Russia: l’ombra di brogli sulle elezioni, illegittime per Navalni

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Russia: ombra brogli su elezioni, illegittime per Navalni

Russia: ombra brogli su elezioni, illegittime per Navalni

MOSCA. – Elezioni “oneste” come dice Putin o “illegittime” come sostiene invece l’oppositore e grande escluso di queste legislative, Alexiei Navalni? Certo il voto in Russia per rinnovare la Duma “non è stato immacolato”: la stessa presidente della Commissione elettorale, Ella Pamfilova, lo ha dovuto ammettere subito di fronte ai video che mostrano degli individui inserire nelle urne una caterva di schede elettorali in un sol colpo (come avvenuto a Rostov sul Don e a Nizhni Novgorod).

Pamfilova ha però sottolineato che in linea di massima le elezioni sono state regolari. Chi ha ragione dunque? In attesa di una risposta, dopo essersi assicurato – complici una nuova legge elettorale ‘ad hoc’ e la bassissima affluenza – ben 3 deputati su 4, Putin ha già deciso chi sarà il presidente di questa nuova blindatissima Duma. La scelta è caduta su Viaceslav Volodin: il vice capo dell’amministrazione presidenziale e responsabile della politica interna. Insomma, il cardinale grigio del Cremlino, colui che ha finora curato i rapporti dello ‘zar’ con i partiti, con i governatori e con la Duma stessa. E quindi probabilmente anche colui che ha promosso la serie di leggi draconiane approvate dalla Duma (già definita “la stampante impazzita” del Cremlino) dopo le manifestazioni di massa del 2011 e del 2012.

Se il 52enne noto per aver affermato che “non c’è Russia senza Putin” si appresta a diventare – ormai manca solo l’ufficializzazione da parte dei deputati – il nuovo presidente del ramo basso del parlamento, colui che ha ricoperto quest’incarico nell’ultima legislatura non resta con un pugno di mosche in mano: Serghiei Narishkin – che sembra conosca Putin da 40 anni, da quando entrambi erano cadetti dell’accademia del Kgb – è infatti stato nominato capo dell’Svr, i servizi segreti esterni.

Il sospetto è che si tratti però di un’altra mossa di Putin per allontanare i notabili della Vecchia Guardia e circondarsi di più giovani burocrati e 007 abituati a battere i tacchi di fronte a lui. L’Svr è infatti decisamente meno potente dell’Fsb, il principale servizio di intelligence russo, e inoltre, secondo alcuni media, a Mosca starebbero progettando un nuovo super ministero: quello della Sicurezza statale, che ingloberebbe non solo Fsb e Svr ma anche buona parte dei servizi per la protezione delle alte cariche dello Stato (Fso).

Certo, i brogli venuti alla luce potrebbero essere solo la punta di un immenso iceberg di nefandezze elettorali, ma questo voto sottotono sembra solo lontano parente di quello del 2011, quando i “trucchetti” per favorire il partito di Putin, Russia Unita, furono così palesi e su larga scala da far scendere in piazza migliaia e migliaia di russi indignati.

Questa volta in Russia deve aver piuttosto trionfato l’indifferenza, e meno del 48% degli aventi diritto si è recato alle urne. I delusi, insomma, sono rimasti a casa: un vantaggio per Putin, che appare così sempre più potente. La litigiosa opposizione resta invece fuori dalla Duma e gli appelli dei suoi leader contro i brogli elettorali sono un urlo nel deserto.

Neanche gli osservatori dell’Osce – gli unici attendibili a fronte di tanti sedicenti “osservatori internazionali” invitati da Mosca – hanno espresso un giudizio troppo negativo: hanno denunciato che “il controllo sui media e sulla società” civile ha impedito agli elettori di compiere “una scelta informata”, ma hanno comunque definito il voto “ordinato” e hanno espresso soddisfazione perché le denunce d’irregolarità sono state affrontate in modo “trasparente”.

Navalni – escluso dalle elezioni per i suoi guai giudiziari considerati di matrice politica – è di tutt’altro parere: lui ritiene le elezioni irregolari e chiede le dimissioni di Pamfilova, che comunque pochi giorni fa ha annunciato l’annullamento dei risultati del voto in 9 seggi, precisando che la lista potrebbe allungarsi. In ogni caso, come sottolinea l’Osce, “la correttezza del processo elettorale inizia ben prima del voto”.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

01:34Venezuela: nuove proteste, almeno tre dimostranti morti

(ANSA) - CARACAS, 25 APR - Nuove proteste di piazza nel Venezuela contro il governo di Nicolas Maduro, e almeno tre giovani manifestanti uccisi: due colpiti da "paramilitari filo-governativi" a Barinitas, nello stato di Barinas, nell'ovest del Venezuela, secondo quanto rivelato dal deputato dell'opposizione Pedro Luis Castillo, e uno a merida, capoluogo dello stato omonimo, secondo informazioni dell'Ombudsman nazionale, Tarek William Saab. Tutti e tre, secondo le prime informazioni, sarebbero stati raggiunti da colpi d'arma da fuoco.

