Colombia: si chiude il più lungo conflitto armato del continente americano

Pubblicato il 26 settembre 2016 da ansa

mandatarios-invitados-acuerdo

BOGOTA’. – L’accordo di pace fra il governo di Bogotà e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) che ha posto fine al più lungo conflitto armato del continente è stato firmato oggi a Cartagena de Indias, sulla costa caraibica del paese sudamericano. Juan Manuel Santos, presidente della Colombia, e Rodrigo Lodrono detto Timochenko, comandante delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) hanno sottoscritto il testo dell’intesa con un “baligrafo”, cioè una pallottola (bala) trasformata in penna stilografica.

Gesti simbolici di questo tipo hanno segnato la breve cerimonia, svoltasi nel cosiddetto Cortile delle bandiere del centro di conferenze di Cartagena. In una scenografia interamente bianca Santos, accompagnato da due bambini, ha aperto una “porta del futuro” per fare salire sul podio i negoziatori dell’accordo e i capi di Stato invitati per la storica occasione.

Da parte sua, Timochenko ha offerto una dichiarazione senza precedenti, chiedendo perdono a nome delle Farc “a tutte le vittime, per tutto il dolore che abbiamo causato con questa guerra”. Durante il suo discorso, il leader guerrigliero è stato interrotto dal passaggio di una pattuglia di esibizione dell’Aeronautica e, guardando in aria, ha commentato con un sorriso: “Questa volta vengono a celebrare la pace, non a buttarci addosso le bombe”.

Sottolineando che l’accordo di pace colombiano deve servire come esempio per la soluzione di tutti i conflitti del mondo, il capo delle Farc ha lanciato un appello a favore di una trattativa di pace per porre fine alla guerra in Siria, e al conflitto fra israeliani e palestinesi.

Tanto Santos come Timochenko si sono riferiti a Gabriel Garcia Marquez, lo scrittore e Premio Nobel colombiano che è sepolto appunto a Cartagena: tutt’e due hanno usato l’immagine delle farfalle gialle che incarnavano l’amore di Mauricio Babilonia, uno dei personaggi di “Cent’anni di solitudine”, come metafora della speranza per il futuro del paese.

L’unico oratore nella cerimonia, oltre ai due firmatari dell’accordo, è stato il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, che ha dichiarato ufficialmente aperto il monitoraggio Onu dell’implementazione dell’intesa, commentando che considerava un onore essere presente “nel momento in cui un popolo ha deciso di cominciare a sanare le sue ferite”.

Forse il momento più emozionante della cerimonia è stato l’intervento di un coro di donne della comunità afro di Bojayà, nel nordest del paese, scenario di una strage di civili nel 2002, durante uno scontro fra le Farc e gruppi paramilitari, nella quale morirono un centinaio di persone, uccise da una bomba lanciata dai guerriglieri dentro a una chiesa.

Da allora, le donne di Bojayà, sempre vestite di nero, cantavano il lamento per i loro parenti uccisi. Oggi, per la prima volta vestite di bianco, hanno cantato a cappella per celebrare la pace.

Ultima ora

18:29Calcio: Uefa, Ceferin in Figc

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - Il presidente dell'Uefa Aleksander Ceferin è nella sede della Federcalcio a Roma. Il massimo rappresentante del calcio europeo è stato ricevuto all'arrivo in via Allegri dal n.1 della Figc Carlo Tavecchio. Previsti incontri con i membri del Consiglio Federale e con il dg Michele Uva, candidato italiano all'Esecutivo Uefa. Al tavolo anche Franco Carraro e il dg della Roma, Umberto Gandini, in veste di vicepresidente dell'Eca. Assente invece il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, rimasto bloccato con la squadra in Portogallo dopo la trasferta di Champions League. Per Ceferin si tratta della seconda presenza in Italia dopo la presentazione del logo di Roma quale sede degli Europei 2020 lo scorso 22 settembre al Foro Italico.

18:26Juncker assicura, non mi dimetterò

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - "Non mi dimetterò, porterò a termine il mandato che scade a novembre 2019. Ma questo lo sapevate anche prima". Così il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, ha risposto - durante un punto stampa col premier irlandese Enda Kenny - a chi chiedeva chi di loro si sarebbe dimesso prima, visto che anche Kenny è sotto il tiro di una richiesta di dimissioni per il coinvolgimento del governo in una vicenda di pressioni su un poliziotto che rivelò scandali.

18:24Messico a Trump, risponderemo colpo su colpo

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 23 FEB - Il governo messicano è convinto che lo scontro con Donald Trump "sarà una battaglia lunga" e, malgrado si mantenga aperto al dialogo e alla conciliazione, è disposto a rispondere colpo su colpo al presidente Usa, se intende lanciare una guerra commerciale con il suo vicino meridionale". Il ministro degli Esteri Luis Videgaray ha sottolineato che "ci stiamo preparando per una battaglia lunga, perché questa crisi non si risolverà in tre giorni", facendo riferimento alla visita ufficiale del segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, e del consigliere per la Sicurezza nazionale, John Kelly, a Città del Messico. "Se si va verso una strategia di scontro, con posizioni apertamente divergenti, nessuno potrà dire che il Messico non ha offerto anzitutto la sua mano aperta", ha aggiunto Videgaray, secondo il quale "l'aver sopportato non solo modi poco diplomatici ma apertamente ostili ci conferisce una legittimità importante con alleati potenziali, compreso lo stesso Congresso americano".

