Né referendum né “amministrative”. Venezuela, tra l’incudine e il martello

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da Mauro Bafile

Senza che sia stato archiviato il Referendum per destituire il presidente della Repubblica, il dibattito politico si sposta ora sulle elezioni regionali. Trascurate per mesi, tornano alla ribalta. Manca solo una manciata di settimane ma il Consiglio Nazionale Elettorale tace. Le elezioni “amministrative”, assieme alle “presidenziali” e alle “parlamentari”, rappresentano un’autentica espressione di democrazia. Evitare l’appuntamento elettorale, sostiene il quotidiano spagnolo “El Paìs”, significherebbe ferire mortalmente il sistema democratico e permettere una deriva autoritaria.
Il Referendum revocatorio è tutt’altro che dimenticato. Il Tavolo dell’Unità, per il 12 Ottobre – “Dìa de la Raza” per alcuni, “Dìa de la Independencia Indígena”, per altri – organizza una ulteriore manifestazione di forza. Non si conoscono ancora i dettagli, ma come già dimostrato in occasioni precedenti, non vi sarà la volontà di provocare né di cadere in provocazioni, di alimentare la violenza né di permettere che altri attori la provochino, di dare un salto nel buio né che altri lo facciano. Insomma, sarà una manifestazione di forza sì, ma pacifica.
Nel frattempo, l’alleanza dell’Opposizione si prepara alla raccolta del 20 per cento delle firme di venezuelani iscritti nel registro elettorale. Cioè, di circa 4 milioni di cittadini. Il Tavolo dell’Unità, che non perde occasione per invitare i venezuelani a manifestare la propria volontà nelle giornate del 26, 27 e 28 ottobre, ritiene che con una buona preparazione logistica si possa raggiungere l’obiettivo nonostante che i 1.356 seggi elettorali e le 5.392 macchine scrutatrici appaiano insufficienti per permettere a tutti di esprimere la propria volontà.
Mentre l’Opposizione lavora per superare con successo la prossima sfida, il Consiglio Nazionale Elettorale mantiene il massimo ermetismo sulle elezioni amministrative. C’è già, tra le file del governo chi, come nel caso del deputato Pedro Carreño, insinua che non vi sono i fondi per affrontare le spese che esse comportano. Una giustificazione che in tanti ritengono priva di senso in quanto la Costituzione traccia con chiarezza le tappe elettorali, ad eccezione, ovviamente, dei referendum. Sono date improrogabili. Proprio per questo, come già accaduto in precedenza, l’organismo elettorale dovrebbe aver già previsto nel suo budget le spese che vanno affrontate per le amministrative. Forse le elezioni più importanti per un partito poiché permettono di eleggere i sindaci e governatori che i cittadini sentono più vicini. Nei territori è possibile stabilire un “filo diretto” con gli elettori. E queste elezioni rappresentano il primo gradino per arrivare a Miraflores e cioè alla Presidenza.
Stando agli esperti in materia, i Governatori e i Sindaci del partito di governo saprebbero di essere in debito con gli elettori e con la società. Avrebbero timore di affrontare un nuovo processo elettorale nel quale, correrebbero il rischio di essere bocciati. E’ lecito, quindi, che cerchino con ogni mezzo di evitare l’esame.
Ma, sempre stando agli esperti analisti in materia politica, sono anche tanti a chiedersi se l’Opposizione sarà in grado di affrontare la sfida; se è preparata a superare l’esame come lo è oggi per il Referendum. Insomma, se il Tavolo dell’Unità sarà capace di evitare l’implosione e disinnescare le mine rappresentate dalle ambizioni personali dei politici, dal desiderio dei partiti di imporre il proprio criterio e dalle differenze di interpretazione della realtà del Paese.
Mentre il mondo politico è immerso nella polemica, quello economico temporeggia. Attende. Il governo del presidente Maduro osserva con ottimismo e con un certo sollievo come i prezzi del greggio, dopo il pre-accordo raggiunto dai paesi dell’Opec, cominciano a risalire la china.
La scorsa settimana il barile di petrolio Opec è stato venduto a 48,58 dollari. E’ inimmaginabile pensare a prezzi simili a quelli del passato. Ai 100 dollari il barile, ad essere precisi. Ma il barile di greggio tra i 50 e 60 dollari sarebbe sufficiente per aiutare l’attuale amministrazione del presidente Maduro. Gli offrirebbe un salvagente per prendere una boccata d’ossigeno. Anche i paesi europei risentirebbero degli effetti dell’aumento dei prezzi del petrolio. A differenza delle nazioni latinoamericane, che lottano per controllare la spirale inflazionaria in costante e pericolosa crescita, quelle del vecchio continente devono fare i conti con la deflazione. Un incremento della bolletta energetica, forse, contribuirebbe a creare pressione sui prezzi.

