Berlusconi rientra dagli Usa, pronto a giocare la partita del referendum

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

Foto Vincenzo Livieri - LaPresse

Foto Vincenzo Livieri – LaPresse

ROMA. – Rientrato nella notte dagli Stati Uniti dove si era recato per dei controlli al cuore e forse per fugare dubbi sulla sua salute, Silvio Berlusconi decide di riunire a Milano (ancora in forse se ad Arcore o a via Rovani) gli altri due leader del centrodestra: Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Un vertice che fa seguito al summit del mese scorso in cui il Cavaliere con il cosiddetto ‘duo lepenista’ aveva programmato un nuovo giro di tavolo per proseguire nell’impegno comune per il ‘no’ al referendum. La nuova riunione dei tre leader ha comunque un obiettivo immediato: rassicurare quanti, soprattutto dentro Forza Italia, non sono convinti fino in fondo che l’ex premier voglia realmente spendersi per il referendum.

Dubbi che in realtà non mancano anche al segretario della Lega e alla leader di Fratelli d’Italia, scettici sulle intenzioni ‘barricadere’ del leader azzurro. Ecco perchè domani sia Meloni che Salvini chiederanno spiegazioni al diretto interessato.

Certo, le condizioni di salute di Berlusconi che è stato costretto a prolungare la sua permanenza a New York dopo il malore avuto all’arrivo nella Grande Mela, comporteranno un impegno lontano dalla prima linea.

La campagna del Cavaliere sarà soprattutto mediatica con interviste televisive e spot. In dubbio almeno per ora anche la conferenza programmatica di Forza Italia originariamente prevista per metà novembre e che avrebbe dovuto segnare il rientro sulla scena di Berlusconi, ma che ancora non ha una data certa.

Insomma la strategia che l’ex capo del governo ha in mente sul referendum è ancora tutta da definire anche se una cosa appare certa: la volontà del Cavaliere di tener aperte diverse strade. Un ventaglio di possibilità di cui fa parte anche “l’operazione” che sta portando avanti Stefano Parisi con l’avvio del tour di Megawatt che da domani fino alla seconda metà di novembre lo porterà in giro per tutta l’Italia.

Prima tappa Palermo ad un’iniziativa organizzata da Gianfranco Miccichè ras di Forza Italia e da sempre tra i principali sponsor di mister Chili. L’intenzione dell’ex Dg di Confindustria è quella di creare una propria rete sul territorio da far ‘pesare’ nel momento in cui si dovranno costruire le future alleanze. Un progetto bocciato in toto dai big di Forza Italia.

Le scintille a Milano nel corso del confronto tra Parisi e Giovanni Toti (da sempre sostenitore dell’alleanza con Fdi e Lega) fotografano alla perfezione lo stato dei rapporti tra i colonnelli azzurri e l’ex candidato al comune di Milano. E non è un caso che nelle stesse ore in cui Parisi è in Sicilia, i vertici del partito insieme a quelli di Fratelli d’Italia e Carroccio si ritroveranno a Milano per dar vita ad una sorta di maratona oratoria per il no al referendum.

L’ostilità nei suoi confronti non sembra preoccupare Parisi che anzi continua a puntare il dito contro la ‘vecchia’ classe dirigente di Forza Italia. L’ultima a finire sul banco degli imputati è la riforma della P.a targata Renato Brunetta. “Non ha fatto nulla”, accusa l’ex manager “siamo il penultimo paese Ocse come digitalizzazione nella P.a”. Un giudizio che non è piaciuto al padre della riforma: “Parisi – attacca Brunetta – impegnato nel suo triste e fallimentare tour acchiappa gonzi e malmostosi di Forza Italia, non ha forse studiato le leggi”.

(di Yasmin Inangiray/ANSA)

Ultima ora

21:36M5s: Grillo, bene parlare di lavoro, giovani, invecchiamento

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "De Masi è una persona straordinaria e il convegno che abbiamo fatto sul lavoro nel futuro mi è piaciuto tantissimo. Finalmente una discussione su cose reali, una discussione che ci ha elevati senza parlare del solito populismo, di destra e di sinistra: finalmente si parla di lavoro di giovani e di invecchiamento della popolazione". Così il leader M5s Beppe Grillo lasciando Montecitorio dove si è conclusa oggi la due giorni di studio e confronto sul rapporto curato dal sociologo Domenico De Masi sulle prospettive future del lavoro. "Ne faremo altre di queste giornate di studio, anche sulla cultura" ha promesso Grillo.

