Siria: sale la tensione tra Usa e Russia, Mosca schiera i missili

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da ansa

In this still image taken from video footage provided by the Daret Izza Media Office, an anti-government activist group, which has been authenticated based on its contents and other AP reporting, a big blast is seen at the edge of the city accompanied by a large plume of smoke and debris rising from the skyline, Daret Izza, Syria, Tuesday, Oct. 4, 2016.  (Daret Izza Media Office via AP)

In this still image taken from video footage provided by the Daret Izza Media Office, an anti-government activist group, which has been authenticated based on its contents and other AP reporting, a big blast is seen at the edge of the city accompanied by a large plume of smoke and debris rising from the skyline, Daret Izza, Syria, Tuesday, Oct. 4, 2016. (Daret Izza Media Office via AP)

BEIRUT. – Si infiamma lo scontro verbale tra Stati Uniti e Russia sulla Siria: dopo l’annuncio di Washington della sospensione dei contatti bilaterali, Mosca ha confermato di aver schierato sistemi missilistici S-300 sulla costa siriana. Intanto proseguono i raid aerei russi e governativi sui quartieri orientali di Aleppo, controllati dagli insorti che però sono accerchiati da una sempre più stretta morsa dei soldati del presidente Assad.

A proposito del sistema antimissili, Mosca ha confermato le anticipazioni Usa che parlavano dell’arrivo nel porto siriano di Tartus di componenti per il sistema antimissili S-300. Analisti locali e internazionali escludono comunque il rischio di una escalation militare. E ricordano che l’attuale amministrazione americana ha dato ampiamente prova di non considerare la partita siriana prioritaria come quella irachena o ucraina.

Dopo settimane di tensioni e minacce di interruzione dei contatti da parte del segretario di Stato Usa John Kerry, era arrivato l’annuncio ufficiale del Dipartimento di Stato, che aveva fatto seguito a quello di Mosca sullo stop dei contatti militari fra i due Paesi. Per Kerry la rottura è inevitabile ma si continua a lavorare per la “pace”.

“Con gli Stati Uniti non stiamo vivendo una nuova guerra fredda”, ha poi assicurato l’ambasciatore russo all’Onu, Vitaly Churkin. “Guerra fredda significa scontrarsi su qualsiasi argomento, non è questo il caso, ma ci sono differenze, interessi divergenti”, ha precisato.

Kerry è comunque tornato ad accusare Mosca di “legare i suoi interessi e la sua reputazione al regime (siriano del presidente Bashar) Assad”. “E’ una scelta irresponsabile e profondamente mal consigliata”, ha detto Kerry. Per il ministro degli esteri italiano Paolo Gentiloni, “quella americana è una decisione inevitabile. Non c’è da rallegrarsi, ma gli Usa hanno preso atto di una situazione degenerata”.

Mosca ha respinto le accuse, rilanciandole nel campo opposto. Il ministero degli esteri russo ha detto di aver l’impressione che “Washington sia pronta a fare un ‘patto col diavolo’ (cioè con gli insorti anti-Assad) per assicurarsi l’agognato cambio di potere a Damasco”.

Sul terreno però Aleppo est non sembra esser soccorsa da nessun aiuto regionale e internazionale. I circa 25mila miliziani delle opposizioni asserragliati nei quartieri orientali sono sotto attacco da nord e da est. E i raid aerei russi e governativi continuano senza sosta su postazioni civili. In questa parte della città assediata secondo l’Onu rimangono circa 275mila civili.

A nord di Aleppo si consuma intanto un’altra guerra, quella della Turchia per stabilire una “zona di sicurezza” a ridosso del confine per frenare l’avanzata curda. Ma in quel territorio c’è ancora l’Isis che nelle ultime 24 ore ha ucciso decine di miliziani siriani arabi assoldati da Ankara, secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus). Sempre l’Ondus ha aggiornato il bilancio di un attentato suicida rivendicato dall’Isis nella regione nord-orientale di Hasake, a maggioranza curda: 31 morti, tra cui bambini e donne, nell’attentato suicida a un matrimonio a cui partecipava un noto leader militare curdo.

(di Lorenzo Trombetta/ANSAmed)

Ultima ora

04:28Bus ungherese si incendia in A4, 4 morti e alcuni feriti

VENEZIA - Sarebbero 4, secondo le prime informazioni, le persone decedute nell'incidente avvenuto poco prima di mezzanotte lungo la A4, a Verona est che ha coinvolto un autobus di nazionalità ungherese, pare con a bordo diversi ragazzi tra i 14 e i 18 anni. Ci sarebbero anche alcuni feriti. Secondo una prima ricostruzione, l'autobus ha preso fuoco dopo essere finito contro un pilone dell'autostrada. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale e i vigili del fuoco. Al momento il tratto autostradale é stato chiuso in direzione Venezia con uscita obbligatoria a Verona Sud.

