Usa 2016: nuova tegola su Trump, fece affari con l’Iran

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Republican presidential candidate  Donald Trump finishes his speech at Spooky Nook Sports Complex in Manhime, Pa., Saturday, Oct. 1, 2016. (James Robinson/PennLive.com via AP)

Republican presidential candidate Donald Trump finishes his speech at Spooky Nook Sports Complex in Manhime, Pa., Saturday, Oct. 1, 2016. (James Robinson/PennLive.com via AP)

WASHINGTON. – Donald Trump ha fatto affari non solo con Cuba ai tempi di Fidel Castro, violando l’embargo, ma anche con l’Iran. Con il lunedì arriva una nuova tegola per il candidato repubblicano, anzi due, e si prospetta così già durissima per Trump la settimana appena cominciata, in vista del secondo dibattito televisivo nella sfida con Hillary Clinton per la Casa Bianca, dopo la bufera scatenata dalle rivelazioni del New York Times sulla possibilita’ che il miliardario abbia evitato, legalmente, di pagare le imposte federali sul reddito per quasi due decenni.

Fino ad ora Donald Trump non aveva negato, adesso lo ammette: “Ho usato legalmente le leggi fiscali a mio vantaggio. E onestamente sono stato straordinario nel farlo”, ha detto durante un comizio in Colorado. Si tratta però di leggi “ingiuste” che “per fortuna io conosco bene”, ha detto affermando che aggiusterà il sistema, “io lavoro per voi ora, non per Donald Trump”, ha assicurato.

L’ipotesi che il tycoon abbia fatto affari con l’Iran soggetto a sanzioni da parte degli Usa emerge da un’altra inchiesta giornalistica – condotta dal Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi a cui aderiscono testate come il New York Times e il Guardian e che pubblicò i cosiddetti ‘Panama Papers’- secondo cui ha affittato ad una banca di Teheran un ufficio a New York dal 1998 al 2003, una banca nella ‘lista nera’ Usa delle istituzioni iraniane legate al terrorismo e al programma nucleare.

A quanto risulta il gruppo immobiliare di Trump ereditò come inquilino la Bank Melli, una delle più grandi banche controllate dallo Stato iraniano, quando acquistò il General Motors Building sulla Fifth Avenue. Nonostante il Dipartimento al Tesoro americano nel 1999 avesse inserito la banca nel gruppo delle istituzioni finanziarie da sanzionare, Trump continuò per anni ad affittare alla Bank Melli, che fu utilizzata da Teheran – è l’accusa mossa – per ottenere “materiali sensibili” per portare avanti il proprio programma nucleare.

Tra il 2002 e il 2006 poi, per le autorità Usa la Bank Melli fu usata per finanziare un’unità della Guardia Rivoluzionaria che avrebbe sponsorizzato diversi attacchi terroristici. Ma non basta: oggi è arrivato anche l’ordine di stop immediato alla raccolta fondi per la Trump Foundation emesso dal procuratore generale di New York, Eric Schneiderman, sulla base del fatto che l’organizzazione non è provvista del permesso richiesto dalle leggi dello Stato di New York per accettare donazioni, mentre è stata attiva nella raccolta fondi quest’anno a New York pur non essendo autorizzata.

L’attenzione sulla Fondazione Trump era stata portata dal Washington Post con la segnalazione che non aveva appunto mai ottenuto i certificati necessari nell’Empire State per raccogliere fondi da donatori esterni. E il fronte Clinton si frega le mani, forte anche del vantaggio nei sondaggi (l’ultimo rilevamento Cnn/Orc vede la vede in testa di cinque punti sul rivale): comizio dopo comizio, Hillary incalza sulle tasse di Trump, o sulle ‘non tasse’ per meglio dire, ergendosi lei invece a paladina della middle class.

In Ohio – stato chiave per la conquista della presidenza – non ha parlato d’altro: “Mentre noi lavoravamo duro, Trump non pagava le tasse”. Mentre scorre in tv un nuovo spot dal titolo ‘Arrogante’ e tutto dedicato alle rivelazioni del New York Times sulla storia fiscale del rivale. Intanto a Washington, si sa, Barack Obama è ormai il ‘supporter in chief’ di Clinton, e sulle tasse di Trump la Casa Bianca afferma che la vicenda mette in evidenza la necessità di una riforma fiscale che sia più giusta, proprio come quella da tempo proposta da Obama, il quale spera nel suo successore per continuare su questa strada.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

19:04Reporter Welt arrestato, Berlino convoca amb. Turchia

(ANSA) - BERLINO, 28 FEB - Il ministro degli Esteri tedesco, Sigmar Gabriel, ha convocato l'ambasciatore turco a Berlino per il caso del reporter tedesco della Welt, Deniz Yucel, fermato in Turchia 14 giorni fa e di cui ieri il giudice ha convalidato l'arresto.

