Siria: sale la tensione tra Usa e Russia, Mosca schiera i missili

Pubblicato il 04 ottobre 2016 da ansa

In this still image taken from video footage provided by the Daret Izza Media Office, an anti-government activist group, which has been authenticated based on its contents and other AP reporting, a big blast is seen at the edge of the city accompanied by a large plume of smoke and debris rising from the skyline, Daret Izza, Syria, Tuesday, Oct. 4, 2016.  (Daret Izza Media Office via AP)

In this still image taken from video footage provided by the Daret Izza Media Office, an anti-government activist group, which has been authenticated based on its contents and other AP reporting, a big blast is seen at the edge of the city accompanied by a large plume of smoke and debris rising from the skyline, Daret Izza, Syria, Tuesday, Oct. 4, 2016. (Daret Izza Media Office via AP)

BEIRUT. – Si infiamma lo scontro verbale tra Stati Uniti e Russia sulla Siria: dopo l’annuncio di Washington della sospensione dei contatti bilaterali, Mosca ha confermato di aver schierato sistemi missilistici S-300 sulla costa siriana. Intanto proseguono i raid aerei russi e governativi sui quartieri orientali di Aleppo, controllati dagli insorti che però sono accerchiati da una sempre più stretta morsa dei soldati del presidente Assad.

A proposito del sistema antimissili, Mosca ha confermato le anticipazioni Usa che parlavano dell’arrivo nel porto siriano di Tartus di componenti per il sistema antimissili S-300. Analisti locali e internazionali escludono comunque il rischio di una escalation militare. E ricordano che l’attuale amministrazione americana ha dato ampiamente prova di non considerare la partita siriana prioritaria come quella irachena o ucraina.

Dopo settimane di tensioni e minacce di interruzione dei contatti da parte del segretario di Stato Usa John Kerry, era arrivato l’annuncio ufficiale del Dipartimento di Stato, che aveva fatto seguito a quello di Mosca sullo stop dei contatti militari fra i due Paesi. Per Kerry la rottura è inevitabile ma si continua a lavorare per la “pace”.

“Con gli Stati Uniti non stiamo vivendo una nuova guerra fredda”, ha poi assicurato l’ambasciatore russo all’Onu, Vitaly Churkin. “Guerra fredda significa scontrarsi su qualsiasi argomento, non è questo il caso, ma ci sono differenze, interessi divergenti”, ha precisato.

Kerry è comunque tornato ad accusare Mosca di “legare i suoi interessi e la sua reputazione al regime (siriano del presidente Bashar) Assad”. “E’ una scelta irresponsabile e profondamente mal consigliata”, ha detto Kerry. Per il ministro degli esteri italiano Paolo Gentiloni, “quella americana è una decisione inevitabile. Non c’è da rallegrarsi, ma gli Usa hanno preso atto di una situazione degenerata”.

Mosca ha respinto le accuse, rilanciandole nel campo opposto. Il ministero degli esteri russo ha detto di aver l’impressione che “Washington sia pronta a fare un ‘patto col diavolo’ (cioè con gli insorti anti-Assad) per assicurarsi l’agognato cambio di potere a Damasco”.

Sul terreno però Aleppo est non sembra esser soccorsa da nessun aiuto regionale e internazionale. I circa 25mila miliziani delle opposizioni asserragliati nei quartieri orientali sono sotto attacco da nord e da est. E i raid aerei russi e governativi continuano senza sosta su postazioni civili. In questa parte della città assediata secondo l’Onu rimangono circa 275mila civili.

A nord di Aleppo si consuma intanto un’altra guerra, quella della Turchia per stabilire una “zona di sicurezza” a ridosso del confine per frenare l’avanzata curda. Ma in quel territorio c’è ancora l’Isis che nelle ultime 24 ore ha ucciso decine di miliziani siriani arabi assoldati da Ankara, secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus). Sempre l’Ondus ha aggiornato il bilancio di un attentato suicida rivendicato dall’Isis nella regione nord-orientale di Hasake, a maggioranza curda: 31 morti, tra cui bambini e donne, nell’attentato suicida a un matrimonio a cui partecipava un noto leader militare curdo.

(di Lorenzo Trombetta/ANSAmed)

Ultima ora

14:49Investì e uccise uomo, ma non era positivo a test droga

(ANSA) - MANFREDONIA (FOGGIA), 28 FEB - Investì con l'auto un uomo che camminava sul ciglio della strada, il quale morì sul colpo, ma non era sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Inoltre nel causare l'investimento ci fu un concorso di colpa perché la vittima camminava al buio sul ciglio della strada nello stesso senso di marcia dell'autovettura che la investì e non, come dice la legge, nel senso opposto, qualora non vi siano banchine o marciapiedi. L'investitore procedeva invece a velocità superiore ai 50 chilometri orari previsti dalla legge. E' quanto ha stabilito il gup del tribunale di Foggia Elena Carusillo, in relazione ad un investimento mortale che si è verificato il 24 giugno 2016, lungo la sp 141 che collega Zapponeta a Manfredonia, nel Foggiano. La sentenza, riferisce il difensore dell'automobilista, l'avvocato Michele Cianci, chiarisce che l'investitore, Pasquale Vurro, non era sotto l'effetto di stupefacenti. Il gup lo ha condannato ad otto mesi per omicidio colposo con sospensione della pena.

