Riecco Roma-Inter, tradizione di goleade ed emozioni

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Serie A, Roma-Inter posticipo domenicale delle 20:45

Serie A, Roma-Inter posticipo domenicale delle 20:45

ROMA. – Uno spareggio per non dover salutare la zona scudetto già da ottobre. Roma e Inter vedono allontanarsi Juve e Napoli, col vento in poppa in campionato e in Champions, e si affrontano domenica all’Olimpico col fiato sospeso. Chi si ferma di nuovo è perduto: l’Inter ha il pesante fardello del doppio ko in Europa, la Roma si è riscattata col modesto Astra.

Spalletti, uomo di mondo, non ha stravolto la squadra; De Boer, olandese tutto di un pezzo, ha fatto turnover selvaggio subendo a Praga un ko devastante. Ora ci vuole una Juve-bis per ripartire ma la fiducia spinge la Roma che dovrà temere Icardi, goleador spacca-partite che ha riposato in Europa mentre è ancora incerto Joao Mario, collante del centrocampo.

Lo scatenato Totti, che dopo la festa dei 40 anni ha regalato tre assist e giocate sopraffine, partirà dalla panchina. Ma il suo peso lo avrà, come l’ha avuto negli ultimi 22 anni. In passato ha fatto soffrire Handanovic, Toldo e Julio Cesar che ancora ricorda con terrore quel pallonetto micidiale che l’ha trafitto il 26 ottobre 2005. Una delle tante perle confezionate a San Siro.

Se l’Inter è la squadra che l’ha più sconfitto, 14 volte, lui si è vendicato facendo 11 gol. Tra Roma e Inter è sempre una sfida spettacolare contrassegnata da prodezze e gol a raffica, soprattutto dopo calciopoli con la Roma unica avversaria di un’Inter stratosferica.

Ma il luna park ha origini antiche: nella preistoria ci sono due 6-0 per l’Inter nel 1930 e nel 1953 e uno per la Roma nel 1942; poi negli anni ’60 la Rometta infligge un secco 3-0 ai nerazzurri sulla strada euro-mondiale. Dagli anni ’80 sfide più equilibrate. Un’entrata alla brasiliana (il ‘carrinho’ di Falcao su Bagni che Agnolin marca col rosso) caratterizza un bel 3-1 nel 1981.

Poi nel 1991 si celebra la finale di Coppa Uefa: 2-0 a Milano per l’Inter del Trap, un gol e un palo di Rizzitelli all’Olimpico non bastano ai giallorossi di Ottavio Bianchi. Gli attacchi si scatenano: l’Inter di Bagnoli subisce un 4-1 nel 1992 poi l’arrivo di Ronaldo e Zeman spettacolarizzano i match e per la Roma sono tempi cupi: a fine 1997 viene espulso Totti e l’Inter s’impone 3-0 e nel ritorno 2-1 con una doppietta fantastica di Ronaldo.

L’anno dopo ancora due rovesci per Zeman: 4-1 a Milano e il funambolico 5-4 nel ritorno, sigillo si Simeone, con in campo il trio Baggio-Ronaldo-Zamorano. Con Capello il registro cambia: nel 2001 tappa saliente nella corsa verso lo scudetto è un 3-2 con doppietta di Montella. Ma il salto di qualità arriva con calciopoli: scudetto revocato alla Juve, l’Inter che piazza il poker di scudetti con Mancini e poi con Mourinho, e l’unica antagonista è la Roma di Spalletti che però ne mastica di bocconi amari: ko nella Coppa Italia 2005 e 2006 e fuochi d’artificio nella Supercoppa.

La Roma si porta sul 3-0 a San Siro, poi ko 4-3 ai supplementari con zampata di Figo. La rivincita si materializza nel 2007: un memorabile 6-2 nell’andata confeziona la vittoria nella Coppa Italia. Con un rigore di De Rossi vince anche la Supercoppa a Milano. Ma è un fuoco di paglia: 4-1 per l’Inter all’Olimpico e poi, anno di grazia 2007-2008, 1-1 a San Siro con polemiche furiose per un’espulsione di Mexes (per Totti è un ‘aiutone’).

