Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da redazione

Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Mauro Bafile

Con le spalle al muro. Stando ad esperti in materia, l’ultima decisione della Corte cancellerebbe ogni dubbio, qualora ve ne fossero ancora. Il Parlamento, democraticamente eletto dai venezuelani nel dicembre scorso, sembrerebbe ormai definitivamente svuotato di ogni potere. Nell’autorizzare il presidente della Repubblica a non sottoporre al dibattito, analisi critica e posteriore approvazione del Parlamento, il bilancio preventivo dello Stato per il 2017, il “Tribunal Supremo de Justicia” starebbe negando all’Assemblea Nazionale una prerogativa stabilita dalla Costituzione del 1999.

E’ la prima volta che ciò accade da quando la sommossa popolare del 1958 obbligò alla fuga il Generale Marcos Pérez Jiménez, l’ultima dittatura militare. Nell’era democratica tutti i governi hanno presentato il loro bilancio preventivo al Parlamento, nel rispetto delle regole imposte dalla Costituzione del 1961, prima, e in quella del 1999, poi, e nello spirito democratico che impone la separazione dei poteri.

C’è già chi paragona quanto avviene in Venezuela con quanto accaduto nel Perù di Fujimori – leggasi, dissoluzione del Parlamento il 5 aprile del 1992 – o nel Nicaragua attuale di Daniel Ortega – leggasi, destituzione dei 28 parlamentari dell’Opposizione nel luglio scorso -. In altre parole, quindi, si starebbe alla presenza di un governo autoritario ma non di una dittatura dalle caratteristiche tradizionali. Insomma, di un governo che rispetta la forma ma non il fondo; che tollera l’opposizione, ma ha prigionieri politici; che non proibisce le proteste ma le reprime con uso eccessivo della forza.

Il “populismo autoritario” che ha caratterizzato l’America Latina nell’ultimo ventennio è un fenomeno che oggi è presente con sempre maggior forza anche in altri continenti. La candidatura di Donald Trump, che con il suo discorso xenofobo e reazionario ha distrutto le ambizioni di politici dell’”establishment”; la crescita di organizzazioni che, come in Italia il M5s o in Francia il Fronte Nazionale di Le Penn, hanno dato voce al popolo dei “disillusi”, rappresentano una miscela esplosiva.

Stando a YouGov, prestigioso istituto di sondaggio britannico, il populismo autoritario sta conquistando l’Europa: il 47 per cento in Italia, il 48 per cento in Gran Bretagna, il 50 per cento in Danimarca e in Finlandia, il 55 per cento in Olanda fino al 63 per cento in Francia e al 78 per cento in Polonia. E’ uno tsunami già anticipato dalle tendenze elettorali degli ultimi anni che oggi preoccupa la politica.

In America latina, il “populismo autoritario”, nell’ultimo ventennio, ha avuto facile presa in Argentina, Bolivia, Ecuador, Nicaragua, Venezuela e, in parte, anche in Uruguay. E’ stata una corrente alimentata e sostenuta economicamente dal “chavismo”. In particolare, durante il governo dell’estinto presidente Chávez che attribuiva alla politica estera una grande importanza e curava con particolare interesse la propria immagine di leader a livello internazionale. Oggi, però, è in franca decadenza e i governi di Evo Morales, Rafael Correa, Daniel Ortega e del presidente Nicolás Maduro vivono momenti difficili.

Resta comunque il fatto che il Parlamento non demorde. Dominato da una maggioranza che osteggia il governo del presidente Maduro, continua imperterrito lungo la sua strada. Il confronto tra governo e Opposizione assume ogni giorno toni più aspri e sarà assai difficile per il Vaticano promuovere il dialogo.

E’ vero che gli attori politici si dicono disposti a sedere ad un tavolo ma lo è anche che nessuno pare orientato, almeno per ora, a fare concessioni. E senza queste sarà difficile raggiungereun accordo che permetta di ristabilire gli equilibri democratici.

Stando sempre agli esperti in materia, ogni progresso nell’ambito democratico è legato alla consulta popolare. Cioè al Referendum che, come sostenuto da Eugenio Scalfari nella sua polemica con il filosofo Gustavo Zagrebelsky, rappresenta la principale espressione della democrazia.

Mentre prosegue la diatriba politica, sul fronte dell’economia, il governo, obbligato dalle circostanze, allenta il controllo sui prezzi e sui prodotti. Così, mentre scarseggiano sempre più quelli di prima necessità a prezzi “politici”, è frequente osservare la presenza di generi alimentari e altri beni importati dal Brasile, dalla Colombia, dal Perù, dal Cile, dall’Argentina e dalle isole vicine.

