Opec, il Venezuela spera in un accordo

Pubblicato il 28 settembre 2016 da redazione

Opec, il Venezuela spera in un accordo

Opec, il Venezuela spera in un accordo

CARACAS – Il Venezuela con gli occhi puntati sul Vertice dei paesi produttori di petrolio membri dell’Opec. Da questo, infatti, dovrebbe emergere un nuovo orientamento delle politiche energetiche dei soci dell’organismo. L’argomento principale del vertice, che sta tanto a cuore al Venezuela, è il taglio della produzione per far risalire i prezzi.

Sulla carta non dovrebbe essere difficile. Fatta eccezione per l’Arabia e l’Iran, i maggiori paesi producono ai massimi loro consentiti dalle riserve e dalle tecnologie. Probabilmente, in questa occasione si arriverà ad un accordo. E’ possibile che i membri dell’Opec decidano di riportare la produzione ai livelli dello scorso anno e magari congelarla a quella soglia.

L’Arabia Saudita, ma in realtà tutti i Paesi del Golfo, continuano a sostenere che sarebbe meglio lasciar fare al mercato. Mantenere i prezzi bassi come quelli attuali, nelle strategie dei paesi del Golfo, significa togliere dal mercato, o almeno mettere in difficoltà, gli operatori di “fracking” che hanno permesso ai paesi tradizionalmente importatori di ridurre la dipendenza energetica. L’obiettivo di metter fuori mercato i nuovi operatori è stato raggiunto, ma solo in parte: nonostante il fallimento di alcune società la produzione è rimasta su livelli elevati.

Vi è poi la questione Iran. L’embargo è stato rimosso, ma la Repubblica islamica continua ad avere difficoltà e non riesce a tornare ai livelli precedenti. Per questo, l’Iran spinge ma non più di tanto sulla produzione. Stando ad indiscrezioni, l’Arabia avrebbe proposto a Teheran un taglio della propria produzione in cambio di un congelamento del greggio iraniano.

Il ministro dell’Energia del Venezuela, Elogio del Pino, ha reso noto, attraverso il suo twitter, che i paesi membri dell’Opec cercano il consenso per stabilire strategie orientate ad ottenere un prezzo di mercato giusto. Ha quindi avvertito che i prezzi del barile di greggio, qualora non si dovesse arrivare ad un accordo, potrebbero contrarsi fino ad arrivare ai 20 dollari.

Ed allora, è la tesi del ministro e presidente della Holding venezuelana, la situazione di crisi non sarebbe solo per i produttori ma anche per i consumatori.

Ultima ora

07:01Terremoto, scossa di magnitudo 4 in provincia dell’Aquila

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Una scossa di terremoto di magnitudo 4 è stata registrata alle 4:13 nel nordovest della provincia dell'Aquila e chiaramente avvertito dalla popolazione anche nelle Marche. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 11 km di profondità ed epicentro 3 km da Montereale e 14 da Amatrice (Rieti). Alle 3:57 una scossa di magnitudo 2.5 era stata registrata invece a 3 km da Montecavallo, in provincia di Macerata. Non si hanno al momento segnalazioni di nuovi crolli.

01:46Genoa: esonerato Juric, arriva Mandorlini

(ANSA) - GENOVA, 19 FEB - Andrea Mandorlini è il nuovo allenatore del Genoa. A comunicarlo è la stessa società rossoblù che ha contemporaneamente annunciato l'esonero di Ivan Juric "a cui vanno i migliori auguri per il prosieguo dell'attività professionale" scrive il Genoa sul proprio sito. Mandorlini, che in settimana aveva rescisso il contratto che ancora lo legava al Verona, ha firmato con il Genoa sino al 30 giugno 2018.