Il ping pong prosegue: 2-1 e Coppa Italia alla Roma, 8-7 ai rigori e Supercoppa all’Inter. I nerazzurri prendono il largo: 4-0 all’Olimpico alla ripresa, 3-3 a San Siro e Roma ko nei quarti di Coppa Italia. Comincia l’era Mourinho che irride gli avversari coniando l’espressione ‘zero tituli’ per Ranieri: sulla strada del triplete l’Inter perde 2-1, la Roma si porta a -1 poi c’è la surreale sfida con la Lazio e all’ultima giornata Milito firma lo scudetto.

Ma prima a Ranieri sfugge anche la Coppa Italia: in finale 1-0 gol di Milito ma la partita è una corrida e Totti viene espulso per un calcione a Balotelli. Mourinho fugge nella notte Champions di Madrid e Benitez agguanta la Supercoppa, 3-1 alla Roma con doppietta di Eto’o.

Gli squilli successivi sono un 5-3 che Leonardo consegna a un Ranieri agli sgoccioli nel 2011 e un 4-0 sulle spalle del traballante Gasperini che illude la Roma. Poi comincia una serie positiva che dura quasi quattro anni con Zeman e Garcia e tre vittorie a San Siro con doppiette di Totti e Destro e un 4-2 in casa con doppio Pjanic.

Ma dall’aprile 2015 la Roma non vince più e Mancini si impone 2-1 con Icardi agli sgoccioli e 1-0 con Medel. Ora si riparte all’Olimpico, ed una gara che comunque lascera’ strascichi. E Juve e Napoli avranno un avversario di meno.

Ultima ora

18:47L. elettorale: M5s, meglio sistema tedesco del Rosatellum

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il M5s vuole "abbattere il Rosatellum che riteniamo essere incostituzionale e trasformarlo in una proposta costituzionale e buona per il Paese". Lo dice il deputato M5s e componente della Commissione Affari Costituzionali, Danilo Toninelli che - a proposito dei rilievi di chi fa notare che un correttivo di governabilità al sistema tedesco, come chiede il M5s, snaturerebbe troppo il sistema proporzionale - risponde: "Vedremo. Un correttivo di governabilità potrebbe invece migliorarlo e comunque il modello tedesco vero è comunque meglio del Rosatellum".

18:42Voucher: Rosato, arrivano quelli per micro imprese

(ANSA) - ROMA, 25 MAG Nella manovrina verrà presentato un emendamento che ripristina il lavoro occasionale (voucher) non solo per le famiglie ma anche per le piccole imprese. Lo ha detto ai cronisti a Montecitorio, il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato. "L'annuncio di Rosato di un emendamento che introduce i voucher per le microimprese significa che il Pd ha deciso di far cadere il Governo", replica in una nota il deputato di MDP Arturo Scotto.

18:20Manchester, ‘Abedi ha costruito bomba da solo’

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Salman Abedi, l'attentatore di Manchester, avrebbe costruito da solo l'ordigno con cui si è fatto esplodere all'arena. Lo sostiene Sky News citando fonti vicine agli inquirenti secondo cui il giovane britannico potrebbe però aver ricevuto istruzioni su come realizzarla da altri. Intanto si è appreso che Abedi sarebbe volato a Manchester dall'aeroporto di Duesseldorf, ma secondo la polizia tedesca l'attentatore avrebbe soltanto fatto scalo nella città del Nordreno-Westfalia e avrebbe trascorso poco tempo nella zona di transito dell'aeroporto. Il kamikaze di Manchester sarebbe giunto in Germania dall'aeroporto Ataturk di Istanbul pochi giorni prima dell'attacco. Fonti della sicurezza di Ankara, citate da media locali, non precisano però se prima si trovasse in Turchia o abbia solo fatto scalo nella metropoli sul Bosforo.

