Parte countdown, gli ultimi 100 giorni di Obama alla Casa Bianca

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Parte countdown,ultimi 100 giorni Obama Casa Bianca

Parte countdown,ultimi 100 giorni Obama Casa Bianca

WASHINGTON. – No, nella West Wing alla Casa Bianca non è stato affisso un grande orologio che segna il tempo che passa. Lo ha detto il portavoce dell’amministrazione Obama Josh Earnest ai giornalisti che gli chiedevano quale fosse il clima dietro quei pannelli che separano la briefing room dalle ‘sale operative’ adesso che il conto alla rovescia è partito con la presidenza di Barack Obama entrata nei suoi ultimi 100 giorni.

Un periodo che si chiuderà con il passaggio di consegne dell”inauguration day’ il 20 gennaio 2017 quando giurerà il 45/mo presidente degli Stati Uniti. In queste settimane, Barack Obama intende mantenere lo stesso approccio degli ultimi sette anni e mezzo, ha detto Earnest, con l’obiettivo di “trarre il meglio da ogni opportunità che resta, per usare i poteri che il ruolo gli conferisce a favore degli interessi di questo Paese, nella lotta per le famiglie della classe media, e per mantenere il Paese al sicuro”.

Che Obama non intenda starsene con le mani in mani lo ha dimostrato lui stesso con i fatti, chiarendo di non aver alcuna voglia di fare l”anatra zoppa’. La sua voce è risuonata forte e chiara a più riprese e su più temi, così come le sue decisioni. Perché se negli ultimi mesi di presidenza firmare più ordini esecutivi è considerato normale così come la concessione di grazie e pene commutate, per ciascuna delle sue decisioni Barack Obama in questi ultimi tempi ne ha enfatizzata la valenza politica.

Si pensi alla nomina del successore per il posto dello scomparso Antonin Scalia (giudice conservatore) alla Corte Suprema, Marrick Garland, che deve essere approvata dal Senato e che è stata una chiara presa di posizione politica, una sfida, nonché l’ennesimo rimprovero severo all’opposizione dura e paralizzante del Congresso con cui il presidente ha convissuto nel suo ultimo mandato.

Ma anche la nomina dell’ambasciatore americano a Cuba (anche questa in attesa di ratifica del Senato) che ha voluto a sigillo del processo di riavvicinamento tra i due Paesi, che è altrettanto significativa su quanto il 44/mo presidente tenga a lasciare il segno, a lasciare la sua eredità.

Un lascito in cui però restano diversi capitoli incompiuti, a partire dalla mancata chiusura di Guantanamo ai dubbi circa il Tpp e il Ttpi, accordi di libero scambio con Europa e Asia. Il secondo con davvero poche speranze ormai di decollo, mentre sul primo spera ancora.

Molto del tempo rimasto però, almeno fino all’election day l’8 novembre, Barack Obama intende dedicarlo alla campagna elettorale a favore di Hillary Clinton. Per “un successore impegnato sugli stessi principi e valori” che hanno guidato l’azione di Obama presidente, ha aggiunto Earnest, senza mancare dimenticare però la chiosa istituzionale: il presidente si adoperrà inoltre per assicurare una agile transizione per il suo successore “a prescindere da chi sarà”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

00:39Comunali: Catanzaro, Abramo sindaco per la quarta volta

(ANSA) - CATANZARO, 25 GIU - É quasi certo un quarto mandato come sindaco di Catanzaro per Sergio Abramo, 59 anni, del centrodestra, imprenditore, sostenuto da sei liste. Exit poll e proiezioni gli attribuiscono una percentuale del 65,5%, nettamente superiore rispetto a quella del suo concorrente, Vincenzo Antonio Ciconte, 62 anni, del centrosinistra, appoggiato da 11 liste, per il quale il risultato che si profila é il 34,5%. Abramo, che al primo turno aveva ottenuto il 39,72%, é il sindaco uscente ed era stato primo cittadino a Catanzaro dal 1997 al 2005. Vincenzo Antonio Ciconte, primario cardiologo, che l'11 giugno aveva ottenuto il 31,04%, é stato sostenuto da 11 liste. "Il centrodestra - ha detto a caldo Abramo - quando é unito e riesce anche a rinnovare, con 7 donne che entreranno in Consiglio con la mia elezione, diventa vincente. A Catanzaro abbiamo sbaragliato Pd e 5 stelle". (ANSA).

00:37Ballottaggi: Italia, ha votato il 46,03%

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - E' stata del 46,03% l'affluenza alle urne rilevata alle 23, alla chiusura dei seggi per i ballottaggi in 103 comuni chiamati al voto (il dato diffuso dal Viminale non tiene conto delle comunali in corso in Friuli Venezia Giulia e Sicilia). Al primo turno, alle ore 23, la percentuale dei votanti era stata del 58%.

