Per le pensioni fino a 1.000 euro, quattordicesima di 350-500

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Per le pensioni fino 1.000 euro, quattordicesima di 350-500

Per le pensioni fino 1.000 euro, quattordicesima di 350-500

ROMA,. – Tra i 330 e i 500 euro di quattordicesima in arrivo per i pensionati fino a 1.000 euro, tra i 100 e i 150 euro di aumento per chi già percepisce la quattordicesima mensilità e un ‘costo’ per l’ Ape “tra il 4,5% e il 5% per ogni anno di anticipo”. A poche ore dall’incontro tra Governo e sindacati sugli interventi in materia previdenziale da inserire nella legge di bilancio il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini fornisce alcuni dettagli su come sarà composta la parte previdenziale.

Un confronto quello con i sindacati che secondo il premier, Matteo Renzi, “è oggettivamente un passo in avanti significativo” anche se al momento non è prevedibile quale possa essere l’effettivo successo di quella che il governo definisce ”un’opportunità”.

“Non so quanti accetteranno”, ha specificato Renzi. Mancano ancora diversi tasselli del puzzle a partire dall’identificazione della platea che potrà avere accesso all’Ape agevolata, ovvero al reddito ponte verso la pensione senza costi per il lavoratore over 63 anni in condizioni di bisogno.

Secondo le ultime indiscrezioni è difficile che si scrivano le diverse attività gravose come chiedono i sindacati. E’ probabile invece che si dia da subito l’accesso al beneficio ai disoccupati, i disabili e i parenti di disabili (è possibile che si usi il criterio di chi ha già la legge 104) rinviando all’anno prossimo la definizione dei lavori faticosi.

La “coperta” dell’Ape agevolata rischia di essere comunque corta e resta aperto il tema dell’importo del reddito ponte verso la pensione (a livello Naspi, l’assegno di disoccupazione con un limite a 1.300 euro, o inferiore). La Ragioneria preme per un reddito di sussistenza che renda meno conveniente l’accesso, mentre i sindacati chiedono che sia quanto più possibile vicino alla pensione che si è maturata.

Si stanno facendo i conti anche sull’Ape volontaria. Se, infatti, fino a pochi giorni fa si era parlato di un intervento neutro per le casse dello Stato (quindi con un carico per il lavoratore che decide di uscire dal lavoro superiore al 6% annuo), nei giorni scorsi il premier, Matteo Renzi, ha parlato di una restituzione per il prestito di circa il 5% annuo.

Percentuale confermata anche da Nannicini che ha puntualizzato la necessità di un aiuto fiscale dello Stato per tenere bassa la percentuale di penalizzazione. Questo significa, dato che il prestito va restituito in 20 anni, che il carico degli interessi e del premio assicurativo per i casi di premorienza sarà a carico dello Stato, probabilmente spalmato in avanti sugli anni.

E’ previsto infatti che le rate residue in caso di morte non pesino sugli eredi. E anche questo confermato da Nannicini che spiega: “gli eredi non rischiano niente”. La scommessa probabilmente è legata alla scarsa appetibilità dello strumento che dovrebbe far sì che la platea degli utilizzatori sia bassa e quindi non troppo gravosi anche i costi per lo Stato. E’ probabile invece che si definiscano delle agevolazioni per le aziende che in vista di ristrutturazioni decidono di pagare contributi per i lavoratori più anziani in uscita.

Appare sostanzialmente definito invece l’aumento per le pensioni più basse attraverso il meccanismo della quattordicesima, una somma aggiuntiva da dare una volta l’anno legata ai contributi versati.

Si prevede l’estensione della platea (2,1 milioni di persone over 64 che hanno redditi personali complessivi inferiori a una volta e mezza il minimo, circa 750 euro al mese) di circa 1,2 milioni estendendo il limite di reddito a due volte il minimo (circa 1.000 euro al mese). Gli importi (da 336 a 504 euro l’anno a seconda dei contributi versati) saranno aumentati del 30% per coloro che la percepiscono già (quindi la somma di 504 euro passerebbe a 666 euro).

La misura però non tiene conto né del reddito familiare (teoricamente può prendere la quattordicesima la moglie di un uomo benestante che ha versato pochi anni di contributi) né degli anni di pensione ricevuti (ad esempio una baby pensionata, uscita a 40 anni e a riposo da 25 dopo meno di 20 anni di contributi versati).

La discussione è ancora aperta sulle ricongiunzioni dei periodi contributivi (i costi sembrano superiori a quelli inizialmente ipotizzati) e sul possibile riscatto della laurea sia ai fini della pensione di vecchiaia sia di quella anticipata.

Si va inoltre verso l’equiparazione della no tax area tra lavoratori e pensionati e verso il “bonus” previdenziale per i lavoratori precoci impegnati in attività faticose o disoccupati con l’accesso alla pensione una volta raggiunti i 41 anni di contributi. Per le attività usuranti si allargheranno le maglie eliminando il vincolo dell’impiego in questa attività nell’ultimo anno di lavoro.

Ultima ora

14:30Falsa incinta per comprare bimba, la rifiuta perché mulatta

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Il prezzo pattuito era di 20mila euro. Così una donna italiana, residente a Latina, nella zona di Borgo Podgora, voleva acquistare una neonata portata in grembo da una romena. Per tutta la durata della gravidanza della madre naturale della bimba, la donna aveva indossato una pancia finta acquistata online e aveva simulato una gravidanza con tutti i conoscenti. Ma dopo la consegna della neonata, inaspettatamente mulatta, la donna l'ha restituita. Una storia agghiacciante scoperta dalla Squadra mobile di Latina, guidata da Antonio Galante, che è riuscita il 15 marzo, con pochissimi elementi a disposizione, a rintracciare la neonata e a salvarla. Tre persone sono finite in manette: l'aspirante madre Francesca Zorzo, di 35 anni, Nicoleta Tanase, romena di 25 anni, e un marocchino residente a Latina, Joussef Berrazzuk, 48 anni, l' intermediario tra le due donne. Le indagini erano cominciate a metà marzo, dopo una segnalazione inviata in Procura da un funzionario dello stato civile del Comune di Latina.