01:16Terremoti: Cile, scossa 6.9, ma niente allerta tsunami

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 25 APR - Una forte e lunga scossa di terremoto è stato avvertito a Santiago del Cile e in un'ampia zona nell'area centrale del Cile. La magnitudo è stata pari a 6.9 con l'epicentro a 25 km da Valparaiso. Lo riporta il centro sismologico dell'Università del Cile. Non si ha ancora notizia di vittime, ma è stato lanciato l'allarme tsunami, che però è stato revocato pochi minuti dopo. Prima della cancellazione dell'allerta, in alcune zone delle regioni di Valparaiso e O'Higgins era già scattata l'evacuazione preventiva della popolazione nelle località costiere. La scossa, avvertita alle 18.39 ora locale a una profondità di 13,2 kilometri, è stata particolarmente intensa, soprattutto nelle regioni di Coquimbo e Biobio. Nella zona di Valparaiso, dove è stato localizzato l'epicentro, dalla notte dello scorso sabato si sono verificate circa 100 scosse. Il terremoto è stato avvertito anche in Argentina, nelle regioni di Mendoza e San Juan, confinanti con il Cile.

01:08Musica: paura per Elton John, ‘ha rischiato di morire’

(ANSA) - LONDRA, 25 APR - Paura per Elton John, leggenda del pop internazionale, che ha rischiato di morire a causa di un'infezione rara e maligna contratta durante un tour in Sudamerica e che lo ha costretto in ospedale fino a sabato. La disavventura, a lieto fine, è stata resa nota stanotte in un comunicato diffuso a Londra, nel quale è stata annunciata fra l'altro la cancellazione di alcuni show negli Usa. Secondo il comunicato, la star britannica, 70 anni, è stata contagiata da un'infezione "potenzialmente mortale", sfociata in "un violento" malessere sul volo di ritorno da Santiago del Cile. Ricoverato in terapia intensiva all'arrivo a Londra, è adesso a casa convalescente e sta meglio. Ma per un po', niente concerti. "Ci dispiace informarvi che, per ragioni mediche, Elton John è costretto a cancellare il suo intero programma di esibizioni previste per aprile-maggio" a Las Vegas, è scritto nella nota. "Elton annulla anche la performance prevista per sabato 6 maggio a Bakersfield, in California".

23:55Le Pen, mi sospendo da presidenza Fn, solo candidata

(ANSA) - PARIGI, 24 APR - "Mi sospendo dalla presidenza del Front National. Da questo momento in poi sono soltanto la candidata alle presidenziali": lo ha annunciato questa sera al tg di France 2 Marine Le Pen.

23:12Calcio: la Roma vince 4-1, Pescara matematicamente in B

(ANSA) - ROMA, 24 APR - La Roma batte 4-1 il Pescara e lo condanna alla serie B con cinque giornate di anticipo sulla fine del campionato. Gli abruzzesi, con 14 punti, non possono più raggiungere l'Empoli, quart'ultimo con 29 e in vantaggio negli scontri diretti. I giallorossi salgono a quota 75 punti, a +4 sul Napoli e a -8 dalla Juventus. Di Strootman e Nainggolan le prime reti degli ospiti, venute entrambe alla fine del primo tempo. Salah segna una doppietta a inizio ripresa. Nel finale la rete della bandiera degli abruzzesi con Benali.

22:22Siria: sanzioni Usa al centro ricerca armi chimiche

(ANSA) - WASHINGTON, 24 APR - Gli Usa hanno emesso oggi sanzioni nei confronti dei dipendenti del Centro di ricerca siriano ritenuto responsabile dello sviluppo di armi chimiche: lo ha annunciato dalla Casa Bianca il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, come risposta "all'orribile attacco con armi chimiche contro civili innocenti". Nella 'lista nera' sono finiti 271 dipendenti del centro di ricerche. Si tratta di una delle cifre più alte di persone sottoposte a sanzioni nella storia degli Stati Uniti.

20:47Pd: Renzi, vince chi ha un voto in più, stop discussioni

(ANSA) - ROMA, 24 APR - Vince le primarie Pd "chi ha un voto in più. Ma se votasse solo un milione di persone, quindi molte meno di quelle che pensiamo, o se votasse una sola persona, sarebbero comunque 999.999 in più a decidere rispetto a quelle che decidono ad Arcore o nel blog". Lo dice Matteo Renzi a Radio Capital. "Un milione sarebbe un flop? E' un giudizio politico, io spero siano di più, faccio un appello alla partecipazione a questa grande festa della democrazia ma non posso accettare che si metta in discussione il risultato", sottolinea.

Archivio Ultima ora