Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da ansa

Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio   (AP Photo/North Caspian Operating Company)

Eni: petrolio dal Kashagan, spedito il primo lotto di greggio
(AP Photo/North Caspian Operating Company)

ROMA. – E’ stato per lungo tempo quello che l’ex ad Vittorio Mincato definì “il problema numero 1”, ma adesso sembra finalmente risolto. L’Eni ha annunciato la spedizione del primo lotto di greggio prodotto nel mega-giacimento di Kashagan in Kazakhstan, dopo circa 16 anni di lavori e un investimento colossale, che per l’intero consorzio ha ampiamente superato i 50 miliardi di dollari.

A dare il primo annuncio che la situazione è stata finalmente sbloccata è stato in realtà il ministero dell’Energia del Paese asiatico: lo sfruttamento del mega-giacimento, che si trova offshore nelle difficili acque del mar Caspio settentrionale, è infatti in mano a un consorzio, in cui il gruppo petrolifero italiano è presente con una quota del 16,81%, mentre gli altri partner sono la locale KazMunayGas (16,88%), ExxonMobil (16,81%), Shell (16,81%), Total (16,81%), la Cnpc (8,33%) e Inpex (7,56%).

E’ chiaro però che per l’Eni questa notizia ha un significato particolare, dal momento che fu proprio il Cane a sei zampe, nel lontano 2001, a conquistare il ruolo di capofila del consorzio dopo la scoperta avvenuta l’anno prima: in seguito, però, vista anche l’entità dei costi necessari per sostenere un progetto di quella complessità, la compagine si è allargata e il ruolo di operatore è passato in capo al consorzio stesso, ma a ogni società è stata assegnata la responsabilità di una parte dei lavori.

All’Eni è toccata proprio quella relativa alla cosiddetta ‘fase del primo olio’, in pratica quella in cui ci troviamo adesso. Molti sono stati i problemi di natura tecnica che hanno complicato il percorso di Kashagan: il giacimento, un’area grande come l’area metropolitana di Londra con riserve stimate di circa 35 miliardi di barili di olio in posto, presenta infatti molte difficoltà, dalla pressione all’altissimo contenuto di zolfo, fino alle condizioni meteo, con acque che si ghiacciano da ottobre a marzo.

Tutte caratteristiche che hanno fatto accumulare un grande ritardo, aggravato poi dalla falsa partenza dell’11 settembre 2013: dopo poche settimane dall’avvio l’impianto si fermò a causa di anomalie nel sistema di trasporto che hanno determinato la sostituzione delle pipeline.

Per tutti questi motivi (ma anche per un lungo contenzioso con il governo kazako sulla gestione del progetto), come ha rivelato l’ex ad Paolo Scaroni il giorno in cui lasciò l’Eni, si è trattato per lungo tempo della preoccupazione principale per il management: “Quando sono arrivato nel 2005 – raccontò Scaroni in assemblea – l’ad uscente Vittorio Mincato mi diede un pezzo di carta con su scritto: problema n.1, Kashagan. Se dovessi fare la stessa cosa con Claudio Descalzi scriverei anche io Kashagan”.

Adesso, comunque, i problemi sembrano risolti, la produzione è finalmente partita (con la partenza del primo lotto di greggio dall’impianto di trattamento a terra e destinato all’esportazione) e, come ha annunciato l’Eni, aumenterà gradualmente fino a un primo livello di 180.000 barili al giorno, con un target di 370.000 barili al giorno che sarà raggiunto entro la fine del prossimo anno.

(di Francesca Paggio/ANSA)

Ultima ora

16:18Montenegro: 15 aprile nuove elezioni presidenziali

(ANSAmed) - BELGRADO, 19 GEN - In Montenegro si terranno il 15 aprile prossimo le nuove elezioni presidenziali. Lo ha annunciato oggi il presidente del parlamento Ivan Brajovic, come riferito dai media locali. Nel caso nessuno dei candidati dovesse ottenere la maggioranza del 50% più uno dei voti, i due candidati più votati si affronteranno nel ballottaggio 14 giorni dopo. In Montenegro il presidente si elegge a suffragio universale per un mandato di cinque anni.

16:15Roma: il 21/1 torna domenica ecologica, blocco circolazione

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Dopodomani torna la domenica ecologica a Roma, il provvedimento di blocco totale della circolazione programmato per contribuire al miglioramento della qualità dell'aria. Il divieto totale della circolazione nella Ztl 'Fascia Verde' riguarda le fasce orarie 7.30-12.30 e 16.30-20.30. Sono esentati da ordinanza una serie di veicoli: da quelli elettrici a quelli Gpl fino a quelli che svolgono servizio di polizia. "Le 'domeniche ecologiche', oltre a contribuire alla riduzione delle emissioni inquinanti, determinando un beneficio ambientale, concorrono -si legge sul sito del Comune- anche alla sensibilizzazione della cittadinanza verso i temi della sostenibilità ambientale, e quindi alla diffusione di modelli culturali alternativi, tesi al miglioramento degli stili di vita". Le altre 'domeniche ecologiche' saranno l'11 febbraio e 25 febbraio.

