Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio   (AP Photo/North Caspian Operating Company)

Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio
(AP Photo/North Caspian Operating Company)

ROMA. – E’ stato per lungo tempo quello che l’ex ad Vittorio Mincato definì “il problema numero 1”, ma adesso sembra finalmente risolto. L’Eni ha annunciato la spedizione del primo lotto di greggio prodotto nel mega-giacimento di Kashagan in Kazakhstan, dopo circa 16 anni di lavori e un investimento colossale, che per l’intero consorzio ha ampiamente superato i 50 miliardi di dollari.

A dare il primo annuncio che la situazione è stata finalmente sbloccata è stato in realtà il ministero dell’Energia del Paese asiatico: lo sfruttamento del mega-giacimento, che si trova offshore nelle difficili acque del mar Caspio settentrionale, è infatti in mano a un consorzio, in cui il gruppo petrolifero italiano è presente con una quota del 16,81%, mentre gli altri partner sono la locale KazMunayGas (16,88%), ExxonMobil (16,81%), Shell (16,81%), Total (16,81%), la Cnpc (8,33%) e Inpex (7,56%).

E’ chiaro però che per l’Eni questa notizia ha un significato particolare, dal momento che fu proprio il Cane a sei zampe, nel lontano 2001, a conquistare il ruolo di capofila del consorzio dopo la scoperta avvenuta l’anno prima: in seguito, però, vista anche l’entità dei costi necessari per sostenere un progetto di quella complessità, la compagine si è allargata e il ruolo di operatore è passato in capo al consorzio stesso, ma a ogni società è stata assegnata la responsabilità di una parte dei lavori.

All’Eni è toccata proprio quella relativa alla cosiddetta ‘fase del primo olio’, in pratica quella in cui ci troviamo adesso. Molti sono stati i problemi di natura tecnica che hanno complicato il percorso di Kashagan: il giacimento, un’area grande come l’area metropolitana di Londra con riserve stimate di circa 35 miliardi di barili di olio in posto, presenta infatti molte difficoltà, dalla pressione all’altissimo contenuto di zolfo, fino alle condizioni meteo, con acque che si ghiacciano da ottobre a marzo.

Tutte caratteristiche che hanno fatto accumulare un grande ritardo, aggravato poi dalla falsa partenza dell’11 settembre 2013: dopo poche settimane dall’avvio l’impianto si fermò a causa di anomalie nel sistema di trasporto che hanno determinato la sostituzione delle pipeline.

Per tutti questi motivi (ma anche per un lungo contenzioso con il governo kazako sulla gestione del progetto), come ha rivelato l’ex ad Paolo Scaroni il giorno in cui lasciò l’Eni, si è trattato per lungo tempo della preoccupazione principale per il management: “Quando sono arrivato nel 2005 – raccontò Scaroni in assemblea – l’ad uscente Vittorio Mincato mi diede un pezzo di carta con su scritto: problema n.1, Kashagan. Se dovessi fare la stessa cosa con Claudio Descalzi scriverei anche io Kashagan”.

Adesso, comunque, i problemi sembrano risolti, la produzione è finalmente partita (con la partenza del primo lotto di greggio dall’impianto di trattamento a terra e destinato all’esportazione) e, come ha annunciato l’Eni, aumenterà gradualmente fino a un primo livello di 180.000 barili al giorno, con un target di 370.000 barili al giorno che sarà raggiunto entro la fine del prossimo anno.

(di Francesca Paggio/ANSA)

Ultima ora

17:07Ciclismo: Valverde vince ultima tappa e giro Catalogna

(ANSA) - BARCELLONA, 26 MAR - Lo spagnolo Alejandro Valverde ha vinto per la seconda volta in carriera il giro della Catalogna, quest'anno giunto alla 97/a edizione. Il portacolori della Movistar si è imposto anche nell'ultima tappa, di 139 chilometri, precedendo allo sprint il colombiano Jarlinson Pantano e il francese Arthur Vichot. Nella classifica generale finale, Valverde ha preceduto altri due spagnoli: Alberto Contador secondo a 1'03'' e Marc Soler terzo a 1'16''.

