo in un momento in cui l’austerity dovrebbe essere la parola d’ordine.

La propaganda ufficiale ha voluto mostrare un Paese che non esiste con un governo saldamente al potere. Ma non c’è nazione che non conosca la realtà venezuelana. Festival, vertici o “cumbres” non riusciranno mai a nascondere la crisi economica agli occhi esperti dei diplomatici e degli analisti.

Sceso il sipario sui “non allineati”, i venezuelani si ritrovano con gli stessi problemi della quotidianità: insicurezza, alto costo della vita, mancanza di generi alimentari e medicine e via di seguito. In questo contesto, il Tavolo dell’Unità continua a esigere al Consiglio Nazionale Elettorale celerità nelle decisioni. Insomma, nello stabilire una data per la raccolta del 20 per cento delle fime e regole definitive per la realizzazione del Referendum.

Tra l’incudine e il martello. Gli esponenti dell’eterogenea alleanza dell’Opposizione, oggi, si trovano a fare i conti con un organismo elettorale che temporeggia, un’opposizione radicale che esige azione – troppe volte dalla comodità del sofà e dalla tranquillità di una vita comoda all’estero, spera in un’insurrezione o in un bagno di sangue -, ed una maggioranza silenziosa pronta a firmare per deporre pacificamente, e percorrendo la via costituzionale, il presidente della Repubblica.

Il Tavolo dell’Unità non ha le armi per intraprendere un’insurrezione, le cui conseguenze sarebbero devastanti per il Paese, ma ha la forza del voto e la consapevolezza che ormai il governo del presidente Maduro è sostenuto da una minoranza.

Non sorprende che Opposizione e Governo cerchino la via del dialogo per una soluzione pacifica alla crisi istituzionale. Stupisce, semmai, la notizia di incontri clandestini e carbonari che danno la sensazione che si voglia nascondere qualcosa o che, col dialogo, si vogliano inseguire obiettivi inconfessabili, estranei a nuove elezioni presidenziali, al ritorno all’istituzionalità e all’equilibrio tra poteri.

In queste prove di dialogo, che alcuni hanno erroneamente interpretato come una manifestazione di debolezza del Tavolo dell’Unità, dovrebbe essere sempre presente la necessità di assicurare la sopravvivenza del “chavismo” come forza politica. Questa, infatti, assicurerebbe non solo l’alternabilità al potere ma anche, soprattutto, quell’equilibrio istituzionale che oggi manca al Paese e che giustifica l’esistenza del Tavolo dell’Unità, la sua lotta e la richiesta della realizzazione del Referendum revocatorio.

Ultima ora

11:02Pellegrini infinita, oro su 200 a mondiali vasca corta

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Federica Pellegrini infinita, vince l'oro ai mondiali di nuoto in vasca corta in corso a Windsor, Canada, con una superba prestazione nei 200 sl, la sua specialità. La campionessa veneta nella gara disputata questa notte ha trionfato con il tempo di 1'51"73, lasciandosi alle spalle la fortissima ungherese Katinka Hosszu 1'52"28 considerata favorita alla vigilia, e la canadese Taylor Ruck in 1'52"50.

10:54‘Ndrangheta: arresti nel reggino, c’è sindaco Bova Marina

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 7 DIC - I carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, nell'ambito di un'operazione antimafia coordinata dalla Dda, hanno arrestato 14 persone accusate, a vario titolo, tra l'altro, di concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, turbata libertà degli incanti e violenza privata. L'operazione riguarda le cosche di 'ndrangheta "Iamonte" e "Paviglianiti", attive a Melito di Porto Salvo, San Lorenzo, Bagaladi e Condofuri, comuni della provincia di Reggio. Tra le persone arrestate c'é anche il sindaco di Bova Marina, Vincenzo Crupi. Crupi, che é stato posto ai domiciliari, é accusato di corruzione. Nell'ambito della stessa operazione sono finiti ai domiciliari, sempre con l'accusa di corruzione, il vicesindaco e l'assessore al Turismo di Brancaleone, Giuseppe Benavoli ed Alfredo Zappia, e l'ex sindaco di Melito Porto Salvo, Giuseppe Iaria, già coinvolto in una precedente operazione. (ANSA).

