Calcio venezuelano: Caracas e Táchira si sfidano nel silenzio del Cocodriolos Sport Park

Pubblicato il 30 settembre 2016 da redazione

Calcio venezuelano: Caracas e Táchira si sfidano nel silenzio del Cocodriolos Sport Park (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira FC)

Calcio venezuelano: Caracas e Táchira si sfidano nel silenzio del Cocodriolos Sport Park (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira FC)

CARACAS – Questo fine settimana la capitale venezuelana sará lo scenario del clásico del fútbol venezolano, la cornice non sarà né lo stadio Olímpico, né il Brigido Iriarte, ma il Cocodrilos Sport Park. Fin qui non nessun problema, ma l’unico inconveniente é che si disputerá senza uno degli additivi che danno colore a questo tipo di gare: gli hinchas. Il motivo? La squalifica inflitta dalla commissione disciplinare alla formazione capitolina dopo gli incidenti di Puerto La Cruz.

Tornando al calcio giocato, se guardiamo la classifica del Torneo Clausura possiamo vedere che Caracas e Deportivo Táchira sono separati da soli due punti: gli andini sono quarti con 27 punti ed i capitolini quinti con 25. I precedenti dicono che queste due squadre si sono sfidate in 104 occasioni con un bilancio di 34 vittorie per i rojos del Ávila, 35 pareggi e 35 sucessi gialloneri.

Il primo precedente risale al 1984, Táchira e Caracas si sfidarono nella Copa de Campeones, torneo che metteva a confronto il campione della Primera División (in questo caso furono i gialloneri) e quello della Segunda. In quella occasione s’imposero gli andini per 4-1.

Ma una delle cose che ha incrementato questa acerrima rivalitá fu il post-partita della finale scudetto del 2000. Táchira e Caracas pareggiarono 2-2, questo risultato permise ai capitolini di vincere il titolo. L’esito della gara non fu del gradimento dei tifosi che avevano gremito gli spalti di Pueblo Nuevo e scaricarono tutta la loro rabbia ed amarezza incendiando il pullman della squadra capitolina.

Subito dopo quella pagina triste del campionato venezuelano ci fu periodo glorioso per il Caracas: sotto la gestione di Noel Sanvicente vinse 7 campionati. E ci fu anche il ricordato 30 di maggio quando i capitolini vinsero per 1-4 a Pueblo Nuevo. Ma si sa, la vendetta é un piatto che va servito freddo, il Táchira cinque anni dopo strappò lo scudetto dalla maglietta dei rojos quando mancavano 10 secondi alla fine.

Sulla carta si preannuncia una gara spettacolare tra due squadre che vogliono al piú presto timbrare il biglietto per l’Octagonal. Peccato che non ci sará quell’additivo che rende queste gare indimenticabili: i cori e le coreografie dei tifosi. Chi vorrá seguire la gara dovrà farlo al miglior stile amarcord, incollato alla radiolina, dato che non ci sará nemmeno la diretta televisiva.

Oltre al clásico ci sará un’altra gara interessante: quella che metterá a confronto la capolista Carabobo sul campo della seconda della classe l’Atlético Venezuela.

Lo Zamora dell’italo-venezuelano Francesco Stifano sfida il JBL Zulia. La formazione allenata dal tecnico di origine campana cercherà di ritrovare la strada della vittoria nel torneo de Primera División, vittoria che manca dal 30 luglio: giorno in cui superò per 3-0 l’Aragua.

Nello stadio Metropolitano di Cabudare, il Deportivo La Guaira di Eduardo Saragó ospita il Deportivo Lara.
Completano il quadro di questo turno di campionato: Aragua-Estudiantes de Caracas, Llaneros-Mineros, Monagas-Portuguesa, Ureña-Petare e Zulia-Estudiantes de Mérida.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

17:02Al via in Belgio il processo per Salah Abdeslam

(ANSA) - BRUXELLES, 26 SET - E' fissato per oggi al tribunale di Bruxelles l'avvio del processo a Salah Abdeslam, uno degli autori degli attentati di Parigi. Lo ha reso noto la procura federale belga. L'uomo è stato rinviato a giudizio in Belgio per una sparatoria contro la polizia, avvenuta durante la sua fuga dopo che gli agenti avevano scoperto il suo nascondiglio a Forest, a pochi chilometri da Bruxelles, a marzo dello scorso anno. Abdeslam assisterà al processo insieme al suo complice, Sofiane Ayari. I due sono accusati di 'tentato omicidio in contesto terroristico'.

