Hillary Clinton sceglie Ralph Lauren, simbolo dell’American Dream

Pubblicato il 11 ottobre 2016 da ansa

Hillary Clinton con un completo Ralph Lauren al primo evento di campagna elettorale al Four Freedoms Park a Manhattan, New York, 13 giugno 2015  (Spencer Platt/Getty Images)

Hillary Clinton con un completo Ralph Lauren al primo evento di campagna elettorale al Four Freedoms Park a Manhattan, New York, 13 giugno 2015
(Spencer Platt/Getty Images)

NEW YORK. – Hillary Clinton sceglie Ralph Lauren, sposando uno stile dalle linee pulite ed eleganti, adatto per un presidente. E diventa la nuova musa dello stilista simbolo del ‘sogno americano’ che dal Bronx finirà dritto alla Casa Bianca, se Clinton sarà eletta. La scelta di Ralph Lauren non è ancora ufficiale. Ma il trend osservato lascia adito a pochi dubbi: Clinton ha scelto lo stilista per tutti gli appuntamenti più importanti, tradendolo durante la campagna solo in alcune occasioni con Giorgio Armani.

Dal tailleur blu elettrico indossato in occasione dell’annuncio della sua discesa in campo nella corsa alla Casa Bianca al completo pantalone bianco sfoggiato sul palco della Convention democratica, passando per quello rosso del primo dibattito e quello bianco e blu del secondo contro con Donald Trump, Clinton ha scelto Ralph Lauren.

Se la Casa Bianca sarà affidata allo stilista americano, Clinton interromperà la ‘tradizione’ di Michelle Obama, che ha approfittato il suo status di First lady per promuovere nuovi stilisti americani, e seguirà le orme di Jacqueline Kennedy e Nancy Reagan, che si erano affidate a un unico designer, salvo eccezioni.

Scegliendo Ralph Lauren Clinton va sul sicuro e rinuncia ad azzardare. D’altronde i completi pantalone fanno da anni notizia, soprattutto nel male con scelte di colori e tagli discutibili. Con Ralph Lauren invece Hillary rivede e rende più femminile la sua ‘uniforme’ pubblica, lanciando allo stesso tempo un messaggio in linea con la sua narrativa di netta contrapposizione a Donald Trump.

La scelta di uno stilista americano si contrappone infatti alle scelte ‘made in Europe’ della famiglia Trump, con The Donald che indossa i completi Brioni e Melania i marchi europei, come la camicia di Gucci rosa sfoggiata nell’ultimo dibattito.

Ralph Lauren invece è l’incarnazione del sogno americano. Nato nel Bronx, ha iniziato la sua carriera come venditore di cravatte, poi ha costruito un vero e proprio impero sulla mitologia del West, in cui i cowboy potevano vagabondare fra i bisonti nello spirito del romanzo inglese il ‘Ritorno di Bridesheard’.

Ralph Lauren e Clinton hanno anche molti punti in comune: sono quasi coetanei e hanno frequentato gli stessi contesti politici e sociali. L’unica ‘pecca’ di Ralph Lauren è non aver frequentato abbastanza la Casa Bianca, un onore riservato in molte occasioni a Oscar de la Renta, che ha vestito spesso Laura Bush. Ma se Clinton vincerà, Ralph Lauren avrà la possibilità di recuperare il tempo perduto.

Ultima ora

13:59Pd: Cuperlo, anche su percorso Renzi insufficiente

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Per quanto riguarda il percorso ancora una volta sono colpito dalla insufficienza di un segretario, per quanto dimissionario. Era evidente che anche sui tempi della nostra discussione poteva e potrebbe esserci un recupero di fiducia di tanti iscritti, militanti, elettori turbati da una spaccatura che fino all'ultimo non si è voluto evitare". Lo dice Gianni Cuperlo in una nota.

13:56Pd: Cuperlo, 4 marzo SinistraDem decide posizione Congresso

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Come SinistraDem, con altre compagne e compagni, decideremo come stare nel congresso in un'assemblea convocata per sabato 4 marzo a Roma. Lo faremo in coerenza con le opinioni e battaglie di questi anni guardando a contenuti e valori di una alternativa alla stagione che ci siamo lasciati alle spalle". Lo dice Gianni Cuperlo in una nota.