02:19Trump e Melania entrano alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 21 GEN - Donald Trump e Melania entrano alla Casa Bianca con tutta la famiglia Trump al completo. La coppia uscirà a breve per partecipare ai balli in loro onore.

02:17Trump: polizia, 217 arresti in scontri a Washington

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Sono 217 gli arresti effettuati a Washington durante le proteste nel corso dell'Inauguration Day. Lo ha reso noto la Polizia della capitale americana, riferendo inoltre che sei poliziotti sono rimasti feriti in maniera lieve negli scontri con i manifestanti.

01:00Calcio: rientro Balotelli non basta, Nizza fa 1-1 con Bastia

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il ritorno di Mario Balotelli, al rientro dopo aver scontato due giornate di squalifica, non è bastato al Nizza per vincere sul campo dei 'rivali storici' del Bastia nell'anticipo di oggi della Ligue 1. Al vantaggio della squadra della Corsica con Oniangué ha risposto per il Nizza il difensore Souquet. Così adesso per il Nizza sono trascorsi 32 giorni dall'ultima vittoria, quella del 18 dicembre in casa per 2-1 contro il Digione, con doppietta di Balotelli (oggi poco assistito dai compagni). Da quel giorno la squadra rossonera ha ottenuto tre pareggi in campionato e una sconfitta in Coppa di Francia. E ora il Nizza, che è in vetta con 46 punti con + 1 sul Monaco, rischia di perdere il primato ed essere staccato dalla squadra del Principato, in campo domenica contro il Lorient penultimo.

00:42Rugby: 6 Nazioni, lunedì 23 allenamento azzurri è aperto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - La nazionale italiana di rugby apre subito le porte al proprio pubblico in vista dell'esordio nel 6 Nazioni 2017 fissato per domenica 5 febbraio all'Olimpico di Roma contro il Galles. Parisse e compagni si raduneranno al Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti" di Roma nella serata di domenica 22 gennaio, per una tre giorni di raduno in vista delle prime due gare del torneo (l'11 febbraio, sempre a Roma, è in calendario il secondo turno contro l'Irlanda). Lunedì 23 alle ore 14.30 svolgeranno sul prato dell'Onesti la prima sessione di allenamento, interamente aperta ai sostenitori azzurri. Per i tifosi ci sarà la possibilità di incontrare i giocatori, dopo il lavoro sul campo, per foto e autografi di rito.

00:24Atletica: Tamberi ha problemi, venerdì 27 consulto medico

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Su richiesta di Gianmarco Tamberi e del padre allenatore Marco, il medico della Fidal Andrea Billi ha disposto un consulto per definire la natura dei problemi alla caviglia di stacco (operata nel luglio scorso) ancora avvertiti dall'azzurro. Il consulto si terrà venerdì 27 gennaio a Roma, presso l'Istituto di Medicina dello sport, alla presenza degli specialisti in chirurgia artroscopica della caviglia Francesco Allegra, Francesco Lioi, e Raul Zini, oltre che del Direttore dell'Istituto, prof. Antonio Spataro. Tamberi, che ha affrontato un primo periodo di preparazione in Sudafrica, a Stellebosch, a cavallo dei mesi di dicembre e gennaio, è rientrato in Italia da una settimana. L'obiettivo del campione del mondo indoor dell'alto, grande assente dell'Olimpiade di Rio de Janeiro a causa dell'infortunio patito al meeting Diamond League di Montecarlo del 15 luglio scorso, è quello di rientrare alle gare nel corso della stagione estiva. "Ma potrei tornare di nuovo in sala operatoria", commentato l'azzurro.

00:21Calcio: Coppa Africa, Marocco-Togo 3-1

(ANSA) - LIBREVILLE, 20 GEN - Il Marocco ha battuto il Togo per 3-1 in una partita del gruppo C della Coppa d'Africa. Togolesi in vantaggio al 5' pt con Dossevi, poi le reti dei marocchini di capitan Benatia con Bouhaddouz (15' pt) Saiss (21' pt) ed En Nesyri (27' st). Quest'ultimo era entrato al 15' st al posto del napoletano El Kaddouri. Questa del Marocco è una vittoria molto importante, visto che riapre il discorso qualificazione: ora la nazionale del ct Renard se la giocherà contro la Costa d'Avorio. Il Togo, invece, è praticamente fuori dal torneo continentale.

Archivio Ultima ora