Festa Roma, tra star e film: discontinuità, varietà, qualità e internazionalità

Pubblicato il 30 settembre 2016 da ansa

Festa Roma, tra star e film sarà edizione monstre

Festa Roma, tra star e film sarà edizione monstre

ROMA. – Attenzione alla Festa di Roma (13-23 ottobre), in questa XI/ma edizione la cura del direttore artistico Antonio Monda, al secondo anno di mandato, c’è e funziona, a giudicare dal cartellone. Un’edizione ‘monstre’ a cui non mancano star, film e soprattutto incontri ‘ravvicinati’.

Tra i trentadue personaggi di livello, ci saranno: Benigni, Meryl Streep, Oliver Stone, David Mamet, Dom Delillo, Tom Hanks, Jovanotti, Bernardo Bertolucci, Werner Herzog, Paolo Conte, Elio e Le Storie Tese e agli artisti Gilbert & George. E se la Presidente della Fondazione Cinema per Roma Piera Detassis parla di ”festa mobile e migrante che ama mescolare i generi” e con la mission ”del coinvolgimento del pubblico”, Monda si affida alle parole ”discontinuità, varietà, qualità e internazionalità (ben 26 paesi sono rappresentati)”.

Per l’Italia, infine, tra gli undici film nella selezione ufficiale: 7 MINUTI di Michele Placido; MARIA PER ROMA di Karen Di Porto; NAPLES ’44 di Francesco Patierno e SOLE CUORE AMORE di Daniele Vicari. ”Tre film italiani su quattro parlano di perdita del lavoro” dice Monda. Sul fronte della selezione ci saranno 24 anteprime mondiali (il doppio dell’anno scorso).

Sul fronte retrospettive ce ne sarà una sulla Politica Americana a ridosso delle elezioni presidenziali negli Usa. Sedici film da ADVISE AND CONSENT di Otto Preminger a LINCOLN di Steven Spielberg fino A MILK di Gus Van Sant. E ancora una retrospettiva su Tom Hanks che riceverà il premio alla carriera e farà un incontro con il pubblico e, infine, una su Valerio Zurlini.

Omaggi invece a Michael Cimino, scomparso lo scorso anno; Luigi Comencini, nel centenario della nascita e, tra le altre, a Gregory Peck con VACANZE ROMANE proiettata in Piazza di Spagna in collaborazione con Associazione Via Condotti. In questa occasione alla Casa del Cinema ospiterà il documentario A CONVERSATION WITH GREGORY PECK di Barbara Kopple e un incontro con Cecilia e Anthony, figli dell’attore.

Il festival, che durerà quest’anno un giorno in più, avrà anche cinque pre-aperture da AMERICAN PASTORAL di Ewan McGregor tratto dal capolavoro di Philip Roth a INFERNO di Ron Howard e, infine, anche IN GUERRA PER AMORE di Pif. Tra i documentari da non perdere quello sui Rolling Stone, ROLLING STONE OLE’ OLE’ che segue il tour del gruppo in dieci città latinoamericane nei primi mesi del 2016 e, tra i film dal forte sapore politico, DENIAL di Mick Jackson su uno storico revisionista che nega l’olocausto.

I film nella selezione ufficiale in odor di Oscar, sono per Monda, MOONLIGHT di Barry Jenkins, la storia di un ragazzo di colore alla ricerca del suo posto nel mondo e MANCHESTER BY THE SEA di Kenneth Lonergan con la storia di Lee Chandler che, dopo l’improvvisa morte del fratello maggiore, torna nella sua città natale, dove scopre di essere stato nominato tutore del nipote sedicenne.

Fil rouge di questo festival – costato 3.400.000 euro (stesso budget dell’anno scorso), la diversità ”in tutti i sensi, dalla sessualità alla religione”. Tra gli eventi del festival ‘diffuso’ proiezioni nel carcere di Rebibbia e la rassegna Migrarti alla scuola multietnica Di Donato e infine la solidarietà ai terremotati di Amatrice nel gemellaggio con le iniziative di Io Ci Sono, con Raoul Bova tra i protagonisti.

Tra i momenti commoventi di questa presentazione all’Auditorium, il ricordo della Detassis di Gian Luigi Rondi, ex direttore del Festival di Roma dal 1993 al 1997, e quello del collega, Luca Svizzeretto, morto prematuramente a 38 anni.

(Di Francesco Gallo/ANSA)

Ultima ora

10:34Riina: in mattinata l’autopsia, poi la salma in Sicilia

(ANSA) - PARMA, 18 NOV - E' prevista per la mattinata l'autopsia di Totò Riina, detenuto al 41 bis e morto all'ospedale di Parma alle 3.37 di ieri, venerdì 17 novembre. Poi presumibilmente la Procura darà il nulla osta per il trasporto della salma in Sicilia. L'esame medico legale, conferito alle 9.30 dal pm Umberto Ausiello, è nell'ambito di un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti: ipotesi tecnica che consente di svolgere l'accertamento, per fugare ogni dubbio sul decesso del boss di Cosa Nostra. Oltre a "cause e epoca" della morte, al medico è chiesto di evidenziare "ogni altro elemento che possa risultare utile al prosieguo delle indagini e in particolare la compatibilità tra i segni obiettivi riscontrabili e l'ipotesi eziologica del decesso in atti". I familiari di Riina sono stati avvisati, come previsto in questi casi. L'autopsia sarà eseguita nella Medicina legale dell'ospedale, presidiata dalla Polizia penitenziaria e questa mattina da una pattuglia della Guardia di Finanza.

