Un altro nero ucciso in California, era disarmato

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Polly Usher is provided with the latest police killing story as protestors holds a  sign that reads 'Stop Police Killings' during a demonstration in Los Angeles, California, USA, 07 July 2016. EPA/MIKE NELSON

Polly Usher is provided with the latest police killing story as protestors holds a sign that reads ‘Stop Police Killings’ during a demonstration in Los Angeles, California, USA, 07 July 2016. EPA/MIKE NELSON

NEW YORK. – Ancora un nero ucciso dalla polizia negli Stati Uniti. Il quinto caso in pochi giorni dopo gli episodi di Tulsa, Charlotte e due a Baltimora. Teatro dell’ennesima uccisione i sobborghi di San Diego, in California, dove un trentenne afroamericano disarmato, molto probabilmente psicolabile, e’ stato abbattuto dagli agenti nel parcheggio nei pressi di un mall. Pare avesse puntato contro di loro un oggetto rivelatosi poi del tutto innocuo. Straziante il video girato con lo smartphone dalla sorella della vittima nei concitati momenti che hanno seguito gli spari.

Quanto basta per portare la tensione alle stelle in una comunità che conta circa 103 mila residenti di cui la stragrande maggioranza bianchi. Almeno duecento persone sono scese in strada per protestare contro i metodi violenti della polizia, accusata apertamente di razzismo. E si temono scontri come quelli della scorsa settimana a Charlotte.

Ma la rabbia monta in tutti gli Stati Uniti, con diverse manifestazioni in molte città e con un numero sempre maggiore di big dello sport e dello spettacolo che vengono allo scoperto per denunciare un’escalation di episodi ritenuta intollerabile. L’ultima a far sentire la sua voce è stata Serena Williams: “Non rimarrò in silenzio davanti all’uccisione di tanti afroamericani”, scrive la star del tennis su Facebook, denunciando come i neri siano sempre più nel mirino degli agenti e ammettendo di temere spesso per la vita dei suoi familiari.

La ricostruzione di quanto accaduto a El Cajon evidenzia ancora una volta l’assurdità dell’episodio. “Vi ho chiamato per chiedere di aiutarmi e avete ucciso mio fratello”, urla disperata la sorella della vittima nel video diffuso su tutti i media. In effetti i poliziotti erano intervenuti dopo una chiamata di routine in cui si segnalava una persona in preda a una crisi nervosa aggirarsi per strada, anche in mezzo al traffico. Probabilmente la disperata richiesta di intervento della sorella era per evitare che l’uomo si facesse del male.

Una volta giunti sul posto gli agenti – come racconta il capo della polizia – avrebbero chiesto più volte ad Alfred Olango (questo il nome della vittima) di calmarsi. Ma all’improvviso questi avrebbe estratto qualcosa dalla tasca dei pantaloni puntandola contro uno degli agenti. Non è ancora chiaro di che oggetto si trattasse, ma non di un’arma, come hanno ammesso gli stessi investigatori. A quel punto, mentre un poliziotto stava per intervenire con un taser, l’agente preso di mira da Olango ha esploso diversi colpi.

Secondo le statistiche – scrive il Washington Post – il 25% delle persone uccise dalla polizia americana riguarda persone con disturbi mentali. E la vittima di San Diego è la numero 716 ammazzata dagli agenti quest’anno. Lo scorso anno furono mille.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

10:44Pd: Emiliano su Fb, evitare mercimonio intorno a primarie

(ANSA) - BARI, 30 APR - "Invito tutti i presidenti di seggio e i membri dei seggi elettorali a sorvegliare attentamente per evitare ogni forma di mercimonio intorno alle elezioni primarie. Come sempre succede mi arrivano segnalazioni in tal senso e vi ricordo che potete filmare con il telefonino qualunque scena sospetta sulla quale effettuare nuovi accertamenti". E' quanto scrive su Facebook il governatore pugliese e candidato alla segreteria Pd, Michele Emiliano. "In questi casi - avverte - potete anche richiedere l'intervento delle forze dell'ordine se ritenete che siano state commesse irregolarità. Tutti i votanti devono pretendere, come da regolamento, il rilascio della ricevuta attestante l'effettuazione del voto e la consegna dei 2 euro al fine di evitare brogli sull'affluenza al voto ed eventuale appropriazione del denaro versato". Altrimenti, si può "chiedere l'intervento delle forze dell'ordine".

