Calcio venezuelano: Caracas e Táchira si sfidano nel silenzio del Cocodriolos Sport Park

Pubblicato il 30 settembre 2016 da redazione

Calcio venezuelano: Caracas e Táchira si sfidano nel silenzio del Cocodriolos Sport Park (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira FC)

Calcio venezuelano: Caracas e Táchira si sfidano nel silenzio del Cocodriolos Sport Park (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira FC)

CARACAS – Questo fine settimana la capitale venezuelana sará lo scenario del clásico del fútbol venezolano, la cornice non sarà né lo stadio Olímpico, né il Brigido Iriarte, ma il Cocodrilos Sport Park. Fin qui non nessun problema, ma l’unico inconveniente é che si disputerá senza uno degli additivi che danno colore a questo tipo di gare: gli hinchas. Il motivo? La squalifica inflitta dalla commissione disciplinare alla formazione capitolina dopo gli incidenti di Puerto La Cruz.

Tornando al calcio giocato, se guardiamo la classifica del Torneo Clausura possiamo vedere che Caracas e Deportivo Táchira sono separati da soli due punti: gli andini sono quarti con 27 punti ed i capitolini quinti con 25. I precedenti dicono che queste due squadre si sono sfidate in 104 occasioni con un bilancio di 34 vittorie per i rojos del Ávila, 35 pareggi e 35 sucessi gialloneri.

Il primo precedente risale al 1984, Táchira e Caracas si sfidarono nella Copa de Campeones, torneo che metteva a confronto il campione della Primera División (in questo caso furono i gialloneri) e quello della Segunda. In quella occasione s’imposero gli andini per 4-1.

Ma una delle cose che ha incrementato questa acerrima rivalitá fu il post-partita della finale scudetto del 2000. Táchira e Caracas pareggiarono 2-2, questo risultato permise ai capitolini di vincere il titolo. L’esito della gara non fu del gradimento dei tifosi che avevano gremito gli spalti di Pueblo Nuevo e scaricarono tutta la loro rabbia ed amarezza incendiando il pullman della squadra capitolina.

Subito dopo quella pagina triste del campionato venezuelano ci fu periodo glorioso per il Caracas: sotto la gestione di Noel Sanvicente vinse 7 campionati. E ci fu anche il ricordato 30 di maggio quando i capitolini vinsero per 1-4 a Pueblo Nuevo. Ma si sa, la vendetta é un piatto che va servito freddo, il Táchira cinque anni dopo strappò lo scudetto dalla maglietta dei rojos quando mancavano 10 secondi alla fine.

Sulla carta si preannuncia una gara spettacolare tra due squadre che vogliono al piú presto timbrare il biglietto per l’Octagonal. Peccato che non ci sará quell’additivo che rende queste gare indimenticabili: i cori e le coreografie dei tifosi. Chi vorrá seguire la gara dovrà farlo al miglior stile amarcord, incollato alla radiolina, dato che non ci sará nemmeno la diretta televisiva.

Oltre al clásico ci sará un’altra gara interessante: quella che metterá a confronto la capolista Carabobo sul campo della seconda della classe l’Atlético Venezuela.

Lo Zamora dell’italo-venezuelano Francesco Stifano sfida il JBL Zulia. La formazione allenata dal tecnico di origine campana cercherà di ritrovare la strada della vittoria nel torneo de Primera División, vittoria che manca dal 30 luglio: giorno in cui superò per 3-0 l’Aragua.

