Né referendum né “amministrative”. Venezuela, tra l’incudine e il martello

Pubblicato il 10 ottobre 2016 da Mauro Bafile

Senza che sia stato archiviato il Referendum per destituire il presidente della Repubblica, il dibattito politico si sposta ora sulle elezioni regionali. Trascurate per mesi, tornano alla ribalta. Manca solo una manciata di settimane ma il Consiglio Nazionale Elettorale tace. Le elezioni “amministrative”, assieme alle “presidenziali” e alle “parlamentari”, rappresentano un’autentica espressione di democrazia. Evitare l’appuntamento elettorale, sostiene il quotidiano spagnolo “El Paìs”, significherebbe ferire mortalmente il sistema democratico e permettere una deriva autoritaria.
Il Referendum revocatorio è tutt’altro che dimenticato. Il Tavolo dell’Unità, per il 12 Ottobre – “Dìa de la Raza” per alcuni, “Dìa de la Independencia Indígena”, per altri – organizza una ulteriore manifestazione di forza. Non si conoscono ancora i dettagli, ma come già dimostrato in occasioni precedenti, non vi sarà la volontà di provocare né di cadere in provocazioni, di alimentare la violenza né di permettere che altri attori la provochino, di dare un salto nel buio né che altri lo facciano. Insomma, sarà una manifestazione di forza sì, ma pacifica.
Nel frattempo, l’alleanza dell’Opposizione si prepara alla raccolta del 20 per cento delle firme di venezuelani iscritti nel registro elettorale. Cioè, di circa 4 milioni di cittadini. Il Tavolo dell’Unità, che non perde occasione per invitare i venezuelani a manifestare la propria volontà nelle giornate del 26, 27 e 28 ottobre, ritiene che con una buona preparazione logistica si possa raggiungere l’obiettivo nonostante che i 1.356 seggi elettorali e le 5.392 macchine scrutatrici appaiano insufficienti per permettere a tutti di esprimere la propria volontà.
Mentre l’Opposizione lavora per superare con successo la prossima sfida, il Consiglio Nazionale Elettorale mantiene il massimo ermetismo sulle elezioni amministrative. C’è già, tra le file del governo chi, come nel caso del deputato Pedro Carreño, insinua che non vi sono i fondi per affrontare le spese che esse comportano. Una giustificazione che in tanti ritengono priva di senso in quanto la Costituzione traccia con chiarezza le tappe elettorali, ad eccezione, ovviamente, dei referendum. Sono date improrogabili. Proprio per questo, come già accaduto in precedenza, l’organismo elettorale dovrebbe aver già previsto nel suo budget le spese che vanno affrontate per le amministrative. Forse le elezioni più importanti per un partito poiché permettono di eleggere i sindaci e governatori che i cittadini sentono più vicini. Nei territori è possibile stabilire un “filo diretto” con gli elettori. E queste elezioni rappresentano il primo gradino per arrivare a Miraflores e cioè alla Presidenza.
Stando agli esperti in materia, i Governatori e i Sindaci del partito di governo saprebbero di essere in debito con gli elettori e con la società. Avrebbero timore di affrontare un nuovo processo elettorale nel quale, correrebbero il rischio di essere bocciati. E’ lecito, quindi, che cerchino con ogni mezzo di evitare l’esame.
Ma, sempre stando agli esperti analisti in materia politica, sono anche tanti a chiedersi se l’Opposizione sarà in grado di affrontare la sfida; se è preparata a superare l’esame come lo è oggi per il Referendum. Insomma, se il Tavolo dell’Unità sarà capace di evitare l’implosione e disinnescare le mine rappresentate dalle ambizioni personali dei politici, dal desiderio dei partiti di imporre il proprio criterio e dalle differenze di interpretazione della realtà del Paese.
Mentre il mondo politico è immerso nella polemica, quello economico temporeggia. Attende. Il governo del presidente Maduro osserva con ottimismo e con un certo sollievo come i prezzi del greggio, dopo il pre-accordo raggiunto dai paesi dell’Opec, cominciano a risalire la china.
La scorsa settimana il barile di petrolio Opec è stato venduto a 48,58 dollari. E’ inimmaginabile pensare a prezzi simili a quelli del passato. Ai 100 dollari il barile, ad essere precisi. Ma il barile di greggio tra i 50 e 60 dollari sarebbe sufficiente per aiutare l’attuale amministrazione del presidente Maduro. Gli offrirebbe un salvagente per prendere una boccata d’ossigeno. Anche i paesi europei risentirebbero degli effetti dell’aumento dei prezzi del petrolio. A differenza delle nazioni latinoamericane, che lottano per controllare la spirale inflazionaria in costante e pericolosa crescita, quelle del vecchio continente devono fare i conti con la deflazione. Un incremento della bolletta energetica, forse, contribuirebbe a creare pressione sui prezzi.

