Juncker, la flessibilità c’è. L’Italia ha avuto 19 miliardi

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Juncker, la flessibilità c'è. L'Italia ha avuto 19 miliardi

Juncker, la flessibilità c’è. L’Italia ha avuto 19 miliardi

BRUXELLES. – Nella Ue che “va molto male” perché “le rotture e le fratture sono numerose e pericolose”, almeno una cosa che funziona c’è. Ed è il Patto di stabilità, almeno dopo l’introduzione della flessibilità voluta dalla Commissione nel gennaio 2015 “combattendo contro chi sapete”. Lo rivendica uno Jean Claude Juncker che, afflitto dalla sciatica ma più battagliero di una settimana fa tra Strasburgo e Bratislava, parla senza mezzi termini alla plenaria del Comitato economico e sociale europeo.

Il Patto, dice, “non è stupido come diceva un mio predecessore”. Se anche “non è un patto di flessibilità” ha fatto sì che il deficit medio nella Ue sia passato “dal 6,3% del 2009, all’1,3%” attuale. E porta l’esempio dell’Italia, per la quale peraltro dichiara “ammirazione” per le migliaia di vite che salva e per l’accoglienza ai rifugiati: senza la flessibilità, con la clausola per gli investimenti di siamo “l’unico paese che ne beneficia”, il nostro paese “quest’anno avrebbe dovuto spendere 19 miliardi di meno”.

Le parole di Juncker seminano dubbi sul percorso di eventuali nuove richieste per il 2017. Da Fitto a Meloni, dalla Lega Nord piovono critiche. Ma Matteo Renzi, parlando a ‘Otto e mezzo’ da una parte assicura che “il prossimo anno rispetteremo le regole europee” anche se “sono regole capestro” ed anche se “non le ho votate io ma una maggioranza che andava da Berlusconi a Bersani”, ma dall’altra garantisce che “le spese per immigrazione e rischio sismico saranno fuori dal patto”. “L’ho illustrato a Juncker venerdì mattina – aggiunge il premier – e credo che ci sia il consenso europeo”.

Secondo il capogruppo dei socialisti europei, Gianni Pittella, nelle parole di Juncker non c’è “nessuna sconfessione” dell’Italia. “Non mi pare si possa costruire su queste parole il ragionamento che queste rimettono in discussione la flessibilità e il rapporto che Juncker ha con Renzi e il governo italiano” dice, osservando che la menzione dei 19 miliardi è una “constatazione fotografica, non c’è nessuna affermazione” o avvertimento all’Italia sul futuro.

Nell’intervento al Cese, Juncker poi torna su un altro argomento caro al governo italiano: il piano di investimenti per l’Africa, lanciato perché “se non investiamo in Africa, l’Africa viene in Europa”. E punzecchia anche la Germania, che continua ad ignorare le raccomandazioni di più investimenti pubblici, schierandosi con chi la critica “perché segue politiche macroeconomiche che non sono in linea con le aspettative degli altri”.

E mentre ribadisce che punterà forte sul “pilastro sociale” nelle politiche europee perché “altrimenti la gente sente che la Ue è per qualcun altro”, boccia gli 11 paesi contrari alla riforma delle regole sui lavoratori distaccati, sempre più numerosi in Europa. “Come lottiamo contro l’evasione fiscale ed il fiscal dumping, dobbiamo combattere contro il dumping sociale”.

Critica le posizioni di Orban e dei paesi del gruppo di Visegrad contro la redistribuzione (“inaccettabile dire no ai rifugiati musulmani perché sono paesi cattolici”), tuttavia di fatto avalla il concetto di ‘solidarietà flessibile’: chi rifiuta la redistribuzione dovrà fare di più per il controllo della frontiera esterna che deve partire “entro fine ottobre”.

E la mazzata finale per i governi neghittosi è sul clima: “Siamo ridicoli” per la tuttora mancante ratifica dell’accordo di Parigi. “Stati Uniti e Cina hanno ratificato, India e Giappone lo faranno” e la Ue che ne è stata promotrice? “Così perdiamo la faccia sul piano internazionale”.

(di Marco GaldiY/ANSA)

Ultima ora

18:22Mose:Pm chiede 6 anni per Matteoli,2 anni 3 mesi per Orsoni

(ANSA) - VENEZIA, 29 GIU - Sei anni per l'ex ministro Altero Matteoli, 2 anni e tre mesi per l'ex sindaco di Venezia Giorgio Orsoni: sono le richieste formulate oggi dai pm Stefano Ancillotto e Stefano Buccini per due degli 8 imputati rimasti nel processo per le tangenti del Mose (gli altri accusati, tra cui Giancarlo Galan, hanno nel frattempo patteggiato). Complessivamente la Procura ha chiesto per gli otto imputati 27 anni e 3 mesi di carcere; 4 anni la richiesta per l'ex presidente del Magistrato alle acque, M.Giovanna Piva. L'ex sindaco Orsoni - che si dimise dopo il coinvolgimento nell'inchiesta - è accusato di finanziamento illecito dei partiti, Matteoli di corruzione. Le altre richieste di condanna riguardano l'imprenditore Erasmo Cinque (5 anni), l'architetto Danilo Turcato (2 anni 6 mesi), l'ex europarlamentare Amalia Sartori (2 anni), l'imprenditore Nicola Falconi (3 anni) e l'avvocato Corrado Crialese (2 anni e 4 mesi).

