Schiaffo agli Usa, Putin sospende accordo sul plutonio

Pubblicato il 03 ottobre 2016 da ansa

Russian President Vladimir Putin (R) attends a military training exercise at the Donguz firing range in the Orenburg region, Russia, 19 September 2015.  EPA/ALEXEI NIKOLSKY / RIA NOVOSTI

Russian President Vladimir Putin (R) attends a military training exercise at the Donguz firing range in the Orenburg region, Russia, 19 September 2015. EPA/ALEXEI NIKOLSKY / RIA NOVOSTI

MOSCA. – Tavoli diversi, stessa partita. Mosca alza la posta in gioco e applica pressione agli Usa, sempre più vicini al giorno delle elezioni e ad un inevitabile cambio di amministrazione. Così, mentre ad Aleppo continua ad infuriare la battaglia, Vladimir Putin firma un decreto con cui “sospende” l’accordo di smaltimento del plutonio ‘avanzato’ dalle testate nucleari destinato al disarmo, ovvero uno dei capisaldi del disgelo post guerra fredda. Russia e Usa sul punto in questione sono in realtà in disaccordo da anni e tutto si riduce sul metodo adottato per trattare il plutonio. Ma i tempi di questa scelta sanno senz’altro di ‘guerra diplomatica asimmetrica’.

In sintesi. Il trattato è stato firmato nel 2000 e prevede che le due superpotenze nucleari smaltiscano 34 tonnellate (a testa) di materiale radioattivo ‘bruciandolo’ nei reattori nucleari dopo averlo trasformato in apposito carburante attraverso una certa – costosissima – procedura. Gli Stati Uniti si sono impegnati a costruire il centro di Savannah River in South Carolina proprio per trattare il materiale ma i costi sono schizzati alle stelle e l’attuale amministrazione ha deciso di utilizzare un altro metodo per smaltire il plutonio, più economico, che però non è “irreversibile”.

Tale materiale, insomma, potrebbe tornare ad essere usato in futuro per scopi bellici e i russi contestano agli americani di violare così l’accordo. Ecco allora che, dopo anni di tira e molla, Putin ha deciso di tagliare la testa al toro e ha motivato la scelta citando un “cambiamento radicale delle circostanze, la minaccia verso la stabilità strategica, a causa delle attività di carattere ostile da parte degli Usa nei confronti della Russia”, finanche la necessità “di prendere misure urgenti per la difesa della sicurezza nazionale.

Toni pesanti, proprio nel giorno in cui il vice ministro degli Esteri Gennady Gatilov ha annunciato che in Siria tutti i contatti fra le forze militari russe e quelle americane “sono stati interrotti”. Il capo della diplomazia russa, Serghei Lavrov, è poi intervenuto per spiegare che la sospensione dell’accordo non è indirizzata “ad aggravare i rapporti con gli Usa”, ma ha pure spiegato che per Washington si tratta di un “monito”: non è possibile trattare con la Russia “da una posizione di forza”. Traduzione: occhio perché qui rischiamo di far saltare il tavolo.

Non a caso il Cremlino, nell’inviare alla Duma il disegno di legge sulla sospensione dell’accordo, lo ha rimpinzato di richieste ‘impossibili’ che paiono quasi una versione contemporanea della ‘lettera dei cosacchi al Sultano’ – ovvero la volgare e irriverente missiva che sarebbe stata inviata a Mehmet IV nel 17esimo secolo in risposta alle sue altezzose richieste, vero e proprio evergreen del nazionalismo russo.

Nel ddl si legge infatti che la Russia ripristinerà l’accordo se Washington cancellerà “la legge Magnitsky e tutte le sanzioni anti-russe”, “s’impegnerà a pagare compensazioni per i danni da esse provocate, incluso quelli generati dalle contro-sanzioni”, varate dalla stessa Russia, oltre che a ridurre “la presenza militare nei Paesi entrati a far parte della Nato dopo il primo settembre 2000”. Uno schiaffo, più che una reale offerta sulla quale montare una seria trattativa.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

14:43Terrorismo: espulso pachistano, sospettato far parte rete

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stata eseguita l'espulsione di un cittadino pachistano, per motivi di sicurezza dello Stato. Si tratta di un 27enne, residente a Napoli, segnalato a seguito di indagini investigative in ambito di collaborazione internazionale perché ritenuto membro di una rete di suoi connazionali impegnata in "attività ricognitive" finalizzate a "possibili azioni controindicate nel nostro Paese". A seguito degli approfondimenti informativi che ne hanno confermato l'opera di monitoraggio svolta su potenziali obiettivi, il ministro dell'Interno ha emesso un provvedimento di espulsione. L'uomo è stato quindi rimpatriato con un volo decollato dalla frontiera aerea di Roma Fiumicino. Con quella di oggi sono 87 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 219 quelle eseguite dal 1° gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

