Petrolio: Putin apre a taglio produzione, unico modo per riequilibrare il mercato

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

Russian President Vladimir Putin (L) shakes hands with head of Russia's top oil producer Rosneft, Igor Sechin (R) as he arrives at Ataturk airport in Istambul, Turkey. Putin is in Turkey to attend the 23rd World Energy Congress and during his visit he is expected to meet with Turkish President Recep Tayyip Erdogan to discuss possible energy and tade agreements.  EPA/ALEXEY DRUZHINYN /SPUTNIK/KREMLIN POOL

Russian President Vladimir Putin (L) shakes hands with head of Russia’s top oil producer Rosneft, Igor Sechin (R) as he arrives at Ataturk airport in Istambul, Turkey. Putin is in Turkey to attend the 23rd World Energy Congress and during his visit he is expected to meet with Turkish President Recep Tayyip Erdogan to discuss possible energy and tade agreements. EPA/ALEXEY DRUZHINYN /SPUTNIK/KREMLIN POOL

ROMA. – Il petrolio schizza ai massimi da un anno dopo che Mosca ha detto di essere disposta a mettere un tetto alla produzione per far risalire il prezzo. “Nella situazione attuale crediamo che un congelamento o una riduzione della produzione di petrolio sia il solo modo di preservare la stabilità del settore energetico e accelerare un riequilibrio del mercato”, ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin, intervenendo al 23/mo World Energy Forum in corso a Istanbul, dove i Paesi produttori lavorano ad una soluzione per ridurre l’eccesso di offerta petrolifera sui mercati.

“La Russia è pronta a unirsi alle misure comuni per limitare la produzione”, ha sottolineato il capo del Cremlino, auspicando che un accordo venga raggiunto a novembre a Vienna nella riunione dell’Opec, di cui tuttavia la Russia non fa parte. Ad ottobre Mosca ha prodotto 11,2 milioni di barili di petrolio al giorno, polverizzando il suo vecchio record.

Il Brent è così volato a 53,73 dollari al barile, top da ottobre scorso e segnando anche il prezzo più alto nel 2016 mentre il Wti, il benchmark americano, è salito a 51,39 dollari al barile, registrando i massimi da giugno. Due settimane fa i Paesi Opec hanno raggiunto un accordo ad Algeri che prevede il taglio delle quote di produzione a 32,5 milioni di barili al giorno.

Il ministro dell’energia saudita, Khalid Al Falih, ha detto ad Istanbul di essere “ottimista” sull’accordo ma un eventuale taglio di produzione da parte dell’Opec non dovrebbe essere “troppo drastico” perché bisogna evitare “uno shock” sui mercati. Proprio l’Arabia Saudita, paese leader nel cartello Opec e principale produttore di petrolio al mondo, negli ultimi mesi ha ammorbidito la propria posizione dopo aver respinto qualsiasi accordo senza la partecipazione dell’Iran.

Teheran il mese scorso si è detta d’accordo con la proposta di ‘congelare’ la propria produzione di petrolio per contribuire a stabilizzare i prezzi sui mercati internazionali, ma ha chiesto una esenzione fino a quando non sarà tornata ai volumi di produzione precedenti alle sanzioni.

Secondo il numero uno di Bp, Bob Dudley, il prezzo dell’oro nero potrebbe salire fino a 60 dollari al barile entro la fine dell’anno per stabilizzarsi su una media di 55 dollari l’anno prossimo. Dall’ultima riunione dell’Opec ad Algeri a fine settembre il prezzo del petrolio è aumentato di oltre il 15%. Tuttavia il grande ostacolo che resta è decidere in che modo spalmare il taglio alla produzione tra i membri del cartello.

(di Alfonso Abagnale/ANSA)

Ultima ora

00:07Juve: Dybala “Il campionato non è finito per niente”

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Siamo un po' rammaricati anche per il primo tempo che abbiamo fatto, dove siamo stati troppo leziosi. Nel secondo tempo siamo migliorati ma torniamo a casa amareggiati. Il campionato non è per niente finito, se avessimo vinto avremmo mandato un grosso messaggio alla Roma. Per questo volevamo vincere". Così Paulo Dybala a Premium dopo il pareggio della Juve a Bergamo. "Distratti dalla sfida col Monaco? No, sapevamo che l'Atalanta qui ha sempre fatto bene. Dovevamo fare di più ma al Monaco penseremo da domani. Questo è punto importante ma noi volevamo vincere. Allegri e Buffon hanno detto che potrò essere tra i primi tre al mondo? Non sento pressione. Loro mi vogliono bene e pensano questo. Sono contento ma io penso solo a giocare e a fare bene per la squadra".

23:41Calcio: Allegri “Commessi errori non da Juventus”

(ANSA) - ROMA, 28 APR - A Massimiliano Allegri il pari di Bergamo non va giù e a Premium Sport non nasconde l'amarezza: "A un minuto dalla fine eravamo in vantaggio e non abbiamo vinto. Bastava restare attaccati alla gara ma siamo stati scollegati, abbiamo subito nel primo tempo ma una volta ribaltata dovevamo chiuderla - spiega il tecnico della Juventus - La Juventus di solito non prende mai gol in quel modo. Questo è un segnale di questo match che abbiamo giocato a fasi alterne. Abbiamo allungato di un punto sulla Roma e ora dovremo fare altre vittorie. Gli scudetti si vincono sempre alla fine, la squadra ha fatto 84 punti, possiamo arrivare a 96 punti e stiamo facendo un percorso importante. Avessimo vinto stasera avremmo dato un colpo decisivo al campionato. Questa partita ci servirà per capire come sarà la partita con il Monaco che gioca in maniera simile all'Atalanta".

