Un altro nero ucciso in California, era disarmato

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Polly Usher is provided with the latest police killing story as protestors holds a  sign that reads 'Stop Police Killings' during a demonstration in Los Angeles, California, USA, 07 July 2016. EPA/MIKE NELSON

Polly Usher is provided with the latest police killing story as protestors holds a sign that reads ‘Stop Police Killings’ during a demonstration in Los Angeles, California, USA, 07 July 2016. EPA/MIKE NELSON

NEW YORK. – Ancora un nero ucciso dalla polizia negli Stati Uniti. Il quinto caso in pochi giorni dopo gli episodi di Tulsa, Charlotte e due a Baltimora. Teatro dell’ennesima uccisione i sobborghi di San Diego, in California, dove un trentenne afroamericano disarmato, molto probabilmente psicolabile, e’ stato abbattuto dagli agenti nel parcheggio nei pressi di un mall. Pare avesse puntato contro di loro un oggetto rivelatosi poi del tutto innocuo. Straziante il video girato con lo smartphone dalla sorella della vittima nei concitati momenti che hanno seguito gli spari.

Quanto basta per portare la tensione alle stelle in una comunità che conta circa 103 mila residenti di cui la stragrande maggioranza bianchi. Almeno duecento persone sono scese in strada per protestare contro i metodi violenti della polizia, accusata apertamente di razzismo. E si temono scontri come quelli della scorsa settimana a Charlotte.

Ma la rabbia monta in tutti gli Stati Uniti, con diverse manifestazioni in molte città e con un numero sempre maggiore di big dello sport e dello spettacolo che vengono allo scoperto per denunciare un’escalation di episodi ritenuta intollerabile. L’ultima a far sentire la sua voce è stata Serena Williams: “Non rimarrò in silenzio davanti all’uccisione di tanti afroamericani”, scrive la star del tennis su Facebook, denunciando come i neri siano sempre più nel mirino degli agenti e ammettendo di temere spesso per la vita dei suoi familiari.

La ricostruzione di quanto accaduto a El Cajon evidenzia ancora una volta l’assurdità dell’episodio. “Vi ho chiamato per chiedere di aiutarmi e avete ucciso mio fratello”, urla disperata la sorella della vittima nel video diffuso su tutti i media. In effetti i poliziotti erano intervenuti dopo una chiamata di routine in cui si segnalava una persona in preda a una crisi nervosa aggirarsi per strada, anche in mezzo al traffico. Probabilmente la disperata richiesta di intervento della sorella era per evitare che l’uomo si facesse del male.

Una volta giunti sul posto gli agenti – come racconta il capo della polizia – avrebbero chiesto più volte ad Alfred Olango (questo il nome della vittima) di calmarsi. Ma all’improvviso questi avrebbe estratto qualcosa dalla tasca dei pantaloni puntandola contro uno degli agenti. Non è ancora chiaro di che oggetto si trattasse, ma non di un’arma, come hanno ammesso gli stessi investigatori. A quel punto, mentre un poliziotto stava per intervenire con un taser, l’agente preso di mira da Olango ha esploso diversi colpi.

Secondo le statistiche – scrive il Washington Post – il 25% delle persone uccise dalla polizia americana riguarda persone con disturbi mentali. E la vittima di San Diego è la numero 716 ammazzata dagli agenti quest’anno. Lo scorso anno furono mille.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

15:37Calcio: Atletico e Deportivo studiano prestito ponte D.Costa

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Atletico Madrid e Deportivo la Coruna stanno studiando un'ipotesi di prestito ponte di Diego Costa che rimarrebbe in Galizia fino a gennaio per poi essere tesserato dal club colchoneros, che ha il mercato bloccato dal Tas fino all'inizio del 2018. Lo scrive oggi 'La Voz de Galicia' secondo cui una soluzione del genere permetterebbe al giocatore ispano-brasiliano, in uscita dal Chelsea, di giocare con continuità nell'anno del mondiale, senza dover perdere mesi importanti.