Stando al Centro di Studi della Politica per l’Energia Globale dell’Università di Columbia, negli Stati Uniti, la riduzione degli introiti percepiti da Pdvsa, la holding petrolifera venezuelana, non è stato solo il risultato della crisi dei prezzi ma anche, forse soprattutto, dell’inefficienza e della mancanza di ammodernamento dell’industria. Questo ha provocato una riduzione nella produzione e, quindi, problemi di liquidità al governo che si è indebitato oltre ogni limite. Oggi le fonti dove attingere prestiti sono sempre meno. Anche la Cina sembrerebbe propensa se non a chiudere i rubinetti, almeno a un maggior controllo e, soprattutto, ad ancorare i prestiti a progetti concreti nell’ambito petrolifero che è, poi, il più redditizio.
La carenza di valuta, quindi, ha provocato una “reazione a catena”. Sembrerebbe come il cane che si morde la coda. Non avendo dollari sufficienti, il governo, che gestisce il controllo dei cambi, non è in condizione di assegnare valuta per le importazioni di materie prime indispensabili alla produzione industriale. E, quindi, per soddisfare le esigenze della società almeno in parte, come accadeva in passato. E neanche per acquistare petrolio “leggero” che permette di rendere commerciabile il “pesante” che si estrae nel Paese.
Ad aggravare il panorama vi sono le scadenze internazionali. Ovvero, il pagamento degli interessi e del capitale del debito. Il mancato pagamento potrebbe provocare la dichiarazione di default con le conseguenze che tutti conosciamo. Il governo, come scrisse Ricardo Hausman mesi fa nel portale “Proyect Sindicate”, si troverebbe tra l’incudine e il martello: soddisfare le necessità del paese, ed evitare esplosioni sociali, e non pagare né interessi né capitale del debito estero con la conseguente chiusura del credito internazionale o, al contrario, rispettare le scadenze con i creditori e rischiare un’esplosione sociale.
Mauro Bafile

Ultima ora

15:54Calcio: Hart, sarò per sempre tifoso del Torino

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - "Grazie Torino, sono orgoglioso di aver giocato per la tua Grande Squadra". Il portiere del Manchester City e dell'Inghilterra, saluta così la squadra con cui ieri ha concluso la stagione. Da tempo i granata hanno annunciato che non riscatteranno il numero uno, perché la valutazione del suo cartellino - 15 milioni di euro la richiesta del Manchester - è ritenuta eccessiva. "Non dimenticherò mai il modo in cui avete accolto me e la mia famiglia", aggiunge su Instagram Hart, diventato subito beniamino dei tifosi granata nonostante qualche errore di troppo. "Sarò un tifoso del Torino per sempre, per il resto dei miei giorni - sottolinea -. Ho incontrato tante persone veramente speciali e questa è stata una delle più splendide esperienze della mia vita. Per adesso è solo un arrivederci, perché tornerò per vedervi ed incontrarvi tutti. Vi auguro una estate eccezionale, mi mancherete!", conclude Hart con quel "#kaammoonnnn" che quest'anno è stato il suo grido di battaglia.

15:53Spagna: stroncato traffico anabolizzanti

(ANSA) - MADRID, 29 MAG - La polizia spagnola ha annunciato di avere smantellato una importante rete internazionale di traffico di anabolizzanti, procedendo a 14 arresti e al sequestro di oltre 3 milioni di dosi. Secondo la Guardia Civil si tratta della più importante operazione portata a termine in Europa contro i trafficanti di anabolizzanti, che riforniva privati e palestre in Spagna e all'estero. Due dei 14 arrestati - a Malaga, Alicante, Valencia e Valladolid - sono venezuelani, gli altri spagnoli. I trafficanti ricevevano le sostanze da Cina e India e le distribuivano senza alcun controllo sanitario. Alcuni prodotti venivano rifiniti a Malaga e distribuiti illegalmente sotto il falso marchio di un noto laboratorio. Nell'operazione, cui hanno partecipato anche agenti di Francia e Germania, sono state sequestrate più di 120 sostanze diverse.

