L’Opec trova l’accordo, la produzione scende a 32,5 milioni di barili

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

L'Opec trova l'accordo sul petrolio: la produzione scende a 32,5 milioni di barili

L’Opec trova l’accordo sul petrolio: la produzione scende a 32,5 milioni di barili

ROMA. – L’Opec trova un difficile accordo per il taglio delle quote di produzione e il prezzo del petrolio mette le ali, tornando sopra quota 47 dollari e segnando in pochi minuti un guadagno di oltre il 6%. Il vertice informale di Algeri, dove per tre giorni i principali Paesi produttori si sono confrontati alla ricerca di un’intesa che non scontentasse nessuno, in particolare i due ‘avversari’ Arabia Saudita e Iran, si sarebbe concluso con la decisione di far scendere il tetto della produzione dai 33,2 milioni di barili del mese scorso a 32,5 milioni di barili.

Manca ancora l’ufficialità e l’intesa potrebbe essere ratificata il 30 novembre a Vienna, ma i mercati sono apparsi convinti che ormai la quadra sia stata trovata. A pagare il conto più salato, secondo la proposta presentata dall’Algeria, dovrebbe essere il colosso saudita, principale fautore della politica di prezzi bassi di questi anni, che vedrà la produzione scendere di circa 400 mila barili, seguito da Emirati Arabi (circa 150mila barili in meno) e Iraq (circa 130mila in meno).

Libia e Nigeria conserverebbero le quote attuali, mentre l’Iran, il più resistente all’idea di congelare la produzione con l’obiettivo di tornare ai livelli pre-embargo, verrebbe in sostanza accontentato con un piccolo incremento, pari a circa 50mila barili al giorno.

Il taglio della produzione, il primo da otto anni a questa parte, ha immediatamente messo il turbo alle quotazioni, che nel giro di pochi minuti hanno superato quota 47 dollari, dai 44 circa su cui avevano viaggiato per tutta la giornata, chiudendo a 47,05.

Del resto non era certo scontato che i paesi membri del Cartello raggiungessero un accordo, vista la tenace opposizione di Teheran, che vuole trarre vantaggio dalla nuova condizione di libertà di azione determinata dalla fine delle sanzioni e dell’embargo.

La situazione economica internazionale, tuttavia, ha probabilmente avuto la meglio sulla geopolitica: le previsioni su prezzi in picchiata e domanda ancora in ribasso a fronte di un’offerta sovrabbondante (le ultime sono arrivate proprio ieri da Goldman Sachs) non sono rimaste inascoltate al tavolo del grandi produttori, dove sedeva anche la Russia pur non essendo membro effettivo del Cartello. E proprio Mosca, insieme ad Algeria e Qatar, avrebbe convinto Arabia e Iran della necessità di dare una sforbiciata alla produzione per il bene di tutti.

Ultima ora

06:12Referendum: definitivi, No al 60%, Sì al 40%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Il risultato definitivo del referendum sulla riforma costituzionale nelle 61.551 sezioni in cui si è votato in Italia è stato del 60% per il No e del 40% per il Sì. Alle urne sono andati 31.997.916 elettori pari al 68,48% degli aventi diritto. Sono i dati ufficiali forniti dal Viminale. (ANSA).

05:51Referendum: Sicilia, i sì al 28,4%. I no al 71,6%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati del referendum in Sicilia vedono i No al 71,6%, contro il 28,4% dei Sì. Alle urne sono andati 2.284.254 cittadini, pari al 56,65%. (ANSA).

05:38Referendum: Lazio, i sì al 36,7%. I no al 63,3%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati definitivi del referendum sulla riforma costituzionale nel Lazio hanno registrato una prevalenza di No, pari al 63,3%. I Sì sono fermi al 36,7%. I votanti sono stati 3.044.673, pari al 69,16% degli aventi diritto. (ANSA).

05:31Referendum: in Toscana avanti i Sì con il 52,5%, No 47,5%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati definitivi del referendum in Toscana registrano una prevalenza di Sì al 52,5%, contro il 47,5 dei No. Alle urne sono andati 2.125.053 cittadini, pari al 74,45% degli aventi diritto al voto. (ANSA).

05:25Referendum: Calabria, i sì al 33%. I no al 67%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati definitivi del referendum sulla riforma costituzionale in Calabria hanno registrato una prevalenza di No, pari al 67%. I Sì sono fermi al 33%. I votanti sono stati 845.775, pari al 54,43% degli aventi diritto.

05:22Referendum: Lombardia, i sì al 44,5%. I no al 55,5%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati definitivi del referendum sulla riforma costituzionale in Lombardia hanno registrato una prevalenza di No, pari al 55,5%. I Sì sono rimasti fermi al 44,5%.I votanti sono stati 5.552.510, pari al 74,22% degli aventi diritto.

05:19Referendum: in Piemonte i sì al 43,5%. I no al 56,5%

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - I risultati definitivi del referendum sulla riforma costituzionale in Piemonte hanno registrato una prevalenza di No, pari al 56,5%. I Sì sono fermi al 43,5%. I votanti sono stati 2.446.664, pari al 72,03% degli aventi diritto. (ANSA).

Archivio Ultima ora