Nobel per la Letteratura a Dylan, gigante della cultura

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

(FILE) A file picture dated 29 June 2001 shows US singer-songwriter Bob Dylan performing on the main stage at the Roskilde Festival in Roskilde, Denmark. Dylan will celebrate his 75th birthday on 24 May 2016.  EPA/Niels Meilvang

(FILE) A file picture dated 29 June 2001 shows US singer-songwriter Bob Dylan performing on the main stage at the Roskilde Festival in Roskilde, Denmark. Dylan will celebrate his 75th birthday on 24 May 2016. EPA/Niels Meilvang

ROMA. – Bob Dylan, alias Robert Allen Zimmerman, premiato con il Nobel per la Letteratura, è forse il più enigmatico tra i geni della musica popolare. Nessuno come lui si è accanito contro il suo mito, divertendosi a spiazzare pubblico e critica con scelte sorprendenti che vanno dalla svolta elettrica degli anni ’60 alla conversione al credo dei Cristiani rinati fino al recente approdo agli spot pubblicitari, Victoria’s Secret compreso (ma per gli investitori rappresenta un testimonial formidabile). Per non parlare del rapporto che ha con il suo repertorio, che rende spesso indecifrabile al pubblico dei suoi concerti.

Menestrello di Duluth, 24 maggio 1941, è un gigante della cultura degli ultimi 50 anni: come ha detto Bruce Springsteen nel discorso con cui nel gennaio 1988 ha introdotto la sua inclusione nella Rock and Roll Hall of Fame: “Bob ha liberato le nostre menti nello stesso modo in cui Elvis ha liberato il nostro corpo. Ci ha dimostrato che il fatto che questa musica abbia una natura essenzialmente fisica non significa che sia contro l’intelletto”.

Da questo punto di vista il suo contributo è addirittura difficile da definire: con i dischi incisi negli anni ’60 all’inizio della sua carriera, ha aperto alla musica popolare le porte della grande letteratura, creando un modello (il cantautore) e un mito contro cui ha lottato tutta la vita. Il fatto è che proprio le sue canzoni più celebri di quel periodo, così immerse nella tradizione popolare americana e al tempo stesso assolutamente anti retoriche nella loro essenza, hanno rappresentato, e ancora rappresentano, la sintesi perfetta dello spirito di quel tempo, diviso tra le aspirazioni a un mondo migliore, il rifiuto della guerra, la ricerca di un’identità per i giovani, da poco diventati effettivamente una nuova categoria sociologica.

Ma da The Frewheelin’ Bob Dylan, Blonde on Blonde, The Times They Are a Changin’ e Highway 61 Revisited sono passati quasi 50 anni e Dylan, che ha sempre ostinatamente rifiutato il ruolo del profeta, li ha trascorsi tra alti e bassi, svolte improvvise e iniziative sorprendenti, ostentando un’olimpica indifferenza a quello che succede attorno alla sua musica.

Dalla metà degli anni ’80 si è imbarcato nell’ormai celebre Never Ending Tour (il tour senza fine), suonando, sempre con la stessa band, più di 100 date all’anno: i concerti ormai sono sempre più sgangherati, prevedibili nel rifiuto della ritualità del live show e nella storpiatura dei pezzi. Non c’è evento che possa cambiarne la natura: possa essere un’esibizione di fronte a papa Wojtyla e a 300 mila persone o, di recente, i suoi concerti in Cina o a Saigon.

Inutilmente i media hanno sperato di sentire da lui parole contro la censura praticata dal governo di Pechino o qualche allusione alla guerra del Vietnam. Ma così come ha fatto tante volte, Dylan è riuscito a sorprendere tutti: dopo più di 30 anni, i suoi album più recenti, Modern Times e Together Through Life sono tornati in classifica e a mettere d’accordo la critica, cosa che non succedeva dalla fine degli anni ’80 con il bellissimo Oh Mercy.

Nel frattempo ha pubblicato una raccolta di canzoni natalizie e, rompendo il suo proverbiale isolamento, ha condotto uno strepitoso programma radiofonico infarcito di raffinate selezioni musicali e divertenti interventi parlati. Un enigma che ora compie 70 anni: vien da pensare che ha fatto bene il regista Todd Haynes a usare sei personaggi e sei attori (compresa Cate Blanchett) per raccontare Bob Dylan nel film Io non sono qui.

