Festa Roma, tra star e film: discontinuità, varietà, qualità e internazionalità

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Festa Roma, tra star e film sarà edizione monstre

Festa Roma, tra star e film sarà edizione monstre

ROMA. – Attenzione alla Festa di Roma (13-23 ottobre), in questa XI/ma edizione la cura del direttore artistico Antonio Monda, al secondo anno di mandato, c’è e funziona, a giudicare dal cartellone. Un’edizione ‘monstre’ a cui non mancano star, film e soprattutto incontri ‘ravvicinati’.

Tra i trentadue personaggi di livello, ci saranno: Benigni, Meryl Streep, Oliver Stone, David Mamet, Dom Delillo, Tom Hanks, Jovanotti, Bernardo Bertolucci, Werner Herzog, Paolo Conte, Elio e Le Storie Tese e agli artisti Gilbert & George. E se la Presidente della Fondazione Cinema per Roma Piera Detassis parla di ”festa mobile e migrante che ama mescolare i generi” e con la mission ”del coinvolgimento del pubblico”, Monda si affida alle parole ”discontinuità, varietà, qualità e internazionalità (ben 26 paesi sono rappresentati)”.

Per l’Italia, infine, tra gli undici film nella selezione ufficiale: 7 MINUTI di Michele Placido; MARIA PER ROMA di Karen Di Porto; NAPLES ’44 di Francesco Patierno e SOLE CUORE AMORE di Daniele Vicari. ”Tre film italiani su quattro parlano di perdita del lavoro” dice Monda. Sul fronte della selezione ci saranno 24 anteprime mondiali (il doppio dell’anno scorso).

Sul fronte retrospettive ce ne sarà una sulla Politica Americana a ridosso delle elezioni presidenziali negli Usa. Sedici film da ADVISE AND CONSENT di Otto Preminger a LINCOLN di Steven Spielberg fino A MILK di Gus Van Sant. E ancora una retrospettiva su Tom Hanks che riceverà il premio alla carriera e farà un incontro con il pubblico e, infine, una su Valerio Zurlini.

Omaggi invece a Michael Cimino, scomparso lo scorso anno; Luigi Comencini, nel centenario della nascita e, tra le altre, a Gregory Peck con VACANZE ROMANE proiettata in Piazza di Spagna in collaborazione con Associazione Via Condotti. In questa occasione alla Casa del Cinema ospiterà il documentario A CONVERSATION WITH GREGORY PECK di Barbara Kopple e un incontro con Cecilia e Anthony, figli dell’attore.

Il festival, che durerà quest’anno un giorno in più, avrà anche cinque pre-aperture da AMERICAN PASTORAL di Ewan McGregor tratto dal capolavoro di Philip Roth a INFERNO di Ron Howard e, infine, anche IN GUERRA PER AMORE di Pif. Tra i documentari da non perdere quello sui Rolling Stone, ROLLING STONE OLE’ OLE’ che segue il tour del gruppo in dieci città latinoamericane nei primi mesi del 2016 e, tra i film dal forte sapore politico, DENIAL di Mick Jackson su uno storico revisionista che nega l’olocausto.

I film nella selezione ufficiale in odor di Oscar, sono per Monda, MOONLIGHT di Barry Jenkins, la storia di un ragazzo di colore alla ricerca del suo posto nel mondo e MANCHESTER BY THE SEA di Kenneth Lonergan con la storia di Lee Chandler che, dopo l’improvvisa morte del fratello maggiore, torna nella sua città natale, dove scopre di essere stato nominato tutore del nipote sedicenne.

Fil rouge di questo festival – costato 3.400.000 euro (stesso budget dell’anno scorso), la diversità ”in tutti i sensi, dalla sessualità alla religione”. Tra gli eventi del festival ‘diffuso’ proiezioni nel carcere di Rebibbia e la rassegna Migrarti alla scuola multietnica Di Donato e infine la solidarietà ai terremotati di Amatrice nel gemellaggio con le iniziative di Io Ci Sono, con Raoul Bova tra i protagonisti.

Tra i momenti commoventi di questa presentazione all’Auditorium, il ricordo della Detassis di Gian Luigi Rondi, ex direttore del Festival di Roma dal 1993 al 1997, e quello del collega, Luca Svizzeretto, morto prematuramente a 38 anni.

(Di Francesco Gallo/ANSA)

Ultima ora

21:36M5s: Grillo, bene parlare di lavoro, giovani, invecchiamento

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "De Masi è una persona straordinaria e il convegno che abbiamo fatto sul lavoro nel futuro mi è piaciuto tantissimo. Finalmente una discussione su cose reali, una discussione che ci ha elevati senza parlare del solito populismo, di destra e di sinistra: finalmente si parla di lavoro di giovani e di invecchiamento della popolazione". Così il leader M5s Beppe Grillo lasciando Montecitorio dove si è conclusa oggi la due giorni di studio e confronto sul rapporto curato dal sociologo Domenico De Masi sulle prospettive future del lavoro. "Ne faremo altre di queste giornate di studio, anche sulla cultura" ha promesso Grillo.

