Testa a testa Clinton-Trump, battaglia nella notte

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Battaglia nella notte tra Donald Trump e Hillary Clinton. Un duello senza esclusione di colpi o cortesie di troppo

Battaglia nella notte tra Donald Trump e Hillary Clinton. Un duello senza esclusione di colpi o cortesie di troppo

NEW YORK. – Battaglia nella notte tra Donald Trump e Hillary Clinton. Un duello senza esclusione di colpi o cortesie di troppo. Uno scontro che i due candidati hanno voluto, rifiutandosi persino di trovare un accordo minimo sulle regole di condotta, come vuole la tradizione. Una sfida in cui anche un solo particolare può imprimere la svolta ad una campagna elettorale ad altissima tensione.

Del resto Trump e Clinton arrivano al primo faccia a faccia televisivo alla pari, con i sondaggi che ad appena 43 giorni dall’Election Day certificano un sostanziale testa a testa, dopo che la candidata democratica ha dilapidato il grande vantaggio di cui godeva a fine luglio. Un equilibrio che anche un piccolo dettaglio può alterare, a favore dell’uno o dell’altra.

E l’America, spesso distratta e disinteressata, stavolta si ferma davvero, per un dibattito che tutti i commentatori definiscono “il più atteso della storia” delle presidenziali Usa. Perché in gioco ci sono due visioni diverse del futuro, in un momento in cui non solo gli Stati Uniti ma tutto il mondo sembra essere ad un bivio. E c’è anche un numero di elettori indecisi probabilmente superiore alle altre volte: un aspetto in parte legato all’impopolarità dei due candidati che rende per molti più difficile la scelta.

Oltre 100 milioni i telespettatori, un pubblico da Super Bowl. Un boom di ascolti che spazza via il precedente record del duello tv tra Ronald Reagan e Jimmy Carter, nel 1980. Nella sala della Hofstra University di Hempstead, nello stato di New York, un tifo quasi da stadio. I candidati si confrontano per lunghi, interminabili 90 minuti su sicurezza, terrorismo, immigrazione, ripresa economica, tensioni razziali.

Sempre attenti a non compiere quel passo falso che potrebbe risultare fatale. Si sono preparati per settimane all’evento. Hillary Clinton per ore si è allenata salendo su un podio davanti a un finto avversario. Ha studiato ogni minuscolo aspetto della personalità di Trump, per prepararsi a tutte le evenienze: quella di un tycoon aggressivo e politicamente scorretto (vedi lo spettro degli scandali passati di Bill Clinton); oppure quella di un tycoon che sceglie la strategia del candidato che sa essere misurato, che sa quando fermarsi. In una parola, ‘presidenziale’.

Difficile dire chi ha più da perdere. Con i principali media, dal Washington Post all’agenzia Bloomberg, che alla vigilia danno all’ex first lady le maggiori chance di vittoria. Almeno in questo primo confronto, a cui seguiranno il dibattito del 9 ottobre alla Washington University di St.Louis, in Missouri, e quello del 19 ottobre alla University of Nevada, a Las Vegas. Passando per il duello tra i due vice – Mike Pence e Tim Kane – del 4 ottobre.

Intanto il New York Times, dopo aver ribadito con forza il suo appoggio all’ex segretario di Stato, si scaglia con un nuovo editoriale contro Trump, definendolo “uno spaccone” che porta avanti una “campagna di insulti” e di “nazionalismo xenofobo”. Un candidato – si sottolinea – che racconta “falsità”.

E mai come questa volta i principali media e social media si sono mobilitati per smascherare in diretta tv le ‘bugie’ dei due candidati. E in America, si sa, non dire la verità all’opinione pubblica, anche su una piccola cosa, può risultare fatale.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

11:59Don Prodi lascia parrocchia, ‘non a tutti piace la mia vita’

(ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - "Non a tutti è piaciuta o piace la mia vita; a nessuno, però, era lecito portare in pubbliche piazze valutazioni negative su di me, che hanno fatto male a me, ma soprattutto alla comunità". E' un passaggio di un testo letto da don Matteo Prodi, nipote dell'ex premier, che ieri ha annunciato dopo la messa domenicale le sue dimissioni dopo 12 anni dalla parrocchia di Ponte Ronca, frazione di Zola Predosa, nel Bolognese. Una rinuncia che, ha detto il sacerdote, oggi porterà all'arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi. "Il vescovo - ha spiegato don Prodi nella lettera - mi disse già molti mesi fa che 10 anni erano abbastanza; la necessità di creare unità pastorali ha dato pure il suo contributo; ma le grandissime difficoltà che ho sperimentato, soprattutto l'ultimo anno, hanno, sicuramente, accelerato il processo". Difficoltà che non sono chiarite nel testo. L'addio non è al sacerdozio: "Io non avrò una parrocchia andrò ad officiare in zona Santa Rita di via Massarenti.(ANSA).

