Violenza sui minori, un dramma che non trova fine

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da ansa

L'ong lancia inoltre l'iniziativa #OrangeRevolution, invitando a postare domani su Fb, su Twitter o su Instagram qualcosa col colore arancione, colore simbolo di "varie rivoluzioni" e "segnale di rottura degli stereotipi di genere che impongono il rosa come colore delle bambine".

L’ong lancia inoltre l’iniziativa #OrangeRevolution, invitando a postare domani su Fb, su Twitter o su Instagram qualcosa col colore arancione, colore simbolo di “varie rivoluzioni” e “segnale di rottura degli stereotipi di genere che impongono il rosa come colore delle bambine”.

ROMA. – Un dramma che non trova fine quello della violenza sui minori: nel 2015 sono state 5.080 le vittime in Italia, il 3% in più rispetto al 2011 (4.946). Di queste, 6 su 10 sono femmine. Dato che supera l’80% nel caso di violenze sessuali, subite da oltre 770 ragazze. Aumento a tre cifre poi dei reati legati alla pornografia minorile (+543%; 148 casi nel 2015, di cui l’81% femmine, 23 nel 2011) e agli atti sessuali con minori di 14 o 16 anni (+148%; 411 vittime, contro le 166 dei 2011, di cui il 78% femmine).

E’ quanto emerge dal nuovo Dossier “Indifesa” di Terre des Hommes (Tdh), realizzato con dati delle Interforze e presentato in Senato, alla vigilia della Giornata mondiale dell’Onu delle bambine e delle ragazze. A fronte di questi dati, ricorda il presidente del Senato, Pietro Grasso, “tocca alle istituzioni, alle scuole e alle famiglie individuare le cause primarie che espongono” i bambini “a rischio di violenza”: è “prioritario arrivare a una cultura della prevenzione sempre più capillare sul territorio, disporre di strumenti investigativi più efficaci, di una maggiore cooperazione internazionale giudiziaria e di un potenziamento dell’azione penale e di repressione”.

“I numeri – aggiunge Raffaele K. Salinari, presidente di Tdh – sono impressionanti e non lasciano spazio a dubbi: la prevenzione della violenza sui minori deve essere una priorità delle istituzioni e richiede l’impegno di tutti”.

SEMPRE PIU’ ABUSI SU MINORI, SOPRATTUTTO RAGAZZE – Dal 2011 diminuiscono, secondo il rapporto di Tdh, le violenze sessuali e quelle aggravate, rispettivamente -26% e -31% ma in termini assoluti (in tutto 908 minori nel 2015, per oltre l’82% femmine, pari a 770) costituiscono le tipologie con maggior numero di vittime dopo i maltrattamenti in famiglia (1.442, +24%) e la violazione degli obblighi di assistenza familiare (8.961, +9% rispetto al 2011), dove la percentuale di femmine è abbastanza allineata all’altro sesso.

Tra i primi nemici di bambine e ragazze ci sono i coetanei: lo documentano i dati del ministero della giustizia che segnalano in carico dei Servizi sociali ben 817 minori di sesso maschile condannati per violenze sessuali; 267 invece sono responsabili di sfruttamento della pornografia e prostituzione minorile. “Dobbiamo lavorare per fare emergere il sommerso – spiega il Servizio centrale della Polizia sulla violenza di genere – dobbiamo lavorare sui bambini, le famiglie e le scuole e fare informazione sui rischi del web, un territorio virtuale che lascia il segno”.

16 MLN DI BABY SPOSE NEL MONDO – Nate in aree di guerra ed emergenza, obbligate a sposare prima dei 18 anni mariti più anziani di oltre 10 anni, rischiano di aumentare, se non ci saranno interventi – avverte il Dossier – fino a 950 milioni entro il 2030 e fino a 1,2 miliardi nel 2050.

IN 44 MLN HANNO SUBITO MUTILAZIONI GENITALI – E’ questo uno dei drammi vissuti dalle bambine nel mondo: ne sono vittime, stima Tdh, circa 44 milioni di bambine al di sotto dei 14 anni.

GIOVANI MIGRANTI A RISCHIO TRATTA – Nei lunghi viaggi per raggiungere l’Europa poche sono le donne e le ragazze che non abbiano subito abusi sessuali. Molte, allettate da false promesse, finiscono nel giro della prostituzione. Tante inoltre le ragazzine che arrivano incinte sulle nostre coste. Tra gennaio e luglio 2016, ad esempio, sono arrivate in Italia 5.346 donne nigeriane; secondo l’Oim la maggior parte è destinata allo sfruttamento sessuale e c’è un aumento delle vittime minorenni.

“L’80% delle donne che la Polizia protegge dalla tratta è di origine nigeriana, seguono le romene”, ha confermato Bocchino: “Nella gestione dell’accoglienza il nostro Paese dovrà vedersi sempre più impegnato. Queste donne e ragazze non sono ancora tutelate a sufficienza, ma l’Italia sta facendo tanto”.