21:28Calcio: Cagliari, ecco Faragò “Nainggolan mio modello”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 GEN - Paolo Faragò, nuovo acquisto del Cagliari, è pronto all'esordio in Serie A con la maglia rossoblù. Trattativa sprint con il Novara e domenica all'Olimpico contro la Roma potrebbe vedersela con uno dei suoi modelli, Radja Nainggolan. Il Cagliari era stato molto vicino all'ex Novara già dalla scorsa estate. "Quando ho saputo dell'interessamento della società rossoblu' - ha rivelato - ho declinato qualsiasi altra offerta". E ora ecco il grande salto: "So che c'è una bella differenza, sino a pochi giorni fa stavo preparando la partita con il Trapani e improvvisamente mi trovo proiettato verso un altro match, quello con la Roma. Pronto? Sì, con tanta voglia di fare questa esperienza".

21:27Bbc, le truppe del Senegal entrano in Gambia

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Truppe senegalesi, che sostengono il presidente eletto del Gambia Adama Barrow, hanno attraversato il confine con il Gambia e si stanno dirigendo verso la capitale Banjul, dove risiede il presidente uscente Yahia Jammeh, che si rifiuta di lasciare il potere nonostante abbia perso le elezioni. Lo riporta la Bbc online.

21:24Maltempo: salvati con verricello due allevatori di Urzulei

(ANSA) - NUORO, 19 GEN - Sono in salvo anche i due allevatori di Urzulei isolati da giorni nei loro ovili. I due sono stati recuperati dal Soccorso Alpino (Cnsas), nelle località di Gosolloei e Cuccuttos, grazie all'impiego di un elicottero dell'Aeronautica Militare di Decimomannu. Il velivolo decollato con gli specialisti e due tecnici di elisoccorso del Cnsas ha raggiunto la zona montana particolarmente innevata e non raggiungibile dai mezzi a terra. Il delicato intervento di soccorso ha consentito il recupero dei due allevatori tramite il verricello. Sono stati caricati a bordo e trasportati nel campo sportivo del paese dove sono stati visitati e rifocillati.

21:07Assange, manterrò la promessa di consegnarmi agli Usa

(ANSA) - LONDRA, 19 GEN - Julian Assange è deciso a mantenere la promessa di consegnarsi alle autorità Usa dopo che Barack Obama ha concesso la grazia alla 'talpa' di Wikileaks Chelsea Manning. Lo ha detto l'attivista australiano nel corso di una conferenza stampa via social media dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra, dove vive come rifugiato politico dal 2012. Solo ieri un suo legale aveva negato che fosse intenzionato a mantenere quanto promesso.

21:04Centri Sociali: fumogeni contro ps e Comune, 9 a giudizio

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Per i disordini davanti a Palazzo Marino del 22 maggio del 2013 e culminati in alcuni tafferugli tra antagonisti e agenti delle forze dell'ordine, 9 giovani del centro sociale Zam (Zona autonoma Milano)sono stati mandati a giudizio per resistenza aggravata, danneggiamento aggravato e getto di lacrimogeni. Secondo la ricostruzione degli investigatori quel pomeriggio di quasi 4 anni fa un gruppo di circa 200 ragazzi, giunto in corteo per protestare contro lo sgombero del centro sociale Zam, ha tentato di superare il cordone di sicurezza degli agenti di polizia per fare irruzione in Comune, arrivando per tre volte al contatto con le forze dell'ordine. Gli agenti hanno però respinto ogni tentativo di sfondamento.

21:04Hotel Rigopiano: scatta inchiesta per omicidio colposo

(ANSA) - PESCARA, 19 GEN - L'ipotesi è omicidio colposo. La Procura di Pescara, pm Andrea Papalia, ha aperto un fascicolo di indagine per fare luce sulle eventuali responsabilità. Le indagini relative alla tragedia di Rigopiano sono affidate ai carabinieri forestali, i quali in queste ore stanno già acquisendo documenti e testimonianze. Tra i documenti già a verbale anche l'allerta valanghe emesso giorni fa dal Meteomont, cioè il servizio nazionale prevenzione neve e valanghe, che indicava livello 4, il massimo è 5, di pericolo nella zona del Gran Sasso. Spetterà alla Procura quindi valutare se il rischio emesso è stato rispettato o valutato, se c'erano le condizioni per far emettere dalla Regione, fino agli enti locali, le ordinanze di evacuazione nelle zone a rischio.

Archivio Ultima ora