L’Opec trova l’accordo, la produzione scende a 32,5 milioni di barili

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

L'Opec trova l'accordo sul petrolio: la produzione scende a 32,5 milioni di barili

L’Opec trova l’accordo sul petrolio: la produzione scende a 32,5 milioni di barili

ROMA. – L’Opec trova un difficile accordo per il taglio delle quote di produzione e il prezzo del petrolio mette le ali, tornando sopra quota 47 dollari e segnando in pochi minuti un guadagno di oltre il 6%. Il vertice informale di Algeri, dove per tre giorni i principali Paesi produttori si sono confrontati alla ricerca di un’intesa che non scontentasse nessuno, in particolare i due ‘avversari’ Arabia Saudita e Iran, si sarebbe concluso con la decisione di far scendere il tetto della produzione dai 33,2 milioni di barili del mese scorso a 32,5 milioni di barili.

Manca ancora l’ufficialità e l’intesa potrebbe essere ratificata il 30 novembre a Vienna, ma i mercati sono apparsi convinti che ormai la quadra sia stata trovata. A pagare il conto più salato, secondo la proposta presentata dall’Algeria, dovrebbe essere il colosso saudita, principale fautore della politica di prezzi bassi di questi anni, che vedrà la produzione scendere di circa 400 mila barili, seguito da Emirati Arabi (circa 150mila barili in meno) e Iraq (circa 130mila in meno).

Libia e Nigeria conserverebbero le quote attuali, mentre l’Iran, il più resistente all’idea di congelare la produzione con l’obiettivo di tornare ai livelli pre-embargo, verrebbe in sostanza accontentato con un piccolo incremento, pari a circa 50mila barili al giorno.

Il taglio della produzione, il primo da otto anni a questa parte, ha immediatamente messo il turbo alle quotazioni, che nel giro di pochi minuti hanno superato quota 47 dollari, dai 44 circa su cui avevano viaggiato per tutta la giornata, chiudendo a 47,05.

Del resto non era certo scontato che i paesi membri del Cartello raggiungessero un accordo, vista la tenace opposizione di Teheran, che vuole trarre vantaggio dalla nuova condizione di libertà di azione determinata dalla fine delle sanzioni e dell’embargo.

La situazione economica internazionale, tuttavia, ha probabilmente avuto la meglio sulla geopolitica: le previsioni su prezzi in picchiata e domanda ancora in ribasso a fronte di un’offerta sovrabbondante (le ultime sono arrivate proprio ieri da Goldman Sachs) non sono rimaste inascoltate al tavolo del grandi produttori, dove sedeva anche la Russia pur non essendo membro effettivo del Cartello. E proprio Mosca, insieme ad Algeria e Qatar, avrebbe convinto Arabia e Iran della necessità di dare una sforbiciata alla produzione per il bene di tutti.

Ultima ora

13:18Australia: appello personalità contro la visita di Netanyahu

(ANSA) - SYDNEY, 20 FEB - Oltre 60 fra leader politici, imprenditoriali e religiosi, giuristi, accademici e artisti di spettacolo, sottoscritto una dichiarazione per esprimere la loro opposizione alla visita in Australia, in programma da mercoledì, del primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu. Le sue politiche, affermano, violano il diritto internazionale e "provocano e opprimono il popolo palestinese allontanando ancora di più il Medio Oriente dalla pace". "E' tempo che sia messa fine alle sofferenze del popolo palestinese e che l'Australia assuma una posizione più equilibrata nel sostenere l'applicazione del diritto internazionale e non sostenga ciecamente Netanyahu e le sue politiche", scrivono. Sono in programma manifestazioni di protesta a Sydney, Melbourne e Canberra. Netanyahu incontrerà il primo ministro conservatore Malcolm Turnbull, il leader dell'opposizione laburista Bill Shorten e altri leader durante la visita di quattro giorni, la prima di un capo di governo israeliano in carica.

13:13Roma: nel pomeriggio possibile incontro Raggi-Grillo

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - A quanto si apprende l'incontro tra Beppe Grillo, da oggi a Roma, e Virginia Raggi potrebbe tenersi nel tardo pomeriggio in Campidoglio oppure domani mattina. Al centro dell'incontro potrebbe esserci anche la posizione del M5S sullo Stadio della Roma a Tor di Valle.

13:12Pd: nasce area Orlando-Cuperlo-Damiano

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Una riunione, ieri sera, tra Andrea Orlando, Gianni Cuperlo e Cesare Damiano ha sancito, a quanto si apprende, la nascita di una nuova area dentro il Pd alla luce della quasi certa scissione con la minoranza. I tre esponenti ex ds, che ieri in assemblea hanno caratterizzato i loro interventi all'insegna dell'unità del partito e dell'equidistanza, si sono trovati d'accordo, nella riunione, sulla necessità di un'area larga che avanzi una proposta politica nuova per rifondare il Pd.

13:11Pd: Orlando, io sarei già candidato se impedisse scissione

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - "Non mi pare serva mettere altri candidati alla segreteria in lizza. Se la mia candidatura impedisse la scissione, sarei già candidato. Non ho capito quale sia il problema in questo passaggio...". Così il Ministro della Giustizia Andrea Orlando (Pd) intervenendo ad Agorà, su RaiTre, parlando del partito democratico. "Qualunque problema abbia il partito, l'idea che lo si possa risolvere con la scissione è sbagliata: apre un fronte che consente alla destra di rafforzarsi", ha aggiunto. "La responsabilità è di tutti: non si à sedimentata una politica comune".

13:11Ue: Gentiloni vede Padoan in vista Eurogruppo

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha incontrato questa mattina a palazzo Chigi il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Il colloquio, a quanto si apprende, è servito a fare un punto prima della partenza del ministro per Bruxelles, dove parteciperà all'Eurogruppo.

13:10Pd: Rossi, nuovi gruppi parlamentari sosterranno governo

(ANSA) - FIRENZE, 20 FEB - Nuovi gruppi parlamentari dopo la scissione nel Pd? "Non so: è una domanda che va posta a chi siede in Parlamento, ma penso che sia normale che appoggino il governo", dice Enrico Rossi a Rainews24. "Non sono d'accordo con Fratoianni - ha poi aggiunto rispondendo ad una domanda - che ci ha chiesto di non sostenere Gentiloni". Quanto alla sua appartenenza al Pd, Rossi ha detto: "Proprio poco fa stavo pensando di rispedire la mia tessera alla mia sezione, con una lettera, e andarne a trovare anche il segretario".

12:57Pence a Bruxelles, Mogherini, buona base

(ANSA) - BRUXELLES, 20 FEB - "Eccellente incontro, buona base per la nostra cooperazione". Lo ha twittato l'alto rappresentante per la politica estera europea, Federica Mogherini, dopo l'incontro nella residenza dell'ambasciatore americano presso la Ue a Bruxelles, con cui il vicepresidente americano, Mike Pence, ha cominciato la visita ufficiale alle istituzioni Ue. Dopo un colloquio di circa 45 minuti, il vice di Donald Trump si è recato nell'Europa Building, nuova sede del Consiglio Europeo, per l'incontro con il presidente Donald Tusk, in cui il principale argomento atteso - secondo quanto riferito da fonti europee - è la "rassicurazione sull'unità transatlantica". Successivamente Pence incontrerà il presidente Jean-Claude Juncker nella sede della Commissione europea. Pomeriggio dedicato invece alla Nato con una visita al quartier generale per l'incontro con il segretario generale Jens Stoltenberg. IeriPence ha avuto una cena con il primo ministro belga, Charles Michel.

Archivio Ultima ora