Nobel per la Letteratura a Dylan, gigante della cultura

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

(FILE) A file picture dated 29 June 2001 shows US singer-songwriter Bob Dylan performing on the main stage at the Roskilde Festival in Roskilde, Denmark. Dylan will celebrate his 75th birthday on 24 May 2016.  EPA/Niels Meilvang

(FILE) A file picture dated 29 June 2001 shows US singer-songwriter Bob Dylan performing on the main stage at the Roskilde Festival in Roskilde, Denmark. Dylan will celebrate his 75th birthday on 24 May 2016. EPA/Niels Meilvang

ROMA. – Bob Dylan, alias Robert Allen Zimmerman, premiato con il Nobel per la Letteratura, è forse il più enigmatico tra i geni della musica popolare. Nessuno come lui si è accanito contro il suo mito, divertendosi a spiazzare pubblico e critica con scelte sorprendenti che vanno dalla svolta elettrica degli anni ’60 alla conversione al credo dei Cristiani rinati fino al recente approdo agli spot pubblicitari, Victoria’s Secret compreso (ma per gli investitori rappresenta un testimonial formidabile). Per non parlare del rapporto che ha con il suo repertorio, che rende spesso indecifrabile al pubblico dei suoi concerti.

Menestrello di Duluth, 24 maggio 1941, è un gigante della cultura degli ultimi 50 anni: come ha detto Bruce Springsteen nel discorso con cui nel gennaio 1988 ha introdotto la sua inclusione nella Rock and Roll Hall of Fame: “Bob ha liberato le nostre menti nello stesso modo in cui Elvis ha liberato il nostro corpo. Ci ha dimostrato che il fatto che questa musica abbia una natura essenzialmente fisica non significa che sia contro l’intelletto”.

Da questo punto di vista il suo contributo è addirittura difficile da definire: con i dischi incisi negli anni ’60 all’inizio della sua carriera, ha aperto alla musica popolare le porte della grande letteratura, creando un modello (il cantautore) e un mito contro cui ha lottato tutta la vita. Il fatto è che proprio le sue canzoni più celebri di quel periodo, così immerse nella tradizione popolare americana e al tempo stesso assolutamente anti retoriche nella loro essenza, hanno rappresentato, e ancora rappresentano, la sintesi perfetta dello spirito di quel tempo, diviso tra le aspirazioni a un mondo migliore, il rifiuto della guerra, la ricerca di un’identità per i giovani, da poco diventati effettivamente una nuova categoria sociologica.

Ma da The Frewheelin’ Bob Dylan, Blonde on Blonde, The Times They Are a Changin’ e Highway 61 Revisited sono passati quasi 50 anni e Dylan, che ha sempre ostinatamente rifiutato il ruolo del profeta, li ha trascorsi tra alti e bassi, svolte improvvise e iniziative sorprendenti, ostentando un’olimpica indifferenza a quello che succede attorno alla sua musica.

Dalla metà degli anni ’80 si è imbarcato nell’ormai celebre Never Ending Tour (il tour senza fine), suonando, sempre con la stessa band, più di 100 date all’anno: i concerti ormai sono sempre più sgangherati, prevedibili nel rifiuto della ritualità del live show e nella storpiatura dei pezzi. Non c’è evento che possa cambiarne la natura: possa essere un’esibizione di fronte a papa Wojtyla e a 300 mila persone o, di recente, i suoi concerti in Cina o a Saigon.

Inutilmente i media hanno sperato di sentire da lui parole contro la censura praticata dal governo di Pechino o qualche allusione alla guerra del Vietnam. Ma così come ha fatto tante volte, Dylan è riuscito a sorprendere tutti: dopo più di 30 anni, i suoi album più recenti, Modern Times e Together Through Life sono tornati in classifica e a mettere d’accordo la critica, cosa che non succedeva dalla fine degli anni ’80 con il bellissimo Oh Mercy.

Nel frattempo ha pubblicato una raccolta di canzoni natalizie e, rompendo il suo proverbiale isolamento, ha condotto uno strepitoso programma radiofonico infarcito di raffinate selezioni musicali e divertenti interventi parlati. Un enigma che ora compie 70 anni: vien da pensare che ha fatto bene il regista Todd Haynes a usare sei personaggi e sei attori (compresa Cate Blanchett) per raccontare Bob Dylan nel film Io non sono qui.

(di Paolo Biamonte/ANSA)

Ultima ora

18:10Barcellona: stasera rientro in Italia salme Russo e Gulotta

(ANSA) - VERONA, 21 AGO - Torneranno stasera in Italia, con un volo dell'Aeronautica militare che atterrerà a Roma, le salme di due dei tre italiani rimasti uccisi nell'attentato di Barcellona, Luca Russo e Bruno Gulotta. Quella di Carmen Lopardo dovrebbe essere invece trasferita in Argentina, dove l'anziana viveva da tempo. Il volo, mobilitato su disposizione dei ministeri della Difesa e degli Esteri, è prossimo al decollo da Pratica di Mare; dalla Spagna dovrebbe rientrare poi su Ciampino, poco prima della mezzanotte. Le salme saranno quindi trasferite al policlinico Gemelli, per l'esame disposto dalla Procura, e da Ciampino ripartiranno questa volta per Verona, dove, presumibilmente domattina, arriveranno i due feretri. Le destinazioni saranno Bassano del Grappa, per Luca Russo, e Legnano, per Bruno Gullotta. La sorella della vittima bassanese, Chiara Russo, è in partenza con la madre per Roma, dove attenderà l'arrivo della bara con il corpo del fratello.