01:12Ecuador: presidenziali, exit poll, in vantaggio Moreno

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - Il candidato del partito governativo Lenin Moreno sarebbe in chiaro vantaggio sul suo rivale Guillermo Nasso, ex banchiere e esponente conservatore, nelle elezioni presidenziali di oggi. Lo indicano gli exit poll, pur dando percentuali diverse e lasciando aperta la possibilità che si debba andare ad un ballottaggio il prossimo due aprile. Per passare al primo turno serve infatti una maggioranza di oltre il 40%. Moreno, il delfino di Correa, il capo di stato socialista che al termine di due mandati ha deciso di non ripresentarsi, avrebbe conquistato dal 36 al 42% dei voti, secondo i sondaggi, mentre il suo diretto avversario tra il 26 e il 27%. In corsa vi erano anche altri sei candidati. Rafael Correa lascia un'economia in difficoltà, ma in condizioni migliori di altri paesi 'bolivariani', e anche il difficile compito di ricostruire le zone colpite dal terremoto di aprile, con un conto stimato in 3,4 miliardi di dollari.

01:08Milan: Montella “Vittoria per Berlusconi, dedica per lui”

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "E' una vittoria che vogliamo dedicare al presidente Berlusconi. Io e la squadra ci tenevano a dedicare a lui e al dottor Galliani questa vittoria". Così il tecnico del Milan, Vincenzo Montella a Sky saluta l'imminente passaggio di proprietà del club rossonero. "Non sappiano se questa è stata o meno l'ultima partita del Milan dell'era Berlusconi a San Siro ma ci tenevano a dedicargliela, per aver reso grande e vincente il Milan nel mondo". Il calcio mondiale deve tanto a Berlusconi, alle sue idee e al suo management. Il Milan probabilmente è la squadra italiana più conosciuta nel mondo, è quella più vincente nel mondo, non posso sapere cosa succederà ma possiamo solo dire grazie a Berlusconi e alla sua storia.

00:53Calcio: Sousa “Abbiamo dominato, è mancato solo gol”

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Abbiamo appena giocato in Europa League, siamo venuti a Milano e abbiamo cercato di giocare e nel secondo tempo abbiamo rintanato il Milan nella sua metà campo. Loro alla fine si sono schierati con la difesa a 5, noi abbiamo cercato di farli abbassare ancora di più ma non abbiamo trovato la via della rete. Abbiamo cercato di pareggiare e di vincere, prendendo il secondo gol per colpa di un nostro errore in uscita". E' amareggiato per il risultato ma anche soddisfatto per la partita giocata il tecnico della Fiorentina, Paulo Sousa, che vede adesso la sua squadra lontana dalla zona Europa. "Dovevamo fare gol - spiega a Premium - siamo stati superiori ma non abbiamo segnato. Abbiamo giocato in trasferta, contro una squadra forte e che sta bene, dopo una trasferta complicata e difficile in Europa League. Per questo sono molto soddisfatto dei ragazzi che cercano di mettere in pratica quello che vogliamo. Non siamo contenti per il risultato ma questo è il calcio".

00:52Grecia, uomini mascherati lanciano molotov a sede Syriza

(ANSA) - ATENE, 19 FEB - La polizia greca ha reso noto che un agente è rimasto ferito dopo che oggi alcuni uomini mascherati hanno lanciato bottiglie incendiarie contro il quartier generale del partito governativo di sinistra Syriza. Una funzionario delle forze dell'ordine ha aggiunto che 35 sospetti sono in stato di fermo e vengono interrogati in queste ore. Il segretario del comitato centrale del partito, Panayiotis Rigas, ha condannato il "micidiale" l'attacco, aggiungendo che è stato compiuto da teppisti criminali che non erano motivati ideologicamente. Cinque bottiglie molotov sono state lanciate contro la sede ed una macchina ha preso fuoco.

00:51Usa: venduto all’asta per 243.000 dlr telefono di Hitler

(ANSA) - NEW YORK, 19 FEB - Il telefono di Adolf Hitler è stato venduto all'asta per 243.000 dollari. Il telefono, ritrovato nel bunker del Fuhrer a Berlino, è stato conservato finora in una scatola in una casa di campagna inglese ed è stato venduto dalla case di aste Alexander Historical Auctions, a Chesapeake City, in Maryland. Nel presentarlo ai potenziali acquirenti è stato descritto come "una delle armi più distruttive di tutti i tempi, avendo causato la morte di milioni di persone". Originariamente di colore nero, il telefono è stato ridipinto di rosso e vi sono stati incisi il nome di Hitler e la svastica.

Archivio Ultima ora