Schiaffo agli Usa, Putin sospende accordo sul plutonio

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Russian President Vladimir Putin (R) attends a military training exercise at the Donguz firing range in the Orenburg region, Russia, 19 September 2015.  EPA/ALEXEI NIKOLSKY / RIA NOVOSTI

Russian President Vladimir Putin (R) attends a military training exercise at the Donguz firing range in the Orenburg region, Russia, 19 September 2015. EPA/ALEXEI NIKOLSKY / RIA NOVOSTI

MOSCA. – Tavoli diversi, stessa partita. Mosca alza la posta in gioco e applica pressione agli Usa, sempre più vicini al giorno delle elezioni e ad un inevitabile cambio di amministrazione. Così, mentre ad Aleppo continua ad infuriare la battaglia, Vladimir Putin firma un decreto con cui “sospende” l’accordo di smaltimento del plutonio ‘avanzato’ dalle testate nucleari destinato al disarmo, ovvero uno dei capisaldi del disgelo post guerra fredda. Russia e Usa sul punto in questione sono in realtà in disaccordo da anni e tutto si riduce sul metodo adottato per trattare il plutonio. Ma i tempi di questa scelta sanno senz’altro di ‘guerra diplomatica asimmetrica’.

In sintesi. Il trattato è stato firmato nel 2000 e prevede che le due superpotenze nucleari smaltiscano 34 tonnellate (a testa) di materiale radioattivo ‘bruciandolo’ nei reattori nucleari dopo averlo trasformato in apposito carburante attraverso una certa – costosissima – procedura. Gli Stati Uniti si sono impegnati a costruire il centro di Savannah River in South Carolina proprio per trattare il materiale ma i costi sono schizzati alle stelle e l’attuale amministrazione ha deciso di utilizzare un altro metodo per smaltire il plutonio, più economico, che però non è “irreversibile”.

Tale materiale, insomma, potrebbe tornare ad essere usato in futuro per scopi bellici e i russi contestano agli americani di violare così l’accordo. Ecco allora che, dopo anni di tira e molla, Putin ha deciso di tagliare la testa al toro e ha motivato la scelta citando un “cambiamento radicale delle circostanze, la minaccia verso la stabilità strategica, a causa delle attività di carattere ostile da parte degli Usa nei confronti della Russia”, finanche la necessità “di prendere misure urgenti per la difesa della sicurezza nazionale.

Toni pesanti, proprio nel giorno in cui il vice ministro degli Esteri Gennady Gatilov ha annunciato che in Siria tutti i contatti fra le forze militari russe e quelle americane “sono stati interrotti”. Il capo della diplomazia russa, Serghei Lavrov, è poi intervenuto per spiegare che la sospensione dell’accordo non è indirizzata “ad aggravare i rapporti con gli Usa”, ma ha pure spiegato che per Washington si tratta di un “monito”: non è possibile trattare con la Russia “da una posizione di forza”. Traduzione: occhio perché qui rischiamo di far saltare il tavolo.

Non a caso il Cremlino, nell’inviare alla Duma il disegno di legge sulla sospensione dell’accordo, lo ha rimpinzato di richieste ‘impossibili’ che paiono quasi una versione contemporanea della ‘lettera dei cosacchi al Sultano’ – ovvero la volgare e irriverente missiva che sarebbe stata inviata a Mehmet IV nel 17esimo secolo in risposta alle sue altezzose richieste, vero e proprio evergreen del nazionalismo russo.

Nel ddl si legge infatti che la Russia ripristinerà l’accordo se Washington cancellerà “la legge Magnitsky e tutte le sanzioni anti-russe”, “s’impegnerà a pagare compensazioni per i danni da esse provocate, incluso quelli generati dalle contro-sanzioni”, varate dalla stessa Russia, oltre che a ridurre “la presenza militare nei Paesi entrati a far parte della Nato dopo il primo settembre 2000”. Uno schiaffo, più che una reale offerta sulla quale montare una seria trattativa.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

07:49Tap: blitz polizia nella notte, abbattute barricate

(ANSA) - MELENDUGNO (LECCE), 27 APR - Un blitz della polizia è stato compiuto nella notte nell'area del cantiere Tap in località San Basilio, a San Foca, Marina di Melendugno: con le ruspe sono state abbattute le barricate erette nelle strade a ridosso della zona Tap dopo la sentenza del TAR Lazio e che ostruivano il transito veicolare. Le barricate erano state erette dagli attivisti che protestano contro la realizzazione del gasdotto e contro l'espianto degli ulivi, in gran parte e a più riprese già eradicati e messi a dimora. Il blitz della polizia ha consentito di dare il via alla sistemazione degli ultimi 11 ulivi, già zollati, che ricadono nel cantiere.

01:09Venezuela annuncia la sua uscita dall’Osa

(ANSA) - CARACAS, 27 APR - La ministra degli Esteri del Venezuela Delcy Rodriguez ha annunciato oggi il ritiro dall'Organizzazione degli Stati Americani (Osa), dopo la convocazione di un vertice dei ministri degli esteri dell'organismo regionale per discutere la crisi a Caracas. "L'Osa ha insistito con le sue azioni intrusive contro la sovranità della nostra patria e dunque procederemo a ritirarci da questa organizzazione", ha detto Rodriguez, aggiungendo che "la nostra dottrina storica è segnata dalla diplomazia bolivariana della pace, e questo non c'entra niente con l'Osa". Sono salite a 28 le vittime delle proteste in corso nel paese.