16:13Post Expo: accordo con parti sociali per rilancio sito

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Sindacati, Arexpo e le associazioni datoriali hanno raggiunto un accordo per la regolamentazione, la regia ed il monitoraggio dei flussi di manodopera relativi alle opere di riqualificazione del sito di Expo 2015. Lo annunciano Cgil, Cisl e Uil di Milano insieme alle rispettive categorie (Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil), che hanno sottoscritto l'accordo con Ance, Assolombarda e la stessa Arexpo. L'intesa prevede che le parti sociali affianchino Arexpo nella valorizzazione e riqualificazione del sito (che diventerà un polo della ricerca) e partecipino alla cabina di regia e al tavolo di monitoraggio dei flussi della manodopera. In particolare le imprese assegnatarie per le opere informeranno la Cassa edile su eventuali subappalti, impegnandosi ad applicare il contratto nazionale di lavoro per tutti i lavoratori coinvolti nell'area. Arexpo, inoltre, inserirà nei bandi di gara clausole sociali per la stabilità occupazionale.(ANSA).

16:11Rep. ceca: parlamento, via l’immunità a Babis

(ANSA) - PRAGA, 19 GEN - Il Parlamento ceco ha deciso di togliere l'immunità al premier in pectore Andrej Babis e al suo vice Jaroslav Faltynek (entrambi del movimento Ano). Entrambi quindi saranno sottoposti a procedimento penale per aver utilizzato fondi europei per costruire il resort di lusso 'Il Nido della Cicogna'. A favore hanno votato 111 deputati contro 69 dei 180 deputati presenti.

16:09Cina: Comitato centrale propone teorie Xi in Costituzione

(ANSA) - PECHINO, 19 GEN - Il Comitato centrale del Partito comunista cinese ha proposto di iscrivere nella Costituzione le teorie del segretario generale Xi Jinping, in una mossa destinata a rafforzare la sua posizione. In una nota diffusa al termine della sua seconda sessione plenaria di due giorni tenuta a Pechino, il Comitato ha discusso per la prima volta dal 2004 gli emendamenti da apportare alla Carta incorporando "il pensiero sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era", summa delle teorie di Xi, così come definito nel 19/mo congresso del Pcc dello scorso ottobre che ha cnfermato Xi per un altro mandato quinquennale. "Una proposta del Comitato centrale sulla revisione della Costituzione è stata adottata nella riunione", ha reso noto l'agenzia Nuova Cina.

16:08Calcio: Zenga, soddisfatto da campagna acquisti Crotone

(ANSA) - CROTONE, 19 GEN - A metà tra mercato e campionato,Walter Zenga prepara la delicata gara contro il Verona di domenica. "Dovevamo alzare la qualità della squadra - dice a proposito della campagna acquisti - perché senza qualità non si va da alcuna parte e posso dirmi soddisfatto di quello che la società ha fatto". Il tecnico del Crotone non si sbilancia sull'utilizzo dei nuovi acquisti già da domenica. "Valuteremo - spiega il tecnico - se schierare nuovi acquisti già da Verona. Sono arrivati dei nuovi calciatori perché avevamo necessità di poter cambiare le cose in partita. Non ho meriti nell'anticipo delle operazioni di mercato rispetto al passato, è stato un lavoro fatto bene ed in sinergia. Sono state esaudite le mie richieste perché volevo avere un gruppo a disposizione già subito Noi prepariamo la gara su noi stessi per esprimere quello che abbiamo in mente di fare Io sono sempre ottimista per i riscontri avuti, che sono stati di un certo livello. Come sono convinto che si esce da situazioni difficili con la qualità".

16:08Sci: Svindal vince superG cdm a Kitzbuehel, Fill settimo

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 19 GEN - Il norvegese Aksel Svindal, con il tempo di 1'30''72, ha vinto il superG di coppa del mondo di Kitzbuehel, terzo successo in questa disciplina nella localita' austriaca. Per lui, a 35 anni, e' il 35/o successo in carriera oltre a cinque titoli mondiali, un oro olimpico e due coppe del mondo. Sul secondo gradino del podio è salito il suo connazionale Kjetil Jansrud (1'31''22) e sul terzo l'austriaco Matthias Mayer (1'31''28). Per l'Italia il migliore e' stato Peter Fill, settimo (1'31''64). Piu' indietro Christof Innerhofer, Dominik Paris, Mattia Casse e Matteo Marsaglia. Si e' gareggiato con un paio d'ore di ritardo per nuvole a bassa quota e una nevicata che ha ammorbidito e rallentato il fondo sui tratti pianeggianti: condizioni non favorevoli per gli azzurri. Inoltre come pista di gara e' stata usata la parte alta della Streif con arrivo sopra il salto della Hausbergkante. Gli spettatori erano in basso, nel grande stadio al traguardo della Streif, dove sono stati sistemati grandi schermi tv.

Archivio Ultima ora