Renzi disposto a cambiare l’Italicum e cerca voti a destra

Pubblicato il 29 settembre 2016 da ansa

Renzi disposto a cambiare l'Italicum e cerca voti destra

Renzi disposto a cambiare l’Italicum e cerca voti destra

ROMA. – E’ un “rischio”, il referendum costituzionale. Ma non si può che rischiare, per “cambiare il Paese”. E puntare a “essere maggioranza”, andando a prendere “i voti della destra”. Matteo Renzi si mette di nuovo in discussione – “adesso ci giochiamo tutto, è inutile fare giri di parole” – nella campagna verso il 4 dicembre. Anche la sua legge elettorale, l’Italicum, che ritiene “perfetta”: “Sono pronto a cambiarla, perché è meno importante del referendum, anche la mia carriera è meno importante”, dichiara.

E torna a evocare le sue dimissioni in caso di sconfitta: “Se vogliono la palude, le solite facce, gli inciuci si prendano altri”, afferma. Ma non convince ancora la minoranza del Pd, che è a un passo dal dire ufficialmente No. E insorge per il ‘corteggiamento’ di Renzi a chi vota destra: “Così si svuota il Pd di anima ed elettori”.

Renzi trascorre la giornata tra Firenze e Perugia. Prima l’incontro con i diecimila della Coldiretti: “La parte agricola dell’Irpef sarà cancellata”, annuncia. Poi la visita alla Perugina, l’incontro con alcuni sindaci di comuni colpiti dal terremoto e l’iniziativa referendaria in un teatro di Perugia.

Infine la sua Firenze, dove otto anni fa lanciò la candidatura alle primarie da sindaco: “Non so fino a che durerà ma so che noi siamo fatti per il cambiamento”, galvanizza la platea. Il premier ammette che è stato un “bel pasticcio” aver annunciato le dimissioni in caso di sconfitta, perché – spiega confrontando gli slogan del Sì e del No – ha aizzato la “mistificazione” di chi vuol abbattere il governo.

Dunque, non ne parla più ma non ha cambiato idea: “Lo continuo a pensare”. Un “sorriso” è la risposta a chi contesta e si schiera sul No (Coldiretti sceglie il Sì ma all’annuncio del segretario generale in platea qualcuno fischia). La mobilitazione è la via per fare arrivare il messaggio: 12 video (il primo, con una ‘nonna per il Sì’, lo svela a Firenze), materiale cartaceo, oltre 150 iniziative.

“La sfida è decisiva. Con il No non cambia niente – sprona – dovrete andare casa per casa. Noi andremo ovunque, perché se ho sopportato Travaglio posso sopportare chiunque…”, scherza il premier. E intanto prova a lanciare messaggi concilianti, come gli auguri alla Cgil per i suoi 110 anni, all’indomani della firma dell’accordo sulle pensioni.

Ma si vince o si perde – dichiara – conquistando i voti del centrodestra, l’elettorato moderato non incantato dalla Lega che “comprava le mutande verdi con i rimborsi” e non convinto neanche dai 5 Stelle di Di Maio, Sibilia e il No alle Olimpiadi.

Chi dalla sinistra Pd critica la sua apertura a quegli elettori (e a progetti come il ponte sullo Stretto) “vuol restare minoranza ma per cambiare le cose bisogna essere maggioranza”. Agli oppositori interni, il premier, non risparmia stilettate. “Il referendum non è il congresso del Pd”, dichiara. E a Massimo D’Alema “ha come obiettivo distruggermi. E’ un esperto di lotta fratricida in casa. Citofonare Romano Prodi e Walter Veltroni per sapere di che stiamo parlando”, dichiara.

Poi però sulla legge elettorale ribadisce parole che alla minoranza Pd (e ai moderati di centrodestra) provano ad arrivare. “Mi va bene trovare le ragioni che ci uniscono”, afferma. Difende l’Italicum e il meccanismo del ballottaggio, ma a “fatica” ribadisce un’apertura “purtroppo vera”: “Sono pronto a fare una discussione vera e anche a cambiare la legge elettorale perché è meno importante del referendum: se vince il no torneranno le bicamerali e non cambierà nulla per decenni”.

Ma la minoranza Dem è furibonda. Bersani avverte Renzi che sta andando “verso il burrone” e afferma che la nota positiva della vittoria del No è che così “salterebbe l’Italicum”. Sia lui che Gianni Cuperlo sottolineano che con il No il premier non si dovrebbe poi dimettere e il giorno dopo ci sarebbe lo stesso quadro di oggi. Il voto a destra? “Lì dove lo porta il cuore”, scherza Bersani. “Tanti a sinistra vogliono votare No – avverte Roberto Speranza – Non vorrei che il giorno dopo ci ritrovassimo tutti iscritti al Partito della Nazione”.