17:02Bus in fiamme a Roma, nessun ferito

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Incendio all'alba su un bus della linea 506 che percorreva via Tuscolana, a Roma, verso Vermicino. Le fiamme si sono propagate nella parte posteriore del bus, nessun ferito e nessun intossicato. Il bus andato a fuoco oggi è il sesto in 5 mesi. L'ultimo solo cinque giorni fa a Ciampino quando alle 8.30 del mattino, un autobus è stato completamente distrutto dalle fiamme. L'autista, in quell'occasione, ha fatto scendere i passeggeri in tempo ma il rogo ha danneggiato anche un semaforo e alcune centraline vicine.

16:59Russia: Navalni incriminato, ‘violata legge proteste’

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - Alexei Navalni è stato incriminato per aver violato l'articolo 20.2 del codice amministrativo russo che regola le procedure per organizzare manifestazioni e cortei. Lo ha detto un portavoce della polizia di Mosca alla Tass. In base alla suddetta violazione, precisa la Tass, Navalni rischia "una multa, lavori obbligatori o l'arresto", ma sempre per violazione amministrativa.

16:55Messico: detenuti scavano tunnel, maxi evasione da carcere

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un gruppo di detenuti è riuscito a evadere da un carcere in Messico scavando un tunnel sotto le mura di cinta del carcere. Sedici evasi su 29 sono ancora alla macchia. Dopo la scoperta del tunnel, nella prigione è scattata una rivolta. Tre detenuti sono stati pugnalati a morte. Lo riferisce Cnn.

16:50Attacco Londra:Johnson contro Google,’disgustosi siti jihad’

(ANSA) - LONDRA, 26 MAR - I ministri britannici se la prendono con Google e i giganti di internet dopo l'attacco di Londra. A guidare l''offensiva' è il capo del Foreign Office, Boris Johnson, che in una intervista sul Sunday Times si dice "furioso" e definisce "disgustoso" il fatto che non venga fatto nulla per rimuovere i siti jihadisti. "Devono smetterla di fare soldi sfruttando materiale che incita alla violenza", ha affermato riferendosi ai colossi del web. Sotto accusa sono finiti in particolare la propaganda diffusa dai gruppi terroristici e la serie di manuali per organizzare 'in casa' degli attentati. Alla sua condanna si è unito il ministro degli Interni, Amber Rudd, che in modo più pacato ha detto che il problema deve essere affrontato al più presto e che questa settimana incontrerà i vertici dei gruppi per cercare di trovare una soluzione.

16:47Attacco Londra: media, ‘Masood aveva combattuto in Bosnia’

(ANSA) - BELGRADO, 26 MAR - Khalid Masood, l'autore dell'attacco terroristico di mercoledì scorso a Londra, aveva combattuto nella guerra di Bosnia (1992-1995) tra le file della formazione 'El mudjahid'. A riferirlo è il quotidiano belgradese Blic, che afferma di essere in possesso di una lista di 1.774 combattenti di 'El mudjahid', nella quale figura anche il nome di Masood. Secondo il giornale Khalid Masood, ucciso nell'attacco sul ponte di Westminster, sarebbe arrivato in Bosnia il primo maggio 1993 ripartendo il 25 dicembre 1995.

16:45Tiro a volo:fuoriclasse Usa Rhode vince skeet donne Acapulco

(ANSA) - ACAPULCO (MESSICO), 26 MAR - L'americana Kimberly Rhode, fuoriclasse del tiro a volo, non finisce di stupire a 21 anni dall'oro olimpico vinto, quando era appena sedicenne, ai Giochi del Centenario del 1996. Ora ha aggiunto al suo sconfinato palmares anche l'oro della gara di Skeet femminile della seconda 'tappa' della Coppa del Mondo, in corso ad Acapulco. La statunitense è sul podio olimpico dal 1996 con l'oro ad Atlanta, il bronzo a Sydney 2000 e l'oro ad Atene 2004 nel Double Trap e poi con l'argento di Pechino 2008, l'oro di Londra 2012 e il bronzo di Rio 2016 nello Skeet. Oggi è entrata in finale con il punteggio di 70/75 e si è poi guadagnata la vetta del podio con 54/60 davanti alla connazionale Catlin Connor, argento con 53 e alla cinese Yi Cao, bronzo con 41.. Buona la prestazione dell'azzurra Chiara Costa. La romana è entra in finale con 69/75 e +5 nello spareggio che l'ha vista impegnata con altre tre tiratrici per conquistare due posti nella serie decisiva. Alla fine si è piazzata al quinto posto.

Archivio Ultima ora