Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio   (AP Photo/North Caspian Operating Company)

Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio
(AP Photo/North Caspian Operating Company)

ROMA. – E’ stato per lungo tempo quello che l’ex ad Vittorio Mincato definì “il problema numero 1”, ma adesso sembra finalmente risolto. L’Eni ha annunciato la spedizione del primo lotto di greggio prodotto nel mega-giacimento di Kashagan in Kazakhstan, dopo circa 16 anni di lavori e un investimento colossale, che per l’intero consorzio ha ampiamente superato i 50 miliardi di dollari.

A dare il primo annuncio che la situazione è stata finalmente sbloccata è stato in realtà il ministero dell’Energia del Paese asiatico: lo sfruttamento del mega-giacimento, che si trova offshore nelle difficili acque del mar Caspio settentrionale, è infatti in mano a un consorzio, in cui il gruppo petrolifero italiano è presente con una quota del 16,81%, mentre gli altri partner sono la locale KazMunayGas (16,88%), ExxonMobil (16,81%), Shell (16,81%), Total (16,81%), la Cnpc (8,33%) e Inpex (7,56%).

E’ chiaro però che per l’Eni questa notizia ha un significato particolare, dal momento che fu proprio il Cane a sei zampe, nel lontano 2001, a conquistare il ruolo di capofila del consorzio dopo la scoperta avvenuta l’anno prima: in seguito, però, vista anche l’entità dei costi necessari per sostenere un progetto di quella complessità, la compagine si è allargata e il ruolo di operatore è passato in capo al consorzio stesso, ma a ogni società è stata assegnata la responsabilità di una parte dei lavori.

All’Eni è toccata proprio quella relativa alla cosiddetta ‘fase del primo olio’, in pratica quella in cui ci troviamo adesso. Molti sono stati i problemi di natura tecnica che hanno complicato il percorso di Kashagan: il giacimento, un’area grande come l’area metropolitana di Londra con riserve stimate di circa 35 miliardi di barili di olio in posto, presenta infatti molte difficoltà, dalla pressione all’altissimo contenuto di zolfo, fino alle condizioni meteo, con acque che si ghiacciano da ottobre a marzo.

Tutte caratteristiche che hanno fatto accumulare un grande ritardo, aggravato poi dalla falsa partenza dell’11 settembre 2013: dopo poche settimane dall’avvio l’impianto si fermò a causa di anomalie nel sistema di trasporto che hanno determinato la sostituzione delle pipeline.

Per tutti questi motivi (ma anche per un lungo contenzioso con il governo kazako sulla gestione del progetto), come ha rivelato l’ex ad Paolo Scaroni il giorno in cui lasciò l’Eni, si è trattato per lungo tempo della preoccupazione principale per il management: “Quando sono arrivato nel 2005 – raccontò Scaroni in assemblea – l’ad uscente Vittorio Mincato mi diede un pezzo di carta con su scritto: problema n.1, Kashagan. Se dovessi fare la stessa cosa con Claudio Descalzi scriverei anche io Kashagan”.

Adesso, comunque, i problemi sembrano risolti, la produzione è finalmente partita (con la partenza del primo lotto di greggio dall’impianto di trattamento a terra e destinato all’esportazione) e, come ha annunciato l’Eni, aumenterà gradualmente fino a un primo livello di 180.000 barili al giorno, con un target di 370.000 barili al giorno che sarà raggiunto entro la fine del prossimo anno.

(di Francesca Paggio/ANSA)

Ultima ora

10:58Pugilato: Mondiale welter Ibf, Spence detronizza Brooks

(ANSA) - SHEFFIELD (GRAN BRETAGNA), 28 MAG - L'imbattuto americano Errol "The Truth" Spence Jr. (22 incontri tutti vinti, 19 prima del limite) ha conquistato il titolo mondiale versione Ibf dei pesi welter battendo per Ko a 1'47''del'11/a ripresa il britannico Kell "The Special One" Brook (36-2, 25 KO) nel match disputato ieri notte sul ring allestito nel Bramall Football Ground di Sheffield, davanti a 27mila spettatori. Per Brook, con l'occhio sinistro completamente chiuso dopo la fine del match, è stata la seconda sconfitta consecutiva dopo quella subìta contro il campione del mondo dei medi Gennadi Golovkin quando il britannico ha tentato d'impossessarsi del titolo della categoria superiore.

10:42Migranti: a Napoli la nave di Msf con 1500 persone

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAG - E' arrivata nel porto di Napoli e sono iniziate le operazioni di sbarco dei 1449 immigrati che si trovavano a bordo della nave ong 'Vos Prudence' di Medici Senza Frontiere. La nave è stata fatta ormeggiare al molo Carmine e sono state predisposte tutte le attività logistiche per effettuare lo sbarco. Ancora non è stata resa nota la destinazione dei migranti raccolti da Msf e da motovedette della Guardia Costiera da ben dodici diversi barconi in appena 10 ore. Alle 21 di ieri, dopo l'allarme lanciato sull'assenza di generi di prima necessità a causa del sovraffollamento era stata fatta approdare a Palermo per essere prima di ieri sera,attorno alle 21, dopo l'allarme lanciato dai responsabili di Msf sull'assenza di generi di prima necessità a causa del sovraffollamento della nave - la capienza è di 600 persone - era stata fatta approdare a Palermo per essere rifornita di beni di prima necessità. A bordo 140 donne, 45 bambini, uno dei quali di appena una settimana e due cadaveri recuperati da un gommone.

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

Archivio Ultima ora