Parte countdown, gli ultimi 100 giorni di Obama alla Casa Bianca

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Parte countdown,ultimi 100 giorni Obama Casa Bianca

Parte countdown,ultimi 100 giorni Obama Casa Bianca

WASHINGTON. – No, nella West Wing alla Casa Bianca non è stato affisso un grande orologio che segna il tempo che passa. Lo ha detto il portavoce dell’amministrazione Obama Josh Earnest ai giornalisti che gli chiedevano quale fosse il clima dietro quei pannelli che separano la briefing room dalle ‘sale operative’ adesso che il conto alla rovescia è partito con la presidenza di Barack Obama entrata nei suoi ultimi 100 giorni.

Un periodo che si chiuderà con il passaggio di consegne dell”inauguration day’ il 20 gennaio 2017 quando giurerà il 45/mo presidente degli Stati Uniti. In queste settimane, Barack Obama intende mantenere lo stesso approccio degli ultimi sette anni e mezzo, ha detto Earnest, con l’obiettivo di “trarre il meglio da ogni opportunità che resta, per usare i poteri che il ruolo gli conferisce a favore degli interessi di questo Paese, nella lotta per le famiglie della classe media, e per mantenere il Paese al sicuro”.

Che Obama non intenda starsene con le mani in mani lo ha dimostrato lui stesso con i fatti, chiarendo di non aver alcuna voglia di fare l”anatra zoppa’. La sua voce è risuonata forte e chiara a più riprese e su più temi, così come le sue decisioni. Perché se negli ultimi mesi di presidenza firmare più ordini esecutivi è considerato normale così come la concessione di grazie e pene commutate, per ciascuna delle sue decisioni Barack Obama in questi ultimi tempi ne ha enfatizzata la valenza politica.

Si pensi alla nomina del successore per il posto dello scomparso Antonin Scalia (giudice conservatore) alla Corte Suprema, Marrick Garland, che deve essere approvata dal Senato e che è stata una chiara presa di posizione politica, una sfida, nonché l’ennesimo rimprovero severo all’opposizione dura e paralizzante del Congresso con cui il presidente ha convissuto nel suo ultimo mandato.

Ma anche la nomina dell’ambasciatore americano a Cuba (anche questa in attesa di ratifica del Senato) che ha voluto a sigillo del processo di riavvicinamento tra i due Paesi, che è altrettanto significativa su quanto il 44/mo presidente tenga a lasciare il segno, a lasciare la sua eredità.

Un lascito in cui però restano diversi capitoli incompiuti, a partire dalla mancata chiusura di Guantanamo ai dubbi circa il Tpp e il Ttpi, accordi di libero scambio con Europa e Asia. Il secondo con davvero poche speranze ormai di decollo, mentre sul primo spera ancora.

Molto del tempo rimasto però, almeno fino all’election day l’8 novembre, Barack Obama intende dedicarlo alla campagna elettorale a favore di Hillary Clinton. Per “un successore impegnato sugli stessi principi e valori” che hanno guidato l’azione di Obama presidente, ha aggiunto Earnest, senza mancare dimenticare però la chiosa istituzionale: il presidente si adoperrà inoltre per assicurare una agile transizione per il suo successore “a prescindere da chi sarà”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

01:22Calcio: Dybala, in Champions non dobbiamo temere nessuno

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "Sono molto contento di essere rientrato, avevo tanta voglia di tornare in campo. In questi giorni non ho avuto nessun fastidio, non so se sono pronto per giocare 90 minuti, ma per giocare di più rispetto a stasera sì". Paulo Dybala ha espresso così la sua soddisfazione per il ritorno in campo. "Io trequartista dietro due punte? Questo bisogna chiederlo al mister. Ho fatto il trequartista tante volte e non ho nessun problema a giocare lì, ma le scelte poi le fa l'allenatore. In attacco mi trovo bene in tutti i ruoli, trequartista, seconda o prima punta" ha aggiunto. Per gli avversari degli ottavi di Champions l'argentino assicura di non avere preferenze: "Va bene qualsiasi squadra, non dobbiamo avere paura. Con la rosa che abbiamo possiamo battere chiunque, dipenderà solo da noi".

