Nobel per la Letteratura a Dylan, gigante della cultura

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

(FILE) A file picture dated 29 June 2001 shows US singer-songwriter Bob Dylan performing on the main stage at the Roskilde Festival in Roskilde, Denmark. Dylan will celebrate his 75th birthday on 24 May 2016.  EPA/Niels Meilvang

(FILE) A file picture dated 29 June 2001 shows US singer-songwriter Bob Dylan performing on the main stage at the Roskilde Festival in Roskilde, Denmark. Dylan will celebrate his 75th birthday on 24 May 2016. EPA/Niels Meilvang

ROMA. – Bob Dylan, alias Robert Allen Zimmerman, premiato con il Nobel per la Letteratura, è forse il più enigmatico tra i geni della musica popolare. Nessuno come lui si è accanito contro il suo mito, divertendosi a spiazzare pubblico e critica con scelte sorprendenti che vanno dalla svolta elettrica degli anni ’60 alla conversione al credo dei Cristiani rinati fino al recente approdo agli spot pubblicitari, Victoria’s Secret compreso (ma per gli investitori rappresenta un testimonial formidabile). Per non parlare del rapporto che ha con il suo repertorio, che rende spesso indecifrabile al pubblico dei suoi concerti.

Menestrello di Duluth, 24 maggio 1941, è un gigante della cultura degli ultimi 50 anni: come ha detto Bruce Springsteen nel discorso con cui nel gennaio 1988 ha introdotto la sua inclusione nella Rock and Roll Hall of Fame: “Bob ha liberato le nostre menti nello stesso modo in cui Elvis ha liberato il nostro corpo. Ci ha dimostrato che il fatto che questa musica abbia una natura essenzialmente fisica non significa che sia contro l’intelletto”.

Da questo punto di vista il suo contributo è addirittura difficile da definire: con i dischi incisi negli anni ’60 all’inizio della sua carriera, ha aperto alla musica popolare le porte della grande letteratura, creando un modello (il cantautore) e un mito contro cui ha lottato tutta la vita. Il fatto è che proprio le sue canzoni più celebri di quel periodo, così immerse nella tradizione popolare americana e al tempo stesso assolutamente anti retoriche nella loro essenza, hanno rappresentato, e ancora rappresentano, la sintesi perfetta dello spirito di quel tempo, diviso tra le aspirazioni a un mondo migliore, il rifiuto della guerra, la ricerca di un’identità per i giovani, da poco diventati effettivamente una nuova categoria sociologica.

Ma da The Frewheelin’ Bob Dylan, Blonde on Blonde, The Times They Are a Changin’ e Highway 61 Revisited sono passati quasi 50 anni e Dylan, che ha sempre ostinatamente rifiutato il ruolo del profeta, li ha trascorsi tra alti e bassi, svolte improvvise e iniziative sorprendenti, ostentando un’olimpica indifferenza a quello che succede attorno alla sua musica.

Dalla metà degli anni ’80 si è imbarcato nell’ormai celebre Never Ending Tour (il tour senza fine), suonando, sempre con la stessa band, più di 100 date all’anno: i concerti ormai sono sempre più sgangherati, prevedibili nel rifiuto della ritualità del live show e nella storpiatura dei pezzi. Non c’è evento che possa cambiarne la natura: possa essere un’esibizione di fronte a papa Wojtyla e a 300 mila persone o, di recente, i suoi concerti in Cina o a Saigon.

Inutilmente i media hanno sperato di sentire da lui parole contro la censura praticata dal governo di Pechino o qualche allusione alla guerra del Vietnam. Ma così come ha fatto tante volte, Dylan è riuscito a sorprendere tutti: dopo più di 30 anni, i suoi album più recenti, Modern Times e Together Through Life sono tornati in classifica e a mettere d’accordo la critica, cosa che non succedeva dalla fine degli anni ’80 con il bellissimo Oh Mercy.

Nel frattempo ha pubblicato una raccolta di canzoni natalizie e, rompendo il suo proverbiale isolamento, ha condotto uno strepitoso programma radiofonico infarcito di raffinate selezioni musicali e divertenti interventi parlati. Un enigma che ora compie 70 anni: vien da pensare che ha fatto bene il regista Todd Haynes a usare sei personaggi e sei attori (compresa Cate Blanchett) per raccontare Bob Dylan nel film Io non sono qui.

(di Paolo Biamonte/ANSA)

Ultima ora

17:27Calcio: diritti tv, cinque pacchetti da almeno 1 miliardo

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Punta a incassare almeno un miliardo di euro a stagione la Lega di Serie A con la vendita nazionale dei diritti tv del triennio 2018/'21. Il bando prevede 5 pacchetti, nessuno dei quali ha tutte le partite. Gli operatori (digitale terrestre, satellitare, internet) possono concorrere per il più ricco, il D: vale minimo 400 milioni di euro, copre le gare di 12 squadre (fra cui Roma, Lazio, Torino e Fiorentina), 324 eventi di cui 132 in esclusiva. I match delle altre 8 (fra cui Juventus, Napoli, Milan e Inter, per 248 eventi) sono nei pacchetti A (satellitare) e B (digitale), che valgono 200 milioni. I pacchetti C1 e C2 per internet si dividono a metà le squadre dei pacchetti A-B: milanesi da una parte, Juve e Napoli dall'altra. Ai pacchetti principali (con un prezzo minimo superiore di circa 50 milioni rispetto al 2015/'18), Lega A e l'advisor Infront ne hanno aggiunti 7 opzionali di tipo Gold (esclusivi) e Silver (non esclusivi), con alcuni diritti tv accessori utili per integrare le dirette degli eventi.

