Juncker, la flessibilità c’è. L’Italia ha avuto 19 miliardi

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Juncker, la flessibilità c'è. L'Italia ha avuto 19 miliardi

Juncker, la flessibilità c’è. L’Italia ha avuto 19 miliardi

BRUXELLES. – Nella Ue che “va molto male” perché “le rotture e le fratture sono numerose e pericolose”, almeno una cosa che funziona c’è. Ed è il Patto di stabilità, almeno dopo l’introduzione della flessibilità voluta dalla Commissione nel gennaio 2015 “combattendo contro chi sapete”. Lo rivendica uno Jean Claude Juncker che, afflitto dalla sciatica ma più battagliero di una settimana fa tra Strasburgo e Bratislava, parla senza mezzi termini alla plenaria del Comitato economico e sociale europeo.

Il Patto, dice, “non è stupido come diceva un mio predecessore”. Se anche “non è un patto di flessibilità” ha fatto sì che il deficit medio nella Ue sia passato “dal 6,3% del 2009, all’1,3%” attuale. E porta l’esempio dell’Italia, per la quale peraltro dichiara “ammirazione” per le migliaia di vite che salva e per l’accoglienza ai rifugiati: senza la flessibilità, con la clausola per gli investimenti di siamo “l’unico paese che ne beneficia”, il nostro paese “quest’anno avrebbe dovuto spendere 19 miliardi di meno”.

Le parole di Juncker seminano dubbi sul percorso di eventuali nuove richieste per il 2017. Da Fitto a Meloni, dalla Lega Nord piovono critiche. Ma Matteo Renzi, parlando a ‘Otto e mezzo’ da una parte assicura che “il prossimo anno rispetteremo le regole europee” anche se “sono regole capestro” ed anche se “non le ho votate io ma una maggioranza che andava da Berlusconi a Bersani”, ma dall’altra garantisce che “le spese per immigrazione e rischio sismico saranno fuori dal patto”. “L’ho illustrato a Juncker venerdì mattina – aggiunge il premier – e credo che ci sia il consenso europeo”.

Secondo il capogruppo dei socialisti europei, Gianni Pittella, nelle parole di Juncker non c’è “nessuna sconfessione” dell’Italia. “Non mi pare si possa costruire su queste parole il ragionamento che queste rimettono in discussione la flessibilità e il rapporto che Juncker ha con Renzi e il governo italiano” dice, osservando che la menzione dei 19 miliardi è una “constatazione fotografica, non c’è nessuna affermazione” o avvertimento all’Italia sul futuro.

Nell’intervento al Cese, Juncker poi torna su un altro argomento caro al governo italiano: il piano di investimenti per l’Africa, lanciato perché “se non investiamo in Africa, l’Africa viene in Europa”. E punzecchia anche la Germania, che continua ad ignorare le raccomandazioni di più investimenti pubblici, schierandosi con chi la critica “perché segue politiche macroeconomiche che non sono in linea con le aspettative degli altri”.

E mentre ribadisce che punterà forte sul “pilastro sociale” nelle politiche europee perché “altrimenti la gente sente che la Ue è per qualcun altro”, boccia gli 11 paesi contrari alla riforma delle regole sui lavoratori distaccati, sempre più numerosi in Europa. “Come lottiamo contro l’evasione fiscale ed il fiscal dumping, dobbiamo combattere contro il dumping sociale”.

Critica le posizioni di Orban e dei paesi del gruppo di Visegrad contro la redistribuzione (“inaccettabile dire no ai rifugiati musulmani perché sono paesi cattolici”), tuttavia di fatto avalla il concetto di ‘solidarietà flessibile’: chi rifiuta la redistribuzione dovrà fare di più per il controllo della frontiera esterna che deve partire “entro fine ottobre”.

E la mazzata finale per i governi neghittosi è sul clima: “Siamo ridicoli” per la tuttora mancante ratifica dell’accordo di Parigi. “Stati Uniti e Cina hanno ratificato, India e Giappone lo faranno” e la Ue che ne è stata promotrice? “Così perdiamo la faccia sul piano internazionale”.

(di Marco GaldiY/ANSA)

Ultima ora

05:05Terremoti: scossa magnitudo 3.8 in provincia di Potenza

(ANSA) - POTENZA, 6 DIC - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.8 è stata registrata alle 3:13 in provincia di Potenza e chiaramente avvertita dalla popolazione. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 11 km di profondità ed epicentro tra Abriola e Pignola. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose.(ANSA).

