Né referendum né “amministrative”. Venezuela, tra l’incudine e il martello

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da Mauro Bafile

Senza che sia stato archiviato il Referendum per destituire il presidente della Repubblica, il dibattito politico si sposta ora sulle elezioni regionali. Trascurate per mesi, tornano alla ribalta. Manca solo una manciata di settimane ma il Consiglio Nazionale Elettorale tace. Le elezioni “amministrative”, assieme alle “presidenziali” e alle “parlamentari”, rappresentano un’autentica espressione di democrazia. Evitare l’appuntamento elettorale, sostiene il quotidiano spagnolo “El Paìs”, significherebbe ferire mortalmente il sistema democratico e permettere una deriva autoritaria.
Il Referendum revocatorio è tutt’altro che dimenticato. Il Tavolo dell’Unità, per il 12 Ottobre – “Dìa de la Raza” per alcuni, “Dìa de la Independencia Indígena”, per altri – organizza una ulteriore manifestazione di forza. Non si conoscono ancora i dettagli, ma come già dimostrato in occasioni precedenti, non vi sarà la volontà di provocare né di cadere in provocazioni, di alimentare la violenza né di permettere che altri attori la provochino, di dare un salto nel buio né che altri lo facciano. Insomma, sarà una manifestazione di forza sì, ma pacifica.
Nel frattempo, l’alleanza dell’Opposizione si prepara alla raccolta del 20 per cento delle firme di venezuelani iscritti nel registro elettorale. Cioè, di circa 4 milioni di cittadini. Il Tavolo dell’Unità, che non perde occasione per invitare i venezuelani a manifestare la propria volontà nelle giornate del 26, 27 e 28 ottobre, ritiene che con una buona preparazione logistica si possa raggiungere l’obiettivo nonostante che i 1.356 seggi elettorali e le 5.392 macchine scrutatrici appaiano insufficienti per permettere a tutti di esprimere la propria volontà.
Mentre l’Opposizione lavora per superare con successo la prossima sfida, il Consiglio Nazionale Elettorale mantiene il massimo ermetismo sulle elezioni amministrative. C’è già, tra le file del governo chi, come nel caso del deputato Pedro Carreño, insinua che non vi sono i fondi per affrontare le spese che esse comportano. Una giustificazione che in tanti ritengono priva di senso in quanto la Costituzione traccia con chiarezza le tappe elettorali, ad eccezione, ovviamente, dei referendum. Sono date improrogabili. Proprio per questo, come già accaduto in precedenza, l’organismo elettorale dovrebbe aver già previsto nel suo budget le spese che vanno affrontate per le amministrative. Forse le elezioni più importanti per un partito poiché permettono di eleggere i sindaci e governatori che i cittadini sentono più vicini. Nei territori è possibile stabilire un “filo diretto” con gli elettori. E queste elezioni rappresentano il primo gradino per arrivare a Miraflores e cioè alla Presidenza.
Stando agli esperti in materia, i Governatori e i Sindaci del partito di governo saprebbero di essere in debito con gli elettori e con la società. Avrebbero timore di affrontare un nuovo processo elettorale nel quale, correrebbero il rischio di essere bocciati. E’ lecito, quindi, che cerchino con ogni mezzo di evitare l’esame.
Ma, sempre stando agli esperti analisti in materia politica, sono anche tanti a chiedersi se l’Opposizione sarà in grado di affrontare la sfida; se è preparata a superare l’esame come lo è oggi per il Referendum. Insomma, se il Tavolo dell’Unità sarà capace di evitare l’implosione e disinnescare le mine rappresentate dalle ambizioni personali dei politici, dal desiderio dei partiti di imporre il proprio criterio e dalle differenze di interpretazione della realtà del Paese.
Mentre il mondo politico è immerso nella polemica, quello economico temporeggia. Attende. Il governo del presidente Maduro osserva con ottimismo e con un certo sollievo come i prezzi del greggio, dopo il pre-accordo raggiunto dai paesi dell’Opec, cominciano a risalire la china.
La scorsa settimana il barile di petrolio Opec è stato venduto a 48,58 dollari. E’ inimmaginabile pensare a prezzi simili a quelli del passato. Ai 100 dollari il barile, ad essere precisi. Ma il barile di greggio tra i 50 e 60 dollari sarebbe sufficiente per aiutare l’attuale amministrazione del presidente Maduro. Gli offrirebbe un salvagente per prendere una boccata d’ossigeno. Anche i paesi europei risentirebbero degli effetti dell’aumento dei prezzi del petrolio. A differenza delle nazioni latinoamericane, che lottano per controllare la spirale inflazionaria in costante e pericolosa crescita, quelle del vecchio continente devono fare i conti con la deflazione. Un incremento della bolletta energetica, forse, contribuirebbe a creare pressione sui prezzi.