17:18‘Ndrangheta: ‘Alto Piemonte’, chieste condanne per 112 anni

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Centododici anni di carcere: è il totale delle pene richieste, in Tribunale a Torino, dai pm Paolo Toso e Monica Abbatecola, per 15 dei 23 imputati nel processo 'Alto Piemonte', sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta nel torinese. La pena più alta, 17 anni, 1 mese e 16 giorni di carcere, è chiesta per Diego Raso, esponente della locale di Santhià. Tra gli imputati compaiono Saverio Dominello e suo figlio Rocco, capo ultrà della Juve, accusati di associazione mafiosa e tentato omicidio, per i quali la Procura ha chiesto rispettivamente 12 e 8 anni di reclusione. Alla sbarra, con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, anche il tifoso bianconero Fabio Germani: per lui la pena richiesta è di 5 anni di carcere. Un filone dell'inchiesta, infatti, riguarda il tentativo della criminalità organizzata calabrese di 'infilarsi' nella curva bianconera, tramite il bagarinaggio dei biglietti delle partite della Juventus. Per uno degli imputati, i pm hanno chiesto l'assoluzione. (ANSA).

17:15Calcio: nessuna offerta per il Lecco, destinato a scomparire

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - La società Calcio Lecco 1912 scomparirà. Ad annunciarlo è stato il curatore fallimentare Mario Motta, a cui il giudice del Tribunale di Lecco, Dario Colasanti, aveva affidato la società dopo il fallimento del 6 dicembre scorso. Per lunedì 29 maggio era fissata l'asta, con una base di 30mila euro, e oggi a mezzogiorno scadevano i termini per la presentazione delle offerte. Ma alla cancelleria del Tribunale di Lecco non ne è pervenuta nessuna. Il curatore fallimentare cederà quindi il titolo sportivo e poi chiuderà la società. Sul campo, la squadra aveva conquistato domenica scorsa la salvezza nel derby-playout di Serie D contro l'Olginatese.

17:06Banche: Quagliariello, subito audizione Ghizzoni al Senato

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Come primo atto da capogruppo chiederò l'immediata calendarizzazione della mozione per l' azzeramento dei vertici Consip, promossa da "Idea" su iniziativa del collega Andrea Augello e sottoscritta da oltre 70 senatori, per la quale sono già abbondantemente decorsi i termini per la procedura d'urgenza, e solleciterò una risposta alla richiesta di audizione del dottor Ghizzoni e alla richiesta di indagine conoscitiva sul caso Etruria-Unicredit presentate in Commissione Finanze dalla senatrice Cinzia Bonfrisco, vicecapogruppo vicario di "Federazione della Libertà". Tutto ciò non ha niente a che vedere con il piano giudiziario, del quale si occupa la magistratura, ma attiene alla correttezza dei comportamenti politico-istituzionali". Lo dichiara il senatore Gaetano Quagliariello, leader di "Idea" e capogruppo di "Federazione della Libertà".

17:05Calcio: processo Juve, l’udienza slitta al dopo Champions

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Dopo due ore di confronto si è chiuso con una sospensione la prima udienza del processo sportivo a carico della Juventus e del presidente Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita di biglietti e ai rapporti con gli ultras. Lo slittamento, a questo punto, potrebbe portare le due parti a rivedersi innanzi al Tribunale nazionale della Figc dopo la finale di Champions del 3 giugno.

16:58Sport: doping, la Nado Italia si associa all’Inado

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - La Nado Italia è il 68/o membro dell'Institute of National Anti-Doping Organisations-Inado, associazione internazionale che riunisce le principali organizzazioni nazionali antidoping. Lo annuncia con un comunicato la stessa Nado, nel quale viene precisato che nelle prossime settimane è in programma una visita del ceo di Inado Joseph de Pencier presso la sede della Nado "per iniziare a sviluppare reciproche collaborazioni e progettualità nell'ambito della lotta al doping". La Nado Italia, si legge nel suo sito internet, è l'organizzazione nazionale antidoping, derivazione funzionale dell'Agenzia mondiale antidoping (Wada), ed ha la responsabilità esclusiva in materia di adozione e applicazione delle norme in conformità al Codice mondiale antidoping (Codice Wada), del quale è parte firmataria.

16:48Sequestrato e riportato in Italia veliero Duce, Fiamma Nera

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Rintracciata in Spagna, nel porto di Valencia, e ricondotta in Italia la "Fiamma Nera", l'imbarcazione appartenuta a Benito Mussolini sottoposta a sequestro di prevenzione nell'ambito di un'indagine del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia capitolina. La barca, fu posta sotto sequestro nel febbraio del 2016: una volta espletate tutte le procedure è stata riportata in Italia ed ora si trova nel porto di Fiumicino. Lo yacth che fu del Duce, insieme a beni di un valore di oltre 70 milioni, sono stati sequestrati a Salvatore Squillante, imprenditore originario di Sarno (Salerno). Gli accertamenti patrimoniali delle Fiamme Gialle della compagnia di Fiumicino svolti nei confronti dell'imprenditore, che da tempo si è trasferito nella Capitale, hanno permesso di appurare "la grande sproporzione tra i redditi dichiarati e l'elevato tenore di vita, frutto di una carriera criminale basata su ingenti evasioni fiscali, bancarotte fraudolente e truffe".

Archivio Ultima ora