Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Pubblicato il 17 ottobre 2016 da redazione

Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Parlamento senza poteri, il Venezuela come il Perù di Fujimori o il Nicaragua di Ortega?

Mauro Bafile

Con le spalle al muro. Stando ad esperti in materia, l’ultima decisione della Corte cancellerebbe ogni dubbio, qualora ve ne fossero ancora. Il Parlamento, democraticamente eletto dai venezuelani nel dicembre scorso, sembrerebbe ormai definitivamente svuotato di ogni potere. Nell’autorizzare il presidente della Repubblica a non sottoporre al dibattito, analisi critica e posteriore approvazione del Parlamento, il bilancio preventivo dello Stato per il 2017, il “Tribunal Supremo de Justicia” starebbe negando all’Assemblea Nazionale una prerogativa stabilita dalla Costituzione del 1999.

E’ la prima volta che ciò accade da quando la sommossa popolare del 1958 obbligò alla fuga il Generale Marcos Pérez Jiménez, l’ultima dittatura militare. Nell’era democratica tutti i governi hanno presentato il loro bilancio preventivo al Parlamento, nel rispetto delle regole imposte dalla Costituzione del 1961, prima, e in quella del 1999, poi, e nello spirito democratico che impone la separazione dei poteri.

C’è già chi paragona quanto avviene in Venezuela con quanto accaduto nel Perù di Fujimori – leggasi, dissoluzione del Parlamento il 5 aprile del 1992 – o nel Nicaragua attuale di Daniel Ortega – leggasi, destituzione dei 28 parlamentari dell’Opposizione nel luglio scorso -. In altre parole, quindi, si starebbe alla presenza di un governo autoritario ma non di una dittatura dalle caratteristiche tradizionali. Insomma, di un governo che rispetta la forma ma non il fondo; che tollera l’opposizione, ma ha prigionieri politici; che non proibisce le proteste ma le reprime con uso eccessivo della forza.

Il “populismo autoritario” che ha caratterizzato l’America Latina nell’ultimo ventennio è un fenomeno che oggi è presente con sempre maggior forza anche in altri continenti. La candidatura di Donald Trump, che con il suo discorso xenofobo e reazionario ha distrutto le ambizioni di politici dell’”establishment”; la crescita di organizzazioni che, come in Italia il M5s o in Francia il Fronte Nazionale di Le Penn, hanno dato voce al popolo dei “disillusi”, rappresentano una miscela esplosiva.

Stando a YouGov, prestigioso istituto di sondaggio britannico, il populismo autoritario sta conquistando l’Europa: il 47 per cento in Italia, il 48 per cento in Gran Bretagna, il 50 per cento in Danimarca e in Finlandia, il 55 per cento in Olanda fino al 63 per cento in Francia e al 78 per cento in Polonia. E’ uno tsunami già anticipato dalle tendenze elettorali degli ultimi anni che oggi preoccupa la politica.

In America latina, il “populismo autoritario”, nell’ultimo ventennio, ha avuto facile presa in Argentina, Bolivia, Ecuador, Nicaragua, Venezuela e, in parte, anche in Uruguay. E’ stata una corrente alimentata e sostenuta economicamente dal “chavismo”. In particolare, durante il governo dell’estinto presidente Chávez che attribuiva alla politica estera una grande importanza e curava con particolare interesse la propria immagine di leader a livello internazionale. Oggi, però, è in franca decadenza e i governi di Evo Morales, Rafael Correa, Daniel Ortega e del presidente Nicolás Maduro vivono momenti difficili.

Resta comunque il fatto che il Parlamento non demorde. Dominato da una maggioranza che osteggia il governo del presidente Maduro, continua imperterrito lungo la sua strada. Il confronto tra governo e Opposizione assume ogni giorno toni più aspri e sarà assai difficile per il Vaticano promuovere il dialogo.

E’ vero che gli attori politici si dicono disposti a sedere ad un tavolo ma lo è anche che nessuno pare orientato, almeno per ora, a fare concessioni. E senza queste sarà difficile raggiungereun accordo che permetta di ristabilire gli equilibri democratici.

Stando sempre agli esperti in materia, ogni progresso nell’ambito democratico è legato alla consulta popolare. Cioè al Referendum che, come sostenuto da Eugenio Scalfari nella sua polemica con il filosofo Gustavo Zagrebelsky, rappresenta la principale espressione della democrazia.

Mentre prosegue la diatriba politica, sul fronte dell’economia, il governo, obbligato dalle circostanze, allenta il controllo sui prezzi e sui prodotti. Così, mentre scarseggiano sempre più quelli di prima necessità a prezzi “politici”, è frequente osservare la presenza di generi alimentari e altri beni importati dal Brasile, dalla Colombia, dal Perù, dal Cile, dall’Argentina e dalle isole vicine.

Sono prodotti i cui prezzi superano 10, 20 volte quelli dei beni che il governo distribuisce attraverso i mercati popolari e ora i Clap, quindi non accessibili alla stragrande maggioranza dei venezuelani. Anche così, hanno un loro peso specifico sulla spirale inflazionaria alla quale il governo del presidente Maduro non riesce a porre riparo.

