Russia: l’ombra di brogli sulle elezioni, illegittime per Navalni

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Russia: ombra brogli su elezioni, illegittime per Navalni

Russia: ombra brogli su elezioni, illegittime per Navalni

MOSCA. – Elezioni “oneste” come dice Putin o “illegittime” come sostiene invece l’oppositore e grande escluso di queste legislative, Alexiei Navalni? Certo il voto in Russia per rinnovare la Duma “non è stato immacolato”: la stessa presidente della Commissione elettorale, Ella Pamfilova, lo ha dovuto ammettere subito di fronte ai video che mostrano degli individui inserire nelle urne una caterva di schede elettorali in un sol colpo (come avvenuto a Rostov sul Don e a Nizhni Novgorod).

Pamfilova ha però sottolineato che in linea di massima le elezioni sono state regolari. Chi ha ragione dunque? In attesa di una risposta, dopo essersi assicurato – complici una nuova legge elettorale ‘ad hoc’ e la bassissima affluenza – ben 3 deputati su 4, Putin ha già deciso chi sarà il presidente di questa nuova blindatissima Duma. La scelta è caduta su Viaceslav Volodin: il vice capo dell’amministrazione presidenziale e responsabile della politica interna. Insomma, il cardinale grigio del Cremlino, colui che ha finora curato i rapporti dello ‘zar’ con i partiti, con i governatori e con la Duma stessa. E quindi probabilmente anche colui che ha promosso la serie di leggi draconiane approvate dalla Duma (già definita “la stampante impazzita” del Cremlino) dopo le manifestazioni di massa del 2011 e del 2012.

Se il 52enne noto per aver affermato che “non c’è Russia senza Putin” si appresta a diventare – ormai manca solo l’ufficializzazione da parte dei deputati – il nuovo presidente del ramo basso del parlamento, colui che ha ricoperto quest’incarico nell’ultima legislatura non resta con un pugno di mosche in mano: Serghiei Narishkin – che sembra conosca Putin da 40 anni, da quando entrambi erano cadetti dell’accademia del Kgb – è infatti stato nominato capo dell’Svr, i servizi segreti esterni.

Il sospetto è che si tratti però di un’altra mossa di Putin per allontanare i notabili della Vecchia Guardia e circondarsi di più giovani burocrati e 007 abituati a battere i tacchi di fronte a lui. L’Svr è infatti decisamente meno potente dell’Fsb, il principale servizio di intelligence russo, e inoltre, secondo alcuni media, a Mosca starebbero progettando un nuovo super ministero: quello della Sicurezza statale, che ingloberebbe non solo Fsb e Svr ma anche buona parte dei servizi per la protezione delle alte cariche dello Stato (Fso).

Certo, i brogli venuti alla luce potrebbero essere solo la punta di un immenso iceberg di nefandezze elettorali, ma questo voto sottotono sembra solo lontano parente di quello del 2011, quando i “trucchetti” per favorire il partito di Putin, Russia Unita, furono così palesi e su larga scala da far scendere in piazza migliaia e migliaia di russi indignati.

Questa volta in Russia deve aver piuttosto trionfato l’indifferenza, e meno del 48% degli aventi diritto si è recato alle urne. I delusi, insomma, sono rimasti a casa: un vantaggio per Putin, che appare così sempre più potente. La litigiosa opposizione resta invece fuori dalla Duma e gli appelli dei suoi leader contro i brogli elettorali sono un urlo nel deserto.

Neanche gli osservatori dell’Osce – gli unici attendibili a fronte di tanti sedicenti “osservatori internazionali” invitati da Mosca – hanno espresso un giudizio troppo negativo: hanno denunciato che “il controllo sui media e sulla società” civile ha impedito agli elettori di compiere “una scelta informata”, ma hanno comunque definito il voto “ordinato” e hanno espresso soddisfazione perché le denunce d’irregolarità sono state affrontate in modo “trasparente”.

Navalni – escluso dalle elezioni per i suoi guai giudiziari considerati di matrice politica – è di tutt’altro parere: lui ritiene le elezioni irregolari e chiede le dimissioni di Pamfilova, che comunque pochi giorni fa ha annunciato l’annullamento dei risultati del voto in 9 seggi, precisando che la lista potrebbe allungarsi. In ogni caso, come sottolinea l’Osce, “la correttezza del processo elettorale inizia ben prima del voto”.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

02:22Calcio: a Verona tifoso giù da tribuna, adesso è in ospedale

(ANSA) - VERONA, 21 FEB - E' in gravi condizioni, ricoverato all'ospedale di Borgo Trento, un tifoso ferrarese caduto ieri sera dalla tribuna superiore dello stadio Bentegodi durante il secondo tempo del posticipo di B tra Verona e Spal. L'uomo è volato nel vuoto per diversi metri, finendo sui gradoni sottostanti: è stato soccorso dagli assistenti del 118 e avrebbe riportato diverse fratture. All'ospedale è stato accolto in codice rosso. Dopo l'incidente i sostenitori emiliani hanno ritirato gli striscioni e smesso di tifare.

