Calcio venezuelano: Caracas e Táchira si sfidano nel silenzio del Cocodriolos Sport Park

Pubblicato il 30 settembre 2016 da redazione

Calcio venezuelano: Caracas e Táchira si sfidano nel silenzio del Cocodriolos Sport Park (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira FC)

Calcio venezuelano: Caracas e Táchira si sfidano nel silenzio del Cocodriolos Sport Park (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira FC)

CARACAS – Questo fine settimana la capitale venezuelana sará lo scenario del clásico del fútbol venezolano, la cornice non sarà né lo stadio Olímpico, né il Brigido Iriarte, ma il Cocodrilos Sport Park. Fin qui non nessun problema, ma l’unico inconveniente é che si disputerá senza uno degli additivi che danno colore a questo tipo di gare: gli hinchas. Il motivo? La squalifica inflitta dalla commissione disciplinare alla formazione capitolina dopo gli incidenti di Puerto La Cruz.

Tornando al calcio giocato, se guardiamo la classifica del Torneo Clausura possiamo vedere che Caracas e Deportivo Táchira sono separati da soli due punti: gli andini sono quarti con 27 punti ed i capitolini quinti con 25. I precedenti dicono che queste due squadre si sono sfidate in 104 occasioni con un bilancio di 34 vittorie per i rojos del Ávila, 35 pareggi e 35 sucessi gialloneri.

Il primo precedente risale al 1984, Táchira e Caracas si sfidarono nella Copa de Campeones, torneo che metteva a confronto il campione della Primera División (in questo caso furono i gialloneri) e quello della Segunda. In quella occasione s’imposero gli andini per 4-1.

Ma una delle cose che ha incrementato questa acerrima rivalitá fu il post-partita della finale scudetto del 2000. Táchira e Caracas pareggiarono 2-2, questo risultato permise ai capitolini di vincere il titolo. L’esito della gara non fu del gradimento dei tifosi che avevano gremito gli spalti di Pueblo Nuevo e scaricarono tutta la loro rabbia ed amarezza incendiando il pullman della squadra capitolina.

Subito dopo quella pagina triste del campionato venezuelano ci fu periodo glorioso per il Caracas: sotto la gestione di Noel Sanvicente vinse 7 campionati. E ci fu anche il ricordato 30 di maggio quando i capitolini vinsero per 1-4 a Pueblo Nuevo. Ma si sa, la vendetta é un piatto che va servito freddo, il Táchira cinque anni dopo strappò lo scudetto dalla maglietta dei rojos quando mancavano 10 secondi alla fine.

Sulla carta si preannuncia una gara spettacolare tra due squadre che vogliono al piú presto timbrare il biglietto per l’Octagonal. Peccato che non ci sará quell’additivo che rende queste gare indimenticabili: i cori e le coreografie dei tifosi. Chi vorrá seguire la gara dovrà farlo al miglior stile amarcord, incollato alla radiolina, dato che non ci sará nemmeno la diretta televisiva.

Oltre al clásico ci sará un’altra gara interessante: quella che metterá a confronto la capolista Carabobo sul campo della seconda della classe l’Atlético Venezuela.

Lo Zamora dell’italo-venezuelano Francesco Stifano sfida il JBL Zulia. La formazione allenata dal tecnico di origine campana cercherà di ritrovare la strada della vittoria nel torneo de Primera División, vittoria che manca dal 30 luglio: giorno in cui superò per 3-0 l’Aragua.

Nello stadio Metropolitano di Cabudare, il Deportivo La Guaira di Eduardo Saragó ospita il Deportivo Lara.
Completano il quadro di questo turno di campionato: Aragua-Estudiantes de Caracas, Llaneros-Mineros, Monagas-Portuguesa, Ureña-Petare e Zulia-Estudiantes de Mérida.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

21:30Calcio: Clericus Cup, niente 4/i,eliminata Chape pontificia

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' domenica di passione quella trascorsa alla Clericus Cup, dove ci sono stati i verdetti nel girone C e D. Le titolate Mater Ecclesiae e Redemptoris Mater attendevano insieme alla sorpresa Collegio Pio Brasiliano l'altra qualificata ai quarti di finale in maggio. Il pass tra le migliori 8 va al Pio Latinamericano, che con una rete del polacco Malczewski supera la mista formata dai Missionari devoti al beato Giuseppe Allamano e dai seminaristi del Collegio Santa Monica. Questi ultimi a fine partita erano inconsolabili, visto che si sono visti annullare 4 gol, tutti per fuorigioco a loro dire inesistenti. Ricca di significato la prima vittoria del Chape Cusmano Belga, sul Vaticano Anselmiano, squadre entrambe eliminate, ma battagliere. Dopo essere passata in svantaggio, la Chape pontificia reagisce e ribalta il risultato con 2 gol del congolese Mutombo e uno di Fukimuasi. Felice padre Adenis, anima del Collegio: "Una bella vittoria per chiudere al meglio il torneo e onorare il ricordo dei caduti della Chape".

