Scontro all’Inps, Consiglio Indirizzo e Vigilanza attacca il piano Boeri di riforma

Pubblicato il 29 settembre 2016 da ansa

Scontro all'Inps, Consiglio Indirizzo e Vigilanza attacca il piano Boeri di riforma

Scontro all’Inps, Consiglio Indirizzo e Vigilanza attacca il piano Boeri di riforma

ROMA. – Alta tensione all’Inps dove lo scontro tra il presidente Tito Boeri e il Civ, il Consiglio di indirizzo e vigilanza, ha toccato un punto di non ritorno. Pietro Iocca, che guida il Consiglio, chiarisce che in settimana è stato presentato il ricorso al Tar contro la riforma dell’Istituto, piano che porterebbe “un uomo solo al comando”. Boeri non cede: “andremo avanti” ribatte, aprendo solo ad “aggiustamenti”, posto che la “sostanza non cambia”.

Civ e Boeri erano ai ferri corti già da tempo. Si parla di riforma dall’inizio del 2016, ma stavolta la rottura si è consumata, davanti ai parlamentari, in una sede istituzionale come la commissione bicamerale sugli enti previdenziali. Il pomo della discordia è il regolamento di organizzazione firmato da Boeri a inizio agosto, da cui discendono altre ‘determinazioni’, con l’obiettivo dichiarato di dare un nuovo copione all’Istituto, rafforzare la presenza sul territorio, tagliare le posizioni dirigenziali, da 48 a 36, e ringiovanire il personale, procedendo all’assunzione di 900 nuove leve.

Un reclutamento reso possibile anche grazie a risparmi che a regime frutterebbero 8 milioni. Per Iocca, però, così facendo si determinerebbe una semplificazione “estrema” della struttura, e “asciugando le competenze si finirebbe per asciugare la democrazia”. Boeri tiene il punto, evidenziando che il Civ non “può interferire” in questioni che riguardano la “gestione della dirigenza” e soprattutto non può impartire indirizzi in via diretta al dg, posizione oggi ricoperta da Massimo Cioffi, senza passare per il presidente. Secondo Boeri non c’è però nessuna volontà di accumulare i poteri, anzi di dice pronto a una nuova governance, che reintroduca il Cda.

Iocca, che ha avuto la parola per primo in commissione, tiene a precisare come dei rilievi alla riforma siano stati sollevati da diversi fronti. “Non è tanto un confronto, scontro, tra la presidenza Boeri e quella del Civ”, visto che, “da una parte c’è Boeri e dall’altra il Civ, il collegio dei sindaci, il dg, il magistrato della Corte dei Conti, i rilievi del Mef, del dipartimento della Funzione Pubblica e la nota del ministero del Lavoro”.

Boeri replica spiegando che saranno apportate “alcune modifiche volte a chiarire alcuni aspetti” (ad esempio che la commissione per la selezione dei vertici ha una funzione “istruttoria” e non decisionale), ma “l’impianto base resta”. Quindi il piano non sarà stravolto né tanto meno messo nel cassetto, condizioni chieste da Iocca per il ritiro del ricorso.

Una scelta, quella della via legale, definita dal presidente dell’Inps “drammatica e costosa”. Non per questo però ci si può bloccare, garantisce Boeri: “entro la fine dell’anno vogliamo rinnovare il gruppo dirigenziale”. Arenarsi significherebbe, rimarca Boeri, recare anche “problemi” al meccanismo che dovrà far girare l’Ape, l’anticipo pensionistico.

(di Mariana Berti/ANSA)

Ultima ora

06:25Venezuela: ministro Esteri minaccia ritiro da Osa

(ANSA) - CARACAS, 26 APR - Il ministro degli Esteri del Venezuela ha minacciato il ritiro dall' Osa, l' Organizzazione degli Stati americani. Ieri sedici Paesi dell'Osa hanno chiesto la convocazione urgente, per oggi stesso, di una sessione straordinaria del Consiglio permanente dell'organismo, per esaminare la situazione in Venezuela. La ministra degli Esteri venezuelana Delcy Rodriguez ha detto di avere ricevuto istruzioni dal presidente Nicolas Maduro di avviare la procedura per il ritiro di Caracas dall'Osa, ritenuta braccio di Washington, se i ministri degli Esteri dell'area terranno una riunione sulla crisi in atto nel Paese senza dichiarare sostegno al suo governo. Lo scorso 3 aprile il presidente di turno del Consiglio, il boliviano Diego Pary, vicino a Maduro si era rifiutato di convocare una sessione del Consiglio richiesta da 20 paesi, che però si è tenuta lo stesso, e durante la quale è stata approvata una dichiarazione che denunciava una "grave alterazione incostituzionale dell'ordinamento democratico" in Venezuela.

