Nobel per la Letteratura a Dylan, gigante della cultura

Pubblicato il 13 ottobre 2016 da ansa

(FILE) A file picture dated 29 June 2001 shows US singer-songwriter Bob Dylan performing on the main stage at the Roskilde Festival in Roskilde, Denmark. Dylan will celebrate his 75th birthday on 24 May 2016.  EPA/Niels Meilvang

(FILE) A file picture dated 29 June 2001 shows US singer-songwriter Bob Dylan performing on the main stage at the Roskilde Festival in Roskilde, Denmark. Dylan will celebrate his 75th birthday on 24 May 2016. EPA/Niels Meilvang

ROMA. – Bob Dylan, alias Robert Allen Zimmerman, premiato con il Nobel per la Letteratura, è forse il più enigmatico tra i geni della musica popolare. Nessuno come lui si è accanito contro il suo mito, divertendosi a spiazzare pubblico e critica con scelte sorprendenti che vanno dalla svolta elettrica degli anni ’60 alla conversione al credo dei Cristiani rinati fino al recente approdo agli spot pubblicitari, Victoria’s Secret compreso (ma per gli investitori rappresenta un testimonial formidabile). Per non parlare del rapporto che ha con il suo repertorio, che rende spesso indecifrabile al pubblico dei suoi concerti.

Menestrello di Duluth, 24 maggio 1941, è un gigante della cultura degli ultimi 50 anni: come ha detto Bruce Springsteen nel discorso con cui nel gennaio 1988 ha introdotto la sua inclusione nella Rock and Roll Hall of Fame: “Bob ha liberato le nostre menti nello stesso modo in cui Elvis ha liberato il nostro corpo. Ci ha dimostrato che il fatto che questa musica abbia una natura essenzialmente fisica non significa che sia contro l’intelletto”.

Da questo punto di vista il suo contributo è addirittura difficile da definire: con i dischi incisi negli anni ’60 all’inizio della sua carriera, ha aperto alla musica popolare le porte della grande letteratura, creando un modello (il cantautore) e un mito contro cui ha lottato tutta la vita. Il fatto è che proprio le sue canzoni più celebri di quel periodo, così immerse nella tradizione popolare americana e al tempo stesso assolutamente anti retoriche nella loro essenza, hanno rappresentato, e ancora rappresentano, la sintesi perfetta dello spirito di quel tempo, diviso tra le aspirazioni a un mondo migliore, il rifiuto della guerra, la ricerca di un’identità per i giovani, da poco diventati effettivamente una nuova categoria sociologica.

Ma da The Frewheelin’ Bob Dylan, Blonde on Blonde, The Times They Are a Changin’ e Highway 61 Revisited sono passati quasi 50 anni e Dylan, che ha sempre ostinatamente rifiutato il ruolo del profeta, li ha trascorsi tra alti e bassi, svolte improvvise e iniziative sorprendenti, ostentando un’olimpica indifferenza a quello che succede attorno alla sua musica.

Dalla metà degli anni ’80 si è imbarcato nell’ormai celebre Never Ending Tour (il tour senza fine), suonando, sempre con la stessa band, più di 100 date all’anno: i concerti ormai sono sempre più sgangherati, prevedibili nel rifiuto della ritualità del live show e nella storpiatura dei pezzi. Non c’è evento che possa cambiarne la natura: possa essere un’esibizione di fronte a papa Wojtyla e a 300 mila persone o, di recente, i suoi concerti in Cina o a Saigon.

Inutilmente i media hanno sperato di sentire da lui parole contro la censura praticata dal governo di Pechino o qualche allusione alla guerra del Vietnam. Ma così come ha fatto tante volte, Dylan è riuscito a sorprendere tutti: dopo più di 30 anni, i suoi album più recenti, Modern Times e Together Through Life sono tornati in classifica e a mettere d’accordo la critica, cosa che non succedeva dalla fine degli anni ’80 con il bellissimo Oh Mercy.

Nel frattempo ha pubblicato una raccolta di canzoni natalizie e, rompendo il suo proverbiale isolamento, ha condotto uno strepitoso programma radiofonico infarcito di raffinate selezioni musicali e divertenti interventi parlati. Un enigma che ora compie 70 anni: vien da pensare che ha fatto bene il regista Todd Haynes a usare sei personaggi e sei attori (compresa Cate Blanchett) per raccontare Bob Dylan nel film Io non sono qui.

(di Paolo Biamonte/ANSA)

Ultima ora

15:53F.1: Gp Russia, prima fila Ferrari

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Prima fila tutta Ferrari nel Gp di Russia, quarta prova del Mondiale di F1 che si corre domani sul circuito di Sochi. Sebastian Vettel ha preceduto il compagno di squadra Kimi Raikkonen. Seconda fila per le due Mercedes con Valtteri Bottas davanti a Lewis Hamilton. L'ultima pole Ferrari risaliva al Gp di Singapore 2015 mentre una prima fila tutta Rossa non si vedeva dal Gp di Francia 2008. Tornando al gran premio di Sochi, dopo le Ferrari e le Mercedes, quinto tempo per la Red Bull di Daniel Ricciardo che precede la Williams di Felipe Massa. Completano la top ten la Red Bull di Max Verstappen, la Renault di Nico Hulkenberg e le Force India di Sergio Perez ed Esteban Ocon.