Ultima ora

09:02Iraq: premier, cominciata operazione per riprendere Hawija

(ANSA-AP) - IRBIL, 21 SET - Le forze irachene hanno lanciato un'operazione per riacquistare il controllo della città di Hawija (240 km a nord di Bagdad) in mano all'Isis: lo ha annunciato il primo ministro iracheno Haider al-Abadi. L'operazione e' cominciata oggi all'alba, solo due giorni dopo l'avvio dell'offensiva nella provincia occidentale di Anbar.

09:00Francia: Philippot, vice Le Pen, lascia Front National

(ANSA) - PARIGI, 21 SET - Terremoto nel Front National dopo la doppia sconfitta elettorale: il numero 2, considerato l'ideologo del partito, Florian Philippot, ha annunciato stamane sulla tv France 2, la sua uscita dal FN al culmine di una polemica con la presidente, Marine Le Pen. Ieri sera, la Le Pen aveva annunciato il ritiro delle deleghe nel partito a Philippot, dopo che il suo vice aveva rifiutato a più riprese di lasciare la presidenza del suo movimento, Les Patriotes.

08:54Iran: Tillerson, Trump non ha condiviso sua decisione

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - Donald Trump ha preso la sua decisione se certificare o meno l'accordo su nucleare alla prossima scadenza prevista ma non l'ha condivisa con nessuno "esternamente", neppure con Theresa May che glielo aveva chiesto ieri: lo ha detto il Segretario di Stato americano Rex Tillerson, dopo una riunione dei 5+1 a margine dell'assemblea Onu.

08:48Usa: Ivanka Trump si apre su depressione post parto

(ANSA) - WASHINGTON, 21 SET - Ivanka Trump parla in tv della sua esperienza con la depressione post parto, rivelando di averne sofferto "in qualche forma con ognuno dei miei bambini". La figlia del presidente Usa Donald Trump e sua consigliera alla casa Bianca lo ha detto durante la registrazione di un popolare programma condotto da un noto 'medico televisivo', il 'The Dr. Oz Show', che andra' in onda nei prossimi giorni e di cui sono state diffuse anticipazioni. "E' stato un periodo molto arduo ed emotivo per me", ha spiegato Ivanka, "sentivo come se non potessi essere all'altezza delle mie potenzialita' da genitore, o da imprenditrice o da manager". La figlia del presidente ha quindi ammesso che non aveva in principio intenzione di rivelare tali dettagli ma che si tratta di un tema importante "che riguarda genitori in tutto il paese". Ivanka e' sposata con Jared Kushner, tra i piu' stretti consiglieri del presidente Trump, e la coppia ha tre figli: Arabella di sei anni, Joseph di tre e Theodore di un anno.

08:37Messico: sisma, 115 morti nella capitale, totale 245

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 21 SET - Il sindaco di Città del Messico, Miguel Angel Mancera, afferma che un totale di 115 persone sono morte nella capitale dopo il terremoto di magnitudo 7.1 che ha scosso la città e gli stati vicini. Ciò porta il numero di morti a livello nazionale a 245, basandosi sul precedente bilancio del governo federale.

00:28Calcio: harakiri il Real Madrid, 0-1 in casa contro il Betis

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Real Madrid fa harakiri e perde al 94' in casa contro il Betis Siviglia, in gol con Sanabria, su servizio di Barragan, nel posticipo 5/a giornata della Liga. La sconfitta del Bernabeu fa sprofondare i 'blancos' a -7 dal Barcellona, che in classifica ha fatto percorso netto (cinque partite, cinque vittorie, 15 punti), e a -3 dai 'cugini' dell'Atletico Madrid, oggi vittoriosi nei Paesi Baschi, sull'Athletic Bilbao per 2-0. Malgrado il rientro di Cristiano Ronaldo, dopo la lunga squalifica, che si è vista infliggere per avere messo le mani addosso a un arbitro, non c'è stato nulla da fare per la formazione di Zidane che colleziona la prima sconfitta nella Liga, contro due vittorie e altrettanti pareggi. Il Real Madrid si trova in classifica alle spalle di Barcellona, Atletico e Siviglia, Valencia e Real Sociedad. Domani tre partite. (ANSA).

00:09Calcio: Lazio, Inzaghi “senza infortuni forse non perdevamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ho dovuto rinunciare a quattro giocatori durante la partita e probabilmente senza queste defezioni non avremmo perso perché, nel primo tempo, eravamo stati molto bravi e avevamo creato molti problemi al Napoli. Poi, purtroppo, abbiamo avuto questa serie di infortuni che penso non sia mai capitata nella storia della Lazio". Così Simone Inzaghi commenta il ko della Lazio contro il Napoli. "Probabilmente sono troppi questi infortuni muscolari, abbiamo giocato molte partite, ho cercato di cambiare, ma gli infortuni ci sono stati lo stesso - aggiunge -. Ora dovremo cercare di fare il possibile per mettere insieme i giocatori per domenica e dobbiamo andare avanti anche se spiace per questa sconfitta, perché probabilmente non sarebbe arrivata".

Archivio Ultima ora