Violenza sui minori, un dramma che non trova fine

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

L'ong lancia inoltre l'iniziativa #OrangeRevolution, invitando a postare domani su Fb, su Twitter o su Instagram qualcosa col colore arancione, colore simbolo di "varie rivoluzioni" e "segnale di rottura degli stereotipi di genere che impongono il rosa come colore delle bambine".

L’ong lancia inoltre l’iniziativa #OrangeRevolution, invitando a postare domani su Fb, su Twitter o su Instagram qualcosa col colore arancione, colore simbolo di “varie rivoluzioni” e “segnale di rottura degli stereotipi di genere che impongono il rosa come colore delle bambine”.

ROMA. – Un dramma che non trova fine quello della violenza sui minori: nel 2015 sono state 5.080 le vittime in Italia, il 3% in più rispetto al 2011 (4.946). Di queste, 6 su 10 sono femmine. Dato che supera l’80% nel caso di violenze sessuali, subite da oltre 770 ragazze. Aumento a tre cifre poi dei reati legati alla pornografia minorile (+543%; 148 casi nel 2015, di cui l’81% femmine, 23 nel 2011) e agli atti sessuali con minori di 14 o 16 anni (+148%; 411 vittime, contro le 166 dei 2011, di cui il 78% femmine).

E’ quanto emerge dal nuovo Dossier “Indifesa” di Terre des Hommes (Tdh), realizzato con dati delle Interforze e presentato in Senato, alla vigilia della Giornata mondiale dell’Onu delle bambine e delle ragazze. A fronte di questi dati, ricorda il presidente del Senato, Pietro Grasso, “tocca alle istituzioni, alle scuole e alle famiglie individuare le cause primarie che espongono” i bambini “a rischio di violenza”: è “prioritario arrivare a una cultura della prevenzione sempre più capillare sul territorio, disporre di strumenti investigativi più efficaci, di una maggiore cooperazione internazionale giudiziaria e di un potenziamento dell’azione penale e di repressione”.

“I numeri – aggiunge Raffaele K. Salinari, presidente di Tdh – sono impressionanti e non lasciano spazio a dubbi: la prevenzione della violenza sui minori deve essere una priorità delle istituzioni e richiede l’impegno di tutti”.

SEMPRE PIU’ ABUSI SU MINORI, SOPRATTUTTO RAGAZZE – Dal 2011 diminuiscono, secondo il rapporto di Tdh, le violenze sessuali e quelle aggravate, rispettivamente -26% e -31% ma in termini assoluti (in tutto 908 minori nel 2015, per oltre l’82% femmine, pari a 770) costituiscono le tipologie con maggior numero di vittime dopo i maltrattamenti in famiglia (1.442, +24%) e la violazione degli obblighi di assistenza familiare (8.961, +9% rispetto al 2011), dove la percentuale di femmine è abbastanza allineata all’altro sesso.

Tra i primi nemici di bambine e ragazze ci sono i coetanei: lo documentano i dati del ministero della giustizia che segnalano in carico dei Servizi sociali ben 817 minori di sesso maschile condannati per violenze sessuali; 267 invece sono responsabili di sfruttamento della pornografia e prostituzione minorile. “Dobbiamo lavorare per fare emergere il sommerso – spiega il Servizio centrale della Polizia sulla violenza di genere – dobbiamo lavorare sui bambini, le famiglie e le scuole e fare informazione sui rischi del web, un territorio virtuale che lascia il segno”.

16 MLN DI BABY SPOSE NEL MONDO – Nate in aree di guerra ed emergenza, obbligate a sposare prima dei 18 anni mariti più anziani di oltre 10 anni, rischiano di aumentare, se non ci saranno interventi – avverte il Dossier – fino a 950 milioni entro il 2030 e fino a 1,2 miliardi nel 2050.

IN 44 MLN HANNO SUBITO MUTILAZIONI GENITALI – E’ questo uno dei drammi vissuti dalle bambine nel mondo: ne sono vittime, stima Tdh, circa 44 milioni di bambine al di sotto dei 14 anni.

GIOVANI MIGRANTI A RISCHIO TRATTA – Nei lunghi viaggi per raggiungere l’Europa poche sono le donne e le ragazze che non abbiano subito abusi sessuali. Molte, allettate da false promesse, finiscono nel giro della prostituzione. Tante inoltre le ragazzine che arrivano incinte sulle nostre coste. Tra gennaio e luglio 2016, ad esempio, sono arrivate in Italia 5.346 donne nigeriane; secondo l’Oim la maggior parte è destinata allo sfruttamento sessuale e c’è un aumento delle vittime minorenni.