18:13Cei: Bassetti, serve lavoro, non rubare speranza a giovani

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il lavoro per i giovani, l'attenzione alle famiglie, la vicinanza agli ultimi. Il neo presidente Cei, il card. Gualtiero Bassetti, parla delle sue priorità. L'arcivescovo di Perugia che gira con la sua utilitaria per trovare la gente, il pastore che risponde alla crisi con gli Empori della solidarietà, il porporato che, come lui ha detto, si fa guidare "più dalle ragioni del cuore che da quelle dell'intelletto" - "mi sono definito un improvvisatore perché è il contrario di calcolatore" -, per prima cosa lancia "un grido forte" per i giovani. "Nessuno rubi la speranza ai giovani, quando manca il lavoro si toglie la dignità". Il cardinale ha risposto alle domande dei giornalistima si è anche lasciato ad una confidenza sulla sua elezione: "Ero partito confidando sulla mia giovane età...". Sulla politica: "La Chiesa fa riferimento a quella con la 'p' maiuscola". Glissa sul Family Day ("sono temi che affronteremo") ed esalta l'Amoris Laetitia di Papa Francesco: "è un capolavoro, non è opinabile, è magistero".

18:10Calcio: diritti tv, ok bando Serie A

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - L'assemblea della Lega Serie A ha deliberato a maggioranza (13 club favorevoli su 20) l'approvazione del bando per la vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sarà pubblicato domani e il giorno ultimo per le offerte "è fissato prima dell'apertura delle buste dell'asta per i diritti tv Uefa per la Champions", prevista dal 12 giugno, come ha spiegato il subcommissario di Lega, Paolo Nicoletti, senza scendere nei dettagli del bando: "E' una struttura interessante per il mercato".

18:09F1: Marchionne, per vincere Mondiale c’è da lavorare molto

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 25 MAG - Per vincere il Mondiale la Ferrari deve lavorare "molto: l'impegno è quello di sviluppare continuamente la macchina durante la stagione; ogni vettura, anche questa qui di Montecarlo ha dei cambiamenti importanti". Lo ha detto l'ad di Fca e presidente e ad della Ferrari, Sergio Marchionne, a Maranello per l'inaugurazione dei nuovi spazi del Museo Ferrari. Quanto al buon avvio nel Mondiale, con Vettel in testa alla classifica piloti con 104 punti e Raikkonen quarto con 49, ha argomentato, "lo sognavo, è arrivato. E' una squadra veramente brava - ha aggiunto riferendosi al team -: in scuderia finalmente abbiamo dei ragazzi che sono puntati nella direzione giusta, stanno lavorando bene, i piloti ci sono, la macchina c'è, quindi...". La Rossa, ora, è a somiglianza di Marchionne? "No - ha replicato Marchionne - è a somiglianza della Ferrari. Finalmente sta uscendo la vera scuderia. Oggi ha fatto bene, Sebastian è andato veramente bene, vediamo".

18:09Hamas proclama ‘Giornata di collera’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 25 MAG - Hamas ha indetto per domani in Cisgiordania una 'Giornata di collera' contro Israele in un gesto di sostegno con lo sciopero della fame ad oltranza intrapreso il 17 aprile scorso - su iniziativa del dirigente di al-Fatah Marwan Barghouti - da un migliaio di palestinesi reclusi in Israele per reati legati alla intifada. In un messaggio di incitamento alla protesta Hamas fa appello ai palestinesi della Cisgiordania a "scontrarsi con gli occupanti israeliani". Da parte sua il quotidiano israeliano Maariv ha appreso che dietro le quinte sono in corso tentativi per mettere fine alla protesta dei detenuti. Da parte palestinese, secondo il giornale, vi prendono parte il capo dell'Intelligence generale Zihad Hab-el-Rih (secondo la grafia ebraica, ndr) e Hussein a-Sheikh, ministro dell'Anp per le questioni civili. Anche lo Shin Bet (il servizio di sicurezza interna di Israele) è coinvolto in questi contatti, secondo i media, nel timore che la protesta dei detenuti dilaghi nei Territori.

Archivio Ultima ora