15:44Calcio: Pioli, la presenza di Zhang è di stimolo per l’Inter

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "La presenza di Zhang Jindong sarà di grande stimolo. Con lui affronteremo tanti temi, ma domenica c'è una gara importante e ci sarà tempo per farlo dopo la partita": lo dice il tecnico dell'Inter Stefano Pioli alla vigilia del match con il Napoli. Con Zhang parlerà del momento attuale dell'Inter, ma probabilmente anche del suo futuro di tecnico. Molti pensano che all'Inter serva un allenatore in grado di far fare il salto di qualità alla squadra. "Quel che si dice su di me conta poco - taglia corto Pioli - Io vado avanti per la mia strada e cerco di migliorare con i giocatori. I conti si faranno alla fine, abbiamo ancora 5 partite. Come sto io? Non si vede che sto bene? Avevo pochi capelli anche prima... Il calcio è così: dà e toglie tanto. Non mi sono mai esaltato nei momenti migliori e non mi deprimo in quelli difficili". Il ritorno di Lele Oriali colmerebbe un vuoto nella gestione della squadra? "Dalla società - risponde Pioli - ho avuto il supporto necessario per sviluppare al meglio le mie mansioni".

15:39Turchia: bloccato l’accesso a Wikipedia

(ANSA) - ISTANBUL, 29 APR - Le autorità turche hanno bloccato l'accesso a Wikipedia, l'enciclopedia on-line in tutte le lingue per contenuti che secondo Ankara presentano il paese come sostenitore del terrore e ne danneggiano l'immagine. L'agenzia ufficiale turca, citando il ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni, ha reso noto che oggi il sito è stato bloccato "dopo essere diventato una fonte di informazione che agisce con i gruppi che conducono una campagna nociva contro la Turchia nel contesto internazionale". Turkey Blocks, un gruppo di monitoraggio delle attività online, ha precisato che dalle 8 del mattino di oggi era impossibile accedere al sito. Secondo Anadolu le autorità turche avevano chiesto a Wikipedia di rimuovere dei contenuti sui legami fra la Turchia e alcuni gruppi terroristi, ma il sito non lo ha fatto. La Turchia ha spesso e più volte bloccato l'accesso a Twitter, Facebook e YouTube. Numerosi siti antigovernativi sono inaccessibili agli utenti.

15:24Nuoto: Usa, lo squalificato Lochte in gara con i senior

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Ryan Lochte è tornato ieri in piscina, in una gara competitiva, per la prima volta dalla sua squalifica scattata lo scorso settembre in seguito alla vicenda della falsa rapina a Rio de Janeiro, in piena Olimpiade, che lo vide coinvolto insieme ad altri tre nuotatori della Nazionale statunitense. Il 32enne Lochte si è piazzato 2/o nella gara delle 100 yard rana in 53"92 ed ha vinto quella dei 200 misti individuali in 1'44"21 agli Us Masters Swimming Spring Nationals, a Riverside (California). Una maniera, la sua, di riprendere confidenza con le gare in vista della fine della squalifica di 10 mesi, il 30 giugno, dal momento che le competizioni riservate ai senior come quella in questione fanno riferimento ad un diverso organismo di governo. Fra oggi e domani, infatti, Lochte approfitterà per partecipare ad altre 4 gare. Dopo la squalifica, il sei volte campione olimpico ha ripreso ad allenarsi con il coach Dave Salo. Il ritorno alle gare ufficiali dovrebbe avvenire ad agosto agli Us Open di Long Island.

15:17Calcio: Sousa, l’Europa? Faremo i conti alla fine

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "Vinciamo ogni partita da qui alla fine e poi faremo i conti". Così Paulo Sousa alla vigilia della trasferta a Palermo, una gara importante per la Fiorentina tornata in corsa per il 6/o posto dopo i risultati dell'ultimo turno di campionato. "Non so chi stia meglio tra noi, l'Inter e il Milan - ha continuato il tecnico viola - Siamo concentrati solo su noi stessi, ben consapevoli di quello che dobbiamo fare: lavorare bene per cercare di vincere sempre e cercare di essere molto concreti". Squalificato Kalinic, toccherà ancora a Babacar guidare l'attacco della squadra. L'attaccante senegalese ha segnato una doppietta nel 5-4 sull'Inter.

15:13Calcio: Borussia, Bartra torna ad allenarsi

(ANSA) - ROMA, 29 APR - A diciassette giorni dall'attentato contro il pullman del Borussia Dortmund, ha ripreso ieri ad allenarsi Marc Bartra, il 26enne difensore spagnolo ferito nell'esplosione e poi operato per la frattura del radio. Lo riporta il quotidiano iberico "Mundo Deportivo", precisando che il ritorno in campo del giocatore potrebbe avvenire sabato prossimo nel match casalingo di campionato contro l'Hoffenheim. I suoi compagni di squadra, intanto, sfidano oggi il Colonia, sempre in casa, per difendere il terzo posto in Bundesliga.

15:07Calcio: Lazio, appello Inzaghi ai tifosi

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "Pochi laziali al derby? Quello che si legge mi dispiacerebbe molto, penso che la squadra abbia meritato di avere la propria gente vicina. Spero di essere smentito, mancano ancora 24 ore e spero che al nostro fianco ci sia la curva che c'è stata al derby di ritorno di Coppa Italia: eravamo in trasferta come domani ma non sembrava". E' l'appello lanciato dall'allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, commentando la fiacca prevendita di tagliandi riservati ai tifosi biancocelesti a poco meno di 24 ore dal derby contro la Roma.

Archivio Ultima ora