Stando al Centro di Studi della Politica per l’Energia Globale dell’Università di Columbia, negli Stati Uniti, la riduzione degli introiti percepiti da Pdvsa, la holding petrolifera venezuelana, non è stato solo il risultato della crisi dei prezzi ma anche, forse soprattutto, dell’inefficienza e della mancanza di ammodernamento dell’industria. Questo ha provocato una riduzione nella produzione e, quindi, problemi di liquidità al governo che si è indebitato oltre ogni limite. Oggi le fonti dove attingere prestiti sono sempre meno. Anche la Cina sembrerebbe propensa se non a chiudere i rubinetti, almeno a un maggior controllo e, soprattutto, ad ancorare i prestiti a progetti concreti nell’ambito petrolifero che è, poi, il più redditizio.
La carenza di valuta, quindi, ha provocato una “reazione a catena”. Sembrerebbe come il cane che si morde la coda. Non avendo dollari sufficienti, il governo, che gestisce il controllo dei cambi, non è in condizione di assegnare valuta per le importazioni di materie prime indispensabili alla produzione industriale. E, quindi, per soddisfare le esigenze della società almeno in parte, come accadeva in passato. E neanche per acquistare petrolio “leggero” che permette di rendere commerciabile il “pesante” che si estrae nel Paese.
Ad aggravare il panorama vi sono le scadenze internazionali. Ovvero, il pagamento degli interessi e del capitale del debito. Il mancato pagamento potrebbe provocare la dichiarazione di default con le conseguenze che tutti conosciamo. Il governo, come scrisse Ricardo Hausman mesi fa nel portale “Proyect Sindicate”, si troverebbe tra l’incudine e il martello: soddisfare le necessità del paese, ed evitare esplosioni sociali, e non pagare né interessi né capitale del debito estero con la conseguente chiusura del credito internazionale o, al contrario, rispettare le scadenze con i creditori e rischiare un’esplosione sociale.
Mauro Bafile

Ultima ora

21:26Calcio: Marotta, Higuain? Lo riacquisteremmo

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Higuain in difficoltà? Noi siamo estremamente contenti dell'operazione fatta lo scorso anno e l'avremmo fatta anche quest'anno. Non dimentichiamoci che è arrivato dopo l'operazione di Pogba e abbiamo preso un grande campione. Nell'economia del gioco un giocatore come Higuain diventa molto importante". Lo ha detto a Premium Sport l'ad della Juve Beppe Marotta. "La classifica si definirà dalla decima giornata? Credo che un punto di riflessione possa essere la decima giornata, molte squadre si stanno ancor assestando - ha proseguito - ora è prematuro fare previsioni. Certo, i pronostici sono per le squadre che si devono confermare come la Juve o quelle che si sono rinforzate di più sul mercato. "Juve su Pellegri? Sì, noi eravamo su di lui in tempi non sospetti - ha concluso - lo abbiamo trattato due anni fa a cifre molto più basse rispetto a quelle di adesso. E' un talento, poi per diventare un campione ne passa di tempo. Credo che sia uno dei migliori giovani del panorama italiano".

21:07Calcio: Uva, le congratulazioni di Lotti

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Rivolgo i miei più sinceri auguri di buon lavoro a Michele Uva: la sua nomina è una bella notizia per tutto lo sport italiano". Lo afferma il ministro per lo Sport Luca Lotti, commentando la nomina a vicepresidente Uefa di Uva. "Si tratta di un riconoscimento che premia la carriera e il merito di un dirigente che ha sempre lavorato con passione, basando la sua attività sui veri valori dello sport" aggiunge il ministro Lotti.

21:06Calcio: Di Francesco, Roma cresciuta nella consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Sono contento della prestazione della squadra, siamo cresciuti in consapevolezza e siamo riusciti a sviluppare le mie idee di calcio. Qualcosa nella testa dei giocatori è entrato. Ma non sono del tutto soddisfatto, dobbiamo essere più determinati e precisi in certe situazioni, perché ci vuole un attimo a riaprire le partite". Così Eusebio Di Francesco ha commentato la vittoria della Roma a Benevento. "Dzeko? Oggi si è avvicinato di più alla porta - ha detto -. Solo contro l'Atletico ha fatto un po' più fatica, certe partite sono più complicate di altre, ma Edin è un ragazzo molto intelligente: sa di avere sbagliato a dire determinate cose, comunque dettate dal nervosismo del momento. Sono contento anche degli esterni, io spingo molto per far sì che il gioco si sviluppi sulle fasce". "La squadra, tolto qualche momento di superficialità, mi è piaciuta - conclude -. Se possiamo lottare per lo scudetto? Il campo dirà la sua".

