Riecco Roma-Inter, tradizione di goleade ed emozioni

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Serie A, Roma-Inter posticipo domenicale delle 20:45

Serie A, Roma-Inter posticipo domenicale delle 20:45

ROMA. – Uno spareggio per non dover salutare la zona scudetto già da ottobre. Roma e Inter vedono allontanarsi Juve e Napoli, col vento in poppa in campionato e in Champions, e si affrontano domenica all’Olimpico col fiato sospeso. Chi si ferma di nuovo è perduto: l’Inter ha il pesante fardello del doppio ko in Europa, la Roma si è riscattata col modesto Astra.

Spalletti, uomo di mondo, non ha stravolto la squadra; De Boer, olandese tutto di un pezzo, ha fatto turnover selvaggio subendo a Praga un ko devastante. Ora ci vuole una Juve-bis per ripartire ma la fiducia spinge la Roma che dovrà temere Icardi, goleador spacca-partite che ha riposato in Europa mentre è ancora incerto Joao Mario, collante del centrocampo.

Lo scatenato Totti, che dopo la festa dei 40 anni ha regalato tre assist e giocate sopraffine, partirà dalla panchina. Ma il suo peso lo avrà, come l’ha avuto negli ultimi 22 anni. In passato ha fatto soffrire Handanovic, Toldo e Julio Cesar che ancora ricorda con terrore quel pallonetto micidiale che l’ha trafitto il 26 ottobre 2005. Una delle tante perle confezionate a San Siro.

Se l’Inter è la squadra che l’ha più sconfitto, 14 volte, lui si è vendicato facendo 11 gol. Tra Roma e Inter è sempre una sfida spettacolare contrassegnata da prodezze e gol a raffica, soprattutto dopo calciopoli con la Roma unica avversaria di un’Inter stratosferica.

Ma il luna park ha origini antiche: nella preistoria ci sono due 6-0 per l’Inter nel 1930 e nel 1953 e uno per la Roma nel 1942; poi negli anni ’60 la Rometta infligge un secco 3-0 ai nerazzurri sulla strada euro-mondiale. Dagli anni ’80 sfide più equilibrate. Un’entrata alla brasiliana (il ‘carrinho’ di Falcao su Bagni che Agnolin marca col rosso) caratterizza un bel 3-1 nel 1981.

Poi nel 1991 si celebra la finale di Coppa Uefa: 2-0 a Milano per l’Inter del Trap, un gol e un palo di Rizzitelli all’Olimpico non bastano ai giallorossi di Ottavio Bianchi. Gli attacchi si scatenano: l’Inter di Bagnoli subisce un 4-1 nel 1992 poi l’arrivo di Ronaldo e Zeman spettacolarizzano i match e per la Roma sono tempi cupi: a fine 1997 viene espulso Totti e l’Inter s’impone 3-0 e nel ritorno 2-1 con una doppietta fantastica di Ronaldo.

L’anno dopo ancora due rovesci per Zeman: 4-1 a Milano e il funambolico 5-4 nel ritorno, sigillo si Simeone, con in campo il trio Baggio-Ronaldo-Zamorano. Con Capello il registro cambia: nel 2001 tappa saliente nella corsa verso lo scudetto è un 3-2 con doppietta di Montella. Ma il salto di qualità arriva con calciopoli: scudetto revocato alla Juve, l’Inter che piazza il poker di scudetti con Mancini e poi con Mourinho, e l’unica antagonista è la Roma di Spalletti che però ne mastica di bocconi amari: ko nella Coppa Italia 2005 e 2006 e fuochi d’artificio nella Supercoppa.

La Roma si porta sul 3-0 a San Siro, poi ko 4-3 ai supplementari con zampata di Figo. La rivincita si materializza nel 2007: un memorabile 6-2 nell’andata confeziona la vittoria nella Coppa Italia. Con un rigore di De Rossi vince anche la Supercoppa a Milano. Ma è un fuoco di paglia: 4-1 per l’Inter all’Olimpico e poi, anno di grazia 2007-2008, 1-1 a San Siro con polemiche furiose per un’espulsione di Mexes (per Totti è un ‘aiutone’).

Il ping pong prosegue: 2-1 e Coppa Italia alla Roma, 8-7 ai rigori e Supercoppa all’Inter. I nerazzurri prendono il largo: 4-0 all’Olimpico alla ripresa, 3-3 a San Siro e Roma ko nei quarti di Coppa Italia. Comincia l’era Mourinho che irride gli avversari coniando l’espressione ‘zero tituli’ per Ranieri: sulla strada del triplete l’Inter perde 2-1, la Roma si porta a -1 poi c’è la surreale sfida con la Lazio e all’ultima giornata Milito firma lo scudetto.

