Violenza sui minori, un dramma che non trova fine

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

L'ong lancia inoltre l'iniziativa #OrangeRevolution, invitando a postare domani su Fb, su Twitter o su Instagram qualcosa col colore arancione, colore simbolo di "varie rivoluzioni" e "segnale di rottura degli stereotipi di genere che impongono il rosa come colore delle bambine".

L’ong lancia inoltre l’iniziativa #OrangeRevolution, invitando a postare domani su Fb, su Twitter o su Instagram qualcosa col colore arancione, colore simbolo di “varie rivoluzioni” e “segnale di rottura degli stereotipi di genere che impongono il rosa come colore delle bambine”.

ROMA. – Un dramma che non trova fine quello della violenza sui minori: nel 2015 sono state 5.080 le vittime in Italia, il 3% in più rispetto al 2011 (4.946). Di queste, 6 su 10 sono femmine. Dato che supera l’80% nel caso di violenze sessuali, subite da oltre 770 ragazze. Aumento a tre cifre poi dei reati legati alla pornografia minorile (+543%; 148 casi nel 2015, di cui l’81% femmine, 23 nel 2011) e agli atti sessuali con minori di 14 o 16 anni (+148%; 411 vittime, contro le 166 dei 2011, di cui il 78% femmine).

E’ quanto emerge dal nuovo Dossier “Indifesa” di Terre des Hommes (Tdh), realizzato con dati delle Interforze e presentato in Senato, alla vigilia della Giornata mondiale dell’Onu delle bambine e delle ragazze. A fronte di questi dati, ricorda il presidente del Senato, Pietro Grasso, “tocca alle istituzioni, alle scuole e alle famiglie individuare le cause primarie che espongono” i bambini “a rischio di violenza”: è “prioritario arrivare a una cultura della prevenzione sempre più capillare sul territorio, disporre di strumenti investigativi più efficaci, di una maggiore cooperazione internazionale giudiziaria e di un potenziamento dell’azione penale e di repressione”.

“I numeri – aggiunge Raffaele K. Salinari, presidente di Tdh – sono impressionanti e non lasciano spazio a dubbi: la prevenzione della violenza sui minori deve essere una priorità delle istituzioni e richiede l’impegno di tutti”.

SEMPRE PIU’ ABUSI SU MINORI, SOPRATTUTTO RAGAZZE – Dal 2011 diminuiscono, secondo il rapporto di Tdh, le violenze sessuali e quelle aggravate, rispettivamente -26% e -31% ma in termini assoluti (in tutto 908 minori nel 2015, per oltre l’82% femmine, pari a 770) costituiscono le tipologie con maggior numero di vittime dopo i maltrattamenti in famiglia (1.442, +24%) e la violazione degli obblighi di assistenza familiare (8.961, +9% rispetto al 2011), dove la percentuale di femmine è abbastanza allineata all’altro sesso.

Tra i primi nemici di bambine e ragazze ci sono i coetanei: lo documentano i dati del ministero della giustizia che segnalano in carico dei Servizi sociali ben 817 minori di sesso maschile condannati per violenze sessuali; 267 invece sono responsabili di sfruttamento della pornografia e prostituzione minorile. “Dobbiamo lavorare per fare emergere il sommerso – spiega il Servizio centrale della Polizia sulla violenza di genere – dobbiamo lavorare sui bambini, le famiglie e le scuole e fare informazione sui rischi del web, un territorio virtuale che lascia il segno”.

16 MLN DI BABY SPOSE NEL MONDO – Nate in aree di guerra ed emergenza, obbligate a sposare prima dei 18 anni mariti più anziani di oltre 10 anni, rischiano di aumentare, se non ci saranno interventi – avverte il Dossier – fino a 950 milioni entro il 2030 e fino a 1,2 miliardi nel 2050.

IN 44 MLN HANNO SUBITO MUTILAZIONI GENITALI – E’ questo uno dei drammi vissuti dalle bambine nel mondo: ne sono vittime, stima Tdh, circa 44 milioni di bambine al di sotto dei 14 anni.

GIOVANI MIGRANTI A RISCHIO TRATTA – Nei lunghi viaggi per raggiungere l’Europa poche sono le donne e le ragazze che non abbiano subito abusi sessuali. Molte, allettate da false promesse, finiscono nel giro della prostituzione. Tante inoltre le ragazzine che arrivano incinte sulle nostre coste. Tra gennaio e luglio 2016, ad esempio, sono arrivate in Italia 5.346 donne nigeriane; secondo l’Oim la maggior parte è destinata allo sfruttamento sessuale e c’è un aumento delle vittime minorenni.