14:48Camorra: esponente clan Bidognetti voleva uccidere pm

(ANSA) - CASERTA, 28 FEB - Avrebbe manifestato il chiaro intento di uccidere il sostituto procuratore della Dda Cesare Sirignano (oggi in forza alla Direzione Nazionale Antimafia, ndr) il 34enne Nicola Russo, ritenuto esponente del clan dei Casalesi, arrestato oggi dalla Squadra Mobile di Caserta nell' ambito di un'indagine della Dda di Napoli che ha coinvolto in totale nove persone, accusate di far parte di un gruppo legato alla famiglia Bidognetti. Famiglia nel cui interesse Russo - secondo l'accusa della Dda di Napoli - avrebbe gestito tra agosto e novembre 2015 gli affari illeciti nel comune di Castel Volturno. L'intenzione emerge da un'intercettazione ambientale captata durante le indagini in cui Russo farebbe un chiaro riferimento al pm che allora indagava proprio sugli affari del clan sul litorale tra Castel Volturno e Mondragone; tra l'altro la Mobile ha sequestrato a Russo anche una mitraglietta.

14:46F1: Marchionne, non so se vinciamo Mondiale

(ANSA) - MODENA, 28 FEB - "Ottimisti? Sì, ma non so se vincerà il campionato". Sergio Marchionne parla così delle aspettative che quest'anno il Cavallino potrebbe realizzare nel mondiale di F1. L'ad e presidente di Ferrari, accompagnato dai vicepresidenti John Elkann e Piero Ferrari, questa mattina a Modena ha inaugurato la mostra 'Driving with the stars' al Museo Enzo Ferrari. "Ma non ci dobbiamo vergognare quest'anno, ed è importante". Infine un commento sugli eventi che quest'anno celebreranno il settantesimo dalla nascita della Ferrari: "Il 2017? Tanti eventi, sì. Ma vorrei festeggiare anche in F1", ha aggiunto Marchionne.

14:43Pm chiede giudizio immediato per Marra e Scarpellini

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - Richiesta di giudizio immediato per Raffaele Marra, ex capo del personale del Campidoglio, e per Sergio Scarpellini, immobiliarista, arrestati il 16 dicembre scorso nell'ambito di un'inchiesta della procura di Roma su una presunta corruzione per funzione. A firmare il provvedimento il procuratore aggiunto Paolo Ielo ed il sostituto Barbara Zuin. La vicenda in cui sono coinvolti i due indagati è quello dei 370 mila euro dati da Scarpellini all'ex braccio destro della sindaca Virginia Raggi per l'acquisto di un appartamento nella zona dei Prati Fiscali. Per gli inquirenti quella dazione era finalizzata a far ottenere favori a Scarpellini alla luce della posizione occupata da Marra in Campidoglio. Entrambi gli indagati (Marra è sempre a Regina Coeli, mentre Scarpellini è detenuto presso il domicilio) hanno respinto l'accusa sostenendo che la somma di danaro oggetto di contestazione costituisse un semplice prestito.

14:40Comune Treviso licenzia dipendente ‘assenteista’

(ANSA) - TREVISO, 28 FEB - E' stato licenziato un dipendente comunale a Treviso che era già stato sospeso perché durante l'orario di lavoro in più occasioni si recava in palestra o ritornava a casa. "Siamo andati fino in fondo - ha detto il sindaco Giovanni Manildo, commentando il provvedimento - perché è giusto che chi sbaglia paghi. Soprattutto, torno a ripeterlo, per tutti quei dipendenti del nostro Comune che lavorano con grande passione e spirito di sacrificio". Il dipendente, considerato recidivo perché già sospeso in passato dall'attività lavorativa per sei mesi, è stato seguito dagli agenti della polizia locale per diversi mesi dall'estate del 2016. In otto occasioni su dieci si è potuto accertare come durante l'orario di lavoro si recasse in palestra o a casa. Sospeso dal servizio come previsto dal decreto Madia, insieme alla denuncia per truffa l'uomo è stato denunciato anche alla Corte dei Conti per danno all'immagine. Dopo l'audizione dell'uomo, con il suo legale, l'amministrazione ha deciso il licenziamento.

14:32DJ Fabo: Gentiloni, il confronto parlamentare è doveroso

(ANSA) - MILANO, 28 FEB - "Mi sento colpito dalla vicenda come tutti i nostri concittadini": così a Milano il premier Paolo Gentiloni ha commentato la morte di Dj Fabo. "Il Governo - ha aggiunto - guarda con rispetto al confronto parlamentare che c'è e credo sia doveroso e interpella le coscienze dei singoli parlamentari". "Certo - ha precisato - la legge allo studio riguarda "il testamento biologico, non l'eutanasia".

14:29Ue: Kaczynski, Tusk non avrà l’appoggio della Polonia

(ANSA) - VARSAVIA, 27 FEB - Donald Tusk non può contare sull'appoggio del governo di Varsavia per la sua rielezione alla presidenza del Consiglio Ue. Lo ha detto oggi Jaroslaw Kaczynski, il leader del partito populista Diritto e giustizia (Pis) al governo. Tusk, secondo lui, starebbe "violando le regole fondamentali dell'Ue". In particolare, ha affermato Kaczynski, "quella della neutralità in riferimento ai problemi interni dei Paesi membri". "Perciò Tusk non può assolutamente contare sul nostro appoggio", ha concluso Kaczynski. Il mandato di Tusk scade a maggio.

Archivio Ultima ora