Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da redazione

Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Mauro Bafile

Con le spalle al muro. Stando ad esperti in materia, l’ultima decisione della Corte cancellerebbe ogni dubbio, qualora ve ne fossero ancora. Il Parlamento, democraticamente eletto dai venezuelani nel dicembre scorso, sembrerebbe ormai definitivamente svuotato di ogni potere. Nell’autorizzare il presidente della Repubblica a non sottoporre al dibattito, analisi critica e posteriore approvazione del Parlamento, il bilancio preventivo dello Stato per il 2017, il “Tribunal Supremo de Justicia” starebbe negando all’Assemblea Nazionale una prerogativa stabilita dalla Costituzione del 1999.

E’ la prima volta che ciò accade da quando la sommossa popolare del 1958 obbligò alla fuga il Generale Marcos Pérez Jiménez, l’ultima dittatura militare. Nell’era democratica tutti i governi hanno presentato il loro bilancio preventivo al Parlamento, nel rispetto delle regole imposte dalla Costituzione del 1961, prima, e in quella del 1999, poi, e nello spirito democratico che impone la separazione dei poteri.

C’è già chi paragona quanto avviene in Venezuela con quanto accaduto nel Perù di Fujimori – leggasi, dissoluzione del Parlamento il 5 aprile del 1992 – o nel Nicaragua attuale di Daniel Ortega – leggasi, destituzione dei 28 parlamentari dell’Opposizione nel luglio scorso -. In altre parole, quindi, si starebbe alla presenza di un governo autoritario ma non di una dittatura dalle caratteristiche tradizionali. Insomma, di un governo che rispetta la forma ma non il fondo; che tollera l’opposizione, ma ha prigionieri politici; che non proibisce le proteste ma le reprime con uso eccessivo della forza.

Il “populismo autoritario” che ha caratterizzato l’America Latina nell’ultimo ventennio è un fenomeno che oggi è presente con sempre maggior forza anche in altri continenti. La candidatura di Donald Trump, che con il suo discorso xenofobo e reazionario ha distrutto le ambizioni di politici dell’”establishment”; la crescita di organizzazioni che, come in Italia il M5s o in Francia il Fronte Nazionale di Le Penn, hanno dato voce al popolo dei “disillusi”, rappresentano una miscela esplosiva.

Stando a YouGov, prestigioso istituto di sondaggio britannico, il populismo autoritario sta conquistando l’Europa: il 47 per cento in Italia, il 48 per cento in Gran Bretagna, il 50 per cento in Danimarca e in Finlandia, il 55 per cento in Olanda fino al 63 per cento in Francia e al 78 per cento in Polonia. E’ uno tsunami già anticipato dalle tendenze elettorali degli ultimi anni che oggi preoccupa la politica.

In America latina, il “populismo autoritario”, nell’ultimo ventennio, ha avuto facile presa in Argentina, Bolivia, Ecuador, Nicaragua, Venezuela e, in parte, anche in Uruguay. E’ stata una corrente alimentata e sostenuta economicamente dal “chavismo”. In particolare, durante il governo dell’estinto presidente Chávez che attribuiva alla politica estera una grande importanza e curava con particolare interesse la propria immagine di leader a livello internazionale. Oggi, però, è in franca decadenza e i governi di Evo Morales, Rafael Correa, Daniel Ortega e del presidente Nicolás Maduro vivono momenti difficili.

Resta comunque il fatto che il Parlamento non demorde. Dominato da una maggioranza che osteggia il governo del presidente Maduro, continua imperterrito lungo la sua strada. Il confronto tra governo e Opposizione assume ogni giorno toni più aspri e sarà assai difficile per il Vaticano promuovere il dialogo.

E’ vero che gli attori politici si dicono disposti a sedere ad un tavolo ma lo è anche che nessuno pare orientato, almeno per ora, a fare concessioni. E senza queste sarà difficile raggiungereun accordo che permetta di ristabilire gli equilibri democratici.

Stando sempre agli esperti in materia, ogni progresso nell’ambito democratico è legato alla consulta popolare. Cioè al Referendum che, come sostenuto da Eugenio Scalfari nella sua polemica con il filosofo Gustavo Zagrebelsky, rappresenta la principale espressione della democrazia.

Mentre prosegue la diatriba politica, sul fronte dell’economia, il governo, obbligato dalle circostanze, allenta il controllo sui prezzi e sui prodotti. Così, mentre scarseggiano sempre più quelli di prima necessità a prezzi “politici”, è frequente osservare la presenza di generi alimentari e altri beni importati dal Brasile, dalla Colombia, dal Perù, dal Cile, dall’Argentina e dalle isole vicine.

Sono prodotti i cui prezzi superano 10, 20 volte quelli dei beni che il governo distribuisce attraverso i mercati popolari e ora i Clap, quindi non accessibili alla stragrande maggioranza dei venezuelani. Anche così, hanno un loro peso specifico sulla spirale inflazionaria alla quale il governo del presidente Maduro non riesce a porre riparo.

