Opec, il Venezuela spera in un accordo

Pubblicato il 28 settembre 2016 da redazione

Opec, il Venezuela spera in un accordo

Opec, il Venezuela spera in un accordo

CARACAS – Il Venezuela con gli occhi puntati sul Vertice dei paesi produttori di petrolio membri dell’Opec. Da questo, infatti, dovrebbe emergere un nuovo orientamento delle politiche energetiche dei soci dell’organismo. L’argomento principale del vertice, che sta tanto a cuore al Venezuela, è il taglio della produzione per far risalire i prezzi.

Sulla carta non dovrebbe essere difficile. Fatta eccezione per l’Arabia e l’Iran, i maggiori paesi producono ai massimi loro consentiti dalle riserve e dalle tecnologie. Probabilmente, in questa occasione si arriverà ad un accordo. E’ possibile che i membri dell’Opec decidano di riportare la produzione ai livelli dello scorso anno e magari congelarla a quella soglia.

L’Arabia Saudita, ma in realtà tutti i Paesi del Golfo, continuano a sostenere che sarebbe meglio lasciar fare al mercato. Mantenere i prezzi bassi come quelli attuali, nelle strategie dei paesi del Golfo, significa togliere dal mercato, o almeno mettere in difficoltà, gli operatori di “fracking” che hanno permesso ai paesi tradizionalmente importatori di ridurre la dipendenza energetica. L’obiettivo di metter fuori mercato i nuovi operatori è stato raggiunto, ma solo in parte: nonostante il fallimento di alcune società la produzione è rimasta su livelli elevati.

Vi è poi la questione Iran. L’embargo è stato rimosso, ma la Repubblica islamica continua ad avere difficoltà e non riesce a tornare ai livelli precedenti. Per questo, l’Iran spinge ma non più di tanto sulla produzione. Stando ad indiscrezioni, l’Arabia avrebbe proposto a Teheran un taglio della propria produzione in cambio di un congelamento del greggio iraniano.

Il ministro dell’Energia del Venezuela, Elogio del Pino, ha reso noto, attraverso il suo twitter, che i paesi membri dell’Opec cercano il consenso per stabilire strategie orientate ad ottenere un prezzo di mercato giusto. Ha quindi avvertito che i prezzi del barile di greggio, qualora non si dovesse arrivare ad un accordo, potrebbero contrarsi fino ad arrivare ai 20 dollari.

Ed allora, è la tesi del ministro e presidente della Holding venezuelana, la situazione di crisi non sarebbe solo per i produttori ma anche per i consumatori.

Ultima ora

19:44Maltempo: nuova allerta, ancora neve su centrosud

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Ancora neve sulle regioni del centrosud. Il Dipartimento della Protezione Civile ha dunque emesso una allerta meteo che prevede, a partire dalle prime ore di domani, nevicate su Umbria orientale, Marche, Abruzzo e Molise, con quota neve al di sopra dei 100-300 metri, e su Sardegna, Lazio orientale, Basilicata e Puglia, con quota neve al di sopra dei 400-600 metri. Attesi anche dal pomeriggio di oggi venti di burrasca su Veneto e Toscana e, da domani, su Piemonte meridionale, Liguria, Sardegna, Marche, Lazio, Umbria, Abruzzo, Molise e Puglia. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento ha anche valutato per la giornata di domani una allerta arancione sull'Abruzzo.

19:40Strage profughi in Nigeria, bombardati da un jet militare

(ANSA) - MAIDUGURI, 17 GEN - Un jet militare nigeriano ha bombardato per errore un campo profughi provocando più di 100 morti. Lo riferiscono fonti ufficiali della Nigeria. Il caccia dell'aeronautica era in missione contro postazioni degli integralisti islamici Boko Haram nell'area nord-orientale Rann, vicino al confine con il Camerun. Il generale Lucky Irabor, responsabile dell'operazione anti Boko Haram, ha detto che è imprecisato il numero dei morti e dei feriti, tra i quali vi sono operatori umanitari e nigeriani che lavorano come medici per Medici senza Frontiere e per il Comitato internazionale della Croce Rossa. Anche due soldati sono stati feriti. Il generale ha detto di aver ordinato la missione basandosi su informazioni relative ad un raggruppamento di Boko Haram proprio in un'area con quelle coordinate. E ha detto che è presto per sapere se si è trattato di un errore tattico o geografico. In ogni caso, ha sottolineato, l'aereo non ha volutamente preso di mira i civili e sulla vicenda è stata aperta un'inchiesta.