“L’80% delle donne che la Polizia protegge dalla tratta è di origine nigeriana, seguono le romene”, ha confermato Bocchino: “Nella gestione dell’accoglienza il nostro Paese dovrà vedersi sempre più impegnato. Queste donne e ragazze non sono ancora tutelate a sufficienza, ma l’Italia sta facendo tanto”.

Con l’iniziativa di oggi Tdh dà il via anche alla Campagna Indifesa per sensibilizzare sulle gravi violazioni dei diritti delle bambine e delle ragazze. L’ong lancia inoltre l’iniziativa #OrangeRevolution, invitando a postare domani su Fb, su Twitter o su Instagram qualcosa col colore arancione, colore simbolo di “varie rivoluzioni” e “segnale di rottura degli stereotipi di genere che impongono il rosa come colore delle bambine”.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

17:55Attentato Cc Bologna: nuovo messaggio su sito anarchico

(ANSA) - BOLOGNA, 3 DIC - Un nuovo messaggio a sostegno dell'attentato incendiario di domenica scorsa alla stazione dei Carabinieri di Corticella, alla periferia di Bologna, è apparso ieri su un sito web di area anarchica. Nel post, pubblicato su 'Informa-azione.info' e firmato 'alcune/i anarchiche/i', viene mostrata una foto in bianco e nero della caserma danneggiata dalle fiamme e ci sono riferimenti ai recenti scontri tra forze dell'ordine e collettivi durante le proteste davanti alla mensa universitaria di Piazza Puntoni, a Bologna. Il messaggio è intitolato 'Carabinieri? Proprio loro' e gli autori del post citano direttamente l'attentato: "Non ci pare ci sia da scandalizzarsi quando un un po' della violenza che elargiscono torna indietro, come è accaduto qualche notte fa alla caserma in zona Corticella". Un altro messaggio contro i Carabinieri e intitolato "Usi a reprimere terrorizzando" era apparso il 27 novembre, giorno dell'esplosione dell'ordigno, sul sito di area anarchica 'Finimondo.org'. (ANSA).

17:54Violenza su bimba: gip Rimini convalida arresto sudamericano

(ANSA) - RIMINI, 3 DIC - Resta in carcere, trasferito in una sezione per reati sessuali, il sudamericano di 31 anni arrestato l'altra notte per aver violentato una bambina di 6 anni. Oggi il giudice per le indagini preliminari di Rimini, Sonia Pasini, ha convalidato il fermo dell'uomo, difeso d'ufficio dall'avvocato Giovanna Ollà. Oggi il gip, accogliendo la richiesta del pubblico ministero Davide Ercolani - che ha "legittimamente eseguito" il fermo, scrive il gip - ha convalidato l'arresto disponendo la detenzione in carcere perché vi sarebbe tra l'altro, oltre alla recidiva, un pericolo di fuga concreto, "trattandosi - scrive il gip - di soggetto straniero, non risultante regolare sul territorio nazionale, privo di stabile lavoro e di precisi riferimenti familiari, per cui è altamente probabile che lo stesso se posto in libertà vista anche l'estrema mobilità su tutto il territorio, le sue tracce sono a Rimini, Milano e Bari, si allontani per sottrarsi alla giustizia".

17:50Terremoto: Bocci, gratitudine a governo e vigili del fuoco

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 3 DIC - "Sono qui per portare la gratitudine del Governo ai vigili del fuoco per quanto fanno quotidianamente e per l'impegno straordinario profuso in occasione del terremoto del centro Italia". Lo ha detto il sottosegretario al ministero dell'Interno Gianpiero Bocci intervenendo oggi a Pescara del Tronto per la festa di Santa Barbara, patrona dei vigili del fuoco. "Durante l'emergenza - ha aggiunto - ho visto vigili contenti di estrarre dalle macerie persone vive, ma pieni di dolore quando purtroppo non hanno potuto fare nulla per salvare la vita di altri. Un dolore che azzera la felicità". Bocci si è detto soddisfatto per come ha reagito la macchina dei soccorsi in occasione del terremoto. "Alla fine di questo lavoro, che da tre mesi è no stop - ha annunciato - come ministero dell'Interno e Dipartimento faremo una verifica accurata e puntuale. Ma fin d'ora mi sento di dire che i punti di forza sono stati tantissimi. Verificheremo quali sono state le criticità e apporteremo i dovuti correttivi".