20:57Ciclismo:il’Giro d’Italia’ in 9 giorni,parte sfida Di Felice

(ANSA) - ROMA, 20 SET - 3500 km in 9 giorni attraverso tutte le Regioni d'Italia. E' partita stasera dal Foro Italico di Roma la sfida dell'ultracyclist Omar Di Felice, che percorrerà in bici il Bel Paese senza fermarsi quasi mai. La conclusione del giro in solitaria, presentato dal vice presidente del Coni, Alessandra Sensini, avverrà il 29 settembre al Salaria Sport Village. Il dislivello che Di Felice è chiamato a superare lungo il percorso è di circa 50.000 metri, quanti quelli coperti da un protagonista del singolare Giro d'Italia in tre settimane. Per la prima volta nella sua carriera di ultracylcist, Di Felice sarà impegnato per più di 4 giorni consecutivi. Nella tabella di marcia dell'atleta è prevista un'alimentazione a base di barrette e gel integratori, ma anche di cibi tradizionali (pasta, riso, carni bianche). "La privazione del sonno è una tortura una cosa che va contro la natura. Le prime 30 ore le affronterò senza dormire, da quel momento ogni 10-12 ore è prevista una sosta per un microsonno da 35 minuti al massimo".

20:53Pesta 18enne e gli punta pistola a tempia,arrestato a Verona

(ANSA) - VERONA, 20 SET - Un'aggressione e un pestaggio fulminei, davanti alla stazione dei pullman di Verona Porta Nuova, poi il giovane violento ha estratto una pistola e l'ha puntata alla tempia della sua vittima, uno studente 18enne cingalese. Tutta la scena è stata ripresa con uno smartphone da una persona che si trovava a bordo di un autobus in sosta, ed il filmato è stato determinante per portare la Polizia sulle tracce dell'aggressore, anch'egli cittadino srilankese, di 23 anni, residente a Verona, nullafacente. Il giovane è stato arrestato dagli agenti delle Volanti, con l'accusa di resistenza aggravata e lesioni gravi a pubblico ufficiale. E' anche indagato per rapina, perchè aveva minacciato con l'arma il connazionale per constringerlo a consegnargli soldi. Nonostante il fatto sia avvenuto sotto gli occhi di decine di testimoni, con tanto di riprese filmate, nessuno ha chiamato il 113 e l'allarme è scattato solo su segnalazione della vittima.

20:46Ferita 15enne: trovato cadavere presunto aggressore

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA), 20 SET - Il cadavere del presunto responsabile del tentato omicidio della ragazza di 15 anni è stato trovato nelle campagne della località Callone, in agro di Ischitella. Lo rendono noto i carabinieri del Comando provinciale di Foggia. Pare che si sia tolto la vita con la stessa arma usata stamattina contro la 15enne. "Ditemi che è vero", ha scritto la madre della ragazzina su Facebook dopo avere appreso della morte dell'uomo.

20:23Calcio: serie A, Benevento-Roma 0-4

(ANSA) - BENEVENTO, 20 SET - La Roma passa senza problemi a Benevento per 4-0 nell'anticipo della quinta giornata di serie A. Partita dominata in lungo e in largo dagli uomini di Di Francesco: il primo pericolo lo porta Dzeko all'11' con un tiro da fuori. La replica dei padroni di casa è affidata a Cataldi che al 18' lascia partire un destro a giro che esce di pochissimo. La Roma passa in vantaggio con Dzeko al 22' che mette dentro da due passi su passaggio di Kolarov. Lo stesso centravanti bosniaco colpisce un palo al 30'. Al 35' arriva l'autogol di Lucioni che, dopo un cross di Bruno Peres, nel tentativo di anticipare Dzeko mette dentro la propria porta. Dzeko sigla il gol del 3-0 al 52' con un sinistro da fuori area. Benevento pericoloso al 67' con Coda che da buona posizione mette alto sopra la traversa. Al 74' l'autorete di Venuti per il 4-0 mentre Dzeko - ancora lui - colpisce la traversa all'83'. Roma quinta a nove punti, Benevento sempre ultimo a quota zero.

Archivio Ultima ora