Renzi a Onu su migranti: Dall’Europa vogliamo fatti, se non arrivano faremo da soli

Pubblicato il 19 settembre 2016 da ansa

Renzi a Onu su migranti: Dall'Europa vogliamo fatti, se non arrivano faremo da soli

Renzi a Onu su migranti: Dall’Europa vogliamo fatti, se non arrivano faremo da soli

NEW YORK. – Con il mondo al capezzale della crisi migratoria – la grande emergenza del nostro tempo – Matteo Renzi a New York torna a sferzare la Ue: “Dall’Europa vogliamo fatti, se non arrivano faremo da soli”, ha detto il premier che ha guidato la delegazione italiana al summit sulle migrazioni organizzato da Ban Ki-moon al Palazzo di Vetro. Con lui i ministri degli Esteri Paolo Gentiloni e degli Interni Angelino Alfano e il sottosegretario agli esteri Enzo Amendola.

Per l’Italia la priorità è l’Africa, ha detto Renzi che, sul fronte interno dell’accoglienza si è detto pronto a discutere il sistema degli Sprar con i sindaci pur diffidando da espressioni come la cabina di regia. L’Alto Rappresentante UE Federica Mogherini ha assicurato che l’Unione farà la sua parte: “Abbiamo approvato questo grande piano di investimenti per l’Africa e il Mediterraneo per accompagnare e incoraggiare gli investimenti privati in stati fragili attraverso garanzie per 4 miliardi di euro che ne mobiliteranno 44. Un investimento anche sulla nostra sicurezza, sul nostro futuro e sul nostro presente”.

In una New York sull’orlo di una crisi di nervi dopo l’attentato a Chelsea, il tema non poteva essere più attuale, anche se Renzi ha invitato a non creare sovrapposizioni. “Noi vogliamo salvare tutti ma non può essere l’Italia ad accogliere tutti. Il problema è la strategia dei prossimi anni: o si interviene in Europa o non si è in grado di gestire questo problema”, ha detto il premier a cui ha fatto eco Gentiloni, rilanciando l’iniziativa dei “corridoi umanitari”, una “best practice che speriamo sia recepita da un crescente nucleo di paesi” perché non solo i profughi, anche i migranti vulnerabili hanno diritto a tutela.

Migranti e profughi “non sono un peso ma un grande potenziale”, ha detto Ban inaugurando i lavori con un benvenuto ufficiale nella famiglia ONU all’OIM, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni che dal 1951 lavora con governi e ong per la causa di profughi e migranti. Per questa causa che coinvolge 65 milioni di persone, il numero più alto da dopo la Seconda Guerra Mondiale, ha spezzato una lancia l’Alto Commissario per i rifugiati Filippo Grandi: “Bisogna cambiare marcia.

Il mondo sotto shock davanti alle immagini di chi rischia la vita in mare chiede che le nostre intenzioni non restino sulla carta”. Il summit, a cui hanno partecipato oltre 150 tra capi di stato e di governo e ministri degli esteri – per gli Usa il segretario di Stato John Kerry e dove la neo-premier britannica Theresa May ha ribadito la volontà di inasprire i controlli ai confini – ha anticipato di 24 ore la “pledging conference” voluta, sempre all’Onu, dal presidente Usa Barack Obama per un gruppo più ristretto di paesi: quelli che, come l’Italia, hanno migliorato i loro impegni di accoglienza o di assistenza umanitaria.

Sarà, nelle attese, un appuntamento più di sostanza dopo la Dichiarazione finale su migranti e rifugiati approvata oggi per consenso: il documento, criticato dalle Ong come vuoto di impegni concreti, contiene una serie di principi e impegni da parte degli Stati, e costituirà la base per arrivare alla firma di un Global Compact entro il 2018, un trattato che indichi come affrontare la crisi migratoria.

(di Alessandra Baldini e Valeria Robecco/ANSA)

Ultima ora

00:58Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:55Calcio: Var irrompe in Fa cup e regala un gol al Leicester

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Svolta storica nel calcio inglese dove, per la prima volta, un gol è stato assegnato con l'ausilio della Var, sperimentata nella Fa cup nell'attesa della sua introduzione anche in Premier League. Durante la partita fra Leicester e Fleetwood Town (squadra di III Divisione), vinta dalle 'Foxes' 2-0 e valida per il terzo turno, l'arbitro ha fatto ricorso al sussidio tecnologico e, dopo avere annullato in un primo momento la rete del 2-0 firmata da Kelechi Iheanacho, dopo 70" di consultazione, ha ribaltato la propria decisione, concedendo il gol del raddoppio che era stato realizzato al 32' del secondo tempo. Una rivoluzione nella terra dove è nato il calcio. Un "grazie" con tanti punti esclamativi è apparso sull'account Twitter ufficiale del Leicester. (ANSA).

00:51Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:33Calcio: doppio Balo non basta, 2-2 in derby Costa Azzurra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una doppietta di Balotelli non basta al Nizza per aggiudicarsi in trasferta il derby della Costa Azzurra. Sul terreno del Louis II, a Montecarlo, finisce 2-2 con il Monaco, passato in vantaggio con Diakhaby (33'), ma raggiunto al 2' st e superato al 23' st dall'attaccante italiano, ora a quota 9 gol. Al 48' st Radamel Falcao mette tutti d'accordo e regala il definitivo 2-2 al Monaco. Nel tardo pomeriggio si erano disputate altre due partite della 21/a di Ligue 1: il Bordeaux è stato sconfitto in casa 2-0 dal Caen, in vantaggio al 44' st con Santini su rigore; il raddoppio è arrivato in pieno recupero, al 49', con Rodelin. Il Marsiglia, invece, ha sfruttato il fattore campo e superato 2-0 lo Strasburgo: gol di N'Jie al 34' st e Payet al 43' st. Nuova classifica: Paris Saint-Germain punti 53; Marsiglia 44; Monaco 43; Lione 42; Nantes; Nizza 31; Guincamp 39; Caen e Montpellier 27; Digione 25; Stade Rennais 25; Strasburgo 24; Bordeaux e Saint-Etienne 23; Lilla 22; Amiens e Troyes 21; Angers e Tolosa 19; Metz 12.(ANSA).

00:27Medico Casa Bianca, la salute di Trump è ottima

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - La salute di Donald Trump complessivamente è eccellente: lo ha detto il controammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, in un briefing sul primo checkup medico del presidente effettuato venerdì scorso. Anche la salute cardiaca è eccellente, ha aggiunto l'ufficiale medico, secondo cui Trump ha fortissime probabilità di completare il suo mandato senza problemi medici. Jackson ha fornito nel corso del briefing alcuni dati della visita: il presidente pesa 239 libbre (108,4 kg) mentre la sua pressione del sangue è 122/74. Donald Trump ha superato "estremamente bene" anche gli esami cognitivi (30 su 30), ha detto il medico. Se ci fosse stata la presenza dell'Alzheimer o di altri problemi mentali, ha aggiunto, i test lo avrebbero rivelato.

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

Archivio Ultima ora