Testa a testa Clinton-Trump, battaglia nella notte

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

Battaglia nella notte tra Donald Trump e Hillary Clinton. Un duello senza esclusione di colpi o cortesie di troppo

Battaglia nella notte tra Donald Trump e Hillary Clinton. Un duello senza esclusione di colpi o cortesie di troppo

NEW YORK. – Battaglia nella notte tra Donald Trump e Hillary Clinton. Un duello senza esclusione di colpi o cortesie di troppo. Uno scontro che i due candidati hanno voluto, rifiutandosi persino di trovare un accordo minimo sulle regole di condotta, come vuole la tradizione. Una sfida in cui anche un solo particolare può imprimere la svolta ad una campagna elettorale ad altissima tensione.

Del resto Trump e Clinton arrivano al primo faccia a faccia televisivo alla pari, con i sondaggi che ad appena 43 giorni dall’Election Day certificano un sostanziale testa a testa, dopo che la candidata democratica ha dilapidato il grande vantaggio di cui godeva a fine luglio. Un equilibrio che anche un piccolo dettaglio può alterare, a favore dell’uno o dell’altra.

E l’America, spesso distratta e disinteressata, stavolta si ferma davvero, per un dibattito che tutti i commentatori definiscono “il più atteso della storia” delle presidenziali Usa. Perché in gioco ci sono due visioni diverse del futuro, in un momento in cui non solo gli Stati Uniti ma tutto il mondo sembra essere ad un bivio. E c’è anche un numero di elettori indecisi probabilmente superiore alle altre volte: un aspetto in parte legato all’impopolarità dei due candidati che rende per molti più difficile la scelta.

Oltre 100 milioni i telespettatori, un pubblico da Super Bowl. Un boom di ascolti che spazza via il precedente record del duello tv tra Ronald Reagan e Jimmy Carter, nel 1980. Nella sala della Hofstra University di Hempstead, nello stato di New York, un tifo quasi da stadio. I candidati si confrontano per lunghi, interminabili 90 minuti su sicurezza, terrorismo, immigrazione, ripresa economica, tensioni razziali.

Sempre attenti a non compiere quel passo falso che potrebbe risultare fatale. Si sono preparati per settimane all’evento. Hillary Clinton per ore si è allenata salendo su un podio davanti a un finto avversario. Ha studiato ogni minuscolo aspetto della personalità di Trump, per prepararsi a tutte le evenienze: quella di un tycoon aggressivo e politicamente scorretto (vedi lo spettro degli scandali passati di Bill Clinton); oppure quella di un tycoon che sceglie la strategia del candidato che sa essere misurato, che sa quando fermarsi. In una parola, ‘presidenziale’.

Difficile dire chi ha più da perdere. Con i principali media, dal Washington Post all’agenzia Bloomberg, che alla vigilia danno all’ex first lady le maggiori chance di vittoria. Almeno in questo primo confronto, a cui seguiranno il dibattito del 9 ottobre alla Washington University di St.Louis, in Missouri, e quello del 19 ottobre alla University of Nevada, a Las Vegas. Passando per il duello tra i due vice – Mike Pence e Tim Kane – del 4 ottobre.

Intanto il New York Times, dopo aver ribadito con forza il suo appoggio all’ex segretario di Stato, si scaglia con un nuovo editoriale contro Trump, definendolo “uno spaccone” che porta avanti una “campagna di insulti” e di “nazionalismo xenofobo”. Un candidato – si sottolinea – che racconta “falsità”.

E mai come questa volta i principali media e social media si sono mobilitati per smascherare in diretta tv le ‘bugie’ dei due candidati. E in America, si sa, non dire la verità all’opinione pubblica, anche su una piccola cosa, può risultare fatale.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

08:33Pena morte: giustiziato in Alabama con iniezione letale

(ANSA) - ATMORE (ALABAMA), 9 DIC - E' stato giustiziato poco fa in Alabama un uomo condannato per l'omicidio di un commesso di un discount durante una rapina nel 1994 la cui sentenza era stata sospesa poche ore prima per un riesame. La Corte Suprema aveva infine dato il via libera all'esecuzione. Il 45enne Ronald Bert Smith Jr. è stato dichiarato deceduto alle 23.05 ora locale, le 6.05 in Italia, dopo 30 minuti di agonia. La giuria aveva chiesto l'ergastolo ma il giudice aveva poi deciso per la pena capitale.

