Ancora una petizione all’INPS per le pensioni degli italiani in Venezuela

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da redazione

Pensionati in Venezuela durante una riunione in cui l'Ambasciatore e funzionari dei Patronati hanno spiegato i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni e quale potrebbe essere la situazione nel 2016.

Pensionati in Venezuela durante una riunione in cui l’Ambasciatore e funzionari dei Patronati hanno spiegato i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni e quale potrebbe essere la situazione nel 2016.

CARACAS – Telefonate, mail, messaggi whatsapp… l’on. Fabio Porta ormai ne riceve centinaia dal Venezuela tutti i giorni e tutti di connazionali esasperati per la situazione che stanno vivendo riguardo le pensioni Inps. Non si sa più a che istanza ricorrere: Ambasciata d’Italia in Venezuela, Patronati, deputati e senatori hanno presentato interrogazioni in merito, ma non c’è più sordo di chi non vuol sentire.

Eppure si tratta di un numero esiguo di pensionati, circa tre mila, che dovrebbero vivere con la pensione sociale del Venezuela (circa 22.000 Bs.) con cui non si riesce neanche a comprare un litro di latte al giorno (circa 1.000 Bs.), mentre secondo l’INPS i pensionati italiani in Venezuela riceverebbero una pensione di circa 2.000 euro al mese. Ci sarebbe da ridere se non fosse così tragico!!!

Così ancora una volta l’on. Fabio Porta (Pd), presidente del Comitato degli Italiani nel Mondo della Camera dei deputati, ha inviato una lettera al presidente dell’Inps, prof. Tito Boeri, chiedendo un suo sostegno alle istanze dei pensionati italiani residenti in Venezuela. Facendo appello alla “conclamata disponibilità” del presidente Boeri alle “esigenze dei più bisognosi”, il deputato nella sua lettera, dopo aver illustrato nei particolari “la drammatica situazione in cui versano i nostri connazionali e le assurde ragioni del taglio delle prestazioni assistenziali italiane”, ha prospettato una serie di possibili interventi “per una rapida e giusta definizione” della attuale crisi.

Porta ha ricordato al presidente dell’Inps Boeri di aver “già interrogato il Governo e personalmente contattato sia il vice ministro dell’Economia e delle Finanze Enrico Morando, al quale è stata consegnata una petizione firmata da oltre 3.000 pensionati italiani residenti in Venezuela, che il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio sen. Luciano Pizzetti, i quali hanno manifestato il loro interesse per una rapida e positiva soluzione del problema”.

La lettera del deputato a Boeri si conclude con una esortazione: “Confido nella sua sensibilità umana oltre che politica e nella sua comprensione dell’estrema urgenza di dare in tempi certi una risposta a migliaia di connazionali e alle loro famiglie che, oltre al dramma in questione, vivono da mesi la terribile emergenza umanitaria e sociale di un Paese ‘al collasso’, il Venezuela”.

Tra l’altro il tempo stringe, perché tale decisione dovrebbe essere presa prima del mese di novembre, data in cui l’INPS calcola il tasso di cambio da applicare alle pensioni all’estero per l’anno 2017.

Ultima ora

11:01Rigopiano: Stefano vivo, a Valva si riaccende la speranza

(ANSA) - VALVA (SALERNO), 21 GEN - La notizia che Stefano Feniello è vivo ed è stato individuato assieme alla fidanzata Francesca Bronzi ed altre tre persone sotto le macerie del resort Rigopiano è giunta nel cuore della notte a Valva (Salerno). "Aspettiamo qualche buona notizia'' aveva detto ieri lo zio di Stefano, Claudio, che stamattina insieme con la sorella Graziella ed il figlio Carmine si sta dirigendo a Silvi Marina dove vive la famiglia di Stefano. "Per il momento non abbiamo notizie - dice Claudio Feniello - speriamo che quando saremo a destinazione nostro nipote sia stato estratto dalle macerie". A telefono il fratello di Stefano, Andrea, che si trova in queste ore a Pescara, dice: 'Aspettiamo notizie''.

10:57Bus ungherese: A4 riaperta, rimossa carcassa pullman

(ANSA) - S.MARTINO BUONALBERGO (VERONA), 21 GEN - E' stata riaperta poco fa l'autostrada A4, chiusa dalla notte scorsa tra Verona Sud e Verona Est in seguito al tragico incidente al bus ungherese. Il traffico, sia pur lentamente, ha ripreso a scorrere in direzione di Venezia, dopo che ciò che rimaneva del pullman straniero è stato rimosso. Sul posto sono ora in azione i mezzi della società autostradale per ripulire il tratto di autostrada interessato. Si resta in attesa, da parte della Polstrada di Verona Sud, di conoscere l'esatta dinamica dell'incidente. (ANSA).

10:55Bus ungherese in fiamme, 16 morti

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - E' di 16 morti accertati il bilancio nell'incidente che ha coinvolto un pullman ungherese sul quale viaggiavano 55 persone, 39 delle quali sono rimaste ferite e sono state portate nei vari ospedali di Verona. L'incidente si è verificato poco prima di mezzanotte sulla A4 all'altezza dello svincolo di Verona Est in direzione Venezia: il pullman è andato a sbattere lateralmente contro il pilone del ponte, incendiandosi. A bordo si trovava un gruppo di ragazzi ungheresi fra i 14 e i 18 anni che stavano tornando da una gita scolastica: da una località montana della Francia il bus stava facendo ritorno a Budapest.

07:28Trump: Mattis e Kelly giurano, sono in carica

NEW YORK - L'ex generale James Mattis e il generale in congedo John Kelly hanno giurato, entrando ufficialmente in carica nell'amministrazione Trump. Mattis e' il nuovo capo del Pentagono. Kelly il ministro degli Interni.

07:25Trump in Studio Ovale, firma decreto su Obamacare

NEW YORK - Donald Trump, nel suo primo atto nello Studio Ovale, firma un decreto esecutivo diretto alle agenzie governative per ridurre il peso dell'Obamacare. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer.

07:19Trump, bene conferme Mattis e Kelly, subito al lavoro

NEW YORK - ''Sono soddisfatto della conferma dei generali Mattis e Kelly''. Lo afferma il presidente americano Donald Trump, commentando la loro conferma in Senato. ''Sono due leader qualificati che inizieranno subito a lavorare per difendere il nostro paese e mettere al sicuro i nostri confini''.

07:01Trump: Senato conferma Kelly ministro dell’interno

WASHINGTON - Il Senato americano ha confermato il generale in congedo John Kelly come segretario dell'Homeland Security Department, corrispondente al ministero dell'interno. Poche ore fa il Senato ha confermato anche la nomina dell'ex generale James Mattis a segretario della difesa.

Archivio Ultima ora