Sono prodotti i cui prezzi superano 10, 20 volte quelli dei beni che il governo distribuisce attraverso i mercati popolari e ora i Clap, quindi non accessibili alla stragrande maggioranza dei venezuelani. Anche così, hanno un loro peso specifico sulla spirale inflazionaria alla quale il governo del presidente Maduro non riesce a porre riparo.

Ultima ora

21:18Calcio: Spalletti a tifosi Inter,onorati per vostra passione

(ANSA) - MILANO, 17 NOV - Luciano Spalletti ricorda i numeri da record dei tifosi dell'Inter e li ringrazia per aver raggiunto i 50.115 biglietti venduti anche contro l'Atalanta, per un totale di 413.499 spettatori in poco meno di tre mesi. "La vostra clausola rescissoria non ha prezzo, onorati di essere la vostra passione", si legge nella foto pubblicata su Instagram dal tecnico nerazzurro. Poi Spalletti elenca i dati sugli spettatori in questo avvio di stagione: 51.752 contro la Fiorentina, 57.235 con la neopromossa Spal, 50.037 col Genoa poi il record del derby con 78.328 spettatori. Contro la Sampdoria riempirono gli spalti di San Siro 54.451 tifosi e prima della sosta, in 71-581 col Torino nell'ultima sfida prima della sosta del campionato.

21:06Biotestamento: Zanda invia a senatori Pd messaggio Papa

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il presidente dei senatori del Pd, Luigi Zanda, secondo quanto apprende l'Ansa, ha inviato ai senatori del proprio gruppo il messaggio inviato ieri da Papa Francesco al convegno al convegno sul 'fine vita' promosso dalla Pontificia Accademia. "Care amiche e cari amici - scrive Zanda ai senatori Dem - penso possa interessarvi il testo integrale del messaggio di Papa Francesco sulla questione del fine vita".

21:05Lavoro: Prodi, quello precario deve costare di più

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Il lavoro precario deve costare di più, altrimenti togliamo ai giovani la prospettiva, destrutturiamo il Paese. Il riformismo deve dare certezze, fare i cammini che si possono fare". Queste le parole di Romano Prodi sul tema del lavoro, nel corso del dibattito sulle migrazioni a Bologna col ministro della Giustizia Andrea Orlando e il segretario generale della Cei Nunzio Galantino.

20:55Ragazza suicida a Maddalena: folla commossa al funerale

(ANSA) - PORTO TORRES, 17 NOV - "Perché Michela non ha gridato? Perché ha solo sussurrato le sue paure? O forse ha gridato, ha bussato alle nostre porte, ma il suo grido non ha trovato ascolto?". Don Mario Tanca, parroco della basilica di San Gavino, scaglia le sue accuse in un silenzio surreale. Porto Torres è senza parole. La morte di Michela, la barista di 22 anni che la notte fra il 4 e il 5 novembre si è tolta la vita a La Maddalena - nell'abitazione di un'amica dalla quale aveva cercato pace pochi giorni dopo aver denunciato una rapina subita mentre rientrava a casa da lavoro - è un dolore profondo. Quello celebrato questo pomeriggio non è stato un funerale qualsiasi. Lo conferma il grande dispiegamento di investigatori in borghese inviati dalle Procure di Sassari e di Tempio Pausania, impegnate su due fronti: da una parte si cerca di far luce sull'aggressione culminata con il racconto della rapina subita da Michela, dall'altra si prova a capire chi possa averla istigata al suicidio. In mezzo, emergono le paure sempre più ingombranti della ragazza, che secondo una ipotesi assai consistente si sentiva pressata da qualcuno che la ricattava per via di un video privato, minacciando di diffondere quelle immagini di cui si vergognava. Sarebbe questo il minimo comune denominatore dei due episodi avvenuti a distanza ravvicinata. Gli investigatori oggi andavano e venivano tra la piazza e l'interno della chiesa, riprendendo ogni movimento, ogni persona. I sospettati forse si nascondevano tra la folla che ha salutato Michela per l'ultima volta. Una giovane, subito dopo la cerimonia funebre, è andata al microfono e ha citato Franco Arminio per dire con le parole del poeta che ci vorrebbe "attenzione a chi cade" e "ai ragazzi che crescono", e per ribadire, dalla stessa poesia, che "oggi essere rivoluzionari significa togliere più che aggiungere, rallentare più che accelerare, significa dare valore al silenzio, alla luce, alla fragilità, alla dolcezza".(ANSA).