08:08Somalia: intesa per elezioni presidenziali il 28 dicembre

(ANSA) - MOGADISCIO, 9 DIC - I leader politici della Somalia hanno raggiunto un'intesa per svolgere le elezioni presidenziali il prossimo 28 dicembre, dopo tre rinvii e tra accuse di corruzione, frode e intimidazioni. Erano inizialmente previste per il 30 novembre, poi la commissione elettorale aveva annunciato che si sarebbero svolte in dicembre. Il rinvio riflette le difficoltà in atto nel Paese del Corno d'Africa pervaso da lotte fra clan e minacciato dagli estremisti islamici. Il presidente della Somalia non viene eletto per voto popolare. Circa 14 mila delegati scelti dai rispettivi clan eleggono i membri del Parlamento, che a loro volta eleggono poi il presidente.

07:52Terremoto: scossa del 3.1 in provincia di Macerata

(ANSA) - ROMA, 9 DIC - Un terremoto di magnitudo 3.1 è stato registrato all' 1.10 nella provincia di Macerata. Non si ha notizia di danni. L'Ingv ha localizzato l'epicentro del sisma vicino a Fiordimonte, ai piedi dei Sibillini, a 9 chilometri di profondità. Un'altra scossa, del 3,7, era stata avvertita poco dopo le 22 tra Abruzzo e Marche, epicentro Valle Castellana (Teramo), seguita poco dopo da un'altra del 2.2.

00:45Calcio: Europa League, l’Inter chiude con un 2-1 allo Sparta

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - L'Inter saluta l'Europa con una vittoria, in un San Siro semivuoto per la protesta dei tifosi. Finisce 2-1 con lo Sparta Praga, che si qualifica ai sedicesimi con gli inglesi del Southampton (1-1 con il Beer Sheeva). Ma anche stasera, con una squadra con diversi giovani, la formazione di Pioli ha sofferto. In gol con Eder, su una bella azione costruita dal baby Pinamonti, i nerazzurri sono raggiunti a inizio ripresa da un colpo di testa di Marecek. Lo Sparta spreca l'occasione di andare in vantaggio su rigore, Carrizo netraulizza il tiro di Dockal. Nel finale, al 90', il gol vittoria ancora di Eder. Negli altri gironi, lo Standard Liegi non va oltre l'1-1 con l'Ajax, ai sedicesimi con gli olandesi passa il Celta Vigo (2-0 in casa del Panathinaikos).

00:43Grecia: annuncio Tsipras, una tantum per pensionati poveri

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - Il premier greco Alexis Tsipras ha annunciato in tv che il governo spenderà 617 milioni di euro in 'una tantum' da versare ai pensionati con i redditi più bassi. Lo riferiscono i media ellenici. Tsipras ha ricordato che la decisione avviene dopo che la Grecia ha superato gli obiettivi di surplus primario per il 2016, "fedeli al nostro impegno a sostenere i più deboli". L'assegno interesserà 1,6 milioni di pensionati che guadagnano meno di 850 euro al mese. Il premier ha anche detto che non scatterà l'aumento dell'Iva per le isole del nord Egeo più colpite dalla crisi dei migranti. Il surplus primario greco nel 2016 ha raggiunto l'1,1% del Pil, contro lo 0,5% previsto dal piano di salvataggio. Tsipras ha salutato il via libera dato dall'Eurogruppo alle misure a breve termine sull'alleggerimento del debito ellenico, allo scopo di far riguadagnare al Paese l'accesso al mercato. Tra queste c'è una rimodulazione delle scadenze del debito con i fondi salva-Stati Efsf e Esm, e una riduzione degli interessi.

23:28Usa: è morto l’astronauta John Glenn

(ANSA) - WASHINGTON, 8 DIC - E' morto John Glenn, il primo astronauta americano ad andare in orbita intorno alla Terra. Per 24 anni ha poi rappresentato l'Ohio al Senato degli Stati Uniti. Aveva 95 anni.

22:38Calcio: la Roma fa 0-0 in casa Astra, Sassuolo-Genk rinviata

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - La Roma chiude il girone di Europa League con uno 0-0 a Bucarest, in casa dell'Astra Giurgiu, che comunque festeggia: assicurato il primo posto per il giallorossi, il secondo va proprio alla squadra romena, in forza della sorprendente vittoria del Plzen che in casa rimonta due gol di svantaggio e batte 3-2 l'Austria Vienna. Sassuolo-Genk, l'altra partita di un'italiana, e' rinviata a domani per la nebbia fitta sullo stadio di Reggio Emilia. Va ai sedicesimi anche il Manchester United, grazie allo 0-2 firmato Mkhitaryan-Ibrahmovic in casa dello Zorya, ma secondo dietro il Fenerbahce. L'Anderlecht perde in casa 3-2 col St.Etienne che lo sorpassa al primo posto del girone, ma si consola con la qualificazione da seconda. Nel gruppo D, avanti Zenit e Az Alkmaar: lo scontro diretto va agli olandesi (3-2), e' la prima sconfitta dei russi che pero' conservano il primo posto

Archivio Ultima ora