10:26Omicidio stradale: tribunale Padova, ok Asaps parte civile

(ANSA) - FORLI', 7 DIC - Il Tribunale di Padova ha ammesso la costituzione di parte civile dell'Associazione sostenitori della Polstrada (Asaps), che ha sede a Forlì, in un processo per omicidio stradale. La famiglia della vittima ha chiesto un risarcimento di 1,8 milioni, mentre l'Asaps - tramite l'avvocato Augusto Baldassari - ha chiesto al giudice di stabilire una somma equa che destinerà a nuove campagne di sicurezza stradale. L'incidente avvenne il 25 giugno nella zona di Abano Terme: una maestra di 59 anni, Paola Rosa Tanga, di Limena, era diretta al matrimonio di un'amica quando contro la sua Lancia Y si schiantò una Bmw che, dopo aver oltrepassato la doppia linea continua, sbandò sulla corsia opposta. La donna rimase imprigionata tra le lamiere. L'altra conducente, 50enne, ai domiciliari fino al processo, risultò positiva all'alcoltest con un tasso di 2,1 gr/l e si scoprì che guidava giocando con un'applicazione dello smartphone. L'Asaps ha lanciato per prima, oltre 10 anni fa, l'idea del reato di omicidio stradale.(ANSA).

09:36Siria: Tass, 3.000 miliziani depongono armi

(ANSA) - MOSCA, 07 DIC - Circa 3.000 miliziani hanno deposto le armi a Khan al-Sheikh, vicino Damasco, ed è stato loro consentito di lasciare la città con le famiglie per dirigersi nella provincia di Idlib a bordo di 52 autobus: lo scrive l'agenzia di stampa ufficiale russa Tass. "Dopo lunghi e difficili negoziati - ha spiegato il colonnello russo Alexiei Leshchenko -, è stato raggiunto un accordo di cessate il fuoco con i miliziani". I miliziani avrebbero lasciato sul posto 500 armi da fuoco, fucili da cecchino, e decine di mortai.

09:23Terremoti: almeno 54 i morti in Indonesia

(ANSA) - MEUREUDU, 7 DIC - E' salito ad almeno 54 morti il bilancio del terremoto che ha devastato la provincia indonesiana di Aceh. Lo annuncia il capo della polizia locale, Tatang Sulaiman. I soccorritori sono al lavoro nella cittadina di Meureudu, devastata dal sisma, dove si ritiene che molte persone siano ancora sotto le macerie. La magnitudo è stata rivista a 6.5 .

07:34Terremoto di magnitudo 6.4 a Sumatra, almeno 25 morti

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - E' di almeno 25 morti e decine di dispersi il bilancio del violento terremoto di magnitudo 6.4 che ha colpito stamattina la costa nord dell'isola indonesiana di Sumatra. La scossa è avvenuta alle 6:03 ora locale e ha avuto ipocentro a soli 8,2 km di profondità ed epicentro 5,8 km a nordovest di Pante Raja. La regione colpita è quella di Aceh, territorio ad autonomia speciale estremità settentrionale di Sumatra.

01:14Calcio: Champions, Sarri “Primo posto senza alcun vantaggio”

(ANSA) - NAPOLI, 6 DIC - "Ci tenevamo ad arrivare primi nel girone, perché questo è un risultato storico per il Napoli. Anche se mi sembra che il vantaggio materiale derivante da questo piazzamento sia nullo". Così Maurizio Sarri ha commentato la vittoria del Napoli a Lisbona, contro il Benfica, e la qualificazione agli ottavi di finale della Champions. "La nostra - spiega l'allenatore dei partenopei - è stata una buona partita. Nel primo tempo c'è stato più equilibrio, nella ripresa invece siamo venuti nettamente fuori noi e abbiamo creato un gran numero di palle-gol. Mi dispiace solo per il gol subito nel finale, che mi ha fatto molto arrabbiare, soprattutto per come la squadra ha disputato la partita: avrebbe sicuramente meritato di concludere con la porta imbattuta".

Archivio Ultima ora