00:19Calcio: Donnarumma, ‘attacco hacker, chiudo profili social’

(ANSA) - MILANO, 25 GIU - Si aggiunge un nuovo mistero sul caso Donnarumma. Il portiere del Milan annuncia di aver subito un "attacco hacker" sui propri account e di aver deciso quindi "di chiudere i social". Donnarumma aveva poco prima affidato a Instagram i suoi pensieri, aprendo alla possibilità di "rinnovare il contratto con il Milan" dopo gli Europei Under21, mentre nel pomeriggio aveva scritto un post su Twitter, spazzando via le voci su presunti screzi con il suo agente Mino Raiola, che a sua volta sempre su Twitter in serata aveva scritto in inglese: "Donnarumma x Haters 1-0. E adesso?" Il Milan per ora rimanda al giocatore ogni tipo di delucidazione.

00:19Ballottaggi:a Oristano vince l’astensione con il 44% votanti

(ANSA) - ORISTANO, 25 GIU - Crollo verticale dell'affluenza, in calo di quasi 20 punti, ad Oristano nel secondo turno delle elezioni amministrative. La percentuale di votanti alla chiusura dei seggi si ferma, infatti, al 43,9% rispetto al 61,9% del primo turno. (ANSA).

00:00Exit poll, avanza il centrodestra

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - I primi exit poll sembrano premiare il centrodestra ai ballottaggi delle Comunali segnati da una forte astensione. Lo schieramento è in testa a Genova, dove Emg per La7 attribuisce a Bucci tra il 50,5 e il 54,5% contro il 45,5-49,5% di Vincenzo Crivello del centrosinistra, a Catanzaro dove Piepoli/Rai dà Abramo avanti ad oltre il 56% contro il 40-44% di Vincenzo Antonio Ciconte del centrosinistra, a Verona dove il candidato sindaco Federico Sboarina (centrodestra) è al 52-56% contro Patrizia Bisinella (lista civica) al 44-48%. Il centrosinistra è avanti a Taranto, dove il candidato sindaco Rinaldo Melucci (centrosinistra) è al 49-53% su Stefania Baldassarri (centrodestra) al 47-51%. A Parma il sindaco Federico Pizzarotti (lista civica, ex Cinquestelle) è al 56,5-60,5% contro Paolo Scarpa (centrosinistra) al 39,5-43,5%. A L'Aquila è testa a testa tra i candidati sindaco Americo Di Benedetto (centrosinistra) e Pierluigi Biondi (centrodestra), entrambi al 48-52%.

23:32Ballottaggi: alle 23 chiusi regolarmente i seggi elettorali

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Si sono chiusi regolarmente alle 23 i seggi in 101 comuni nelle Regioni a statuto ordinario e in 10 nelle Regioni a statuto speciale per il turno di ballottaggio per l'elezione dei sindaci. Sono in totale 4.304.739 gli elettori, di cui 2.054.516 maschi e 2.250.223 femmine, e 5.184 le sezioni elettorali. Ventidue i capoluoghi interessati in questa tornata: Genova, Catanzaro, L'Aquila, Alessandria, Asti, Belluno, Como, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani. Subito dopo l'accertamento del numero dei votanti, inizierà lo spoglio delle schede. (ANSA).

22:58Atletica: Europei a squadre, l’Italia è settima

(ANSA) - LILLA (FRANCIA), 25 GIU - Il secondo posto di Giordano Benedetti negli 800 metri, e l'1.94 superato da Alessia Trost (terza) nell'alto, sono le note liete della terza e ultima giornata degli Europei a squadre di Lilla. La notizia più negativa è invece l'infortunio muscolare patito da Fabrizio Donato: per il triplista azzurro, lo stop - avvenuto al secondo salto - ha significato l'abbandono della gara (a referto il 15,98 del primo tentativo). Nella classifica a squadre, l'Italia chiude al settimo posto: vittoria per la Germania, sul gradino più alto del podio davanti a Polonia e Francia. I tedeschi, malgrado lo 'zero' nell'asta donne, sono un rullo compressore (7 vittorie e 23 volte sul podio nelle 40 gare del programma), mentre gli azzurri ottengono complessivamente quattro secondi posti (ai tre di ieri, Pedroso, Santiusti e Fassinotti, si aggiunge oggi quello di Benedetti). Rispetto al 2015, la formazione italiana scende un gradino nella graduatoria finale.

Archivio Ultima ora