Testa a testa Clinton-Trump, battaglia nella notte

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Battaglia nella notte tra Donald Trump e Hillary Clinton. Un duello senza esclusione di colpi o cortesie di troppo

Battaglia nella notte tra Donald Trump e Hillary Clinton. Un duello senza esclusione di colpi o cortesie di troppo

NEW YORK. – Battaglia nella notte tra Donald Trump e Hillary Clinton. Un duello senza esclusione di colpi o cortesie di troppo. Uno scontro che i due candidati hanno voluto, rifiutandosi persino di trovare un accordo minimo sulle regole di condotta, come vuole la tradizione. Una sfida in cui anche un solo particolare può imprimere la svolta ad una campagna elettorale ad altissima tensione.

Del resto Trump e Clinton arrivano al primo faccia a faccia televisivo alla pari, con i sondaggi che ad appena 43 giorni dall’Election Day certificano un sostanziale testa a testa, dopo che la candidata democratica ha dilapidato il grande vantaggio di cui godeva a fine luglio. Un equilibrio che anche un piccolo dettaglio può alterare, a favore dell’uno o dell’altra.

E l’America, spesso distratta e disinteressata, stavolta si ferma davvero, per un dibattito che tutti i commentatori definiscono “il più atteso della storia” delle presidenziali Usa. Perché in gioco ci sono due visioni diverse del futuro, in un momento in cui non solo gli Stati Uniti ma tutto il mondo sembra essere ad un bivio. E c’è anche un numero di elettori indecisi probabilmente superiore alle altre volte: un aspetto in parte legato all’impopolarità dei due candidati che rende per molti più difficile la scelta.

Oltre 100 milioni i telespettatori, un pubblico da Super Bowl. Un boom di ascolti che spazza via il precedente record del duello tv tra Ronald Reagan e Jimmy Carter, nel 1980. Nella sala della Hofstra University di Hempstead, nello stato di New York, un tifo quasi da stadio. I candidati si confrontano per lunghi, interminabili 90 minuti su sicurezza, terrorismo, immigrazione, ripresa economica, tensioni razziali.

Sempre attenti a non compiere quel passo falso che potrebbe risultare fatale. Si sono preparati per settimane all’evento. Hillary Clinton per ore si è allenata salendo su un podio davanti a un finto avversario. Ha studiato ogni minuscolo aspetto della personalità di Trump, per prepararsi a tutte le evenienze: quella di un tycoon aggressivo e politicamente scorretto (vedi lo spettro degli scandali passati di Bill Clinton); oppure quella di un tycoon che sceglie la strategia del candidato che sa essere misurato, che sa quando fermarsi. In una parola, ‘presidenziale’.

Difficile dire chi ha più da perdere. Con i principali media, dal Washington Post all’agenzia Bloomberg, che alla vigilia danno all’ex first lady le maggiori chance di vittoria. Almeno in questo primo confronto, a cui seguiranno il dibattito del 9 ottobre alla Washington University di St.Louis, in Missouri, e quello del 19 ottobre alla University of Nevada, a Las Vegas. Passando per il duello tra i due vice – Mike Pence e Tim Kane – del 4 ottobre.

Intanto il New York Times, dopo aver ribadito con forza il suo appoggio all’ex segretario di Stato, si scaglia con un nuovo editoriale contro Trump, definendolo “uno spaccone” che porta avanti una “campagna di insulti” e di “nazionalismo xenofobo”. Un candidato – si sottolinea – che racconta “falsità”.

E mai come questa volta i principali media e social media si sono mobilitati per smascherare in diretta tv le ‘bugie’ dei due candidati. E in America, si sa, non dire la verità all’opinione pubblica, anche su una piccola cosa, può risultare fatale.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

09:23Francia: Valls, ‘lascio il Partito socialista’

(ANSA) - PARIGI, 27 GIU - L'ex primo ministro francese Manuel Valls ha annunciato questa mattina che lascerà il Partito socialista: "lascio il Partito socialista - ha detto alla radio RTL - o il partito socialista mi lascia. Una parte della mia vita politica si conclude". Cinquantaquattro anni, Valls è stato rieletto con soli 139 voti di vantaccio nell'Essonne, alle porte di Parigi, da sempre suo feudo elettorale, alle legislative del 18 giugno. La sua avversaria, Farida Amrani, della sinistra radicale della France insoumise, ha presentato un ricorso. Al momento di entrare in Parlamento, Valls ha ufficializzato una rottura che era nell'aria da quando l'ex premier ha deciso di non appoggiare alle presidenziali il vincitore delle primarie del partito, Benoit Hamon. Valls ha precisato che il suo posto nella nuova Assemblée Nationale sarà "nella maggioranza presidenziale" e non ha escluso una sua eventuale adesione alla Republique en Marche di Emmanuel Macron.(ANSA).

09:17Indagine appalti, dipendente Comune Piacenza ai domiciliari

(ANSA) - PIACENZA, 27 GIU - Un dipendente dell'ufficio manutenzione del Comune di Piacenza è agli arresti domiciliari nell'ambito di un'indagine, condotta dalla Guardia di finanza e coordinata dal pm Antonio Colonna, che riguarderebbe appalti comunali. La misura cautelare - riferisce il quotidiano Libertà - è stata emessa dopo che i militari delle Fiamme gialle avevano sentito altri dipendenti dell'Amministrazione comunale e avevano prelevato diversi documenti dagli uffici comunali. Due sarebbero gli appalti all'attenzione degli investigatori: uno, da 200mila euro, riguarderebbe la manutenzione stradale; l'altro, da 20mila euro, relativo alle telecamere di controllo. (ANSA).

