Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio   (AP Photo/North Caspian Operating Company)

Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio
(AP Photo/North Caspian Operating Company)

ROMA. – E’ stato per lungo tempo quello che l’ex ad Vittorio Mincato definì “il problema numero 1”, ma adesso sembra finalmente risolto. L’Eni ha annunciato la spedizione del primo lotto di greggio prodotto nel mega-giacimento di Kashagan in Kazakhstan, dopo circa 16 anni di lavori e un investimento colossale, che per l’intero consorzio ha ampiamente superato i 50 miliardi di dollari.

A dare il primo annuncio che la situazione è stata finalmente sbloccata è stato in realtà il ministero dell’Energia del Paese asiatico: lo sfruttamento del mega-giacimento, che si trova offshore nelle difficili acque del mar Caspio settentrionale, è infatti in mano a un consorzio, in cui il gruppo petrolifero italiano è presente con una quota del 16,81%, mentre gli altri partner sono la locale KazMunayGas (16,88%), ExxonMobil (16,81%), Shell (16,81%), Total (16,81%), la Cnpc (8,33%) e Inpex (7,56%).

E’ chiaro però che per l’Eni questa notizia ha un significato particolare, dal momento che fu proprio il Cane a sei zampe, nel lontano 2001, a conquistare il ruolo di capofila del consorzio dopo la scoperta avvenuta l’anno prima: in seguito, però, vista anche l’entità dei costi necessari per sostenere un progetto di quella complessità, la compagine si è allargata e il ruolo di operatore è passato in capo al consorzio stesso, ma a ogni società è stata assegnata la responsabilità di una parte dei lavori.

All’Eni è toccata proprio quella relativa alla cosiddetta ‘fase del primo olio’, in pratica quella in cui ci troviamo adesso. Molti sono stati i problemi di natura tecnica che hanno complicato il percorso di Kashagan: il giacimento, un’area grande come l’area metropolitana di Londra con riserve stimate di circa 35 miliardi di barili di olio in posto, presenta infatti molte difficoltà, dalla pressione all’altissimo contenuto di zolfo, fino alle condizioni meteo, con acque che si ghiacciano da ottobre a marzo.

Tutte caratteristiche che hanno fatto accumulare un grande ritardo, aggravato poi dalla falsa partenza dell’11 settembre 2013: dopo poche settimane dall’avvio l’impianto si fermò a causa di anomalie nel sistema di trasporto che hanno determinato la sostituzione delle pipeline.

Per tutti questi motivi (ma anche per un lungo contenzioso con il governo kazako sulla gestione del progetto), come ha rivelato l’ex ad Paolo Scaroni il giorno in cui lasciò l’Eni, si è trattato per lungo tempo della preoccupazione principale per il management: “Quando sono arrivato nel 2005 – raccontò Scaroni in assemblea – l’ad uscente Vittorio Mincato mi diede un pezzo di carta con su scritto: problema n.1, Kashagan. Se dovessi fare la stessa cosa con Claudio Descalzi scriverei anche io Kashagan”.

Adesso, comunque, i problemi sembrano risolti, la produzione è finalmente partita (con la partenza del primo lotto di greggio dall’impianto di trattamento a terra e destinato all’esportazione) e, come ha annunciato l’Eni, aumenterà gradualmente fino a un primo livello di 180.000 barili al giorno, con un target di 370.000 barili al giorno che sarà raggiunto entro la fine del prossimo anno.

(di Francesca Paggio/ANSA)

Ultima ora

11:21Migranti:arrivata in porto Corigliano Calabro nave con 1.032

(ANSA) - CORIGLIANO CALABRO (COSENZA), 29 GIU - E' arrivata nel porto di Corigliano Calabro la nave "Aquarius" con a bordo 1.032 migranti. Gli uomini sono 933, mentre le donne 99, 11 delle in stato di gravidanza. I minori sono 200, non si sa quanti non accompagnati, anche se il dato potrebbe variare quando termineranno le operazioni di sbarco che saranno effettuate, per l'elevato numero di migranti, in due fasi diverse. Una parte dei migranti, infatti, sbarcherà entro oggi, la rimanente domani. Diverse le nazionalità dei profughi quasi tutti sub sahariani. Sul posto sono presenti le autorità portuali, le forze dell'ordine, personale medico e rappresentanti della Prefettura di Cosenza che coordinano le operazioni. Garantita la massima collaborazione da parte degli amministratori comunali di Corigliano, i quali dovranno occuparsi della sistemazione in centri di accoglienza dei minori non accompagnati. I migranti saranno successivamente trasferiti in diverse Regioni secondo quanto previsto dal Piano nazionale di accoglienza.(ANSA).

11:17Gup Why Not diffamato, de Magistris rinviato a giudizio

(ANSA) - NAPOLI, 29 GIU - Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, è stato rinviato a giudizio con l'accusa di avere diffamato il gup Abigail Mellace, all'epoca dei fatti in servizio nel Tribunale di Catanzaro e attualmente presidente della sezione penale del Tribunale di Crotone. Lo scrive Il Mattino. I fatti risalgono a quando il sindaco era pm a Catanzaro. La prima udienza del processo è fissata per il prossimo 5 dicembre. De Magistris fu denunciato sia dal giudice che dal marito del magistrato, l'avvocato Maurizio Mottola di Amato. La vicenda è collegata all'indagine Why Not: in un'intervista l'ex pm lasciò intendere che il gup aveva tentato di sgonfiare la sua inchiesta anche in relazione a una richiesta di arresto che aveva avanzato nei confronti del marito avvocato del giudice. La denuncia riguarda anche frasi pubblicate dell'ex pm sul suo blog in cui faceva riferimento ad accuse di violenze sessuali contestate al padre del giudice Mellace omettendo però di menzionare la sua successiva assoluzione. (ANSA).