Stando al Centro di Studi della Politica per l’Energia Globale dell’Università di Columbia, negli Stati Uniti, la riduzione degli introiti percepiti da Pdvsa, la holding petrolifera venezuelana, non è stato solo il risultato della crisi dei prezzi ma anche, forse soprattutto, dell’inefficienza e della mancanza di ammodernamento dell’industria. Questo ha provocato una riduzione nella produzione e, quindi, problemi di liquidità al governo che si è indebitato oltre ogni limite. Oggi le fonti dove attingere prestiti sono sempre meno. Anche la Cina sembrerebbe propensa se non a chiudere i rubinetti, almeno a un maggior controllo e, soprattutto, ad ancorare i prestiti a progetti concreti nell’ambito petrolifero che è, poi, il più redditizio.
La carenza di valuta, quindi, ha provocato una “reazione a catena”. Sembrerebbe come il cane che si morde la coda. Non avendo dollari sufficienti, il governo, che gestisce il controllo dei cambi, non è in condizione di assegnare valuta per le importazioni di materie prime indispensabili alla produzione industriale. E, quindi, per soddisfare le esigenze della società almeno in parte, come accadeva in passato. E neanche per acquistare petrolio “leggero” che permette di rendere commerciabile il “pesante” che si estrae nel Paese.
Ad aggravare il panorama vi sono le scadenze internazionali. Ovvero, il pagamento degli interessi e del capitale del debito. Il mancato pagamento potrebbe provocare la dichiarazione di default con le conseguenze che tutti conosciamo. Il governo, come scrisse Ricardo Hausman mesi fa nel portale “Proyect Sindicate”, si troverebbe tra l’incudine e il martello: soddisfare le necessità del paese, ed evitare esplosioni sociali, e non pagare né interessi né capitale del debito estero con la conseguente chiusura del credito internazionale o, al contrario, rispettare le scadenze con i creditori e rischiare un’esplosione sociale.
Mauro Bafile

Ultima ora

23:35Sci: slalom Schladming, vittoria Kristoffersen

(ANSA) - SCHLADMING (AUSTRIA), 24 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen ha vinto la 20/a edizione dello slalom speciale notturno di Schladming bissando il successo dello scorso anno. Al secondo posto l'austriaco Marcel Hirscher in 1.39.92 davanti al russo Alexander Khoroshilov in 1.40.46. Migliore degli italiani il trentino Stefano Gross, quinto in 1.41.37 Gli altri azzurri in classifica sono Manfred Moelgg, 12/o in 1.42.36, il giovane Tommaso Sala 20/o in 1.43.08 e Giuliano Razzoli 22/o in 1.43.37, mentre Patrick Thaler ha inforcato con dolorosa torsione al ginocchio destro. Dopo questa gara in classifica generale di Coppa l'austriaco Marcel Hirscher e' saldamente al comando con 1.160 punti davanti a Kristoffersen a quota 792. La coppa maschile si trasferisce ora in Germania, a Garmisch-Partenkirchen: venerdì una prima discesa recupero di Wengen, sabato un'altra discesa e domenica slalom gigante. Sono le ultime gare in queste discipline prima dei Mondiali di St.Moritz.

22:47Calcio: Zamparini, non contento del gioco di Corini

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - "Io credo ancora alla salvezza. Reputo che, con i rinforzi in procinto di essere ingaggiati dal ds Salerno, ci possiamo salvare. Non ero contento del gioco di Corini, per Eugenio era un compito difficile: non è riuscito a cambiare la mentalità della squadra". Lo ha detto il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, ai microfoni di Sky Sport. "Non abbiamo scelto ancora nessuno per la panchina - ha spiegato il patron del club rosanero -. Diego Lopez sta arrivando in Italia, Salerno lo conosce bene e valuteremo. E' il profilo preferito dal direttore Salerno, io devo conoscerlo un pò, ma il 'mio' direttore ha il 100% della mia fiducia: mi fido di lui".