01:19Calcio: Allegri, primo obiettivo raggiunto

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "Era importante passare come primi, in più non avevamo mai vinto in casa in Champions. Abbiamo raggiunto il primo obiettivo stagionale". Massimiliano Allegri ha posato la prima pietra ed analizza la vittoria sulla Dinamo Zagabria. Se essere passati come primi sarà un bene "lo deciderà la pallina del sorteggio". Il tridente potrebbe essere una soluzione futura "anche a partita in corso". La gara di Pjanic è piaciuta al tecnico bianconero: "E' uno dei giocatori che ha giocato di più, contro l'Atalanta ha fatto una gara intensa, oggi c'erano meno spazi ma ha fatto delle buone giocate". Allegri non pone limiti alla sua squadra: "Non ci manca assolutamente niente, ho ottimi giocatori che vanno sfruttati per le loro qualità. In questo momento stiamo facendo bene, siamo primi in classifica in campionato e siamo passati agli ottavi di Champions come primi. Più di così non potevo chiedere".

00:33Calcio: Champions, 5-0 al Leicester e Porto agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Il Porto batte il Leicester 5-0 e si qualifica agli ottavi di finale della Champions League come seconda del gruppo G. Reti: 6' e 65' (rig.) André Silva, 26' Corona, 44' Brahimi, 77' Diogo Jota. Il Borussia Dortmund pareggia 2-2 in casa del Real Madrid (28' e 53' Benzema, 61' Aubameyang, 88' Reus) e vince il girone F. Altri risultati: Tottenham-Cska Mosca 3-1 (gruppo E); Bruges-Copenhagen 0-2 (gruppo G); Legia Varsavia-Sporting Lisbona 1-0 (gruppo F); Bayer Leverkusen-Monaco (gruppo E).

00:11Calcio: Champions, Juventus prima nel girone H

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - La Juventus chiude al primo posto il girone H di Champions League grazie al successo di stasera per 2-0 sulla Dinamo Zagabria. Nel primo tempo i bianconeri non danno l'impressione di spingere eccessivamente vista la matematica qualificazione agli ottavi con un turno di anticipo. Ci provano Higuain, Pjanic (su punizione) e Mandzukic ma la difesa croata è sempre attenta. La partita si sblocca al 52' quando Higuain con un destro preciso da dentro l'area di rigore batte il portiere della Dinamo Ivakovic. Il 2-0, dopo un'occasione di Pjanic, arriva al 73' con un colpo di testa di Rugani su azione di calcio d'angolo. Nel finale spazio anche per Dybala, al rientro dopo l'infortunio riportato nella sfida di campionato contro il Milan. La Juve chiude a 14 punti, la Dinamo Zagabria ultima a 0 e con nessun gol all'attivo. Nell'altra partita del girone, il Siviglia pareggia a Lione 0-0 e passa agli ottavi come seconda classificata.

23:49Calcio a 5: l’Italia vince in amichevole

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Seconda amichevole in Slovenia e seconda vittoria per la Nazionale di futsal, che ad Aidussina supera 2-1 i padroni di casa. Dopo il 4-1 di ieri in rimonta, a segnare i gol che valgono il successo agli azzurri di Roberto Menichelli sono Manoel Crema e Gabriel Lima, entrambi nel primo tempo. Inutile la rete di Cujec nella ripresa. Domani tocca alla Nazionale femminile, che farà il suo esordio al Torneo "Quattro Nazioni" organizzato dalla federazione spagnola. Le azzurre, che alle ore 18 se la vedranno contro il Portogallo (diretta streaming sul sito www.ffcm.es), anche oggi hanno effettuato una doppia seduta di allenamento ad Alcázar de San Juan dove si giocheranno tutte le partite del quadrangolare, che per la prima giornata prevede anche la sfida tra Spagna e Russia, avversarie dell'Italia rispettivamente venerdì alle 20.15 e sabato alle 17.

22:57Calcio: Juventus-Dinamo Zagabria, tre i tifosi feriti

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - È tornata la calma nello Juventus stadium, dove i bianconeri stanno affrontando la Dinamo Zagabria in una partita della Champions League. Il bilancio degli scontri avvenuti all'esterno dello stadio è di tre tifosi croati feriti, nessuno dei quali in gravi condizioni. Uno è stato medicato sul posto, gli altri due sono stati trasportati in ospedale. Le forze dell'ordine stanno valutando la posizione di alcuni ultrà croati che si sono resi protagonisti degli incidenti.

22:49Brexit: governo si impegna a rivelare piani negoziali

(ANSA) - LONDRA, 7 DIC - Il governo britannico si impegna a rivelare i suoi piani prima dei negoziati sulla Brexit. E' quanto afferma una mozione approvata dalla Camera dei Comuni con 448 voti favorevoli e 75 contrari. Il documento era stato presentato dall'opposizione laburista ma è stato poi blindato dall'esecutivo con un emendamento per rispettare i tempi indicati dalla premier conservatrice Theresa May, che vuole avviare l'iter di uscita dall'Ue entro la fine di marzo.

Archivio Ultima ora