18:18Vigile San Donato Milanese uccide suo superiore e si ammazza

(ANSA) - MILANO, 29 GIU - A San Donato Milanese un vigile ha sparato al suo superiore uccidendolo e poi si è ammazzato. L'agente ha sparato sparato al petto del vicecomandante e poi si è puntato la pistola alla testa e si è ucciso. Secondo le prime informazioni, all'origine del gesto attriti sul posto di lavoro. L'episodio è accaduto poco dopo le 15 in via Cesare Battisti 2, negli uffici della Polizia locale del Comune di San Donato Milanese, a sud-est di Milano. Entrambi sono stati trasportati d'urgenza in ospedale in condizioni gravi, ma sono morti poco dopo.

18:17Calcio: Atalanta, ufficiale acquisto difensore Palomino

(ANSA) - BERGAMO, 29 GIU - L'Atalanta ha ufficializzato l'ingaggio a titolo definitivo dal Ludogorets del ventisettenne centrale di difesa mancino José Luis Palomino. L'argentino, cresciuto nel San Lorenzo e passato anche dall'Argentinos Juniors e dal Metz, nell'organico di Gian Piero Gasperini sostituisce Ervin Zukanovic, tornato alla Roma dopo la stagione in prestito. Palomino, nell'ultima annata con i campioni di Bulgaria, ha totalizzato 27 presenze (con 2 gol) in campionato, 4 nella coppa nazionale, 8 in Champions League e 2 in Europa League. Il valore complessivo dell'operazione si aggira intorno ai 4 milioni di euro.

18:16Moto: Rossi “mondiale mai così aperto, noi ci siamo”

(ANSA) - ROMA, 29 GIU - "Mai come quest'anno la situazione cambia ogni settimana, il mondiale è aperto e noi siamo lì, non tanto lontani. In Germania la pista è diversa, speriamo di essere competitivi anche qui: la cosa più bella è proprio la sensazione che si prova dopo la vittoria. Dicevo che sarebbe durata qualche ora, è andata avanti un giorno...". Valentino Rossi si prepara a tornare in pista al Sachsenring dopo il trionfo in Olanda: il campione della Yamaha arriva al Gp della Germania caricato dal capolavoro della scorsa settimana. "Il meteo potrebbe essere negativo nel week end e dovremmo essere pronti per ogni condizione - ha aggiunto Rossi -. E' un campionato molto interessante, con piloti molto vicini".

18:15Calcio: O. Lione ‘Gonalons alla Roma,Ghezzal non rinnova’

(ANSA) - ROMA, 29 GIU - "Gonalons e' passato stamattina per firmare la fine contratto col l'Olympique Lione: c'è l'accordo con la Roma, ci lasciamo in buoni rapporti". L'annuncio ufficiale della cessione del centrocampista francese alla squadra giallorossa arriva dal presidente dell'OL, Jean Michel Aulas, durante la presentazione di Mendy, nuovo acquisto dal Le Havre. Aulas ha parlato anche di Ghezzal, altro obiettivo della Roma ma anche di diversi club europei: "E' a fine contratto, e noi siamo tristi che non rinnovi".

18:11Calcio: Atalanta, ufficiale acquisto difensore Palomino

(ANSA) - BERGAMO, 29 GIU - L'Atalanta ha ufficializzato l'ingaggio a titolo definitivo dal Ludogorets del ventisettenne centrale di difesa mancino José Luis Palomino. L'argentino, cresciuto nel San Lorenzo e passato anche dall'Argentinos Juniors e dal Metz, nell'organico di Gian Piero Gasperini sostituisce Ervin Zukanovic, tornato alla Roma dopo la stagione in prestito. Palomino, nell'ultima annata con i campioni di Bulgaria, ha totalizzato 27 presenze (con 2 gol) in campionato, 4 nella coppa nazionale, 8 in Champions League e 2 in Europa League. Il valore complessivo dell'operazione si aggira intorno ai 4 milioni di euro.

18:07Clima: Merkel, diciamo sì convinto a accordo Parigi

(ANSA) - ROMA, 29 GIU - "Noi diciamo un sì convinto tutti all'accordo di Parigi e questo è un messaggio ai Paesi in via di sviluppo". Nonostante l'Uscita degli Usa "parleremo comunque ad Amburgo dei cambiamenti climatici". Lo afferma la cancelliera Angela Merkel dopo il vertice dei leader Ue in vista del G20. "Stiamo lavorando a soluzioni alternative ma non vorrei attivare speculazioni", aggiunge Merkel.

Archivio Ultima ora