Per le pensioni fino a 1.000 euro, quattordicesima di 350-500

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Per le pensioni fino 1.000 euro, quattordicesima di 350-500

Per le pensioni fino 1.000 euro, quattordicesima di 350-500

ROMA,. – Tra i 330 e i 500 euro di quattordicesima in arrivo per i pensionati fino a 1.000 euro, tra i 100 e i 150 euro di aumento per chi già percepisce la quattordicesima mensilità e un ‘costo’ per l’ Ape “tra il 4,5% e il 5% per ogni anno di anticipo”. A poche ore dall’incontro tra Governo e sindacati sugli interventi in materia previdenziale da inserire nella legge di bilancio il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini fornisce alcuni dettagli su come sarà composta la parte previdenziale.

Un confronto quello con i sindacati che secondo il premier, Matteo Renzi, “è oggettivamente un passo in avanti significativo” anche se al momento non è prevedibile quale possa essere l’effettivo successo di quella che il governo definisce ”un’opportunità”.

“Non so quanti accetteranno”, ha specificato Renzi. Mancano ancora diversi tasselli del puzzle a partire dall’identificazione della platea che potrà avere accesso all’Ape agevolata, ovvero al reddito ponte verso la pensione senza costi per il lavoratore over 63 anni in condizioni di bisogno.

Secondo le ultime indiscrezioni è difficile che si scrivano le diverse attività gravose come chiedono i sindacati. E’ probabile invece che si dia da subito l’accesso al beneficio ai disoccupati, i disabili e i parenti di disabili (è possibile che si usi il criterio di chi ha già la legge 104) rinviando all’anno prossimo la definizione dei lavori faticosi.

La “coperta” dell’Ape agevolata rischia di essere comunque corta e resta aperto il tema dell’importo del reddito ponte verso la pensione (a livello Naspi, l’assegno di disoccupazione con un limite a 1.300 euro, o inferiore). La Ragioneria preme per un reddito di sussistenza che renda meno conveniente l’accesso, mentre i sindacati chiedono che sia quanto più possibile vicino alla pensione che si è maturata.

Si stanno facendo i conti anche sull’Ape volontaria. Se, infatti, fino a pochi giorni fa si era parlato di un intervento neutro per le casse dello Stato (quindi con un carico per il lavoratore che decide di uscire dal lavoro superiore al 6% annuo), nei giorni scorsi il premier, Matteo Renzi, ha parlato di una restituzione per il prestito di circa il 5% annuo.

Percentuale confermata anche da Nannicini che ha puntualizzato la necessità di un aiuto fiscale dello Stato per tenere bassa la percentuale di penalizzazione. Questo significa, dato che il prestito va restituito in 20 anni, che il carico degli interessi e del premio assicurativo per i casi di premorienza sarà a carico dello Stato, probabilmente spalmato in avanti sugli anni.

E’ previsto infatti che le rate residue in caso di morte non pesino sugli eredi. E anche questo confermato da Nannicini che spiega: “gli eredi non rischiano niente”. La scommessa probabilmente è legata alla scarsa appetibilità dello strumento che dovrebbe far sì che la platea degli utilizzatori sia bassa e quindi non troppo gravosi anche i costi per lo Stato. E’ probabile invece che si definiscano delle agevolazioni per le aziende che in vista di ristrutturazioni decidono di pagare contributi per i lavoratori più anziani in uscita.

Appare sostanzialmente definito invece l’aumento per le pensioni più basse attraverso il meccanismo della quattordicesima, una somma aggiuntiva da dare una volta l’anno legata ai contributi versati.

Si prevede l’estensione della platea (2,1 milioni di persone over 64 che hanno redditi personali complessivi inferiori a una volta e mezza il minimo, circa 750 euro al mese) di circa 1,2 milioni estendendo il limite di reddito a due volte il minimo (circa 1.000 euro al mese). Gli importi (da 336 a 504 euro l’anno a seconda dei contributi versati) saranno aumentati del 30% per coloro che la percepiscono già (quindi la somma di 504 euro passerebbe a 666 euro).

La misura però non tiene conto né del reddito familiare (teoricamente può prendere la quattordicesima la moglie di un uomo benestante che ha versato pochi anni di contributi) né degli anni di pensione ricevuti (ad esempio una baby pensionata, uscita a 40 anni e a riposo da 25 dopo meno di 20 anni di contributi versati).

La discussione è ancora aperta sulle ricongiunzioni dei periodi contributivi (i costi sembrano superiori a quelli inizialmente ipotizzati) e sul possibile riscatto della laurea sia ai fini della pensione di vecchiaia sia di quella anticipata.

Si va inoltre verso l’equiparazione della no tax area tra lavoratori e pensionati e verso il “bonus” previdenziale per i lavoratori precoci impegnati in attività faticose o disoccupati con l’accesso alla pensione una volta raggiunti i 41 anni di contributi. Per le attività usuranti si allargheranno le maglie eliminando il vincolo dell’impiego in questa attività nell’ultimo anno di lavoro.

