McDonald’s a San Pietro, la rivolta dei cardinali

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

McDonald's a San Pietro, "rivolta" dei cardinali

McDonald’s a San Pietro, “rivolta” dei cardinali

CITTA’ DEL VATICANO. – Non ci sono solo i residenti di Borgo Pio a ribellarsi contro la prossima, prevista apertura di un nuovo McDonald’s nel tipico rione romano a due passi da Piazza San Pietro. Lo sbarco, ancora in cantiere, del colosso americano dei fast-food in un locale da tempo sfitto di un palazzo di proprietà del Vaticano, che si estende su Borgo Pio da un lato e su via del Mascherino dall’altro, irrita parecchio anche i cardinali che lì risiedono.

E non solo per i motivi legati alla protesta di commercianti ed esercenti della zona che temono che l’apertura del fast-food stravolga i connotati all’impostazione tradizionale del rione. Ma soprattutto per il trattamento che hanno subito dall’Apsa, l’Amministrazione del Patrimonio della Sede apostolica, l’ente vaticano proprietario dell’immobile che ha chiesto un contributo spese ai porporati-inquilini.

Tutto nasce da una lettera spedita quest’estate agli inquilini dello stabile con ingresso in piazza della Città Leonina, tra cui i cardinali Gianfranco Ravasi, Giuseppe Versaldi, Gilberto Agustoni, Andrea Cordero Lanza di Montezemolo, Dario Castrillon Hoyos e Manuel Monteiro de Castro, con cui l’Apsa comunicava loro che gli sarebbe stato decurtato dall’indennità il costo di “lavori in corso” nello stabile.

Questo perché nel frattempo, con una trattativa riservata, l’Apsa aveva concordato l’affitto del locale di 538 metri quadri, da tempo sfitto dopo essere stato lasciato libero anni fa da una banca, alla società McDonald’s Development Italy con un canone che si aggira intorno a qualche decine di migliaia euro mensili, di tre volte superiore alle ultime offerte che l’Apsa aveva ricevuto.

Perché la McDonald’s possa però effettivamente aprire i battenti e sfornare i suoi famosi hamburger, l’Apsa ha dovuto predisporre lavori, oltre che di ristrutturazione, anche per la realizzazione di una canna fumaria. Struttura necessaria, che si è potuta costruire sfruttando un vano ascensore presente nell’edificio ma inutilizzato.

Nell’adiacente ala dello stesso stabile risiedono altri cardinali, come Gerhard Ludwig Mueller (nell’appartamento abitato prima di lui da Joseph Ratzinger), Lorenzo Baldisseri, Angelo Amato, Walter Kasper, Mauro Piacenza, ma loro non sono stati interessati dalla richiesta di contribuire ai lavori.

Allo stato attuale, tra l’altro, l’edificazione della canna fumaria rappresenterebbe un ipotetico abuso edilizio, dal momento che la normativa italiana non consente strutture di quel tipo nel rione Borgo Pio e l’immobile, anche se di proprietà vaticana, non gode dell’extraterritorialità poiché i suoi locali non sono adibiti ad uso ufficio ma ad uso abitativo.

Ecco che dunque l’Apsa, per coprire il costo dei lavori straordinari, ha pensato bene di farlo con una decurtazione dall’indennità dei cardinali residenti nello stabile. Una modalità che non è andata giù ai porporati interessati che si sono lamentati non tanto, dicono, per la spesa imprevista, quanto per il modo in cui si è voluto procedere. In sostanza, a loro dire, senza avere avuto la cortesia di consultarsi con loro e discutere della questione. Insomma, l’Apsa incassa (l’affitto) e i cardinali pagano.

Intanto è bufera anche a Firenze per l’apertura di un McDonald’s nella storica piazza del Duomo. La multinazionale ha fatto ricorso al Tar con la richiesta di sospendere e annullare il Regolamento Unesco approvato dal consiglio comunale il 18 gennaio scorso che, di fatto, le ha impedito di aprire il suo punto vendita. La catena chiede inoltre 18 milioni di risarcimento per il mancato incasso, più i danni di immagine, ancora da quantificare.

(di Nina Fabrizio/ANSA)

Ultima ora

10:24Afghanistan: arrestati in Kandahar 16 talebani

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - La polizia afghana ha arrestato nelle ultime ore nella provincia meridionale di Kandahar 16 talebani, appartenenti a "tre gruppi terroristici" responsabili di attacchi coordinati e dell'uccisione di membri delle forze di sicurezza afghane. Lo ha reso noto il Dipartimento nazionale per la sicurezza (Nds, servizi). Gli arresti, ha precisato una fonte del Nds, sono avvenuti nell'ambito di specifiche operazioni realizzate nei distretti di Arghandab, Shahwali Kot e Daman. "questi gruppi terroristici - ha aggiunto la fonte - operavano sotto il comando dei Mullah Sayed Muhammad, Raz Muhammad e Mirza, che sono stati arrestati insieme ai loro uomini". Dopo il recente cruento attacco alla guesthouse del governatore di Kandahar in cui sono morte 12 persone, fra cui cinque diplomatici degli Emirati arabi uniti, la polizia ha intensificato le operazioni miranti a localizzare i talebani operanti nella provincia.

10:16India:scontro a fuoco in Arunachal Pradesh, uccisi 2 soldati

(ANSA) - NEW DELHI, 22 GEN - Due soldati del Corpo dei Fucilieri dell'Assam sono morti oggi in uno scontro a fuoco con un commando di militanti del Consiglio nazionale socialista del Nagaland (Nscn-k) nello stato nord-orientale indiano di Arunachal Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. L'incidente, precisa l'agenzia, è avvenuto nell'area di Jairampur del distretto di Changlang, confinante con lo Stato di Assam quando i militanti, che si battono per uno Stato indipendente cristiano per la popolazione di etnìa Naga del nord-est indiano e di Myanmar, hanno attaccato i fucilieri che perlustravano il territorio.

09:56Trump: primo briefing Casa Bianca dura 5 minuti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, tiene il suo primo briefing. E dura poco più di cinque minuti, durante i quali attacca la stampa e non prende domande, dopo essersi fatto attendere per più di un'ora. Il briefing, già inconsueto di sabato, era stato infatti inizialmente convocato per le 16.30 ore locali, le 22.30 italiane, ma Spicer si è presentato con oltre un'ora di ritardo.

09:45Trump: ex direttore Brennan, vergognoso comportamento a Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - L'ex direttore della Cia, John Brennan, ha detto che il presidente Donald Trump ''dovrebbe vergognarsi'' per il suo comportamento al quartier generale della Cia. Lo ha rivelato Nick Shapiro, ex braccio destro di Brennan. Shapiro dice che Brennan ''e' profondamente rattristato e arrabbiato per la deprecabile dimostrazione di autoglorificazione di Trump di fronte al Muro della memoria degli eroi dell'agenzia''. Parlando agli ufficiali della Cia di fronte al memoriale per gli agenti caduti, Trump aveva bacchettato i giornalisti per la copertura riservata alla cerimonia dell'Inaugurazione e aveva contestato che il numero delle persone presenti era piu' grande di quello riferito dai media.

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

Archivio Ultima ora