Non allineati, cala il sipario “sin pena ni gloria”. Referendum, la Mud attende

Pubblicato il 19 settembre 2016 da redazione

Non allineati, cala il sipario “sin pena ni gloria”.

Non allineati, cala il sipario “sin pena ni gloria”.

Mauro Bafile

Nel 2012, a Teheran, parteciparono 27 capi di Stato, due re, sette premier e oltre 50 ministri degli Esteri. In quell’occasione si contò anche sull’assistenza di Ban Ki-moon, Segretario Generale dell’Onu, nonostante le speculazioni e critiche circa l’opportunità della sua presenza in un vertice ospitato da un paese condannato all’isolamento dalla comunità internazionale. Stati Uniti e Israele cercarono con ogni mezzo di dissuadere Ban Ki-moon, ma il Segretario Generale dell’Onu non se la sentì di disertare l’appuntamento dei “non allineati”.

Al vertice conclusosi ieri hanno partecipato appena 19 ministri degli Esteri in rappresentanza di Corea del Nord, India, Burundi, Eritrea, Zimbabwe, Serbia, Qatar, Siria, Repubblica Dominicana, Bolivia, Ecuador, Algeria, Pakistan, Mauritania, Palestina, Kuwait, Iran e Cuba. E, tra i capi di Stato, hanno assistito Castro, Hassan Rohani e Correa. Insomma, ben poco per un Vertice di un organismo al quale aderiscono ben 120 paesi.

Certo, al sentir parlare dei “non allineati”, vengono subito alla mente tutt’altri personaggi della storia. Ad esempio, Tito e Nehru. Vengono anche in mente la “guerra fredda” e il tentativo di molte nazioni di spezzare le catene del bipolarismo, di mantenere una propria indipendenza al di fuori dei blocchi dominanti Usa-Urss, e di imporre un confronto diverso.

L’equazione Nord-Sud, oggi, è cambiata. L’Unione Sovietica è implosa frantumandosi in piccoli stati, la “guerra fredda” si è conclusa un quarto di secolo fa con la caduta del “Muro di Berlino”, e i Bric’s si propongono come le nuove potenze economiche internazionali capaci di erodere il potere di quelle tradizionali – leggasi Europa e Stati Uniti -. I “Paesi non allineati”, comunque, continuano a riunirsi e a presentare proposte per dare nuova linfa all’organismo che altrimenti sarebbe condannato a scomparire.

E’ indubbio che, piaccia o no, l’organizzazione di un evento come il “Vertice dei Non Allineati” abbia riportato benefici enormi al governo al quale ha offerto la possibilità di proiettare l’immagine del Paese a livello internazionale. E’ comprensibile anche la militarizzazione dell’isola, trasformata in bunker per la sicurezza degli ospiti illustri. Discutibili, invece, le manifestazioni parallele organizzate dal governo in un momento in cui l’austerity dovrebbe essere la parola d’ordine.

La propaganda ufficiale ha voluto mostrare un Paese che non esiste con un governo saldamente al potere. Ma non c’è nazione che non conosca la realtà venezuelana. Festival, vertici o “cumbres” non riusciranno mai a nascondere la crisi economica agli occhi esperti dei diplomatici e degli analisti.

Sceso il sipario sui “non allineati”, i venezuelani si ritrovano con gli stessi problemi della quotidianità: insicurezza, alto costo della vita, mancanza di generi alimentari e medicine e via di seguito. In questo contesto, il Tavolo dell’Unità continua a esigere al Consiglio Nazionale Elettorale celerità nelle decisioni. Insomma, nello stabilire una data per la raccolta del 20 per cento delle fime e regole definitive per la realizzazione del Referendum.

Tra l’incudine e il martello. Gli esponenti dell’eterogenea alleanza dell’Opposizione, oggi, si trovano a fare i conti con un organismo elettorale che temporeggia, un’opposizione radicale che esige azione – troppe volte dalla comodità del sofà e dalla tranquillità di una vita comoda all’estero, spera in un’insurrezione o in un bagno di sangue -, ed una maggioranza silenziosa pronta a firmare per deporre pacificamente, e percorrendo la via costituzionale, il presidente della Repubblica.

Il Tavolo dell’Unità non ha le armi per intraprendere un’insurrezione, le cui conseguenze sarebbero devastanti per il Paese, ma ha la forza del voto e la consapevolezza che ormai il governo del presidente Maduro è sostenuto da una minoranza.

Non sorprende che Opposizione e Governo cerchino la via del dialogo per una soluzione pacifica alla crisi istituzionale. Stupisce, semmai, la notizia di incontri clandestini e carbonari che danno la sensazione che si voglia nascondere qualcosa o che, col dialogo, si vogliano inseguire obiettivi inconfessabili, estranei a nuove elezioni presidenziali, al ritorno all’istituzionalità e all’equilibrio tra poteri.