(di Paolo Biamonte/ANSA)

Ultima ora

16:04Calcio: Inter, Pioli “contro la Roma non è uno spareggio”

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - "Contro la Roma non e' uno spareggio. Di solito si parla di spareggio quando si è a pari punti. Noi stiamo rincorrendo e sappiamo che le partite così pesano ancora di più": lo dice l'allenatore dell'Inter Stefano Pioli alla vigilia della partita contro la Roma. Il tecnico non potrà fare affidamento su Miranda, squalificato dopo la partita contro il Bologna: "Bisognava vincere, poi è chiaro che parliamo di un grande difensore, ma la rosa è ampia e chi verrà chiamato in causa sarà preparato". Tornerà in campo, dopo aver scontato le due giornate di squalifica, Mauro Icardi. "È un fuoriclasse, ci sarà molto utile anche se chi ha giocato al suo posto si è fatto trovare pronto. Ha grande voglia ed è molto determinato. Al di là dei gol fatti - spiega Pioli - è sempre un giocatore determinante per come si muove e per gli spazi che crea. È il nostro capitano".

16:02Stadio Roma:Spalletti “brava Raggi,accordo dà forza a città”

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - "E' stato raggiunto il massimo del risultato, bravi a tutti. Lo stadio è una cosa importante, penso sia un risultato straordinario quello raggiunto per la città". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, all'indomani dell'accordo raggiunto tra il Comune e i proponenti per la realizzazione del nuovo stadio giallorosso a Tor di Valle. "Il sindaco Virginia Raggi attraverso il dialogo è riuscita a trovare tutela e soddisfazione per tutti - aggiunge l'allenatore toscano alla vigilia della gara di campionato in casa dell'Inter -: ha fatto il massimo, ha fatto con grandissima competenza quello che è il suo lavoro. E' un risultato che dà forza alla città, non solo a chi ha piacere di andare a vedere una partita di calcio. E' un traguardo importante per la Roma, sarà una squadra ancor più ambita in futuro".

16:01Ingv, 2016 ‘annus horribilis’, 53mila scosse in Italia

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - Con oltre 53 mila eventi sismici rilevati dalla Rete Sismica Nazionale, compreso il terremoto più forte in Italia da quello dell'Irpinia del 1980, il 2016 è stato un 'annus horribilis' per i terremoti in Italia. E' quanto rileva l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, secondo cui "rispetto agli anni precedenti il numero di terremoti è sensibilmente aumentato, con eventi più che raddoppiati rispetto al 2014 e più che triplicati rispetto al 2015" in grandissima parte a causa della sequenza di Amatrice, Norcia, Visso. Se la sismicità del 2014 e quella del 2015 sono state caratterizzate da numerose sequenze sismiche anche importanti come quella nel bacino di Gubbio, la "causa dell'elevato numero di terremoti del 2016 - spiega all'ANSA Concetta Nostro, ricercatrice dell'Ingv - è dovuto in grandissima parte alla sequenza sismica in Italia centrale iniziata il 24 agosto con un terremoto di magnitudo 6.0 localizzato in provincia di Rieti. E proseguita con altri eventi di magnitudo al di sopra di 5,0 e soprattutto con il terremoto di magnitudo 6,5 del 30 ottobre, il più forte mai registrato dalla Rete Sismica Nazionale in funzione dai primi anni Ottanta". Prima del 24 agosto, la sismicità italiana ha rispecchiato l'andamento degli ultimi anni e in particolare degli ultimi mesi del 2015, con circa 40 scosse al giorno in tutta Italia. Ma la sequenza in Italia centrale cominciata a fine agosto ha portato questa media giornaliera a circa 300, e in alcune giornate oltre 600, e quella complessiva del 2016 a 145 scosse al giorno. La maggior parte dei terremoti ha avuto una magnitudo inferiore a 2.0: oltre 42.000 eventi. I terremoti con magnitudo uguale o superiore a 2.5 - quelli per i quali l'Ingv effettua una comunicazione al Dipartimento della Protezione Civile - sono stati ben 3.400 nel 2016, circa cinque volte quelli del 2015. Gli eventi di magnitudo maggiore di 5.0 sono stati invece in tutto sei, 2 dei quali maggiori o uguali a 6.0. In questi primi due mesi del 2017, infine, la sequenza sismica dell'Italia centrale è continuata, con alcuni terremoti di magnitudo uguale o di poco superiore a 4.0 all'inizio di febbraio.