Intanto, dalla Cei arriva un appello al voto consapevole: “Questo referendum ha una valenza unica – dichiara Angelo Bagnasco – le persone si informino e si impegnino”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

23:12Calcio: la Roma vince 4-1, Pescara matematicamente in B

(ANSA) - ROMA, 24 APR - La Roma batte 4-1 il Pescara e lo condanna alla serie B con cinque giornate di anticipo sulla fine del campionato. Gli abruzzesi, con 14 punti, non possono più raggiungere l'Empoli, quart'ultimo con 29 e in vantaggio negli scontri diretti. I giallorossi salgono a quota 75 punti, a +4 sul Napoli e a -8 dalla Juventus. Di Strootman e Nainggolan le prime reti degli ospiti, venute entrambe alla fine del primo tempo. Salah segna una doppietta a inizio ripresa. Nel finale la rete della bandiera degli abruzzesi con Benali.

22:22Siria: sanzioni Usa al centro ricerca armi chimiche

(ANSA) - WASHINGTON, 24 APR - Gli Usa hanno emesso oggi sanzioni nei confronti dei dipendenti del Centro di ricerca siriano ritenuto responsabile dello sviluppo di armi chimiche: lo ha annunciato dalla Casa Bianca il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, come risposta "all'orribile attacco con armi chimiche contro civili innocenti". Nella 'lista nera' sono finiti 271 dipendenti del centro di ricerche. Si tratta di una delle cifre più alte di persone sottoposte a sanzioni nella storia degli Stati Uniti.

20:47Pd: Renzi, vince chi ha un voto in più, stop discussioni

(ANSA) - ROMA, 24 APR - Vince le primarie Pd "chi ha un voto in più. Ma se votasse solo un milione di persone, quindi molte meno di quelle che pensiamo, o se votasse una sola persona, sarebbero comunque 999.999 in più a decidere rispetto a quelle che decidono ad Arcore o nel blog". Lo dice Matteo Renzi a Radio Capital. "Un milione sarebbe un flop? E' un giudizio politico, io spero siano di più, faccio un appello alla partecipazione a questa grande festa della democrazia ma non posso accettare che si metta in discussione il risultato", sottolinea.

20:42Calcio: Milan, confronto in spogliatoio Montella-giocatori

(ANSA) - MILANO, 24 APR - All'indomani della brutta sconfitta interna contro l'Empoli Vincenzo Montella ha catechizzato negli spogliatoi di Milanello i giocatori rossoneri. Toni accesi per invitare la squadra a reagire e non buttare via nelle ultime cinque partite la possibilità di tornare in Europa dopo tre anni. Il tecnico ha chiesto ai giocatori di avere più carattere in campo e un atteggiamento diverso rispetto a quanto mostrato con l'Empoli, a partire dalla gara di domenica pomeriggio contro il Crotone.

20:40Francia: Renzi, ballottaggio difficile, partita non scontata

(ANSA) - ROMA, 24 APR - "Occhio perché non è così facile. E' un ballottaggio difficile. C'è un candidato di destra estrema che ha preso più o meno quanto il candidato socialista. Non è una partita scontata, bisognerà fare molta attenzione". Lo dice Matteo Renzi a Radio Capital.

20:39Beatificazione 18enne a Brindisi: cerimonia, folla fedeli

(ANSA) - BRINDISI, 24 APR - Una folla di fedeli ha partecipato nella cattedrale di Brindisi alla celebrazione per la chiusura della fase diocesana del processo di beatificazione di Matteo Farina, giovane al quale fu diagnosticato un tumore cerebrale in tenera età e che morì a 18 anni il 24 aprile 2009. Sono stati apposti i sigilli ai documenti raccolti che saranno consegnati alla Congregazione per le cause dei santi a Roma. La celebrazione dei Vespri ha preceduto la sessione conclusiva, svoltasi alla presenza della postulatrice, Francesca Consolini, e dei membri del tribunale ecclesiastico. A presiedere la solenne celebrazione è stato l'arcivescovo di Brindisi-Ostuni, mons. Domenico Caliandro. In molti, arrivati anche con pullman, non sono potuti entrare in cattedrale, assistendo alla cerimonia all'esterno attraverso un maxischermo. Il sindaco di Brindisi, Angela Carluccio, ha deciso di intitolare a Matteo Farina il nuovo giardino comunale attiguo al tempietto di San Giovanni al Sepolcro che sarà inaugurato a giorni.

20:39Renzi, spese militari creino filiera, non come F35

(ANSA) - ROMA, 24 APR - "Agli F35 non rinunci più, quello è un progetto ormai andato. Per il futuro dobbiamo usare le spese militari, come fanno altri Paesi, per creare filiere interne. Questo in passato non si è fatto". Lo dice Matteo Renzi a Radio Capital. "L'Italia deve fare delle spese nel settore militare che - aggiunge - non siano inutili: creare ingegneria, una filiera nell'aviospazio o in strutture dell'innovazione. Quelli degli F35 sono soldi importanti messi in un progetto comune ma la cui stragrande maggioranza è andata all'estero, non va bene".

Archivio Ultima ora