Colombia: si chiude il più lungo conflitto armato del continente americano

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

mandatarios-invitados-acuerdo

BOGOTA’. – L’accordo di pace fra il governo di Bogotà e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) che ha posto fine al più lungo conflitto armato del continente è stato firmato oggi a Cartagena de Indias, sulla costa caraibica del paese sudamericano. Juan Manuel Santos, presidente della Colombia, e Rodrigo Lodrono detto Timochenko, comandante delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) hanno sottoscritto il testo dell’intesa con un “baligrafo”, cioè una pallottola (bala) trasformata in penna stilografica.

Gesti simbolici di questo tipo hanno segnato la breve cerimonia, svoltasi nel cosiddetto Cortile delle bandiere del centro di conferenze di Cartagena. In una scenografia interamente bianca Santos, accompagnato da due bambini, ha aperto una “porta del futuro” per fare salire sul podio i negoziatori dell’accordo e i capi di Stato invitati per la storica occasione.

Da parte sua, Timochenko ha offerto una dichiarazione senza precedenti, chiedendo perdono a nome delle Farc “a tutte le vittime, per tutto il dolore che abbiamo causato con questa guerra”. Durante il suo discorso, il leader guerrigliero è stato interrotto dal passaggio di una pattuglia di esibizione dell’Aeronautica e, guardando in aria, ha commentato con un sorriso: “Questa volta vengono a celebrare la pace, non a buttarci addosso le bombe”.

Sottolineando che l’accordo di pace colombiano deve servire come esempio per la soluzione di tutti i conflitti del mondo, il capo delle Farc ha lanciato un appello a favore di una trattativa di pace per porre fine alla guerra in Siria, e al conflitto fra israeliani e palestinesi.

Tanto Santos come Timochenko si sono riferiti a Gabriel Garcia Marquez, lo scrittore e Premio Nobel colombiano che è sepolto appunto a Cartagena: tutt’e due hanno usato l’immagine delle farfalle gialle che incarnavano l’amore di Mauricio Babilonia, uno dei personaggi di “Cent’anni di solitudine”, come metafora della speranza per il futuro del paese.

L’unico oratore nella cerimonia, oltre ai due firmatari dell’accordo, è stato il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, che ha dichiarato ufficialmente aperto il monitoraggio Onu dell’implementazione dell’intesa, commentando che considerava un onore essere presente “nel momento in cui un popolo ha deciso di cominciare a sanare le sue ferite”.

Forse il momento più emozionante della cerimonia è stato l’intervento di un coro di donne della comunità afro di Bojayà, nel nordest del paese, scenario di una strage di civili nel 2002, durante uno scontro fra le Farc e gruppi paramilitari, nella quale morirono un centinaio di persone, uccise da una bomba lanciata dai guerriglieri dentro a una chiesa.

Da allora, le donne di Bojayà, sempre vestite di nero, cantavano il lamento per i loro parenti uccisi. Oggi, per la prima volta vestite di bianco, hanno cantato a cappella per celebrare la pace.

Ultima ora

16:11M5s: blog Grillo, attacchi hacker e leak per manipolare voto

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - I recenti attacchi hacker e i leak al M5s e anche allo Stato italiano "portano a pensare che possano essere utilizzati per spostare decisamente l'esito delle prossime elezioni, come successo in USA e quasi in Francia". Lo sostiene sul blog di Beppe Grillo l'esperto di sicurezza informatica iscritto al Movimento Rufo Guerreschi, secondo il quale sono "le tempistiche e modalità di tali leak, hack e articoli" a far presagire questo rischio. "Se immaginiamo una semplice applicazione in Italia le dinamiche di hacking e leak delle recenti elezioni in USA e Francia, vediamo come Rousseau e il M5S può esser visto come l'equivalente dell'improvvido mail server della Clinton che costarono elezioni alla Clinton" afferma Guerreschi che individua anche in Italia una "strategia di forze politiche e mediatiche avverse al M5S" coadiuvata "ancorché indipendentemente e con fini diversi, da hacker di ogni tipo".