01:48Calcio: il Sutton si risveglia, Arsenal avanti in Fa cup

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - La bella favola del Sutton, squadra di 5/a Divisione inglese, si conclude negli ottavi della Fa cup. In uno stadio piccolo come su un campo da Subbuteo, vince l'Arsenal (2-0), che così prosegue il proprio cammino nel torneo. Adesso i 'Gunners' se la dovranno vedere con un'altra sorpresa, il Lincoln City, che ha eliminato il Burnley. Più che per il punteggio, piuttosto scontato, la serata del Borough Sports Ground rimarrà alla storia per la grande ressa del pubblico e per il fuoriprogramma del secondo portiere della squadra di casa, Wayne Shaw, 45 anni e un fisico non proprio atletico che, a un certo punto della partita, ha tirato fuori un panino e se l'è mangiato mentre si trovava in panchina, fra decine di flash di macchine fotografiche e telefonini. I gol sono stati realizzati da Perez e Walcott. (ANSA).

01:10Calcio: 2-1 al Las Palmas, a Malaga il posticipo della Liga

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il Malaga si aggiudica in rimonta per 2-1 il posticipo della 23/a giornata della Liga. In casa contro il Las Palmas, la squadra andalusa va sotto per il gol di Lemos dopo 19', ma pareggia al 27' con Fornals, quindi passa a condurre definitivamente con Charles al 35', su assist di Keko. Con questa vittoria, il Malaga sale al 13/o posto, scavalcando con 26 punti il Betis Siviglia, fermo a 24. Il Las Palmas, invece, è sempre 12/o con 28 lunghezze. Mercoledì, nel Mestalla di Valencia, si giocherà il recupero della 16/a fra la squadra della Comunidad e il Real Madrid, che avrebbero dovuto trovarsi di fronte il 18 dicembre e invece hanno dovuto rinviare l'appuntamento per permettere alla squadra di Zidane di volare in Giappone per la fase finale del Mondiale per club. Appuntamento alle 18,45. (ANSA).

00:23Calcio: Brasile esonera Micale, selezionatore dell’oro a Rio

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - L'oro olimpico conquistato a Rio lo scorso agosto, solo sei mesi fa, non ha salvato dall'esonero il tecnico della nazionale juniores del Brasile, Rogerio Micale. La federcalcio brasiliana (Cbf) ha dato oggi il benservito all'allenatore che portò Neymar e i suoi giovani compagni a conquistare l'attesissimo titolo ai Giochi olimpici ma che ha deluso nel campionato sudamericano under 20, ottenendo solo il quinto posto e mancando anche la qualificazione al Mondiale di categoria. (ANSA).

00:16Calcio: Serie B, la nuova classifica

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Classifica del campionato di calcio di Serie B dopo il posticipo della 26/a giornata, Verona-Spal 0-0: Frosinone punti 48; Benevento (-1) e Verona 46; Spal 45; Cittadella e Perugia 39; Spezia 38; Bari 37; Carpi 36; Virtus Entella 35; Novara e Ascoli 34; Salernitana e Avellino 32; Cesena 29; Brescia, Vicenza e Pisa 28; Latina 26; Pro Vercelli 25; Ternana 23; Trapani 22. Benevento un punto di penalizzazione per violazioni Covisoc.

00:15Calcio: serie B, Verona-Spal 0-0

(ANSA) - VERONA, 20 FEB - Pareggio senza reti nella sfida del Bentegodi tra Verona e Spal, posticipo della 26/a giornata di serie B. Una divisione della posta che certifica il momento no dei gialloblù, reduci dalla sconfitta di Avellino e dal pareggio interno con il Benevento. Gara equilibrata, poco vivace nella prima frazione, piu' combattuta nella ripresa dove la Spal va vicino alla rete con Zigoni e il Verona replica con Cappelluzzo, bravi Nicolas e Meret. Una traversa di Vicari e' l'altra grande emozione, poi l'espulsione, assurda, di Zaccagni nel recupero. Il Verona va a 46 punti e aggancia il Benevento al secondo posto, a -2 dal Frosinone capolista. La Spal è quarta con 45 punti.

23:46Calcio: Zaza, Valencia può mettere in crisi il Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - "Il gol era troppo importante per me, segnare è stata una liberazione". Così Simone Zaza, attaccante del Valencia e azzurro all'Europeo in Francia dell'anno scorso, 'saluta' il primo sigillo stagionale con la maglia della squadra spagnola, ieri nella sfida casalinga della Liga contro l'Athletic Bilbao. Battere il portiere basco Iraizoz non è da tutti, ma all'attaccante italiano è riuscito, grazie all'assist di El Haddadi. Mercoledì, però, nel Mestalla arriva il Real Madrid capolista (si recupera una partita rinviata a dicembre 2016) e Zaza ci riproverà. "Possiamo metterli in crisi, crear loro delle difficoltà - le sue parole, a margine della presentazione di uno sponsor -: e poi, io voglio continuare così. Quando ho visto che il pallone s'insaccava ho pensato ai momenti difficile che ho vissuto in questi mesi. Segnare nel Mestalla è stata per me una grande emozione. Non meritiamo questa classifica, perché siamo una squadra forte, voglio continuare a segnare, per tirare su il Valencia". (ANSA).

Archivio Ultima ora