Berlusconi rientra dagli Usa, pronto a giocare la partita del referendum

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Foto Vincenzo Livieri - LaPresse

Foto Vincenzo Livieri – LaPresse

ROMA. – Rientrato nella notte dagli Stati Uniti dove si era recato per dei controlli al cuore e forse per fugare dubbi sulla sua salute, Silvio Berlusconi decide di riunire a Milano (ancora in forse se ad Arcore o a via Rovani) gli altri due leader del centrodestra: Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Un vertice che fa seguito al summit del mese scorso in cui il Cavaliere con il cosiddetto ‘duo lepenista’ aveva programmato un nuovo giro di tavolo per proseguire nell’impegno comune per il ‘no’ al referendum. La nuova riunione dei tre leader ha comunque un obiettivo immediato: rassicurare quanti, soprattutto dentro Forza Italia, non sono convinti fino in fondo che l’ex premier voglia realmente spendersi per il referendum.

Dubbi che in realtà non mancano anche al segretario della Lega e alla leader di Fratelli d’Italia, scettici sulle intenzioni ‘barricadere’ del leader azzurro. Ecco perchè domani sia Meloni che Salvini chiederanno spiegazioni al diretto interessato.

Certo, le condizioni di salute di Berlusconi che è stato costretto a prolungare la sua permanenza a New York dopo il malore avuto all’arrivo nella Grande Mela, comporteranno un impegno lontano dalla prima linea.

La campagna del Cavaliere sarà soprattutto mediatica con interviste televisive e spot. In dubbio almeno per ora anche la conferenza programmatica di Forza Italia originariamente prevista per metà novembre e che avrebbe dovuto segnare il rientro sulla scena di Berlusconi, ma che ancora non ha una data certa.

Insomma la strategia che l’ex capo del governo ha in mente sul referendum è ancora tutta da definire anche se una cosa appare certa: la volontà del Cavaliere di tener aperte diverse strade. Un ventaglio di possibilità di cui fa parte anche “l’operazione” che sta portando avanti Stefano Parisi con l’avvio del tour di Megawatt che da domani fino alla seconda metà di novembre lo porterà in giro per tutta l’Italia.

Prima tappa Palermo ad un’iniziativa organizzata da Gianfranco Miccichè ras di Forza Italia e da sempre tra i principali sponsor di mister Chili. L’intenzione dell’ex Dg di Confindustria è quella di creare una propria rete sul territorio da far ‘pesare’ nel momento in cui si dovranno costruire le future alleanze. Un progetto bocciato in toto dai big di Forza Italia.

Le scintille a Milano nel corso del confronto tra Parisi e Giovanni Toti (da sempre sostenitore dell’alleanza con Fdi e Lega) fotografano alla perfezione lo stato dei rapporti tra i colonnelli azzurri e l’ex candidato al comune di Milano. E non è un caso che nelle stesse ore in cui Parisi è in Sicilia, i vertici del partito insieme a quelli di Fratelli d’Italia e Carroccio si ritroveranno a Milano per dar vita ad una sorta di maratona oratoria per il no al referendum.

L’ostilità nei suoi confronti non sembra preoccupare Parisi che anzi continua a puntare il dito contro la ‘vecchia’ classe dirigente di Forza Italia. L’ultima a finire sul banco degli imputati è la riforma della P.a targata Renato Brunetta. “Non ha fatto nulla”, accusa l’ex manager “siamo il penultimo paese Ocse come digitalizzazione nella P.a”. Un giudizio che non è piaciuto al padre della riforma: “Parisi – attacca Brunetta – impegnato nel suo triste e fallimentare tour acchiappa gonzi e malmostosi di Forza Italia, non ha forse studiato le leggi”.

(di Yasmin Inangiray/ANSA)

Ultima ora

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

Archivio Ultima ora