10:17Morto a Napoli Rino Zurzolo, il contrabbasso di Pino Daniele

(ANSA) - NAPOLI, 30 APR - E' morto a Napoli, stroncato da un tumore, Rino Zurzolo, storico contrabbassista della band di Pino Daniele. Avrebbe compiuto a giugno 59 anni. Protagonista della scena musicale partenopea sin dagli anni '70, Zurzolo fece parte del gruppo che nel 1977 incise 'Terra mia', fortunatissimo album d'esordio di Pino Daniele, con il quale collaborò anche negli album successivi e in storiche tournèe. Suonò davanti a 200mila persone in piazza del Plebiscito il 19 settembre del 1981, accompagnando il 'nero a metà' assieme a James Senese, Tullio De Piscopo, Tony Esposito e Joe Amoruso. In seguito lavorò da solista e accanto a grandi nomi della scena musicale italiana e internazionale, specie nel campo del jazz. Si riunì a Pino Daniele e agli altri membri della storica band per la tournée e il disco live del 2008. Lo ricorda il sindaco de Magistris: "Ha portato la musica partenopea ai più alti livelli mondiali. Un uomo semplice e sensibile, ricco di umanità".

10:06Pd: Renzi ringrazia volontari, viva la democrazia

(ANSA) - PONTASSIEVE (FIRENZE), 30 APR - L'ex premier Matteo Renzi apre la giornata delle primarie del Pd ringraziando i volontari "che aprono i seggi delle primarie Pd: comunità generosa e appassionata. Viva la democrazia" scrive Renzi su twitter.

09:36May respinge le linee guida dell’Ue sulla Brexit

(ANSA) - ROMA, 30 APR - La premier Britannica Theresa May respinge alcune delle principali richieste Ue sulla Brexit, definendole soltanto posizioni negoziali dei 27, poche ore dopo l'approvazione all'unanimità delle linee guida per la trattativa dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione. Al Telegraph May ha ribadito le sue priorità: libero mercato senza dazi, fine della giurisdizione delle Corti europee, fine della libera circolazione dei migranti, come illustrato in un suo discorso alla Lancaster House a gennaio.

08:57Siria: attivisti, uccisi 8 volontari in raid a Hama

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Almeno otto volontari dei cosiddetti 'Caschi Bianchi' sarebbero stati uccisi nel corso di un bombardamento aereo ieri in Siria nella provincia di Hama, controllata dai ribelli. Lo ha denunciato la stessa organizzazione di soccorritori (che si chiama Syria Civil Defence) che opera nelle zone dei ribelli, come riferisce al Jazeera. Secondo gli attivisti dell'Osservatorio siriano per i diritti umani il numero delle vittime è destinato a salire. Non è chiaro chi ha condotto i raid, ma nelle ultime settimane Hama è stata oggetto di una massiccia campagna militare del regime per respingere i ribelli, con il supporto dell'aviazione russa. Sul fronte opposto, sempre al Jazeera riferisce che il presidente Bashar al Assad ha accusato i gruppi di opposizione di "distruggere" le infrastrutture del Paese, in un'intervista ad un network basato in Venezuela, Telesur.

08:02Trump invita Duterte alla Casa Bianca,plauso per lotta droga

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Donald Trump ha invitato alla Casa Bianca il controverso presidente filippino Rodrigo Duterte - aspramente criticato da Barack Obama - apprezzando la sua lotta contro la droga. Lo rende noto il New York Times. Il presidente americano ha avuto una conversazione telefonica ieri sera con il collega, ha riferito una nota della Casa Bianca, in cui si specifica che i due leader hanno "discusso sul fatto che le Filippine stanno combattendo duramente per liberare il Paese dalle droghe". Un portavoce di Duterte ha confermato l'invito a Washington confermando "l'apprezzamento di Trump per il lavoro del presidente filippino, soprattutto sul fronte" della lotta alla droga. Duterte è accusato di aver ordinato migliaia di esecuzioni extragiudiziali nella sua guerra senza quartiere ai cartelli della droga, tanto che opposizione e attivisti hanno minacciato il ricorso all'impeachment e di denunciarlo alla Corte penale internazionale.

05:55Trump-media, muro contro muro per i 100 giorni

(ANSA) - NEW YORK, 30 APR - I primi 100 giorni di Donald Trump alla Casa Bianca si sono conclusi come erano iniziati: con un durissimo scontro tra il presidente e i giornalisti. Il tycoon - che con uno strappo clamoroso ha disertato la tradizionale cena dei corrispondenti della Casa Bianca - è tornato ad accusare i media definendoli 'fabbrica di fake news'. Irrefrenabile l'entusiasmo della folla di sostenitori riunitasi ad Harrisburg, in Pennsylvania. Secca la risposta del presidente dell'associazione dei corrispondenti della Casa Bianca, Jeff Mason, che aprendo la serata annuale dell'associazione ha respinto le accuse al mittente: "Siamo qui come sempre per celebrare la libertà di stampa e il buon giornalismo, non per celebrare la presidenza". "Come si può vedere - la sua frecciata ironica - la serata è lo stesso sold out". Poi serio: "Non siamo fake news, e non siamo il nemico del popolo americano. Un attacco a noi è un attacco a tutti gli americani".

Archivio Ultima ora