20:46Giovani uccisi in Sardegna: l’ultima volta di Stefano al bar

(ANSA) - NUORO, 17 NOV - Ancora testi dell'accusa nel processo in Corte d'Assise a Nuoro per gli omicidi di Gianluca Monni e Stefano Masala, di cui è accusato Alberto Cubeddu (il suo presunto complice, il cugino Paolo Enrico Pinna, è stata già stato condannato a 20 anni di carcere). Hanno parlato in aula la 20enne di cui si era invaghito Stefano Masala e il proprietario del Planet bar, Giampiero Lai, di 32 anni, uno degli ultimi ad aver visto il giovane prima della sua scomparsa il 7 maggio 2015. "Quella sera Stefano è venuto nel mio locale tra le 20 e le 20.30 - ha raccontato - Era vestito bene e gli ho chiesto: 'Ste dove stai andando?' Mi ha risposto che non me lo poteva dire e che me lo avrebbe detto l'indomani. Sono state le ultime parole che ho sentito da Stefano". Il Pm Andrea Vacca ha però incalzato Lai, perché la sua deposizione ha omesso un dettaglio importante riferito dal padre dello scomparso, Marco Masala. E cioè che Stefano aveva ricevuto una telefonata quando era al bar e di aver poi detto a Giampiero Lai che a chiamarlo era stato Paolo Enrico Pinna. Quest'ultimo, secondo l'accusa, avrebbe attirato in trappola Stefano con il pretesto di intercedere con la ragazza di cui si era innamorato, poi lo avrebbe ucciso per portargli via l'auto con la quale andare a Orune l'indomani insieme a Cubeddu per uccidere Monni e far ricadere su Stefano le colpe. Giampiero Lai non ha confermato in aula quanto detto a Marco Masala: il suo racconto è stato costellate da molti "non ricordo" e da qualche contraddizione. Chiara invece la ricostruzione della 20enne di cui Stefano si era invaghito. "La mia amicizia con lui era più che altro virtuale - ha chiarito - ero nel gruppo 'amici innamorati' che lui stesso aveva creato. Quando ci incrociavamo era talmente timido che a malapena mi salutava". Quanto a Paolo Pinna ha detto: "Non lo frequentavo ma la sera della scomparsa di Stefano verso le 22.30 mi ha mandato un messaggio con scritto 'Uè..', non ho riconoscevo il numero, poi parlando con amiche ho scoperto che era stato lui a chiedere il mio il mio contatto". Prossima udienza 30 novembre.(ANSA).

20:25Banche: Salvini, si faccia riforma, si sospenda bail-in

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Dal Dopoguerra in Italia le obbligazioni bancarie non hanno mai rappresentato un pericolo per i risparmiatori. Poi è arrivata l'Europa, il 'bail-in', Renzi con il suo decreto salvabanche ed è cominciato il massacro. Sette banche crollate, centinaia di migliaia di risparmiatori azzerati e, mentre il ministro dell'Economia Padoan ha il coraggio di dire che è tutto a posto, oggi hanno sospeso in borsa le azioni della Carige (e ci auguriamo che gli azionisti facciano di tutto per superare la crisi). Adesso basta!". Così il segretario della Lega Matteo Salvini. "Serve sospendere subito la direttiva del 'bail-in' - sostiene Salvini - Poi l'Europa ci restituisca i 63 miliardi che abbiamo messo nell'inutile "fondo salvastati" e con quelli si diano risarcimenti veri! Si faccia una riforma vera della Banca d'Italia che non ha vigilato quando e come doveva".

20:19G20: scontri Amburgo, Vettorel per ora resta in carcere

(ANSA) - BERLINO, 17 NOV - Resta in carcere per ora Fabio Vettorel, il ragazzo italiano arrestato ad Amburgo nell'ambito dei disordini del G20, lo scorso luglio. La situazione giudiziaria, da quanto apprende l'ANSA da fonti giudiziarie, si è complicata con un botta e risposta fra il Tribunale, che lo avrebbe rimesso temporaneamente in libertà, e la Procura che ha nuovamente impugnato la decisione. "Ho un solo commento da fare. Fabio era stato preparato, gli hanno detto che usciva". Così la madre di Vettorel ha commentato la decisione del Tribunale tedesco. Il giovane veneto, originario di Feltre (Belluno), rimarrà in carcere fino alla nuova pronuncia dell'Alta corte, di fronte alla seconda impugnazione della Procura. "Gli hanno fatto preparare le sue cose, lo hanno fatto uscire, lui era tutto contento... E poi lo hanno rimesso dentro", ha aggiunto la donna.

Archivio Ultima ora