Parte countdown, gli ultimi 100 giorni di Obama alla Casa Bianca

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Parte countdown,ultimi 100 giorni Obama Casa Bianca

Parte countdown,ultimi 100 giorni Obama Casa Bianca

WASHINGTON. – No, nella West Wing alla Casa Bianca non è stato affisso un grande orologio che segna il tempo che passa. Lo ha detto il portavoce dell’amministrazione Obama Josh Earnest ai giornalisti che gli chiedevano quale fosse il clima dietro quei pannelli che separano la briefing room dalle ‘sale operative’ adesso che il conto alla rovescia è partito con la presidenza di Barack Obama entrata nei suoi ultimi 100 giorni.

Un periodo che si chiuderà con il passaggio di consegne dell”inauguration day’ il 20 gennaio 2017 quando giurerà il 45/mo presidente degli Stati Uniti. In queste settimane, Barack Obama intende mantenere lo stesso approccio degli ultimi sette anni e mezzo, ha detto Earnest, con l’obiettivo di “trarre il meglio da ogni opportunità che resta, per usare i poteri che il ruolo gli conferisce a favore degli interessi di questo Paese, nella lotta per le famiglie della classe media, e per mantenere il Paese al sicuro”.

Che Obama non intenda starsene con le mani in mani lo ha dimostrato lui stesso con i fatti, chiarendo di non aver alcuna voglia di fare l”anatra zoppa’. La sua voce è risuonata forte e chiara a più riprese e su più temi, così come le sue decisioni. Perché se negli ultimi mesi di presidenza firmare più ordini esecutivi è considerato normale così come la concessione di grazie e pene commutate, per ciascuna delle sue decisioni Barack Obama in questi ultimi tempi ne ha enfatizzata la valenza politica.

Si pensi alla nomina del successore per il posto dello scomparso Antonin Scalia (giudice conservatore) alla Corte Suprema, Marrick Garland, che deve essere approvata dal Senato e che è stata una chiara presa di posizione politica, una sfida, nonché l’ennesimo rimprovero severo all’opposizione dura e paralizzante del Congresso con cui il presidente ha convissuto nel suo ultimo mandato.

Ma anche la nomina dell’ambasciatore americano a Cuba (anche questa in attesa di ratifica del Senato) che ha voluto a sigillo del processo di riavvicinamento tra i due Paesi, che è altrettanto significativa su quanto il 44/mo presidente tenga a lasciare il segno, a lasciare la sua eredità.

Un lascito in cui però restano diversi capitoli incompiuti, a partire dalla mancata chiusura di Guantanamo ai dubbi circa il Tpp e il Ttpi, accordi di libero scambio con Europa e Asia. Il secondo con davvero poche speranze ormai di decollo, mentre sul primo spera ancora.

Molto del tempo rimasto però, almeno fino all’election day l’8 novembre, Barack Obama intende dedicarlo alla campagna elettorale a favore di Hillary Clinton. Per “un successore impegnato sugli stessi principi e valori” che hanno guidato l’azione di Obama presidente, ha aggiunto Earnest, senza mancare dimenticare però la chiosa istituzionale: il presidente si adoperrà inoltre per assicurare una agile transizione per il suo successore “a prescindere da chi sarà”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

01:09Venezuela annuncia la sua uscita dall’Osa

(ANSA) - CARACAS, 27 APR - La ministra degli Esteri del Venezuela Delcy Rodriguez ha annunciato oggi il ritiro dall'Organizzazione degli Stati Americani (Osa), dopo la convocazione di un vertice dei ministri degli esteri dell'organismo regionale per discutere la crisi a Caracas. "L'Osa ha insistito con le sue azioni intrusive contro la sovranità della nostra patria e dunque procederemo a ritirarci da questa organizzazione", ha detto Rodriguez, aggiungendo che "la nostra dottrina storica è segnata dalla diplomazia bolivariana della pace, e questo non c'entra niente con l'Osa". Sono salite a 28 le vittime delle proteste in corso nel paese.

00:20Calcio: Premier, Tottenham vince, rimane in scia Chelsea

(ANSA) - LONDRA, 26 APR - E' finito bene per il Tottenham di Mauricio Pochettino il derby londinese sul campo di un agguerrito Crystal Palace. Quando tutti gli attacchi degli Spurs si stavano rivelando inutili, al 32' è arrivato il colpo vincente di Eriksen, che con un bel destro da fuori area ha segnato il gol dell'1-0 che consente al Tottenham di rimanere in scia dei 'cugini' del Chelsea, primi nella Premier con +4 (78 punti contro 74) sui rivali. Negli altri posticipi di oggi del campionato inglese, successo di misura (1-0) dell'Arsenal sul Leicester e del Middlesbrough sul Sunderland.