11:01Italiano ucciso a Londra: giovane accusata d’omicidio

(ANSA) - LONDRA, 29 GIU - E' stata formalmente accusata dalla polizia britannica di omicidio la giovane donna arrestata ieri nell'ambito delle indagini sull'uccisione di Pietro Sanna, il 23enne sardo accoltellato a morte l'altro giorno a Londra. Si tratta di Hasna Begum, 25 anni, originaria del Bangladesh, come riferisce Scotland Yard via Twitter. Begum - indicata da alcuni media del Regno Unito come coinquilina di Sanna e da altri come vicina di casa - comparirà oggi dinanzi a un giudice della Thames Magistrates' Court per la convalida dell'arresto.

10:58Olimpiadi: 2024, Tour de France sostiene candidatura Parigi

(ANSA) - ROMA, 29 GIU - Il Tour de France ha deciso di sostenere attraverso una serie di iniziative la candidatura di Parigi per i Giochi olimpici del 2024. Durante tutte le 24 tappe della corsa - al via sabato a Duesseldorf, in Germania - un atleta 'ambasciatore' sarà presente alla consegna della maglia gialla al leader di giornata. Il primo sarà, proprio sabato prossimo, la neo ministra francese dello sport, l'olimpionica di scherma Laura Flessel, mentre l'ultimo, il 23 luglio nella tappa finale sugli Champs-Élysées, sarà il copresidente del comitato che sostiene la candidatura di Parigi, Tony Estanguet, a sua volta vincitore di due ori olimpici nella canoa. Inoltre, l'intero gruppo dei corridori verrà coinvolto al passaggio della corsa al km 2024, prevista nella tappa tra Pau e Peyragudes, il 13 luglio.

10:57Migranti: Estonia, avanzare su punti su cui c’è intesa in Ue

(ANSA) - TALLIN, 29 GIU - Se ci sono divisioni tra i 28 sui ricollocamenti si può procedere sugli altri dossier legati ai migranti su cui invece c'è intesa come i rimpatri, il controllo delle frontiere e gli aspetti esterni come la cooperazione con i Paesi terzi. E' l'approccio dell'Estonia alla vigilia della sua prima presidenza Ue e della riunione informale dei ministri dell'interno la prossima settima a Tallinn dove dovrà essere affrontata anche la questione dello stop agli sbarchi sollevata dall'Italia. "I ricollocamenti sono solo un aspetto" su cui "ovviamente ci sono difficoltà", ha spiegato il direttore per gli affari Ue del governo estone Klen Jaarats, "sono una priorità in agenda ma non ci sono sono i ricollocamenti, si possono quindi fare progressi su altri file del dossier su cui invece c'è unità" anche con i Paesi 'refrattari' come Ungheria o Polonia. Tra questi i "rimpatri, il controllo delle frontiere e gli aspetti esterni", ovvero quelli che fanno capo alle iniziative con i Paesi terzi legati all'azione esterna.

10:51Londra: Grenfell Tower,è polemica anche su giudice inchiesta

(ANSA) - LONDRA, 29 GIU - Una nuova polemica nella tragedia della Grenfell Tower di Londra che riguarda la designazione fatta dalla premier Theresa May del presidente della commissione d'inchiesta che dovrebbe far luce sul terribile incendio costato la vita ad almeno 80 persone. Secondo il Times, il prescelto, sir Martin Moore-Bick, ex alto magistrato, ha alle sue spalle controverse sentenze negative nei confronti di inquilini sloggiati in malo modo o di immigrati stranieri: 'categorie' a cui appartengono molte vittime di Grenfell. La scelta dell'ex giudice ha sollevato anche obiezioni fra gli stessi collaboratori della May che sulla vicenda dell'incendio ha già compiuto una serie di errori che le sono costate forti contestazioni in pubblico. Fra le sentenze più criticate di Moore-Bick quella del 2014 quando si è pronunciato in favore del municipio di Westminster contro una madre single con cinque figli, Titina Nzolameso, che rischiava di restare senza un tetto. La corte suprema ha poi annullato la decisione del giudice.

10:48Camorra: 18 cavalli corsa e barca lusso, sigilli a beni clan

(ANSA) - NAPOLI, 29 GIU - Beni del valore di circa 10 milioni di euro - tra cui 18 cavalli da corsa, una barca di lusso e 23 immobili, tra ville e appartamenti - sono stati sequestrati nel Napoletano a 16 persone ritenute dai carabinieri elementi di spicco del clan "Orlando" e "Nuvoletta – Lubrano". I militari del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno messo i sigilli anche a 78 rapporti bancari o postali, quote societarie di varie attività (tra le quali quelle di maggioranza di una scuola privata), 8 aziende e 2 esercizi commerciali. La barca di lusso, di 15 metri, era ormeggiata nel porto di Pozzuoli (Napoli). Il provvedimento è stato emesso dopo una più ampia attività investigativa che il 18 aprile aveva portato all'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 32 persone ritenute affiliate ai due clan. (ANSA).

Archivio Ultima ora