Un altro nero ucciso in California, era disarmato

Pubblicato il 28 settembre 2016 da ansa

Polly Usher is provided with the latest police killing story as protestors holds a  sign that reads 'Stop Police Killings' during a demonstration in Los Angeles, California, USA, 07 July 2016. EPA/MIKE NELSON

Polly Usher is provided with the latest police killing story as protestors holds a sign that reads ‘Stop Police Killings’ during a demonstration in Los Angeles, California, USA, 07 July 2016. EPA/MIKE NELSON

NEW YORK. – Ancora un nero ucciso dalla polizia negli Stati Uniti. Il quinto caso in pochi giorni dopo gli episodi di Tulsa, Charlotte e due a Baltimora. Teatro dell’ennesima uccisione i sobborghi di San Diego, in California, dove un trentenne afroamericano disarmato, molto probabilmente psicolabile, e’ stato abbattuto dagli agenti nel parcheggio nei pressi di un mall. Pare avesse puntato contro di loro un oggetto rivelatosi poi del tutto innocuo. Straziante il video girato con lo smartphone dalla sorella della vittima nei concitati momenti che hanno seguito gli spari.

Quanto basta per portare la tensione alle stelle in una comunità che conta circa 103 mila residenti di cui la stragrande maggioranza bianchi. Almeno duecento persone sono scese in strada per protestare contro i metodi violenti della polizia, accusata apertamente di razzismo. E si temono scontri come quelli della scorsa settimana a Charlotte.

Ma la rabbia monta in tutti gli Stati Uniti, con diverse manifestazioni in molte città e con un numero sempre maggiore di big dello sport e dello spettacolo che vengono allo scoperto per denunciare un’escalation di episodi ritenuta intollerabile. L’ultima a far sentire la sua voce è stata Serena Williams: “Non rimarrò in silenzio davanti all’uccisione di tanti afroamericani”, scrive la star del tennis su Facebook, denunciando come i neri siano sempre più nel mirino degli agenti e ammettendo di temere spesso per la vita dei suoi familiari.

La ricostruzione di quanto accaduto a El Cajon evidenzia ancora una volta l’assurdità dell’episodio. “Vi ho chiamato per chiedere di aiutarmi e avete ucciso mio fratello”, urla disperata la sorella della vittima nel video diffuso su tutti i media. In effetti i poliziotti erano intervenuti dopo una chiamata di routine in cui si segnalava una persona in preda a una crisi nervosa aggirarsi per strada, anche in mezzo al traffico. Probabilmente la disperata richiesta di intervento della sorella era per evitare che l’uomo si facesse del male.

Una volta giunti sul posto gli agenti – come racconta il capo della polizia – avrebbero chiesto più volte ad Alfred Olango (questo il nome della vittima) di calmarsi. Ma all’improvviso questi avrebbe estratto qualcosa dalla tasca dei pantaloni puntandola contro uno degli agenti. Non è ancora chiaro di che oggetto si trattasse, ma non di un’arma, come hanno ammesso gli stessi investigatori. A quel punto, mentre un poliziotto stava per intervenire con un taser, l’agente preso di mira da Olango ha esploso diversi colpi.

Secondo le statistiche – scrive il Washington Post – il 25% delle persone uccise dalla polizia americana riguarda persone con disturbi mentali. E la vittima di San Diego è la numero 716 ammazzata dagli agenti quest’anno. Lo scorso anno furono mille.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

Archivio Ultima ora