Ancora una petizione all’INPS per le pensioni degli italiani in Venezuela

Pubblicato il 07 ottobre 2016 da redazione

Pensionati in Venezuela durante una riunione in cui l'Ambasciatore e funzionari dei Patronati hanno spiegato i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni e quale potrebbe essere la situazione nel 2016.

Pensionati in Venezuela durante una riunione in cui l’Ambasciatore e funzionari dei Patronati hanno spiegato i motivi che hanno determinato la riduzione delle pensioni e quale potrebbe essere la situazione nel 2016.

CARACAS – Telefonate, mail, messaggi whatsapp… l’on. Fabio Porta ormai ne riceve centinaia dal Venezuela tutti i giorni e tutti di connazionali esasperati per la situazione che stanno vivendo riguardo le pensioni Inps. Non si sa più a che istanza ricorrere: Ambasciata d’Italia in Venezuela, Patronati, deputati e senatori hanno presentato interrogazioni in merito, ma non c’è più sordo di chi non vuol sentire.

Eppure si tratta di un numero esiguo di pensionati, circa tre mila, che dovrebbero vivere con la pensione sociale del Venezuela (circa 22.000 Bs.) con cui non si riesce neanche a comprare un litro di latte al giorno (circa 1.000 Bs.), mentre secondo l’INPS i pensionati italiani in Venezuela riceverebbero una pensione di circa 2.000 euro al mese. Ci sarebbe da ridere se non fosse così tragico!!!

Così ancora una volta l’on. Fabio Porta (Pd), presidente del Comitato degli Italiani nel Mondo della Camera dei deputati, ha inviato una lettera al presidente dell’Inps, prof. Tito Boeri, chiedendo un suo sostegno alle istanze dei pensionati italiani residenti in Venezuela. Facendo appello alla “conclamata disponibilità” del presidente Boeri alle “esigenze dei più bisognosi”, il deputato nella sua lettera, dopo aver illustrato nei particolari “la drammatica situazione in cui versano i nostri connazionali e le assurde ragioni del taglio delle prestazioni assistenziali italiane”, ha prospettato una serie di possibili interventi “per una rapida e giusta definizione” della attuale crisi.

Porta ha ricordato al presidente dell’Inps Boeri di aver “già interrogato il Governo e personalmente contattato sia il vice ministro dell’Economia e delle Finanze Enrico Morando, al quale è stata consegnata una petizione firmata da oltre 3.000 pensionati italiani residenti in Venezuela, che il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio sen. Luciano Pizzetti, i quali hanno manifestato il loro interesse per una rapida e positiva soluzione del problema”.

La lettera del deputato a Boeri si conclude con una esortazione: “Confido nella sua sensibilità umana oltre che politica e nella sua comprensione dell’estrema urgenza di dare in tempi certi una risposta a migliaia di connazionali e alle loro famiglie che, oltre al dramma in questione, vivono da mesi la terribile emergenza umanitaria e sociale di un Paese ‘al collasso’, il Venezuela”.

Tra l’altro il tempo stringe, perché tale decisione dovrebbe essere presa prima del mese di novembre, data in cui l’INPS calcola il tasso di cambio da applicare alle pensioni all’estero per l’anno 2017.

Ultima ora

22:39Cc morto in incidente, condanna camionista parcheggiato male

(ANSA) - PIACENZA, 21 NOV - E' stato condannato in Tribunale a due anni e sei mesi di reclusione il camionista moldavo coinvolto nell'incidente stradale che nel settembre 2014 costò la vita a un appuntato dei carabinieri di Piacenza, Luca Di Pietra, alla guida di una gazzella che si schiantò contro un Tir posteggiato lungo una curva a Castel San Giovanni. Nell'incidente rimase gravemente ferito il collega che era sulla gazzella con lui, l'appuntato scelto Massimo Banci. Il giudice ha accolto la richiesta di condanna avanzata dal pubblico ministero, disponendo anche una provvisionale di 225mila euro da suddividere tra la vedova e i figli del carabiniere morto, i suoi parenti e il collega sopravvissuto. Il legale dell'imputato, Marco Malvicini del Foro di Piacenza, aveva chiesto l'assoluzione dell'autista sostenendo che la posizione del mezzo pesante fosse stata ininfluente, e che l'auto dei carabinieri sarebbe comunque finita fuori strada a causa della velocità sostenuta. E ha annunciato ricorso in Corte d'appello. (ANSA).

22:27SI: Fratoianni, a Fassino diremo che tempo è scaduto

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "I capigruppo di Sinistra Italiana incontreranno Fassino, già domani, per una questione persino di cortesia ma gli diremo che il tempo ormai è scaduto perché il PD ha governato con diverse destre e ha attuato politiche che danno un'idea di Paese diversa dalla nostra e che rendono la parola coalizione impronunciabile" così il segretario di SI Nicola Fratoianni, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

22:25Champions: Allegri “con Barca chance, vogliamo qualificarci”

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Domani abbiamo la possibilità di qualificarci: possiamo conquistare il primo obiettivo della stagione". Così Allegri che guarda a domani senza però dimenticare la lezione di Genova: "Abbiamo giocato una buon partita, ci è mancato solo il risultato e i nostri gol sono arrivati troppo tardi". Allegri vorrebbe chiudere il conto qualificazione senza rischiare il 5 dicembre nel caldo stadio di Atene, pochi giorni dopo la trasferta di Napoli: "Ma non è un problema - dice - il calendario è questo. Speriamo che Atene non conti, ma ho una rosa importante per potere ruotare i giocatori al meglio. Questo è il campionato, altrimenti alleni una squadra che gioca ogni 15 giorni: ma a me non piace, mi annoio".