17:42Iran: Corte suprema conferma condanna morte miliardario

(ANSA) - TEHERAN, 3 DIC - La Corte suprema dell'Iran ha confermato la pena di morte per il petroliere miliardario Babak Zanjani, accusato di appropriazione indebita, riciclaggio di denaro e frode. Lo ha riferito un alto funzionario della Corte suprema, Gholam-Reza Ansari, annunciando anche che la Corte non ha invece confermato la pena di morte per gli altri due imputati coinvolti nel caso, Hamid Fallah-Heravi e Mehdi Shamszadeh, accusati di appropriazione indebita. Zanjani, 41 anni, è uno degli uomini d'affari più ricchi dell'Iran, con un patrimonio stimato di 14 miliardi di dollari. Era stato arrestato il 30 dicembre 2013, poco dopo l'elezione alla presidenza di Hassan Rohani, assieme agli altri due imputati con l'accusa di appropriazione indebita di circa due miliardi di euro appartenenti al ministero del Petrolio per il quale il miliardario avrebbe condotto alcune operazioni. Le accuse, contenute in un fascicolo di oltre 40.000 pagine, risalgono al periodo della presidenza di Mahmoud Ahmadinejad.

17:41Aereo Colombia: bare nello stadio, ‘i campioni sono tornati’

(ANSA) - SAN PAOLO, 3 DIC - 'I campioni sono tornati'. I tifosi della Chapecoense hanno cantato in coro all'ingresso delle bare delle vittime della sciagura aerea di lunedi' scorso in Colombia. Le 50 bare di calciatori, tecnici, dirigenti e accompagnatori, piu' quelle dei giornalisti locali che seguivano la squadra, sono trasportate a spalla da militari e disposte sotto una tettoia per ripararle dalla forte pioggia. Al fianco delle bare trovano posto familiari, amici e compagni di squadra delle vittime, confortati da psicologi e personale della Chapecoense. Momenti di forte commozione tra i tifosi, in piedi ad applaudire in silenzio con la pioggia che si mescola alle lacrime.

17:35Morti corsia: medico commissione ospedale non risponde a cc

(ANSA)- SARONNO (VARESE), 3 DIC - Si è avvalso della facoltà di non rispondere Fabrizio Frattini, medico anestesista responsabile dell'unità di emergenza urgenza dell'ospedale di Saronno (Varese), indagato per omessa denuncia e favoreggiamento nell'ambito della maxi inchiesta dei carabinieri sulle morti sospette in corsia. Il professionista, componente della commissione interna dell'ospedale di Saronno a cui arrivarono le denunce degli infermieri sul presunto comportamento illecito del medico anestesista arrestato Leonardo Cazzaniga, si è presentato in caserma a Saronno nel primo pomeriggio, accompagnato dal suo avvocato Gianluigi Tizzoni, dove ha scelto di non rispondere alle domande degli inquirenti.

17:34Calcio a 5 donne: e’ tempo di Clasico a Montesilvano.

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Sarà una domenica all'insegna di grandi match nel campionato di A d'Elite di futsal femminile. Giunti alla terza di ritorno, l'Italcave Real Statte gioca la gara più interessante in trasferta a Montesilvano. Insomma torna 'el Clasico' del futsal femminile italiano per assegnare punti importanti per la classifica di entrambe. Infatti la cortissima classifica impone alle rossoblù e alle biancazzurre di dover giocare gara dopo gara con la massima attenzione. Eccetto l'Olimpus, in testa con 25 punti, per gli altri 3 posti che conducono alle Final Eight di Coppa Italia ci sono 4 squadre in tre punti: dai 21 dell'Italcave Real Statte ai 18 della Lazio. In mezzo Montesilvano e Locri. Con 7 turni da disputare tutto è possibile. La gara col Montesilvano chiude temporaneamente gli appuntamenti ufficiali, in quanto Margarito, Exana e Violi saranno poi a disposizione del Ct dell'Italia, per l'occasione Carmine Tarantino,responsabile dell'under 21, per il torneo Quattro Nazioni con Spagna, Portogallo e Russia.

Archivio Ultima ora