13:46Pallavolo: Tifanny al Brescia, trans? Che sappiano giocare

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Il Brescia può andare dove vuole, l'importante è che prenda tre che sappiano giocare...": è realista ed elegante al tempo stesso la replica a distanza di Tifanny Pereira da Abreu alla polemica aperta dalla società di pallavolo femminile del Millenium Brescia che, temendo derive in un ambito ancora non regolamentato, aveva lanciato la provocazione di andare in Brasile ad ingaggiare giocatori trans per vincere il campionato. "Non è che sai giocare bene a pallavolo solo perché sei trans - spiega a Sky Sport la Pereira, schiacciatrice diventata donna con un intervento nel 2014 e ora in forza al club di A2 della Golem Palmi - Conta il talento, devi saper giocare. E il talento lo possono avere sia un uomo, sia una donna, sia un trans. La mia essenza è di donna: io ho cambiato per me, per il mio essere. La pallavolo è il mio lavoro". La brasiliana 32enne ha giocato domenica scorsa la sua prima partita nel campionato italiano. Palmi e Brescia, in lotta per un posto nei playoff, si affronteranno il 12 marzo.

13:41Migranti: striscione centro sociale a forum con sindaco Sala

(ANSA) - MILANO, 23 FEB - 'Milano come Barcellona. Nessuno illegale' è la scritta sullo striscione che gli antagonisti del Cantiere hanno srotolato all'ingresso del teatro Elfo Puccini dove è in corso il sesto forum delle politiche sociali. I rappresentanti del Cantiere, una trentina, avrebbero voluto entrare in sala per fare un intervento. Ma la sala era già stata chiusa perché troppo piena. Così con il megafono hanno spiegato di essere d'accordo con l'assessore Pierfrancesco Majorino che ha lanciato nei giorni scorsi l'idea di una manifestazione contro il razzismo come quella che si è svolta a Barcellona. Una manifestazione che secondo loro deve essere contro il decreto Minniti. "Se nessuno è illegale - hanno detto - ci aspettiamo che il Comune di Milano non riconosca il reato di clandestinità e blocchi le deportazioni". In quel momento è entrato il sindaco Giuseppe Sala, a cui gli antagonisti hanno urlato, prima che entrasse al forum, "sindaco, vogliamo vederla in manifestazione".

13:39Danimarca: prima incriminazione per blasfemia dal 1971

(ANSA) - COPENHAGEN, 23 FEB - Un uomo di 42 anni è stato incriminato per blasfemia nel Nord della Danimarca, per avere, secondo l'accusa, dato alle fiamme una copia del Corano e poi postato il relativo video nel suo profilo Facebook. Lo ha reso noto un procuratore danese, Jan Reckendorff, precisando che è la prima volta sin dal 1971 che qualcuno viene incriminato in Danimarca per aver "irriso pubblicamente la dottrina o il culto di una comunità religiosa", un reato, ha aggiunto, punibile con pene fino a quattro mesi di reclusione o con una ammenda. L'uomo, ha detto ancora Reckendorff senza rivelarne l'identità, ha bruciato la copia del Corano nel suo cortile, riprendendo l'azione in un video che hai poi postato il 27 dicembre del 2015 in una pagina Facebook anti-islamica. La data del processo non è stata ancora fissata.

13:34Cuba: governo vieta ingresso a segretario Osa Almagro

(ANSA) - L'AVANA, 23 FEB - Il segretario generale dell' Organizzazione degli Stati Americani (Osa) Luis Almagro, l'ex presidente messicano Felipe Calderon e l'ex ministra cilena Mariana Aylwin si sono visti proibire l'ingresso a Cuba, dove dovevano partecipare ad un omaggio a Oswaldo Payà, il dissidente morto nel 2012. Almagro, ex ministro degli Esteri del governo uruguayano di José "Pepe" Mujica, ha spiegato che le autorità dell'isola non gli hanno concesso un visto di ingresso con il suo passaporto ufficiale Osa e si sono negate a lasciarlo entrare con i suoi documenti uruguayani, malgrado per i cittadini di questo paese non sia necessario un visto. I governi di Messico e Cile, da parte loro, hanno espresso il loro "rammarico" per la decisione del governo di Raul Castro, sottolineando che né Calderon né Aylwin "rappresentano un rischio per il popolo o le autorità cubane".

13:31Siria: al via colloqui di Ginevra tra governo e opposizioni

(ANSAMed) - BEIRUT, 23 FEB - Sono cominciati a Ginevra i colloqui mediati dall'Onu tra governo e opposizioni siriane. Lo riferiscono i media panarabi, riportando lo scetticismo delle parti e dello stesso inviato speciale dell'Onu per la Siria, Staffan De Mistura. La delegazione delle opposizioni aveva ieri chiesto di poter avere colloqui diretti, ma non vi sono ancora certezze su come si svolgeranno gli incontri. Si tratta del quarto round di colloqui mediati in Svizzera dalle Nazioni Unite. Finora nessun incontro è riuscito ad avvicinare le parti. Tra due settimane si celebrerà il sesto anniversario dello scoppio delle proteste popolari in Siria e della conseguente repressione governativa, eventi che hanno gradualmente spinto il Paese mediorientale verso una guerra civile con dimensioni regionali e internazionali e con effetti catastrofici sul piano umanitario.

Archivio Ultima ora