Usa2016: il duello dei vice a Pence, l’altro volto repubblicano

Pubblicato il 05 ottobre 2016 da ansa

Mike Pence

Mike Pence

WASHINGTON. – Il primo ed unico duello tv tra i candidati vice alla Casa Bianca l’ha vinto il repubblicano Mike Pence, secondo l’impressione unanime dei giornalisti, confermata dai primi sondaggi e dai focus group. E l’ha vinto senza difendere puntigliosamente Donald Trump e i suoi eccessi dalla raffica di attacchi del rivale Tim Kaine. Anzi, nutrendo forse già ambizioni presidenziali nel 2020, si è proposto come il volto moderato e rassicurante del ticket, l’altra faccia del partito repubblicano, quello dell’establishment che confida in lui e dei valori conservatori, per far presa sull’elettorato più tradizionale del Grand Old Party.

Insomma, un vice ‘compensativo’ e quasi alternativo, tanto da fare promesse e proposte che Donald Trump non ha mai apertamente sostenuto, come la necessità di bombardare l’esercito di Assad in Siria e di riformare la giustizia penale. Kaine, che giocava in casa come senatore della Virginia, è apparso invece troppo aggressivo e sovraeccitato, interrompendo spesso il suo interlocutore, un po’ come ha fatto Donald Trump con Hillary Clinton nel primo dibattito, anche se sicuramente come vice (rafforzativo) è stato migliore di Pence nel difendere il suo nominee vigorosamente. A volte anche esageratamente, come quando ha attribuito a Clinton il merito dei negoziati sul nucleare iraniano.

Naturalmente gli staff di Trump e Clinton si contendono la vittoria nel duello dei vice, promuovendoli a pieni voti. Ma almeno sembrano d’accordo sul fatto che non cambierà la traiettoria della campagna elettorale, anche se è stato visto da 40-50 milioni di telespettatori, la metà di quelli che hanno seguito il dibattito dei nominee.

Per il senatore Kaine e il governatore dell’Indiana Pence, quasi coetanei (rispettivamente 58 e 57 anni), e’ stata comunque l’occasione per uscire dall’ombra, dando un esempio di quanto diversa sarebbe stata una campagna con candidati ‘normali’.

Per Trump è un momento da capitalizzare per distrarre dai troppi problemi che recentemente hanno stoppato la sua rimonta: le offese a miss Piggy e alle donne, la controversa attività della sua fondazione, le tasse federali non pagate, gli affari con Cuba e l’Iran nonostante l’embargo e le sanzioni.

Kaine ha attaccato su tutti i fronti, chiedendo sin dall’inizio come il suo rivale avrebbe potuto difendere una campagna fatta di insulti, ma Pence, con la sua voce calda, la sua postura rilassata e il tono pacato di chi non ‘abbocca’ agli attacchi dell’avversario è stato abile nel dribblare o negare le accuse. E quando il senatore ha accusato Trump e Pence di apprezzare un “dittatore” come Putin ritenendolo un leader migliore di Barack Obama, il vice repubblicano ha replicato che è stata la “debole e fallimentare” politica estera dell’attuale presidente, ispirata dalla Clinton, a stuzzicare l’aggressività dell’orso russo, “che non muore mai ma va solo in letargo”.

Al ritratto di una Hillary ‘debole’, Kaine ha contrapposto quello di un Donald “maniaco”, di quelli che Ronald Reagan temeva potessero scatenare l’apocalisse nucleare. Sul terreno più scivoloso, quello delle tasse federali non pagate, Pence ha fatto muro sulla posizione di Trump, elogiando la sua capacità di sfruttare le normative fiscali rispettando la legge.

Con una moderatrice poco incisiva, Elaine Quijano della Cbs, Kaine ha dovuto andare all’attacco da solo, a volte dando l’impressione di avere troppe cartucce da sparare, spesso in una sola volta, tanto che Pence lo provocava chiedendogli “quanto l’hai provata questa battuta?”. Alla fine però è riuscito a fargli perdere la pazienza rinfacciandogli gli insulti di Trump ai messicani: “senatore, ha tirato fuori nuovamente questa cosa dei messicani”, ha reagito esasperato Pence, con una frase diventata virale sul web. L’ennesimo boomerang controproducente sulla vasta comunità ispanica.