22:44Tav: approvata mozione M5s, Torino esce da Osservatorio

(ANSA) - TORINO, 5 DIC - Il Consiglio comunale di Torino ha approvato con 26 voti favorevoli e 6 contrari la mozione che fa uscire Torino dall'Osservatorio tecnico sulla Torino-Lione. Il voto è stato accolto dall'applauso della maggioranza pentastellata, mentre davanti a Palazzo civico un presidio di No Tav, alcuni dei quali provenienti dalla Francia, gridava"sarà dura", lo slogan del movimento che si oppone all'Alta Velocità. Bagarre in aula, durante la discussione, quando la consigliera pentastellata Carlotta Tevere ha espresso solidarietà ai 38 No Tav condannati di recente nel maxi processo per gli scontri dell'estate 2011. "Vergogna, vergogna", è stata la replica dell'opposizione, che ha costretto il presidente Fabio Versaci a sospendere la seduta e a richiamare i consiglieri al rispetto delle regole. "So bene che un sindaco non può bloccare la Torino-Lione, ma questo è un atto che ha grande valenza politica, di cui sono molto orgogliosa", ha sottolineato la sindaca Chiara Appendino.(ANSA).

22:38Calcio: Napoli, Sarri, non sappiamo giocare per il pareggio

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Giocare per il pareggio non fa per noi, potrebbe rovinarci la prestazione. Non siamo abituati a gestire il pari". Lo ha detto il tecnico del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Benfica. "Non penseremo - ha detto Sarri - a quello che accade nell'altra gara del girone". Sarri ha spiegato che "la gara può cambiare violentemente nella fase finale. Nei primi 60'-70' si giocherà con equilibrio, tecnica, poi nel finale per forza di cose una delle due dovrà prendersi rischi enormi e portarla su aspetti meno tattici".

22:30Calcio: Chievo-Genoa 0-0

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Chievo-Genoa 0-0 in uno dei posticipi della 15/a giornata del campionato di serie A.

22:29Calcio:Sarri ‘stadio caldissimo, ma meritiamo passare’

(ANSA) NAPOLI, 5 DIC - "Domani ci giochiamo una finale, sarà una partita difficile, molto diversa da quella dell'andata". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida decisiva di Champions League a Lisbona contro il Benfica. Sarri invita a dimenticare il 4-2 del San Paolo e ricorda le inside del Da Luz: "Giocheremo in uno stadio caldissimo, ma noi vogliamo qualificarci, meritiamo di passare".

22:21Calcio:Inter, Zanetti, Champions? Abbiamo l’obbligo provarci

(ANSA) - MILANO, 05 DIC - "Abbiamo l'obbligo di provare a raggiungere la Champions League poi alla fine di questo campionato faremo le valutazioni. Non ci nascondiamo, i problemi sono tanti ma dobbiamo avere la forza di risolverli". Il vicepresidente dell'Inter Javier Zanetti, a margine della festa per i 15 anni della Fondazione Pupi, ammette il periodo difficile dei nerazzurri ma non per questo cambia gli obiettivi stagionali. E sulla possibilita' di vedere Simeone sulla panchina dell'Inter non si sbilancia: "Quello che accadrà in futuro chi lo sa, noi ci concentriamo sul presente, su Pioli, sul rimediare e tentare di arrivare il più in alto possibile. Il futuro nessuno lo sa". C'e' fiducia in Stefano Pioli che ha avuto "in grande impatto". La sconfitta per 3-0 contro il Napoli un ko "difficile da smaltire perche' per la prima volta abbiamo sbagliato l'approccio", secondo Zanetti, deve essere cancellato in fretta: "Devono contare i fatti. E' arrivato il momento di renderci consapevoli''.

22:17Calcio: Di Francesco,Fiorentina-Sassuolo no sfida tra deluse

(ANSA) - MONTECATINI TERME (PISTOIA), 05 DIC - "Sfida tra deluse? Non direi, io almeno non lo sono. I bilanci definitivi li faremo più avanti". Così, parlando della prossima gara di campionato tra Fiorentina e Sassuolo, il tecnico degli emiliani Eusebio Di Francesco, parlando stasera a Montecatini Terme (Pistoia) per il premio Maestrelli che gli è stato attribuito quale miglior allenatore dello scorso campionato. Di Francesco ha parlato anche di Domenico Berardi, fermo da tempo per infortunio: "Tornerà a gennaio e sarà il nostro acquisto: è un giocatore di livello internazionale ed è come se l'avessimo mandato in prestito per metà campionato". Poi, sul giocatore della Fiorentina Bernardeschi, ha detto che è un "ottimo giocatore, magari lo avessimo al Sassuolo". Quindi ha definito Lapadula del Milan come "un vero giocatore".

Archivio Ultima ora