06:16Trudeau, difenderò con vigore il legno canadese

(ANSA) - WASHINGTON, 26 APR - "Il governo del Canada difenderà con vigore gli interessi dell'industria canadese del legno, come abbiamo fatto con successo in tutte le passate dispute con gli Usa". Lo ha detto il primo ministro canadese Justin Trudeau al presidente degli Stati Uniti Donald Trump, durante una conversazione telefonica tra i due leader, dopo l'annuncio dell'amministrazione Usa che intende imporre una tariffa doganale del 20% sull'import del legname canadese. La Casa Bianca ha definito il colloquio telefonico "molto amichevole"."I due leader hanno discusso del settore della produzione di latte in Wisconsin, nello Stato di New York e in altri luoghi. Hanno inoltre discusso del legno che entra negli Stati Uniti. E' stata - afferma una nota della Casa Bianca - una conversazione molto amichevole".

00:12Calcio: Spagna, Atletico Madrid ko con Villareal

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Seconda sconfitta dell'anno per l'Atletico Madrid. Nell'anticipo del turno infrasettimanale della Liga, battuta d'arresto per la squadra di Simeone superata in casa 1-0 dal Villareal: decide la rete di Roberto Soriano che entra e gela così il Calderon. Un ko che complica la vita dell'Atletico che resta a quota 68 punti, terzo, ma con il Siviglia lontano solo tre lunghezze e con una gara in meno. Nelle altre gare disputate 1-1 tra Sporting e Espanyol, vittoria per 2-0 del Malaga in casa del Granada.

23:31Calcio: Chelsea vince e va a +7 su Tottenham

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Gli applausi alla fine sono tutti per Antonio Conte. Il Chelsea torna a vincere dopo la battuta d'arresto col Manchester e allo Stamford Bridge batte il Southampton 4-2, compiendo così un altro passo verso la conquista del titolo in Premier League. La squadra allenata dall'ex ct azzurro sale infatti a 78 punti, con sette lunghezze di vantaggio sul Tottenham che scende in campo domani in casa del Crystal Palace. Nella serata trionfale dei Blues i riflettori sono per Diego Costa, autore di una doppietta, seguita alle reti di Hazard e Cahill. Di Romeu e Bertrand i gol del Southampton.

21:09Calcio: Baccaglini, lavoriamo in silenzio a futuro Palermo

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Ci sono avvocati, banchieri e tecnici che stanno lavorando intensamente per finalizzare l'operazione entro i termini stabiliti. Lo fanno nel modo in cui si svolgono gli affari seri: in silenzio e con discrezione. Nel frattempo stiamo lavorando intensamente alla pianificazione del prossimo anno che deve vederci squadra forte, competitiva e all'altezza dei colori societari". E' quanto dice il presidente del Palermo calcio, Paul Baccaglini.

21:09Il paese raccolse 2 mln euro per cure, morto 14enne malato

(ANSA) - NUORO, 25 APR - E' morto questa mattina, nella sua casa di Gavoi (Nuoro), Roberto Sanna, il ragazzo di 14 anni affetto da leucodistrofia metacromatica, una malattia rara per le cui cure, undici anni fa, si era mobilitato il paese e l'intera Sardegna in una campagna di raccolta di fondi che doveva servire per i viaggi della speranza negli Stati Uniti. In quella campagna di solidarietà, da cui nacque il comitato "pro Roberto", furono raccolti oltre due milioni di euro. Molti di più di quelli che sono serviti per finanziare i due viaggi in America per sottoporre Robertino al trapianto di cellule staminali. Purtroppo, però, la sua malattia era già in stato avanzato e il piccolo che allora aveva tre anni, non è stato sottoposto all'intervento. Quei fondi, però, non sono rimasti inutilizzati. Grazie alla generosità del Comitato, presieduto da Dario Sanna, padre di Robertino, i soldi sono stati donati per la cura di altre malattie rare, per l'inserimento di ragazzi svantaggiati e per l'acquisto di apparecchiature mediche. (ANSA).

21:04Calcio: Baccaglini tagli al Palermo, ‘via molti giocatori’

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Molti dei giocatori nella rosa attuale non faranno parte del futuro del Palermo che deve ai suoi tifosi e alla propria storia un impegno maggiore, migliore e più continuativo". Lo annuncia il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, che critica senza giri di parole i giocatori soprattutto dopo la pessima figura rimediata a Roma, dove i rosanero, a un passo ormai dalla serie B, hanno lasciato l'Olimpico con un pesante 6-2.

Archivio Ultima ora