10:07Zimbabwe: manifestanti verso corteo, ‘no a dinastia Mugabe’

(ANSA) - IL CAIRO, 18 NOV - "Lo Zimbabwe oggi è tutto nostro", "2together we can" (insieme possiamo" e "no alla dinastia Mugabe" sono i testi scritti a mano o stampati su alcuni cartelli che manifestanti stanno portando al corteo indetto per oggi ad Harare per chiedere le dimissioni del presidente Robert Mubage. Lo si vede in un'immagine in circolazione su internet. Come attesta un'altro cartello "Benvenuti in Zimbabwe" la manifestazione si preannuncia - oltre che colorata - anche pacifica in quanto i militari che hanno messo Mugabe sotto tutela pure fisica appoggiano il corteo. Le "Zimbabwe Defence Forces" (Zdf), in un comunicato stampa diffuso ieri dal sito dell'emittente pubblica Zbc, hanno dichiarato che "sostengono pienamente il corteo" fintanto che "rimarra' ordinato, pacifico" e "senza discorsi d'odio e istigazioni a causare violenze". Il cartello alla "dinastia Mugabe" fa riferimento al piano del 93enne presidente di far candidare la consorte Grace alle prossime elezioni eliminando politicamente il suo principale avversario

09:26Libano: ex premier Hariri arrivato a Parigi

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Saad Hariri è atterrato all'aeroporto Bourget di Parigi. Lo riferiscono i media francesi. A mezzogiorno l'ex premier libanese incontrerà all'Eliseo il presidente francese Emmanuel Macron.

01:21Uragani: Casa Bianca chiede altri 44 mld aiuti a Congresso

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - La Casa Bianca ha inviato al Congresso una richiesta di aiuti per 44 miliardi di dollari legati ai danni degli uragani che hanno colpito le isole caraibiche americane e gli Stati Usa del Golfo del Messico. La richiesta, la terza avanzata dal presidente Donald Trump, porterebbe l'ammontare complessivo degli aiuti a 100 miliardi di dollari. Ma i parlamentari delle regioni colpite sono già sul piede di guerra, ritenendo la somma troppo bassa.

01:18Usa: ok a vendita di Patriot a Polonia per 10 miliardi

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - Il dipartimento di Stato Usa ha approvato una possibile vendita per 10,5 miliardi di dollari di missili Patriot alla Polonia, nell'ambito della cooperazione militare bilaterale e nella cornice dell'alleanza Nato. Lo rende noto lo stesso Dipartimento di Stato, che ha notificato la proposta al Congresso. Varsavia ha rafforzato il suo sistema difensivo dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia.

01:10Tennis: Atp Finals, Dimitrov fa en plein

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il bulgaro Grigor Dimitrov ha chiuso imbattuto, imitando finora il fuoriclasse Roger Federer, la fase a gironi della Atp Finals in corso a Londra. Il numero 6 del ranking mondiale ha travolto lo spagnolo Pablo Carreno Busta, sconfitto con un doppio 6-1, lo stesso punteggio che aveva riservato due giorni prima al belga David Goffin, che si è qualificato oggi a sua volta per le semifinali. Nelle due partite per decidere i finalisti, Federer affronterà Goffin, mentre Dimitrov se la vedrà con lo statunitense Jack Sock.

01:06Figc: Tommasi, tema non è Tavecchio ma la responsabilità

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Quando si ha un ruolo di responsabilità, bisogna prendersela. Qui invece, a ben due giorni da quell'evento, dopo due giorni di silenzio della federazione, si pensava solo a mandare via la guida tecnica e non a fare tutti un passo indietro come tutti si aspettavano". Così il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, ospite di 'Propaganda Live' su La7, sulla riunione della Figc di mercoledì scorso dopo l'eliminazione dell'Italia dalla corsa al Mondiale 2018. "Il tema non è Tavecchio ma la responsabilità delle istituzioni. L'unica strategia possibile a questo punto è azzerare la dirigenza federale e ripartire di nuovo". "Servono un nuovo programma e nuove idee per il movimento. Un fallimento così esigeva un cambio di marcia - ha detto -. Ora invece si penserà al nome del nuovo ct ma non è questo il problema. Io credo alla nostra posizione e lo fanno i calciatori, che la vorrebbero anche più dura. Pur conoscendo il nostro pensiero, nessuno mi ha chiamato tra quelli che nel mondo dello sport decidono qualcosa".

Archivio Ultima ora