Nello stadio Metropolitano di Cabudare, il Deportivo La Guaira di Eduardo Saragó ospita il Deportivo Lara.
Completano il quadro di questo turno di campionato: Aragua-Estudiantes de Caracas, Llaneros-Mineros, Monagas-Portuguesa, Ureña-Petare e Zulia-Estudiantes de Mérida.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

13:14Basket: San Antonio, dopo Ginobili prolunga anche Gasol

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Dopo Manu Ginobili, che qualche giorno fa ha annunciato il prolungamento di un anno del suo contratto (allontanando così l'addio al campo), anche il 37enne Pau Gasol si stringe ai San Antonio Spurs e, per l'esattezza, per altri due anni più un'opzione per un terzo. Lo rivela Espn. Per il pivot spagnolo, quindi, la prossima sarà la diciassettesima stagione in Nba e la seconda con la franchigia texana. Lo scorso anno ha chiuso con medie di 12,4 punti e 7,8 rimbalzi a partita. In casa Cleveland Cavaliers, intanto, sempre Espn rivela che dopo sei stagioni Kyrie Irving avrebbe chiesto di essere ceduto, probabilmente perché stanco di rimanere all'ombra della star indiscussa LeBron James. La richiesta della guardia 25enne, che ha altri due anni di contratto, sarebbe stata avanzata già la scorsa settimana in un incontro con la dirigenza della franchigia. E chi sarebbe in cima alla lista delle destinazioni preferite dal giocatore? Proprio gli Spurs.

13:02C.destra: Cassano ufficializza rientro in Forza Italia

(ANSA) - BARI, 22 LUG - "Ho provato a convincere il mio ex partito che doveva uscire dal governo e che doveva soprattutto schierarsi con il centrodestra. Non è stato fatto. L'ho chiesto più volte e quando ho capito che non c'era questa volontà ho deciso di uscire". Così il senatoreßMassimo Cassano ha ufficializzato oggi a Bari il suo rientro in Forza Italia. L'ex sottosegretario al Lavoro del governo Gentiloni è intervenuto in conferenza stampa con il coordinatore di Fi in Puglia, l'on. Luigi Vitali, spiegando le ragioni che lo hanno portato ad allontanarsi da Angelino Alfano e riavvicinarsi a Silvio Berlusconi. "L'obiettivo ora - ha aggiunto Cassano - è di rimettere insieme i moderati che in Puglia come in Italia sono la maggioranza degli elettori. Vederli divisi, incapaci di dialogare mi ha spinto nei mesi scorsi al tentativo di creare condizioni diverse, più favorevoli, ma non ci sono riuscito. Così ho detto stop. Ora dobbiamo rimettere in piedi quello che era il motore del centrodestra".

12:55Siria: Mosca, firmati accordi zona de-escalation Ghouta est

(ANSA) - MOSCA, 22 LUG - Sono stati firmati gli accordi sul funzionamento della zona di de-escalation del Ghouta orientale, in Siria: lo riferisce il ministero della Difesa di Mosca, secondo cui i documenti sono stati siglati "dopo colloqui al Cairo tra i rappresentati del Ministero della Difesa russo e dell'opposizione siriana con la mediazione della parte egiziana sullo sviluppo dei trattati di Astana". Da Mosca spiegano che "i documenti fissano i confini della zona di de-escalation, le aree di schieramento e i poteri delle forze di controllo, nonché i percorsi per la fornitura di aiuti umanitari e per il libero movimento dei civili". "Il primo convoglio di aiuti umanitari per la zona di de-escalation e l'evacuazione dei feriti sono previsti nei prossimi giorni", dichiara il ministero della Difesa russo.