Ultima ora

18:04Calcio: Zamparini, anche il Napoli voleva Dybala

(ANSA) - PALERMO, 16 GEN - "Anche il Napoli voleva Dybala. I partenopei mi offrirono Jorginho più un'importante contropartita economica, 30 milioni circa. Ci stavo pensando ma la Juve è stata più brava e rapida a chiudere".Così il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini, a Radio Kiss Kiss. "Per Dybala quella di Napoli sarebbe stata la piazza perfetta. Torino non lo è anche perché è difficile che alla Juventus un calciatore diventi un idolo".E sulla lotta scudetto, Zamparini ha detto: "Prego per il Napoli, è arrivato il momento che la Juventus finisca di vincere. Gli azzurri però non devono avere l'ansia di dover vincere sempre". Una battuta anche sulle vicende politiche del calcio italiano. "Chi andrà a capo della Federcalcio - ha spiegato - non potrà cambiare nulla. Il nostro Paese è così, chi occupa la sedia vuole farlo sino alla morte Siamo un Paese senza cultura del calcio, i miglioramenti si fanno solo negli interessi dei grandi club e non abbiamo neanche l'umiltà di imparare da quelli che sono più avanti di noi".

18:01Lazio: Meloni, candidato?Stiamo lavorando,soluzione ad horas

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Ve la regaleremo nelle prossime ore. Stiamo lavorando molto con grande pazienza per avere l'unità della coalizione che per noi è la questione più importante di tutte perché per vincere c'è bisogno di questa unità". Così la leader Fdi Giorgia Meloni a Rtl 102.5.

17:58M5S: primi rallentamenti per parlamentarie, in tanti a voto

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Primi rallentamenti, per la notevole affluenza, nelle votazioni alla parlamentarie M5S: secondo diversi iscritti al blog di Grillo sono diversi gli utenti che hanno riscontrato problemi nel dare le loro preferenze ai candidati. "Non riesco ad accedere alla piattaforma. Proverò più tardi", scrive Alberto da Treviso mentre Giuseppe, dal bergamasco, protesta: "Mi arrendo; non posso partecipare al cambiamento, mi dispiace". "Ore 13.29, finalmente ho finito di votare", annuncia Giancarlo mentre tanti altri iscritti comunicato al blog di aver effettuato la votazione. Qualcuno, invece, si lamenta per la selezione delle candidature. "In Puglia c'è una situazione assurda. Una esagerazione di candidati che ha ottemperato alle formalità e certamente con fedine e carichi pendenti negativi, non sono state accettati mentre chi non ha completato la documentazione o addirittura non l'ha avanzata, in questa tornata, si é trovato incluso", è l'accusa di Francesco che chiede un intervento celere dei vertici.

17:52Yemen: Ong, 8 milioni a rischio morte per fame

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Nello Yemen in preda alla guerra ben otto milioni di persone sono a rischio di morire di fame: è quanto denunciano in una nota Save the Children e altre 16 organizzazioni umanitarie operanti in territorio yemenita, che chiedono urgentemente la riapertura completa e incondizionata del porto di Hudaydah per consentire l'ingresso ininterrotto di cibo e carburante nel Paese.

17:51Case chiuse: Salvini, prostituirsi è una scelta

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Prostituirsi è una scelta". Lo ha detto Matteo Salvini a Radio anch'io Rai Radio1. Spiegando la sua contrarietà alle droghe leggere e il suo favore alla riapertura delle case chiuse, Salvini ha detto "far l'amore fa bene, drogarsi no". "Prostituirsi - ha affermato Salvini - è una scelta. C'è chi sceglie, invece di fare l' insegnante, il poliziotto, il muratore o il giornalista a Rai Radio 1, di prostituirsi, per soldi". "E' una scelta - ha insistito il leader della Lega - nel mondo sviluppato non si fa finta di niente. Oggi in Italia questo mercato lo gestisce la criminalità. E riguarda 80 mila persone. In Austria, Svizzera, Germania si mettono le regole, si danno garanzie è un lavoro come un altro che si fa per scelta ed è sanitariamente tutelato e tassato. Io al Governo voglio un paese con delle regole", ha concluso.

17:51Calcio: Florentino Perez, via libera a offerte per C.Ronaldo

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Florentino Perez, presidente del Real Madrid ha dato il via libera a Jorge Mendes, agente di Cristiano Ronaldo, di prendere in esame offerte per il suo assistito per la prossima estate. Lo scrive oggi il portoghese 'Record' dopo che nei giorni scorsi la stampa spagnola ha più volte riportato il disappunto del 5 volte Pallone d'Oro per il mancato adeguamento contrattuale da parte del club blanco. Il 33enne portoghese chiede 50 milioni netti l'anno e vista l'indisponibilità di Perez a venirgli incontro, vedrebbe di buon occhio un suo ritorno al Manchester United, CR7 è anche un vecchio 'pallino' del Psg che la scorsa estate era arrivato a offrire 200 milioni al Real e 120 l'anno al giocatore. Nonostante i ripetuti attestati d'amore verso il suo attuale club, scrivono in Portogallo e Spagna, le dichiarazioni pubbliche non solo non hanno trovato alcuna risposta da parte di Perez ma al portoghese non sono sfuggite le continue strizzatine d'occhio che il n.1 del club lancia nei confronti di Neymar.

17:46Elezioni: Di Maio, squadra governo M5S sarà patrimonio Paese

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Stanno arrivando tantissimi profili, non sto facendo scouting. La squadra di governo non sarà patrimonio del M5S ma del Paese". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio a CorriereLive. Di Maio ha poi continuato aggiungendo di non pretendere un incarico: "Penso che il M5S sarà la prima forza politica, eleggerà probabilmente il più grande gruppo di parlamentari e vogliamo che il Paese non piombi nel caos. Se non avessimo i numeri per governare da soli faremo un appello pubblico a tutti i gruppi, non ha senso dire chi, dobbiamo capire qual è la consistenza dei gruppi", conclude il candidato premier M5S.

Archivio Ultima ora