21:18Coni: Malagò, è difficile dare sufficienza alla Raggi

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "E' una ferita che brucia ancora. Non mi aspettavo dalla Raggi che non ci fosse neanche la possibilità di interloquire e di spiegare il progetto". Così il presidente del Coni Giovanni Malagò, nel corso del 'Faccia a faccia' su La7, risponde a una domanda sulla candidatura sfumata di Roma per l'Olimpiade del 2024. Era un affare a rischio? "No - risponde Malago' -, sono cambiate le regole del gioco. Si trattava di fare opere temporanee e utilizzare gli impianti che c'erano. Per la prima volta il Cio donava un miliardo e 700 milioni di dollari a chi avrebbe vinto la competizione". Quindi Malagò che voto dà alla sindaca Virginia Raggi per quanto fatto finora? "La sufficienza è difficile dargliela", risponde il presidente del Coni, secondo il quale un primo cittadino di Roma "deve essere un tecnico, fuori dai partiti politici e senza cambiali da pagare". Il discorso va poi sul ministro dello Sport Luca Lotti: "gli dico grazie, è una persona attenta e sensibile alle istanze del nostro mondo. Se doveva dimettersi?No".

20:59Pallavolo: playoff Superlega, risultati semifinali scudetto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Risultati delle partite di gara-2 delle semifinali scudetto della Superlega di pallavolo: Azimut Modena - Lube Civitanova 3-1 (21-25, 27-25, 25-16, 34-32) Sir Conad Perugia - Diatec Trentino 3-1 (30-28, 20-25, 25-19, 25-22) (giocata ieri) In entrambi i casi la situazione nella serie è di 1-1. I match di gara-3 (Lube-Azimut e Diatec-Sir Conad) sono in programma il 9 aprile.

20:17Pestato da gruppo di giovani, 20enne in fin di vita

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Lotta tra la vita e la morte un ragazzo ventenne di Alatri, nel Frusinate, massacrato di botte da un gruppo di giovani nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Lo si apprende da fonti sanitarie. Trasportato in gravissime condizioni al Policlinico Umberto I di Roma è ricoverato in terapia intensiva.

20:05Basket: su parquet Trieste spunta anello, “vuoi sposarmi?”

(ANSA) - TRIESTE, 26 MAR - L'anello con il brillante spunta alla fine della partita nella quale l'Alma Trieste ha battuto la prima in classifica della A2 di basket, la Virtus Bologna: il play-guardia Andrea Pecile lascia i compagni che stanno festeggiando la vittoria al centro del parquet e va verso la tribuna laterale. Sfila una scatolina che la mamma ha custodito in tribuna per tutta la partita e chiama la sua ragazza: l'ex giocatrice di basket e ora modella Giulia Fragiacomo si avvicina alle transenne e lui, porgendole l'astuccio, le chiede "Vuoi sposarmi?". Scoppiano le lacrime e gli applausi dei tifosi, il bacio di Giulia e il salto in braccio al play-guardia, ancora bagnato di sudore. E' la storia di amore nato sui parquet triestini (sia Giulia, sia Andrea sono triestini) e ufficializzata su un parquet di basket. "Ho coronato una giornata perfetta", è l'unico commento di Andrea al quale Giulia aggiunge, quasi lapidaria: "Era proprio così il sogno della mia vita. E' completamente pazzo ma questo lo sapevo già".

19:54Migranti: sindaco Ventimiglia, ‘chi vuol aiutare ha canali’

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 26 MAR - "Chi vuole aiutare ha i canali per farlo". Lo scrive sulla sua pagina Fb il sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano (Pd), criticato, anche dal vescovo, dopo che a causa di una sua ordinanza, tre francesi sono stati denunciati per aver dato cibo ai migranti senza autorizzazione. "La mia amministrazione si è sempre battuta per l'accoglienza, per il superamento dei confini e perché si costituissero dei corridoi umanitari europei affinché non si muoia sulle nostre autostrade o ferrovie. Siamo l'unica amministrazione che ha preteso che il campo gestito dalla Croce Rossa fosse aperto a chiunque senza bisogno di identificazione. Siamo stati gli unici a pretendere che le associazioni di volontariato partecipassero alla vita del campo". "Mai - scrive Ioculano - si è negato cibo a qualcuno". Il sindaco ricorda che la sua amministrazione "ha preteso un servizio di affiancamento giuridico per il riconoscimento dei diritti degli ospiti del campo"; e sottolinea che a Ventimiglia, dopo due anni di emergenza ci sono tre punti in cui si dà assistenza alle persone in transito". "Respingo una lettura ideologica di un'ordinanza quando sono stato il primo a contestare e condannare l'ipocrisia e il bieco populismo di amministratori locali e regionali che rifiutano ogni tipo di accoglienza", conclude il sindaco.

19:43Bulgaria: exit poll, conservatori in testa col 32,8%

(ANSAmed) - SOFIA, 26 MAR - Nelle politiche anticipate di oggi in Bulgaria il Partito conservatore Gerb dell'ex premier Boyko Borissov sarebbe in testa con il 32,8%, stando ai primi exit poll diffusi dalla tv pubblica Bnt alla chiusura dei seggi. Al Partito socialista (Bsp) di Kornelia Ninova andrebbe il 28,4% dei voti.

Archivio Ultima ora