15:59Coppa Italia, Juve-Napoli, resta divieto tifosi ospiti

(ANSA) - TORINO, 25 FEB - Confermata la chiusura del settore ospiti in vista della partita di Coppa Italia Juventus-Napoli di martedì prossimo. La questura di Torino rende noto che il Gos (Gruppo operativo sicurezza) ha preso atto del provvedimento prefettizio di chiusura del settore ospiti allo Juventus Stadium, pertanto ha adottato tutte le misure organizzative "per assicurare il rispetto rigoroso del provvedimento inibitorio". Nessun possessore di titolo di accesso potrà pertanto accedere a settore diverso da quello previsto sul biglietto. Il provvedimento era stato adottato dalla Prefettura di Torino su indicazione del Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive (Casms) presso il ministero dell'Interno allo "scopo di tutelare la sicurezza pubblica e l'incolumità delle persone dai rischi connessi all'accesa rivalità tra le due tifoserie, sfociata in passato anche in scontri".

15:56Milan: Galliani, 31 anni non si cancellano in un minuto

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - A meno di una settimana dal closing con cui il Milan dovrebbe passare in mani cinesi Adriano Galliani non nasconde che c'è un po' di emozione per la fine di un'era. C'è, certo, 31 anni non è che si possono cancellare in un minuto, è evidente", ha detto ieri in tarda serata dopo la cena con la squadra l'ad rossonero, al fianco del presidente Silvio Berlusconi ancor prima che acquistasse il club nel 1986. C'è ancora la speranza che resti tutto così? "Ma no, ma no, che speranza..." ha tagliato corto Galliani, spiegando di aver sentito Berlusconi sereno e ribadendo la propria soddisfazione per Vincenzo Montella: "Può essere l'allenatore del futuro? Sta facendo bene, assolutamente. Ogni decisione la prende chi gestisce la società: in questo momento la gestiamo noi e siamo soddisfatti di Montella, poi chi la gestirà deciderà. Ma mi sembra di capire assolutamente di sì".

15:55Calcio: Mancini, Suning mi offrì triennale ma dissi di no

(ANSA) - MILANO, 25 FEB - "Suning mi aveva proposto un nuovo contratto triennale. Era tutto pronto ma l'ho rifiutato. Semplicemente non c'erano le condizioni per andare avanti, c'erano situazioni che non andavano bene": lo dice l'ex tecnico dell'Inter, Roberto Mancini. "L'allenatore, una volta che inizia la stagione, deve metterci la faccia - continua Mancini - e mancava ancora qualcosa perché le cose andassero bene".

15:42Droga: docente arrestata, viaggio regalato da un amico

(ANSA) - BARI, 25 FEB - "Il viaggio a Melbourne è stato il regalo di un mio amico": lo ha detto telefonicamente, ad Oronzo De Leonardis, l'avvocato dei suoi genitori, Elisa Salatino, la docente di sostegno, originaria di Fasano (Brindisi), arrestata nell'aeroporto internazionale di Melbourne il 12 febbraio scorso con 5 chili di cocaina nascosti nella valigia. La docente, che insegna nell'istituto Marconi di Bari, sarà sottoposta lunedì prossimo, 27 febbraio, per la prima volta, a interrogatorio dall'autorità giudiziaria australiana. "In quella sede, alla presenza del difensore d'ufficio, - afferma De Leonardis - potrà esporre a sua discolpa la propria versione dei fatti". "Elisa - racconta De Leonardis - ha spiegato che il viaggio in Australia è stato 'un regalo di un amico di Bari che sta molto bene economicamente', il quale ha insistito molto perché accettasse, desiderando che prendesse un periodo di relax dopo le difficili vicende personali e la separazione dal marito".

Archivio Ultima ora