14:15Renzi, Lega-M5s allergici a democrazia interna

(ANSA) - BRUXELLES, 28 APR - "Forza Italia e Movimento 5 Stelle sono allergici alla democrazia interna". Lo dice Matteo Renzi parlando al pubblico in un evento organizzato a Bruxelles per la chiusura, assieme a Maurizio Martina, della campagna per le primarie del Pd. "Siamo gli unici che lunedì avranno un segretario legittimato da alcune centinaia di migliaia di voti, ma speriamo anche da qualche milione".

14:13Thailandia: mandato di arresto contro rampollo Red Bull

(ANSA) - BANGKOK, 28 APR - La Corte penale di Bangkok ha emesso oggi un mandato di arresto contro Vorayuth "Boss" Yoovidhya, il nipote del fondatore thailandese della bevanda Red Bull, accusato di aver ucciso un poliziotto alla guida della sua Ferrari il 3 settembre 2012 a Bangkok. La decisione è stata presa dopo che Vorayuth, 32 anni, non ha risposto all'ottava convocazione in cinque anni per vedersi notificate le accuse, in una saga che in Thailandia è diventata il simbolo dell'impunità dell'élite e dei doppi standard della giustizia nazionale. La famiglia Yoovidhya è una delle più ricche del Paese.

14:08Fake news: Boldrini, non sono goliardata ma grave minaccia

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Le fake news non sono una goliardia, una ragazzata, ma sono una minaccia alla collettività, chi le inventa ha un progetto in mente che è quello di creare caos e di fare soldi alterando l'opinione pubblica". Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini presentando all'istituto Luigi Einaudi il suo libro "La comunità possibile. Una nuova rotta per il futuro dell'Europa". L'invito che la presidente rivolge ai ragazzi presenti è quello di "verificare sempre la fonte delle notizie. Non dovete dare per vero tutto quello che gira in rete". Boldrini fa sapere di aver istituito una commissione Internet e anche una sui fenomeni dell'odio "spero poi - aggiunge - che la legge sul cyber bullismo sia approvata quanto prima". La presidente di Montecitorio si rivolge poi alle ragazze presenti invitandole a fare attenzione: "Quello che oggi pensate possa essere divertente, domani può diventare un ricatto. Il web è la nuova frontiera della violenza contro le donne".

14:07Pd: Orlando, notabili tutti schierati a sostegno di Renzi

(ANSA) - FIRENZE, 28 APR - I notabili del Partito Democratico "sono tutti saldamente a sostegno di Matteo Renzi" in questa campagna per le primarie del 30 aprile. Lo ha detto Andrea Orlando, candidato alla segreteria del Pd, a margine di una iniziativa a Campi Bisenzio (Firenze). "In questi anni la rottamazione ha funzionato così - ha affermato - si sono tolte le prime file e le seconde hanno fatto un passo avanti, ma le dinamiche sono rimaste le stesse in molte realtà del Paese. Questo non l'ho detto io, lo ha detto Matteo Renzi quando all'indomani del referendum ha detto di aver sbagliato ad affidarsi ai notabili per costruire il consenso per il referendum: ecco, in questo momento i notabili sono tutti saldamente a sostegno di Matteo Renzi".

14:02Emiliano, io come Guevara, Renzi-Napoleone, Orlando-Pilato

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "A questo punto il mio paragone con un personaggio storico che mi viene in mente più facilmente è Che Guevara, nel senso che ho amato questo personaggio tutta la vita, ho cercato di combattere, di non valutare quando dovevo scegliere la battaglia se era possibile vincere o perdere, ma solo se era giusta". Lo ha dichiarato Michele Emiliano, candidato alla segreteria del Pd ai microfoni di RTL 102.5, che dopo aver paragonato Matteo Renzi a Napoleone e alle Giovani Marmotte, ha così risposto alla domanda sul ruolo che assegnerebbe a Orlando. "In questo mi sembra un po' Ponzio Pilato - ha proseguito con i paralleli -, con un sussulto finale, è stato lì a guardare per tre anni, è stato un ministro della Giustizia di Renzi, bravo, un bravissimo ragazzo, ora ha capito che l'aria era cambiata e ha provato a sganciarsi. Meglio tardi che mai, brava persona, ma ha questo problema alla sua credibilità rispetto al progetto alternativo al renzismo".

14:01F1: a Imola ‘Ayrton Day’ l’1 maggio nel ricordo di Senna

(ANSA) - IMOLA (BOLOGNA), 28 APR - A 23 anni dal quel tragico primo maggio, con lo schianto contro il muretto di recinzione alla curva del Tamburello, l'Autodromo di Imola ricorderà Ayrton Senna aprendo la sua pista al pubblico e mettendo in mostra il leggendario Kart con il numero 17 che lanciò il pilota brasiliano sulla scena dell'automobilismo internazionale. Alle 16.30 di lunedì nella terrazza del museo Checco Costa, dove è possibile visitare la mostra sulla F1, Senna verrà raccontato da Gian Carlo Minardi, dall'ex pilota Gianluigi Martini e dal direttore di Autosprint, Andrea Cordovani, prendendo spunto dalle foto del fotoreporter Angelo Orsi il cui sodalizio con il campione durò 11 anni. (ANSA).

Archivio Ultima ora