Renzi a Onu su migranti: Dall’Europa vogliamo fatti, se non arrivano faremo da soli

Pubblicato il 19 settembre 2016 da ansa

Renzi a Onu su migranti: Dall'Europa vogliamo fatti, se non arrivano faremo da soli

Renzi a Onu su migranti: Dall’Europa vogliamo fatti, se non arrivano faremo da soli

NEW YORK. – Con il mondo al capezzale della crisi migratoria – la grande emergenza del nostro tempo – Matteo Renzi a New York torna a sferzare la Ue: “Dall’Europa vogliamo fatti, se non arrivano faremo da soli”, ha detto il premier che ha guidato la delegazione italiana al summit sulle migrazioni organizzato da Ban Ki-moon al Palazzo di Vetro. Con lui i ministri degli Esteri Paolo Gentiloni e degli Interni Angelino Alfano e il sottosegretario agli esteri Enzo Amendola.

Per l’Italia la priorità è l’Africa, ha detto Renzi che, sul fronte interno dell’accoglienza si è detto pronto a discutere il sistema degli Sprar con i sindaci pur diffidando da espressioni come la cabina di regia. L’Alto Rappresentante UE Federica Mogherini ha assicurato che l’Unione farà la sua parte: “Abbiamo approvato questo grande piano di investimenti per l’Africa e il Mediterraneo per accompagnare e incoraggiare gli investimenti privati in stati fragili attraverso garanzie per 4 miliardi di euro che ne mobiliteranno 44. Un investimento anche sulla nostra sicurezza, sul nostro futuro e sul nostro presente”.

In una New York sull’orlo di una crisi di nervi dopo l’attentato a Chelsea, il tema non poteva essere più attuale, anche se Renzi ha invitato a non creare sovrapposizioni. “Noi vogliamo salvare tutti ma non può essere l’Italia ad accogliere tutti. Il problema è la strategia dei prossimi anni: o si interviene in Europa o non si è in grado di gestire questo problema”, ha detto il premier a cui ha fatto eco Gentiloni, rilanciando l’iniziativa dei “corridoi umanitari”, una “best practice che speriamo sia recepita da un crescente nucleo di paesi” perché non solo i profughi, anche i migranti vulnerabili hanno diritto a tutela.

Migranti e profughi “non sono un peso ma un grande potenziale”, ha detto Ban inaugurando i lavori con un benvenuto ufficiale nella famiglia ONU all’OIM, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni che dal 1951 lavora con governi e ong per la causa di profughi e migranti. Per questa causa che coinvolge 65 milioni di persone, il numero più alto da dopo la Seconda Guerra Mondiale, ha spezzato una lancia l’Alto Commissario per i rifugiati Filippo Grandi: “Bisogna cambiare marcia.

Il mondo sotto shock davanti alle immagini di chi rischia la vita in mare chiede che le nostre intenzioni non restino sulla carta”. Il summit, a cui hanno partecipato oltre 150 tra capi di stato e di governo e ministri degli esteri – per gli Usa il segretario di Stato John Kerry e dove la neo-premier britannica Theresa May ha ribadito la volontà di inasprire i controlli ai confini – ha anticipato di 24 ore la “pledging conference” voluta, sempre all’Onu, dal presidente Usa Barack Obama per un gruppo più ristretto di paesi: quelli che, come l’Italia, hanno migliorato i loro impegni di accoglienza o di assistenza umanitaria.

Sarà, nelle attese, un appuntamento più di sostanza dopo la Dichiarazione finale su migranti e rifugiati approvata oggi per consenso: il documento, criticato dalle Ong come vuoto di impegni concreti, contiene una serie di principi e impegni da parte degli Stati, e costituirà la base per arrivare alla firma di un Global Compact entro il 2018, un trattato che indichi come affrontare la crisi migratoria.

(di Alessandra Baldini e Valeria Robecco/ANSA)

Ultima ora

20:31Terremoto: turbine da Fiumicino liberano frazioni isolate

(ANSA) - FIUMICINO, 22 GEN - Liberate, nelle ultime ore, dai blocchi di neve diverse frazioni isolate di Amatrice, tra i 1300 e 1450 metri di quota. Sono gli ultimi interventi delle squadre della Protezione civile-Associazione Nuovo Domani di Fiumicino e del personale specializzato di Aeroporti di Roma, 11 persone in totale, che da 4 giorni sono in azione tra Accumoli, Torrita, Amatrice e Ussita. Le squadre, in 4 giorni, hanno già rimosso la neve su 340 chilometri di strade, in luoghi con casali e fattorie isolate, e liberato anche mezzi sepolti dalla neve. Gli ultimi interventi hanno riguardato, nel comune di Amatrice, le frazioni di Domo, Poggio Vitellino, Rocca Salli, Villanova, Scandarello, Colle Moresco, oltre alla provinciale 18 di Accumoli. I lavori sono stati svolti attraverso l'impiego di 3 speciali turbine messe a disposizione dagli aeroporti di Fiumicino e Ciampino. I macchinari consentono di rimuovere dalle strade e in prossimità delle abitazioni blocchi di neve ghiacciata particolarmente duri e di grossi dimensioni.