15:42Pakistan: scontri per blackout, un morto

(ANSA) - ISLAMABAD, 29 MAG - Almeno una persona è morta in Pakistan ed altre sei sono rimaste ferite oggi in incidenti fra le forze dell'ordine e centinaia di manifestanti scesi in piazza contro i ripetuti blackout elettrici nella provincia nord-occidentale di Khyber Pkhtunkhwa. Lo riferisce la tv DawnNews. Gli incidenti sono avvenuti nel distretto di Malakand, dove i dimostranti hanno appiccato il fuoco al locale commissariato di polizia. Una simile protesta è avvenuta anche nel capoluogo provinciale Peshawar dove i manifestanti hanno bloccato il traffico sul Ring Road. L'interruzione delle forniture di energia elettrica è frequente in Pakistan, ma si è intensificata negli ultimi giorni, aumentando i disagi della popolazione impegnata nel rispetto del mese sacro di Ramadan.

15:34Calcio: Sarri domani ritira Premio Bearzot

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Si terrà domani alle ore 15 a Roma, presso il Salone d'Onore del Coni, la celebrazione della settima edizione del Premio 'Enzo Bearzot', riconoscimento promosso dall'Unione Sportiva Acli con il patrocinio della Figc. Il premio sarà consegnato a Maurizio Sarri. A premiare l'allenatore del Napoli saranno il presidente dell'Us Acli Damiano Lembo, il numero uno della Figc Carlo Tavecchio, e il presidente del Coni Giovanni Malagò. Tanti gli ospiti illustri che prenderanno parte alla cerimonia, tra cui spicca la presenza del patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Il tecnico del Napoli succede a Claudio Ranieri ed è stato scelto da una prestigiosa giuria presieduta da Tavecchio e Lembo e formata da direttori e capi redazione delle più importanti testate italiane, sportive e nazionali, alcuni dei quali saranno presenti all'evento di domani.

15:27Domani Gentiloni incontra Trudeau a Villa Madama

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, riceverà domani, martedì 30 maggio, alle ore 12 a Villa Madama, il Primo Ministro canadese Justin Trudeau. Al termine dell'incontro è prevista una conferenza stampa.

15:26Calcio: Chiellini, siamo migliori di due anni fa

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - "Rispetto a due anni fa ci sentiamo diversi e migliori, a prescindere dalla qualità tecnica". Lo sostiene Giorgio Chiellini, grande assente contro il Barcellona due anni fa perché infortunato, paragonando la Juventus di allora a quella che sabato affronterà il Real Madrid in una nuova finale di Champions League. "Due anni fa a Berlino abbiamo avuto un primo tempo troppo di tensione, nel secondo invece ci siamo scoperti troppo. L'esperienza ci servirà", aggiunge il difensore bianconero.

15:26Amber Rudd replica a Merkel, fidati di noi

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Reazione irritata a Londra alle parole di Angela Merkel, che dopo il G7 di Taormina ha invitato l'Europa continentale a tornare padrona "del suo destino" e a non "dipendere più completamente" dagli Usa e dalla Gran Bretagna, specie nel dopo Trump e del dopo Brexit. Parole a cui Amber Rudd, ministra dell'Interno del governo conservatore di Theresa May, ha replicato a stretto giro dai microfoni della Bbc sottolineando come Berlino e Bruxelles non possano pensare di prescindere sulla collaborazione degli alleati, in particolare in materia di "sicurezza". "Mentre avviamo i negoziati per lasciare l'Ue, siamo in grado di rassicurare la Germania e gli altri Paesi europei di voler restare un partner forte nella difesa e nella sicurezza, oltre che, speriamo, nel commercio", ha detto Rudd. "Possiamo assicurare la signora Merkel - ha insisto punzecchiando la cancelliera tedesca - che noi puntiamo a una relazione speciale a livello pan-europeo per far sì di restare tutti al riparo dal terrorismo" estero e interno.

Archivio Ultima ora