Ma prima a Ranieri sfugge anche la Coppa Italia: in finale 1-0 gol di Milito ma la partita è una corrida e Totti viene espulso per un calcione a Balotelli. Mourinho fugge nella notte Champions di Madrid e Benitez agguanta la Supercoppa, 3-1 alla Roma con doppietta di Eto’o.

Gli squilli successivi sono un 5-3 che Leonardo consegna a un Ranieri agli sgoccioli nel 2011 e un 4-0 sulle spalle del traballante Gasperini che illude la Roma. Poi comincia una serie positiva che dura quasi quattro anni con Zeman e Garcia e tre vittorie a San Siro con doppiette di Totti e Destro e un 4-2 in casa con doppio Pjanic.

Ma dall’aprile 2015 la Roma non vince più e Mancini si impone 2-1 con Icardi agli sgoccioli e 1-0 con Medel. Ora si riparte all’Olimpico, ed una gara che comunque lascera’ strascichi. E Juve e Napoli avranno un avversario di meno.

Ultima ora

15:24Immigrazione: tredici vittime a Trapani, anche due incinte

(ANSA) - TRAPANI, 28 LUG - C'erano anche 13 cadaveri (tra cui 8 donne, due delle quali in stato di gravidanza) a bordo della nave Vos Hestia di Save the Children, approdata stamani al porto di Trapani. Tra i migranti, alcuni dei quali ustionati, 240 persone, compresi sei bambini al di sotto dei 5 anni, rimasti orfani. La maggior parte dei migranti sbarcati a Trapani è stata soccorsa martedì scorso al largo della Libia dalla nave della ong Proctavia Open Arms.

15:16Calcio: Conte, io all’Inter? ‘Non devo fare chiarezza’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - ''Non credo ci sia da far chiarezza su questo argomento. C'erano altri due anni di contratto con il Chelsea, pertanto ho deciso di continuare perché era giusto così''. Così alla vigilia della partita amichevole contro l'Inter, Antonio Conte, affronta l'argomento del suo possibile passaggio in nerazzurro prima dell'avvento di Spalletti. ''Ho un lavoro da portare a termine con questa società. Penso che non sia importante parlarne adesso. La cosa che conta è la mia felicità di essere al Chelsea, tanto da aver rinnovato il contratto''. Sul match contro l'Inter alla 'Singapore American School', Conte conferma che farà giocatore sia l'ex Juve Morata che l'ex Roma Ruediger: ''troveranno sicuramente spazio. il tedesco giocherà una parte di gara, è arrivato da poco. Devo ancora decidere se dall'inizio o a gara in corso''.

15:14Rifiutò di celebrare unione civile,sindaco antigay aggredito

(ANSA) - TORINO, 28 LUG - L'ex sindaco di Favria Serafino Ferrino, che lo scorso anno era balzato alle cronache nazionali per essersi rifiutato di celebrare l'unione civile tra due uomini, è stato aggredito da uno sconosciuto nei pressi della sua abitazione. L'aggressore ha finto un guasto all'auto, poi ha ripetutamente colpito l'ex primo cittadino, che è stato medicato al pronto soccorso di Cuorgnè. Sull'episodio indagano i carabinieri di Rivarolo Canavese. Ferrino, a lungo sindaco di Favria, appartiene al movimento delle Sentinelle in piedi.(ANSA).

15:09Terremoto: consegnate 400 casette, lavori in altre 92 aree

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Sono 396 le casette consegnate nelle zone del centro Italia colpiti dai terremoti dello scorso anno. Il dato aggiornato è stato fornito dal Dipartimento della Protezione Civile secondo il quale sono complessivamente 3.805 le Soluzioni abitative d'emergenza ordinate dai 51 comuni del cratere che ne hanno fatto richiesta. Al momento dunque sono stati completati i lavori in 25 aree - 3 a Norcia, 5 ad Accumoli, 15 ad Amatrice, una ad Arquata e una a Calcara di Torricella - mentre altre 177 aree ritenute idonee sono state consegnate ai consorzi incaricati della progettazione delle opere di urbanizzazione per la successiva installazione delle Sae e in 92 di queste sono in corso i lavori. In particolare, sono le Marche ad aver ordinato la metà del numero complessivo di casette: la Regione ne ha richieste 1.899 per 29 comuni. L'Abruzzo, invece, ha ordinato fino ad oggi 218 casette, da installare in 13 comuni, il Lazio 755 per i sei comuni più colpiti, l'Umbria 933 per 3 comuni che ne hanno fatto richiesta. Sul sito del Dipartimento della Protezione Civile è possibile consultare la mappa sullo stato di avanzamento dei lavori per l'installazione delle Sae. (ANSA).