14:39Migranti tentano espatrio attraverso fogne, salvati

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 21 OTT - Due migranti sono stati soccorsi a Mentone dopo essere rimasti intrappolati nell'impianto fognario nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia passando da un tombino. E' accaduto, ieri sera, vicino alla frontiera franco-italiana di Ponte San Ludovico, a Menton. Secondo quanto anticipato sul quotidiano francese Nice Matin, sono stati i sapeurs pompiers a estrarre i due migranti, ormai in crisi ipotermica. Una volta visitati e identificati sono stati riammessi alla polizia di frontiera italiana. Si tratterebbe della prima volta che viene utilizzato un sottoservizio per espatriare in modo clandestino. Molti i metodi utilizzati finora - il tetto dei treni, le cabine degli impianti elettrici, lungo ferrovia e autostrada e attraverso i passeur - ma mai in questo modo. (ANSA).

14:02Bankitalia: Alfano, autonomia istituto ma non è enclave

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 21 OTT - Su Bankitalia "adesso c'è solo da attendere la proposta del presidente del Consiglio e del ministro dell'Economia. Non alimenterei ulteriori polemiche, perché il punto essenziale adesso è la decisione del governo, su cui occorrerà concentrasi per fare la scelta più giusta". Così il ministro degli Esteri, Angelino Alfano: c'è "l'autonomia della Banca d'Italia e al tempo stesso la possibilità, il diritto delle forze politiche di dire la propria opinione. Non è una enclave la Banca d'Italia, della quale e sulla quale non si può discutere".

13:58L.elettorale: Di Maio, faremo di tutto per fermarla

(ANSA) - SCIACCA (AGRIGENTO), 21 OTT - "Faremo di tutto per fermare questa legge, e chiediamo a tutti gli italiani di scendere in piazza con noi mercoledì 25 al Senato. Circonderemo pacificamente il Senato per far sentire la nostra voce su una legge che non è contro il M5S ma contro gli italiani e la democrazia". Così Luigi Di Maio, a Sciacca per la campagna elettorale a sostegno del candidato M5s a Governatore della Sicilia Giancarlo Cancelleri. "Una legge elettorale - ha aggiunto il leader grillino - che favorisce le ammucchiate e i piccoli partiti. Non a caso Mastella intende rifare l'Udeur".

13:55Renzi, se Gentiloni confermasse Visco prenderò atto

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Qualsiasi nome il premier farà, non ci saranno problemi. Anche se dovesse confermare Visco, nessun problema. Prenderò atto della decisione del governo e qualsiasi decisione sarà non intaccherà minimamente i nostri rapporti. Gentiloni non ha bisogno di consigli. Paolo ha la mia stima, il mio rispetto e la mia amicizia. E le sue parole sull'indipendenza e l'autonomia della Banca d'Italia sono giuste". Così Matteo Renzi in una intervista all'Avvenire di domani (anticipazioni sul sito del quotidiano).

13:55Calcio: Delneri, Buffon si ritira? Spero continui a giocare

(ANSA) - UDINE, 21 OTT - "Buffon è un grande professionista; io sono onorato di averlo allenato e penso i tifosi di averlo visto all'opera". Lo ha detto oggi il tecnico dell'Udinese Gigi Delneri a chi gli ha ricordato che quella di domani potrebbe essere l'ultima al Friuli per il numero uno della Juventus se veramente il campione bianconero dovesse decidere di ritirarsi nella prossima stagione. "Spero per lui non lo sia. Mi sembra che abbia lasciato una traccia importante per la visione di un ruolo come quello del portiere. E’ stato artefice del cambiamento strutturale del ruolo dei portieri. Credo abbia dimostrato come si possa diventare un attaccante pur essendo in porta", ha aggiunto ricordando anche la sua figura di uomo. "Un ragazzo a posto che ha dimostrato che in tutti gli ambienti bisogna avere professionalità, essere uomini, credere in quello che si fa. Un esempio per tutti, anche per i bambini".

13:47Sport e fair play: consegnati gli Award 2017 per videospot

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Sport e fair play: consegnati a Roma gli Award della quarta edizione del Video-spot Festival alle scuole superiori italiane sul tema 'Vivere da sportivi, a scuola di fair play'. Si tratta di una competizione multimediale inserita in una campagna di sensibilizzazione giovanile sul significato sociale dei valori etici dello sport. 12 le scuole finaliste, 6 i premi assegnati nella sezione Video, 7 per gli Spot, due alla sezione Speciale e 2 fuori concorso agli Ospedali Pediatrici. I best video 2017 sono 'Salviamo gli ultras' realizzato dagli studenti dell'istituto Tommaso D'Oria di Ciriè (Torino) e 'Si gioca solo con regole condivise' dei ragazzi del liceo sportivo Galilei di Siena. La cerimonia finale di premiazione si è svolta alla Scuola Superiore di Polizia. Tema della competizione multimediale 2017 lanciata da Monica Promontorio, sono stati in particolare i temi d'integrazione, inclusione, bullismo e cyber-bullismo, parità di genere, ambiente. (ANSA).

Archivio Ultima ora