Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da redazione

Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Mauro Bafile

Con le spalle al muro. Stando ad esperti in materia, l’ultima decisione della Corte cancellerebbe ogni dubbio, qualora ve ne fossero ancora. Il Parlamento, democraticamente eletto dai venezuelani nel dicembre scorso, sembrerebbe ormai definitivamente svuotato di ogni potere. Nell’autorizzare il presidente della Repubblica a non sottoporre al dibattito, analisi critica e posteriore approvazione del Parlamento, il bilancio preventivo dello Stato per il 2017, il “Tribunal Supremo de Justicia” starebbe negando all’Assemblea Nazionale una prerogativa stabilita dalla Costituzione del 1999.

E’ la prima volta che ciò accade da quando la sommossa popolare del 1958 obbligò alla fuga il Generale Marcos Pérez Jiménez, l’ultima dittatura militare. Nell’era democratica tutti i governi hanno presentato il loro bilancio preventivo al Parlamento, nel rispetto delle regole imposte dalla Costituzione del 1961, prima, e in quella del 1999, poi, e nello spirito democratico che impone la separazione dei poteri.

C’è già chi paragona quanto avviene in Venezuela con quanto accaduto nel Perù di Fujimori – leggasi, dissoluzione del Parlamento il 5 aprile del 1992 – o nel Nicaragua attuale di Daniel Ortega – leggasi, destituzione dei 28 parlamentari dell’Opposizione nel luglio scorso -. In altre parole, quindi, si starebbe alla presenza di un governo autoritario ma non di una dittatura dalle caratteristiche tradizionali. Insomma, di un governo che rispetta la forma ma non il fondo; che tollera l’opposizione, ma ha prigionieri politici; che non proibisce le proteste ma le reprime con uso eccessivo della forza.

Il “populismo autoritario” che ha caratterizzato l’America Latina nell’ultimo ventennio è un fenomeno che oggi è presente con sempre maggior forza anche in altri continenti. La candidatura di Donald Trump, che con il suo discorso xenofobo e reazionario ha distrutto le ambizioni di politici dell’”establishment”; la crescita di organizzazioni che, come in Italia il M5s o in Francia il Fronte Nazionale di Le Penn, hanno dato voce al popolo dei “disillusi”, rappresentano una miscela esplosiva.

Stando a YouGov, prestigioso istituto di sondaggio britannico, il populismo autoritario sta conquistando l’Europa: il 47 per cento in Italia, il 48 per cento in Gran Bretagna, il 50 per cento in Danimarca e in Finlandia, il 55 per cento in Olanda fino al 63 per cento in Francia e al 78 per cento in Polonia. E’ uno tsunami già anticipato dalle tendenze elettorali degli ultimi anni che oggi preoccupa la politica.

In America latina, il “populismo autoritario”, nell’ultimo ventennio, ha avuto facile presa in Argentina, Bolivia, Ecuador, Nicaragua, Venezuela e, in parte, anche in Uruguay. E’ stata una corrente alimentata e sostenuta economicamente dal “chavismo”. In particolare, durante il governo dell’estinto presidente Chávez che attribuiva alla politica estera una grande importanza e curava con particolare interesse la propria immagine di leader a livello internazionale. Oggi, però, è in franca decadenza e i governi di Evo Morales, Rafael Correa, Daniel Ortega e del presidente Nicolás Maduro vivono momenti difficili.

Resta comunque il fatto che il Parlamento non demorde. Dominato da una maggioranza che osteggia il governo del presidente Maduro, continua imperterrito lungo la sua strada. Il confronto tra governo e Opposizione assume ogni giorno toni più aspri e sarà assai difficile per il Vaticano promuovere il dialogo.

E’ vero che gli attori politici si dicono disposti a sedere ad un tavolo ma lo è anche che nessuno pare orientato, almeno per ora, a fare concessioni. E senza queste sarà difficile raggiungereun accordo che permetta di ristabilire gli equilibri democratici.

Stando sempre agli esperti in materia, ogni progresso nell’ambito democratico è legato alla consulta popolare. Cioè al Referendum che, come sostenuto da Eugenio Scalfari nella sua polemica con il filosofo Gustavo Zagrebelsky, rappresenta la principale espressione della democrazia.

Mentre prosegue la diatriba politica, sul fronte dell’economia, il governo, obbligato dalle circostanze, allenta il controllo sui prezzi e sui prodotti. Così, mentre scarseggiano sempre più quelli di prima necessità a prezzi “politici”, è frequente osservare la presenza di generi alimentari e altri beni importati dal Brasile, dalla Colombia, dal Perù, dal Cile, dall’Argentina e dalle isole vicine.

Sono prodotti i cui prezzi superano 10, 20 volte quelli dei beni che il governo distribuisce attraverso i mercati popolari e ora i Clap, quindi non accessibili alla stragrande maggioranza dei venezuelani. Anche così, hanno un loro peso specifico sulla spirale inflazionaria alla quale il governo del presidente Maduro non riesce a porre riparo.