15:36Demolita casa palestinese-killer

(ANSAmed) - TEL AVIV, 16 AGO - L'esercito israeliano ha demolito in Cisgiordania la casa del palestinese che il mese scorso ha accoltellato a morte tre israeliani nella loro casa nell'insediamento ebraico di Halamish. Omar al-Abed, (19 anni), dopo il delitto, fu colpito, neutralizzato da un soldato e arrestato. La polizia israeliana ha fatto sapere che metterà sotto accusa i cinque componenti della famiglia di Al-Abed, ora in carcere, per non aver impedito al congiunto di compiere l'attacco.

15:22Calcio: Boateng rescinde contratto col Las Palmas

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Kevin Prince Boateng e il Las Palmas si separano. Lo ha reso noto il club spagnolo sul sito, spiegando di "aver raggiunto un accordo per la rescissione del contratto che legava il giocatore al club per le prossime tre stagioni. Motivi personali di carattere irreversibile sono alla base di questa partenza", aggiunge la nota.

15:21Gb: nuova portaerei Queen Elizabeth arriva a base Portsmouth

(ANSA) - LONDRA, 16 AGO - E' entrata per la prima volta nella base navale della Royal Navy a Portsmouth la nuova ammiraglia della flotta di sua maestà, la portaerei 'Hms Queen Elizabeth'. In una cerimonia, la premier Theresa May dal ponte della nave ha parlato di "orgoglio della marina britannica" di fronte alle grandi sfide per la sicurezza internazionale. Il varo della Queen Elizabeth era avvenuto lo scorso giugno nel fiordo scozzese di Rosyth, a cui erano seguiti i primi test in mare aperto. Costata 6 miliardi di sterline, la nuova ammiraglia della Royal Navy, la cui flotta è parsa negli ultimi anni segnare il passo, è la più grande unità mai realizzata per la marina militare. Il suo ponte di decollo è grande come tre campi di calcio e a regime la nave - 65.000 tonnellate di stazza - potrà ospitare un equipaggio di 1000 persone e 40 velivoli. Si tratta inoltre della prima portaerei prodotta dal Regno Unito per la Royal Navy dal 2010. La nave sarà pienamente operativa nel 2023.

15:19Calcio: Inter, Kondogbia e Murillo verso Valencia

(ANSA) - MILANO, 16 AGO - Prende sempre più corpo il possibile scambio tra Inter e Valencia di Geoffrey Kondogbia e Joao Cancelo. Il centrocampista francese, che venerdì ha disertato senza permesso l'allenamento, continua a lavorare a parte aspettando che i due club trovino un accordo. Il Valencia aspetta anche il sì definitivo per Jeison Murillo ma Spalletti vuole prima trovare il sostituto visto che, a suo dire, ''la coperta in difesa è cortissima''. Possibile dunque l'arrivo di Eliaquim Mangala, in prestito dal Manchester City.

15:19Sierra Leone: Alfano,aiuti da Italia per emergenza alluvioni

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Per contribuire ad alleviare almeno in parte il terribile disagio e il dolore del popolo nepalese e del popolo della Sierra Leone, a causa degli alluvioni dei giorni scorsi, l'Italia ha voluto mandare subito un segnale di solidarietà". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano, annunciando che "la Cooperazione Italiana ha disposto un finanziamento di emergenza rispettivamente di 200.000 euro e di 250.000 euro a favore della Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezza Luna Rossa (FICROSS) destinati ad attività di prima assistenza per le popolazioni colpite". "L'Italia è vicina a tutte le famiglie delle vittime colpite negli scorsi giorni e ai feriti", ha concluso Alfano.

15:17Brexit: May conferma, non tornerà frontiera con Irlanda

(ANSA) - LONDRA, 16 AGO - Theresa May rassicura Dublino sul fatto che non ci sarà un ritorno al temuto "hard border", la frontiera del Regno Unito con l'Irlanda, dopo la Brexit. La linea della premier britannica è espressa nero su bianco sul documento che esprime in dettaglio la posizione di Londra nei negoziati con Bruxelles per l'uscita dall'Unione. Si spiega con precisione che il governo britannico non vuole vedere alcuna struttura al confine tra i due Stati per evitare un ritorno alle tensioni del passato e in particolare agli anni del conflitto nord-irlandese, minando così gli accordi di pace.

Archivio Ultima ora