22:32Sciatore disperso ad Abetone, ritrovato da Soccorso Alpino

(ANSA) - PISTOIA, 24 GEN - E' stato ritrovato e sta bene lo sciatore disperso dal tardo pomeriggio di oggi ad Abetone. Si tratta di un 20enne di Massa e Cozzile (Pistoia), che con attrezzatura non idonea (normali sci da pista), si era avventurato in una zona impervia e particolarmente scoscesa, per la quale sarebbero serviti almeno sci da alpinismo e molta esperienza. Intorno alle 17 la batteria del telefono che aveva con sé si è scaricata ed ha perso i contatti con gli amici. A ritrovarlo intorno alle 20.30 sono stati i volontari del Soccorso alpino e gli agenti della polizia di stato in servizio sulle piste da neve.

22:13Sciatore disperso ad Abetone, lo cerca il Soccorso alpino

(ANSA) - PISTOIA, 24 GEN - Il Soccorso alpino ha avviato le ricerche di uno sciatore che sarebbe disperso nella zona dell'Alpe delle Tre Potenze, in Val di Luce, ad Abetone (Pistoia). Gli amici, dopo averlo sentito per l'ultima volta alle 17 hanno perso i contatti con l'uomo ed hanno dato l'allarme ai soccorsi. E' partita una squadra di volontari del Soccorso alpino e speleologico toscano per le ricerche. Secondo le prime indicazioni, lo sciatore, avrebbe intrapreso il percorso che va dall'Alpe Tre Potenze (1940 m) verso il Lago Nero.

22:05Calcio: Juventus, Real e Barcellona contro discriminazione

(ANSA) - TORINO, 24 GEN - I presidenti di Juventus, Real Madrid e Barcellona hanno partecipato oggi nella capitale spagnola al lancio dell'iniziativa 'Sin respecto no hay huego', la nuova campagna a favore dell'inclusione e contro ogni forma di discriminazione nel calcio, varata dal Gruppo Prisa in collaborazione con Unesco e alla quale hanno aderito i tre club calcistici. Andrea Agnelli ha ricordato come il 27 novembre 2015 a Parigi la Juventus aveva presentato nella sede dell'Unesco il dossier 'Colour? What colour?', incentrato sui fenomeni legati al razzismo in campo internazionale, progetto che lo stesso club bianconero ha finanziato. "Il documento - ha sottolineato il presidente della Juventus - propone delle misure e degli strumenti volti a favorire l'integrazione. Necessità però dell'aiuto di tutti: istituzioni, club e media. Con l'appoggio di tutti sarà più facile dire 'No al razzismo' e favorire l'inclusione e il rispetto verso gli altri".

22:03F.1: la Fia ringrazia Ecclestone

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - La Fia ringrazia l'ad uscente della F1 management, Bernie Ecclestone, "per più di 40 anni di dedizione alla Federazione". "La Fia - si legge in un comunicato - è stata responsabile della creazione di una struttura normativa per la Formula 1 già nel 1946. La Federazione resta impegnata a regolamentare il Mondiale di F1 in modo equo, sicuro e nel migliore interesse dello sport, come ha cercato di fare sin dall'inizio, 67 anni fa". Il presidente della Fia, Jean Todt, si è congratulato con i nuovi proprietari del Gruppo Formula 1, Liberty media corporation. "Come organo di governo della Formula 1, la Fia dà il benvenuto al nuovo ad, Chase Carey, e a tutta la sua squadra per il campionato", prosegue la nota. "Tutta l'organizzazione della Fia - conclude - non vede l'ora di lavorare a stretto contatto, con l'obiettivo comune di migliorare e crescere ulteriormente lo sport con il supporto delle competenze altamente riconosciute di Liberty media corporation sui media e nel mondo della comunicazione sportiva".

21:35Usa: tabloid, Obama ora in vacanza ai Caraibi

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Gli Obama ora sarebbero in vacanza ai Caraibi. Lo riferisce Tmz secondo cui l'ex famiglia presidenziale avrebbe lasciato Palm Springs in California dopo soli tre giorni a causa del maltempo. Sempre secondo il tabloid, Barack e Michelle sarebbero prima ritornati a Washington, poi di li avrebbero preso un jet privato di Richard Branson, il businessman inglese proprietario della Virgin Atlantic, alla volta dell'isola di Necker, nelle isole Vergini britanniche. Il sito di Tmz mostra una foto in cui l'ex presidente e First Lady posano con delle persone che sembrano delle guardie. Ancora secondo indiscrezioni, Malia e Sasha non avrebbero seguito i genitori a Palm Spring ma probabilmente ora sono ai Caraibi anche se al momento non circola nessuna loro foto.

Archivio Ultima ora