11:59Calcio: Conte, “certo che Italia andrà ai Mondiali 2018”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - L'ex tecnico azzurro Antonio Conte, oggi allenatore del Chelsea, è fiducioso, anzi non ha "il minimo dubbio" sulla partecipazione dell'Italia ai Mondiali del 2018 in Russia. Lo ha detto lo stesso Conte ai microfoni di 'Radio anch'io sport'. "Non ho paura -ha detto Conte in risposta a una domanda- che la nazionale italiana non vada ai Mondiali. Non ho il minimo dubbio. Si andrà agli spareggi e lì abbiamo forza sufficiente per passare. Penso non ci siano assolutamente problemi".

11:58Calcio: Champions, Conte “se passo turno,non vorrei italiane

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Se il Chelsea passa il turno a gironi della Champions, spero di non incontrare sul mio cammino squadre italiane": lo ha detto il tecnico del Chelsea Antonio Conte ai microfoni di 'Radio anch'io sport'. La Roma, che è nello stesso girone del Chelsea, secondo Conte "ha tutte le carte in regola per andare avanti. Non siamo stati fortunati nel sorteggio, il nostro è uno dei più difficili. L'Atletico Madrid ha fatto tutte le grandi competizioni negli ultimi anni, diverse finali e semifinali, ha una rosa forte. Conosco benissimo la Roma, compete per i massimi traguardi in Italia e così farà nelle altre competizioni. Noi -ha concluso Conte- siamo tornati in Champions con tanto entusiasmo e abbiamo voglia di fare del nostro meglio, ma dovremo fare la massima attenzione. Comunque, noi dobbiamo cercare di passare il turno, e poi prepararci per il sorteggio".

11:51Delegato Catalogna, pronti a negoziare fino all’ultimo

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Siamo disposti a negoziare fino all'ultimo partendo dalla condizione che il popolo catalano possa decidere". Lo ha detto il delegato della Generalitat di Catalogna a Roma Luca Bellizzi in un forum all'ANSA. "Data, quorum, censo, la domanda elettorale, siamo disposti a negoziare su tutto, ma qual è la proposta del governo spagnolo?. Rajoy ha detto no. Se c'è una volontà si puo' modificare anche la costituzione ma i popolari non hanno questa volontà politica", ha aggiunto Bellizzi.

11:45Catalogna: Puigdemont, ‘potrei essere arrestato’

(ANSA) - BARCELLONA, 25 SET - Il presidente catalano Carles Puigdemont non ha escluso di poter essere arrestato dalla polizia spagnola prima del referendum del 1/o ottobre. "Il procuratore generale lo ha ipotizzato", ha detto al programma Salvados della Sexta. "Non sarebbe una buona idea", ha aggiunto. "Ma se succederà faremo fronte a qualsiasi decisione". Puigdemont ha definito l'offensiva giudiziaria contro la Catalogna come "un fatto vergognoso, indegno di uno Stato democratico".

11:42Germania:Schulz propone Nahles capogruppo parlamentare

(ANSA) - BERLINO, 25 SET - Martin Schulz ha proposto la ministra del Lavoro uscente, Andrea Nahles, come capogruppo parlamentare dei socialdemocratici. Lo ha scritto la Dpa, citando fonti del partito, che ha già annunciato di voler andare all'opposizione. Il capogruppo uscente è Thomas Oppermann.

11:41Petry, non farò parte gruppo parlamentare AfD

(ANSA) - BERLINO, 25 SET - "Faremo opposizione in parlamento e sarà un compito gravoso, ma la nostra ambizione è andare al governo nel 2021". Lo ha detto Frauke Petry, co-portavoce federale dell'Afd, stamattina nel corso della conferenza stampa a Berlino. "Non farò parte del gruppo dell'Afd in parlamento", ha aggiunto Petry prima di lasciare la sala, ancor prima di rispondere alle domande dei giornalisti. Negli ultimi mesi si sono manifestate divisioni tra la Petry e gli altri dirigenti del partito che fa il suo ingresso in parlamento con il 13% dei consensi.

Archivio Ultima ora