18:08Uomo bruciato vicino Aosta, ucciso coltellata collo

(ANSA) - AOSTA, 21 AGO - E' stato ucciso con una coltellata al collo l'uomo trovato semicarbonizzato sabato scorso in una radura a Fenis, vicino Aosta. E' quanto emerso dal primo esame sul cadavere condotto dal medico legale Roberto Testi, incaricato dal pm Eugenia Menichetti di effettuare l'autopsia. Lo ha appreso l'ANSA. In base alla ricostruzione del fatto la vittima è stata colpita alle spalle con un fendente sul collo. Maggiori particolari si conosceranno al termine dell'esame autoptico che si concluderà domani. (ANSA).

18:07Ciclismo: Vuelta, Nibali vince la 3/a tappa

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Vincenzo Nibali ha vinto in volata la terza tappa della Vuelta da Prades Conflent Canigò ad Andorra la Vella. Il siciliano è scattato a 400 metri dal traguardo, sorprendendo tutti e precedendo Froome, che diventa leader della corsa, e De La Cruz. Sesto Fabio Aru.

17:59Giordania-Turchia: Erdogan ad Amman

(ANSAmed) - AMMAN, 21 AGO - Il presidente turco Tayyip Recep Erdogan è arrivato oggi ad Amman per colloqui con re Abdallah e altre autorità giordane. Si parla, oltre che delle relazioni bilaterali, degli sviluppi riguardanti Gerusalemme, dei possibili modi di riavviare il processo di pace israelo-palestinese e della guerra in Siria. "Voglio sottolineare l'importanza che attribuiamo al ruolo della Giordania nella protezione dei luoghi santi di Gerusalemme", ha detto Erdogan prima di partire per Amman. "Non vogliamo più assistere ad abusi, violazioni di diritti e attacchi, e quindi i musulmani del mondo devono essere solidali con Gerusalemme", ha aggiunto il presidente turco. Dopo gli scontri avvenuti il mese scorso sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme, Erdogan aveva descritto le nuove misure di sicurezza imposte da Israele come "un tentativo di togliere (la moschea di) al Aqsa ai musulmani con la scusa di attività antiterrorismo".

17:53Vento spazza via il quod, friulana muore in Grecia a 22 anni

(ANSA) - TRIESTE, 21 AGO - Una turista italiana - Deborah Fabris, di 22 anni, originaria di Monfalcone (Gorizia) e residente a Cervignano del Friuli (Udine) - è morta oggi in Grecia per le conseguenze di un incidente stradale avvenuto sull'isola di Karpathos a Ferragosto. La ragazza era in vacanza con il fidanzato. La dinamica dell'incidente è tuttora al vaglio delle autorità locali, ma - stando alle prime ricostruzioni - a spingere fuori strada il quod sul quale viaggiava la coppia sarebbe stata una delle forti folate di vento che spazzano costantemente la seconda isola più grande del Dodecaneso. La ragazza ha perso il casco e ha sbattuto la testa. Le condizioni della giovane sono subito apparse critiche. Dopo essere stata portata al pronto soccorso di Karpathos, è stata trasferita all'ospedale di Rodi dove questa mattina il suo cuore ha smesso di battere.

17:53Filippine: attaccato villaggio, 9 civili uccisi

(ANSA) - BANGKOK, 21 AGO - Almeno nove residenti di un villaggio nel sud delle Filippine sono stati uccisi oggi dai terroristi islamici del gruppo Abu Sayyaf. Lo ha comunicato l'esercito di Manila. Nella versione dei militari, una ventina di militanti armati hanno attaccato all'alba il villaggio di Tubigan, sull'isola di Basilan, una delle roccaforti del gruppo. Altre 16 persone sono rimaste ferite nell'assalto, in cui sono stati incendiati anche cinque case e un edificio usato per le riunioni. Secondo il colonnello Juvymax Uy, i militanti potrebbero aver deciso di attaccare il villaggio come rappresaglia per il mancato sostegno da parte della popolazione locale, dopo settimane in cui sono stati decimati in scontri con i militati filippini. Abu Sayyaf è un'organizzazione terroristica che si finanzia con il rapimento di ostaggi. Non è raro che il sequestro si concluda con una decapitazione in caso di mancato pagamento del riscatto.

17:48Uomo colpito con mattonella da vicino, morto in ospedale

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - E' morto oggi al Policlinico di Milano Salvatore Milici, l'uomo che il 17 agosto era stato aggredito e colpito con una mattonella in via Chiesa Rossa da Hamdan Hicham, un suo vicino di casa poi arrestato. Il sessantaduenne era stato operato il giorno stesso dell'aggressione al cervello, ed era ricoverato nel reparto di Neurochirurgia.

Archivio Ultima ora