Usa 2016: nuova tegola su Trump, fece affari con l’Iran

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Republican presidential candidate  Donald Trump finishes his speech at Spooky Nook Sports Complex in Manhime, Pa., Saturday, Oct. 1, 2016. (James Robinson/PennLive.com via AP)

Republican presidential candidate Donald Trump finishes his speech at Spooky Nook Sports Complex in Manhime, Pa., Saturday, Oct. 1, 2016. (James Robinson/PennLive.com via AP)

WASHINGTON. – Donald Trump ha fatto affari non solo con Cuba ai tempi di Fidel Castro, violando l’embargo, ma anche con l’Iran. Con il lunedì arriva una nuova tegola per il candidato repubblicano, anzi due, e si prospetta così già durissima per Trump la settimana appena cominciata, in vista del secondo dibattito televisivo nella sfida con Hillary Clinton per la Casa Bianca, dopo la bufera scatenata dalle rivelazioni del New York Times sulla possibilita’ che il miliardario abbia evitato, legalmente, di pagare le imposte federali sul reddito per quasi due decenni.

Fino ad ora Donald Trump non aveva negato, adesso lo ammette: “Ho usato legalmente le leggi fiscali a mio vantaggio. E onestamente sono stato straordinario nel farlo”, ha detto durante un comizio in Colorado. Si tratta però di leggi “ingiuste” che “per fortuna io conosco bene”, ha detto affermando che aggiusterà il sistema, “io lavoro per voi ora, non per Donald Trump”, ha assicurato.

L’ipotesi che il tycoon abbia fatto affari con l’Iran soggetto a sanzioni da parte degli Usa emerge da un’altra inchiesta giornalistica – condotta dal Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi a cui aderiscono testate come il New York Times e il Guardian e che pubblicò i cosiddetti ‘Panama Papers’- secondo cui ha affittato ad una banca di Teheran un ufficio a New York dal 1998 al 2003, una banca nella ‘lista nera’ Usa delle istituzioni iraniane legate al terrorismo e al programma nucleare.

A quanto risulta il gruppo immobiliare di Trump ereditò come inquilino la Bank Melli, una delle più grandi banche controllate dallo Stato iraniano, quando acquistò il General Motors Building sulla Fifth Avenue. Nonostante il Dipartimento al Tesoro americano nel 1999 avesse inserito la banca nel gruppo delle istituzioni finanziarie da sanzionare, Trump continuò per anni ad affittare alla Bank Melli, che fu utilizzata da Teheran – è l’accusa mossa – per ottenere “materiali sensibili” per portare avanti il proprio programma nucleare.

Tra il 2002 e il 2006 poi, per le autorità Usa la Bank Melli fu usata per finanziare un’unità della Guardia Rivoluzionaria che avrebbe sponsorizzato diversi attacchi terroristici. Ma non basta: oggi è arrivato anche l’ordine di stop immediato alla raccolta fondi per la Trump Foundation emesso dal procuratore generale di New York, Eric Schneiderman, sulla base del fatto che l’organizzazione non è provvista del permesso richiesto dalle leggi dello Stato di New York per accettare donazioni, mentre è stata attiva nella raccolta fondi quest’anno a New York pur non essendo autorizzata.

L’attenzione sulla Fondazione Trump era stata portata dal Washington Post con la segnalazione che non aveva appunto mai ottenuto i certificati necessari nell’Empire State per raccogliere fondi da donatori esterni. E il fronte Clinton si frega le mani, forte anche del vantaggio nei sondaggi (l’ultimo rilevamento Cnn/Orc vede la vede in testa di cinque punti sul rivale): comizio dopo comizio, Hillary incalza sulle tasse di Trump, o sulle ‘non tasse’ per meglio dire, ergendosi lei invece a paladina della middle class.

In Ohio – stato chiave per la conquista della presidenza – non ha parlato d’altro: “Mentre noi lavoravamo duro, Trump non pagava le tasse”. Mentre scorre in tv un nuovo spot dal titolo ‘Arrogante’ e tutto dedicato alle rivelazioni del New York Times sulla storia fiscale del rivale. Intanto a Washington, si sa, Barack Obama è ormai il ‘supporter in chief’ di Clinton, e sulle tasse di Trump la Casa Bianca afferma che la vicenda mette in evidenza la necessità di una riforma fiscale che sia più giusta, proprio come quella da tempo proposta da Obama, il quale spera nel suo successore per continuare su questa strada.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

23:28Calcio: Liga, Barca vince derby e risponde al Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il Barcellona vince il derby con l'Espanyol riportandosi in testa alla Liga in coabitazione con il Real Madrid che nel pomeriggio aveva battuto di misura il Valencia. A dare la vittoria 3-0 ai blaugrana, i gol di Suarez (5' e 42' st) e Rakitic (31' st). In testa al massimo campionato spagnolo Barcellona e Real Madrid si trovano a quota 81 punti, ma le merengues devono ancora recuperare la partita di Vigo contro il Celta.