09:16Migranti: torture e stupri in Libia, un fermo

(ANSA) - AGRIGENTO, 27 GIU - Un somalo di 23 anni e' stato fermato dalla Polizia nell'hotspot di Lampedusa con l'accusa di essere fra i torturatori che sequestravano e seviziavano i migranti in attesa di imbarcarsi dalle coste libiche. Nel provvedimento emesso dalla Dda della Procura di Palermo, T. M. A. è accusato di associazione per delinquere armata di carattere transnazionale, dedita a commettere reati contro la persona, tratta e sequestro di persona, violenza sessuale, omicidio aggravato e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Il 23enne somalo è stato riconosciuto come uno dei responsabili di torture e sevizie perpetrati in Libia nella struttura nei pressi della zona agricola denominata Hudeyfà, nella zona di Cufrà, dove i migranti venivano privati della liberta' personale prima di intraprendere la traversata in mare per le coste italiane.

08:22Nepal: elezioni amministrative, India chiude frontiera

(ANSA) - NEW DELHI, 27 GIU - La frontiera terrestre con il Nepal è stata chiusa ieri dall'India per motivi precauzionali in vista della consultazione elettorale amministrativa che si svolgerà domani nel vicino Paese. Lo riferisce l'agenzia di stampa indiana Pti. Si tratta della seconda fase del voto amministrativo, che non si teneva in Nepal da 20 anni, dopo la prima realizzata lo scorso 14 maggio. Un magistrato distrettuale, V.K.Sinhg, ha confermato che la misura è stata adottata per "prevenire che elementi anti-sociali attraversino il confine e alterino il clima elettorale". Il divieto di transito è totale per i veicoli di ogni genere, mentre gli individui che intendono andare in Nepal possono farlo dopo un meticoloso controllo. La preoccupazione è data dal fatto che alcuni partiti dell'etnia Madhesi hanno boicottato le elezioni chiedendo una riforma costituzionale che preveda una loro maggiore presenza in Parlamento ed una riforma dei confini provinciali.

08:16Brasile: Temer accusato di corruzione dalla procura

(ANSA) - BRASILIA, 27 JUN - Il presidente Michel Temer è stato accusato di corruzione dalla procura generale del Brasile, sulla base delle denunce fatte dall'imprenditore Joesley Batista. Temer, ricordano i media locali, è il primo presidente del Paese ad essere stato formalmente accusato di corruzione davanti al Supremo tribunale federale. I reati al centro delle accuse sono "gravi", ha precisato la procura guidata da Rodrigo Janot segnalando inoltre l'aggravante rappresentato dalle sue funzioni quale "presidente della Repubblica". Qualche ora prima, durante un evento nella sede della presidenza a Brasilia, Temer aveva detto che "niente ci distruggerà, né a me né - aveva puntualizzato - ai nostri ministri".

08:12Venezuela: Ortgea Diaz, siamo in uno Stato di polizia

(ANSA) - LIMA, 27 GIU - "Il Venezuela non è uno Stato di diritto, è uno Stato di polizia": a dirlo è stata la procuratrice generale di Caracas, Luisa Ortega Diaz, che ha denunciato la "subordinazione del Potere giudiziario alla logica poliziesca e repressiva" del governo di Nicolas Maduro. In un'intervista pubblicata dal quotidiano peruviano El Comercio, Ortega Diaz ha detto che "dopo il cambiamento di maggioranza nell'Assemblea nazionale (nelle politiche del 2015) l'Esecutivo ha finito per strumentalizzare completamente il Potere giudiziario" fino ad arrivare al punto che "ora si è messo il carro davanti ai buoi: è il Sebin (l'agenzia di intelligence del governo) che detta la linea, e il Potere giudiziario che ubbidisce". Secondo Ortega Diaz, è in corso in Venezuela un processo di "annichilimento della Costituzione", che raggiungerà il suo apice con l'Assemblea costituente convocata da Maduro lo scorso 1 maggio.

08:08Messico: ritrovato corpo carbonizzato di un giornalista

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 27 GIU - Il corpo di Salvador Adame, giornalista che era stato sequestrato un mese fa nello stato messicano di Michoacan, è stato ritrovato dalla polizia semi carbonizzato e gettato lungo il bordo di una strada. Adame, che era direttore di un canale locale, 6TV, è il settimo giornalista assassinato in Messico dall'inizio dell'anno. Il procuratore di Michoacan, Martin Godoy, ha spiegato alla stampa che i resti di Adame sono stati scoperti lungo la strada nei dintorni di Lombardía, nella violenta regione di Tierras Calientes, lo scorso 14 giugno, ma a causa dello stato in cui si trovavano solo oggi è stato possibile identificare il corpo. Il ritrovamento del cadavere del giornalista è stato possibile in base alle dichiarazioni rese da Daniel Rubio, detto 'El Cabezas', il boss della narcobanda dei Cavalieri Templari, dopo il suo arresto la settimana scorsa.

Archivio Ultima ora