In queste prove di dialogo, che alcuni hanno erroneamente interpretato come una manifestazione di debolezza del Tavolo dell’Unità, dovrebbe essere sempre presente la necessità di assicurare la sopravvivenza del “chavismo” come forza politica. Questa, infatti, assicurerebbe non solo l’alternabilità al potere ma anche, soprattutto, quell’equilibrio istituzionale che oggi manca al Paese e che giustifica l’esistenza del Tavolo dell’Unità, la sua lotta e la richiesta della realizzazione del Referendum revocatorio.

Ultima ora

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

21:38Pop.Vicenza: nuovo interrogatorio Zonin, 5 ore davanti Pm

(ANSA) - VICENZA, 24 MAR - E' durato fino al primo pomeriggio il nuovo interrogatorio di Gianni Zonin, l'ex presidente della Banca Popolare di Vicenza, indagato per aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza. Zonin, che era già stato sentito una prima volta mercoledì scorso, è rimasto per oltre cinque ore davanti ai pubblici ministeri Gianni Pipeschi e Luigi Salvadori, che conducono l'inchiesta sul tracollo dell'istituto di credito berico. L'ex presidente, da quanto si è appreso, ha risposto a tutte le domande di merito fatte dai magistrati e non dovrebbero essere previsti altri interrogatori. I Pm non avrebbero mosso a Zonin nuove contestazioni, e l'ex presidente avrebbe sostanzialmente ribadito la sua estraneità alle vicende di natura penale al centro delle indagini coordinate dalla procura vicentina.

21:20Studente morto a Valencia: legale ‘chiesta nuova autopsia’

(ANSA) - ANCONA, 24 MAR - ''Ho già inoltrato alla procura di Roma una richiesta di nuova autopsia''. Lo ha detto all'ANSA l'avv. Igor Giostra, legale della famiglia di Giacomo Nicolai, lo studente 24enne di Fermo trovato morto in casa a Valencia, dove frequentava l'Erasmus, con tre coltellate al petto, che secondo la polizia spagnola si sarebbe auto inflitto. La salma rientra in queste ore in Italia, a Fiumicino. Ma bisognerà attendere il nulla osta per il passaporto mortuario prima del trasferimento a Fermo. Sulle modalità del decesso del giovane, iscritto a Ingegneria a Torino, la famiglia nutre molti dubbi. Se ieri il padre Stefano sembrava aver accettato la tesi del suicidio (''non c'è alcun giallo da alimentare, né questioni da porre o chiarezze da chiedere''), la madre, Erminia Fidanza, avvocato, rileva: ''sul corpo ci sono tre ferite da coltello, inferte con una lama di soli 7 cm: il primo colpo te lo puoi procurare, il secondo già mi pare difficile, ma il terzo...''. Ora sarà la magistratura italiana a fare chiarezza.

21:07Sicurezza: giudice Treviso “si arma”, Anm Veneto si dissocia

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAR - "La Giunta veneta dell'Associazione nazionale magistrati resta sgomenta dinanzi alle esternazioni pubbliche del collega Angelo Mascolo, dallo stesso inviate ai giornali locali, e se ne dissocia e riservandosi di interessarne il collegio dei probiviri per le valutazioni disciplinari". Lo si legge in una nota dell'Anm veneta in riferimento alle affermazioni del giudice trevigiano che, sentendosi non protetto dallo Stato, ha deciso di armarsi. "I magistrati veneti, a differenza del collega Mascolo - rileva l'Anm -, credono profondamente nello Stato e si impegnano ogni giorno a difenderlo e a difendere tutti i cittadini senza ricorrere alla violenza o alle forme di vendetta e omicidio che il collega Mascolo richiama a sproposito e pare anzi auspicare; lo fanno, ogni giorno, nel rispetto delle leggi e dei principi di civiltà giuridica che connotano il nostro paese e che hanno consentito di debellare il terrorismo politico e ridimensionare la mafia".

20:38Calcio: Lega Pro, Taranto-Paganese si recupera il 19 aprile

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Taranto-Paganese, la gara di Lega Pro (girone C) originariamente in programma domenica ma rinviata in seguito all'aggressione subita mercoledì scorso da calciatori, tecnici e dirigenti della società pugliese, verrà recuperata mercoledì 19 aprile alle ore 14.30. Lo comunica la Lega Pro precisando che si tratta della prima data utile, considerando la programmazione a mercoledì 5 aprile del turno infrasettimanale della 14/a giornata di ritorno ed a sabato 14 aprile della 16/a giornata. (ANSA).

20:30Alto Adige: Corte Suprema Vienna boccia doppio passaporto

(ANSA) - BOLZANO, 24 MAR - Dopo il Tribunale amministrativo ora anche la Corte costituzionale di Vienna ha respinto il ricorso, presentato da esponenti della Südtiroler Freiheit e dei Freiheitlichen, per il doppio passaporto per i sudtirolesi. I partiti di opposizione di lingua tedesca in consiglio provinciale a Bolzano da tempo si battono per il riconoscimento della doppia cittadinanza per i discendenti dei cittadini dell'impero austro-ungarico in Alto Adige. La legge austriaca del 1925, alla quale faceva riferimento il ricorso, secondo la Suprema Corte di Vienna non è applicabile per gli altoatesini che non hanno mai avuto diritto di cittadinanza austriaca.

Archivio Ultima ora