23:15Calcio: Torino-Sampdoria 1-1

(ANSA) - TORINO, 29 APR - Torino-Sampdoria 1-1 (0-1) nell'anticipo della 34/a giornata del campionato di Serie A. Al gol di Schick nel primo tempo (12') risponde l'ex romanista Iturbe al 33' della ripresa.

22:51Pallavolo: Champions, Perugia in finale con Zenit Kazan

(ANSA) - ROMA, 29 APR - La Sir Safety Conad Perugia ha conquistato la finale della Champions League 2017 di volley maschile battendo la Lube Civitanova nell'attesissimo derby italiano al PalaLottomatica di Roma davanti a 10mila spettatori. La squadra di Ivan Zaytsev ha vinto 3-2 al tie-break (25-19; 22-25; 25-19; 21-25; 15-9) e nella finalissima della massima competizione europea di volley con i russi dello Zenit Kazan. (

22:35Usa: clima, 300 cortei contro Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 29 APR - ''Con l'aumento dei livelli del mare Mar-a-Lago diventerà Mar-a-long gone'': è lo striscione esibito dalla sedicenne Olivia Springberg, con Trump e il suo staff raffigurati mentre rischiano di annegare tra le palme della residenza del presidente in Florida. E' uno dei tanti cartelloni esibiti dalle decine di migliaia di persone, tra cui l'attore Leonardo di Caprio, che oggi hanno invaso Washington con una marcia per il clima, per protestare contro le politiche ambientali di Trump in coincidenza con i primi cento giorni della sua amministrazione. Un periodo breve ma nel quale il tycoon ha già indicato chiaramente la politica di deregulation che intende seguire, cancellando l'eredità 'verde' di Barack Obama: sblocco degli oleodotti, nuove licenze per le miniere, revoca delle restrizioni sulle emissioni dei gas serra e per le trivellazioni nell'Artico, in attesa di decidere prima del G7 italiano se confermare o abbandonare l'accordo di Parigi sul clima. La marcia si tiene in altre 300 città Usa.

21:39Calcio: Bonucci a Toro-Samp con figlio in maglia granata

(ANSA) - TORINO, 29 APR - C'è Leonardo Bonucci tra gli spettatori di Torino-Sampdoria con in braccio il figlio Lorenzo che indossa la maglia di Belotti. Il centrale difensivo della Juventus, a una settimana dal derby, ha accompagnato il piccolo, tifoso granata, ad ammirare il suo giocatore preferito, il 'Gallo', prossimo avversario diretto del padre nella stracittadina di sabato 6 maggio. Bonucci ha scelto così di unire l'utile al dilettevole: seguire dal vivo il Toro e il bomber granata facendo allo stesso tempo la felicità del figlio.

21:31Schiaffi e minacce a bimbi 3 anni, sospese 2 maestre asilo

(ANSA) - PETILIA POLICASTRO (CROTONE), 29 APR - Schiaffi, calci alle gambe, tirate di capelli e minacce di morte a bambini di 3 anni, alcuni dei quali chiusi per brevi periodi anche in un'aula buia: è quanto avrebbero fatto due maestre di un asilo statale alle quali i carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro hanno notificato la misura della sospensione dall'insegnamento fino al termine dell'anno scolastico emessa dal gip di Crotone su proposta della Procura. Le due avrebbero maltrattato ripetutamente i bimbi sottoponendoli a vessazioni e prevaricazioni continue. In alcuni casi i piccoli sarebbero anche stati graffiati e strattonati ed i loro oggetti, come zaini e scarpe, gettati fuori dall'aula. Le indagini hanno preso il via dalle dichiarazioni di diversi genitori. Gli investigatori hanno installato telecamere in vari punti della scuola trovando conferma delle vessazioni subite dai piccoli che, per l'accusa, avrebbero subito una involuzione della personalità con un diffuso senso di timore e di rifiuto della scuola.(ANSA).

21:25Militanti di destra in manifestazione al Campo X a Milano

(ANSA) - MILANO, 29 APR - Alcune centinaia di militanti di destra si sono presentati questo pomeriggio al Campo X del Cimitero Maggiore di Milano per commemorare i caduti della Repubblica di Salò. Il Prefetto di Milano, in pieno accordo con il sindaco, Giuseppe Sala, in occasione delle celebrazioni del 25 aprile aveva vietato che all'interno del cimitero venissero organizzate manifestazioni in qualche modo celebrative del fascismo. La Questura ha riferito che la manifestazione di oggi, durata circa un'ora, non era autorizzata. Una manifestazione analoga si è svolta a Cremona: una cinquantina di persone, comprese delegazioni provenienti dalla Spagna e dalla Francia, si sono radunate al cimitero per commemorare Roberto Farinacci, esibendosi con il saluto romano. Il sindaco, in accordo con la Prefettura, aveva vietato la manifestazione.

Archivio Ultima ora