Usa2016: il duello dei vice a Pence, l’altro volto repubblicano

Pubblicato il 05 ottobre 2016 da ansa

Mike Pence

Mike Pence

WASHINGTON. – Il primo ed unico duello tv tra i candidati vice alla Casa Bianca l’ha vinto il repubblicano Mike Pence, secondo l’impressione unanime dei giornalisti, confermata dai primi sondaggi e dai focus group. E l’ha vinto senza difendere puntigliosamente Donald Trump e i suoi eccessi dalla raffica di attacchi del rivale Tim Kaine. Anzi, nutrendo forse già ambizioni presidenziali nel 2020, si è proposto come il volto moderato e rassicurante del ticket, l’altra faccia del partito repubblicano, quello dell’establishment che confida in lui e dei valori conservatori, per far presa sull’elettorato più tradizionale del Grand Old Party.

Insomma, un vice ‘compensativo’ e quasi alternativo, tanto da fare promesse e proposte che Donald Trump non ha mai apertamente sostenuto, come la necessità di bombardare l’esercito di Assad in Siria e di riformare la giustizia penale. Kaine, che giocava in casa come senatore della Virginia, è apparso invece troppo aggressivo e sovraeccitato, interrompendo spesso il suo interlocutore, un po’ come ha fatto Donald Trump con Hillary Clinton nel primo dibattito, anche se sicuramente come vice (rafforzativo) è stato migliore di Pence nel difendere il suo nominee vigorosamente. A volte anche esageratamente, come quando ha attribuito a Clinton il merito dei negoziati sul nucleare iraniano.

Naturalmente gli staff di Trump e Clinton si contendono la vittoria nel duello dei vice, promuovendoli a pieni voti. Ma almeno sembrano d’accordo sul fatto che non cambierà la traiettoria della campagna elettorale, anche se è stato visto da 40-50 milioni di telespettatori, la metà di quelli che hanno seguito il dibattito dei nominee.

Per il senatore Kaine e il governatore dell’Indiana Pence, quasi coetanei (rispettivamente 58 e 57 anni), e’ stata comunque l’occasione per uscire dall’ombra, dando un esempio di quanto diversa sarebbe stata una campagna con candidati ‘normali’.

Per Trump è un momento da capitalizzare per distrarre dai troppi problemi che recentemente hanno stoppato la sua rimonta: le offese a miss Piggy e alle donne, la controversa attività della sua fondazione, le tasse federali non pagate, gli affari con Cuba e l’Iran nonostante l’embargo e le sanzioni.

Kaine ha attaccato su tutti i fronti, chiedendo sin dall’inizio come il suo rivale avrebbe potuto difendere una campagna fatta di insulti, ma Pence, con la sua voce calda, la sua postura rilassata e il tono pacato di chi non ‘abbocca’ agli attacchi dell’avversario è stato abile nel dribblare o negare le accuse. E quando il senatore ha accusato Trump e Pence di apprezzare un “dittatore” come Putin ritenendolo un leader migliore di Barack Obama, il vice repubblicano ha replicato che è stata la “debole e fallimentare” politica estera dell’attuale presidente, ispirata dalla Clinton, a stuzzicare l’aggressività dell’orso russo, “che non muore mai ma va solo in letargo”.

Al ritratto di una Hillary ‘debole’, Kaine ha contrapposto quello di un Donald “maniaco”, di quelli che Ronald Reagan temeva potessero scatenare l’apocalisse nucleare. Sul terreno più scivoloso, quello delle tasse federali non pagate, Pence ha fatto muro sulla posizione di Trump, elogiando la sua capacità di sfruttare le normative fiscali rispettando la legge.

Con una moderatrice poco incisiva, Elaine Quijano della Cbs, Kaine ha dovuto andare all’attacco da solo, a volte dando l’impressione di avere troppe cartucce da sparare, spesso in una sola volta, tanto che Pence lo provocava chiedendogli “quanto l’hai provata questa battuta?”. Alla fine però è riuscito a fargli perdere la pazienza rinfacciandogli gli insulti di Trump ai messicani: “senatore, ha tirato fuori nuovamente questa cosa dei messicani”, ha reagito esasperato Pence, con una frase diventata virale sul web. L’ennesimo boomerang controproducente sulla vasta comunità ispanica.

Ultima ora

06:52Venezuela, elicottero attacca sede ministero a Caracas

(ANSA) - CARACAS, 28 GIU - Un elicottero della polizia ha attaccato le sedi del Ministero dell'Interno della Corte suprema a Caracas, sparando e lanciando due granate. L'agente responsabile del gesto ha anche pubblicato sui social un video-manifesto in cui chiama all'unione tra militari e popolo contro Maduro. Secondo il presidente, il poliziotto sarebbe collegato all'ex governo Chavez. La capitale venezuelana è stata blindata con un massiccio dispiegamento di forze di sicurezza. Il governo parla di "attacco terrorista".

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

Archivio Ultima ora