Ultima ora

18:01Migranti: in primavera centro in ex scuola polizia Monastir

(ANSA) - CAGLIARI, 22 FEB - Ottanta posti e apertura entro la prossima primavera. Il centro di accoglienza nell'ex scuola di polizia penitenziaria a Monastir vedrà presto la luce. Lo ha annunciato il prefetto di Cagliari, Giuliana Perrotta, a margine della Conferenza regionale delle autorità di pubblica sicurezza. "Una parte del compendio è stata già sistemata - ha spiegato - come già detto più volte, sarà utilizzato proprio per gli sbarchi diretti che avvengono sulle coste meridionali della Sardegna. All'interno si eseguiranno gli accertamenti sanitari e quelli di polizia legati all'identificazione. Successivamente nei confronti di questi migranti verrà adottato il decreto di espulsione e la maggior parte di loro lascerà il territorio". La data di apertura del centro non è ancora certa: manca infatti l'assegnazione a una delle società che hanno partecipato al bando, le prime due sono siciliane. "La gestione - conferma il prefetto - verrà assegnata più avanti. Sono in fase di completamento da parte dell'ufficio competente gli atti amministrativi per la sottoscrizione della convenzione". Oggi nel corso della Conferenza si è anche affrontato il problema degli sbarchi diretti. "Abbiamo fatto una valutazione di incidenza sui flussi migratori e sulla delittuosità - ha sottolineato Giuliana Perrotta - secondo i dati delle forze dell'ordine l'incidenza è bassa, anche al di sotto della media nazionale. In Italia si attesta sul 20%, in Sardegna intorno al 7%. Si registrano casi di reati predatori, come scippi e rapine, per questo sono stati intensificati i controlli mettendo in campo un numero maggiore di uomini".(ANSA).

17:55Incidenti stradali: furgone si ribalta, 1 morto su Autolaghi

(ANSA) - MILANO, 22 FEB - Un furgone si è ribaltato sull'Autolaghi, all'intersezione fra la A8 e la A9, in un incidente che ha causato la morte di uno dei tre uomini a bordo mentre gli altri due sono stati trasportati in gravissime condizioni in ospedale. Secondo una prima ricostruzione, il furgone, che andava verso Nord, ha colpito l'angolo di un guardrail e si è ribaltato. Nell'incidente sarebbe rimasto coinvolto anche un altro mezzo. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco e il 118, che ha constatato il decesso di uno dei tre uomini. Un altro è stato trasportato con l'elisoccorso al San Gerardo di Monza, mentre il terzo, un ragazzo di vent'anni, è stato portato all'ospedale di Varese.(ANSA).

17:40Roma: Spalletti “Totti col Villareal, Dzeko-Salah no”

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Totti in campo, Dzeko e Salah a riposo: sono le scelte di Spalletti per Roma-Villareal. "Se non siamo all'altezza della situazione, quella di domani può rivelarsi una partita difficile. La storia del calcio racconta di risultati clamorosi. Quello che si può accostare a questa partita è Milan-Deportivo, da 4-1 a 4-0. Noi non gestiremo il risultato, si deve entrare in campo per vincere la partita. Dobbiamo fare bene come all'andata. Se non sarà così rimarrò deluso". Lo ha dichiarato l'allenatore della Roma, Luciano Spalletti, alla vigilia del ritorno dei 16/i di Europa League contro il Villarreal. In Spagna una settimana fa i giallorossi si sono imposti con un netto 4-0. Rispetto agli ultimi impegni Spalletti farà un ampio turn-over per far rifiatare alcuni elementi della rosa: "Qualcosa verrà fatto. Gioca chi ha giocato meno, ma ci vuole fantasia a chiamare riserve giocatori come Vermaelen, Juan Jesus, Paredes, Perotti, El Shaarawy, Mario Rui. Totti? Francesco gioca. Salah e Dzeko invece non giocheranno".