“L’80% delle donne che la Polizia protegge dalla tratta è di origine nigeriana, seguono le romene”, ha confermato Bocchino: “Nella gestione dell’accoglienza il nostro Paese dovrà vedersi sempre più impegnato. Queste donne e ragazze non sono ancora tutelate a sufficienza, ma l’Italia sta facendo tanto”.

Con l’iniziativa di oggi Tdh dà il via anche alla Campagna Indifesa per sensibilizzare sulle gravi violazioni dei diritti delle bambine e delle ragazze. L’ong lancia inoltre l’iniziativa #OrangeRevolution, invitando a postare domani su Fb, su Twitter o su Instagram qualcosa col colore arancione, colore simbolo di “varie rivoluzioni” e “segnale di rottura degli stereotipi di genere che impongono il rosa come colore delle bambine”.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

12:36Moto: al Mugello lotteria per aiutare pilota ferito

(ANSA) - SCARPERIA (FIRENZE), 27 GIU - Il Campionato italiano velocità di motociclismo organizzerà il prossimo fine settimana al Mugello, dove il tricolore farà tappa, una lotteria per aiutare Simone Mazzola, lo sfortunato pilota 21enne rimasto gravemente ferito durante le prove dello scorso round del Civ sulla pista di Misano. Il ricavato della lotteria andrà a Simone e alla sua famiglia. I biglietti, del costo minimo di 10 euro, potranno essere acquistati in circuito e al Civ. "Subito dopo l'incidente avvenuto circa un mese fa - ha detto il responsabile della Fed. motociclistica italiana al Civ, Simone Folgori- tutto il mondo delle moto si è stretto intorno a Simone e ha cominciato una raccolta fondi per aiutare lui e la sua famiglia per sostenere i costi delle numerose cure e trasferte. Per questo abbiamo anche organizzato questa lotteria che si svolgerà il prossimo sabato e domenica con moltissimi premi offerti dai nostri sponsor". La vendita proseguirà anche nella tappa successiva di fine luglio a Misano.

12:34Riina: cartelle sanitarie all’attenzione del tribunale

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Il tribunale di Milano ha deciso l'acquisizione delle cartelle e della relazione sanitaria sullo stato di Totò Riina e ha rinviato all'11 luglio la decisione se disporre una perizia sul boss per stabilirne la capacità di partecipare al processo. Lo rende noto il legale di Riina Luca Cianferoni. A Milano Riina, dopo l'archiviazione per le minacce a don Luigi Ciotti, è ancora sotto processo per le minacce al direttore del carcere di Opera. "Riina - spiega il legale - non è incapace psichicamente ma è in una situazione di progressivo e rapido decadimento fisico dovuto alle sue varie patologie"."Il quesito che si pone il tribunale di Milano - aggiunge Cianferoni - è lo stesso sollevato dalla Cassazione e cioè se sia corretto e rispetti la dignità della persona la situazione in cui versa Riina. Ormai non riesce a parlare e quando lo fa è quasi impossibile capire ciò che dice. In una delle ultime udienze a cui ha preso parte non è stato neppure in grado di reggere la cornetta con cui era collegato" conclude.

12:28Migranti: 5.000 salvati, 8.500 sulle navi

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Prosegue senza sosta l'esodo di migranti dalla Libia verso l'Italia: nella sola giornata di ieri, al largo delle coste libiche, ne sono stati salvati oltre 5.000, mentre sono complessivamente 8.500 quelli che si trovano a bordo delle navi dei soccorritori che stanno ora facendo rotta ora verso porti italiani. I cinquemila soccorsi ieri navigavano a bordo di cinque barche e 18 gommoni, raggiunti da unità della Guardia Costiera e di organizzazioni non governative e, inoltre, da alcuni rimorchiatori 'dirottati' per i soccorsi. Gli 8.500 migranti, soccorsi negli ultimi due giorni, sono a bordo di 14 navi: sei di queste hanno già fatto ingresso o stanno per entrare in porti di Sicilia e Calabria; le altre otto sono ancora in navigazione a largo delle coste italiane.

