Empresas productoras de alimentos estarán obligadas a vender 50% de sus productos al Gobierno

Pubblicato il 14 ottobre 2016 da redazione

Empresas productoras de alimentos estarán obligadas a vender 50% de sus productos al Gobierno

Empresas productoras de alimentos estarán obligadas a vender 50% de sus productos al Gobierno

CARACAS. – Con el objetivo de restablecer la economía venezolana, quedó decretado en el artículo 12 de la Resolución 010/16, que los productores de los sectores agroalimentarios, de higiene personal, aseo del hogar, entre otros, estarán en la obligación de impartir el 50% de su producción a los Comités Locales de Abastecimiento y Distribución (CLAP).

Para “establecer las normas para regular los mecanismos, términos y condiciones de venta a empresas u otros entes públicos, de un determinado porcentaje del total de producción de una empresa pública o privada, o de un sector productivo, a los fines de estabilizar el abastecimiento oportuno a los”, reza la resolución en artículo 1.

Asimismo, el edicto estipula que los fabricantes que se nieguen a acatar el mandato serán sancionados con las penas que asigna la Ley Orgánica de Seguridad y Soberanía Alimentaria.

“Las empresas públicas y privadas dedicadas a la producción de insumos o bienes de los sectores agroalimentario, de higiene personal y aseo del hogar, están obligadas a vender hasta 50% de su producción a los entes públicos que indique el responsable del Vértice Construcción y Consolidación de un Nuevo Sistema de Distribución y Comercialización de la Gran Misión de Abastecimiento Soberano”, indica el artículo 2 de la nueva ley.

El presidente Nicolás Maduro expresó que esta medida se suma a los esfuerzos que realiza su gobierno para controlar la escasez alimentaria. Aseguró además, que esto servirá para abastecer a la nación y terminar con la “especulación” de algunos sectores.

(Dairys Berrio)

Ultima ora

09:14Barcellona: si teme per un italiano di Legnano

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Si teme per la vita di un italiano dopo l'attentato che ha colpito Barcellona: si tratta di Bruno Gulotta, residente a Legnano, in Lombardia, che era in vacanza nella città catalana con la moglie e i figli. Gulotta, 35 anni, al momento dell'attacco si trovava sulla Rambla e sarebbe rimasto ucciso dal furgone killer che è piombato sulla folla provocando almeno 13 morti. Al momento tuttavia non ci sono conferme ufficiali della notizia.

08:53Barcellona: ambasciatore a Madrid,3 italiani feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - 'All'ambasciata italiana in Spagna risulta finora che tre connazionali sono rimasti feriti nell'attentato a Barcellona'. Lo ha detto a '6 su Radio 1' l'ambasciatore a Madrid Stefano Sannino.

08:15Barcellona: la Rambla riaperta al pubblico

BARCELLONA - La Rambla di Barcellona, colpita a morte da un attentato terroristico ieri, e' stata riaperta al pubblico dopo essere stata completamente ripulita durante la notte. Lo ha constatato un giornalista dell'ANSA. La passeggiata che dal centro conduce al porto della città' rimane pero' chiusa al traffico delle auto. Centinaia di turisti stanno lasciando gli alberghi o gli appartamenti affittati nel centro della citta'.

08:10Barcellona: governo Catalogna, attacco Cambrils legato

BARCELLONA - L'attacco della scorsa notte nella localita' turistica di Cambrils e' legato a quello di ieri pomeriggio sulla Rambla a Barcellona. Lo ha detto il ministro regionale degli Interni della Catalogna Joaquim Forn alla radio RA C1 nelle prime ore del mattino precisando che l'attacco ''segue la stessa traccia. C'e' un collegamento''. La polizia non ha dato dettagli dell'attacco a Cambrils ma i media locali affermano che un'automobile ha investito un mezzo della polizia e la gente che si trovava nelle vicinanze.

06:37Barcellona: a Cambrils terroristi con auto su persone

BARCELLONA - I cinque sospetti terroristi uccisi dalla polizia locale spagnola nel blitz notturno a Cambrils avevano investito alcune persone con un'automobile. Lo riferisce la polizia stessa confermando anche che i cinque indossavano cinture esplosive.

05:47Venezuela: Ortega Diaz sarebbe fuggita all’estero

CARACAS - L'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz avrebbe lasciato il Venezuela per sfuggire alla persecuzione del governo chavista, che ha ordinato l'arresto di suo marito e l'ha accusata di essere responsabile della violenza durante le manifestazioni che si susseguono nel paese dallo scorso aprile e di aver cospirato per favorire un'invasione straniera. Lo hanno indicato fonti locali citate dal portale news argentino Infobae, aggiungendo che Ortega Diaz -a cui la giustizia ha sequestrato il passaporto- avrebbe raggiunto clandestinamente la Colombia o il Brasile. La notizia non e' ancora stata confermata da fonti indipendenti. Oggi il suo successore a capo della Procura, Tarek William Saab, ha accusato Ortega Diaz di essere "la responsabile intellettuale di ognuna delle vittime registrate dallo scorso primo aprile", quando la Procuratrice ha denunciato una rottura dell'ordine costituzionale a Caracas.

05:31Barcellona: a Cambrils kamikaze con cinture esplosive

BARCELLONA - Indossavano probabilmente cinture esplosive da kamikaze i sospetti terroristi, quattro dei quali uccisi e uno ferito in un'operazione della polizia locale spagnola a Cambrils, localita' turistica a 100 chilometri da Barcellona, sulla costa sud-occidentale. Lo riferisce la tv pubblica spagnola RTVE. La televisione dice che i cinque stavano tentando di portare a termine un attacco simile a quello di Barcellona. Sette persone sono rimaste ferite, due in modo grave.

Archivio Ultima ora