14:59Calcio: Fiorentina test a Lisbona, con Kalinic

(ANSA) - FIRENZE, 28 LUG - C'è Nikola Kalinic ma non Matias Vecino tra i convocati per l'amichevole che la Fiorentina affronterà domani a Lisbona contro lo Sporting nel ricordo del tifoso viola Marco Ficini scomparso in aprile. L'attaccante croato, da tempo al centro di voci di mercato, al momento resta quindi aggregato agli ordini di Pioli, al contrario del centrocampista uruguaiano per il quale l'Inter sarebbe pronta a pagare la clausola di 24 milioni. Nel gruppo partito per il Portogallo c'è anche Mati Fernandez rientrato dal prestito al Milan e accostato al Valencia, ma non gli infortunati Saponara, reduce dall'intervento alla caviglia di qualche mese fa, e Badelj. Quest'ultimo, sottoposto oggi ad accertamenti, è alle prese con una lieve lesione al polpaccio sinistro e ha già iniziato la riabilitazione. Intanto la società viola ha ufficializzato un'altra amichevole: il 10 agosto alle 20,30 affronterà la Pistoiese al 'Melani' di Pistoia.

14:46Vaccini: Renzi, follia pura aggressione a deputati Pd

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Tre deputati del Pd sono stati assaliti da manifestanti No-Vaccini. Follia pura. Un abbraccio a Elisa, Ludovico e Salvatore. Noi non ci fermiamo". Così Matteo Renzi, su twitter, denuncia l'aggressione ai tre deputati dem all'uscita dalla Camera dopo il via libera al decreto vaccini.

14:37Siccità: Marche chiedono attivazione Fondo solidarietà

(ANSA) - ANCONA, 28 LUG - La Regione Marche ha chiesto al ministero delle Politiche Agricole l'attivazione del Fondo di solidarietà nazionale per far fronte ai danni causati dalla siccità. "Chiediamo gli aiuti compensativi a favore delle imprese agricole per il perdurare di una situazione di carenza idrica che si protrae da parecchi mesi - spiega la vice presidente e assessore all'Agricoltura Anna Casini -. I danni registrati e che si stanno prospettando creano notevoli difficoltà alla ripresa produttiva dei singoli settori che, se non adeguatamente compensati, potrebbe costringere molti imprenditori a ridurre o abbandonare le coltivazioni". Casini evidenzia anche che "l'evento siccità si aggiunge alle forti criticità determinate dalla crisi sismica iniziata il 24 agosto 2016, dalle eccezionali nevicate del gennaio 2017 e dalle gelate di aprile. Quasi una tempesta perfetta che sta mettendo in ginocchio il settore primario marchigiano". L'Osservatorio permanente sugli usi idrici, istituito presso l'Autorità di distretto idrografico dell'Appennino centrale, ha certificato - per Lazio, Umbria e Marche - una condizione di severità idrica alta. Secondo le rilevazioni condotte dalla Giunta regionale, nelle Marche si conferma un quadro di "estrema preoccupazione per le imprese agricole, con rilevanti percentuali di perdite rispetto alla media triennale". Si stima che il girasole subirà una perdita di produzione del 35-40%. Il mais una perdita di reddito del 30% a seguito dei maggiori costi di irrigazione. Le ortive da pieno campo potranno registrare una perdita di reddito del 30%, mentre le foraggere una diminuzione di produzione tra il 35 e il 45%. Ugualmente negative le prospettive per il settore delle vacche da latte, con una contrazione del reddito di circa il 30%, per la viticoltura (calo della produzione tra il 30 e il 40%) e l'olivicoltura (meno 40-50%). Difficoltà si hanno, poi, in montagna per l'abbeveraggio degli animali al pascolo: i terremoti del 2016 e 2017 hanno spostato l'assetto delle falde, con conseguenti ripercussioni sugli approvvigionamenti idrici zootecnici. (ANSA).

Archivio Ultima ora