22:17Omicidio Palmina: ex imputato, ho la coscienza a posto

(ANSA) - BARI, 21 NOV - "Ho la coscienza a posto, non avevo nessun motivo di commettere una cosa del genere. Mi sono sempre chiesto perché Palmina fece il mio nome. Dopo tanti anni mi auguro che si arrivi a una conclusione una volta per tutte". Lo ha detto Enrico Bernardi lasciando la caserma dei Carabinieri di via Tanzi, a Bari, dove da questa mattina sono iniziate le audizioni disposte dalla Procura di Bari nell'ambito della nuova indagine sulla morte di Palmina Martinelli, la 14enne di Fasano (Brindisi) trovata avvolta dalle fiamme in casa l'11 novembre 1981 e morta nel Policlinico di Bari dopo 20 giorni di agonia. Bernardi è tra le prime cinque persone convocate dalle pm Simona Filoni e Bruna Manganelli. Oltre a lui è stato sentito oggi come persona informata sui fatti Giovanni Costantini, imputato per l'omicidio in concorso con Bernardi e entrambi assolti in via definitiva ormai quasi trent'anni fa. Sono stati convocati anche la sorella maggiore della vittima e suo marito. Si indaga per omicidio volontario aggravato.

22:11Calcio: Allegri, Dybala e Messi sono tanto diversi

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Dybala e Messi? Sono due giocatori diversi, difficili da paragonare. Entrambi mancini, ma profondamente diversi nella struttura fisica". Così Massimiliano Allegri sul confronto tra i due argentini, protagonisti domani in campo di Juventus-Barcellona: "Paulo è un calciatore aerobico, Leo invece è potente - ha spiegato il tecnico bianconero - Dybala ha 24 anni, deve crescere ancora, ha fatto una prima parte di stagione molto buona segnando tanti gol, poi è calato dopo i rigori sbagliati. Ma sono momenti di crescita che lui deve vivere". Messi "è il miglior calciatore al mondo, ha spostato gli equilibri e continua a farlo - ha aggiunto Allegri - L'unico che fa passare la palla dove gli altri pensano non sia possibile, 'legge' il suo marcatore alla perfezione. Per questo serve una prova collettiva per fermarlo".

22:08Violenza donne: Comune di Cagliari riserva un banco in Aula

(ANSA) - CAGLIARI, 21 NOV - Da stasera al Comune di Cagliari uno dei banchi dell'Aula é riservato idealmente a tutte le donne vittime di violenza. "L'iniziativa 'Posto occupato' è un gesto concreto dedicato a tutte le vittime di violenza -ha ribadito il presidente del Consiglio comunale Guido Portoghese in apertura di lavori-. Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Uno dei banchi dell'Aula è appunto riservato a tutte loro per far riflettere e sensibilizzare tutti rispetto alla violenza di genere". "L'iniziativa è inserita nel programma promosso dall'Assessorato alle Politiche delle Pari Opportunità, in collaborazione con i cittadine, le cittadini e il mondo dell'associazionismo locale, in occasione della "Giornata mondiale contro la violenza sulle donne" ha spiegato l'assessore Marzia Cilloccu. Ma il senso della ricorrenza che dal 1999 si celebra nella Giornata del 25 novembre, "vuole essere un monito per tutto l'anno", ha scandito l'esponente della Giunta Zedda, per ricordare a tutti che il rispetto è alla base di ogni rapporto. Quella presentata oggi durante il Consiglio comunale, su proposta dell'Associazione culturale "Le donne sarde", non è quindi come nel campo della fisica, "assenza di materia in un volume di spazio" e nemmeno "mancanza del pieno"."Posto occupato rappresenta un messaggio importante, partitodal Centro Donna dell'Ospedale Binaghi, sempre in prima linea per la salute delle donne e simbolo della dimensione ideale per la libertà e il diritto di ognuna all'autodeterminazione, come nelle intenzioni dell'ideatrice dell'iniziativa, l'attivista Maria Andaloro" ha detto Morena Deriu di "Le donne sarde".Si andrà avanti tutta la settimana con una serie di "Posti occupati": alla MEM (mediateca del mediterraneo), sugli autobus, all'aeroporto e nell'Ex vetreria di Pirri. "Un posto occupato - ha concluso - deve richiamare l'attenzione sugli stereotipi che sono alla radice della cultura della violenza di genere. Per estirparla ci vuole l'impegno di tutti".(ANSA).

21:52Azzardo: Piemonte ribadisce sì a propria legge regionale

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - Il Consiglio regionale del Piemonte ribadisce il sì alla legge contro il gioco d'azzardo, più restrittiva di quella nazionale, i cui vincoli sono entrati in vigore lunedì. Un ordine del giorno impegna la Giunta Chiamparino a dare "piena applicazione" alla legge. Il documento, proposto da Pd e maggioranza, è stato approvato anche con i voti del M5S, dopo una piccola modifica. Astenuti invece Fi, Lega e Mns. In una lettera al ministero dell'Economia, l'associazione Astro che raccoglie i gestori di slot machine, aveva chiesto di "sospendere l'applicazione del prelievo erariale su circa 20 mila macchine da gioco in Piemonte, per le quali la nuova legge regionale impone la rimozione". E in una recente intervista, Pier Paolo Baretta, aveva paventato un danno erariale. "Con questa discussione - ha detto Chiamparino, durante un acceso dibattito - mi pare si metta una parola chiara e definitiva che ci permette di assumerci piena responsabilità per garantire l'applicazione di questa importante legge". (ANSA).

Archivio Ultima ora