18:22Terremoto: Regione Marche ha ordinato 639 casette

(ANSA) - ANCONA, 23 FEB - Sono 639 le soluzioni abitative provvisorie che la Regione Marche ha provveduto ad ordinare: 137 per il Comune di Arquata del Tronto, 72 per Fiastra, 222 per Visso, 100 per Ussita, 76 per Castelsantantangelo sul Nera. Ad Arquata del Tronto, nella frazione di Pescara del Tronto - informa un comunicato della Regione -, sono in corso i lavori di urbanizzazione e di fondazione ed entro la prossima settimana inizierà il montaggio delle casette. Per l'area Borgo è stata aggiudicata la gara relativa alle opere e per la metà della prossima settimana è fissato l'inizio dei lavori di urbanizzazione. Data nella quale la Regione Marche effettuerà le gare per affidare lavori per l'area della frazione di Faete. Mercoledì parte invece la gara per Piedilama e giovedì quella di Pretare. Lavori di urbanizzazione in vista per Visso, Fiastra, Ussita, Castelsantantangelo. Aree definite nei Comuni di San Severino Marche, Amandola, Treia, Bolognola, Camerino, Gualdo, Valfornace, Pievetorina, Muccia, Montegallo, Rotella e altri.

18:22Calcio: Eder, Inter-Roma sfida alla pari

(ANSA) - MILANO, 23 FEB - "La Roma è un avversario molto forte. E' una sfida da 50 e 50 anche se abbiamo il vantaggio di giocare in casa che dovremo sfruttare. In ogni caso, ci faremo trovare pronti": lo dice l'attaccante dell'Inter Eder, intervistato dal canale tematico del club. A San Siro domenica sera sono attesi oltre 60 mila spettatori, con il club che ha messo in vendita anche i tagliandi del terzo anello rosso per soddisfare la richiesta dei tifosi. "Sappiamo che è una gara importante - dice Eder - l'abbiamo fatta diventare tale grazie agli ultimi risultati. Stiamo facendo benissimo, siamo sulla strada giusta, ma davanti hanno un ritmo incredibile". Da temere della Roma, secondo l'attaccante, non sono i singoli ma il gioco di squadra: "Al di là di Dzeko, quello che conta è il gruppo; se la squadra va bene, va bene anche il singolo. Per questo i giallorossi sono forti. Conosco De Rossi perché ho giocato con lui in Nazionale, è un giocatore di personalità come Nainggolan e altri".

18:15Romania: 1.300 i funzionari corrotti

(ANSA) - BUCAREST, 23 FEB - Quasi 1.300 funzionari sono stati rinviati a giudizio lo scorso anno in Romania per reati di corruzione che hanno creato un danno di 260 milioni di euro. Lo ha reso noto oggi il procuratore capo anticorruzione, Laura Kovesi Codruta. In particolare, ha detto, tra i casi di alto livello presi di mira dall'agenzia anti-corruzione ci sono tre ministri, 17 parlamentari, 16 magistrati e 20 dirigenti di aziende statali. Il mese scorso il governo ha emanato un controverso decreto che avrebbe depenalizzato l'abuso d'ufficio e altri reati di corruzione, innescando proteste di massa andate avanti per settimane in tutto il Paese. Alla fine, il premier Sorin Grindeanu ha revocato la misura.

18:12Paziente morta, sospesa udienza per ex primario e caposala

(ANSA) - BOLOGNA, 23 FEB - Per valutare le posizioni dell'ex primario di Medicina Interna dell'ospedale di Lugo, Giuseppe Re, e dell'ex coordinatore infermieri Cinzia Castellani si dovrà attendere l'esito della perizia medico-legale sulle cause di morte della paziente 78enne Rosa Calderoni, disposta ieri dalla Corte di Appello di Bologna nel processo che vede imputata per omicidio l'ex infermiera 44enne Daniela Poggiali, condannata in primo grado all'ergastolo. Accogliendo le tesi delle difese di Re e Castellani, accusati a loro volta di omicidio 'per omissione', il giudice dell'udienza preliminare di Ravenna Antonella Guidomei ha disposto un rinvio al 21 settembre, quando verosimilmente la perizia sarà depositata. A Re, difeso dagli avvocati Guido Magnisi e Roberto D'Errico, e a Castellani, difesa dagli avvocati Paola Brighi e Manuela Liverani, la Procura ravennate contesta di non aver adottato tutti gli accorgimenti necessari per impedire l'omicidio, avvenuto per l'accusa con un'iniezione letale di potassio. (ANSA).

Archivio Ultima ora