Ultima ora

05:05Terremoti: scossa magnitudo 3.8 in provincia di Potenza

(ANSA) - POTENZA, 6 DIC - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.8 è stata registrata alle 3:13 in provincia di Potenza e chiaramente avvertita dalla popolazione. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 11 km di profondità ed epicentro tra Abriola e Pignola. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose.(ANSA).

22:44Tav: approvata mozione M5s, Torino esce da Osservatorio

(ANSA) - TORINO, 5 DIC - Il Consiglio comunale di Torino ha approvato con 26 voti favorevoli e 6 contrari la mozione che fa uscire Torino dall'Osservatorio tecnico sulla Torino-Lione. Il voto è stato accolto dall'applauso della maggioranza pentastellata, mentre davanti a Palazzo civico un presidio di No Tav, alcuni dei quali provenienti dalla Francia, gridava"sarà dura", lo slogan del movimento che si oppone all'Alta Velocità. Bagarre in aula, durante la discussione, quando la consigliera pentastellata Carlotta Tevere ha espresso solidarietà ai 38 No Tav condannati di recente nel maxi processo per gli scontri dell'estate 2011. "Vergogna, vergogna", è stata la replica dell'opposizione, che ha costretto il presidente Fabio Versaci a sospendere la seduta e a richiamare i consiglieri al rispetto delle regole. "So bene che un sindaco non può bloccare la Torino-Lione, ma questo è un atto che ha grande valenza politica, di cui sono molto orgogliosa", ha sottolineato la sindaca Chiara Appendino.(ANSA).

22:38Calcio: Napoli, Sarri, non sappiamo giocare per il pareggio

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Giocare per il pareggio non fa per noi, potrebbe rovinarci la prestazione. Non siamo abituati a gestire il pari". Lo ha detto il tecnico del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Benfica. "Non penseremo - ha detto Sarri - a quello che accade nell'altra gara del girone". Sarri ha spiegato che "la gara può cambiare violentemente nella fase finale. Nei primi 60'-70' si giocherà con equilibrio, tecnica, poi nel finale per forza di cose una delle due dovrà prendersi rischi enormi e portarla su aspetti meno tattici".

22:30Calcio: Chievo-Genoa 0-0

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Chievo-Genoa 0-0 in uno dei posticipi della 15/a giornata del campionato di serie A.

22:29Calcio:Sarri ‘stadio caldissimo, ma meritiamo passare’

(ANSA) NAPOLI, 5 DIC - "Domani ci giochiamo una finale, sarà una partita difficile, molto diversa da quella dell'andata". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida decisiva di Champions League a Lisbona contro il Benfica. Sarri invita a dimenticare il 4-2 del San Paolo e ricorda le inside del Da Luz: "Giocheremo in uno stadio caldissimo, ma noi vogliamo qualificarci, meritiamo di passare".

22:21Calcio:Inter, Zanetti, Champions? Abbiamo l’obbligo provarci

(ANSA) - MILANO, 05 DIC - "Abbiamo l'obbligo di provare a raggiungere la Champions League poi alla fine di questo campionato faremo le valutazioni. Non ci nascondiamo, i problemi sono tanti ma dobbiamo avere la forza di risolverli". Il vicepresidente dell'Inter Javier Zanetti, a margine della festa per i 15 anni della Fondazione Pupi, ammette il periodo difficile dei nerazzurri ma non per questo cambia gli obiettivi stagionali. E sulla possibilita' di vedere Simeone sulla panchina dell'Inter non si sbilancia: "Quello che accadrà in futuro chi lo sa, noi ci concentriamo sul presente, su Pioli, sul rimediare e tentare di arrivare il più in alto possibile. Il futuro nessuno lo sa". C'e' fiducia in Stefano Pioli che ha avuto "in grande impatto". La sconfitta per 3-0 contro il Napoli un ko "difficile da smaltire perche' per la prima volta abbiamo sbagliato l'approccio", secondo Zanetti, deve essere cancellato in fretta: "Devono contare i fatti. E' arrivato il momento di renderci consapevoli''.

22:17Calcio: Di Francesco,Fiorentina-Sassuolo no sfida tra deluse

(ANSA) - MONTECATINI TERME (PISTOIA), 05 DIC - "Sfida tra deluse? Non direi, io almeno non lo sono. I bilanci definitivi li faremo più avanti". Così, parlando della prossima gara di campionato tra Fiorentina e Sassuolo, il tecnico degli emiliani Eusebio Di Francesco, parlando stasera a Montecatini Terme (Pistoia) per il premio Maestrelli che gli è stato attribuito quale miglior allenatore dello scorso campionato. Di Francesco ha parlato anche di Domenico Berardi, fermo da tempo per infortunio: "Tornerà a gennaio e sarà il nostro acquisto: è un giocatore di livello internazionale ed è come se l'avessimo mandato in prestito per metà campionato". Poi, sul giocatore della Fiorentina Bernardeschi, ha detto che è un "ottimo giocatore, magari lo avessimo al Sassuolo". Quindi ha definito Lapadula del Milan come "un vero giocatore".

Archivio Ultima ora