17:00Concorsi truccati: rettore Firenze, è malattia non epidemia

(ANSA) - FIRENZE, 26 SET - "Noi siamo i primi a volere che siano accertate quanto prima le responsabilità e se accertate che la punizione sia severa, rigorosa, esemplare. Ma nella comunità universitaria italiana ci sono migliaia di professori e di ricercatori che lavorano con onestà e hanno come faro il merito, la valutazione e la trasparenza. Siamo doppiamente feriti perché non vogliamo che una malattia venga scambiata per una epidemia". Lo ha detto, stamane in una conferenza stampa, il rettore dell'ateneo fiorentino, Luigi Dei, commentando quanto emerso finora nell'ambito dell'indagine sui concorsi truccati. "Questi fatti - ha osservato il rettore - feriscono in prima battuta e soprattutto la comunità universitaria. Siamo colpiti, tristi e amareggiati. Cose di questo genere non dovrebbero mai succedere".

16:59Usa: prima donna supera corso per ufficiale fanteria Marine

(ANSA) - NEW YORK, 26 SET - Una donna fa la storia e supera, per la prima volta, il massacrante corso dei Marine per diventare ufficiale di fanteria. E' la prima donna a compiere tale impresa e il suo successo viene celebrato dal comandate dei Marine, il generale Robert Neller, che twitta una sua della ragazza e scrive: ''sono orgoglioso dell'ufficiale''.

16:56Mose: udienza per aziende per mancato controllo funzionari

(ANSA) - VENEZIA, 26 SET - Con l'udienza preliminare, si è aperto al Tribunale di Venezia il procedimento alle otto aziende coinvolte nella vicenda Mose per il mancato controllo dei propri funzionari infedeli che hanno utilizzato fondi in nero ed eluso il fisco. Il filone d'inchiesta è legato al decreto legislativo che prevede di indagare un'impresa che non controlla l'operato dei propri dirigenti. Tra le imprese coinvolte, la Cooperativa San Martino e la Codemar hanno annunciato di aver raggiunto un accordo con la Procura per il patteggiamento. Altre due - la Mantovani e Adria Infrastrutture - hanno detto di avere in corso la stessa procedura. Il Consorzio Venezia Nuova, Fincosit, Condotte e Technostudio al momento vanno avanti con il procedimento, in attesa che venga definito per poi decidere se optare per il patteggiamento. La Regione Veneto, la Presidenza del Consiglio e i ministeri dell'Economia e dei Trasporti non sono stato riconosciuti parti civili.

16:55Matera 2019: firmato il Contratto istituzionale di sviluppo

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Non è un'iperbole dire - come ha fatto il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri - che è una giornata storica. Fatto storico è Matera 2019 e il contratto istituzionale che firmiamo oggi è un passo importantissimo, necessario, in vista di quell'appuntamento". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, dopo la firma del contratto istituzionale di sviluppo per Matera 2019 a Palazzo Chigi. Al premier si è rivolto il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella: "Dopo aver posto in agenda Matera capitale della cultura, abbiamo come regione recuperato la sfida titanica, per un regionalismo nuovo, di maggiore cooperazione e sintonia con il governo nazionale. Vogliamo vincere la scommessa, con lei e il suo Governo".

16:39Matera 2019: De Vincenti, stanziati circa 400 mln

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "E' una giornata importante che apre fino in fondo la strada per la realizzazione di Matera 2019. Questo contratto di Sviluppo fornisce la struttura di governance che consentirà di accelerare al massimo gli interventi per il grande evento sia per Matera che per il nostro Paese". Lo dice il ministro Claudio De Vincenti presentando a Palazzo Chigi il Contratto istituzionale di sviluppo per "Matera 2019 Capitale europea della cultura". Sono previsti "interventi diretti su Matera 2019 per 106,4 milioni e su Basilicata 2019 per 284,9 milioni. Più il bando periferie per 13,12 milioni. Nel complesso circa 400 milioni a disposizione".

16:37M5s: Di Battista, fiducia in Di Maio, restare compatti

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Candidarsi a premier non è mica obbligatorio, qua l'unica cosa che è obbligatoria è restare compatti perché ci aspettano mesi durissimi". Lo scrive in un post su facebook Alessandro Di battista, che pubblica il discorso che avrebbe dovuto tenere a Italia 5 Stelle. "Io sono un battitore libero", prosegue Di Battista spiegando di non essersi candidato premier perché proprio perché si considera "un battitore libero" e aggiungendo: "Ho fiducia in Luigi, anche lui si è caricato il Movimento sulle sue spalle. E va sostenuto".

Archivio Ultima ora