17:31Migranti: 10 mila sbarchi da inizio anno, +35% rispetto 2016

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Superata la quota 10mila sbarchi dall'inizio dell'anno, con un notevole incremento rispetto sia al 2016 sia al 2015. Dal 1 gennaio ad oggi sono infatti arrivati 10.700 migranti, il 35,53% in più dello scorso anno - quando nello stesso periodo sono sbarcati 7.895 migranti - e il 35,75% in più del 2015, quando gli arrivi si fermarono a 7.882. Lo ha rilevato il ministro dell'Interno, Marco Minniti nel corso di un'audizione alla commissione migranti. Il ministro ha anche sottolineato come i fondi per i minori stranieri non accompagnati hanno avuto un "aumento significato": dai 112 milioni del 2016 e dei due anni precedenti, si è passati ai 170 milioni per il triennio 2017-2019. L'anno scorso c'è stato un raddoppio dei minori non accompagnati arrivati in Italia: dai 12.360 del 2015 ai 25.846 del 2016. Il titolare del Viminale ha poi auspicato che "vada rapidamente in aula al Senato il testo di legge" sui minori: "se fosse approvato - ha concluso - sarebbe un segnale molto importante".

17:16San Camillo: Cei, obiezione è un diritto

(ANSA) - ROMA, 22 FEB - La decisione di assumere al San Camillo di Roma medici dedicati all'interruzione di gravidanza, impedendo loro dunque l'obiezione di coscienza, "snatura l'impianto della legge 194 che non aveva l'obiettivo di indurre all'aborto ma prevenirlo. Predisporre medici appositamente a questo ruolo è una indicazioni chiara". Lo dice all'ANSA Don Carmine Arice, direttore dell'Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei, che sottolinea: "Non si rispetta un diritto di natura costituzionale quale è l'obiezione di coscienza. Il ministero della Salute ha fatto recentemente un'indagine appurando che il numero di medici non obiettori risulta sufficiente per coprire ampiamente la domanda" di interruzioni volontarie di gravidanza. "Tutto questo - commenta il direttore dell'ufficio della Pastorale sanitaria della Cei - fa molto dubitare sulla bontà di questo provvedimento".

17:11Terremoto: direttore ricostruzione Marche, lavoriamo h24

(ANSA) - ANCONA, 22 FEB - "Dal 24 agosto lavoriamo tutti i giorni e facciamo tutto quanto è nelle nostre possibilità con la 'fissa' di risolvere i problemi" causati dal sisma. Lo ha detto Cesare Spuri, direttore dell'Ufficio speciale per la ricostruzione, dopo l'incontro con una delegazione di terremotati e rappresentanti della rete di realtà sociali Terre in Moto, che stamani ha dato vita ad un sit-in di protesta sotto la sede della Regione Marche per denunciare i ritardi nella ricostruzione. Sulle Soluzioni abitative di emergenza, le casette, che nelle Marche ancora non ci sono, Spuri ha ricordato che ne sono state ordinate altre 700 e che sono stati conclusi incontri con i sindaci per chiarire i fabbisogni dei Comuni ''e bruciare le tappe''. La priorità è ricostruire le comunità'' ha rimarcato. Il direttore ha inoltre preannunciato una serie di incontri con le popolazioni terremotate per ascoltare le loro esigenze e per spiegare quanto si sta facendo. Probabilmente verranno anche aperti altri uffici informazioni.

17:02Tranciati cavi linea Ferrotramviaria, ‘siamo sotto attacco’

(ANSA) - BARI, 22 FEB - "Sotto attacco di un esercito organizzato, preparato, che sa quel che fa perchè agisce di notte, al buio" su linee elettriche alimentate da 3.500 volt "correndo dei rischi altissimi". Così il direttore generale di Ferrotramviaria, Massimo Nitti, ha denunciato questa mattina a Bari, in una conferenza stampa, i ripetuti tentativi di furti alla linea elettrica, cinque negli ultimi 25 giorni e due contemporaneamente la notte scorsa, che stanno creando "gravi disagi ai passeggeri". Ferrotramviaria è la società che gestisce anche la linea a binario unico Andria-Corato su cui, lo scorso 12 luglio, si sono scontrati frontalmente due convogli provocando la morte di 23 persone. "Se questa storia continua qualche problema dobbiamo porcelo - ha detto Nitti - Chiediamo agli inquirenti di indagare". "Stanotte, sicuramente, è stato fatto in maniera scientifica in due punti: in uno il rame non è nemmeno stato portato via nell'altro non ci sono riusciti".

Archivio Ultima ora