12:54Carceri: prete porta audioteca per i detenuti di Marassi

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Si chiama 'joybox', il 'jukebox della gioia', la prima audioteca realizzata all'interno del carcere di Marassi. L'idea è di don Roberto Fiscer, fondatore e anima di Radio tra le note, la prima web radio parrocchiale della diocesi di Genova. "La musica è speciale - ha detto il prete - e annulla ogni differenza e ogni problema: quando sono con i detenuti mi sento vicino e come loro e gioisco con loro". Ogni giovedì pomeriggio, per tre ore, il giovane sacerdote entra nel carcere con i suoi lettori audio grazie ai quali i detenuti possono ascoltare le musiche che gli hanno chiesto la settimana prima. Sono previsti tre turni da un'ora ciascuno nei quali i detenuti si alternano nell'ascolto. "È commovente vedere come anche le persone apparentemente più dure si sciolgono ascoltando le musiche dei loro paesi e nella loro lingua". È per questo che, ogni settimana, don Roberto varca il cancello di Marassi con i lettori audio pieni di musiche dei paesi dell'Est Europa, del Sud America, del Nord Africa. "Grazie a questa iniziativa si è creato un bellissimo rapporto con molti detenuti e uno di loro, in particolare, mi aiuta a raccogliere i titoli delle canzoni per la settimana successiva. È un progetto in linea con il desiderio di papa Francesco di essere presenti nelle periferie e vuole essere un piccolo segnale dell'amore e della presenza di Dio che passa anche attraverso la musica. È anche un'occasione terapeutica per i detenuti che, in questo modo, possono provare emozioni e sentimenti positivi". (ANSA).

12:44Terremoto:Ingv,attenzione alta per sismicità superiore media

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "L'attenzione resta alta perchè i livelli di sismicità nell'area sono superiori alla media". Lo ha affermato all'ANSA il direttore del Centro nazionale terremoti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), Salvatore Stramondo, in relazione al sisma di magnitudo 4.2 verificatosi alle ore 4:13 tra le province di L'Aquila e Rieti. Dal sisma che ha colpito Amatrice lo scorso 24 agosto, ha sottolineato l'esperto, "nel centro-Italia abbiamo registrato 61 eventi sismici, incluso quello di oggi, con magnitudo tra 4 e 5. Dunque - ha avvertito - non si possono escludere altre scosse di magnitudo analoga nell'area". Il sisma di oggi, chiarisce, "rientra nella stessa sequenza iniziata lo scorso agosto col terremoto che ha colpito Amatrice, si tratta cioè della stessa faglia e non c'è, dunque, un nuovo fronte che si apre". (ANSA).

12:31Terremoto: sisma sentito in tutto il Reatino,gente in strada

(ANSA) - RIETI, 22 LUG - È stata avvertita in tutto il Reatino, e in particolare nelle zone colpite dal terremoto della scorsa estate, la scossa di magnitudo 4.2 registrata dall'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) alle 4:13 di questa mattina con epicentro tra Amatrice (Rieti) e Campotosto (L'Aquila). Molta la gente che è scesa in strada e ha commentato sui social il nuovo evento sismico, il più alto registrato negli ultimi mesi nelle zone già interessate dalla sequenza sismica del 24 agosto e del 30 ottobre 2016. Molta la paura, sopratutto per l'intensità e la durata della scossa, ma al momento non si segnalano danni. In tutti i comuni del Reatino prossimi all'epicentro del sisma sono comunque in corso verifiche di stabilità con particolare attenzione agli edifici pubblici già lesionati dal terremoto.(ANSA).

12:27Interpol, 173 kamikaze Isis pronti ad attacchi in Europa

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - L'Interpol ha ricevuto una lista di 173 militanti dell'Isis che sarebbero stati addestrati per organizzare attacchi suicida in Europa per vendicarsi delle sconfitte militari del gruppo in Medio Oriente. Lo scrive in esclusiva il Guardian online, secondo cui la lista sarebbe stata stilata dall'intelligence Usa in base ad informazioni raccolte in Siria e in Iraq. Secondo il quotidiano britannico nulla dimostra per il momento che i jihadisti, di cui il Guardian ha ottenuto i nomi, siano penetrati sul territorio europeo, ma Interpol sottolinea l'entità della sfida cui l'Europa deve rispondere. Nella lista, ottenuta dall'Fbi e resa nota dal segretario generale di Interpol il 27 maggio, i jihadisti in questione vengono definiti come individui "che potrebbero essere stati addestrati per costruire e piazzare ordigni esplosivi in modo da causare numerosi morti e feriti. Si ritiene che possano viaggiare internazionalmente, per partecipare ad attività terroristiche".

Archivio Ultima ora