20:14Georgiano ucciso nel Barese, forse con colpo pistola

(ANSA) - BARI, 22 GEN - Un georgiano di 45 anni è stato assassinato, forse con un colpo di pistola alla schiena: il cadavere è stato trovato stamani su una panchina di piazza Simon Bolivar, a Corato, nel Barese. In un primo momento si era pensato ad un malore, ma l'ispezione cadaverica esterna ha evidenziato una ferita alla schiena, verosimilmente prodotta da una pistola di piccolo calibro. Sulla vicenda indaga la polizia che ha acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza. Dalle informazioni raccolte dalla Squadra Mobile, l'uomo - ha riferito la moglie - ieri sera ha partecipato a una festa tra connazionali. L'ipotesi più plausibile è che possa esserci stato un diverbio durante la serata o immediatamente dopo. Sul luogo in cui è stato trovato il cadavere la polizia non ha trovato né tracce di sangue né bossoli. E' probabile, quindi, che l'uomo sia stato ferito altrove e che sia stato portato in piazza, oppure che l'abbia raggiunta a piedi morendo poco dopo. Alcuni testimoni vengono ascoltati in questura. (ANSA).

20:12Rigopiano: individuata in hotel sesta vittima

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 22 GEN - I vigili del fuoco hanno individuato il corpo di una vittima all'interno dell'Hotel Rigopiano. Si tratta di un uomo ed è la sesta vittima ufficiale, finora, della slavina che ha investito l'albergo.

20:08Calcio: Empoli, Martusciello “ancora non parliamo salvezza”

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 22 GEN - "Ancora la strada è lunga, la possibilità di perdere punti è ancora concreta. Stiamo facendo passi importanti, ma è presto". Il tecnico dell'Empoli, Giovanni Martusciello, è forse troppo prudente, ma è chiaro che per la matematica il +11 sulla terz'ultima non è ancora sufficiente. Il successo contro l'Udinese è comunque importantissimo: "Fino al 35' eravamo sullo 0-0 e rischiavamo pur sempre di perdere. Accolgo questi tre punti con grande soddisfazione perché non eravamo al meglio e perché ho dovuto scegliere una situazione tattica, senza Saponara, mai vista. Pucciarelli mi è piaciuto. Meno Mchedlidze, ma ha segnato e questo è importante. Un grande gol il suo".

19:58Maltempo: ancora rischio valanga a Lama dei Peligni

(ANSA) - LAMA DEI PELIGNI (CHIETI), 22 GEN - "Non ritengo si possa rientrare nelle case, almeno finché non avrò dati analitici dai tecnici che mi assicurano allarme cessato". Permane il rischio valanga a Lama dei Peligni, sotto al massiccio della Majella, dove il sindaco due giorni fa ha emesso un'ordinanza di sgombero per 12 case. Le 35 persone che ci vivono sono ospiti presso parenti, amici e strutture alberghiere. "I cittadini vogliono risposte - dice il sindaco Andrea Di Fabrizio - Sono in parte arrabbiati, ma il primo sono io. Dopo l'eccezionale nevicata del 2012, con l'ausilio di relazioni Meteomont abbiamo preparato, per ampliare la rete di paravalanghe, progetti trasmessi al ministero dell'Ambiente e alla Protezione civile regionale, ma nonostante le mie sollecitazioni non abbiamo mai avuto risposta". "Sapevo che prima o poi ci saremmo trovati in una situazione simile - continua Di Fabrizio - Chi non vive qui non si rende conto. Teniamo presente che sulla direttrice della slavina ci sono tralicci dell'alta tensione". "Ringrazio la cittadinanza per come sta collaborando, le forze dell'ordine e il personale del Comune, che lavora nel Coc attivato dall'inizio dell'emergenza maltempo, e la Forestale" Il progetto di cui parla il sindaco prevede l'ampliamento dei fronti delle rastrelliere fermaneve a monte e del cuneo spaccafronte a valle. Per realizzarlo servirebbero 2 milioni di euro. "Al momento dalla Protezione civile abbiamo ottenuto uno stanziamento d'urgenza di 150mila euro per la manutenzione straordinaria dei paravalanghe in legno" spiega ancora di Fabrizio.

19:58Calcio: Genoa, Juric “abbiamo perso sicurezza”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Ho parlato nello spogliatoio con Preziosi, ci siamo confrontati per capire alcune cose. Siamo in emergenza in mezzo, abbiamo fuori sia Cataldi sia Rigoni e calcolavamo come poter affrontare la prossima sfida". L'allenatore del Genoa, Ivan Juric, spiega così l'incontro con il presidente dopo il 2-2 col Crotone. "Abbiamo perso un po' di sicurezza e facciamo meno possesso palla, queste sono le difficoltà - prosegue Juric - poi abbiamo preso due gol su calci piazzati lontani dalla nostra porta e questo ci ha penalizzato molto. Al di là delle cessioni, penso che siamo stati anche molto sfortunati: penso agli infortuni di Veloso e Perin".

19:50Rigopiano: ‘vice’ Oddo, sarebbe stato meglio non giocare

(ANSA) - PESCARA, 22 GEN - "Si sarebbe potuto evitare di giocare, ma non è una situazione che è dipesa da noi". Così l'allenatore in seconda del Pescara, Marcello Donatelli, che oggi ha sostituito il tecnico del Pescara Massimo Oddo, squalificato, al termine della gara tra il club biancazzurro e il Sassuolo. "I ragazzi sono rimasti molto colpiti, perché noi tutti conoscevamo bene la struttura e i suoi proprietari, e tra di noi si è parlato molto di questa cosa - ha aggiunto Donatelli -. Abbiamo dato tutto per provare a regalare almeno una piccola gioia alla comunità abruzzese, ma purtroppo non ci siamo riusciti".

Archivio Ultima ora