Con l’iniziativa di oggi Tdh dà il via anche alla Campagna Indifesa per sensibilizzare sulle gravi violazioni dei diritti delle bambine e delle ragazze. L’ong lancia inoltre l’iniziativa #OrangeRevolution, invitando a postare domani su Fb, su Twitter o su Instagram qualcosa col colore arancione, colore simbolo di “varie rivoluzioni” e “segnale di rottura degli stereotipi di genere che impongono il rosa come colore delle bambine”.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

23:41Ascoltare i suoni di Manhattan nel 17.o secolo

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Prima della colonizzazione, la natura a Manhattan era così rigogliosa che l'isola di New York poteva diventare "la gloria dei parchi nazionali americani": parola di Eric W. Sanderson della Wildlife Conservation Society. Ora, grazie al progetto Calling Thunder, si può entrare nella Manhattan del 17/mo secolo sentendo i suoni della natura, disponibili sul sito Unsung.NYC, dove vengono contrapposti al frastuono del 21/mo secolo, dando vita ad un ponte uditivo che attraversa 400 anni. Il progetto è basato sul lavoro di Sanderson e Markley Boyer, che hanno creato visualizzazioni del paesaggio di Manhattan nel 1609, allora conosciuta come Mannahatta, "l'isola dalle molte colline". Immagini messe al fianco della metropoli di oggi, dove al posto di colline e ruscelli ci sono da grattacieli e tunnel della metropolitana, e invece degli aceri rossi i pannelli luminosi di Times Square.

23:33Aste: diario JFK venduto a 781mila dlr

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Un diario scritto da John Fitzgerald Kennedy in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale durante la sua breve carriera da giornalista è stato venduto per 718mila dollari. Secondo la casa d'arte di Boston RR Auction era stimato 200mila dollari. Una vendita ben oltre le aspettative quindi. L'acquirente è un collezionista di Beverly Hills dell'ex presidente americano. Kennedy tenne il diario nel 1945, all'epoca aveva 28 anni e lavorava come corrisponde per il gruppo Hearst. All'interno sono contenuti suoi pensieri personali sui leader mondiali nonché sul futuro delle Nazioni Unite. Il diario di 61 pagine fu dato dallo stesso Kennedy a Deirdre Henderson, un'assistente del suo ufficio durante la campagna presidenziale alla fine degli anni '50.

23:32Calcio:Coppa Germania,Bayern eliminato,Borussia lo batte 2-3

(ANSA) - MONACO, 26 APR - E' il Borussia Dortmund la seconda finalista della Coppa di Germania. I gialloneri di Tuchel hanno compiuto l'impresa di vincere, per 3-2, in casa del Bayern Monaco, eliminando la squadra di Ancelotti. Ora, per il trofeo nazionale, giocheranno la finale contro l'Eintracht Francoforte il 27 maggio a Berlino. Il Borussia è andato in vantaggio al 19' con Reus, poi il Bayern ha capovolto la situazione segnando con Javi Martinez e Hummels. Nella ripresa è salito alla ribalta Dembelé, 20 anni il 15 maggio, inseguito a lungo dalla Roma in sede di mercato: il francese prima ha servito l'assist vincente per il colpo di testa con cui Aubameyang ha realizzato il 2-2, poi ha segnato la rete della vittoria del Borussia con un gran sinistro all'incrocio dei pali.

22:28Calcio: Locatelli a ragazzi Junior Tim Cup, iniziai da qui

(ANSA) - MILANO, 26 APR - "Ho iniziato anche io dall'oratorio e ora gioco in Serie A. Quindi dico a tutti i ragazzi di crederci sempre e inseguire il loro sogno". Con queste parole Manuel Locatelli ha spronato a non mollare mai i ragazzi della Junior Tim Cup, il torneo di calcio Under 14 promosso da Lega Serie A, Tim e Csi. Il centrocampista del Milan, assieme all'allenatore della Primavera rossonera Stefano Nava, il suo collega Stefano Vecchi e il capitano della Primavera dell'Inter Marco Carraro, hanno reso indimenticabile il pomeriggio per alcuni giocatori della Junior Tim Cup, scesi in campo con agli ambasciatori di Inter e Milan.

21:58Fifa: Infantino conferma, Var ai Mondiali di Russia 2018

(ANSA) - SANTIAGO, 26 APR - "Utilizzeremo il video-arbitraggio durante i Mondiali dell'anno prossimo in Russia, perché finora abbiamo avuto feedback soltanto positivi". L'annuncio, o meglio la conferma, arriva direttamente dal presidente della Fifa Gianni Infantino, che ha affrontato l'argomento Var ("Video Assistant Referee") nel corso del discorso che ha fatto oggi all'assemblea generale della Conmebol, a Santiago. "Non è possibile che nel 2017 - ha aggiunto Infantino - tutti gli spettatori allo stadio e a casa sappiano che l'arbitro ha sbagliato e lui sia l'unico che non lo sa. Quindi aiuteremo i direttori di gara e renderemo un po' di giustizia al pubblico". La Fifa aveva già introdotto il 'video assistant referee', quindi la tecnologia Var, nel Mondiale per club, mentre dal prossimo campionato di serie A sarà utilizzata anche in Italia, come annunciato dal presidente dell'Aia Marcello Nicchi.

21:10Tennis: Sharapova ritorno vincente

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Ritorno vincente per Maria Sharapova: la tennista russa ha sconfitto l'azzurra Roberta Vinci per 7-5 6-3 nel primo turno del torneo Wta di Stoccarda (776 mila dollari di montepremi), in Germania. La 30enne siberiana, che aveva vinto il torneo tedesco per tre anni consecutivi dal 2012 al 2014, ha scontato 15 mesi di squalifica per doping dopo essere stata trovata positiva al Meldonium.

21:09L.elettorale: Boldrini, bene Mattarella, stop rinvii

(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Ho pienamente condiviso la sollecitazione che il Presidente Mattarella ha voluto oggi rivolgere al Parlamento, per il tramite del Presidente Grasso e mio, affinché si arrivi rapidamente ad una nuova legge elettorale. Ai Presidenti di gruppo ho chiesto che la scadenza" fissata nella capigruppo, non subisca ulteriori rinvii. Si tratta di rispettare le attese dell'opinione pubblica e il ruolo stesso dell'istituzione parlamentare". Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini.

Archivio Ultima ora