Ultima ora

22:29Calcio: Atalanta, Papu Gomez “attenti a Icardi domenica”

(ANSA) - BERGAMO, 17 NOV - "Bisogna stare attenti a Icardi, perché negli ultimi venti metri sbaglia poche palle e noi abbiamo bisogno di fare punti". A due giorni dalla sfida con l'Inter a San Siro alla ripresa del campionato, Alejandro Gomez mette in guardia la sua Atalanta: "Sarà la prima delle tante sfide di un tour de force da qui a gennaio in cui dobbiamo anche chiudere la qualificazione in Europa League - spiega il Papu -. Domenica sera sarà dura, perché Mauro è micidiale dentro l'area anche se magari non partecipa molto al gioco". In casa dei bergamaschi c'è voglia di rivalsa per il 7-1 del 12 marzo scorso: "Cose che capitano, da lì comunque non perdemmo più arrivando quarti", prosegue il numero 10 atalantino. Chiosa sull'esclusione della nazionale azzurra da Russia 2018: "Mi spiace per Spinazzola e per gli altri ragazzi che conosco bene da anni. L'Italia è un Paese che vive di calcio e un Mondiale azzurri senza fa una strana sensazione".

22:07Diciassettenne in rianimazione con meningite a Imola

(ANSA) - BOLOGNA, 17 NOV - Un ragazzo di 17 anni è ricoverato in rianimazione all'ospedale Santa Maria della Scaletta di Imola per una meningite, confermata dagli esami. Sarebbe in gravi condizioni. E' stata attivata la tipica profilassi, con segnalazione al dipartimento di Sanità Pubblica dell'Ausl e individuazione delle persone in contatto, come familiari, amici, compagni di classe del ragazzo, che è residente a Imola; la profilassi antibiotica è stata somministrata anche agli operatori sanitari che lo hanno preso in cura. (ANSA).

21:56Calcio: Toro, Rincon “Belotti sognava mondiale,lo aiuteremo”

(ANSA) - TORINO, 17 NOV - "Belotti sognava di giocare il suo primo Mondiale, dobbiamo aiutarlo a riprendersi da questo brutto colpo". Rincon sprona il 'Gallo', scoppiato in un pianto a dirotto lunedì sera dopo Italia-Svezia: "Cercheremo di dargli nuovi stimoli al Toro, di fargli ritrovare il gol e il sorriso. Spiace per Andrea, per tutti gli azzurri e per il calcio italiano: un Mondiale senza di loro sarà strano, particolare". Il Torino cerca di tenere la rotta per il sesto posto finale, che varrebbe un posto in Europa League: "Siamo reduci - ricorda Rincon - da una buona prova contro l'Inter davanti a 70 mia spettatori. Dobbiamo trovare continuità nelle prestazioni, quella nei risultati arriverà di conseguenza. Il Chievo sarà un avversario di tutto rispetto, è da tanti anni che gioca in A".

21:39Ippica: Agnano festeggia il driver più anziano al mondo

(ANSA) - NAPOLI, 17 NOV - Festa grande all'ippodromo di Agnano di Napoli per 'O barone, al secolo Carmine Di Vincenzo, che con i suoi 90 anni appena compiuti è il driver, ancora in attività, più anziano del mondo. Amici, colleghi e cavalli hanno accolto con calore ed entusiasmo quello che tutti considerano una leggenda vivente dell'ippica italiana, il cui nome e' stato scritto duemila volte nelle griglie di partenza dei maggiori ippodromi. Una cifra da record come da Guinness le volte che e' salito sul podio, quattrocento. 'O barone, indossata la divisa con i suoi colori di scuderia - bianca e cappellino rosso - si e' concesso un giro di anello portando al traguardo il suo Totem.''Festeggio solo i miei primi 90 anni di amore per questo sport e per i cavalli'' ha detto al taglio di torta che, manco a dirlo, era a forma di testa equina. Gia', solo i primi 90 visto che 'O barone non ha nessuna intenzione di scendere dal sulky e, come tutti gli anni, si e' presentato alle visite mediche per la prossima stagione di corse.

21:18Calcio: Spalletti a tifosi Inter,onorati per vostra passione

(ANSA) - MILANO, 17 NOV - Luciano Spalletti ricorda i numeri da record dei tifosi dell'Inter e li ringrazia per aver raggiunto i 50.115 biglietti venduti anche contro l'Atalanta, per un totale di 413.499 spettatori in poco meno di tre mesi. "La vostra clausola rescissoria non ha prezzo, onorati di essere la vostra passione", si legge nella foto pubblicata su Instagram dal tecnico nerazzurro. Poi Spalletti elenca i dati sugli spettatori in questo avvio di stagione: 51.752 contro la Fiorentina, 57.235 con la neopromossa Spal, 50.037 col Genoa poi il record del derby con 78.328 spettatori. Contro la Sampdoria riempirono gli spalti di San Siro 54.451 tifosi e prima della sosta, in 71-581 col Torino nell'ultima sfida prima della sosta del campionato.

21:06Biotestamento: Zanda invia a senatori Pd messaggio Papa

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il presidente dei senatori del Pd, Luigi Zanda, secondo quanto apprende l'Ansa, ha inviato ai senatori del proprio gruppo il messaggio inviato ieri da Papa Francesco al convegno al convegno sul 'fine vita' promosso dalla Pontificia Accademia. "Care amiche e cari amici - scrive Zanda ai senatori Dem - penso possa interessarvi il testo integrale del messaggio di Papa Francesco sulla questione del fine vita".

21:05Lavoro: Prodi, quello precario deve costare di più

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Il lavoro precario deve costare di più, altrimenti togliamo ai giovani la prospettiva, destrutturiamo il Paese. Il riformismo deve dare certezze, fare i cammini che si possono fare". Queste le parole di Romano Prodi sul tema del lavoro, nel corso del dibattito sulle migrazioni a Bologna col ministro della Giustizia Andrea Orlando e il segretario generale della Cei Nunzio Galantino.

Archivio Ultima ora