16:10Sicilia: Si-Mdp chiudono ad alleanza con Ap

(ANSA) - PALERMO, 17 AGO - "Abbiamo ribadito a Leoluca Orlando la nostra disponibilità a un progetto politico che abbia il centro nel civismo democratico con un programma di rottura netta con l'esperienza del governo Crocetta. La Sicilia non può e non deve diventare una cavia per alchimie politiche fondate su un patto di potere asservito a logiche nazionali. Siamo invece interessati alla costruzione di un''anomalia' politica che, partendo dall'esperienza palermitana, si assuma la responsabilità di offrire una visione e una prospettiva di governo che restituisca ai Siciliani una speranza di cambiamento". Lo affermano Mdp e Sinistra italiana dopo l'incontro con il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dicendo no a un'alleanza con Ap ma aprendo a un confronto sul rettore dell'università di Palermo, Fabrizio Micari, quale candidato a governatore. "In questo contesto, non riteniamo compatibile con questo progetto l'adesione di Alternativa popolare sia sul piano culturale, sia sul piano dei valori e dei programmi", spiegano.

16:09Zimbabwe: Sudafrica vieta espatrio a moglie Mugabe

(ANSA) - JOHANNESBURG, 17 AGO - Le autorità sudafricane hanno vietato alla moglie del presidente dello Zimbabwe, Grace Mugabe, di lasciare il Paese. La signora Mugabe è stata accusata di aggressione da una donna che soggiornava nel suo stesso hotel a Johannesburg. Grace Mugabe, già apparsa davanti al giudice dopo essersi consegnata alla polizia, aveva chiesto l'immunità diplomatica.

16:08Trump, assurda la rimozione di statue dei confederati

(ANSA) - NEW YORK, 17 AGO - "Assurdo": così Donald Trump in un nuovo tweet commenta la rimozione delle statue di alcuni dei personaggi della guerra civile americana. "Triste vedere la storia e la cultura del nostro Paese fatta a pezzi con la rimozione delle nostre bellissime statue e monumenti. Non potete cambiare la storia - aggiunge Trump - ma potete imparare da essa. Robert Lee, Stonewall Jackson, chi sarà il prossimo, Washington o Jefferson? Così assurdo...".

16:01Ucraina: distrutte tutte le statue di Lenin, erano 1320

(ANSA) - MOSCA, 17 AGO - L'Ucraina ha vinto la sua personale battaglia contro Lenin. Nell'anno che marca il centesimo anniversario della rivoluzione d'Ottobre, infatti, il direttore dell'Istituto per la Memoria Nazionale, Vladimir Vyatrovich, ha detto che nel territorio controllato da Kiev sono state distrutte "tutte le statue" erette in epoca comunista in onore del leader della rivoluzione. In totale i monumenti distrutti sono 1320. Lo riporta RBK.

15:56Calcio: Barcellona, Luis Suarez fuori 4-5 settimane

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Piove sul bagnato in casa Barcellona. Dopo l'addio doloroso di Neymar e la bruciante sconfitta in Supercoppa, condita dal doppio ko in due partite contro gli acerrimi nemici del Real Madrid, adesso ci si mette anche l'infermeria, con Luis Suarez che dovrà restare fermo per 4-5 settimane. Colpa di un infortunio al ginocchio destro (contusione con rottura parziale della capsula posteriore, recita il bollettino medico riportato dai media spagnoli) rimediato ieri sera nel corso del ritorno di Supercoppa spagnola contro il Real. Oltre alle partite di Liga e all'esordio Champions, l'attaccante uruguaiano salterà anche le partite di qualificazioni Mondiali con Argentina (31 agosto) e Paraguay (5 settembre).

15:43Pallavolo: azzurri, ultimi test in Olanda

(ANSA) - FIUMICINO, 17 AGO - Ultimi due test match domani e dopodomani in Olanda per la nazionale maschile di pallavolo prima degli Europei in programma in Polonia dal 24 agosto al 3 settembre. Dopo qualche giorno di riposo a cavallo di Ferragosto, la squadra di Gianlorenzo Blengini, radunatasi ieri sera presso il Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti di Roma, è diretta ad Amsterdam. Dopo le due amichevoli con l'Olanda, la nazionale sarà quindi di ritorno domenica a Roma per poi ripartire martedì 22 agosto per la Polonia. I convocati: Matteo Piano, Fabio Ricci, Simone Buti, Daniele Mazzone, Luca Vettori, Giulio Sabbi, Iacopo Botto, Luigi Randazzo, Oleg Antonov, Filippo Lanza, Simone Giannelli, Luca Spirito, Fabio Balaso, Massimo Colaci e Nicola Pesaresi.

Archivio Ultima ora