Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da redazione

Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Mauro Bafile

Con le spalle al muro. Stando ad esperti in materia, l’ultima decisione della Corte cancellerebbe ogni dubbio, qualora ve ne fossero ancora. Il Parlamento, democraticamente eletto dai venezuelani nel dicembre scorso, sembrerebbe ormai definitivamente svuotato di ogni potere. Nell’autorizzare il presidente della Repubblica a non sottoporre al dibattito, analisi critica e posteriore approvazione del Parlamento, il bilancio preventivo dello Stato per il 2017, il “Tribunal Supremo de Justicia” starebbe negando all’Assemblea Nazionale una prerogativa stabilita dalla Costituzione del 1999.

E’ la prima volta che ciò accade da quando la sommossa popolare del 1958 obbligò alla fuga il Generale Marcos Pérez Jiménez, l’ultima dittatura militare. Nell’era democratica tutti i governi hanno presentato il loro bilancio preventivo al Parlamento, nel rispetto delle regole imposte dalla Costituzione del 1961, prima, e in quella del 1999, poi, e nello spirito democratico che impone la separazione dei poteri.

C’è già chi paragona quanto avviene in Venezuela con quanto accaduto nel Perù di Fujimori – leggasi, dissoluzione del Parlamento il 5 aprile del 1992 – o nel Nicaragua attuale di Daniel Ortega – leggasi, destituzione dei 28 parlamentari dell’Opposizione nel luglio scorso -. In altre parole, quindi, si starebbe alla presenza di un governo autoritario ma non di una dittatura dalle caratteristiche tradizionali. Insomma, di un governo che rispetta la forma ma non il fondo; che tollera l’opposizione, ma ha prigionieri politici; che non proibisce le proteste ma le reprime con uso eccessivo della forza.

Il “populismo autoritario” che ha caratterizzato l’America Latina nell’ultimo ventennio è un fenomeno che oggi è presente con sempre maggior forza anche in altri continenti. La candidatura di Donald Trump, che con il suo discorso xenofobo e reazionario ha distrutto le ambizioni di politici dell’”establishment”; la crescita di organizzazioni che, come in Italia il M5s o in Francia il Fronte Nazionale di Le Penn, hanno dato voce al popolo dei “disillusi”, rappresentano una miscela esplosiva.

Stando a YouGov, prestigioso istituto di sondaggio britannico, il populismo autoritario sta conquistando l’Europa: il 47 per cento in Italia, il 48 per cento in Gran Bretagna, il 50 per cento in Danimarca e in Finlandia, il 55 per cento in Olanda fino al 63 per cento in Francia e al 78 per cento in Polonia. E’ uno tsunami già anticipato dalle tendenze elettorali degli ultimi anni che oggi preoccupa la politica.

In America latina, il “populismo autoritario”, nell’ultimo ventennio, ha avuto facile presa in Argentina, Bolivia, Ecuador, Nicaragua, Venezuela e, in parte, anche in Uruguay. E’ stata una corrente alimentata e sostenuta economicamente dal “chavismo”. In particolare, durante il governo dell’estinto presidente Chávez che attribuiva alla politica estera una grande importanza e curava con particolare interesse la propria immagine di leader a livello internazionale. Oggi, però, è in franca decadenza e i governi di Evo Morales, Rafael Correa, Daniel Ortega e del presidente Nicolás Maduro vivono momenti difficili.

Resta comunque il fatto che il Parlamento non demorde. Dominato da una maggioranza che osteggia il governo del presidente Maduro, continua imperterrito lungo la sua strada. Il confronto tra governo e Opposizione assume ogni giorno toni più aspri e sarà assai difficile per il Vaticano promuovere il dialogo.

E’ vero che gli attori politici si dicono disposti a sedere ad un tavolo ma lo è anche che nessuno pare orientato, almeno per ora, a fare concessioni. E senza queste sarà difficile raggiungereun accordo che permetta di ristabilire gli equilibri democratici.

Stando sempre agli esperti in materia, ogni progresso nell’ambito democratico è legato alla consulta popolare. Cioè al Referendum che, come sostenuto da Eugenio Scalfari nella sua polemica con il filosofo Gustavo Zagrebelsky, rappresenta la principale espressione della democrazia.

Mentre prosegue la diatriba politica, sul fronte dell’economia, il governo, obbligato dalle circostanze, allenta il controllo sui prezzi e sui prodotti. Così, mentre scarseggiano sempre più quelli di prima necessità a prezzi “politici”, è frequente osservare la presenza di generi alimentari e altri beni importati dal Brasile, dalla Colombia, dal Perù, dal Cile, dall’Argentina e dalle isole vicine.

Sono prodotti i cui prezzi superano 10, 20 volte quelli dei beni che il governo distribuisce attraverso i mercati popolari e ora i Clap, quindi non accessibili alla stragrande maggioranza dei venezuelani. Anche così, hanno un loro peso specifico sulla spirale inflazionaria alla quale il governo del presidente Maduro non riesce a porre riparo.