23:16Serie A: Atalanta rallenta la Juve, a Bergamo è 2-2

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Prima la paura, poi la rimonta e il sorpasso, infine il rimpianto: sono gli umori attraversati dalla Juventus fermata sul 2-2 dall'Atalanta a Bergamo, nell'anticipo della 34ma giornata di Serie A. A Bergamo partita double face, con i padroni di casa meglio nei primi 45' e gli ospiti che incalzano e dominano la ripresa. Nerazzurri avanti con Conti proprio allo scadere del primo tempo (45'), ma nella ripresa cambia la musica e prima un autogol di Spinazzola (50') riapre i giochi, poi un colpo di testa di Dani Alves all'82' sembra chiudere il match. Ma ll'89' un messo pasticcio della difesa bianconera permette a Freuler di agguantare l'insperato pari che porta i bianconeri a +9 sulla Roma, mentre gli orobici agganciano la Lazio al quarto posto.

21:52Cerca di scendere dal treno in corsa, orribile morte 16enne

(ANSA) - PARONA (PAVIA), 28 APR - Scende dal treno già partito, cade sui binari e le ruote del convoglio la tagliano a metà. Così è morta oggi, intorno alle 18.50, una ragazza romena di 16 anni, I.V., ospite di una comunità a Vigevano e giocatrice di pallavolo a Pavia. La ragazza era in compagnia del fidanzato sul treno Trenord numero 10548, partito da Mortara e diretto a Milano Porta Genova. Alla stazione di Parona il ragazzo è sceso dal vagone mentre la giovane ha tergiversato, finendo per restare incastrata tra le porte del convoglio. Il fidanzato, che ha cominciato a chiedere aiuto, ha cercato di strattonare la ragazza per aiutarla a scendere. A quel punto la 16enne sarebbe caduta sui binari, finendo sotto il treno. Secondo quanto riferisce Trenord, il treno è ripartito regolarmente dalla stazione di Parona. I tecnici che hanno effettuato i primi sopralluoghi hanno però trovato una porta 'spiombata', ovvero aperta da qualcuno dall'interno. La linea tra Abbiategrasso e Mortara rimarrà chiusa fino a tarda sera.

21:39Calcio: Belotti si confessa, clausola? Penso alla Champions

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Nel mondo di oggi ormai si parla di cifre esorbitanti. Vai a pagare tanti giocatori anche 70-80 milioni o arrivi anche ai 100. Ormai il valore del mercato si è alzato a dismisura rispetto agli ultimi anni. Questa cosa per me non è un peso, e nemmeno per mio papà perché, seguendo il mercato, si sente parlare di cifre veramente eccessive". Così ha parlato, in esclusiva a Sky sport, Andrea Belotti, attaccante del Torino e della Nazionale. "Il Campionato del mondo è un sogno per qualsiasi giocatore, così come la Champions - ha concluso -. Sono le due cose che quasi tutti i calciatori penso sognino di poter vincere. La prima sensazione che ho avuto, quando ho varcato Coverciano da giocatore della Nazionale maggiore, è stata proprio l'unione del gruppo. Anche dopo un Europeo dove si è usciti in malo modo con la Germania, il gruppo non si è disunito, è rimasto ancora più compatto".

21:16Calcio: Juve, Marotta “non sarà facile trovare nuovo Buffon”

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Alternative a Mandzukic per la prossima stagione? Questa è una rosa di altissimo livello e, nel corso della stagione, avremo molti impegni. Se ci saranno opportunità di mercato per migliorare la rosa, lo faremo. Interessati a Schick? Piace a tutti, è un giocatore giovane e interessante, ma non abbiamo mai fatto un incontro nè un'offerta: non c'è stato nessun approccio con la Sampdoria". Così l'ad della Juve, Beppe Marotta, parlando a Mediaset premium. "Investimento importante per un nuovo portiere quando lascerà Buffon? Intanto, ci godiamo ancora Buffon che è un eterno giovane - aggiunge -. E' il nostro capitano, l'uomo-spogliatoio, speriamo possa giocare a lungo. Non sarà facile trovare un campione come Buffon che è uno dei portieri più forti della storia del calcio italiano. Voto alla stagione della Juve? Meglio aspettare la fine. Siamo arrivati all'ultimo chilometro ma, per esprimere un voto positivo vogliamo vincere tutte le competizioni". "Rinnovo per Allegri? Quello verrà in automatico", conclude.

20:56Calcio: Torneo Nazioni, Under 16 femminile in finale

(ANSA) - ROMA, 28 APR - La Nazionale Under 16 femminile è in finale nel Torneo delle Nazioni. Dopo il pareggio contro le campionesse in carica della Francia (0-0) e la bella vittoria contro la Germania (1-0), a Torviscosa, nella terza partita del torneo, le Azzurrine hanno conquistato contro il Belgio (1-1) il punto utile per raggiungere l'obiettivo. In svantaggio al 3' della ripresa su calcio di rigore, l'Under 16 Femminile ha pareggiato al 25' ancora con un gol dell'attaccante del Ligorna Teresa Fracas e domani a Gradisca d'Isonzo (ore 18,30), affronterà in finale gli Usa.

Archivio Ultima ora