18:59Pd: Silvia Prodi, io non iscritta ma indipendente

(ANSA) - BOLOGNA, 28 FEB - "Non ho mai cambiato idea, sono sempre quella, quand'ero in campagna elettorale sono andata a Roma con la Cgil a manifestare contro il Jobs Act e ho fatto la campagna elettorale per il No". Silvia Prodi, nipote dell'ex premier Romano, spiega l'adesione a Dp, il nuovo movimento separatosi dal Partito Democratico. "In realtà non sono iscritta al Pd - precisa - mi sono candidata alle scorse elezioni come indipendente e il Pd mi ha ospitato come tale. In questa fase continua la mia collaborazione, però porterò le istanze del movimento dei democratici-progressisti". "Quella di Dp sarà una politica che avrà il lavoro come perno - aggiunge Prodi - con una primissima piattaforma che prevede l'adesione al referendum promosso dalla Cgil". L'alleanza in Regione però per il momento non sembra correre rischi: "Ho già parlato col presidente Bonaccini, per me il centro-sinistra è proprio paradigma di quello che potrebbe essere un buon governo, ma se ci saranno punti di criticità non mancheremo di farli rilevare".(ANSA).

18:58Pd: Emiliano, da segretario ricucirò su scissione

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Se dovessi diventare segretario del Pd cercherò di riunire il centro sinistra, dal centro del cattolicesimo democratico alla sinistra. E la prima cosa che farò è riportare a casa la scissione che è stata voluta dal segretario uscente per liberarsi di ogni opposizione. E poi mi piacerebbe costruire un rapporto leale, collaborativo, con il Movimento 5 Stelle: certo, non aiuta il fatto che con il Pd i Cinque stelle siano spesso offensivi". Lo dice Michele Emiliano, presidente della Puglia e candidato alla segreteria Pd, in un'intervista a SkyTg24. "Se Renzi vince non solo resto nel Pd ma lo marco e come lui si distrae gliene dico di tutti i colori. Non farò l'opposizione all'acqua di rose fatta da qualche suo ministro o collaboratore ma un'opposizione dritto per dritto", aggiunge. "Ma io - sottolinea - sono un fortunato e vincerò".

18:57Calcio: Sampdoria respinge richiesta Cassano

(ANSA) - GENOVA, 28 FEB - La Sampdoria ha detto no alla richiesta di Antonio Cassano di potersi allenare con la Primavera blucerchiata fino a giugno. Nell'intesa raggiunta tra calciatore e club doriano nel giorno della rescissione era stata concessa a Cassano questa possibilità fino a fine febbraio, ovvero fino alla scadenza dei termini per gli svincolati di trovare una squadra. Al momento, il giocatore barese non ha trovato una nuova collocazione.

18:47Studentessa morta, condannati due scippatori

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - Condanne rispettivamente a due anni e ad un anno e mezzo di reclusione per i due nomadi che il 5 dicembre dello scorso anno derubarono una studentessa cinese, Zhang Yao, prima che questa, nel tentativo di recuperare la refurtiva, venisse travolta ed uccisa da un treno. La sentenza è stata emessa, previo patteggiamento della pena, dal gup Tamara De Amicis. I due imputati, Seferovic Sherif e Gianfranco Ramovic, entrambi ventenni e residenti nel campo nomadi di via Salviati, dovevano rispondere di furto con strappo. Sherif, condannato a due anni di reclusione, è tornato in libertà, mentre Ramovic (un anno e mezzo) resta ai domiciliari per effetto dei precedenti penali. "A fronte di quanto accaduto - ha commentato l'avvocato Gianluca Nicolini, difensore di Sherif - il ragazzo ha tenuto un comportamento corretto, rientrando in Italia e assumendosi le proprie responsabilità di fronte alla giustizia".

18:47Birmania: scontri con gruppi ribelli

(ANSA) - BANGKOK, 28 FEB - Scontri tra l'esercito birmano e diversi gruppi ribelli riuniti in un'offensiva comune hanno causato almeno 160 morti negli ultimi tre mesi nello stato Shan, nel nord-est del Paese, al confine con la Cina. Lo ha ammesso il generale Mya Tun Oo, capo di stato maggiore delle forze armate, mentre si avvicina la una seconda tornata di negoziati di un processo di pace che però parte con mille incognite. Da fine novembre, ha detto Mya Tun Oo, scontri con un'alleanza di gruppi ribelli delle etnie Kachin, Shan e Wa hanno ucciso 74 soldati, 15 poliziotti, 13 miliziani governativi e 13 civili, oltre ad almeno 45 ribelli, vicino alla città di Muse. I gruppi coinvolti sono tra i sette che negli ultimi anni non hanno firmato il cessate il fuoco introdotto dal precedente governo di Thein Sein, e si rifiutano di farlo anche ora che al potere c'è di fatto Aung San Suu Kyi, plenipotenziaria del governo del suo fedelissimo Htin Kyaw. Proprio oggi era in programma l'apertura della seconda tornata di negoziati

18:46Incidenti stradali: auto investe cinghiale, morto conducente

(ANSA) - PIACENZA, 28 FEB - Ha investito un cinghiale che ha improvvisamente attraversato la strada, poi la vettura si è schiantata contro un muretto e il conducente è morto poco dopo l'arrivo con l'eliambulanza all'ospedale Maggiore di Parma. La vittima è un uomo di 75 anni, Sergio Droghi; l'incidente è avvenuto poco prima delle 7 vicino a Borgonovo, in provincia di Piacenza. L'uomo era alla guida di una Fiat 16 e percorreva la provinciale della Valtidone, quando all'improvviso ha impattato contro un cinghiale. La vettura, senza controllo, si è schiantata contro un muretto vicino a un'abitazione. I vigili del fuoco hanno impiegato oltre un'ora per estrarlo dall'abitacolo. I rilievi sono stati eseguiti dai carabinieri della Compagnia di Piacenza. (ANSA).

Archivio Ultima ora