12:27Expoelette, edizione 2017 dedicata a Tina Anselmi

(ANSA) - TORINO, 27 GIU - Sarà dedicata a Tina Anselmi, prima donna ministro in Italia nel 1976, e avrà come filo conduttore 'lo stile' la seconda edizione di Expoelette, il forum internazionale delle donne al governo della politica e dell' economia. Dal 5 al 7 luglio al Castello di San Giorgio Canavese (Torino) 28 incontri cui parteciperanno 130 ospiti. Ogni giornata avrà un focus: filantropia; economia-impresa-lavoro; amministrazione e governo del territorio. L'evento, che ha ricevuto la Medaglia del presidente della Repubblica e l'Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, per il Comitato promotore e gli 81 esponenti della società civile che lo sostengono, si propone come "elogio alla sobrietà". "Lo stile - ha osservato l'assessora alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti - è un tema di riflessione. Il dato dell'astensionismo alle recenti amministrative italiane dimostra come da tanti cittadini la politica sia percepita lontana. C'è bisogno di cambiamento e la presenza femminile può fare la differenza". Tra le presenze della tre giorni la presidente mondiale Delle Femmes Chefs d'Entreprises Mondiales, Marie Christine Oghly, il sottosegretario Luigi Bobba, la presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Roberta Siliquini, la presidente nazionale Aidda Maria Claudia Torlasco, il commissario straordinario del Governo per l'asse ferroviario Torino-Lione Paolo Foietta, la presidente della Fondazione Nilde Iotti, Livia Turco. (ANSA).

12:18Ciro Esposito: prevista oggi sentenza appello De Santis

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Si avvia a conclusione il processo di appello a Daniele De Santis, l'ex ultras romanista già condannato a 26 anni di reclusione in primo grado per la morte di Ciro Esposito, il giovane napoletano ferito poco prima della finale di coppa Italia Fiorentina-Napoli del 3 maggio 2014 e morto dopo 53 giorni di agonia. Oggi sono in programma le arringhe delle parti civili e dei difensori dell'imputato. Probabile che, in serata, ci sia la sentenza. Il pg Vincenzo Saveriano ha chiesto per De Santis, accusato di omicidio volontario, una riduzione di pena con condanna a 20 anni di reclusione.

12:08Lombardia: Sala, Gori candidato forte, apprezzo decisione

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori "è il candidato più forte per vincere contro un candidato come Maroni" alle prossime elezioni regionali in Lombardia, "aspettiamo l'ufficializzazione, però io apprezzo il fatto che Giorgio abbia preso questa decisione in un momento come questo prendendosi una buona dose di rischio". Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala, a margine di un convegno al Tribunale del capoluogo lombardo, ha risposto ai cronisti che gli hanno chiesto un commento alla disponibilità data da Gori a correre per la candidatura a Governatore per il centrosinistra. "Per la Lombardia - ha spiegato Sala - penso possa essere una candidatura unitaria. Se Gori si fa avanti suppongo che ne abbia discusso con Martina, l'altro possibile candidato. A questo punto - ha aggiunto - mi viene da dire che Gori è il candidato più forte per vincere contro un candidato come Maroni".

12:01Sondaggio su Trump, 3/4 abitanti mondo hanno poca fiducia

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Circa tre quarti degli abitanti del mondo hanno poca o nessuna fiducia nella leadership globale del presidente americano Donald Trump e nelle sue politiche: e' quanto emerge da un sondaggio del Pew Research Center realizzato in 37 Paesi. In particolare, la rilevazione indica che l'appoggio alla presidenza Usa sta scendendo più velocemente tra i suoi tradizionali alleati in Europa. In molti Paesi, riporta il quotidiano britannico The Guardian, il sostegno a Trump e' inferiore a quello riservato all'ex presidente George Bush nel 2004 dopo l'invasione dell'Iraq. A livello globale, i due terzi degli intervistati definiscono Trump "arrogante e pericoloso". Il sondaggio indica che solo il 22% del campione e' fiducioso che il presidente Usa faccia la cosa giusta sulle questioni internazionali, mentre circa tre quarti (74%) hanno poca o nessuna fiducia nel leader repubblicano. Dati diametralmente opposti a quelli rilevati negli ultimi anni della presidenza Obama, che godeva di un grado di fiducia del 64% nel mondo.

Archivio Ultima ora