00:20Calcio: Premier, Tottenham vince, rimane in scia Chelsea

(ANSA) - LONDRA, 26 APR - E' finito bene per il Tottenham di Mauricio Pochettino il derby londinese sul campo di un agguerrito Crystal Palace. Quando tutti gli attacchi degli Spurs si stavano rivelando inutili, al 32' è arrivato il colpo vincente di Eriksen, che con un bel destro da fuori area ha segnato il gol dell'1-0 che consente al Tottenham di rimanere in scia dei 'cugini' del Chelsea, primi nella Premier con +4 (78 punti contro 74) sui rivali. Negli altri posticipi di oggi del campionato inglese, successo di misura (1-0) dell'Arsenal sul Leicester e del Middlesbrough sul Sunderland.

00:12Calcio:Coppa Francia,Monaco schiera riserve,Psg lo surclassa

(ANSA) - PARIGI, 26 APR - Il Monaco semifinalista in Champions (tra una settimana c'è la sfida con la Juventus) e in piena corsa per il titolo della Ligue 1, preferisce lasciar perdere la Coppa nazionale. Così il tecnico Leonardo Jardim manda in campo nella semifinale contro il Paris SG una squadra imbottita di ragazzi delle giovanili e con i veterani italiani De Sanctis e Raggi. Il risultato è che i parigini travolgono i rivali con un 5-0 che li proietta in finale contro l'Angers. Di Draxler, Cavani, Matuidi e Marquinhos le reti del PSG, a cui va aggiunto l'autogol di Mbae.

00:04Calcio:Spagna,Barcellona e Real Madrid a valanga,13 gol in 2

(ANSA) - BARCELLONA, 26 APR - Dopo lo scontro diretto nel 'Clasico', targato Messi, il campionato spagnolo continua ad essere nel segno di Barcellona e Real Madrid e dei rispettivi, larghi, successi. Così è stato anche nelle partite di questo 34/o turno della Liga. Il Barcellona ha ricevuto al Camp Nou la visita dell'Osasuna, travolgendo per 7-1 il team basco, già indebolito dalle numerose assenze. Bellissima la coreografia del pubblico per i 500 gol di Messi, che ha ripagato il pubblico con una doppietta. A segno due volte anche Andrè Gomes e Paco Alcacer, mentre Mascherano ha segnato su rigore. Travolgente anche il Real Madrid, sul campo di un Deportivo La Coruna distratto in difesa e privo dei vari Kroos, Keylor Navas, Benzema, Carvajal, Cristiano Ronaldo e Modric per via del turn-over: è finita 6-2, con Morata in gol dopo 53 secondi. Al 14' ha raddoppiato James Rodriguez, poi sono arrivate le marcature di Lucas Vazquez, ancora James, Isco e Casemiro. Ora Real e Barcellona sono al comando, con 78 punti e +10 sull'Atletico Madrid.

23:41Ascoltare i suoni di Manhattan nel 17.o secolo

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Prima della colonizzazione, la natura a Manhattan era così rigogliosa che l'isola di New York poteva diventare "la gloria dei parchi nazionali americani": parola di Eric W. Sanderson della Wildlife Conservation Society. Ora, grazie al progetto Calling Thunder, si può entrare nella Manhattan del 17/mo secolo sentendo i suoni della natura, disponibili sul sito Unsung.NYC, dove vengono contrapposti al frastuono del 21/mo secolo, dando vita ad un ponte uditivo che attraversa 400 anni. Il progetto è basato sul lavoro di Sanderson e Markley Boyer, che hanno creato visualizzazioni del paesaggio di Manhattan nel 1609, allora conosciuta come Mannahatta, "l'isola dalle molte colline". Immagini messe al fianco della metropoli di oggi, dove al posto di colline e ruscelli ci sono da grattacieli e tunnel della metropolitana, e invece degli aceri rossi i pannelli luminosi di Times Square.

23:33Aste: diario JFK venduto a 781mila dlr

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Un diario scritto da John Fitzgerald Kennedy in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale durante la sua breve carriera da giornalista è stato venduto per 718mila dollari. Secondo la casa d'arte di Boston RR Auction era stimato 200mila dollari. Una vendita ben oltre le aspettative quindi. L'acquirente è un collezionista di Beverly Hills dell'ex presidente americano. Kennedy tenne il diario nel 1945, all'epoca aveva 28 anni e lavorava come corrisponde per il gruppo Hearst. All'interno sono contenuti suoi pensieri personali sui leader mondiali nonché sul futuro delle Nazioni Unite. Il diario di 61 pagine fu dato dallo stesso Kennedy a Deirdre Henderson, un'assistente del suo ufficio durante la campagna presidenziale alla fine degli anni '50.

Archivio Ultima ora