19:40Sci nordico:Marcialonga, poca neve, percorso ridotto a 57 km

(ANSA) - TRENTO, 17 GEN - Le previsioni meteo dei prossimi giorni annunciano per le valli di Fiemme e Fassa giornate fredde e soleggiate senza grandi nevicate, per cui il direttivo della Marcialonga ha deciso che la 44/ edizione della gara, in programma domenica 29 gennaio, verrà disputata su un tracciato ridotto di 57 Km, con partenza nella piana di Campestrin, nel comune di Mazzin. E' successo così anche negli anni 1976 (50 km), 1993 (55 km), 2007 e 2015 (57 km). "I costi derivanti dall'innevamento artificiale dei primi 13 km - ha detto il presidente della Marcialonga Angelo Corradini - sarebbero stati superiori alle nostre possibilità economiche e si è dunque preferito lavorare maggiormente nel privilegiare la qualità della pista, in questi giorni davvero splendida, a scapito della lunghezza". Gli organizzatori hanno finora steso una lunga striscia di neve in un contesto più autunnale-primaverile che invernale, che oggi raggiunge quasi 50 km, ad esclusione degli attraversamenti dei paesi.

19:39Citroen torna al Rally con la C3 WRC

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il momento tanto atteso per i fan del WRC è arrivato: il Campionato del Mondo Rally 2017 si appresta a debuttare sulle strade mitiche di Montecarlo. In questa occasione la Citroën C3 WRC, progettata secondo i criteri del nuovo regolamento Fia, farà il suo esordio nelle competizioni. Alla gara è prevista la partecipazione di due auto, affidate a Kris Meeke/Paul Nagle e Stéphane Lefebvre/Gabin Moreau. Il 19 gennaio, quando la prima delle due C3 WRC prenderà il via dalla pedana del Rally di Monte Carlo, per Citroën sarà non solo l'inizio di una nuova sfida sportiva, ma anche il ritorno ad una specialità agonistica che costituisce una parte importante della sua storia. Le sue prime importanti vittorie sono degli anni Cinquanta e poi negli anni Ottanta, alla Visa 1000 Pistes e alla BX 4TC, perché il rally entri a far parte del patrimonio genetico del Marchio. Tappa fondamentale è il 1989 quando il reparto corse assume il nome di Citroën Sport e affronta la sua prima grande sfida: vincere la Parigi-Dakar.

19:38Sci: Cdm, anche Ligety si ritira, niente Mondiali

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 17 GEN - Anche lo statunitense Ted Ligety, campione del mondo in carica di slalom gigante, ha annunciato il ritiro anticipato dalle competizioni di questa stagione e pertanto, come il norvegese Aksel Svindal, non partecipera' ai prossimi Mondiali di St. Moritz. Ligety si era infortunato ad un ginocchio la scorsa stagione. In questa era tornato a gareggiare a Soelden ottenendo un quinto posto come miglior risultato. Poi aveva lamentato problemi alla schiena ed ora e' stato nuovamente operato. L'americano e' l'unico atleta ad avere vinto il titolo mondiale di gigante per tre volte consecutivamente nel 2011, 2013 e 2015.

19:26Francia: tenta di dare schiaffo a Valls, fermato

(ANSA) - PARIGI, 17 GEN - Un uomo ha cercato di dare uno schiaffo Manuel Valls a Lambelle, in Bretagna, nel nord-ovest della Francia. L'ex primo ministro, impegnato nella campagna per le primarie della sinistra insieme con il ministro della Difesa Jean-Yves Drian, era uscito dagli uffici del Comune e stava salutando alcuni simpatizzanti, quando un uomo di circa 20 anni, secondo la tv Bfm, ha tentato di schiaffeggiarlo. L'uomo è stato fermato dal servizio d'ordine e Valls, che al suo arrivo era stato contestato, ha continuato la sua visita senza difficoltà. Valls non è nuovo a questo tipo di attacchi: a dicembre a Strasburgo un uomo gli ha gettato un sacco di farina sulla testa.

19:23Bimbi per confezionare droga e spacciare,42 arresti a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 17 GEN - Due bambini di 8 e 10 anni usati per confezionare droga e per spacciare; tassisti che acquistavano cocaina, marijuana e hashish da rivendere ai clienti; stese e i boss che mangiavano, senza pagare, in un noto ristorante della città il cui titolare pagava il pizzo. É quanto emerso dalle indagini che hanno portato i carabinieri di Napoli ad arrestare 42 persone, tra cui 17 donne, ritenute affiliate al clan Elia, attivo nel cuore della città, tra il "Pallonetto di Santa Lucia", piazza del Plebiscito e via Partenope. Una microcamera ha anche filmato una "stesa", lo scorso 3 luglio, dove sei giovani in sella a tre scooter, nel dedalo di vicoli del Pallonetto, hanno sparato colpi di pistola in aria a scopo intimidatorio. Il procuratore di Napoli Giovanni Colangelo, in conferenza stampa, ha sottolineato che quei bimbi "vivono in un ambiente in cui il crimine è normalità". "É chiaro - ha aggiunto - che riterranno normale l'attività illecita. Un circolo vizioso da spezzare", ha concluso Colangelo.

Archivio Ultima ora