00:12Calcio:Coppa Francia,Monaco schiera riserve,Psg lo surclassa

(ANSA) - PARIGI, 26 APR - Il Monaco semifinalista in Champions (tra una settimana c'è la sfida con la Juventus) e in piena corsa per il titolo della Ligue 1, preferisce lasciar perdere la Coppa nazionale. Così il tecnico Leonardo Jardim manda in campo nella semifinale contro il Paris SG una squadra imbottita di ragazzi delle giovanili e con i veterani italiani De Sanctis e Raggi. Il risultato è che i parigini travolgono i rivali con un 5-0 che li proietta in finale contro l'Angers. Di Draxler, Cavani, Matuidi e Marquinhos le reti del PSG, a cui va aggiunto l'autogol di Mbae.

00:04Calcio:Spagna,Barcellona e Real Madrid a valanga,13 gol in 2

(ANSA) - BARCELLONA, 26 APR - Dopo lo scontro diretto nel 'Clasico', targato Messi, il campionato spagnolo continua ad essere nel segno di Barcellona e Real Madrid e dei rispettivi, larghi, successi. Così è stato anche nelle partite di questo 34/o turno della Liga. Il Barcellona ha ricevuto al Camp Nou la visita dell'Osasuna, travolgendo per 7-1 il team basco, già indebolito dalle numerose assenze. Bellissima la coreografia del pubblico per i 500 gol di Messi, che ha ripagato il pubblico con una doppietta. A segno due volte anche Andrè Gomes e Paco Alcacer, mentre Mascherano ha segnato su rigore. Travolgente anche il Real Madrid, sul campo di un Deportivo La Coruna distratto in difesa e privo dei vari Kroos, Keylor Navas, Benzema, Carvajal, Cristiano Ronaldo e Modric per via del turn-over: è finita 6-2, con Morata in gol dopo 53 secondi. Al 14' ha raddoppiato James Rodriguez, poi sono arrivate le marcature di Lucas Vazquez, ancora James, Isco e Casemiro. Ora Real e Barcellona sono al comando, con 78 punti e +10 sull'Atletico Madrid.

23:41Ascoltare i suoni di Manhattan nel 17.o secolo

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Prima della colonizzazione, la natura a Manhattan era così rigogliosa che l'isola di New York poteva diventare "la gloria dei parchi nazionali americani": parola di Eric W. Sanderson della Wildlife Conservation Society. Ora, grazie al progetto Calling Thunder, si può entrare nella Manhattan del 17/mo secolo sentendo i suoni della natura, disponibili sul sito Unsung.NYC, dove vengono contrapposti al frastuono del 21/mo secolo, dando vita ad un ponte uditivo che attraversa 400 anni. Il progetto è basato sul lavoro di Sanderson e Markley Boyer, che hanno creato visualizzazioni del paesaggio di Manhattan nel 1609, allora conosciuta come Mannahatta, "l'isola dalle molte colline". Immagini messe al fianco della metropoli di oggi, dove al posto di colline e ruscelli ci sono da grattacieli e tunnel della metropolitana, e invece degli aceri rossi i pannelli luminosi di Times Square.

23:33Aste: diario JFK venduto a 781mila dlr

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Un diario scritto da John Fitzgerald Kennedy in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale durante la sua breve carriera da giornalista è stato venduto per 718mila dollari. Secondo la casa d'arte di Boston RR Auction era stimato 200mila dollari. Una vendita ben oltre le aspettative quindi. L'acquirente è un collezionista di Beverly Hills dell'ex presidente americano. Kennedy tenne il diario nel 1945, all'epoca aveva 28 anni e lavorava come corrisponde per il gruppo Hearst. All'interno sono contenuti suoi pensieri personali sui leader mondiali nonché sul futuro delle Nazioni Unite. Il diario di 61 pagine fu dato dallo stesso Kennedy a Deirdre Henderson, un'assistente del suo ufficio durante la campagna presidenziale alla fine degli anni '50.

23:32Calcio:Coppa Germania,Bayern eliminato,Borussia lo batte 2-3

(ANSA) - MONACO, 26 APR - E' il Borussia Dortmund la seconda finalista della Coppa di Germania. I gialloneri di Tuchel hanno compiuto l'impresa di vincere, per 3-2, in casa del Bayern Monaco, eliminando la squadra di Ancelotti. Ora, per il trofeo nazionale, giocheranno la finale contro l'Eintracht Francoforte il 27 maggio a Berlino. Il Borussia è andato in vantaggio al 19' con Reus, poi il Bayern ha capovolto la situazione segnando con Javi Martinez e Hummels. Nella ripresa è salito alla ribalta Dembelé, 20 anni il 15 maggio, inseguito a lungo dalla Roma in sede di mercato: il francese prima ha servito l'assist vincente per il colpo di testa con cui Aubameyang ha realizzato il 2-2, poi ha segnato la rete della vittoria del Borussia con un gran sinistro all'incrocio dei pali.

Archivio Ultima ora