Ultima ora

11:02Calcio: Juve, Rincon ‘con Psg una buona partita’

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - "Abbiamo disputato una buona gara: fisicamente stavamo meglio rispetto alla sfida col Barcellona". Questo il bilancio di Tomas Rincon, centrocampista venezuelano della Juventus, dopo la vittoria a Miami contro il Paris Saint-Germain. "È stato un buon allenamento - prosegue Rincon sul sito della società bianconera -, utile per mettere minuti nelle gambe, nonostante il caldo e l'umidità". Una partita speciale per il portiere Carlo Pinsoglio, entrato in campo per sostituire Buffon a partita in corso e autore di interventi decisivi. "Un onore tornare alla Juve e avere avuto la possibilità di esordire in amichevole - sono le parole del numero uno, cresciuto nelle giovanili bianconere e lo scorso anno in prestito al Latina -. Le parate su Jesé e Lo Celso? La prima è stata più istintiva, diciamo che è andata bene. Lavorando con Buffon e Szczesny non si può che migliorare".

10:50Calcio: Dybala, felice alla Juventus darò il massimo

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - "Sono felice alla Juventus, mi trovo bene e mi allenerò al massimo per disputare una grande stagione". L'entusiasmo di Paulo Dybala al termine dell'amichevole vinta dalla Juventus sul Paris Saint-Germain spazza via le voci di mercato che lo coinvolgono. "È stata una bella partita, utile per allenarci fisicamente e per conoscere i compagni nuovi - spiega la 'Joya' sul sito della società bianconera -. Sono appena arrivati, ma il mister riuscirà a farli integrare nel gruppo".

10:47Capo polizia municipale spara a figlio e si uccide

(ANSA) - GROSSETO, 27 LUG - Il comandante della polizia municipale di Monte Argentario, Loredana Busonero, ha sparato al figlio di 17 anni e poi si è tolta la vita. Anche il ragazzo è morto per le gravi ferite riportate. È accaduto stamani a Porto Santo Stefano. Sul posto i carabinieri della compagnia di Orbetello.

10:45Nuoto: Mondiali, Pellegrini in semifinale

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Dopo il fantastico oro di ieri nei 200 sl, Federica Pellegrini è tornata in vasca stamattina ai Mondiali di nuoto di Budapest per le batterie dei 100 sl. La campionessa veneta ha ottenuto il nono tempo in 53"92 qualificandosi per le semifinali, in programma nel pomeriggio. Eliminata Silvia Di Pietro, 19/a in 54"74. Miglior tempo per la svedese Sarah Sjostrom in 53"01.

10:28Giappone: si dimette Renho, leader partito opposizione

(ANSA) - TOKYO, 27 LUG - La leader del partito democratico giapponese, la 49enne Renho, ha annunciato le proprie dimissioni. Conosciuta col solo nome di battesimo Renho, di padre taiwanese, è stata la prima donna eletta alla carica di presidente della principale forza all'opposizione nel settembre dello scorso anno, e la prima con doppia cittadinanza. Dopo l'abbandono nei giorni scorsi del segretario generale del partito, l'ex premier Yoshihiko Noda, a ridosso del deludente risultato delle elezioni a Tokyo, negli ambienti del partito già circolavano voci su un possibile cambio al vertice. La stessa Renho aveva espresso il desiderio di rinnovare la leadership del partito e creare una nuova generazione di politici all'interno dell'opposizione.

10:27Truffe: incassavano pensioni parenti defunti, 11 indagati

(ANSA) - COSENZA, 27 LUG - I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Cosenza hanno denunciato 11 persone per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato per aver illecitamente percepito le pensioni di dieci anziani deceduti da tempo. Tra gli indagati vi sono due parenti che, cointestatari del conto corrente con il defunto, morto nel 2012, hanno continuato a ricevere la pensione per un totale di 62 mila euro. L'importo più alto l'ha raggiunto una 55enne che ha incassato 77.075 euro di pensione della congiunta morta nel 2012. L'indagine, denominata Highlanders, coordinata dal procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla e dal pm Angela Continisio, è iniziata da un'anomalia riscontrata su pensionati del Pollino. I finanzieri hanno scoperto che diversi anziani erano morti e i familiari non avevano comunicato il decesso all'Inps. Alcuni indagati usavano l'accredito come un vero e proprio salvadanaio, e avevano accumulato cospicue somme di denaro. Le fiamme gialle hanno recuperato 452.540 euro dal sequestro dei conti.

10:26A 15 anni minaccia fidanzatina di mettere su web foto osé

(ANSA) - IMPERIA, 27 LUG - Un ragazzino imperiese di 15 anni che ha minacciato l'ex fidanzata, sua coetanea, di divulgare una sua foto intima, è stato 'ammonito' a eliminare l' immagine da qualsiasi supporto informatico e non diffonderla dalla polizia che ha applicato la legge 71/2017 sul cyberbullismo, a poco più di un mese dall' entrata in vigore. In caso contrario l' adolescente rischia un procedimento penale per divulgazione di materiale pedopornografico, minacce e violenza privata. Il provvedimento nasce dall'istanza presentata alla Polizia Postale dal padre della quindicenne. Quest'ultima, dopo la fine della relazione con il fidanzatino, aveva ricevuto da lui su whatsApp una foto, scattata tempo addietro in un momento di intimità, con la minaccia di divulgarla ad amici e conoscenti. I timori sulla possibilità che quella foto potesse essere diffusa e la paura di essere derisa o presa in giro dagli amici dell'ex fidanzato, le hanno causato uno stato di agitazione e ansia tale da indurla a confidarsi con i propri genitori.

Archivio Ultima ora