21:28Calcio: Cagliari, ecco Faragò “Nainggolan mio modello”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 GEN - Paolo Faragò, nuovo acquisto del Cagliari, è pronto all'esordio in Serie A con la maglia rossoblù. Trattativa sprint con il Novara e domenica all'Olimpico contro la Roma potrebbe vedersela con uno dei suoi modelli, Radja Nainggolan. Il Cagliari era stato molto vicino all'ex Novara già dalla scorsa estate. "Quando ho saputo dell'interessamento della società rossoblu' - ha rivelato - ho declinato qualsiasi altra offerta". E ora ecco il grande salto: "So che c'è una bella differenza, sino a pochi giorni fa stavo preparando la partita con il Trapani e improvvisamente mi trovo proiettato verso un altro match, quello con la Roma. Pronto? Sì, con tanta voglia di fare questa esperienza".

21:27Bbc, le truppe del Senegal entrano in Gambia

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Truppe senegalesi, che sostengono il presidente eletto del Gambia Adama Barrow, hanno attraversato il confine con il Gambia e si stanno dirigendo verso la capitale Banjul, dove risiede il presidente uscente Yahia Jammeh, che si rifiuta di lasciare il potere nonostante abbia perso le elezioni. Lo riporta la Bbc online.

21:24Maltempo: salvati con verricello due allevatori di Urzulei

(ANSA) - NUORO, 19 GEN - Sono in salvo anche i due allevatori di Urzulei isolati da giorni nei loro ovili. I due sono stati recuperati dal Soccorso Alpino (Cnsas), nelle località di Gosolloei e Cuccuttos, grazie all'impiego di un elicottero dell'Aeronautica Militare di Decimomannu. Il velivolo decollato con gli specialisti e due tecnici di elisoccorso del Cnsas ha raggiunto la zona montana particolarmente innevata e non raggiungibile dai mezzi a terra. Il delicato intervento di soccorso ha consentito il recupero dei due allevatori tramite il verricello. Sono stati caricati a bordo e trasportati nel campo sportivo del paese dove sono stati visitati e rifocillati.

21:07Assange, manterrò la promessa di consegnarmi agli Usa

(ANSA) - LONDRA, 19 GEN - Julian Assange è deciso a mantenere la promessa di consegnarsi alle autorità Usa dopo che Barack Obama ha concesso la grazia alla 'talpa' di Wikileaks Chelsea Manning. Lo ha detto l'attivista australiano nel corso di una conferenza stampa via social media dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra, dove vive come rifugiato politico dal 2012. Solo ieri un suo legale aveva negato che fosse intenzionato a mantenere quanto promesso.

21:04Centri Sociali: fumogeni contro ps e Comune, 9 a giudizio

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Per i disordini davanti a Palazzo Marino del 22 maggio del 2013 e culminati in alcuni tafferugli tra antagonisti e agenti delle forze dell'ordine, 9 giovani del centro sociale Zam (Zona autonoma Milano)sono stati mandati a giudizio per resistenza aggravata, danneggiamento aggravato e getto di lacrimogeni. Secondo la ricostruzione degli investigatori quel pomeriggio di quasi 4 anni fa un gruppo di circa 200 ragazzi, giunto in corteo per protestare contro lo sgombero del centro sociale Zam, ha tentato di superare il cordone di sicurezza degli agenti di polizia per fare irruzione in Comune, arrivando per tre volte al contatto con le forze dell'ordine. Gli agenti hanno però respinto ogni tentativo di sfondamento.

21:04Hotel Rigopiano: scatta inchiesta per omicidio colposo

(ANSA) - PESCARA, 19 GEN - L'ipotesi è omicidio colposo. La Procura di Pescara, pm Andrea Papalia, ha aperto un fascicolo di indagine per fare luce sulle eventuali responsabilità. Le indagini relative alla tragedia di Rigopiano sono affidate ai carabinieri forestali, i quali in queste ore stanno già acquisendo documenti e testimonianze. Tra i documenti già a verbale anche l'allerta valanghe emesso giorni fa dal Meteomont, cioè il servizio nazionale prevenzione neve e valanghe, che indicava livello 4, il massimo è 5, di pericolo nella zona del Gran Sasso. Spetterà alla Procura quindi valutare se il rischio emesso è stato rispettato o valutato, se c'erano le condizioni per far emettere dalla Regione, fino agli enti locali, le ordinanze di evacuazione nelle zone a rischio.

Archivio Ultima ora